Sei in: Medico on-line > Cardiologia

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Cardiologia
Referenti

ultimo aggiornamento 6/02/2009
 
Aree tematiche

    Il Prof. Daniele Bracchetti risponde alle domande inerenti :
  • Aritmie Cardiache
  • Infarto Miocardico
  • Ipertensione Arteriosa
    Il Dott. Sergio Di Benedetto risponde alle domande inerenti :
  • Prevenzione cardiovascolare
  • Ipertensione arteriosa
  • Cardiopatia ischemica ed infarto miocardio
  • Valvulopatie (malattie delle valvole cardiache)
  • Scompenso cardiaco

Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 26/05/2008
Invia la tua domanda

Domande / Risposte
crisi ipeetesniva
26 Ott 07 - silvia, 27 anni (id: 67497)
  prof le scrivo per un problema di mia mamma,la quale soffre di ipertenzione è stata sottoposta più di 10 anni fa ad un intervento di asportazione totale di tiroide attualmente convive con questa pressione definita "ballerina"(150|95)è sotto cura farmacologica con eutirox100,tenormin50,neolotanplus50,norvasc5mg,torvast10 e cardioaspirina.dalle analisi risulta alterato il colesterolo(ora rogolato dal torvast)ieri si è ripetuto episodio di tremore incontrollato svenimento pressione a 200.è stato fatto un eco ed elettro ma non sono alterati,i il quadro è complesso e difficile da gestire vorrei sapere da lei poichè si è parlato di controllare il surrene (per un eventuale feocromocitoma,se è corre... continua >>
lato e quli analisi vanno fatte.grazie
Mi dispiace il caso è complesso, come posso rispondere per lettera? Se c’è stato svenimento vanno fatti accertamenti sul circolo cerebrale e sul ritmo cardiaco. Non penso di tratti di feocromocitoma. Prof. Daniele Bracchetti Cardiologo Bologna
Prof. Daniele Bracchetti


reperto Holter
26 Ott 07 - matteo, 24 anni (id: 67494)
  buon giorno dottore..volevo chiedere se il prolasso del LAM è un insufficenza mitralica!!?dal referto dell eco mi è stato riscontrato solo un prolasso LAM con rigurgito insignificante!mentre dall holter mi sono stati trovati i seguenti dati: : RITMO SINUSALE INTERROTTO DA SPORADICHE EXTRASISTOLI SOPRAVENTRICOLARI ISOLATE E RIPETITIVE IN FORMA DI 3 COPPIE. RARISSIMI BATTITI ECTOPICO VENTRICOLARI POLIFOCALI ISOLATI. CONSERVATO IL FISIOLOGICO CALO NOTTURNO DELLA FREQUENZA CARDIACA (minimo 41b/min);SI SEGNALA UN PERIODO DELLA DURATA DI CIRCA UN ORA CARATTERIZZATO DA TACHICARDIA SINUSALE SPICCATA(ALLA FREQUENZA DI 174b/min)IN CONCOMITANZA DI UN ESERCIZIO FISICO (CORSA). NON ANOMALIE DI SIGNIFICAT... continua >>
O ISCHEMICO ACUTO DEL TREND DEL TRATTO ST. CLASSE DI LOWN 3.3. PUNTEGGIO TOTALE DI LOWN 34. HO UN CUORE SOSTANZIALMENTE FORTE e SANO?elencati questa serie di dati vorrei chiederle il significato di questo PUNTEGGIO LOWN...cioè,a cosa si associa?le NON ANOMALIE DI SIGNIFICATO ISCHEMICO ACUTO DEL TREND si intende dire che ho delle "ischemie meno gravi"?un ultima cosa,i battiti ventricolari possono essere rischiosi?la ringrazio anticipatamente!matteo
La medicina non si può basare solo sui reperti strumentali. Secondo me il rilievo Holter non ha significato di gravità e lei può condurre una vita tranquilla. LAM significa lembo anteriore mitralico con lievo prolasso: in genere è un reperto eco senza significato se il rigurgito è insignificante come nel suo caso. Di più non posso dirle. Prof. Daniele Bracchetti Cardiologo Bologna
Prof. Daniele Bracchetti

