Sei in: Medico on-line > Medicina Termale Riabilitativa

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Medicina Termale Riabilitativa
Referenti

ultimo aggiornamento 14/03/2006
 
Aree tematiche

  • cure termali nell’artrosi e nelle malattie reumatiche
  • cure termali nelle malattie dell’apparato respiratorio
  • cure termali nelle malattie orecchio/naso/gola
  • cure termali nelle insufficienze vascolari periferiche
  • cure termali nelle malattie ginecologiche o dell’apparato digerente
  • Riabilitazione e Idrochinesiterapia in ambito termale
  • riabilitazione motoria
  • Medicina Estetica ed area benessere

Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 14/03/2006
Invia la tua domanda

Domande / Risposte
ernia discale
2 Nov 07 - daniela, 44 anni (id: 67910)
  da 25 giorni ho un forte dolore alla schiena nel tratto lombare specialmente quando sbilancio il busto . Ho fatto 12 punture antinfiammatorie e sei di cortisone ma senza risultati. Ho fatto una risonanza magnetica il cui referto : lieve iperlordosi lombare. Ridotto lo spessore del disco L5-S1 che presenta segni di disidratazione. Presenza di ernia mediana del disco L5-S1. Conservati i diametri del canale rachideo. Nei limiti il cono midollare e la cauda.
L’iperlordosi segnalata è in genere dovuta alla contrattura muscolare al tempo stesso risposta e causa del dolore. La presenza dell’ernia del disco concorda con la sintomatologia che lei accusa. Queste tuttavia possono ridursi, anche sostanzialmente, con trattamenti conservativi essendo l’intervento chirurgico in genere considerato o dopo l’eventuale fallimento di questi e/o in presenza di sintomatologie dolorose imponenti. Consulti un medico specialista in fisiatria per eventuali trattamenti di idrochinesiterapia ( meglio se in piscina termale per riabilitazione ) e di postura globale.
Dott. Attilio Menconi Orsini


esiti di laminectomia e protrusione
2 Nov 07 - laura, 50 anni (id: 67908)
  sono stata operata 4 anni fa per ernia discale l4 l5riportando tessuto adiposo ho forti dolori alle gambe di notte ho fatto risonanza con contrsto lombo sacrale l’indagine haevidenziato gli esiti di pregresso intervento demolitivo di laminectomia sn l4 l5 con flavectomia non evidenza di significativi segni di recidiva ernia discale rettilineizzazione del rachide lombare modificazioni degenerative algo distrofiche subcondrali sul versante laterale sn in sede subcondrale a livello di l4 l5 degenerazione dei dischi intersomatici esaminati il canale vertebrale presenta calibro e morfologia nei limiti della norma.si osserva lieve protrusione intraforaminale sn del disco intersomatico l4 l5 che de... continua >>
termina modesta stenosi del forame di coniugazione di sn con possibile conflitto lieve con il segmento intraforaminale della radice l4 sn non si evidenza a livello della breccia chirurgica in sede endospecale significativa quota di tessuto riparatorio post chirurgico
L’intervento è confermato essere andato bene e al momento non vi sono conseguenze negative. Si è invece formata sempre a livello L4-5 una lieve protrusione ( un fenomeno simile, ma meno accentuato, alla più nota ernia del disco, che per quanto lieve è segnalato entrare in conflitto con la radice nervosa e quindi causare dolore ( preferibilmente riferiti alla faccia posteriore della gamba ).
Dott. Attilio Menconi Orsini

anterolistesi
2 Nov 07 - francesco, 23 anni (id: 67907)
  salve, volevo chiederle informazioni sul problema che mi riguarda, gia da 4 mesi soffrivo di un forte mal di schiena,ho fatto la radiografia e da questa è risultato che che ho la lombalgia persistente in anterolistesi l5 su s1,di che cosa si tratta? quali sono le conseguenze? facendo il piastrellista posso ulteriormente peggiorare la situazione? cordiali saluti grazie francesco
Si tratta dello scivolamento in avanti di una vertebra su quella sottostante. Probabilmente dovuta ad un trauma oppure ad una malformazione congenita che ha indebolito la parte posteriore della vertebra. E’ una condizione abbastanza seria: in genere si prova con trattamenti di chinesiterapia e/o ginnastica medica a bloccare il fenomeno che se progredisce può portare alla necessità di un intervento per bloccare lo scivolamento. Consulti un medico specialista in ortopedia.
Dott. Attilio Menconi Orsini

