Sei in: Medico on-line > Cardiologia

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Cardiologia
Referenti

ultimo aggiornamento 6/02/2009
 
Aree tematiche

    Il Prof. Daniele Bracchetti risponde alle domande inerenti :
  • Aritmie Cardiache
  • Infarto Miocardico
  • Ipertensione Arteriosa
    Il Dott. Sergio Di Benedetto risponde alle domande inerenti :
  • Prevenzione cardiovascolare
  • Ipertensione arteriosa
  • Cardiopatia ischemica ed infarto miocardio
  • Valvulopatie (malattie delle valvole cardiache)
  • Scompenso cardiaco

Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 26/05/2008
Invia la tua domanda

Domande / Risposte
ipertensione arteriosa
15 Ott 08 - DANIELE, 32 anni (id: 86487)
  Salve dottore, sono un lavoratore turnista che soffre da circa 6 anni di ipertensione,mia madre soffre di ipertensione ed e’ pure cardiopatica,mio papa’ morto di infarto e mio nonno di ictus.Da circa 1 anno dopo i turni notturni ho difficolta’ ad addormentarmi ed ho constatato che la pressione e elevata nonostante l’uso della pastiglia(150/90-95),quasi la stessa cosa mi sta capitando anche quando devo andare a lavorare di mattina(poiche’ ho la psicosi di non riuscirmi a svegliare per le ore 5 continuo a guardare la sveglia). Cortesemente potrebbe dirmi se per caso un ricollocazione giornaliera aiuterebbe a standardizzare la mia pressione?
Senz’altro una regolarizzazione del ritmo sonno veglia sarebbe utile. Consiglierei comunque di rivedere la terapia antiipertensiva. DR Di Benedetto
Dott. Sergio Di Benedetto


recidiva infartuale
15 Ott 08 - rosaria, 28 anni (id: 86480)
  Buongiorno Dottore, mio zio, nel mese di luglio, ha avuto un infarto cardiaco. Dopo aver ricevuto le prime cure in ospedale, è stato trasferito in un centro cardiologico specializzato dove gli hanno applicato uno stent. Sta facendo delle cure con delle pillole che regolarizzano il colesterolo ecc.... Volevo sapere, quante probabilità ci sono che l’infarto possa ritornare? C’è un minimo di ereditarietà? Mio zio è un fumatore. Grazie e buon lavoro
Laprobabilità di reciddva infartuale dipende dal numero e dalla entità dei fattori di rischio cardiovascolare ed in primo luogo da da fumo, ipertensione arteriosa, ipercolesterolemia, diabete e familiarità, Il consiglio è quindi di eliminare o ridurre al minimo tutti i fattori di rischio modificabili DR Di Benedetto
Dott. Sergio Di Benedetto

displasia aritmogena del ventricolo destro
14 Ott 08 - luciano, 24 anni (id: 86432)
  Salve dottore, Come si diagnostica la displasia ventricolare destra aritmogenica? le extrasistoli possono essere un segno di tale malattia? Ho fatto ECG, ECO, HOLTER E TEST DA SFORZO, TUTTO NEGATIVO, ma ho sempre le solite extrasistoli, a volte meno a volte più. Solo che ho paura di questa displasia ventricolare destra aritmogenica dato che sono giovane e anche atleta. Bastano gli esami svolti per escluderla? le mie extrasistoli sono sospette di tale malattia? Grazie buon lavoro
La displasia arimogena del ventricolo destro è una cardiomiopatia ereditaria caratterizzata da alterazioni strutturali (con sostituzione del miocardio ventricolare cad opera di tessuto fibroadiposo)del ventricolo destro ed aritmie ventricolari. I criteri maggiori per la diagnosi comprendono dilatazione del ventricolo destro e riduzione della frazione di eiezione; acinesie e discinesia localizzate del ventricolo destro; aritmie ventricolari;alterazioni elettocardiografiche (tra cui la tipica onda epsilon); familiarità. Nel caso descritto, in assenza di familiarità, la normalità di elettrocardiogramma ed ecocardiogramma rendono improbabile la diagnosi. DR Di Benedetto
Dott. Sergio Di Benedetto

