Sei in: Medico on-line > Diabetologia - Obesità - Sindrome metabolica

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Diabetologia - Obesità - Sindrome metabolica
Referenti

ultimo aggiornamento 26/01/2010
 
Aree tematiche

    Il Dott. Gilberto Laffi risponde alle domande inerenti :
  • Diabete di tipo 1
  • Diabete di tipo 2
  • Prevenzione del diabete
  • Terapia del diabete
  • Complicanze del diabete: Disfunzione erettile
  • Obesità
  • Sindrome metabolica
  • Ipercolesterolemie e ipertrigliceridemie
  • Stile di vita e malattie metaboliche
  • Fattori di rischio cardiovascolare
  • Educazione terapeutica delle malattie del metabolismo
    Il Dott. Michele S. Grimaldi risponde alle domande inerenti :
  • Diabete di tipo 1
  • Diabete di tipo 2
  • Prevenzione del diabete
  • Terapia del diabete
  • Obesità
  • Sindrome metabolica
  • Ipercolesterolemie e ipertrigliceridemie
  • Stile di vita e malattie metaboliche
  • Fattori di rischio cardiovascolare
  • Educazione terapeutica delle malattie del metabolismo
  • Complicanze del diabete: piede Diabetico

Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 28/01/2010
Invia la tua domanda
- Prof. Nazario Melchionda ha raggiunto il limite massimo di domande a cui rispondere

Domande / Risposte
DIAGNOSI DI DIABETE
24 Ott 09 - Giuseppe, 45 anni (id: 100615)
  Salve Dott Laffi volevo sapere se una glicemia a 108 (range74-106)comincia a essere preoccupante,e ultima malattie surrenaliche ,Cushing,feocromocitoma ecc possono aumentare la glicemia? Saluti
una sola glicemia a digiuno sopra i range di normalita’, che comunque sono secondo le ultime linee guida a 100 mg/dl, non ha un significato patologico. Se dovesse rilevare una seconda glicemia compresa tra 100 e 126 si potrebbe parlare di alterata glicemia a digiuno che potrebbe dare l’indicazione per una curva da carico di glucosio. Per la seconda parte della domanda sia il ll’adrenalina che il cortisolo tendono ad alzare la glicemia.
Dott. Gilberto Laffi


Diabete gravidico
19 Ott 09 - Elisa, 35 anni (id: 100437)
  Buongiorno, sono alla 28 settimana di gravidanza, avendo un padre diabetico mi è stata prescritta la curva da carico di glucosio con 100 mg che ha dato i seguenti esiti: glicemia basale 94 dopo 30 170 dopo 60 171 dopo 90 129 dopo 120 138 dopo 180 125 Vorrei sapere se i valori vanno bene oppure se ho il diabete gestazionale e, in questa seconda ipotesi, quali valori sono sballati e cosa mi consiglia di fare. La ringrazio anticipatamente. Cordiali saluti.
I valori glicemici sono al limite della normalita’ Consiglierei una dieta povera di glucidi semplici ed eventualmente una visita diabetologica
Dott. Gilberto Laffi

insulinoresistenza
17 Ott 09 - roberta, 31 anni (id: 100336)
  salve sono una ragazza di 31 anni che nellultimo periodo notando un ritardo del ciclo mestruale ho effettuato una ecg trans-vagnale con risultato di un ovaio policistico che giustifica il ritardo mestruale. inoltre nellultimo priodo vi è stato un aumento del peso però in concomitanza alla decisione di interrompere il vizio del fumo da sigaretta da circa 2 anni .chili che nè aumentono e nè riesco ad eliminare nonostante faccia sport. da queste premesse ora il medico mi ha richiesto analisi ematici e visita ginecologica in quanto si ha sospetto di una resistenza allinsulina. io sono molto preoccupata in quanto mia nonna materna era diabetica e poi non rieco a dimagrire e quindi vivo psicol... continua >>
ogicamente male considerando che da 59 chili ora sono 75. poi dovrei assumere lo sporanox a causa di infezione fungina in piscina ma leggendo il foglietto illustrativo ho visto che contiene zucchero lei mi consiglia comunque la assunzione o è meglio aspettare esito degli esami ? invece posso continuare la mia tp con pantorc per reflusso gastro-esofageo? inoltre cosa mi può dire rigurado allaumento del peso e alle ovaie policistiche e se ci sarà una soluzione adeguata ? dimentico nel 2007 i parametri ematici e ormonali erono tutti buoni. grazie e mi scuso delle preoccupazioni.
Al momento non vedo controindicazioni all’uso dei farmaci citati. L’insulinoresistenza non e’ il diabete. L’insulino resistenza e’ data da una minor efficacia dell’insulina prodotta quindi dalla necessita’ di una maggior quantita’ di insulina per ridurre la glicemia. Il diabete si manifesta quando la dose di insulina prodotta e’ insufficiente per raggiungere la normalita’ glicemica. Si combatte con dei farmaci ma specialmente con l’attivita’ fisica fatta regolarmente.
Dott. Gilberto Laffi