RMN
2 Nov 07 - PAOLA, 50 anni (id: 67901)
  DOPO ESSSERMI BLOCCATA A LETTO HO FATTO UNA RM RACHIDE LOMBOSACRALE ESITO: PICCOLI OSTEOANGIOMI VERTEBRALI, FENOMENI DISIDRATATIVI A CARICO DI L4 - L5- L5-S1 RIDUZIONE DEL SEGNALE NELLA SEQUENZA T2 DIP-
Il referto parla di una discopatia disitratativa ma non segnala elementi, quali ernie o protrusioni, che giustificherebbero il blocco. E’ però vero che fra sintomatologia dolorosa e indagini sia radiografiche che di risonanza magnetica nucleare, non esiste una perfetta rispondenza.
Dott. Attilio Menconi Orsini

protrusione
2 Nov 07 - fabrizio, 39 anni (id: 67881)
  buongiorno Egregio Dott.Menconi Orsini da cica 5/6 mesi accuso dei dolori lombo sacrali accentuati tanto quando sono seduto (il dolore si protrae anche dalla parte del basso ventre)e piegandomi ho l’impressione che i nervi delle gambe si siano ritirati (non arrivo a toccarmi le punte dei piedi se non con assurda fatica e dolore). ho effettuato una RMN rachide L/S il 24 ott.2007 ed il referto dice testualmente " A livello L5-S1 modesta protrusione discale paramediana destra." Le chiedo Gentilmente sostanzialmente Cosa Significa ? i miei dolori lomosacrali dipendono da quello che descive il referto RMN ? posso curarla questa protrusione o bisogna sottoporsi ad una operazione? in attesa di u... continua >>
na sua gentile risposta le invio i piu’ cordiali saluti.
Il referto della RMN definisce la protrusione come modesta, e quindi di scarso significato. Esiste però una discreta discrepanza fra importanza delle patologie discali rilevate dai mezzi di diagnosi e la loro effettiva causalità nei riguardi della sintomatologia reale. Piuttosto l’irradiazione del dolore al basso ventre farebbe sospettare una compressione nervosa anche a livello un pò più alto. La sostanza tuttavia è che le protrusioni ( un processo simile, ma più ridotto, rispetto alla più nota ernia del disco ) possono ridursi, anche sostanzialmente, con trattamenti conservativi essendo l’intervento chirurgico in genere considerato o dopo l’eventuale fallimento di questi e/o in presenza di sintomatologie dolorose imponenti. Consulti un medico specialista in fisiatria per eventuali trattamenti di idrochinesiterapia ( meglio se in piscina termale per riabilitazione ) e di postura globale.
Dott. Attilio Menconi Orsini

lesione della cuffia
1 Nov 07 - salvatore, 41 anni (id: 67861)
  Da circa due anni soffro di un problema alla spalla dx, dopo due cicli di 20 sedute di fisioterapia il dolore non è minimamente diminuito anzi è aumentato ( il mio lavoro mi porta ad alzare pesi dai 6 ai 10 kg per 6/8 ore al giorno); le invio gli esiti degli esami da me effettuati: Ecografia spalla dx del 11/07/06 Il tendine del sovraspinoso appare diffusamente tumefatto, con struttra disomogenea prevalentemente ipoecogena, con scarso aspetto fibrlare.In atto non evidenza di soluzini di continuo nè calcificazioni nel contesto. Non segni di versamento articolare nè distensine della borsa sub-acromion-deltoidea. Ecografia spalla dx del 28/09/06 Il tendine del sovraspinoso appa... continua >>
re lievemente ispessito e ad ecostruttura disomogenea, come da tendinopatia inserzionale di tipo degenerativo. RM spalla dx del 19/06/07 Non si apprezzano alterazioni dei capi ossei articolari della spalla. L’acromion è normalmete conformato. Il tendine de sovraspinoso appare ispessito, presenta ampio incluso lineare, iperinteso nele sequenze in T1 e T2 da tendinosi
A entrambe le spalle si evidenzia una sofferenza del tendine del muscolo sovraspinoso che fa parte della cosiddetta cuffia dei rotatori le cui lesioni o infiammazioni sono dolorose e lunghe da trattare.
Dott. Attilio Menconi Orsini

