Sei in: Medico on-line > Cardiologia

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Cardiologia
Referenti

ultimo aggiornamento 6/02/2009
 
Aree tematiche

    Il Prof. Daniele Bracchetti risponde alle domande inerenti :
  • Aritmie Cardiache
  • Infarto Miocardico
  • Ipertensione Arteriosa
    Il Dott. Sergio Di Benedetto risponde alle domande inerenti :
  • Prevenzione cardiovascolare
  • Ipertensione arteriosa
  • Cardiopatia ischemica ed infarto miocardio
  • Valvulopatie (malattie delle valvole cardiache)
  • Scompenso cardiaco

Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 26/05/2008
Invia la tua domanda
- Prof. Daniele Bracchetti assente dal 1/11/2014 al 6/11/2014

Domande / Risposte
terapia antiipertensiva
23 Ott 08 - giacomo, 57 anni (id: 86963)
  Egre. Dottore, sono cardiopatico per bypass (2) nel 2000 ,la mia terapia e la seguente : mattina pantoprazolo 20mg ,dopo colazione una cpr ticlopidina 250mg ore 8,00 meta cpr di dilatrend da 25mg, ore 09,00, irbesartan 150mg, pomeriggio ore 16,00 una cpr di eskim 1000 mg, ore 18,00 meta cpr di amldipina 5 mg, ore 20,00 meta carvedilolo 25mg dopo cena ticlopidina ore 22,00 rosuvastatina 10mg prima di andare a letto 15gtt lexotan.La mia domanda e la seguente :ho notato che irbesartan rispetto al telmisartan 80mg che assumevo fino a circa un mese fa agisce meglio sulla pressione, infatti con la seconda la sistolica si mantiene sempre sotto i 110 la diastolica sotto i 70 eppure dicono che appar... continua >>
tengono alla stessa famiglia.Lei cosa ne pensa ,quando fa piu freddo possso aver bisogno del dosaggio maggiore perche ho sentito che questa molecola ,puo dare fastidio ai reni premetto che non sono diabetico. Grazie per una sua eventuale risposta.
Le molecole della stessa classe non hanno effetti farmacologici uguali da punto di vita quantitativo.I sartani non sono in genere nefrotossici. Con la stagione fredda è talvolta necessario potenziare la terapia antiipertensiva Dr Di Benedetto
Dott. Sergio Di Benedetto


pressione arteriosa e posture
23 Ott 08 - carlotta, 77 anni (id: 86935)
  In riferimento al codice 86332 posso dirle dottore che le è stata consigliata dal suo dottore la medesima cosa,in sostanza dimagrire un paio di chili e poi valutare il tutto.Un’ultima curiosità di natura tecnica,la pressione arteriosa va misurata in posizione supina o seduta?per quanto riguarda mia madre ho verificato che nella maggior parte dei riscontri pressori la differenza tra seduta e sdraiata è nell’ordine dei 5-10 mg,ieri sera però è capitata una cosa strana,aveva mal di testa ed era in ansia stranamente però i suoi valori pressori medi erano 136-75 supina e 5 minuti dopo seduta ma sempre sotto stress era 150-85.Il misuratore che possediamo non mi ha segnalato errori quindi ho preso ... continua >>
per buoni i valori.Non è un po troppo alta la differenza?lei in ogni caso pur provandola anche seduta preferisce la posizione supina.Sono attendibili anche tali misurazioni?dal dottore la scorsa settimana era 140-80 da sdraiata alle 10 di mattina più o meno gli stessi valori a riposo che riscontro a quell’ora a casa.Vorrei una sua opinione in merito.Grazie ancora
In posizione seduta, rispetto a quella supina, si osserva generalente una lieve riduzione (qualche mmm di Hg)nella PA ed un lieve aumento in quella diastolica. Le differenze descritte sono verosimilmente in relazione ad un differente stato psicofisico (cefalea ed ansia possono indurre un certo aumento della PA). Dr Di Benedetto
Dott. Sergio Di Benedetto

insufficienza mitralica
17 Ott 08 - chiara, 27 anni (id: 86631)
  eocardio svolto dopo extrasistoli frequenti:normale volumetria,cinesi e spessore parietale ventricolo sx,EF:74%.aTRIO SIN LIEVEMENTE DILATATO(43MM).Movimento sistolico anomalo della mitrale,lieve IM.Riempimento ventricolare normale.Radice aortica e aorta acendente normali.Valvola aortica normale con normale dopler.Cavità destre normali.IT lieve,fisilogica,grad.VD-AD di 12mmHg. Volevo un parere su questo eco.l’isufficienza mitralica in quanto progredisce?
Nelle maggioranza dei casi non progredisce non progredisce. Utilre controllo tra due anni Dr Di Benedetto
Dott. Sergio Di Benedetto