aumento di peso
15 Ott 09 - lucia, 59 anni (id: 100281)
  buon giorno dottore.mi chiamo lucia e le scrivo perche ho un problema.da qualche anno ho incominciato a mettere su peso(sono aumentata di circa 25kg) e sul mio addome si sono incominciati a formare dei tessuti adiposi,volevo sapere se oltre allintervento chirurgico ci fosse un metodo per risolvere effettivamente il mio problema,e se un test ematico per le intolleranze alimentari possa contribuire in qualche modo?grazie aspetto la sua risposta
gentile sig.ra, vada dal suo medico e parli con lui per fare alcuni esami che indaghino sul suo metabolismo. Distinti saluti
Dott. Michele S. Grimaldi

fendimetrazina
14 Ott 09 - kattia, 36 anni (id: 100243)
  Sto prendendo per dimagrire la fendimetrazina e il clorazepato ma e quasi due sett. che ho dei dolori nel pube come se fosse cistite e possibile che e causata da questi farmaci? Mi hanno intanto prescritto il florberry ma non ha tanto effetto cosa posso fare?
La fendimetrazina è un’anfetamina, è quindi un farmaco che da dipendenza se usato nel lungo periodo, deve essere preso sotto stretto controllo medico, perchè potenzialmente può causare aumento della pressione arteriosa, aritmie e gravi scompensi cardiaci in soggetti predisposti. Non mi risulta possa dare dei sintomi come quelli riferiti. SIccome però il farmaco puo’ essere dato sotto stretto controllo medico la invito a far riferimento al medico che le ha prescritto tale farmaco e che ne ha la responsabilita’
Dott. Gilberto Laffi

insulinemia
13 Ott 09 - sara, 31 anni (id: 100171)
  Buon giorno Sono una ragazza di 31 anni. Ho fatto le analisi del sangue perché lo specialista che cura mio padre per disordine del metabolismo del ferro ha prescritto le analisi a tutti i fratelli e a me che sono la figlia. Il resposto è stato: • globuli rossi 15.5 (era fino a 15) • ferritina 80 punti sopra la norma • insulina 3.1 (doveva essere almeno 6) Sono preoccupata per il valore dell’insulina e siccome mio padre deve andare al controllo ai primi di novembre volevo chiedere se è il caso che fisso un appuntamento a breve con un medico Grazie mille
Gentile sig.ra, io aspetterei di andare con suo padre dal medico che lo ha sotto cura e parlare con lui di questi esami. Distinti saluti
Dott. Michele S. Grimaldi

INsulinemia
13 Ott 09 - sara, 31 anni (id: 100170)
  Buon giorno Sono una ragazza di 31 anni. Ho fatto le analisi del sangue perché lo specialista che cura mio padre per disordine del metabolismo del ferro ha prescritto le analisi a tutti i fratelli e a me che sono la figlia. Il resposto è stato: • globuli rossi 15.5 (era fino a 15) • ferritina 80 punti sopra la norma • insulina 3.1 (doveva essere almeno 6) Sono preoccupata per il valore dell’insulina e siccome mio padre deve andare al controllo ai primi di novembre volevo chiedere se è il caso che fisso un appuntamento a breve con un medico Grazie mille
Il valore dell’insulinemia e’ in rapporto alla glicemia. Se a digiuno la glicemia e’ normale (sotto i 100mg/dl) vuol dire che l’insulina ha svolto correttamente il suo lavoro.
Dott. Gilberto Laffi

omocisteina
13 Ott 09 - giorgio, 39 anni (id: 100164)
  Essendo iperteso in cura con irbesartan 150 e ipercolesterolemico in cura con totalip 10 e con familiarità per malattie cardiovascolare ho fatto lesame della omocisteina ed è risultato il valore di 15,70 (rif: 5,9-16,0). Il mio medico dice che è alto e devo fare i test genetici tra cui l MTHFR. Cosa ne pensate? Grazie
Faccia i test genetici. Distinti saluti
Dott. Michele S. Grimaldi