dolore toracico
14 Ott 08 - gloria, 26 anni (id: 86418)
  gentile dottore da circa un mese ho una senzazione di pesantezza al petto ed è come se me lo stessero strappado, ho fatto i controlli per il cuore ed i polmoni ed è tutto ok, anche la tiroide e le analisi del sangue vanno benissimo, ho avuto un caso isolato di dispnea, ma per il resto non ho nulla e solo che mi sento tirare proprio tra i due seni e si irradia verso l’alto, tutti i medici mi dicono che è anzia, ma io non ho mai sofferto d’anzia e non ho nessum motivo!qualcuno ipotizza esofagite, ma l’ho già avuta in passato ed i dolori erano ben diversi, avevo bruciore, invece stavolta non è così, ho proprio una pesantezza come se si gonfiasse il petto ed esplodesse da un momento all’altro, c... continua >>
he altro medico devo sentire, sono stufa di girare per sentirmi dire che sono anziosa, io sento che c’è qualcosa che non va!quando ho questi sintomi non ho problemi di respirazione ed i cuore batte normalmente, inoltre ho sempre la pressione perfetta 120/80! che altro può essere, forse qualche infezione alle ghiadole mammarie o potrebbe riguardare lo stomaco/fegato! attendo delucidazione grazia mille
Se cuore e polmoni possono esser esclusi nella genesi dei sintomi descritti approfondirei eventuali problematiche gastroenterologiche. L’ipotesi di una infezione alle ghiandole mammarie mi sembra povo probabile. DR Di Benedetto
Dott. Sergio Di Benedetto

cateterismo cardiaco
14 Ott 08 - maura, 33 anni (id: 86416)
  Salve, volevo porre un quesito non riguardo me ma per unintervento che deve subire una mia cara amica. Siccome non vuol farmi preoccupare dice poco o nulla sullargomento, vorrei capire che tipo di intervento è, se è difficile e quanto grave è il suo problema. mi ha detto che andranno con una specie di sonda dallinguine fin dentro il cuore per chiudere un non so cosa. mi ha detto che ha visto scritto che è tachicardia ventricolare frequente con battiti da 140 a 190. Ora non so niente al riguardo ma vorrei capire di cosa si tratta, per favore. Ah, lei ha 20 anni, fisico normale e fuma. grazie saluti
I dati disponibili sono scarsi d approssimativi pr cui è arduo rispondere. Probabilmente la sua amica deve essere sottoposta ad un cateterismo cardiaci, durante il quale può essere chiuso un eventuale difetto interatriale Dr Di Benedetto
Dott. Sergio Di Benedetto

SCINTIGRAFIA
13 Ott 08 - Italo, 43 anni (id: 86392)
  G. le Dottore, mia madre, che ha 69 anni e pesa 86 Kg, soffre di ipertensione da 15 anni circa e di fibrillazione atriale da 7-8 anni, circa un episodio all’anno. Prende come cura: IRBESARTAN-IDROCLOROTIAIDE, MISOPROSTOLO, FLECAINIDE, ROSUVASTATINA. Siccome da gennaio oltre alla fibrillazione avverte anche dolore al torace, il cardiologo le ha prescritto una miocardioscintigrafia al dipiridamolo, Referto: Il test eseguito senza modificazioni ecgrafiche, mostra assenza di sicuri difetti di perfusione miocardica, frazione di eiezione 90%, volume telediastolico 42ml. Volevo chiederle se il volume telediastolico è basso e se questo può essere un problema. Il mio dubbio v... continua >>
iene anche dal fatto che dopo 1 ora dall’esame durato in totale 1,5 ore mia madre ha cominciato ad avere malessere più accentuato, difficoltà di respiro, dolore al petto, senzazione di svenimento, brevi aritmie. Poi per 4 giorni circa ha avuto la massima di pressione a 90-100 che di solito ha a 140. In attesa di un suo consiglio la ringrazio e le porgo i miei cordiali saluti.
L’assenza di modifiche ecgrafiche e di difetti di perfusione sono dati positivi; la frazione di eiezione del 90% è inverosimile ,il volume telediastolico non è in sè preoccupante; i sintomi escritti potrebbero rappresentare una intolleranza, per quanto tardiva, al dipiridamolo. Difficile spiegare,sulla base degli elementi disponibili, la transitoria ipotensione. Dr Di Benedetto
Dott. Sergio Di Benedetto

