Sei in: Medico on-line > Chirurgia Generale

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Chirurgia Generale
Referenti

ultimo aggiornamento 20/05/2010
 
Aree tematiche

    L’ Eq. Chirurgia Generale Prof. Minni risponde alle domande inerenti :
  • Chirurgia della mammella
  • Chirurgia della tiroide, delle paratiroidi e del surrene
  • Chirurgia di giorno (day surgery)
  • Chirurgia del pancreas, della colecisti e delle vie biliari
  • Chirurgia dei tumori dello stomaco, dell’intestino e del colon-retto
  • Chirurgia Mini-invasiva Laparoscopica e Robotica

Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 1/02/2006
Invia la tua domanda

Domande / Risposte
sangue
11 Apr 07 - Diego, 38 anni (id: 57738)
  Buongiorno, circa un mese fa, dopo l’assunzione di antibiotici per una cura dentistica, sono andato di diarrea due o tre volte. Nei giorni successivi ho sentito sull’ano come una pieghetta e per diverso tempo ho avuto un leggero prurito/fastidio che, curato con bidé caldi, è passato in un paio di settimane. E’ rimasta solo una sensazione di piccolo bruciore al passaggio delle feci fino a che, la settimana scorsa, a causa di feci più dure, ho visto del sangue rosso vivo nella parte terminale delle stesse. Da allora succede che se le feci sono poco consistenti non ci sono problemi, se sono più dure avverto il leggero bruciore e vedo poi il sangue. Cosa potrebbe essere? Cordiali saluti
si faccia visitare
Prof. Francesco Domenico Capizzi


Calcolosi colecisti
10 Apr 07 - Adelia, 70 anni (id: 57686)
  Gentile dottore, insieme al calcolo alla coliciste ho della ranella che mi sta procurando il dolore che Le dicevo allo stomaco: conosce Lei un sistema per eliminarla? Io avrei sentito parlare di un’acqua chiamata TESORINO.Grazie della gentile attenzione.
Avevo già risposto alla sua precedente domanda: quanto al quesito che ora mi pone, non so cosa sia l’acqua chiamata "tesorino" e, in presenza di una calcolosi sintomatica e multièpla della colecisti, in assenza di altre patologie che controindichino l’intervento, io consiglio una colecistectomia laparoscopica. prof. Minni
Eq. Chirurgia Generale Prof. Minni

esofagite
10 Apr 07 - iole, 25 anni (id: 57684)
  salve professore,è un mese circa che curo l’esofalgite e va meglio, ma non credo di essere guarita del tutto ancora...pultroppo sono una fumatrice,per qualche tempo ho smesso, adesso però sto fumando 2 max 3 sigarette al giorno. riesco a guarire lo stesso? ho scoperto di avere anche l’Helicobbatter, può essere dipeso da questo virus il reflusso? grazie mille
si faccia curare, smetta di fumare
Prof. Francesco Domenico Capizzi

bruciori
10 Apr 07 - Nicole, 16 anni (id: 57683)
  Salve, premetto che sono il fidanzato della ragazza in questione. Volevo porvi una domanda: Ieri mentre stavamo giocando su di un prato accidentalmente la mia ragazza(Nicole) è caduta dentro ad un fosso per i campi circostanti. Purtroppo presa dallo spavento non mi ha saputo dire se ha ingerito accidentalmente dell’acqua da questo fosso. Gli ho subito fatto fare una doccia ma verso sera, probabilmente per una o due birre bevute ha vomitato 3 volte. Ora ha delle macchie di colore giallastro sulle mani cosa che reputo sia stato a causa delle numerose ortiche presenti nelle vicinanze del fosso. Volevo sapere cosa sarebbe bene fare a livello di esami per una qualsiasi malattia contratta. Graz... continua >>
ie dell’ascolto, Simone
ne parli con il medico
Prof. Francesco Domenico Capizzi

Calcolosi colecisti
9 Apr 07 - Adelia, 70 anni (id: 57661)
  Gentile dottore, oggi ho avvertito costante e non molto leggero dolore alla stomaco e su consiglio del 118 ho preso Buscopan, Malox ed Aulin. Le premetto anche che ho un calcolo alla coleciste: le due cose possono essere legate tra loro? Cosa mi consiglia. Grazie.
Potrebbero essere collegate, ma come può ben capire non ho elementi per formulare alcuna ipotesi diagnostica. Prof. Minni
Eq. Chirurgia Generale Prof. Minni

esofagite
7 Apr 07 - francesco, 48 anni (id: 57615)
  soffro di esofagite da reflusso, ma non ho mai avuto gonfiore addominale,il mio peso è stato sempre di 78Kg. 5 mesi fa ho avuto una piccola ulcera con emorragia operata con urgenza in gastroscopia, tutto bene. Pero dopo circa due mesi ho cominciato ad avere lo stomaco sempre gonfio e pieno di aria (senza alcun dolore) e ad aumentare di peso fino a 86Kg.mangiando e facendo le stesse identiche cose di prima.
è necessario analizzare lei e la documentazione clinica
Prof. Francesco Domenico Capizzi