ACAi
8 Ott 09 - veronica, 32 anni (id: 99982)
  Buona sera, posso avere Sue informazioni riguardo alle bacche di ACAI? Hanno veramente un effetto dimagrante (ventre) e danno più energia? Posso fidarmi ed assumerle per dimagrire? Grazie molte per lattenzione dedicatami
Non ho esperienza sull’Acai per cui ho fatto un copia incolla su un articolo trovato su internet che parla di questo frutto. L’açai (si pronuncia assaì) è il frutto dell’açaizero, una palma fruttifera della famiglia dell’Euterpe Oleracea, che cresce spontaneamente nella zona nord della foresta amazzonica, in terreno fertile laddove l’acqua è più abbondante. Questa palma può raggiungere un’altezza di circa 25 metri, cresce solo in alcuni stati del Brasile, nel nord ed in particolare negli stati del Parà e del Amapà. Il frutto matura fra luglio e dicembre, sono delle grosse bacche color porpora scuro, di forma sferica, del peso medio di un grammo, non hanno buccia, il nocciolo occupa quasi l’80% del frutto, la polpa ha una consistenza granulosa. Particolarmente ricche in acido oleico e acido linoleico, un acido grasso essenziale che l’organismo umano non sa sintetizzare e che deve essere costantemente introdotto con la dieta. È ricca in ferro (in 100 gr ne sono rintracciabili circa 1,5 mg), fosforo (circa 9mg per 100 gr), potassio (circa 12mg per 100 gr) sodio (circa 52 mg per 100 gr). Contiene anche steroli vegetali, i betasitosteroli, che si legano alle molecole di colesterolo favorendone l’eliminazione, per questo il consumo di açai può avere un effetto ipocolesterolemizzante. L’açai, soprattutto negli USA, è diventato in poco tempo la bevanda ufficiale degli sportivi per il suo elevato apporto di sali minerali e vitamine e anche perché è un ottimo dissetante.
Dott. Gilberto Laffi

zuccheri semplici
8 Ott 09 - Silvana, 38 anni (id: 99968)
  Egregio Dr. sono diabetica tipo II insulino - dipendente,la mia domanda è questa: caramelle,biscotti,cioccolata merendine etc..senza zucchero (ormai supermercati e farmacie sono pieni)si possono mangiare o hanno lo stesso effetto di quelle con lo zucchero? Io assumo ogni tanto cioccolata e qualche biscotto (senza zucchero)e mi sembra che le mie glicemie si alterano ugualmente un pochino! Grazie per lattenzione.
Di solito quando lei legge senza zucchero si intende senza zuccheri semplici. Se guarda i carboidrti invece sono presenti perche’ componenti delle farine ecc. Una certa quota di carboidrati e’ comunque utile ma va sommata agli altri carboidrati che lei assume con i cibi scritti sulla dieta. Per cui meglio i cibi senza zuccheri semplici rispetto agli altri ma attenzione a non esagerare e comunque vanno contati nel totale dei carboidrati assunti nella giornata
Dott. Gilberto Laffi

Cura diabete tipo II
5 Ott 09 - GIORGIO, 59 anni (id: 99842)
  Sono affetto da diabete mellito tipo 2, non insulinico. Ho subito un intervento di angioplastica con stent medicato. Per il diabete, assumo euglucon5, da piu di 10 anni. Esistono cure diverse, migliori e risolutive ? A che punto sono le ricerche ?
Una cura risolutiva non esiste. Però sono uscite molti nuovi farmaci per la cura del diabete. I piu’ recenti sono gli incretino mimetici o gli inibitori del DPP-4. Puo’ parlarne con il suo diabetologo per valutare se, nel suo caso, possono essere usati
Dott. Gilberto Laffi

