Sei in: Medico on-line > Cardiologia

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Cardiologia
Referenti

ultimo aggiornamento 6/02/2009
 
Aree tematiche

    Il Prof. Daniele Bracchetti risponde alle domande inerenti :
  • Aritmie Cardiache
  • Infarto Miocardico
  • Ipertensione Arteriosa
    Il Dott. Sergio Di Benedetto risponde alle domande inerenti :
  • Prevenzione cardiovascolare
  • Ipertensione arteriosa
  • Cardiopatia ischemica ed infarto miocardio
  • Valvulopatie (malattie delle valvole cardiache)
  • Scompenso cardiaco

Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 26/05/2008
Invia la tua domanda

Domande / Risposte
eco TE
10 Set 07 - Annalivia, 35 anni (id: 64648)
  Salve, il2 Maggio 2007 ho avuto una malattia da decompressione per la quale sono stata trattata in camera iperbarica. Da allora dopo ogni immersione accuso forte stanchezza, dolore alle articolazioni, cefalea. Mi e’ stato consigliato di controllare il forame ovale. Al momento sono in Thailandia e nell’ospedale di qui l’unico esa me che fanno e’ l’eco-transesofagea con contrasto in anestesia totale. La mia domanda e": e’ questo l’unico modo per controllare un PFO? Non ci sono tecniche meno invasive? Sono ovvviamente disponibile a tornare in Italia per gli accertamenti del caso. Grazie della vostra attenzione Annalivia
Il metodio TE è quello che da risultati più attendibili. In Italia in genere non viene fatto in anestesia totale, ma locale. Prof. Daniele Bracchetti Cardiologo Bologna
Prof. Daniele Bracchetti


ipetensione
10 Set 07 - Fortunato, 83 anni (id: 64647)
  Egr. dottore prendo da 7-8 anni metà pillola da 5mg al gior. per la cura dell’ipertenzione e dell’exstrasistole,in più prendo cardioaspirina da 100mg,acequin da 20mg e eutirox da 100mg perchè operato di tiroide.Con la mia età posso ancora prendere lobivon?Nella posologia dice che l’impiego nei pazienti di età superiore a 75 anni sono limitati e che deve essere effettuato con cautela.Si può cambiare medicina?Lei quale mi consiglia.Grazie Fortunato
E’ il suo medico che deve decidere la terapia. Comunque non vedo problemi per l’asunzione di Lobivon se non compare bradicardia Prof. Daniele Bracheti Cardiologo Bologna
Prof. Daniele Bracchetti

tachicardia
9 Set 07 - francesca, 24 anni (id: 64646)
  caro dottore,quattro mesi fa in seguito a tachicardia notturna ho eseguito un elettrocardiogramma ed un ecocardio in cui nn è stato riscontrato nulla se nn tachicardia(130 battiti al minuto).dopo due mesi in seguito a tachicardia e senso d svenimento ho effettuato un altro elettrocardiogramma da cui è risultata di nuovo solo la tachicardia.da allora ho avuto vari episodi di tachicardia ,mentre svolgevo attivita tranquille come andare all’universita,al centro commerciale,durante una lezione o addirittura a cena..ho avuto anche varie extrasistole,senso d soffocamento,peso al petto e a volte anche dolori toracico.il mio cardiologo dice che probabilmente si tratta d ansia.visti i risultati degli... continua >>
esami posso stare tranquilla o dovrei eseguirne altri??potrebbe trattarsi effettivamente solo d ansia?ho anche fatto gli esami del sangue e della tiroide ma è tutto ok..la rongrazio
Penso che tra gli esami abbia fatto anche un ecocardiagramma utile in questo casi per escludere malattie di cuore. Quindi la tachicardia potrebbe avere una componente ansiosa.In accordo con il suo medico potrbebe assumere dosi basse di beta-blocccante (metoprololo 1/4 due volte al giorno). Inoltre può essere utile praticare attività fisica programmata. Prof. Daniele Brachetti CArdiologo Bologna
Prof. Daniele Bracchetti