colecistectomia
6 Apr 07 - Antonella, 42 anni (id: 57591)
  mio marito è stato operato di coliciste il 22 marzo u.s. Vorrei sapere se è normale se ogni tanto vomita bile grazie
no
Prof. Francesco Domenico Capizzi

mammella
6 Apr 07 - laura, 35 anni (id: 57584)
  Egregio Prof, le scrivo per avere un suo parere in merito all’opportunità o meno di operarmi al seno. Questa la diagnosi: " Fibroadenoma del Quadrante Infero-Interno Destro di mm 10.6x31; del Quadrante Infero Esterno Destro in ore 8.50 di mm 4.5x7.6; area fibroadenomatoide del Quadrante Supero-Esterno sinistro di mm 2.9x6.3. Mastopatia fibrocistica microcistica con alcune aree macrocistiche con dimensioni massime di mm 4.4x7.9 al quadrante Supero-Esterno Destro in ore 10.Ectasia duttale diffusa. Aspetti iperplastici funzionali bilaterali. Linfonodo mammario esterno alla periferia del Quadrante supero-esterno sinistro in ore 2.50. Scarsa componente adiposa. Linfoadenopatia ascellare reatt... continua >>
iva bilaterale". In attesa di una celere e cortese risposta, Le auguro una Buona Pasqua.
I dati che lei riporta sono tutti indicativi di affezioni benigne della mammella, che possono non rendere imperativo un intervento chirurgico. Tenga però presente che la decisione di intervenire chirurgicamente o meno non dipende solo dal referto di una indagine strumentale, ma da un insieme di fattori, tra cui in primis una scrupolosa visita senologica, che le consiglio di effettuare. Prof. Minni
Eq. Chirurgia Generale Prof. Minni

operazione
6 Apr 07 - Alberto, 34 anni (id: 57583)
  Gentili Dottori, ho avuto un mese fa un operazione dopo ennesimo attacco di diverticolite, con resezione del sigma, e resezione di tratto intestino tenue che aveva creato aderenze sulla vescica. E’ stata fatto con operazione classica (taglio linea alba). Passati 30 giorni sento i pareri più disparati, una Dott.ssa mi dice di fare addominali per evitare il rilassamento muscolare, chi mi dice di correre, chi di stare fermo più mesi. Cosa mi consigliate Voi in proposito di attività sportiva post operatoria? Potrebbe essere negativa per il tipo di operazione da me eseguita? Vi ringrazio anticipatamente, Alberto
mi sembra logico rivolgersi a chi l’ha operata
Prof. Francesco Domenico Capizzi

Calcolosi colecisti
5 Apr 07 - luigi, 53 anni (id: 57574)
  mi hanno trovato un calcolo alla colicisti di quasi 2 centimetri. bisogna per forza esportare la coliciste? distinti saluti luigi da siracusa.
Se la colecisti è sintomatica, direi proprio di si. Prof. Minni
Eq. Chirurgia Generale Prof. Minni

colecistectomia
5 Apr 07 - cristina, 39 anni (id: 57568)
  Ho fatto un ecografia da cui è risultato che ho: colecisti normoformata, a pareti ispessite, ripiena di calcoli. L’operazione è opportuna o è preferibile attendere. Nel caso decida di non operarmi che problemi potrei avere ?
Sulla base della sola ecografia (non mi da notizie cliniche al riguardo) credo sia consigliabile l’intervento. Se non si opera, potrebbe avere coliche (se già non le ha) e complicanze. Prof. Minni
Eq. Chirurgia Generale Prof. Minni

pancreas
5 Apr 07 - GUIDO, 40 anni (id: 57551)
  Egr. dottore, vorrei porle un quesito in merito alla seguente situazione paradossale: Ad un mio parente, che si è sottoposto alla RM, è stato dato un reponso abbastanza nefasto che dice, fra le altre cose: "la regione corpo-coda del pancreas è occupata da una voluminosa lesione espansiva di morfologia grossolanamente tondeggiante e di 6,5cm di diametro, solida con discreta impregnazione contrastografica e contenente alcune calcificazioni e piccole aree ipovascolari verosimilmente colliquative. La lesione, a margini piuttosto netti, si estende nell’adipe peripancreatico senza chiari segni di infiltrazione dei vasi splenici. Il reperto è sospetto per una neoformazione ad elevata aggressività... continua >>
biologica e necessita approfondimento bioptico." Allarmati da tale referto, informatici con un dottore, questo ci ha consigliato la PET prima di propendere per l’operazione (comunque necessaria) al pancreas. La cosa assurda è che LA PET NON RISCONTRA NIENTE AL PANCREAS!!! Può succedere una cosa del genere? A chi dobbiamo dare ascolto? Può essere che la PET, considerata uno dei mezzi diagnostici più efficaci, non trovi niente? O, viceversa, si può prendere un abbaglio così grosso nel rilevare una massa di 6,5 cm di diametro (!!!) che non c’è? Che esami consiglia fare? Grazie per la risposta.
bisognerebbe prendere visione
Prof. Francesco Domenico Capizzi

