Logo ricerca con Google


Sei in: Medico on-line > Chirurgia Generale

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Chirurgia Generale
Referenti

ultimo aggiornamento 20/05/2010
 
Aree tematiche

    L’ Eq. Chirurgia Generale Prof. Minni risponde alle domande inerenti :
  • Chirurgia della mammella
  • Chirurgia della tiroide, delle paratiroidi e del surrene
  • Chirurgia di giorno (day surgery)
  • Chirurgia del pancreas, della colecisti e delle vie biliari
  • Chirurgia dei tumori dello stomaco, dell’intestino e del colon-retto
  • Chirurgia Mini-invasiva Laparoscopica e Robotica

Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 1/02/2006
Invia la tua domanda
- Prof. Francesco Domenico Capizzi ha raggiunto il limite massimo di domande a cui rispondere

Domande / Risposte
colecisti
8 Ott 13 - enrica, 56 anni (id: 127839)
  Egregio Prof.re.In riferimento alla sua risposta(7/10/13),ribadisco assenza di sintomatologia da circa 10 anni, epoca della diagnosi(calcolo a stampo70 mm.).E necessario lintervento?Quali complicanze senza intervento? Grazie per la risposta.
Non sono un indovino, per cui non sono in grado di prevedere se in futuro lei tornerà sintomatica o se svilupperà complicanze. La decisione è estremamente soggettiva, certo che per togliere in laparoscopia una colecisti con un calcolo a stampo di 7 cm. ci vorrà un buon laparoscopista (sempre che lei non abbia un’idrope). Saluti, Prof. Minni
Eq. Chirurgia Generale Prof. Minni


colecisti
4 Ott 13 - enrica, 57 anni (id: 127783)
  Gentile dottore sono portatrice di calcolo a stampo della colecisti di grosse dimensioni.Cè indicazione allintervento chirurgico?Quali sono le complicanze se ritardo lintervento.Grazie per la risposta.
Gent.le. collega, se le sue condizioni generali sono buone (non presenta fattori di rischio chirurgico) e se la colecisti è (o è stata) sintomatica, c’è indicazione all’intervento. La percentuale di nuove coliche biliari o di complicanze nei pazienti che hanno già avuto sintomi legati alla calcolosi è infatti elevata nel tempo. Ovviamente conviene sempre partire per via laparoscopica, a meno che non sussistano controindicazioni generali o specifiche all’intervento in chirurgia mini-invasiva. Prof. Minni
Eq. Chirurgia Generale Prof. Minni

bartolinite
23 Set 13 - jalila, 34 anni (id: 127666)
  Buongiorno Dottore, mi sono sottoposta lultimo venerdì allintervento in oggetto. La ciste di circa 4 cm era situata sul labbro sinistro. Il referto parla "di formazione cistica del diametro di 4 cm, mobile sui piani superficiali e profondi, riferibile a cisti del Bartoini. Si incide la cute e si procede ad enucleazione della cisti, che viene escissa integra. Emostasi del letto cistico. Ricostruzione dei piani sottocutanei. Punti di cute. " Volevo sapere se è normale che sembri che manchi un pezzo di labbro, se è solo un impressione o se è possibile che abbiano asportato una parte del labbro e se con la caduta dei punti tornerà come prima, dopo due giorni dalloperazione la ferita contin... continua >>
ua a sanguinare lievemente. In più ho dolori fortissimi alla schiena in quanto mi hanno inizialmente sottoposto a anestesia epidurale ma dopo tre punture alla schiena una più dolorosa dellaltra lultima mi ha fatto gridare e piangere mi hanno fatto lanestesia totale. Volevo chiederle se il dolore alla schiena è normale. La ringrazio anticipatamente.
Dalla descrizione dell’intervento non manca nessuna parte tranne la cisti tolta. Quello che lei vede è il normale esito post-operatorio. Anche il modico sanguinamento non preoccupa più di tanto. Dia tempo al tempo e vedrà che la guarigione sarà completa. Quanto al dolor di schiena, se ne ha la possibilità, consulti l’anestesista di turno per il da farsi. Prof. Minni
Eq. Chirurgia Generale Prof. Minni