ipercolesterolemia e ipertrigliceridemia
1 Nov 07 - lorenza, 34 anni (id: 67859)
  Caro DOTT sono una signora che soffre di colesterolo. UN’ Anno fa mi sono sentita male avevo dolore al petto e non riuscivo a respirare bene e sentivo un formicolio al braccio sx, sono andata al pronto soccorso e li mi hanno fatto l’Elettrocardiogramma:(NEGATIVO).Visto che la nostra famiglia soffre di ipertensione e colesterolo alto il DOTT mi ha consigliato di andare da un Cardiologo.Il Cardiologo mi ha prescritto la prova di sforzo,Eco-color-doppler grafico e gli esami del sangue,ed e’ risultato il colesterolo a (245)e i triglicidi(197).Il Dott mi ha prescritto una cura per un mese di (...)20mg, dopo un mese ho ripetuto le analisi ed il colesterolo e’ sceso a (160)e i triglicidi (140),mi h... continua >>
a sospeso la compressa.Vorrei sapere se questi giramenti di testa è causato dal colesterolo alto? Visto che dovrei prendere le compresse di (... )é possibile averle con la (MUTUA), anzicchè pagarle?. GRAZIE MILLE Cordiali Saluti. LORENZA.
Il medicinale che lei indica o comunque un altro a base di statine è mutuabile, basta che il suo medico di base le faccia la ricetta. I giramenti di testa sembrano appartenere piuttosto ad una patologia diversa da quella indicata, più probabilmente riguardante o il senso dell’equilibrio ( visita otorinolaringoiatrica ) o un’artrosi della colonna cervicale o al limite dei momenti di pressione sanguigna molto bassa ( ma quest’ultima cosa sembra meno probabile vista la familiarità con le alterazioni dei grassi nel sangue a meno che non dipenda da un eccesso di medicinali ).
Dott. Attilio Menconi Orsini

xgrafia
1 Nov 07 - pietro, 39 anni (id: 67858)
  Gentile,Dottore da 2 mesi soffro di mal di schiena,i miei sintomi sono:male alla gamba sx con stiramento del nervo, e cammino un po di lato.Ho fatto dei RX lombo-sacrali.IL RISULTATO:anomalia morfologiche transizionali al passaggio lombosacrale.Fenomeni spondilosici e ridotta altezza degli inter-spazi tra l3-l4 ed l4-l5. Sconparsa la lardosi fisiologica fatta il 18/09/07. C0sa mi consiglia come cura? Ho 39 Anni,sono alto 191 cm e peso 90 kg.Cordiali saluti,PIETRO.
Stando al referto della xgrafia ( e non conoscendo anche i sintomi che lei accusa ) direi che sono indicate sia cure termali tradizionali ( fango-bagni ) sia, previa visita di uno specialista in fisiatria, trattamenti di idrochinesiterapia in piscina termale per riabilitazione.
Dott. Attilio Menconi Orsini

xgrafia
31 Ott 07 - marcello, 45 anni (id: 67842)
  a seguito Rx alla colonna cervicale, colonna dorsale, colonna lombosacrale 6p; mi è stato refertato fisiologica lordosi cervicale attenuata. atteggiamento scogliotico destro convesso nel tratto dorsale. spazi discali C4-C6, dorsali centrali ed L5-S1 ridotti per discartrosi potrei conoscere le possibili terapie e conseguenze? e la gravità della situazione?
La riduzione della normale curvatura della colonna cervicale è in genere un segno di contrattura muscolare a sua volta sintomo e causa di dolorabilità. La scoliosi è una curvatura laterale della colonna, sempre non normale, ma nel suo caso sembra essere non accentuata. La riduzione degli spazi intervertebrali è un segno di sofferenza delle strutture ( dischi ) che si trovano fra una vertebra e l’altra. Direi che sono indicate sia le cure termali tradizionali ( fango-bagni ) sia trattamenti di idrochinesiterapia in piscina termale per riabilitazione.
Dott. Attilio Menconi Orsini

