Sei in: Medico on-line > Medicina Termale Riabilitativa

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Medicina Termale Riabilitativa
Referenti

ultimo aggiornamento 14/03/2006
 
Aree tematiche

  • cure termali nell’artrosi e nelle malattie reumatiche
  • cure termali nelle malattie dell’apparato respiratorio
  • cure termali nelle malattie orecchio/naso/gola
  • cure termali nelle insufficienze vascolari periferiche
  • cure termali nelle malattie ginecologiche o dell’apparato digerente
  • Riabilitazione e Idrochinesiterapia in ambito termale
  • riabilitazione motoria
  • Medicina Estetica ed area benessere

Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 14/03/2006
Invia la tua domanda

Domande / Risposte
protrusione
12 Lug 08 - Emanuela, 46 anni (id: 82174)
  La Risonanza ha mostrato una Discomalacia cronica L4-L5 con protusione posteriore del tipo a barra e secondaria impronta anteriore sul sacco durale a prevalenza postero-laterale sx con iniziale impegno foraminale bilaterale associato. Concomita stenosi del canale vertebrale aggravata da ipertrofia della inserzione dei legamenti gialli. Addensamento disomogeneo dei piatti vertebrali contrapposti. Cosa devo fare ?
Lei non mi dice nulla delle condizioni cliniche, tuttavia per la protrusione una visita medica da uno specialista in fisiatria per evetnuali trattamenti di idrochinesiterapia ( meglio se in piscina termale per riabilitazione ) e di RPG costituisce il primo passo per gli interventi conservativi per il trattamento.
Dott. Attilio Menconi Orsini


12 Lug 08 - CARMELO, 42 anni (id: 82173)
  Gentile dottore, mi può spiegare gentilmemte che cosa significa "nucleo angiomatoso sul soma di S1"? La ringrazio anticipatamente e la saluto.
27/03/2013: termini di risposta scaduti
Dott. Attilio Menconi Orsini

frattura vertebrale
12 Lug 08 - Giovanni, 44 anni (id: 82172)
  Buongiorno dottore, a seguito di un incidente avvenuto il 9/05/2008 ho riscontrato una frattura disco-somatica di L1 che presenta riduzione di altezza dei due terzi anteriori con interessamento della limitante somatica superiore ed aspetto cuneo anteriore associata a modesta retropulsione della posizione superiore del muro posteriore sono rilevabili nella sede della frattura evidenti segni di scloriosi riparativa lo spazio intersomatico d12-L1 appare ridotto di ampiezza con livello di una piccola protusione di scale mediana prevalentemente para mediana destra che sporge posteriormente comprimendo lievemente il retrostante sacco duralee la radice nervosa corrispondente. Livemente ridotto di a... continua >>
mpiezza appare anche lo spazio discale L5-S1. Vorrei chiederle quali saranno le mie conseguenze, e se potro lavorare ancora come autista? in attesa di una sua risposta le lascio i miei più cordiali saluti.
L’importante è la frattura della vertebra L1 con esito in cuneo. Piano piano la colonna può alterare i rapporti fra le vertebre, anche se sopra si tratta di vertebre dorsali molto meno mobili della altre e più collegate. Credo che sia importante mantenere le strutture muscololegamentose molto robuste. Una visita medica di uno specialista in fisiatria le indicherà i trattamenti e l’attività fisica di mantenimento più utile.
Dott. Attilio Menconi Orsini

spondilouncoartrosi
12 Lug 08 - MARISA, 43 anni (id: 82157)
  DALLE:RX RACHIDE CERVICALE ....MI è STATO DIAGNOSTICATO SEGNI INIZIALI DI SPONDILOUNCOARTROSI...CHE COSè? GRAZIE.
Artrosi della colonna vertebrale.
Dott. Attilio Menconi Orsini

xgrafia
11 Lug 08 - Rosalia, 26 anni (id: 82151)
  Gentilissimo dottore, a seguito di un forte disturbo al tratto lombosacrale sono andata dal medico che mi ha fatto eseguire un rx rachide lombo-sacrale con seguente esito:"Rachide lombare grossolanamente in asse con fisiologica lordosi conservata. Non alterazioni morfologiche o strutturali a carico dei metameri, se si esclude disormismo del tratto di passaggio lombosacrale di S1. Ridotto lo spazio intersomatico L5-S1." Mi potrebbe gentilmente tradurre questa diagnosi? La ringrazio anticipatamente. Cordiali saluti
Il rachide lombosacrale mostra alla xgrafia solo una anomalia di sviluppo della vertebra S1 ( non rara ) e una probabile ( la radiografia ne vede solo dei segni indiretti quali la riduzione dello spazio ) discopatia del disco intervertebrale L5-S1. Se la sintomatologia dolorosa persiste, una visita medica di uno specialista in fisiatria per eventuali trattamenti di idrochinesiterapia ( meglio se in piscina termale per riabilitazione ) e/o di RPG, sarebbe consigliabile.
Dott. Attilio Menconi Orsini

