Sei in: Medico on-line > Pediatria

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Pediatria
Referenti

ultimo aggiornamento 29/05/2008
 
Aree tematiche

    Il Prof. Franco Zappulla risponde alle domande inerenti :
  • Pediatria Generale
  • Gastroenterologia Pediatrica
  • Malattie polmonari pediatriche
  • Malattie reumatologiche pediatriche
  • Malattie infettive pediatriche
    Il Dott Giampaolo Ricci risponde alle domande inerenti :
  • Allergologia Pediatrica
  • Eczema pediatrico
  • Allergia alimentare
  • Asma allergico
  • Rino-congiuntivite allergica
  • Anafilassi pediatrica
  • Allergia al lattice ed al veleno di imenotteri pediatrica
    Il Dott. Paolo Minelli risponde alle domande inerenti :
  • Malattie apparato respiratorio
  • Malattie apparato gastroenterico
  • Neonato a termine e suo sviluppo

Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 4/06/2008
Invia la tua domanda

Domande / Risposte
prove allergiche
26 Set 06 - alessandra, 35 anni (id: 45303)
  Salve, vorrei sapere come avvengono le prove allergiche per bambini di 2 anni e mezzo. La mia ha spesso l’orticaria, se mangia i pomodori le si arrossa il sederino e le brucia la pipì, a volte ha avuto anche coliche. dove si possono fare a milano?
Le modalità di effettuazione delle prove allergiche in età pediatrica non differiscono da quelle dell’adulto. Gli skin prick test sono effettuabili anche in bambini molto piccoli, nei primi mesi di vita. Non sono dolorosi e sono di rapida esecuzione. A Milano ci sono diversi ambulatori di allergologia pressi le Cliniche Pediatriche dove si possono eseguire i test.
Dott Giampaolo Ricci


Bruciori alla minzione
26 Set 06 - denise, 11 anni (id: 45285)
  Egr. Dott., la mia bambina soffre di minzione frequente durante la giornata, accusa bruciori e spesso deve fare il bidet. Abbiamo effettuato le analisi del sangue e delle urine che sono risultate nella norma. Questo disturbo, mi preoccupa anche perchè la bimba anche ora che frequenta la scuola in un’ora deve chiedere il permesso di andare in bagno almeno una volta. Vorrei sapere se mi posso rivolgere ad uno specialista e a quale per fare un esame più approfondito e specifico. Le segnalo che Denise ha avuto il primo ciclo mestruale a fine agosto 2006. Attendo una cortese risposta e saluto cordialmente.
Gent.ma sig.ra, i sintomi presentati dalla sua bambina fanno pensare ad una infezione vulvo-vaginale o delle ultime vie urinarie. Se l’esame urine e l’urinocoltura sono negativi probabilmente si tratta di una infezione vulvo-vaginale che va curata con i normali detergenti e disinfettanti esterni. Eventualmente potrebbe provare ad effettuare anche una coltura vulvo-vaginale. Lo specialista comubnque in questo caso mi sembra sia solo il pediatra. Cordialmente, prof. Franco Zappulla.
Prof. Franco Zappulla

Un grosso spavento
25 Set 06 - milly, 37 anni (id: 45212)
  EGREGIO DOTTORE, LE CHIEDO SE E’ POSSIBILE CONOSCERE LE CONSEGUENZE DOVUTE AD UN FORTE SPAVENTO. MIO FIGLIO, DI ANNI 9, UNA SERA MENTRE GIOCAVA, E’ STATO SCOSSO DAL RUMORE PROVOCATO DALLA CADUTA ACCIDENTALE DI UN GROSSO OGGETTO ALLE SUE SPALLE.lUI NELLA STANZA ERA SOLO, INFATTI ANCHE NOI GENITORI CI SIAMO SPAVENTATI PER IL FORTE RUMORE E PER LE GRIDA LANCIATE DA NOSTRO FIGLIO. ABBIAMO SUBITO PENSATO AL PEGGIO E CI SIAMO PRECIPITATI IN SUO AIUTO. LUI ERA TERRIBILMENTE SPAVENTATO, PALLIDO IN VISO, E PIANGEVA DISPEERATAMENTE. NOI, ABBIAMO CERCATO DI TRANQUILLIZZARLO IN TUTTI I MODI ANCHE CON I CLASSICI RIMEDI (FACENDOLO BERE DELL’ACQUA POI DANDOGLI UNA CAMOMILLA). ORA SONO PREOCCUPATA SULLE... continua >>
CONSEGUENZE DOVUTE A QUESTO SPAVENTO.PREMETTO CHE NONOSTANTE LA SUA ETA’ HA PAURA DEL BUIO, E MI CHIEDO IL PERCHE’, VISTO LE ATTENZIONI CHE NOI GENITORI ABBIAMO NEI SUOI CONFRONTI ESSENDO ANCHE IL PIU’ PICCOLI DEI DUE FIGLI. LA RINGRAZIO SIN D’ORA . DISTINTI SALUTI
Gent.mo genitore, non credo che uno spavento come quello da lei raccontato, possa dare grandi conseguenze in futuro. Pian piano il bambino lo dimentichera’. Non mi dice nella sua lettera quanto tempo fa e’ accaduto il fatto, ma secondo me nel giro di pochi giorni il tutto dovrebbe passare. La paura del buio e’ abbastanza normale: molto bambini e anche qualche adulto ne soffre, ma i rimedi sono solo psicologici. Cordiali saluti, prof. Franco Zappulla
Prof. Franco Zappulla