dolore toracico
26 Ott 07 - EMANUELA, 27 anni (id: 67490)
  E’DA PIU’ DI UN MESE CHE SOFFRO DI UN DOLORE AL PETTO,TRA I SENI ACCOMPAGNATO DA UN DOLORE AL BRACCIO SINISTRO, HO FATTO ANALISI DEL SANGUE E SONO TUTTE NELLA NORMA, HO FATTO ELETTRO CARDIOGRAMMA E ANCHE QUESTO VA BENE, HO FATTO UNA LASTRA TORACICA E NOPN HA RILEVATO NULLA, E UN ECOCARDIOGRAMMA CHE A SUA VOLTA NON HA RILEVATO NULLA, E COME ULTIMO ESAME HO FATTO UN ECOMAMMOGRAFIA PER IL CONTROLLO ANNUO DEI NODULI CHE HO AL SENO E MI E’ STATO RISCONTRATO UN NODULO CHE AVEVO IN PASSATO MA CHE POI NON SI ERA PIU VISTO E MA CHE ORA SI E’ RIPRESENTATO ANCHE PARECCHIO INGROSSATO, COSA POSSO FARE O QUALI ALTRI ESAMI MI PUO CONSIGLIARE PER ANDARE A FONDO A QUESTO DOLORE CHE HO AL TORACE. SALUTI E GRA... continua >>
ZIE
Senta il parere del cardiologo; ma soprattutto non trascuri il problema del nodulo mammario per il quale segua senza indugio le indicazioni del curante Dott. Di Benedetto
Dott. Sergio Di Benedetto

by-pass diabete
26 Ott 07 - Daniele, 60 anni (id: 67481)
  Salve Prof. Dott. Bracchetti, sono Daniele ho 60 anni, iperteso e diabetico di tipo 2 da 20 anni (insulinodipendente da 15 anni). Nel 1988 ebbi una pancreatite acuta e nel 2002 una ischemia celebrale. Ho avuto problemi di retinopatia curata nel 2004 con il laser. Nell’ultimo anno si sono manifestati seri problemi cardiaci e mi è stata diagnosticata una cardiopatia ischemica. Nel Luglio del 2007 sono stato sottoposto ad una coronarografia e successivo intervento di by-pass aorto-coronarico. Purtroppo ho anche una insufficienza renale cronica: creatininemia 5.5; azotemia 110; potassio 5.1. Ho una neuropatia di grado moderato che ha interessato soprattutto il nervo tibiale della gamba sx. Ho ... continua >>
delle stenosi alle carotidi (30% alla carotide sx e 50% alla carotide dx). La terapia che sto seguendo è la seguente: Esapent 1000 (3 al dì); Pravaselect 40 (1 al dì); Ascriptin (1 al dì); Aprovel 300 (1 al dì); Norvasc 10 (1 al dì); Ferro-Grad (2 al dì); Kayexalate (15g a pranzo); Questran (2 al dì); Lasix2 5 (2 al dì); Vessel 250 (2 al dì); Insulina Lantus: 40 U; Insulina Humalog: 18U + 26U + 26U Le domande sono le seguenti: - Prendendo Aprovel e Norvasc non si riesce a controllare la pressione. In particolare nel mese di Settembre avevo una pressione di 140/90 ora invece non si riesce a portarla a valori normali e si mantiene sui 190/100. Quali le cause secondo Lei? Quale terapia seguire? Quali farmaci prendere senza che vengano danneggiati i reni? La ringrazio e cordiali saluti
Mi diaspiace non poterla, aiutare il suo caso è troppo complesso per poter interferire con i medici che l’anno in cura. Posso solo dire che Vessel e Questran non mi sembrano medicamenti essenziali,ma non posso certamente dirlo io di sospenderli. Prof. Daniele Bracchetti Cardiologo Bologna
Prof. Daniele Bracchetti

