Sei in: Medico on-line > Chirurgia Generale

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Chirurgia Generale
Referenti

ultimo aggiornamento 20/05/2010
 
Aree tematiche

    L’ Eq. Chirurgia Generale Prof. Minni risponde alle domande inerenti :
  • Chirurgia della mammella
  • Chirurgia della tiroide, delle paratiroidi e del surrene
  • Chirurgia di giorno (day surgery)
  • Chirurgia del pancreas, della colecisti e delle vie biliari
  • Chirurgia dei tumori dello stomaco, dell’intestino e del colon-retto
  • Chirurgia Mini-invasiva Laparoscopica e Robotica

Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 1/02/2006
Invia la tua domanda
- Prof. Francesco Domenico Capizzi ha raggiunto il limite massimo di domande a cui rispondere

Domande / Risposte
diarrea
9 Set 07 - cecilia, 35 anni (id: 64632)
  Dott. è da circa tre mesi che ho problemi di tachicardia,diarrea ed eccessivo muco nella gola . vorrei puntualizzare che un giorno ho trovato nelle feci una piccola quantita’ di mucosa .ho notato che somministrando alcuni cibi come il cioccolato la provola ed il caffe ,questi mi provocano i sintomi su indicati . tre mesi fa ho fatto le analisi del sangue ma l’unico valore alterato era la birilubina . cosa mi consiglia? grazie
colonscopia. poi mi faccia sapere
Prof. Francesco Domenico Capizzi


angioma epatico
8 Set 07 - angelica, 54 anni (id: 64611)
  Gentilissimo, mi hanno diagnosticato giá dal 2002 angiomi al fegato, scoperti in una tac di controllo postchirurgica al utero per cancro endometrio stadio 3.ho seguito i controlli abituali. nell ultima TAC di agosto 2007, l’ angioma é crecsiuto da i 9 mm a gli attuali 3 cm. la posizione é superficiale ed é nel segmento VII. Mi hanno sugerito operare per la possibilita di crescita futura e per gli antecedenti di CA. POteri avere il suo parere?
Per un angioma di soli 3 cm, anche se in crescita, in linea di massia sembra eccessivo un trattamento chirurgico. Certo io non ho a disposizione la visione generale del suo caso, come forse ha invece il medico che ha posto l’indicazione alla chirurgia. Prof. Minni
Eq. Chirurgia Generale Prof. Minni

ascesso mammario
8 Set 07 - manuela, 49 anni (id: 64607)
  scusi il disturbo ma io vorrei sapere se da un ascesso mammario non si puo guarire definitivamente sono 3 anni che divento matta sono gia stata tagliata 2 volte e ora mi e ritornato spero in una sua risposta cordiali saluti
Alcuni ascessi mammari danno origine a mastiti croniche di difficile guarigione; in particolare quelli in prossimità del capezzolo possono dare origine a fistole che rendono necessaria la asportazione di parte dell’areola. Consulti un chirurgo esperto in senologia per cercare di risolvere il suo problema. Prof. Minni
Eq. Chirurgia Generale Prof. Minni

reflusso
8 Set 07 - maura, 24 anni (id: 64603)
  Salve, mi è stata appena assegnata una cura a base di LANSOX 30 mg per un apparente reflusso. non ho dolori, ma solo una forte difficolta a deglutire, tant’è che anche mezz’ora dopo i pasti ho la sensazione che il cibo è ancora posizionato in gola, quasi attaccato alla lingua.il tutto è associato a lievi dolori sul fianco destro. si può affermare che non sia ernia iatale? grazie per l’aiuto.
continui la cura per un mese, poi si vedrà
Prof. Francesco Domenico Capizzi