magrezza
22 Set 06 - giulia, 6 anni (id: 45049)
  giulia di anni 6 non sta crescendo regolarmente un po perchè non mangia molto e inoltre è super attiva. Volevo da lei un parere se fosse il caso di sottoporla al test del male assorbimento consigliatomi dalla mia pediatra. La ringrazio.
Mi sembra che sua figlia abbia un deficit di peso ma non di altezza e che quindi non sia poi così preoccupante. Se la Pediatra, che visita la bambina, ha consigliato gli esami per escludere un malassorbimento (immagino sia il test per la malattia celiaca) non mi opporrei ovviamente, ma credo che lo abbia deciso per scrupolo e non perchè pensa che la bambina debba essere necessariamente affetta da malassorbimento. La maggior parte delle magrezze sono costituzionali e quindi non patologiche.
Dott. Stefano Zucchini

Febbricola da 6 giorni
22 Set 06 - nadia, 38 anni (id: 45027)
  mio figlio di 5 anni e’ da circa 6 giorni che ho notato un’aumento di temperatura che va dai36 ai 37.5 nonostante tutto ha un forte appetito ed e’ nolto arzillo. ho cominciato da 1 giorno a somministrargli 3 volte al di il nureflex perche’ accusava leggero arrossamento di gola.anche se lui e’ tranquillo io sono molto preoccupata. dimenticavo che il piccolo soffrendo spesso di tonsillite su consiglio del pediatra ha fatto una cura con immucytal solo per 2 settimane perche’ alla terza ho sospeso per il motivo sopra scritto.cosa mi consigliate .grazie
Gent.ma sig.ra, credo che l’unico consiglio buono da dare in questi casi sia quello di fare un salto dal suo pediatra per una buona visita generale. Poche linee di febbre (sotto i 37,5 °C) possono anche essere normali, specie se riscontate di pomeriggio, ma possono anche essere segno di una qualche malattia infettiva. Cordialmente, prof. Franco Zappulla
Prof. Franco Zappulla

Accrescimento a 2 anni
22 Set 06 - ale, 2 anni (id: 44990)
  mio figlio Ale ha 2 anni ed e’alto 83cm (peso 11,5 kg),la sua pediatra dice che e’ un po’ piccolino e soprattutto cresce poco(prima dell’estate era 82cm 11kg).gli ha prescritto della pappa reale da prendere per un mese. michiedo none’ invece il caso di andare da uno specialista in ritardi nella crescita? sela sua risposta eì si mi puo’ consigliare qualche medico o struttura alla quale potrei rivolgermi?
Gent.ma sig.ra, l’altezza di suo figlio, secondo le nostre tabelle, si posiziona intorno al 20° percentile, cioe’ nel vasto ambito della normalita’ (il suo peso inoltre e’ proporzionato alla sua altezza). In altre parole vuol dire che l’80 % dei bambini della sua eta’ e del suo sesso sono piu’ alti di lui, ma esiste anche un 20 % di bambini della sua eta’ e del suo sesso piu’ piccoli di lui. In tali casi, se non esistono altri sintomi, si effettua un attento monitoraggio, cioe’ si misura l’altezza e il peso del bambino, ogni 6 mesi, per valutarne anche la velocita’ di crescita. Se effettivamente questa dovesse diminuire sarebbero indicati anche degli esami ormonali. Tenga presente che misure troppo ravvicinate nel tempo non sono molto corrette, perche’ l’accrescimento dei piccoli bambini puo’ subire rallentamenti e accelerazioni durante l’anno del tutto fisiologici. Inoltre e’ ovvio che le misure debbono essere fatte nella maniera piu’ precisa (le faccia fare al suo pediatra). Per ora non farei di piu’, oltre che provvedere ad una sana alimentazione. Cordiali saluti, prof. Franco Zappulla.
Prof. Franco Zappulla

