Sei in: Medico on-line > Neurochirurgia

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Neurochirurgia
Referenti

ultimo aggiornamento 8/07/2012
 
Aree tematiche


Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 26/04/2013
Invia la tua domanda

Domande / Risposte
discopatia
5 Mag 10 - Andrea, 41 anni (id: 106931)
  Buongiorno a causa forti dolori lombosacrali mi sono sottoposto ad una RM e lesito è il seguente: A L4-L5 disco intersomatico è ipointeso come per iniziale degenerazione ed è minimamente protrusoin sede mediana paramediana bilaterale senza significativa impronta sul profilo anteriore del sacco durale. A L5-S1 disco intersomatico è degenerato, di spessore ridotto e protruso in sede mediana e paramedianads. Cosa significa? qualè il problema e la cura?
Degenerazione discale senza apparente indicazione chirurgica
Dott. Eugenio Pozzati


spalla
5 Mag 10 - cira, 57 anni (id: 106930)
  Sono stata operata ai tendini e la cuffia delle spalle,ho avuto dolore ai gomiti ho fatto le terapie e sto meglio, adesso ho le mani gonfie, non riesco a piegare le dita, sento un forte bruciore e non riesco a fare nulla senza sentire dolore.il reumatologo mi ha detto tenosinovite cronica e mi ha prescritto duloxetina. lei cosa mi consiglia di farein attesa di una sua risposta la rngrazio
domanda non pertinente alla neurochirurgia
Dott. Eugenio Pozzati

ernia
5 Mag 10 - matteo, 46 anni (id: 106926)
  Carissimo dottore ho fatto da poco una tac rachide lombosacrale il risultato è il seguente: Sono stati esaminati gli interspazi compresi tra L1 ed S1. Alterazione spondilosiche ai metameri esaminati.A livello di L5-S1 si apprezza ernia parzialmente calcificata postero-paramediana sinistra. Bulging discale L4-l5 e L3-L4. gradirei gentilmente un suo consiglio tecnico su cosa fare . grazie
Dipende dai suoi disturbi, che non riferisce. L’ernia L5S1 sn se è sintomatica può richiedere un intervento chirurgico
Dott. Eugenio Pozzati

cisti
4 Mag 10 - marina, 50 anni (id: 106919)
  RM LOMBARE referto: Indagne eseguita con tecnica SE con sezioni orientate sul piano sagittale ed assiale. Normale ampiezza del canale vertebrale con regolare rappresentazione delle strutture intradurali. A livello L2-L-3 discopatia degenerativa caratterizzata da modica riduzione in altezza ed in intensità di degnale del disco intersomatico che appare protruso posteriormente a tutta circonferenza, con modica impronta sul sacco durale; concomitano alterazioni degeneative delle limitazioni somatiche contrapposte di L2 ed L3. Lieve salienza discale mediana-paramediana preforaminale sinistra a livello L4-L5. Formazioni cistiche radicolari nello sfondato sacrale, posteriormente ad S2. Cosa... continua >>
mi consiglia?
Come consigliarla se non riferisce i suoi disturbi?
Dott. Eugenio Pozzati

ernia
4 Mag 10 - roberto, 41 anni (id: 106915)
  esito tac rach-cervic +dorsale:modesta protusione discale paramediana dx in C5-C6.In C6-C7 grossolana ernia discale prevalentemente mediana.In C7-D1 il disco e disidratato e ha un margine posteriore calcifico che impronta lo spazio subaracnoideo anteriormente.volevo sapere se tutto questo puo essere causa di forti dolori al collo spalla e tutto il braccio sx anche al petto lato sx la ringrazio.ho fatto 9 giorni cura con urbason poi sospeso per forti effetti coll.al momento in attesa di fare l’elettrmiografia mi hanno dato solo il lyrica e il valium ma non ho benefici sono disperato dal dolore che non so piu come farmelo passare. se vado al p.s cosa risolvo? la ringrazio anticipatamente.la sa... continua >>
luto.
Può essere necessario l’intervento in C6/7 dato il volume dell’ernia, conviene comunque completare gli accertamenti con RMN cervicale ed elettromiografia Dr E Pozzati Neurochirurgia Osp Bellaria Bologna
Dott. Eugenio Pozzati