dolore sterno
26 Ott 07 - Massimiliano, 31 anni (id: 67479)
  Buongiorno dottore volevo sottoporle il mio caso da circa un anno ho sempre la sensazione di sentire il battito cardiaco nella zona addominale e sul collo e ho difficoltà a livello della digestione con forti bruciori di stomaco il tutto è iniziato un mese dopo aver avuto un forte dolore allo sterno durato circa un paio di minuti io mio medico di base mi ha prescritto esami del sangue e cardiogrammo dove tutto era nella norma ma volevo sapere se non era il caso di fare anche un ecocardiogramma perchè giocando a calcetto tre volte la settimana non vorrei andare in contro a brutte sorprese la ringrazio anticipatamente e la saluto.
Il dolore toracico non va mai trascurato. Se dalla valutazione clinica (anamnesi ed esame obiettivo) emerge il sospetto che sia di origine cardiaca occorre eseguire esami strumentali appropriati tra cui anche in molti casi un ecocardiogramma. Dott. Di Benedetto
Dott. Sergio Di Benedetto

paura di infarto
26 Ott 07 - Daniel, 20 anni (id: 67473)
  arrivata la sera, quando vado a letto prendo coscienza di alcuni sintomi, i sintomi sono: leggero dolore al cuore e braccio sinistro come se fosse addormentato.....vorrei sapere, alla mia età, quante possibilità di un’infarto c sono e se questi sono realmente i sintomi di un’infarto......conduco una vita abbastanza sportiva e nn sono dipendente ne dal fumo ne dall’alcool anche se sporadicamente bevo!
In giovane età il rischio di infarto è pressochè nullo. Quindi non si preoccupi del dolore che, per le caratteristiche riferite, certamente non è dovuto al cuore. Prof. Daniele Bracchetti Cardiologo Bologna
Prof. Daniele Bracchetti

battito mancante
26 Ott 07 - rino, 30 anni (id: 67469)
  Salve, le volevo chiedere se da un ecg e da un ecocardiogramma (avendo avuto risultati negativi) posso stare tranquillo? perche mi capita durante il giorno un paio di volte al di:un battito forte o mancante tachicardia tutto questo per un paio di secondi Ogni quanto bisognerebbe fare una visita e esami dal cardiologo e quali? grazie buona giornata
Potrebbero essere delle extrasistoli benigne. Non è il caso di darci importanza. Una visita cardiologica con elettrocardiogramma da sforzo possono essere utili se fa attività sportiva intensa. Quanto alla peridicità deve decidere il cardiologo. Prof. Daniele Bracchetti Cardiologo Bologna
Prof. Daniele Bracchetti

gonfiore e sazietà
26 Ott 07 - Fabio, 29 anni (id: 67462)
  Salve dottore, mi chiamo Fabio e ho 29 anni. Vorrei alcuni chiarimenti di alcuni sintomi che da alcuni siti internet ho letto potrebbero essere causa di problemi al cuore. A volte ho un tremolio alle mani e spesso ho un senso di gonfiore o di sazietà perché ho stimoli di eruttazione che ovviamente mi creano disagio anche se riesco a controllarmi. Posso stare tranquillo o è meglio approfondire? La ringrazio
Senta il parere del gastroenterologo Dott. Di Benedetto
Dott. Sergio Di Benedetto

calcioantagonisti
26 Ott 07 - GIOVANNI, 45 anni (id: 67454)
  Egregio Dott. Di Benedetto, vorrei sapere se l’amlodipina, che assumo al mattino, ha proprietà diuretiche, in quanto mi capita, soprattutto la mattina e in inverno, di "andare al bagno" con una frequenza maggiore. La ringrazio anticipatamente. Cordialità. Giovanni
L’effetto diuretico non è un effetto importante dei calcio-antagonisti quali l’amlodipina; tuttavia tra gli effetti indesiderati di questo farmaco sono decritti aumento di frequenza urinaria e disturbi minzionali. Dott. Di Benedetto
Dott. Sergio Di Benedetto