Sincope
13 Ott 08 - tiziana, 24 anni (id: 86377)
  salve dottore, le spiego il mio problema,dopo un intervento al ginocchio, effettuato in anestesia totale, ho avuto dei problemi,i medici mi hanno detto che ho avuto la cosidetta sincope convulsiva. mi hanno pure consigliato di farmi una visita cardiologica, non riuscendo a capire il motivo, le chiedo perchè? cosa centra il cuore? e, quali problemi potrei avere? la ringrazio anticipatamente per la sua risposta.
La sincope è una perdita transitoria di coscienza; è difficile quindi avere una sincope durante anestesia generale. Le convulsioni potrebbero essere dovuta ad una riduzione della portata cardiaca indotta ad esempio da aritmie aritmie;in tale caso occorre interpellare il cardiologo. Dr Di Benedetto
Dott. Sergio Di Benedetto

extrasistolia
13 Ott 08 - Liana, 34 anni (id: 86357)
  Buongiorno, a febbario seguito di una forma virale intestinale mi sono molto indebolita e, da alcuni mesi, soffro di extrasistole ripetute e fastidiose (forti tuffi al petto). Ai primi sintomi avevo eseguito un Ecg da cui risultava che il cuore era sano. A seguito di un secondo virus intestinale (ad agosto) la situazione si è aggravata: sono molto debole, mi stanco facilmente, ho episodi di tachicardia postprandiale e frequenti ripetute, forti extrasistole prevalentemente dopo pranzo e quando sono stanca (mattino e sera). Gli esami del sangue sono tutti OK (tiroide compresa). Le extrasistole mi danno molto fastidio e mi limitano nella vita quotidiana. Sono molto preoccupata. Che cosa mi cons... continua >>
iglia? Grazie.
Ricontrollerei gli esami del sangue per escludere con certezza alterazioni di alcuni parametri quali la crasi ematica il bilancio idro-elettrolitico la funzione tiroidea; consiglirei inoltre di eseguire un ecocardiogramma. Dr Di Benedetto
Dott. Sergio Di Benedetto

tachicardia
13 Ott 08 - Sara, 31 anni (id: 86342)
  Egregio dottore, da circa un anno ho notato una facile affaticabilità, talvolta un minimo sforzo fisico mi causa dispnea e tachicardia. Con il riposo la dispnea cessa, ma la tachicardia spesso non va via anche con il passare dei giorni. Ho una tiroidite cronica autoimmune, ma sono in eutiroidismo; nel corso di un DH in endocrinologia, i medici essendosi resi conto di tale problema mi hanno mandata in cardiologia per una consulenza cardiologica. Lelettrocardiogramma ha evidenziato tachicardia sinusale (FC 92bpm; PR 0,20 sec.). Lesame ecocardiografico evidenzia valvola mitralica lievemente ispessita; doppler: insufficienza mitralica lieve. Mi hanno consigliato terapia con 25mg di atenololo... continua >>
2 volte al dì. Vorrei sapere se corro dei rischi, se posso fare attività fisica, avere una gravidanza. E necessario effetuare altri controlli? Sono un pò spaventata perchè mia madre aveva lo stesso problema e nonostante si tenesse sotto controllo è venuta a mancare, causa infarto improvviso, alletà di 58 anni. La ringrazio anticipatamente.
Le cardiopatie non sono l’unica causa di tachicardia. Gli esami cardiologici eseguiti non sembrano evidenziare problemi significativi. I dati disponibili non sono sufficienti per rispondere alle domande d lei formulate; consiglierei di parlarne con il cardiologo che l’ha visitata. Dr Di Benedetto
Dott. Sergio Di Benedetto

farmaci e dieta
13 Ott 08 - carlotta, 76 anni (id: 86332)
  Buon giorno dottore mia madre recentemente ha effettuato i suoi soliti esami del sangue annuali e v’è il dubbio se intraprendere o meno una terapia per abbassare il colesterolo.Le invio qualche dato,colesterolo totale:253,ldl:140,hdl:92,trigliceridi:105,pressione media in assenza delle sue ansie o stress tra 1 125-145/70-80,glicemia a digiuno moderatamente alterata(da anni le è stata fatta una diagnosi di intolleranza al glucosio) a 140,da un anno la sta trattando ed è scesa a 127 con un’emoglobina glicata pari a 6.6.In sostanza il dottore vorrebbe prescriverle le statine il cardiologo di famiglia è propenso invece per la non prescrizione. Nel 2000 le è stata fatta la carta del rischio cardi... continua >>
ovascolare e con dei dati clinici molto simili a quelli che le ho indicato è risultato un rischio dell’ 8%,nella sua famiglia suo padre è morto molto giovane per un malore dovuto però alla pressione bassissima,mia nonna di emoraggia cerebrale,mio zio di edema polmonare,mia zia ha 83 e sta benissimo cosi come due cugine ultraottantenni.In sostanza c’è una media familiarità per eventi cardiovascolari cosi come Vorrei un suo parere in rappori ai dati complessivi sopra citati colesterolo compreso.Grazie.
Un trattamento dietetico ovrebbe consentire di ottenere ottimi risultati sui parametri descritti; se ciò non avviene consiglierei la statina. Dr Di Benedetto
Dott. Sergio Di Benedetto