colecisti
12 Ago 13 - catia, 42 anni (id: 127378)
  dovrei essere operata alla colicisti l intervento si puo eseguire in day surgery
Noi eseguiamo abitualmente interventi di colecistectomia laparoscopica, ma non in regime di day surgery e questo nell’interesse del paziente. L’intervento infatti comporta un’anestesia generale e un sia pur minimo tasso di complicanze che rendono più sicuro almeno un pernottamento. Cordiali saluti, F. Minni
Eq. Chirurgia Generale Prof. Minni

emorroidi
27 Lug 13 - Francesco, 31 anni (id: 127269)
  Salve a causa di un infezione da eschechirchia coli mi hanno riscontrato una prostatite. Dopo 15gg di bactrim e altri 15 di unaltro antibiotico ho solo sconfitto L infezione ma il dolore per la prostitate è rimasto .il terzo urologo dopo una visita mi ha prescritto topster supposte e orudis, 15gg di cura e prostatite scomparsa,ma allimprovviso vengo fuori emorroidi sia interne che esterne. Visita chirurgica una cura di daflon e proctolin e emorroidi scomparse ,il problema è che adesso ho lano contratto e stimolo di urinare ,come posso risolvere? ...grazie ,vi preciso che ecografia testicoli e vescica sono ok e analisi del sangue ok ,urina senza più batteri ..grazie
Io avrei un attimo di pazienza, nella speranza che con un pò di tempo si aggiusti tutto e non farei nulla se non cercare di ammorbidire la massa fecale, mangiando alimenti ricchi di scorie (frutta e verdura), eventualmente aggiungendo delle mucillagini per os (es. Psyllogel) e bevendo molta acqua. Se la contrattura dell’ano permane, può usame una pomata a base di nitroglicerina, che si chiama Antrolin e induce rilasciamento dello sfintere. Quanto allo stimolo urinario, continui a bere molto e se il problema permane, consulti nuovamente un urologo. Prof. Minni
Eq. Chirurgia Generale Prof. Minni

appendicite
25 Lug 13 - fabio, 26 anni (id: 127260)
  Buonasera, A seguito di una appendicectomia, a distanza di una settimana dallintervento, si è gonfiata la parte sottostante la cicatrice. La tumefazione al tatto risulta essere molto dura, come se fosse un osso. La cicatrice non presenta colore alterato ed è di bellaspetto. Chiedo a lei, Dottore quali rimedi adottare per eliminare questo fastidioso versamento di sangue/liquido che si è indurito sotto la cicatrice. Ringraziandola per il tempo che mi dedicherà, le auguro una buona serata. Fabio Persico
Credo che debba farsi vedere dal chirurgo o comunque nel reparto in cui è stato operato, perchè potrebbe trattarsi di una infezione della ferita, o da drenare o da trattare con terapia antibiotica. Prof. Minni
Eq. Chirurgia Generale Prof. Minni

palla coscia
7 Lug 13 - ciro, 39 anni (id: 127103)
  mio fratello si è accorto di avere una palla sulla coscia destra, non gli fa male se la schiaccia è tipo gelatinosa cosa puo essere?
Probabilmente è un lipoma. Ecografia e a seguire visita chirurgica. PROF. MINNI
Eq. Chirurgia Generale Prof. Minni