beta-bloccante
26 Ott 07 - PINO, 49 anni (id: 67453)
  RIF ID67394 - Preg.mo Professore, la ringrazio per la Sua chiara e sollecita risposta. Nella mia precedente domanda ho dimenticato però di riferirLe che sono iperteso. Da due anni sono in terapia assumendo ANTACAL 10mg la mattina e TRIATEC 10mg la sera. L’ultimo Holter pressorio effettuato a marzo, ha evidenziato una pressione nelle 24 ore di 118/75 e il calo pressorio notturno. Quando iniziai la terapia il cardiologo mi prescrisse un bbloccante. Lo stesso mi ha causato notevoli difficoltà nell’effettuazione del mio sport (corsa) in quanto raggiungevo, e con grande fatica, al massimo 100 pulsazione al minuto. Si sono verificati poi alcune fenomeni di epistassi che, a detta del mio cardiologo... continua >>
, non sono collegabili con l’assunzione del bbloccante.Passando all’ANTACAL questi episodi sono comunque cessati. Lei pensa che il bbloccante da Lei suggerito dovrebbe essere utilizzato a complemento della terapia o in sostituzione di uno dei due medicinali? Vorrei conoscere il Suo parere in merito, rapportandomi poi chiaramente col mio medico. La ringrazio cortesemente per l’attenzione che vorrà dedicarmi. Buona Giornata. Pino
Come vede, dare consigli per internet non significa fare buona medicina, visto che lei mi ha dato dati incompleti. In questo caso consigliare una terapia con più farmaci non è semplice, deve quindi affidarsi al suo cardiologo. Se ha scritto bene una pressione di 118/75 mi sembra bassa. Prof. Daniele Bracchetti Cardiologo Bologna
Prof. Daniele Bracchetti

stent coronarica
26 Ott 07 - Franca, 70 anni (id: 67449)
  Può essere posizionato uno stent in coronaria circonflessa in caso di stenosi acuta o il suo lume è troppo piccolo e quindi è più indicato un by-pass? Cordialità.
Si ,lo stent si può fare, e comunque un by-pass su una sola coronaria stenotica non è la regola, salvo si tratti del tronco comune o dell’IVA prossimale non trattabile con angioplastica. Prof. Daniele Bracchetti Cardiologo Bologna
Prof. Daniele Bracchetti

dispnea da sforzo
26 Ott 07 - Davide, 21 anni (id: 67446)
  Salve dottor Di Benedetto, volevo fare delle domande riguardo la mia condizione fisica. Lei si domandera come mai un ragazzo di appena 21 anni si rivolga ad un cardiologo, ma le mie sono semplicemente delle domande d’informazione personale: dunque, è possibile che a 21 anni (da considerare che ultimamente sono ingrassato di circa 4-5 kg ora peso 72) non riesco a fare più di 6-7 minuti di corsa che mi sento il fiato e il fisico stremato? Io gioco a calcetto e per motivi di tempo non faccio mai la preparazione, però circa 3-4 anni fà anche senza essa correvo all’infinito, e nemmeno avevo problemi muscolari a livello di infiammazione. Mi rivolgo a Lei perchè vorrei sapere se ho bisogno di un c... continua >>
onsiglio medico, o se sono solo dei semplici sintomi dati dal fatto che ho messo su 4-5 Kg e che non faccio mai una buona preparazione. Inoltre ogni tanto sento delle leggere fitte ma brevi (tipo 1-2 e poi basta)nella parte bassa della gabbia toracica sul lato sinistro, praticamente a sinistra dello stomaco! Adesso sto cercando di mangiare meglio e di muovermi un pò di più, ma forse Lei può darmi dei consigli e delle spiegazioni più professionali e dettagliate, spero trovi del tempo per darmi una risposta e Le porgo i miei più cordiali saluti, e vista l’ora buona notte!
E’ possibile dche la mancanza di condizionamento fisico e l’aumento di peso possano essere laq causa dei disturbi riferiti. Le consiglierei comunque di consultare il curante. Dott. Di Benedetto
Dott. Sergio Di Benedetto