Malattie virali
21 Set 06 - Sabrina, 34 anni (id: 44914)
  Salve, mio figlio di 4 anni ha un linfonodo ingrossato da circa 6 mesi(febbraio 2006), ma il dottore ha detto che è comune nei bimbi piccoli per mal di gola e problemi di adenoidi. Il 16/09/06 ha avuto un episodio di febbre a 39 per 2 giorni e l’ho portato dal pediatra che visitandolo gli ha trovato oltre al solito linfonodo ingrossato anche la milza ingrossata. Gli ha prescritto le analisi del sangue che hanno dato il seguente esito: VES 15 mm (0-15) LDH 655 U/ (208-420) AST/GOT 45 U/L (0-37) ALT/GPT 30 U/L (0-45) EMOCROMO: Globuli bianchi: 3.86 (4-10) Globuli rossi: 4.61 (4.3 - 6) Emoglobina 11.9 (13-18) Emotocrito 32.8 (40-54) MCV 71.1 (79-95) MCH 25.8 (27-34) MCHC 36.3 (32... continua >>
-37) RDW 13.1 (9-16.5) piastrine 144 (140-425) Neutrofili 19.7 (40-74) Linfociti 56 (19-48) Monociti 15.3 (2-12) Eosinofili 2.3 (0-7) Basofili 6.2 (0-2) TAS 111 (0-150) Proteina C-Reattiva 3.7 (0-5) il pediatra mi ha detto che potrebbe avere la mononucleosi e non devo fare niente passa da sola. Però sono preoccuppata mi ca potrebbe avere qualche altra cosa tipo epatite, o altro, secondo lei quale altra accertamento devo fare e se è mononucleosi che dieta dovrebbe seguire il mio bimbo? Grazie mille della risposta. S. Gallinelli
Gent.ma sig.ra, data la sintomatologia presentata da suo figlio e visti gli esami (sostanzialmente normali) la febbre presentata da suo figlio con tutta probabilita’ sembra da riferirsi o ad una mononucleosi, uma malattia virale benigna per la quale l’unica terapia e’ il riposo, oppure ad altre malattie virali che hanno un andamento clinico simile. L’unico sistema per avere la certezza della malattia e’ quella di fare un esame di sangue che evidenzi la produzione di anticorpi verso il virus della mononucleosi, detto di Ebstein-Barr. Naturalmente e’ il medico curante che decide se vale la pena eseguire questo nuovo prelievo se la diagnosi presenta dubbi sostanziali. Cordiali saluti, prof. Franco Zappulla.
Prof. Franco Zappulla

Addome gonfio
21 Set 06 - barbara, 43 anni (id: 44879)
  Buongiorno, sono la mamma di un bambino di 5 anni e volevo chiedere se è normale che il bambino abbia ancora l’addome gonfio e dilatato, cosa normale per i neonati. Presenta anche un ernia sotto lo sterno di un centimetro, visibile quanto contrae l’addome. Vi ringrazio e porgo cordiali saluti.
Gent.ma sig.ra, purtroppo e’ difficile rispondere a una tale domanda. Puo’ essere normale oppure no. Che cosa ne dice il suo pediatra? Anche l’ernia non e’ normale, ma di solito se non da’ disturbi non si ricorre alla chirurgia. L’importante e’ che il bambino sia stato ben visitato dal vostro medico. Cordialmente, prof. Franco Zappulla.
Prof. Franco Zappulla

occhi alonati
20 Set 06 - Andrea, 8 anni (id: 44796)
  Buongiorno mi chiamo Silvia e sono la mamma di Andrea 8 anni. In breve Le illustro il mio problema: fin dalla nascita il mio bambino ha sempre avuto le occhiaie abbastanza scure; tenendo presente che e’ di carnagione chiara a volte si notano molto di piu’. Facendo analisi del sangue sono state escluse tipologie anemiche.La mia domanda e’: puo’ essere un fattore allergico? se si, vorrei un consiglio sul tipo di esame da eseguire; se no, quale puo’ essere la causa? La ringrazio anticipatamente.
la presenza di occhi alonati può essere correlata con una manifestazione allergica (dermatite atopica, rinocongiuntivite). Questa condizione quindi se isolata e non accompagnata da altri sintomi non necessita di alcuna indagine aggiuntiva. Qualora invece siano presenti altri sintomi, cutanei o respiratori, può essere opportuno effettuare un controllo allergologico ed eventualmente le prove allergiche ( skin prick test).
Dott Giampaolo Ricci