recidiva?
4 Apr 07 - Giuseppe, 48 anni (id: 57516)
  A seguito di continua dolenzia al basso ventre, che aumentava sotto sforzo, mi e’ stata diagnosticata una ernia inguinale. da doppler era presente anche un varicocele di II grado , bilaterale. Sono stato operato di ernia il 7/12/2006, ma la sintomatologia non e’ migliorata, anzi e’ peggiorata con dolori al basso ventre, "pungenti" anteriormente in zona pubica lato destro, con irradiamento "viscerale" al ventre, sempre lato destro . ho fatto una ecografia il 12/3/2007 con il seguente referto: "si rilevato esiti di pregresso intervento di ernioplastica, tra i quali potrebbe essere ascritta area iperecogena di 29x10 mm. limitrofa al canale inguinale. con le manovre dinamiche si apprezza ... continua >>
residua modica erniazione nel canale inguinale, per circa 1 cm., di strutture addominali". Non vorrei sottopormi ad un altro intervento a vuoto, cosa mi consigliate di fare? Grazie
Se c’è realmente una recidiva erniaria e se essa è sintomatica credo che lei abbia poche scelte. Prof. Minni
Eq. Chirurgia Generale Prof. Minni

disturbi
4 Apr 07 - elena, 30 anni (id: 57515)
  Ho scoperto quasi 20 anni fa,casualmente in seguito ad intervento di appendicectomia (l’appendice venne trovata a dx con dolore in ipocondrio sin),di essere affetta da maltorotazione intestinale.La situazione negli ultimi 10 anni va peggiorando di gg in gg,attacchi diarroici improvvisi,talvolta concomitanti a dolori talmente forti da crearmi incontinenza fecale,tensione addominale e gonfiore.Negli ultimi tempi gli episodi diarroici sono preceduti da sensazione di "nodo" tra l’ipocondrio sin ed il quadrante superiore sin.Circa 2 anni fa mi sono sottoposta a laparoscopia esplorativa ed aderenziolisi con benefici lievissimi e di breve durata.La mia domanda è: esiste una terapia farmacologica o ... continua >>
chirurgica per risolvere il problema?Grazie per l’attenzione distinti saluti elena
bisognerebbe analizzare la documentazione
Prof. Francesco Domenico Capizzi

controllo mammografico
4 Apr 07 - michela, 47 anni (id: 57487)
  Sono una danna di anni 47 operata l’anno scorso di un papilloma duttale con esito negativo, per controllo ho fatto il 2/4/2007 una eco e una mammo volevo chiederle gentilmente se mi devo preoccupare o posso aspettare la visita senologica prenotata per il giorno 16 Aprile all’ospedale Pascale,lnvio l’esito della eco e della mammo Ecografia bilaterale Il mantello cutaneo si presenta normo-rappresentato nelle sue componenti sia nella sua struttura sia per lo spessore. I piani adiposi sottocutanei e retromammari appaino indenni e normo-clivabili, con normale decorso delle creste di Duret. Il parenchima appare diffusamente dismogeno per note di mastopatia fibrocistica con aree maggiori a... continua >>
sinistra in QIE di ciraca 19,6mm e 23,7mm a destra la formazione maggiore appare in QIE di max 16x7mm. In QSE ai apprezza ciste complessa di max 10,1mm, si apprezzaa areee isocogene differenziabili dal restante parenchima da ascriversi a verosimili fibroadenomi di massimo7,7mm in QSI a sinistra. Non si evidenziano aree sospette Non si aprezza ectasia duttale Assenza di linfoadenopatie locoregionali a carattere sospette. Mammografia bilaterale Regolare morfologia del profilo cutaneo e dello spazio chiaro perimammario. Strutture parenchimo-stromali in involuzione fibrosa, diffusamente addensate specie a sede retroareolare ed a livello dei QSE. Per la prevenzione oncologica, si consiglia il controllo ecografico e quello clinico semestrale e mammografico annuale. Saluti. Michela
Passi la Pasqua tranquilla e vada pure alla visita il 16 aprile. Prof. Minni
Eq. Chirurgia Generale Prof. Minni


Da 2673 a 2688 di 4160