anomalie ecg
25 Ott 07 - maximiliano, 69 anni (id: 67438)
  Dopo un ECG, leggo sul traciato : Ritmo sinusale - Ritmo sinusale -Ingrandimento atriale sinistro - anormalità del profilo del GRS (T) inferiore Chiedo cortesemente, il significato di questo referto. RingraziandoVi. Maximiliano 69 anni
Il ritmo sinusale è il ritmo fisiologico del cuore. L’ingrandimento atrile sinistro si riferisce ad alterazioni dell’onda P correlate appunto ad un ingrandimento dell’atrio di sinistra che è una delle quattro camere cardiache. Per quanto riguarda il terzo punto la terminologia è imprecisa e di difficile interpretazione: probabilmente si riferisce ad alterazioni della ripolarizzazione in sede inferiore che spesso non hanno un significato particolare, ma che si possono rilevare anche in varie condizioni patologiche. Dott. Di Benedetto
Dott. Sergio Di Benedetto

extrasistoli
25 Ott 07 - francesco, 41 anni (id: 67422)
  Egregio Professore, premetto di essere un soggetto ansioso ed emotivo e di soffrire da alcuni anni di fastidiose extrasistoli sproradiche. Negli ultimi due anni ho effettuato 4 visite cardiologiche con ECG (in una sola occasione registata 1 extra sv)dalle quali risulta (testuali parole del cardiologo che mi cura e... sopporta) che ho un cuore "schifosamente" sano. Come cura mi ha prescritto lo sport che io non pratico più per paura di fare la fine del povero calciatore spagnolo. La (le) domanda è questa: ogni tanto avverto una senzazione di vuoto al petto e il cuore che mi sale in gola e sento 3 o 4 battiti in rapida sequenza come uno sfarfallio. Può innestarsi una pericolosa e letale fibri... continua >>
llazione? Il tutto può essere legato all’ansia e alle 10/12 sigarette al giorno che mi concedo? Xchè tali sensazioni non le avverto quasi mai in movimento ma quasi sempre a riposo? La rigrazio per l’esaustiva e spero calmante risposta che vorrà concedermi e La saluto cordialmente.
Da quanto ho letto sui giornali il calciatore aveva una patologia cardiaca ben definitia. La fibrillazione ventricolare non viene se il cuore è sano (dimostrabile con visita, ecocardiogramma e prova da sforzo). Le extrasisotli benigne non devono preoccupare. Ovvviamente se non l’ha fatto faccia un ecocardiogramma. Prof. Daniele Bracchetti Cardiologo Bologna
Prof. Daniele Bracchetti

fibrillazione atriale
25 Ott 07 - Giorgio, 68 anni (id: 67419)
  Da 7-8 anni soffro di fibrillazione atriale parossistica. Fino alla primavera scorsa ne venivo colpito 6-7 volte l’anno.Da questa estate sono divenute più frequenti,1-2 al mese. Prendo Rytmonorm 325 2 volte al giorno, regolarmente. Quando avverto l’inizio di una crisi prendo invece 2 Rytmonorm da 150 e poi ripeto la dose dopo 7-8 ore. Le crisi in tal modo si risolvono nell’arco di circa una giornata. Le ore critiche sono durante la notte e, quasi sempre, dopo un lauto pasto, specie se serale.Le crisi sono quasi sempre precedute da senso di pienezza dello stomaco e da qualche eruttazione. 2 anni fa la gastroscopia ha evidenziato una piccola ernia iatale. Il senso di pienezza è un fenomeno c... continua >>
he ho cominciato ad avvertire proprio in concomitanza con l’aumento degli episodi di fibrillazione atriale. Gli esami alla tiroide sono normali. La posizione eretta mi aiuta a superare le crisi. Cosa mi consiglia? La ringrazio per la risposta.
Purtroppo non sempre si riesce a prevenire le crisi di fibrillazione atriale. Sono ad insorgenza capricciosa e scientificamente non è mai stato dimostrato in rapporto con la digestione. Sono le cellule dell’atrio sinistro che hanno la tendenza ad essere ipereccitabili. E’ importante che lei segue un trattamento quanto meno con Aspirina (valutare con il cardiologo se necessario Coumadin). I giornali parlano anche di ablazione come panacea per questa aritmia, ma risultati ottimali si ottengono nel 60-70% dei pazienti. Prof. Daniele Bracchetti Cardiologo Bologna
Prof. Daniele Bracchetti


Da 7860 a 7875 di 12420