trauma
3 Mag 10 - STEFANIA, 40 anni (id: 106894)
  HO FATTO UNA TAC DEL RACHIDE E DELLO SPECO VERTEBRALE A CAUSA DI UN INCIDENTE LESAME DICE : TENDENZA ALLA RETTILINEIZZAZIONEDELLA FISIOLOGICA LORDOSI. AL PASSAGGIO C3-C4 PROCIDENZA DISCALE MEDIANA PARAMEDIANA SINISTRA. AL PASSAGGIO C4-C5 PROTRUSIONE DISCALE MEDIANA CON LIEVE IMPRONTA SU SACCO DURALE. AL PASSAGGIO C6-C7 PROTRUSIONE DISCALE INTRAFORAMINALE DESTRA CON IMPRONTA SULLA RADICE NERVOSA OMOLATERALE CORRISPONDENTE; IL DISCO INTRAVERTEBRALECORRISPONDENTE PRESENTA FENOMENI DEGENERATIVO DI TIPO EX VACUO. MI SA DIRE PER FAVORE COSA VUOL DIRE?
Non descrive che disturbi ha , non posso risponderle, non sembrano comuque discopatie importanti, a parte la C6/7 dx
Dott. Eugenio Pozzati

angioma
3 Mag 10 - guido, 26 anni (id: 106884)
  buongiorno vorrei capire meglio il significato dell-esame fatto da mia madre,le riporto in seguito tutto il risultato,la ringrazio in anticipo Guido. esame condotto tra c2 e c7 non patologie discali in rilievo canale discale normo ampio modesti fenomeni spondilosici presenza di stria ipodensa a decorso obliquo, ad andamento serpiginoso, nella spongiosa ossea de soma di c5, verosimilmente riferibile ad ectasia vascolare
Può essere necessario un approfondimento diagnostico con mezzo di contrasto o studio angiografico
Dott. Eugenio Pozzati

discopatie
3 Mag 10 - Tony, 48 anni (id: 106879)
  Buongiorno dottore per cortesia potrebbe spiegarmi l’esito di questa mia RMN: Regolare l’alliniamento metamerico. Non alterazioni strutturali ossee. In C3-C4 uncoartrosi bilaterale prevalente a destra. In C5-C6 il disco intersomatico è ridotto di spessore, involuto con aspetto protuso in sede mediana-parameriana sinistra; si associano opposizioni osteofitarie marginali. In C6-C7 il disco intersomatico è ridotto di spessore, involuto con aspetto protuso ad ampio raggio. Uncoartrosi bilaterale con riduzione d’ampiezza dei canali di coniugazione. Normale ampiezza del canale vertebrale. Regolare l’aspetto del midollo spinale. I sintomi da me avvertiti sono: Rigidità cervicale, una sensazione com... continua >>
e se avessi iltorcicollo,formicolio e scosse, debolezza a livello del tricipite del braccio sinistro con poco forza nel braccio stesso quando sollevo oggetti oppure la sensazione che le cose mi cadano dalle mani quanto le afferro gli stessi effetti li avverto lungo tutta la gamba sinistra anche qui con poca forza nella stessa. L’elettromiografia agl’arti superiori è a posto con valori nella norma. Gentilmente dottore potrebbe dirmi qual’è la cura che potrebbe farmi stare meglio, e a chi potrei rivolgermi se ad un ortopedico o ad un fisiatra. La visita dal neurochirurgo ha dato come esito "Modesta ipostenia m tricipitale a sn Riduzione r bicipitale a DS oltra alla conferma in base alla Rm di un ernia C5-6 sn e protusione C6-7. per piacere vorrei sapere anche il suo parere. La ringrazio.
Nel complesso, mi sembra che non vi siano indicazioni chirurgiche: si rivolga ad un fisiatra per il trattamento medico e ripeta una RMN in caso di peggioramento o persistenza dei disturbi
Dott. Eugenio Pozzati