doppler cerebrale
17 Ott 08 - luigi, 47 anni (id: 86616)
  in data odierna ,ho effettuato un eco color doppler vasi apiaortici,in quanto da circa 10 anni prendo lobivon un antipertensivo e da qualche anno mi trovo il colesterolo oltre la media, specialmente ldl a circa 150. Il cardiologo mi dice che lesame e nella norma ,assenza di placche,tuttavia sul referto leggo -Ispessimento intimale pre biforcazioni bilateralmente,mi ha detto che e causa delleta e della lieve ipertensione ,nonostante sia trattata con farmaci. Chiedo gentilmente quando dovro fare unaltro accertamento e cosa significa ispessimento intimale pre biforcazione bilateralmente. Devo preoccuparmi? cosa posso fare per migliuorare ? grazie per la collaborazione distintamente Luigi Incign... continua >>
eri
Significa che la tonoca intima, cioè lo strato interno della parete carotidea, è inspessita. Più che pensare a quando fare il controllo che non è necessario nei prossimi due tre anni, consiglierei di eliminare le cause di eventuali problemi come l’ipercolesterolemia. Dr Di Benedetto
Dott. Sergio Di Benedetto

disfunzione erettile
16 Ott 08 - antonio, 38 anni (id: 86601)
  Egregio dott. volevo sapere se in una persona sana, senza problemi cardiaci e di pressione, le pillole per la disfunzione erettile(sildenafil,tadalafil ecc) possono dare problemi al cuore o alla pressione, visto che ho letto che in qualche caso ha dato problemi in questo senso, io ho 38, peso forma no malattie. grazie anticipatamente
Difficilmente ma in rari casi effetti collaterali sono possibili Dr Di Benedetto
Dott. Sergio Di Benedetto

dilaqtazione aortica
16 Ott 08 - annalisa, 75 anni (id: 86551)
  buongiorno, a mia mamma (signora anziana di più di 70anni) è stata diagnostica uninsufficienza aortica. La dilatazione del tartto ascendente dellaorta è di 38 mm, radice aortica 40 mm e bulbo aortico 49mm: esito lieve-medio insuff aortica. Lieve insuff. mitralica Il medico ha suggerito un controllo tra 1 anno. Mi chiedevo se non era tardi e se i 49mm di dilatazione del bulbo non siano preoccupanti.Bulbo e radice aortica non sono la stessa cosa? La signora è molto magra. grazie mille, sono abbastanza preoccupata
I valori riportati richiedono attenzione: e si tratta della prima diagnosi anticiperei il controllo a sei mesi. Successivamente se il quadro è stabile controlli annuali. Dr Di Benedetto
Dott. Sergio Di Benedetto

extrasistolia
15 Ott 08 - Dino, 45 anni (id: 86539)
  Da anni soffro di extrasistole non frequenti e sono in cura per ipertensione (olmesartan 10 + bisoprololo 2,5). ECG normale, holter fatto più volte che evidenzia extrasistole isolate sia ventricolari che sopraventricolari. Da alcuni giorni gli episodi si sono moltiplicati e negli ultimi giorni per alcune ore le avverto in continuazione. Stasera, avvertendo anche dolore, mi sono recato in ospedale, ho fatto l’ECG che non ha rilevato niente in quanto in quel momento non ne avvertivo neanch’io. Il dolore sembra derivare dalla colecisti dismorfica. Da alcuni giorni il cardiologo da cui sono in cura mi ha prescritto il seles beta al posto del cardicor ma non ottengo giovamento. Vorrei un consigli... continua >>
o su cosa fare e se (e come) prenotare al più presto una visita presso il vostro centro. Grazie
Occorre innanzi tutto escludere cardiopatie strutturali (ecocardiogramma, valutazione del profilodi rischio coronarico, eventuale test da sforzo) Dal punto di vista terapeutico potrebbe essere utile aumentare la posologia del beta-bloccante in corso) Dr Di Benedetto
Dott. Sergio Di Benedetto

dati inverosimili
15 Ott 08 - <<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<, 33 anni (id: 86532)
  Domenica, ho sentito un dolore acuto sul lato dx , dietro lorecchio . Il lunedi , durante la notte mi sono sentita male , giramenti di testa che si susseguivano. Ho parlato con il medico che mi ha prescritto un prelievo ,ove è risultato il colesterolo alto e globoli bianchi + dei rossi. Mi sono sottoposta ad esame ecodoppler, risulta, la presenza di grasso che ostruisce le vene sia sul lato dx che sx. Mi ha prescritto le microser e fertifol...da prendere per 15 giorni. Io continuo a sentirmi male ... è il caso che aspetti di finire la terapia o ? Vi ringranzio anticipatamente se mi risponderete ... Ho un bambino e non mi sento per niente in forza di badargli.
I dati vengono riportati in modo approssimativo. E’ improbabile che il numero dei globuli bianchi sia meggiore dei globuli rossi. Per quanto riguarda il grasso che ostruisce le vene si tratta probabilmente di una stenosi arteriosa carotidea la cui entità va considerata con attenzione. Dr Di Benedetto
Dott. Sergio Di Benedetto