extrasistoli
9 Set 07 - vittoria, 41 anni (id: 64645)
  soffro da anni di extrasistole .dopo vari accertamenti mi è stata diagnosticata un’ernia jatale con probabile reflusso che giustificherebbe questo disturbo ma non mi sento tranquilla ogni volta che sto male penso sempre che derivi dal cuore perchè spesso non riesco a giustificare tutto con lo stomaco. esiste un luogo dove è possibile analizzare la sintomatologia che ho nel complesso in modo da evitare di parlare con un cardiologo e separatamente con un gastroenterologo? vorrei migliorare la mia qualità di vita grazie per quanto potrà dirmi
SI TRATTA DI EXRASISTOLI BENIGNE. Le Extrasistoli, o Battiti Ectopici, sono dovute ad un gruppo di cellule cardiache, di dimensioni microscopiche, che si eccitano autonomamente dando origine al battito anticipato e ad un successivo battito più “forte” responsabile del sintomo “palpitazione”. Possono avere origine nell’atrio (extrasistoli o battiti ectopici atriali) o nei ventricoli (extrasistoli o battiti ectopici ventricolari). Le extrasistoli possono essere rischiose solo quando sono molto frequenti e associate ad una malattia di cuore: in tal caso sono espressione della malattia in sé e possono avere una rilevante importanza clinica. Più frequentemente, sono benigne, potendosi riscontrare anche in un cuore “sano”. Non è del tutto dimostrato un rapporto con l’ernia hiatale. In generale non è necessario assumere farmaci antiaritmici. Va chiarito che i soggetti affetti da extrasistolia ventricolare benigna non corrono rischi e possono condurre una vita normale “convivendo” con questa sgradevole sensazione e sopportando il fastidio senza timori. Prof. Daniele Brachetti Cadiologo Bologna
Prof. Daniele Bracchetti

extrasistoli
9 Set 07 - davide, 27 anni (id: 64639)
  salve,come si riconosce un extrasistole?,io avverto circa 2 o 3 volte al giorno( non sempre) una piccola contrazione sotto il pettorale destro o sinisto,a volte anche piu in basso,sembra quasi come un colpetto.la cosa nn mi da fastidio e nn noto aumento della frequenza cardiaca,oltretutto ho fatto negli ultimi 2 mesi ecg,ecocardio color doppler,ecg da sforzo per attività agonistica ed è tutto nella norma, però ho il dubbio che siano extrasistole, devo fare un holter o visti gli esami sto tranquillo?,grazie
Non mi sembra che lei abbia problemi. Rare xtrasistoli si possono avere anche in un cuore normale. Comunque faccia un Holter, starà più tranquillo. Prof. Daniele Brachetti CArdiologo Bologna
Prof. Daniele Bracchetti

ecg
9 Set 07 - matteo, 24 anni (id: 64623)
  buon giorno dottore...sono un ragazzo di 24 anni...sportivo,ho sempre effettuato cardiogrammi ed elettro cardio grammi...tutti negativi!!in settimana ho effettuato un elettro cardio gramma in quanto,da circa un anno e mezzo,avverto sensazioni di vertigini (anche se nn sono mai svenuto) testa in confusione e un leggero peso all altezza del petto!!..da circa un paio di mesi avverto sopratutto la sera (e da seduto) delle aritmie abbastanza forti!!arrivando al dunque,l esito del elet.cg ha evidenziato un ritardo DX e una chiara anomalia nel tratto ST-T all altezza V1 e V 2!!!...sono torrorizzato ora!è davvero cosi facile data la mia altezza (196cm) ke possa avere un prolasso della valvola mitral... continua >>
e o la sindrome di brugada??...dopo aver letto attraverso internet i significati di queste 2 "patologie" non riesco piu a star tranquillo!!!ho paura d morire da un momento all altro....sono in attesa di ulteriori accertamenti tra cui il test holter e l eco cardio gramma!...è probabile inoltre che alcuni fattori negativi nella sfera familiare (morte di un genitore e di 2 zie in questi ultimi 2 anni....tengo a precisare non per problemi cardiaci) possano incidere sul funzionamento del mio cuore?! mi scuso infine per la lunghezza della lettera....resto in attesa di un suo prezioso consiglio!!! buona giornata! Matteo.
Già risposto .DB
Prof. Daniele Bracchetti