protrusione
11 Lug 08 - Marco, 34 anni (id: 82121)
  Buongiorno dottore, avevo giamandato una domanda (vedi id 78095) riassumendo ho sempre la protrusione L4-L5. In 9 mesi ho fatto punture, tens, riabilitazione, 9 sedute di chiropratica, un po di nuoto, x ultima da poco 6 sedute di agopuntura, sto tenendo anche una fascia lombare da 1 mese.Non mi passa il fastidio pensa che sia arrivato il momento di ricorrere ad un intervento? un neurochirurgo mi ha visitato e mi parlava di un intervento col laser. Che ne pensa? La ringrazio tanto x la risposta.
Se la sintomatologia persiste ed è importante, allora dai trattamenti conservativi non resta che passare a quelli chirurgici. I neurochirurghi sono gli specialisti adatti per questi interventi. Forse ha fatto poco nuoto e poca chinesiterapia e molte altre cose su cui ho dei dubbi che funzionino.
Dott. Attilio Menconi Orsini

staminali
11 Lug 08 - stefano, 35 anni (id: 82110)
  ho letto che in inghilterra satnno sperimentando la rigenerazione con le staminali delle lesioni da osteartrosi della colonna , sulluomo dvebbe iniziare il prossimo anno per 5 anni, se funzionerà e sarà applicata in inghilterra verrà automaticamente applicata anche in italia visto che siamo della comunità europea?
La comunità europea non c’entra nulla, basta che sia una ricerca scientifica eseguita con tutte le regole, compresa quella della pubblicazione su rivista specializzata. Ricerche sulle staminali nelle malattie delle ossa avvengono in tutto il mondo, con grandi speranze per il futuro ma come sempre i risultati passano dalla sperimentazione alla pratica con un certo tempo.
Dott. Attilio Menconi Orsini

spondilolistesi ?
11 Lug 08 - stefano, 35 anni (id: 82109)
  ho avuto per 5 anni mal dischiena a causa di un becco osteofitosico piccolo ma che pressava nel nervo con la fsioterapia la suituazione è migliorata anche se non so se sarà stabile, vorrei sapere se dopo 5 anni di mal dischiena potrei aver danneggiato altri legamenti comefaccette articolari e altro(sono per il futuro a rischo spondilolitesi) purtroppo dalla risonana vedo zone annerite nella zona dietro i dischi che in quelle precedenti non lo erano per niente
La spondilolistesi normalmente si verifica solo quando una vertebra, in genere per frattura mal trattata con residuo di schiacciamento a cuneo della vertebra sottostante, slitta in avanti. Eventuali danni alle faccette articolari sono origine e non causati dal dolore.
Dott. Attilio Menconi Orsini

ernia discale
11 Lug 08 - alberto, 33 anni (id: 82108)
  io ho un ernia contenuta vorrei sapere se per lefficienza di funzionalità del disco e per il suo nutrimento e per la resistenza alle sollecitazioni, è meglio togliere il lernia contenuta o lasciarla cosi. perchè togliendo lernia di deve svuotare il disco? si fa sempre?perchè si fa?
Non credo che il problema sia che l’ernia sia "contenuta" o no, anche perchè se di ernia si tratta per definizione vuol dire che è uscita dal suo posto naturale. Per il trattamento delle ernie in genere, poi ogni caso ha condizioni cliniche sue proprie che solo con la visita si possono appurare, si usano per primi, una volta superato con farmaci antinfiammatori il periodo più acuto, dei trattamenti conservativi ( soprattutto, previa visita di un medico specialista in fisiatria, trattamenti di idrochinesiterapia o di RPG ) e qualora questi non diano risultati sufficienti o qualora la sintomatologia sia fin dal principio molto grave, allora si prende in considerazione la via chirurgica. Ernie e protrusioni discali hanno in genere una buona tendenza a riassorbirsi con i trattamenti conservativi.
Dott. Attilio Menconi Orsini

staminali
11 Lug 08 - alberto, 33 anni (id: 82107)
  vorrei sapere perchè per curare le lesioni dei legamenti con lautotrapianto dei condrociti occorre farlo prima dei 40 perche dopo non funziona piu? potrebbe accadere la stessa cosa per la rigenerazione con le staminali?
Si accade anche con le staminali, almeno per ora. Come le ho detto nell’altra mia risposta, la staminali sono una prospettiva molto promettente, ma per l’immediato futuro hanno ancora utilizzi limitati nella pratica.
Dott. Attilio Menconi Orsini