subependomomi
3 Mag 10 - Claudio, 45 anni (id: 106874)
  Buongiorno, a mia figlia di 12 anni a seguito di una visita medico-sportiva e stata effettuata una risonanza magnetica con il seguente referto: In fossa cranica posteriore il quarto ventricolo è sulla linea medica normale.Regolarmente rappresentati gli spazi liquorali attorno al tronco ed al cervelletto.Non si osservano lesioni focali nel parenchima cerebellare e tronco encefalico.A sede sovratentoriale le strutture della linea mediana sono in asse.Lungo la parete laterale del ventricolo di sin sono apprezzabili immagini nodulari a segnale simil corticale in tutte le sequenze,meglio evidenti in corrispondenza della porzione superiore dellatrio,che improntano il ventricolo stesso.é inoltre... continua >>
presente un lieve asimmetria dei ventricoli laterali per sinistro maggiore.Sono regolarmente rappresentati i solchi corticali e non sembrano essere evidenti anomalie dello sviluppo corticale associate.non lesioni focali intraparenchimali. conclusioni:lesame documenta la presenza di eteropatie subependimali lungo la parete laterale del ventricolo di sinistra. Vorrei sapere se possibile la gravità di tale patologia. La bambina ad oggi non presenta nessun disturbo. Grazie Claudio
Si può trattare di subependimomi, ma su un referto non le posso dire di più, occorre vedere le immagini Dr Eugenio Pozzati Neurochirurgia Osp Bellaria Bologna
Dott. Eugenio Pozzati

stenosi
2 Mag 10 - ELDA, 50 anni (id: 106849)
  Ho una stenosi del canale vertebrale di tipo misto compreso tra L1 S5.Protusione discale ad ampia raggio posteriore mediana intraforamidale bilaterale del disco intersomatico compreso tra l5 s1.Non evidenza di ernie discali.Assotigliamento del disco intersomatico a tutti livelli esaminati-artrosi prevalentemente interapofisaria,con ipertrofia dei massicci articolari. HO ESEGUITO IERI TERAPIA DEL DOLORE MA RISULTATI POCHI, HO ANCORA TANTO MALE CHE MI PORTO DIETRO ORMAI DA CIRCA 6 MESI. COSA MI CONSIGLIA? gRAZIE
Penso che dovrà essere operata di laminectomia decompressiva
Dott. Eugenio Pozzati

discopatia
27 Apr 10 - MARIA, 53 anni (id: 106714)
  Buona sera Professore, rimango bloccata al centro delle spalle, ho forti dolori ai muscoli dorsali e non riesco a stare alzata. Per alleviare il dolore devo sdraiarmi e poggiare le spalle sul cuscino. Ho effettuato la RM (tratti Cervicale - Dorsale) il 19/04/2010.Potrebbe darmi il suo parere sul seguente referto e indicarmi la terapia da seguire? Tratto cervicale: Disidratati appaiono i dischi intersomatici da C3 a C5; coesistono riduzione dello spessore del disco C3-C4 e componente osteofitosica margino-somatica. A livello di C3-C4 si rileva protrusione discale posteriore mediana ad ampio raggio, prevalente a sinistra,che impronta il sacco durale.A livello C2-C3 si rileva minima protus... continua >>
ione discale posteriore mediana. Regolare per morfologia e segnale la corda midollare. Canale spinale di ampiezza normale. Tratto dorsale: Accenttuazione della fisiologica cifosi. Emangioma somatico di D3. Non si apprezzano protrusioni discali. Normale morfologia e segnale della corda midollare.
Bisogna valutare un’eventuale indicazione chirurgica a livello C3/4 dove l’ernia impronta il sacco durale
Dott. Eugenio Pozzati