mammella
8 Giu 13 - Giulia, 22 anni (id: 126831)
  Buongiorno, sto scrivendo a Voi perchè il mio medico è in ferie e vorrei sapere se posso aspettare o se è il caso di rivolgermi al suo sostituto. Cinque giorni fa mi è comparso sul torace, vicino al seno, un rigonfiamento arrossato e doloroso, un po duro. Mi sono rivolta in farmacia e mi è stato consigliato di applicare Gentamicina per una settimana. Adesso il rossore è quasi del tutto scomparso e anche il dolore è raro (ad esempio ho avuto giusto un po di fastidio in autobus a causa del sobbalzamento del sedile). Tuttavia il rigonfiamento è ancora presente e al tatto non sembra una "pallina" come potrebbe essere una cisti, ma con una forma un po allungata che va dal torace al seno. E il c... continua >>
aso che mi faccia controllare subito o posso aspettare? Dalla descrizione può dirmi cosa potrebbe essere? La ringrazio. Cordiali saluti. Giulia
Probabilmente si tratta di un semplice problema cutaneo di tipo infiammatorio, ma a distanza non posso assicurarla e quindi mi sembra che una visita dal suo medico sia necessaria. Il suo medico deciderà successivamente se è opportuno o meno che si rivolga ad uno specialista. Prof. Minni
Eq. Chirurgia Generale Prof. Minni

mammella
3 Giu 13 - massimo, 50 anni (id: 126788)
  cosa significa in medicina zona ipoecogena retro anteriolari riferibile a ginecomastia.
Zona a minor densità ghiandolare dietro al capezzolo. Nulla di patologico in sostanza. Prof. Minni
Eq. Chirurgia Generale Prof. Minni

ginecomastia
3 Giu 13 - massimo, 50 anni (id: 126787)
  cosa significa in gergo medico ecografia mammella dx zona ipoecogena retro arteriolari riferibile a ginecomastia .
La ginecomastia non è una malattia, ma una condizione clinica caratterizzata da un eccessivo sviluppo (con relativo aumento di volume) della ghiandola mammaria nel sesso maschile. Può insorgere fisiologicamente durante la pubertà, ma dopo poco tempo si riduce, oppure anche più avanti negli anni, ad esempio in caso di malfunzionamento del fegato o per assunzione di determinate sostanze ormonali. Questo aumento di volume non comporta particolari conseguenze fisiche, ma può avere conseguenze di tipo psicologico e alcuni pazienti con ginecomastia essenziale richiedono l’opera del chirurgo per eliminare la ghiandola mammaria (mastectomia sottocutanea). Prof. Minni
Eq. Chirurgia Generale Prof. Minni

tiroide
3 Giu 13 - Angela, 46 anni (id: 126786)
  Entro 6 mesi dovrò sottopormi a tiroidectomia totale, vorrei sapere se posso usufruire della chirurgia Mini invasiva e possibilmente sapere dove rivolgermi a Bologna e città limitrofe. Questa la mia problematica: da 20anni tiroidite di hashimoto (terapia eutirox), da 1 anno trovati noduli, quello dominante è 25,2 x 12x3 x 13x3. Ho fatto 2 volte lago aspirato: diagnosi citologica di proliferazione follicolare a tipo nodulo iperplastico adenomatoso a cellule ossifile categoria TIR3a, rischio malignità 5 / 15%. Ringrazio anticipatamente
Pochi centri in Italia trattano la tiroide per via mini-invasiva e con indicazioni limitate. Può informarsi presso la chirurgia del Prof. Miccoli a Pisa. Chirurgia Minni
Eq. Chirurgia Generale Prof. Minni