Sudorazione abbondante
19 Set 06 - teresa, 36 anni (id: 44747)
  mio figlio manuel di tre anni suda tanto volevo sapere da che dipende la sudorazione e se e’ preocupante oppure non e’ una cosa importante grazie sig. teresa
Gent.ma sig.ra Teresa, una sudorazione abbondante non e’ preoccupante e non e’ segno di malattia. E’ un fattore costituzionale: c’e’ chi suda molto e c’e’ chi suda poco. Cordialmente, prof. Franco Zappulla
Prof. Franco Zappulla

reflusso e allergia
19 Set 06 - marco, 8 anni (id: 44746)
  mio figlio,broncodiplastico, nato pretermine di 28 settimane,con peso di 740 g., oggi dopo 8 mesi dalla nascita presenta un peso di 5 kg. Nei primi mesi di vita e stato diagnosticato un reflusso gastro esofageo presentandone i sintomi piu comuni quali rigurgito di cibo e muco,forte irrequietezza, ma nonostante cio la sua crescita e stata sino al 5 mese regolare. Dopo lo svezzamento i sintomi del rigurgito sono molto peggiorati e alterna periodi di arresto di crescita a periodi di crescita molto lenta(prima dell arresto di crescita intorno ai primi di luglio il bambino pesava 3800 kg. ed e stato fermo a 4200 kg per un mese). vorrei sapere se questi arresti di crescita possono essere dovuti a... continua >>
l reflusso o a qualche allergia alimentare e quali esami si possono effettuare tenuto conto che il bambino ha problemi respiratori.
IL reflusso gastroesofageo viene indicato tra le forme dubbie di manifestazioni allergiche: quindi è poco probabile che l’allergia alimentare sia causa del reflusso. Sicuramente il quadro è complesso data anche la prematurità del piccolo. Non si evince dalla storia se e quando è stato instaurata una terapia farmacologica per il reflusso. Il parziale arresto della crescita può essere causato da diverse cause fra cui quelle sospettate. Consiglio innanzitutto di verificare se l’apporto alimentare è adeguato sia sotto il profilo calorico che per la corretta percentuale dei diversi componenti della dieta.Inoltre monitorare settimanalmente peso e lunghezza. Prima di procedere con ulteriori indagini (esami ematici, ph metria, transito esofago-gatrico, prove allergiche...) è bene consultare uno specialista in sede che potrà più correttamente proporre un iter adeguato.
Dott Giampaolo Ricci

accrescimento
19 Set 06 - marco, 5 anni (id: 44745)
  mio figlio,broncodiplastico, nato pretermine di 28 settimane,con peso di 740 g., oggi dopo 8 mesi dalla nascita presenta un peso di 5 kg. Nei primi mesi di vita e stato diagnosticato un reflusso gastro esofageo presentandone i sintomi piu comuni quali rigurgito di cibo e muco,forte irrequietezza, ma nonostante cio la sua crescita e stata sino al 5 mese regolare. Dopo lo svezzamento i sintomi del rigurgito sono molto peggiorati e alterna periodi di arresto di crescita a periodi di crescita molto lenta(prima dell arresto di crescita intorno ai primi di luglio il bambino pesava 3800 kg. ed e stato fermo a 4200 kg per un mese). vorrei sapere se questi arresti di crescita possono essere dovuti a... continua >>
l reflusso o quale altra causa possa influenzare negativamente la sua crescita, quali esami si possono effettuare tenuto conto che il bambino ha problemi respiratori.
Gent.mo Sig. Marco, credo che la crescita di peso non regolare di suo figlio dipenda principalmente dai problemi gastrointestinali (reflusso) e respiratori che ha elencato. Non penserei cioè ad altre cause, ad esempio ormonali, di crescita rallentata. Diventa importante a questo punto seguire la crescita staturale, cioè la lunghezza del bambino. Una valutazione ormonale (ormoni tiroidei, ormone della crescita ecc.) del bambino potrà essere effettuata dopo l’anno di vita qualora la statura scendesse inspiegabilmente (cioè nonostante il miglioramento del quadro polmonare e del reflusso) sotto al 3° precentile. Cordiali saluti
Dott. Stefano Zucchini