ecg
13 Ott 08 - LEONARDA, 46 anni (id: 86328)
  Con ecg referto è: Freq Vent 83 BPM, Int PR 180ms, Dur QRS 89ms, QT QTc 363/402ms, Assi PRT 64 14 55 , sottoslivellamento minimo ( di ST 0,025+MV) ECG ai limiti della norma. Mi devo preoccupare?
no Dr Di Benedetto
Dott. Sergio Di Benedetto

ecotransesofageo
13 Ott 08 - francesca, 43 anni (id: 86320)
  La ringrazio Dott.Di Bnedetto per il chiarimento(caso 85363), potrebbe spiegarmi come viene effettuato l’esame transofageo (crdo si dica così) per vedere le caratteristiche del foro interatriale?).Che percorso fà la sonda?Arriva fino al cuore???Si fa in abulatorio?In anestesia? Grazie
Questo esame sfrutta la stretta relazione di vicinanza che vi è dal punto di vista anatomico tra cuore ed esofago. Viene eseguito ambulatorialmente, senza anestesia. La sonda ecografica viene isnerita in esofago attraverso la cavità orale e posizionata dietro al cuore. Lo stretto rapporto di vicinanza consente di ottenere immagini più dettagiate del cuore di quanto è possibile ottenere con l’ecografia transtoracica. Dr Di Benedetto
Dott. Sergio Di Benedetto

attività fisica
12 Ott 08 - ludovico, 42 anni (id: 86299)
  Egr.DR. di BENEDETTO,ho effettuato visita cardiologica,ecg,ecocolordopller,eco dei vasi epiaortici,esami del sangue et urine tutto nella norma ,il medico mi ha consigliato di fare attività fisica per scaricare un po di stress,sono andato a fare 1 ora di corsa dopo 15 anni di inattività,la mia frequenza è di solito 72/76 bpm,pa 100/70,dopo la corsa la frequenza era intorno a 170,quello che mi ha turbato che la fq è rimasta intorno ai 95,100 bpm per circa 5 ore.le volevo chiedere se è normale,aggiungo che sono un soggetto molto ansioso,la mia emotività ha potuto incidere su tutto ciò,posso fare sport adesso ho un po paura.certo di una sua ogni bene.fra ludovico.
Consiflierei di continuare nell’attività fisica, ma in modo più graduale con frequenze cardiache di riferimento intorno ai 120-130 bpm DR Di Benedetto
Dott. Sergio Di Benedetto

dormiveglia
12 Ott 08 - Andrea, 37 anni (id: 86286)
  Buongiorno, vorrei rappresentarle il mio problema. Circa 2 anni fa ebbi una crisi ipertensiva e dopo essere andato al pronto soccorso e poi dal cardiologo, ho iniziato una severa dieta finalizzata al calo ponderale e massicce dosi di sport. Tra laltro in quel periodo di ipertension mi capitava ogni tanto che, quando prendevo sonno, mi trovavo in uno stato di dormiveglia dove magari aprivo gli occhi ma non riuscivo a muovermi. Anzi, se mi sforzavo di muovermi avvertivo un sibilo fortissimo alle orecchie. Allora cercavo di rlassarmi finchè non mi svegliavo completamente. Dopo 2 anni ho perso circa 20 kg e non ho mai più avuto problemi di pressione che controllo settimanalmente. Però negli ulti... continua >>
mi 15 giorni (compreso ieri sera) si è ripresentato il fenomeno del dormiveglia (anche se in forma leggere)e mi sono un po preoccupato. Questo fenomeno secondo lei è legato allipertensione? O sennò a cosa e come posso combatterlo? Saluti e grazie per lattenzione. Andrea.
Non credo che il fenomeno descritto sia legato all’ipertensione Dr DSi Benedetto
Dott. Sergio Di Benedetto

colesterolo HDL
11 Ott 08 - ettore, 35 anni (id: 86258)
  gentile dottore in seguito a normalissime analisi del sangue e risultato un valore del colesterolo HDL alterato pari a 34mg/dl con sotto scritto :inferiore a 40 alto rischio. Considerando che il colesterolo totale e pari a 196 con un massimo di 220, quindi nella norma, mi devo preoccupare? in attesa di Sua risposta, le invio i miei saluti
I dati riportati non mi paioni preoccupanti DR DI Benedetto
Dott. Sergio Di Benedetto


Da 6118 a 6133 di 12444