alterazioni dell’elettrocardiogramma.
9 Set 07 - matteo, 24 anni (id: 64622)
  buon giorno dottore...sono un ragazzo di 24 anni...sportivo,ho sempre effettuato cardiogrammi ed elettro cardio grammi...tutti negativi!!in settimana ho effettuato un elettro cardio gramma in quanto,da circa un anno e mezzo,avverto sensazioni di vertigini (anche se nn sono mai svenuto) testa in confusione e un leggero peso all altezza del petto!!..da circa un paio di mesi avverto sopratutto la sera (e da seduto) delle aritmie abbastanza forti!!arrivando al dunque,l esito del elet.cg ha evidenziato un ritardo DX e una chiara anomalia nel tratto ST-T all altezza V1 e V 2!!!...sono torrorizzato ora!è davvero cosi facile data la mia altezza (196cm) ke possa avere un prolasso della valvola mitral... continua >>
e o la sindrome di brugada??...dopo aver letto attraverso internet i significati di queste 2 "patologie" non riesco piu a star tranquillo!!!ho paura d morire da un momento all altro....sono in attesa di ulteriori accertamenti tra cui il test holter e l eco cardio gramma!...è probabile inoltre che alcuni fattori negativi nella sfera familiare (morte di un genitore e di 2 zie in questi ultimi 2 anni....tengo a precisare non per problemi cardiaci) possano incidere sul funzionamento del mio cuore?! mi scuso infine per la lunghezza della lettera....resto in attesa di un suo prezioso consiglio!!! buona giornata! Matteo.
Non c’è rapporto tra prolasso lieve e rischio cardiologico !!! Comunque faccia un eco. Quanto alla Sindorme di Brugada deve consultare un cardiologo esperto, le anomalie di ST da lei descritte si possono avere anche in condizioni di normalità. Mi dispiace non poter dire di più ma senza vedere il tracciato non posso. Prof. Daniele Brachetti Cardiologo Bologna
Prof. Daniele Bracchetti

dolori al cuore
8 Set 07 - oana, 21 anni (id: 64614)
  buongiorno volevo sapere se è normale che quando mi sdraia sulla parte sinistra, sento come un peso sul cuore, poi quando mi alzo come un solievo. inoltre è da molto tempo che avevo qualche volta dei dollori intercostali..ho sentito che è normale... ma nell’ultimo mese... questi dollori sono diventati molto ma molto forti. una sera era come se mi facesse male tutto il torace, sentivo questo dollore forte come un coltello nel cuore. è passato doppo alcuni secondi buoni. poi io ho anche il problema che a volte ho la tacchicardia.. il cuore per qualche secondo bate in un modo diverso del normale..un modo irregolare come se volesse uscire dal petto. allora io faccio un soffio forte e mi passa. n... continua >>
on sono una ragazza che fa sport, infatti ogni volta che faccio qualche sforzo di troppo mi vengono questi dollori intercostali. adesso vorrei sapere...se per caso ho qualche problema al cuore o sono cose che succedono. anche perche se vado a fare l’ecardiograma..questi dollori non vengono sempre cosi come la tacchicardia.. quindi non potrà servirmi a niente. non capisco cosa potrei avere. è possibile che tutto ciò sia causa dello stress?
Le caratteritiche del dolore non orientano verso il cuore. Forse si tratta di ansia. E’ tuttavia importante che, in accordo con il suo medico, lei faccia esami specifici (ecocardiogramma, lastra del torace, visita cardiologica), così può stare più tranquilla. Poi inizierà a fare attività fisica, che fa solo bene. Prof. Daniele Bracchetti Cardiologo Bologna
Prof. Daniele Bracchetti