rettilineizzazione
31 Ott 07 - Simona, 15 anni (id: 67840)
  Buongiorno. Sono una studentessa di 15 anni ed è da molto tempo che soffro di continui dolori alla schiena particolarmente nella parte bassa. Nel 2005 sono andata a fare una radiografia nel quale hanno scritto: rettilinrizzazione della fisiologica lordosi.atteggiamento scoliolitico lombare sx-convesso di moderata entità.Il medico mi ha consigliato attività sportive quali il nuoto o palestra,che per vari motivi non ho potuto frequentare e il mal di schiena è rimasto. Una settimana fa sono andata a fare un’altra radiografia e la scoliosi è scomparsa ma la rettilineizzazzione della normale lordosi è diventata cervicale anzichè della fisiologica. Vorrei sapere il significato di questa diagnosi.... continua >>
Sono un pò perplessa sul significato di lordosi e soprattutto di rettilineizzazzione. se potesse chiarirmi gentilmente questo mio dubbio gliene sarei grata. Distinti saluti.
La colonna vertebrale ha normalmente ( = fisiologicamente ) alcune curvature sul piano sagittale ( cioè avanti-dietro ) e la curvatura si chiama lordosi se ha la concavità della curva verso il dietro e cifosi se verso l’avanti. Col termine rettilineizzazione si chiama la riduzione o la scomparsa di queste curve in genere dovuta a contrattura muscolare e sintomo e al tempo stesso causa di dolorabilità. La scoliosi è una curvatura laterale, sempre non fisiologica. Quindi parlando ad es. della colonna cervicale si può dire "rettileizzazione della lordosi fisiologica " o " della lordosi cervicale " che vuol sempre dire della normale ( = fisiologica ) curvatura all’indietro ( = lordosi ).
Dott. Attilio Menconi Orsini

xgrafia
31 Ott 07 - Isabella, 65 anni (id: 67836)
  "Atteggiamento scoliotico dorso-lombare ad S italica, con accentuazione della fisiologica cifolordosi. Segni di spondiloartrosi somatica ed interapofisaria con produzioni osteofitosiche marginali. Assottigliato lo spazio intersomatico L5/S1 (discoartrosi). Non lesioni ossee. Bacino sostanzialmente simmetrico; tetti acetabolari modicamente ispessiti da coxoartrosi. Sacro-iliache apparentememte indenni." Desidererei ricevere una interpretazione facile di quanto sopra riportato dalla diagnosi di una rx anca destra; rx anca sinistra; rx bacino; rx rachide in toto, con l’indicazione delle eventuali terapie. Grazie!
Il quadro è quello di una artosi sia della colonna che delle anche. Sarebbero indicate le cure termali ( fango-bagni ) ed eventualmente trattamenti di idrochinesiterapia termale.
Dott. Attilio Menconi Orsini

ernie cervicali
31 Ott 07 - roberto, 28 anni (id: 67811)
  caro Dottore mi hanno trovato ,a livello c5-c6, un ernia discale medio -laterale six piuttosto voluminosa ,risalita ma soprattuto scivolata in basso verso il forame di coniugazione dello stesso lato. A liovello c6-c7 modesto bulging discale medio lat. dex. con lieve impronta sul sacco durale. A livello c3-c4 modesta protrusione discale con rettineizzazione del profilo discale posteriore cosi’ come a livello c4-c5. Volevo sapere se era il caso di intervenire chirurgicamente ?E se dopo l’eventuale cura avrei riportato delle limitazioni al livello fisico Cordiali saluti
Il quesito va rivolto a un neurochirurgo o a un chirurgo ortopedico.
Dott. Attilio Menconi Orsini

cruro-coxalgia
31 Ott 07 - Linda, 32 anni (id: 67783)
  Egregio dottore, mi hanno diagnosticato una cruralgia bilaterale in pz. con sospetta stenosi del canale lombare associa o meno ad ernia discale (L3-L4?) coesistenza di coxalgia sinistra, da valutare se di origine articolare o meno. Da premettere che tutto ciò si è manifestato dopo una gravidanza quindi con l’aumentare del peso di 13 kg circa al nono mese appunto il nono che ho sofferto con dolori atroci e che mi porto dopo il parto.Mi è stato prescritto Rxgrafia in ap/ll colonna vertebrale a livello lombare + rx standard anca ds e sn. RMN del tratto L2 - S1. Elettromiografia arti inferiori dx e sn. Di che intensità e la gravità del mio caso e se è necessaria un’operazione come mi dicono ... continua >>
o semplice fisioterapia?
Credo che sia necessario attendere il referto di Xgrafia e RMN per la situazione della colonna vertebrale e dei suoi dischi e della elettromiografia per la eventuale documentazione di sofferenza di vie nervose.
Dott. Attilio Menconi Orsini