effetto elastico
2 Ott 09 - marianna, 28 anni (id: 99701)
  Buongiorno Dottore, in conseguenza alle svariate diete fatte il mio corpo è dimagrito e ingrassato come una fisarmonica, lultima dieta mi è stata data con lassunzione di innumerevoli pillole-aminoacidi e poichè il mio stomaco non sopportava più quello stress ho smesso ingrassando e prendendo molti più chili di quelli persi..da allora a parte il mio disturbo allo stomaco non riesco più a dimagrire.Non so se Lei può darmi una risposta ma vorrei chiederLe se secondo Lei in queste pillole cè qualcosa di nocivo o che mi abbia potuto procurare una reazione tale al corpo.Gli igredienti sono:areca catechud3 1 mg;l-fenilalanina 132 mg;ialuronidasi 4ch 1 mg;l-isoleucina 152 mg;jaborandi d3 1 mg;lamina... continua >>
ria d3 1 mg;l-leucina 202 mg;l-lisina 138 mg;lipasi 4ch 1 mg;l-metionina 68 mg;melatonina 4ch 1 mg;moschus 30ch 1 mg;placenta suis 4ch 1 mg;thalamus suis 4ch 1 mg;l-treonina 112 mg;l-triptofano 38 mg;ulva lactuca d3 1 mg;l-valina 162 mg; calcarea carbonica 6 lm. La ringrazio.
I componenti che mi ha segnalato non sono dannosi, come tutte le sostanze possono essere piu’ o meno tollerate. Il vero problema e’ il voler dimagrire troppo velocemente. BIsogna calare lentamente modificando le proprie abitudini sia alimentari che di movimento. E’ ovvio che se lei fa una dieta troppo rigida riesce a seguirla per un tempo limitato. Nel momento che decide o non ce la fa piu’ a seguirla interrompe e passa ad un’alimentazione esagerata senza controllo, questo e’ peggio dal punto di vista della salute, del sistema cardiovascolare ecc che mantenere un peso elevato ma costante oltre a provocarle un senso di fallimento che puo’ arrivare alla depressione. Deve preparare un programma che modifichi le sue abitudini, andare a lavorare a piedi, fare sport piu’ volte la settimana, magari in gruppo, stare fuori la sera quando e’ piu’ facile rifugiarsi nel cibo ecc.
Dott. Gilberto Laffi

ipercolsterolemia
1 Ott 09 - Giuseppe, 45 anni (id: 99655)
  Salve Dr Laffi vorrei sapere se quei yogurt anticolesterolo sono un valido aiuto oppure sono una patacca cui meglio evitare di spendere soldi? Grazie
Ovviamente non sono dei farmaci, quindi vanno intesi come coaudiuvanti, ed il loro effetto e’ utile nelle situazioni al limite. Una ipercolesterolemia importante non beneficia di questi prodotti, va trattata con farmaci
Dott. Gilberto Laffi

Diagnosi di diabete
1 Ott 09 - luna82, 26 anni (id: 99654)
  salve dottore le scrivo perchè nell’ultimo periodo ho degli sbalzi di glicemia, premetto che in famiglia ci sono i miei genitori diabetici e ho una sorella gemella affetta da diabete mellito. i valori a digiuno sono 110-115 dopo 3 ore dai pasti sono intorno a 145-152 ho effettuato degli esami il 3/09/2009 e la glicata era a 5,6, li ho ripetuti il 25/09/2009 per i valori riscontrati nel tempo e la glicata è salita a 5,9 a distanza di 22 giorni secondo lei sono diabetica anche io? è il caso di fare una curva da carico e una visita diabetologica visto che in famiglia ci sono già persone diabetiche.la ringrazio per la risposta
I valori a digiuno riportati indicano un’alterata glicemia a digiuno. L’emoglobina glicata non si usa per fare diagnosi e comunque va confrontata con i valori di riferimento del proprio laboratorio (vanno da 5,9 a 7 come valore massimo). Consiglierei, dopo averne parlato con il suo medico, la curva da carico di glucosio per valutare una diagnosi corretta
Dott. Gilberto Laffi

polidipsia
1 Ott 09 - Nicola, 20 anni (id: 99644)
  Dottore, la contatto per avere alcune informazione riguardanti un problema che ho : tre settimane fa mi è venuta dun colpo molta sete (quindi andavo piu spesso in bagno. Mi sono detto che forse era un diabete di tipo 1 (i sintomi essendo piu o meno quelli tranne la stanchezza che non ho) e quindi sono andato a vedere il medico. Il giorno dellappuntamento (alle 16h30) ho pranzato verso le 13h30. Il medico mi ha fatto un test di glicemia e mi ha detto che andava tutto bene (la mia glicemia era di 75) che non dovevo preoccuparmi (probabilmente il mio organismo richiedeva piu acqua). In seguito la sete mi è passata ma ora che due settimane sono passate è tornata. Cosa devo pensare ? ... continua >>
Grazie della sua risposta Nicola
La sete e’ un sintomo classico dell’iperglicemia ma non e’ detto che se uno ha molta sete automaticamente sia affetto da diabete. Le cause di aumento della sete vanno dallo stress all’aumentato introito di sali, al diabete insipido (quest’ultimo molto raro). Ovviamente bisogna parlarne con il proprio medico per valutare il caso singolo
Dott. Gilberto Laffi


Da 612 a 627 di 2609