gambe scure
8 Set 07 - RAFFAELE, 59 anni (id: 64595)
  EGREGIO DOTTORE, DA DIVERSI ANNI LE MIE GAMBE (DALLE GINOCCHIA IN GIU’) PRESENTANO LA PELLE OSCURITA FINO ALLE DITA DEI PIEDI. HO CONSULTATO QUALCHE MEDICO IL QUAL E MI DETTO CHE IL PROBLEMA NON E’ GRAVE E CHE IL MOTIVO POTREBBE ESSERE STATO CAUSTAO DALL’ADALAT CORONO 30 CHE PRENDO DA LOTRE 30 ANNI PER L’IPERTENSIONE. MI DA’ GENTILMENTE IL SUO PARERE? DISTINTI OSSEQUI RAFFAELE
Come faccio a dare un giudizio senza vedere. L’Adalat dà gonfiore alla gambe ma non la pelle scura. Consiglio l’esecuzione di un doppler venoso agli arti inferiori, lo specialista potrà darle consigli. Prof. Daniele Bracchetti Cardiologo Bologna
Prof. Daniele Bracchetti

blocco parziale
8 Set 07 - nico, 5 anni (id: 64583)
  Salve Dott. Mio figlio di 5 anni ha fatto un ECG ed e’ venuto fuori un (blocco parziale di branca dx). Il cpk e ldh puo’ aumentare in forma notevole? Mi devo preoccupare ? grazie
Il blocco paziale destro può non avere significato, meglio comunque fare un ecocardiogramma. Non capisco il legame con CPK e LDH, il significato dipende dal grado di aumento del valore, e in ogni caso non può essere un problema di cuore. Senta il suo medico. Prof. Daniele Bracchetti Cardiologo Bologna
Prof. Daniele Bracchetti

prova da sforzo
7 Set 07 - eugenio, 35 anni (id: 64581)
  Gentile prof.bracchetti volevo dei chiarimenti in base ad una prova da sforzo che ho fatto con esito definitivo QUADRO PSEUDICO GIOVANILE. che cosa vuol dire.
Il termine pseudico è insistente. Sia più chiaro. Comunque non dovrebbe essere niente. Prof. Daniele Bracchetti Cardiologo Bologna
Prof. Daniele Bracchetti

re-risposta us fibirllazione atriale
7 Set 07 - Antonio, 49 anni (id: 64543)
  Gent.mo Prof. Bracchetti volevo chiederLe ulteriori chiarimenti alle risposte della domanda cod. 64474- 1) se l’ablazione elimina le crisi, perchè assumere farmaci antiaritmici ? -2) in assenza di crisi o brevi episodi come nel mio caso, perchè fare il cumadin ? Sento dire che la possibilità che si formano trombi va dalle 36/48 ore di crisi continua. - 3) i valori della tiroide al 21/06/07 sono: TSH 1.60(0,46-4,68), FT3 2.8(2,30- 4.20), FT4 1.60(0.77-2.20). Nel periodo precedente l’ablazione (dalla visita all’intervento)per 5 mesi ho assunto Almarytm 1/2 mattino/sera, tutto bene assenza totale di episodi, volevo chiederLe se questo farmaco è ben tollerato e non comporta controindicaz... continua >>
ioni. La ringrazio infinitamente. Distinti saluti.
La fibrillazione atriale varia da caso a caso, non è possibile dare risposte specifiche per e.mail... Riprendo la mia precedente risposta > L’ablazione non sia risolutiva. Un altro tentativo si può fare per non avere più crisi, non per non dover assumere farmaci, questo per me non è un problema, basta dare la dose giusta sotto controllo. QUINDI SE IL FARMACO FLECAINIDE E’ EFFICACE LA PRENDA PURE. Provi quindi con i farmaci. -2 Deve valutare l’opportunità o meno, se non lo fa già, di assumere Coumadin. IN PRESENZA DI CRISI E’ PRUDENTE ASSUMERE COUMADIN, CI SONO ANCHE CRISI CHE NON VENGONO AVVERTITE DAL PAZIENTE -3 Controlli il dosaggio dell’’Eutirox, i valori degli ormoni tiroidei devono essere nella norma, se sono tendenti all’alto possono favorire la fibrillazione. Di più per lettera non posso dirle. Mi può telefonare se crede. Prof. Daniele Bracchetti Cardiologo Bologna
Prof. Daniele Bracchetti