ipotensione
15 Ott 08 - ugo, 40 anni (id: 86505)
  egr.dott,mi rivolgo al mio medico di base in quanto ho la pa 90/60 al massimo 110/70 in quanto avverto spossatezza sia lui che altri medici vado dal dentista,dalloculista per controlli mi liquidano che non mi devo lamentare perchè chi ha la fortuna di avere questi valori pressori è meno a rischio di avere problemi cardiovascolari è vero?ps esami del sangue ok,ecg visita cardiologica,ecocolordoppler cardiaco e dei vasi epiaortici,tutto nella norma.cosa mi può conigliare?certo di una sua,cordialità.
La probabilità di eventi cardiovascolari maggiori è inversamente correlata alla pressione arteriosa (più bassa è la pressione meno frequenti sono eventi quali infarto miocardico ed ictus cerebrale) Se l’ipotensione è sintomatica è necessario anche escludere cause internistiche oltre che cardiologiche d ipotensione, per esempio l’iposurrenalismo dr Di Benedetto
Dott. Sergio Di Benedetto

ipertensione arteriosa
15 Ott 08 - DANIELE, 32 anni (id: 86487)
  Salve dottore, sono un lavoratore turnista che soffre da circa 6 anni di ipertensione,mia madre soffre di ipertensione ed e’ pure cardiopatica,mio papa’ morto di infarto e mio nonno di ictus.Da circa 1 anno dopo i turni notturni ho difficolta’ ad addormentarmi ed ho constatato che la pressione e elevata nonostante l’uso della pastiglia(150/90-95),quasi la stessa cosa mi sta capitando anche quando devo andare a lavorare di mattina(poiche’ ho la psicosi di non riuscirmi a svegliare per le ore 5 continuo a guardare la sveglia). Cortesemente potrebbe dirmi se per caso un ricollocazione giornaliera aiuterebbe a standardizzare la mia pressione?
Senz’altro una regolarizzazione del ritmo sonno veglia sarebbe utile. Consiglierei comunque di rivedere la terapia antiipertensiva. DR Di Benedetto
Dott. Sergio Di Benedetto

recidiva infartuale
15 Ott 08 - rosaria, 28 anni (id: 86480)
  Buongiorno Dottore, mio zio, nel mese di luglio, ha avuto un infarto cardiaco. Dopo aver ricevuto le prime cure in ospedale, è stato trasferito in un centro cardiologico specializzato dove gli hanno applicato uno stent. Sta facendo delle cure con delle pillole che regolarizzano il colesterolo ecc.... Volevo sapere, quante probabilità ci sono che l’infarto possa ritornare? C’è un minimo di ereditarietà? Mio zio è un fumatore. Grazie e buon lavoro
Laprobabilità di reciddva infartuale dipende dal numero e dalla entità dei fattori di rischio cardiovascolare ed in primo luogo da da fumo, ipertensione arteriosa, ipercolesterolemia, diabete e familiarità, Il consiglio è quindi di eliminare o ridurre al minimo tutti i fattori di rischio modificabili DR Di Benedetto
Dott. Sergio Di Benedetto

displasia aritmogena del ventricolo destro
14 Ott 08 - luciano, 24 anni (id: 86432)
  Salve dottore, Come si diagnostica la displasia ventricolare destra aritmogenica? le extrasistoli possono essere un segno di tale malattia? Ho fatto ECG, ECO, HOLTER E TEST DA SFORZO, TUTTO NEGATIVO, ma ho sempre le solite extrasistoli, a volte meno a volte più. Solo che ho paura di questa displasia ventricolare destra aritmogenica dato che sono giovane e anche atleta. Bastano gli esami svolti per escluderla? le mie extrasistoli sono sospette di tale malattia? Grazie buon lavoro
La displasia arimogena del ventricolo destro è una cardiomiopatia ereditaria caratterizzata da alterazioni strutturali (con sostituzione del miocardio ventricolare cad opera di tessuto fibroadiposo)del ventricolo destro ed aritmie ventricolari. I criteri maggiori per la diagnosi comprendono dilatazione del ventricolo destro e riduzione della frazione di eiezione; acinesie e discinesia localizzate del ventricolo destro; aritmie ventricolari;alterazioni elettocardiografiche (tra cui la tipica onda epsilon); familiarità. Nel caso descritto, in assenza di familiarità, la normalità di elettrocardiogramma ed ecocardiogramma rendono improbabile la diagnosi. DR Di Benedetto
Dott. Sergio Di Benedetto