EGDS
24 Mag 13 - lilli, 60 anni (id: 126676)
  mio marito si è sottoposto a EGDS perchè alla TAC risultava un polipo del duodeno. Il referto della EGDS è il seguente:MODESTA INCOMPETENZA CARDIALE A VALLE DELLA PAPILLA DI VATER MA IN CONTINUITA CON IL BORDO INFERIORE DELLA STESSA E PRESENTE UNA NEOFORMAZIONE VILLOSA DI 3 CM DI DIAMETRO COME AMPULLOMA SI ESEGUONO BIOPSIE PER DEFIZIONE ISTOLOGICA. La prego mi faccia comprendere di cosa si tratta. Grazie
Non sono in grado di risponderle con precisione: è confermato il polipo duodenale, nella sede della papilla di Vater, cioè nello sbocco in duodeno del coledoco e del dotto pancreatico, ma manca ancora l’esame istologico, da cui dipende il tipo di terapia. Se il polipo risulterà benigno si potrebbe tentare una sua asportazione endoscopica, ma le dimensioni sono al limite e ci vuole un endoscopista esperto, con una sala operatoria pronta in caso di necessità. Se vi fossero delle cellule maligne, occorrerà consultare un chirurgo esperto in chirurgia pancreatica, cioè trovare un centro di riferimento perchè si tratta di intereventi che non si fanno ovunque. A Bologna noi siamo il gruppo che fa più interventi su questa sede anatomica e quindi nel caso potrebbe fare riferimento a noi, ma altri centri in Italia sono dedicati a questo tipo di chirurgia. Prof. Minni
Eq. Chirurgia Generale Prof. Minni

RM pancreas
14 Mag 13 - Pietro, 66 anni (id: 126557)
  Ho fatto Risonanza Magnetica addome completo. Risulta centimetrica cisti della coda del pancreas probabilmente secondaria alla ectasia di un dotto. Pancreas di volume normale senza significative alterazioni di segnale. Mi devo preoccupare e fare altre indagini? Che significa esattamente centimetrica?
Per prima cosa avrei bisogno di sapere se ha eseguito una semplice Risonanza Magnetica o se ha eseguito invece una Colangio-wirsung-Risonanza Magnetica con studio secretivo con secretina. Poi avrei bisogno di sapere cosa significa centimetrica, perchè anche per me è un termine genereico che non significa nulla. Detto ciò, con le moderne metodiche di indagine si scoprono sempre più frequentemente lesioni cistiche a carico del pancreas, che spesso non hanno un importante significato patologico, mentre in altri casi meritano uno studio approfondito con l’indagine cui ho in precedenza accennato o con altre metodiche diagnostiche. In definitiva non sono in grado di risponderle, ma ritengo che lei debba farsi seguire da un centro di chirurgia pancreatica (non perchè ci voglia un intervento, ma solo per inquadrare al meglio la sua lesione). A bologna è la U.O. da me diretta che si occupa di queste problematiche, ma può chiedere al suo medico se conosce altri centri dedicat della sua regione (es. Pisa).Prof. Minni
Eq. Chirurgia Generale Prof. Minni

borborigmi
13 Mag 13 - enrica, 57 anni (id: 126542)
  buongiorno mio figlio che ha 29 anni è stato operato di appendicite a febbraio, in questi giorni ha fastidiosi brontolii allintestino, possono essere causati da alimenti che non dovrebbe assumere oppure le cause potrebbero essere altre ? grazie
Provi a farlo stare a dieta (niente alcool, spezie, legumi, verdure, fritti o cibi troppo elaborati) per qualche giorno. Se continua e insorgono dolore o disturbi dell’alvo consulti un gastroenterologo. Nessun rapporto con la pregressa appendicectomia. Prof. Minni
Eq. Chirurgia Generale Prof. Minni

nodulo mammella
29 Apr 13 - valentina, 26 anni (id: 126397)
  Salve dottore,mi è stato diagnosticato tramite unecografia mammelle completamente adipose. In regione peri-areolare superiore sinistra formazione fibro-lipomatosa di 63 mm.cosa devo fare..?ho due bambine piccole e tanta paura...!!!
Una formazione che all’ecografia ha le caratteristiche di un fibrolipoma è benigna e quindi non desta preoccupazioni: certo se è di 63 mm (cioè 6 cm) è grandina e forse potrebbe anche essere presa in considerazione la sua asportazione. Ma ovviamente queste sono ipotesi fatte a distanza e la cosa migliore è rivolgersi ad un senologo che le consigli il da farsi. Prof. Minni
Eq. Chirurgia Generale Prof. Minni


Da 68 a 83 di 4150