emorroidi 2
8 Set 07 - simone, 29 anni (id: 64601)
  Buongiorno, le avevo già posto una domanda a riguardo elle emorridi, esattamente la 62904, e lei cortesemente mi aveva risposto; ora a proposito dello stesso problema volevo sapere come mi dovevo comportare dal momento che sono stato operato per fare uscire il trombodal cavocciolo emorroidario e come aveva detto in due settimane il trombo è scomparso sgonfiandosi, ma quando vado di corpo fuoriescono comunque le emorroidi, non mi fanno male e ne plurito e non sanguinano, probabilmente fuoriescono per lo sforzo di uscita delle feci. Percui arrivato a questo punto è meglio che mi faccia rivisitare, prenda medicine o altro per far andare via le emorroidi, oppure questo problema andrà scomparendo... continua >>
con il tempo in base alla mia alimentazione e alla regolatezza nell’andare di corpo? In attesa di una sua risposta porgo distinti saluti
Le emorroidi sono una malattia da sfiancamento dei plessi emorroidari e del tessuto di sostegno del canale anale ingravescente: ciò vuol dire che non possono migliorare, ma solo peggiorare con il tempo. Le consiglio pertanto una visita specialistica da un chirurgo proctologo. Prof. Minni
Eq. Chirurgia Generale Prof. Minni

lacerazione sigma
7 Set 07 - luciana, 54 anni (id: 64577)
  desidero sapere se è possibile che possa non essere osservata dall’operatore una lacerazione del sigma, provocata durante una colonscopia, condotta fino al cieco, a scopo diagnostico. Esistono statistiche a questo proposito? Ringrazio il Professor Capizzi per la gentile risposta Cordiali saluti luciana bellinzona
si è ossibile
Prof. Francesco Domenico Capizzi

ombelico
7 Set 07 - franca, 52 anni (id: 64558)
  Da circa due anni specialmente d’estate il mio ombelico diventa rosso e all’interno si forma del puss. Non mi sono mai fatta vedere da un medico però da informazioni prese da mia figlia presso il medico di famiglia gli è statto detto che probabilmente si tratta di ernia ombelicale. Volevo sapere le cause e le conseguenze di questo mio problema e comunque cosa devo fare perchè sono molto preoccupata. La ringrazio per la risposta
si faccia visitare
Prof. Francesco Domenico Capizzi

sequele ernioplastica
7 Set 07 - Antonio, 48 anni (id: 64557)
  Gentile dottore sono stato operato di ernia inguinale destra con il metodo tension free il 21 giugno 2007, putroppo continuo ad avere dolori sia all’interno e alla cicatrice e un continuo rigonfiamento. Dopo un mese e mezzo sentivo di stare meglio ma il processo di guarigione sembra che si sia fermato, tutto ciò mi preoccupa. La ringrazio infinitamente
Esegua una ecografia con sonda dedicata per lo studio dei tessuti molli e torni con l’esito dal suo chirurgo. Prof. Minni
Eq. Chirurgia Generale Prof. Minni

pat ano-rettale
7 Set 07 - mario, 52 anni (id: 64553)
  Egregio dottore Le sarei infinitamente grato se potesse informarmi sui centri altamente specializzati in chirurgia ano-rettale in italia. Grazie.
v.allegato
Prof. Francesco Domenico Capizzi

tiroide in laparoscopia
7 Set 07 - loreta, 50 anni (id: 64547)
  Ho tre noduli tiroidei, mi hanno consigliato di operarmi, e’ possibile farlo in laparoscopia e se si dove?
In laparoscopia proprio no, in quanto il termine laparo viene dal greco e si riferisce alla cavità addominale; si può operare la tiroide con tecnica chirurgica mini-invasiva video-guidata. Trattandosi di una tiroidectomia totale, io sarei molto scettico a sottopormi ad un tale intervento con tale tecnica. Credo che la scuola del Prof. Miccoli di Pisa sia quella con la maggiore esperienza in proposito. Prof. Minni
Eq. Chirurgia Generale Prof. Minni