Scarso accrescimento e reflusso gastro-esofageo
19 Set 06 - marco, 5 anni (id: 44744)
  mio figlio,broncodiplastico, nato pretermine di 28 settimane,con peso di 740 g., oggi dopo 8 mesi dalla nascita presenta un peso di 5 kg. Nei primi mesi di vita e stato diagnosticato un reflusso gastro esofageo presentandone i sintomi piu comuni quali rigurgito di cibo e muco,forte irrequietezza, ma nonostante cio la sua crescita e stata sino al 5 mese regolare. Dopo lo svezzamento i sintomi del rigurgito sono molto peggiorati e alterna periodi di arresto di crescita a periodi di crescita molto lenta(prima dell arresto di crescita intorno ai primi di luglio il bambino pesava 3800 kg. ed e stato fermo a 4200 kg per un mese). vorrei sapere se questi arresti di crescita possono essere dovuti a... continua >>
l reflusso e quali esami si possono effettuare tenuto conto che il bambino ha problemi respiratori.
Gent.ma sig.ra, madre di Marco, lo scarso accrescimento di cui soffre suo figlio puo’ essere attribuito a diversi fattori: sia la sua malattia polmonare sia il reflusso gastro-esofageo sia la nascita pretermine col basso peso neonatale. In tutte le grandi citta’ esistono dei centri dove la situazione puo’ essere valutata al meglio nel suo complesso. Senz’altro ne avra’ gia’ parlato col suo pediatra che le avra’ consigliato il meglio da farsi. Lo studio del reflusso gastro-esofageo puo’ essere fatto dapprima semplicemente con una ecografia, e poi, se questa non basta, va completata con una pH-metria ed una endoscopia in anestesia generale. Quest’ultima da fare in ambiente ospedaliero vista la malattia polmonare. Cordialmente, prof. Franco Zappulla.
Prof. Franco Zappulla

Vaccinazioni contro la meningite
19 Set 06 - VIVIANA, 37 anni (id: 44723)
  Gentile Dottore, sono la mamma Davide, un bambino di quasi due anni e sei mesi che a Gennaio 2007 comincera’ l’asilo. Vorrei, per favore, conoscere la sua opinione sulle due vaccinazioni contro la meningite. Lei mi consiglia di farle? Quali rischi possono esserci? Preciso che il bambino ha effettuato tutte le vaccinazioni facoltative consigliate dalla Asl. Grazie Viviana
Gent.ma sig, Viviana, si’, in linea di massima, sono favorevole a tutte le vaccinazioni, comprese quelle contro la meningite. Tenga pero’ presente che, purtroppo, sia l’anti-meningococcica che quella anti-pneumococcica non danno una protezione totale. Comunque sempre meglio di niente, visto che gli effetti secondari sono trascurabili. Cordialmente, prof. Franco Zappulla
Prof. Franco Zappulla

tosse perstistente
18 Set 06 - teresa, 36 anni (id: 44593)
  mio figlio manuel 3 anni e’ allergico a vari tipi di piante e poi all’uovo e al pomodoro ha sempre la tosse e dicono che e’ colpa dell’allergia ha fatto la cura con zirtec e areosol per sei mesi ma la tosse continua e percio’ devo fare ancora areosol 1 volta al giorno io volevo sapere ma non passa mai ? 5 giorni fa ha voluto per forza un pezzetto di pizza rossa e non ho visto nessuna reazione significa che puo’rimangiare il pomodoro? un’altra cosa suda tantissimo puo’ dipendere dall’allergia ? grazie sig.teresa
1- La tosse può essere associata ad allergia ma può dipendere anche da altre cause non allergiche che devono essere indagate se il quadro non è controllato. 2- Aver assunto pomodoro senza evidenti sintomi può essere un segno di raggiunta tolleranza: bisogna valutare con il pediatra o l’allergologo come procedere. 3- non ci sono legami evidenti fra sudorazione profusa e allergia alimentare.
Dott Giampaolo Ricci


Da 4176 a 4191 di 4355