dolore toracico
14 Ott 08 - gloria, 26 anni (id: 86418)
  gentile dottore da circa un mese ho una senzazione di pesantezza al petto ed è come se me lo stessero strappado, ho fatto i controlli per il cuore ed i polmoni ed è tutto ok, anche la tiroide e le analisi del sangue vanno benissimo, ho avuto un caso isolato di dispnea, ma per il resto non ho nulla e solo che mi sento tirare proprio tra i due seni e si irradia verso l’alto, tutti i medici mi dicono che è anzia, ma io non ho mai sofferto d’anzia e non ho nessum motivo!qualcuno ipotizza esofagite, ma l’ho già avuta in passato ed i dolori erano ben diversi, avevo bruciore, invece stavolta non è così, ho proprio una pesantezza come se si gonfiasse il petto ed esplodesse da un momento all’altro, c... continua >>
he altro medico devo sentire, sono stufa di girare per sentirmi dire che sono anziosa, io sento che c’è qualcosa che non va!quando ho questi sintomi non ho problemi di respirazione ed i cuore batte normalmente, inoltre ho sempre la pressione perfetta 120/80! che altro può essere, forse qualche infezione alle ghiadole mammarie o potrebbe riguardare lo stomaco/fegato! attendo delucidazione grazia mille
Se cuore e polmoni possono esser esclusi nella genesi dei sintomi descritti approfondirei eventuali problematiche gastroenterologiche. L’ipotesi di una infezione alle ghiandole mammarie mi sembra povo probabile. DR Di Benedetto
Dott. Sergio Di Benedetto

cateterismo cardiaco
14 Ott 08 - maura, 33 anni (id: 86416)
  Salve, volevo porre un quesito non riguardo me ma per unintervento che deve subire una mia cara amica. Siccome non vuol farmi preoccupare dice poco o nulla sullargomento, vorrei capire che tipo di intervento è, se è difficile e quanto grave è il suo problema. mi ha detto che andranno con una specie di sonda dallinguine fin dentro il cuore per chiudere un non so cosa. mi ha detto che ha visto scritto che è tachicardia ventricolare frequente con battiti da 140 a 190. Ora non so niente al riguardo ma vorrei capire di cosa si tratta, per favore. Ah, lei ha 20 anni, fisico normale e fuma. grazie saluti
I dati disponibili sono scarsi d approssimativi pr cui è arduo rispondere. Probabilmente la sua amica deve essere sottoposta ad un cateterismo cardiaci, durante il quale può essere chiuso un eventuale difetto interatriale Dr Di Benedetto
Dott. Sergio Di Benedetto

SCINTIGRAFIA
13 Ott 08 - Italo, 43 anni (id: 86392)
  G. le Dottore, mia madre, che ha 69 anni e pesa 86 Kg, soffre di ipertensione da 15 anni circa e di fibrillazione atriale da 7-8 anni, circa un episodio all’anno. Prende come cura: IRBESARTAN-IDROCLOROTIAIDE, MISOPROSTOLO, FLECAINIDE, ROSUVASTATINA. Siccome da gennaio oltre alla fibrillazione avverte anche dolore al torace, il cardiologo le ha prescritto una miocardioscintigrafia al dipiridamolo, Referto: Il test eseguito senza modificazioni ecgrafiche, mostra assenza di sicuri difetti di perfusione miocardica, frazione di eiezione 90%, volume telediastolico 42ml. Volevo chiederle se il volume telediastolico è basso e se questo può essere un problema. Il mio dubbio v... continua >>
iene anche dal fatto che dopo 1 ora dall’esame durato in totale 1,5 ore mia madre ha cominciato ad avere malessere più accentuato, difficoltà di respiro, dolore al petto, senzazione di svenimento, brevi aritmie. Poi per 4 giorni circa ha avuto la massima di pressione a 90-100 che di solito ha a 140. In attesa di un suo consiglio la ringrazio e le porgo i miei cordiali saluti.
L’assenza di modifiche ecgrafiche e di difetti di perfusione sono dati positivi; la frazione di eiezione del 90% è inverosimile ,il volume telediastolico non è in sè preoccupante; i sintomi escritti potrebbero rappresentare una intolleranza, per quanto tardiva, al dipiridamolo. Difficile spiegare,sulla base degli elementi disponibili, la transitoria ipotensione. Dr Di Benedetto
Dott. Sergio Di Benedetto


Da 6118 a 6133 di 12453