prolasso
7 Set 07 - Laura, 26 anni (id: 64530)
  "soffro" di tachicardia, 115 bpm. La diagnosi è Sindrome ipercinetica in ansiosa e modesto prolasso mitralico, mi preoccupa quest’ultimo. Quali sono state le cause e quali saranno le conseguenze del prolasso mitralico?
Non sono note le cause del prolasso isolato, che d’altra parte viene considerato una variante normale, visibile solo all’eco. Non sempre c’è correlazione tra ansia e prolasso. Stia tranquilla. D. Bracchetti
Prof. Daniele Bracchetti

estrasistoli
7 Set 07 - Emmanuele, 27 anni (id: 64525)
  Gent.mo Dott. Bracchetti, a seguito di un esame Holter, consigliatomi dal medico perchè avvertivo come dei "colpetti" all’altezza della bocca dello stomaco e dello sterno, il referto dice: "Ritmo sinusale costante durante tutta la registrazione interrotto da rari battiti ectopici sopraventricolari isolati. Fisiologiche variazioni cronotrope. Non fasi ipocinetiche critiche". L’esame ha registrato: 99471 battiti di cui 99433 normali, 1 atipico e 41 SVEB. Potrei avere un suo parere? Questo disturbo si presenta ogni tanto, da quando ho avuto un’attacco di pericardite acuta nel luglio 2005, per il quale sono stato ricoverato 4 giorni. Posso praticare sport amatoriale con tranquillità? Cal... continua >>
cio, nuoto, ecc...? La ringrazio per l’attenzione. Le invio cordiali saluti Emmanuele
Il reperto Holter mostra extrasistoli ( o battiti ectopici) che non sono preoccupanti, si possono rilevare anche in soggetto normale. Se all’eco la pericardite è guarita, nessun problema per l’attvità fisica. Prof. Daniele Bracchetti Cardiologo Bologna
Prof. Daniele Bracchetti

profilassi endocardite
7 Set 07 - viviana, 6 anni (id: 64519)
  Gentile dottore, sono la mamma di Viviana e spero che riesca ad aiutarmi visto che si tratta di un argomento che mi crea un pò d’ansia. La mia piccola è stata operata a sette giorni di vita per correggere la trasposizione dei grossi vasi, l’intervento è andato bene e anche se il post- operatorio non sta andando proprio come speravamo la qualità della sua vita è soddisfacente ed è una bambina serena e vivace. Pochi giorni fa però avendo già compiuto 6 anni la bambina ha perso i suoi primi dentini, che ho provveduto a staccare io stessa visto che ormai le recavano fastidio. Quella sera però mi è capitato in mano il foglio che mi è stato consegnato al momento della dimissione con la profilas... continua >>
si per la prevenzione dell’endocardite batterica, in cui vi sono elencate anche le manovre effettuate nel cavo orale a rischio di sanguinamento. Ecco è proprio questo che vorrei sapere, se queste manovre includono anche l’estrazione dei dentini da latte effettuate manualmente per la possibilità che la bambina si autoinfetti o se il rischio deriva unicamente dalla promiscuità dell’uso di strumenti dentistici.Se invece vi fosse il pericolo di autoinfezione questo sussisterebbe già quando i dentini cominciano a staccarsi dale gengive, allora cosa dovrei fare in questo caso rivolgermi a un dentista? Sono un pò confusa e non vorrei che un evento naturale come la perdita dei dentini da latte dovesse diventare un tormentone per mia figlia. La ringrazio anticipatamente per la sua risposta.
Per mia esperienza non vedo rapporto tra dentini di latte e rischio di endocardite. Chiede comuque anche al centro dove è stata operata. Prof. Daniele Bracchetti Cardiologo Bologna
Prof. Daniele Bracchetti


Da 7860 a 7875 di 12117