2 risposta tiroide
7 Set 07 - elena, 43 anni (id: 64545)
  pero non mi tolto il dubbio perche erimasto il residuo le faccio sapere che nel referto citologico\parlava di alcune atipie il mio nodulo era freddo pero nessuno mi a detto di questo problema comunque lo spero per me pero voi tra endo avete modo di pensare diversamente e io alla fine mi confondo e mi preocupo visto anche il mio stato di salute il mio tsh e o.23 ed e molto sopresso ma il medico dice che devo continuare a prendere150 dieutirox per via del residuo ma A CHI CREDO E POI IO PENSO POSSONO ANCHE AVER SBAGLIATO PERCHE TUTTI ALL INIZIO PENSAVANO CHE AVESSI UN CARCINOMA TIROIDEO LA PREGO MI RISPONDA LEI COSA NE PENSA DEI LINFONODI AL COLLO SONO PIENA E REATTIVI PER FORTUNA SONO CE... continua >>
RVICALI MANDIBOLARI GRAZIE E SCUSI PERUN PO DI CONFUSIONE NEL SCRIVERE
Non so cosa altro risponderle; l’esame istologico che mi ha specificato nella sua prima lettera depone per la benignità della lesione, per cui non c’è motivo di sospettare che vi sia malattia a livello linfonodale. Quanto alla terapia con Eutirox è quella che deve eseguire un paziente tiroidectomizzato e il dosaggio varia in relazione alla clinica e ai dosaggi ormonali da persona a persona. Quanto al residuo, le ripeto, dipende dalle sue dimensioni e comunque lo tenga controllato. Prof. Minni
Eq. Chirurgia Generale Prof. Minni

appendicite
7 Set 07 - silvana, 27 anni (id: 64533)
  buongiorno, ho spesso lievi disturbi a livello appendice-ovaio destro. cosa puo’ essere? preciso che l’evacuazione e’ regolare. i sintomi di un appendicite quali sono ? grazie.
I sintomi di un’appendicite acuta sono: dolore in fossa iliaca destra (irradiato all’ombelico o ad altre sedi a seconda del tipo di appendice), nause, vomito, alvo chiuso alle feci e ai gas, febbre. Ovviamente non è necessario che siano tutti presenti. Prof. Minni
Eq. Chirurgia Generale Prof. Minni

fitte alla testa
7 Set 07 - paolo, 23 anni (id: 64526)
  buongiorno!volevo chiedere come mai a volte ho delle fitte alla testa.sono localizzate o al centro o ai lati.c’è da preoccuparsi?analisi del sangue e ecg sono normali!
non ho elementi di giudizio
Prof. Francesco Domenico Capizzi

gozzo
7 Set 07 - elena, 43 anni (id: 64522)
  operta per gozzo multinodulare dopo quasi due anni mi trovano residuo tiroideo dx sx ma e normale avere i residuo la malatia si potrebbe ripresentare visto che era iperplasie a nodi multipli di entrambi i lobi della tiroide ad architettura medio follicolare x colloide con spodarici aspetti microffolicolari senza segni di malignita se veramente questo referto egiusto fra 20 giorni sapro qualcosa sono veramente stufa mi aiuti un po accapire grazie saro in attesa per una sua risposta
Il trattamento del gozzo multinodlare è attualmente la tiroidectomia totale. Dopo exeresi parziale la malattia può ricomparire a carico della tiroide residua. A volte però si parla di residuo anche per indicare minime quote di tessuto tiroideo, che in certi casi è gioco forza lasciare nel corso dell’intervento per evitare lesioni nervose. Quanto all’istologico, può stare tranquilla: era una lesione del tutto benigna. Prof. Minni
Eq. Chirurgia Generale Prof. Minni

postumi colecistectomia
6 Set 07 - anna, 40 anni (id: 64508)
  Da quattro anni ho subito una colecistectomia a causa di adenomi.Da un pò di tempo avverto di tanto in tanto dei leggeri dolori al quadrante destro superiore; fino a circa un mese fà quando dopo aver mangiato una grossa fetta di anguria, ho avuto un fortissimo dolore ,che mi è passato dopo l’assunzione di una spamex.Ho fatto un’ecografia, durante la quale mi hanno riscontrato una sospetta sabbia biliare e mi hanno dato il deursil 300 mg.
Immagino che la sabbia biliare sia nel coledoco, visto che è stata sottoposta a colecistectomia. Il Deursil va bene, ma le consiglierei di eseguire una colangio-RMN, per essere sicura che si tratti solo di sabbia e non di calcoli. Prof. Minni
Eq. Chirurgia Generale Prof. Minni


Da 2259 a 2274 di 4171