meralgia parestesica
27 Apr 10 - stefano, 55 anni (id: 106711)
  Soffro di meralgia parestesica coscia sx con intorpidimento,bruciore e fitte quasi contunue.Non ho compressioni L2-l3 ma solo lombosciatalgia, Ho effettutao emg che ha confermato la diagnosi. Ho preso per 3 mesi Lyrica 75 (una la mattino ed una lla sera) oltre a Nicetile 500 (una matt e una sera)senza risultati.Come potrei risolvere? grz
Penso che dovrà essere operato, previo un test di blocco transcutaneo del nervo
Dott. Eugenio Pozzati

idrocefalo normoteso
27 Apr 10 - alessandro, 30 anni (id: 106691)
  Gentile Dottore, vorrei sapere se, quando si ha una diagnosi di idrocefalo normoteso, tra gli esami pre intervento chirurgico è prevista la puntura lombare? In quali casi può non essere effettuata? La ringrazio anticipatamente per la Sua cortese risposta.
Sì, può essere un test importante per valutare l’efficacia dell’intervento definitivo ( valvola o terzoventricolostomia), di solito è ben tollerato e non deve essere praticato solo in caso di terapia anticoagulante Dr Eugenio Pozzati Neurochirurgia Osp Bellaria Bologna
Dott. Eugenio Pozzati

cisti
26 Apr 10 - antonella, 44 anni (id: 106684)
  salve, a seguito di un esame istologico nella regione sottomammaria ho avuto un esito di neurofibroma ,quindi mi viene richiesta RM cervello e tronco encefalico,colonna cervicale e colonna lombosacrale.esito degli esami,in breve nulla cervello e tronco encefalico.Atteggiamento rigido del rachide cervicale.Non si rilevano alterazionia carico del midollo cervicale nè del cono midollare.non si rilevano alterazioni allinterno del canale spinale,riferibili a processi espansivi endorachidei.Regolare ampiezza del canale spinale ain regione cervicale.Modico restringimento del canale spinale a livello L2,L3,L4eL5.Degenerazioni discali multiple,per iniziali fenomeni di disidratazione,a livello L3-L4,... continua >>
L4-L5 e L5-S1.Modica protrusione discale simmetrica a livello L5-S1.Cisti radicolari a livello S2,dal lato destro.Non si rilevano alterazioni strutturali ossee a focolaio. Non si rilevano tumefazioni delle parti molli paraspinali.Quindi volevo sapere primo se la cisti centra qualcosa con il neurofibroma, poi come mi devo comportare visti gli esiti.
La cisti radicolare sacrale di solito non dà problemi e non c’entra con il neurofibroma
Dott. Eugenio Pozzati

ernia
26 Apr 10 - marco, 40 anni (id: 106678)
  Buongiorno, ho una voluminosa ernia discale a livello L5-S1 il cui esordio è avvenuto il 15 Febbraio scorso. L’ernia irrita il nervo sciatico provocando sciatalgia (la schiena non mi fa male invece). Aggiungo per completezza che, come evidenziato da lastre già un anno fa, ho i dischi più bassi della schiena molto più corti degli altri (discopatia). Dall’esordio ho avuto dei miglioramenti sensibili, in particolare dopo aver fatto una peridurale. Mi è stato spiegato che l’ernia col tempo può disidratarsi e quindi guarire da sola; non so però se la peridurale favorisce l’assorbimento dell’ernia o agisce solo sull’infiammazione del nervo e l’ematoma che l’ernia sviluppa sul nervo. ... continua >>
Ho in programma ancora 2 peridurali. Se però certe limitazioni, fastidi, dolori non passassero completamente al termine delle peridurali, cosa dovrei fare? Intervento chirurgico, o dovrei attendere un assorbimento naturale dell’ernia? Grazie, cordialità
Penso che sia necessario l’intervento, se non sta bene il riassorbimento naturale è insufficiente
Dott. Eugenio Pozzati


Da 2383 a 2398 di 3233