ernia e protrusione discale
30 Ott 07 - Iole, 51 anni (id: 67764)
  Salve dottore, è possibile avere una sua risp x il referto della seguente rm spinale (tratto dorsale): vengono eseguite scansioni assiali e sagittali T1 e T2-dipendenti con tecnica TSE. Nei limiti le dimensioni del canale rachideo. Riduzione di ampiezza e segnale su base degenerativa dei dischi D8-D9 e D9-D10. Prontusione paramediana sinistra del disco D8-D9 impronta il sacco durale. ERnia laterale sinistra del disco D9-D10 comprime il sacco durale accostandosi alla corda midollare. Si associano alterazioni degenerative della limitante somatica craniale di D9 estese alla spongiosa subcondrale sulla marginale anteriore. Normali le restanti componenti osteo-discali. Regolare la morfologia, il ... continua >>
volume ed il segnale del midollo dorsale. ...attendo una sua risposta.. la ringrazio, distinti saluti..
In queste domande quasi nessuno scrive la sua sintomatologia, che rimane la cosa più importante per una corretta valutazione clinica, e tutti si limitano a riportare un referto di esame. Comunque la sua RMN parla di ernia e protrusione discale e di discopatia diffusa ad altri dischi. Consulti un medico specialista in fisiatria per eventuali trattamenti di idrochinesiterapia in piscina termale per riabilitazione e di Postura Globale.
Dott. Attilio Menconi Orsini

lombosciatalgia
30 Ott 07 - antonino, 58 anni (id: 67744)
  Caro dottore, sono bloccato da 25 gg per una lombosciatalgia dx, nel frattempo ho dovuto ricorrere alla pompa elastomerica con la morfina in quanto i dolori erano acutissimi, la notte non dormivo più. Ho fatto anche la RMN della colonna lombosacrale, il referto segnala: A L2-L3 e L3-L4 sin osserva protrusione posteriore ad ampio raggio del disco intervertebrale, modicamente più accentuata sul versante sinistro, dove impegna il recesso inferiore del forame di coniugazione: Si evidenzia impronta sul retrostante sacco durale, senza evidenti conflitti radicolari. A L4-L5 si osserva ernia discale intraforaminale destra con compressione della radice "L4". Il disco intervertebrale presenta inoltr... continua >>
e protrusione posteriore ad ampio raggio con impronta sul retrostante sacco durale. Sul versante destro delle limitanti somatiche vertebrali corrispondenti si apprezzano aree a banda di degenerazione adiposa del midollo osseo. I dischi intervertebrali da L2 a L5 appaiono ipointensi nelle sequenze a TR lungo per fenomeni di degenerazione e disidratazione. Nella norma la morfologia ed il segnale della porzione esplorabile del cono midollare. Nella norma i diametri relativi allo speco vertebrale. A seguito vi è stato un consulto tra il medico della terapia antalgica e l’ortopedico che consigliava come primo approccio un ciclo di peridurali, oltre al consiglio di una valutazione ortopedica complessiva. Vorrei sapere cosa ne pensa e auale è esattamente la mia situazione. Grazie mille
Il problema mi sembrano le protrusioni e l’ernia discale. Verso queste alterazioni dei dischi intervertebrali di solito si cerca in un primo momento di superare o ridurre la fase acuta di dolorabilitaà. Successivamente si possono attuare interventi conservativi e poi, se questi fallissero oppure se comunque la sintomatologia dolorosa persiste in forma grave, si pensa ad un intervento. I trattamenti conservativi sono di solito quelli di idrochinesiterapia in piscina termale per riabilitazione e di Postura Globale associati.
Dott. Attilio Menconi Orsini


Da 1005 a 1020 di 2104