RMN
10 Lug 08 - adalgisa, 52 anni (id: 82089)
  ho effettuato una rm lombosacrale a causa di continui mal di schiena soprattutto nell’alzarmi dal letto.Il referto: Modiche irregolarità spondilosiche somatiche ed alterazioni artrosiche interapofisiarie a carico dei metameri vertebr in esame. Riduzione del segnale,nelle sequenze T2w di pressocchè tutti i dischi intersomatici esplorati,da riferire a riduzione del tono idrico concomita:a livello L3-L4 protrusione discale postero laterale con modesti segni di conflitto radicolare dx.Al livelloL4-L5 lieve protrusione circonferenziale del corrispondente disco intersomatico,con modica impronta sul sacco durale;alterazion segnale compatibile con osteo angioma a carico del soma di D12;Conserva... continua >>
to l’allineamento posteriore del soma.Regolare per spessore e segnale il midollo spinale del tratto esplorato.Cono midollare in sede e regolare.Canale neurale di conformazione ed ampiezza regolare.Nei limiti la fisiologica lordosi
Sostanzialmente sono le due protrusioni discali ( semplificando, un fenomeno simile, ma più ridotto, rispetto alla più nota ernia del disco ) a poter causare la sintomatologia dolorosa. Tuttavia protrusione ed ernie possono ridursi, consulti un medico specialista in fisiatria per eventuali trattamenti di idrochinesiterapia ( meglio se in piscina termale per riabilitazione ) e di RPG.
Dott. Attilio Menconi Orsini

sindrome vertiginosa
10 Lug 08 - mimmopiace, 39 anni (id: 82087)
  nel maggio 2002 ho effettuato rx rachide cervicale con seguente referto: spazi interdiscali tra c2-c3-c4 ridotti; megaapofisi della c2 ad uncino e degenerazione lieve artrosica; lieve rigidità della colonna. nel novembre 2004 ho effettuato una rmn alla colonna che ha evidenziato: salienza discale postero-mediana c3-c4; tra c4-c5 ernia discale postero-mediana sottoligamentosa; aspetti spondilosici e protrusione discale postero-mediana c5-c6. attualmente soffro quotidianamente di pseudo-vertigini (sbandamenti e sensazione di testa confusa), rigidità del collo e senso di pesantezza agli occhi.questi sintomi sono attribuibiili alla "cervicale", la mia paura è che trattasi di qualche neoplasia ... continua >>
cerebrale.
Una volta praticamente in tutti i casi di vertigine si chiamava in causa l’artosi della colonna cervicale. Le cause di questa fastidiosissima sintomatologia invece possono essere molte, a cominciare dall’orecchio interno che una apposita visita dall’otorinolaringoiatra può verificare. Per dirimere ogni altro più grave dubbio le consiglio una visita da un neurologo.
Dott. Attilio Menconi Orsini

turbe dell’accrescimento scheletrico
10 Lug 08 - fil, 37 anni (id: 82084)
  salve,oggi ho ritirato gli rxachide cervico dorsale e mi parlano tratto cervicale in asse con lordosi conservata,di un lieve atteggiamento in scoliosi destro convensacon cifosi conservata inoltre di deformazione trapezoidale di alcuni metameri del tratto medio con multiple irregolarita’sui piatti egli spigoli,il tutto da riferirsi agli esiti di turbe dell’accrescimento scheletrico....cosa significa?
Significa che nell’età dello sviluppo la sua colonna cervicodorsale si è sviluppata con qualche irregolarità di forma e di rapporti fra le vertebre. Si tratta, stando a quanto mi riferisce del referto, comunque di un quadro abbastanza lieve. Consulti uno specialista in fisiatria per vedere se eventuali trattamenti di chinesiterapia possono ancora ottenere qualche correzione.
Dott. Attilio Menconi Orsini

referto specialistico
10 Lug 08 - andrea, 33 anni (id: 82083)
  referto visita specialistica. lombalgia recidivante da circa 2 anni, attualmente: obiettivamente perdita completa della fisiologica lordosi lombare,perdita dei movimenti art. del sacro SIAS dx elevata rispetto alla SIAS sx. Piede dx pronato: Cresta iliaca e SIPI elevata a dx. si8ndr4ome delle faccette articolari L4-L5-e L5-S1 retrolistesi L4-L5. Caro dottore la ringrazio per la sua cortese risposta a chiarimento del mio problema.
Dal referto la visita specialistica cui si è sottoposta sembra effettuata da un ortopedico. Lo stesso specialista le ha sicuramente detto anche la possibile terapia.
Dott. Attilio Menconi Orsini

becco e bulging
10 Lug 08 - angelo, 32 anni (id: 82045)
  ho un becco osteofitosico piccolo ma che pressa nel nervo se pur poco è posizionato nello stesso punto del bulging discale paramediano, vorrei sapere se togliere il becco osteofitosico è rischioso (si possono formare cicatrici dalla sua rimozione?)e se si puo operare solo il becco senza toccare il bulging
Porrei la domanda ad un chirurgo ortopedico o a un neurochirurgo. Credo che comunque il non toccare il bulging non sia un problema.
Dott. Attilio Menconi Orsini


Da 503 a 518 di 2099