Sei in: Medico on-line > Medicina Termale Riabilitativa

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Medicina Termale Riabilitativa
Referenti

ultimo aggiornamento 14/03/2006
 
Aree tematiche

  • cure termali nell’artrosi e nelle malattie reumatiche
  • cure termali nelle malattie dell’apparato respiratorio
  • cure termali nelle malattie orecchio/naso/gola
  • cure termali nelle insufficienze vascolari periferiche
  • cure termali nelle malattie ginecologiche o dell’apparato digerente
  • Riabilitazione e Idrochinesiterapia in ambito termale
  • riabilitazione motoria
  • Medicina Estetica ed area benessere

Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 14/03/2006
Invia la tua domanda

Domande / Risposte
Re
29 Ott 07 - Stefano, 54 anni (id: 67627)
  -Sono consigliabili i materassi di ultima generazione in viscoelastico termosensibile? -Eventualmente in alternativa posso avere un consiglio?
Consiglio e consigliabili per cosa ? Lei non lo dice. Tenga però presente primo che non so molto di materassi, secondo che la pubblicità promette spesso cose assolutamente incredibili.
Dott. Attilio Menconi Orsini


RMN
29 Ott 07 - filippo, 21 anni (id: 67605)
  salve vorrei sapere l’esito di questa risonaza magnetica.discopatia L4-L5 con disco di spessore ridotto e con diametri lievamente aumentati.sempre a tale livello, in sede mediana-paramediana destra, si documenta protrusione focale del margine posteriore dell’anello fibroso responsabile di impronta sul sacco durale. normale morfologia ed intensita di segnale dei rimanenti dischi intersomatici. conservata l’ampiezza del canale spinale. non macroscopiche alterazioni di segnale nel contesto del cono midollare. tutto questo è il referto può gentilmente dirmi di cosa si tratta. cmq ioè da due anni che faccio un lavoretto pesante con i miei zii è la mia dottoressa aveva detto che si trattava del ne... continua >>
rvo schiatico ho fatto le cure ma non è passato... grazie aspetto la vostra risposta
Il referto conferma quanto detto dalla dottoressa. La protrusione del disco ( qualcosa di simile, ma più ridotto, alla più nota ernia del disco ) entra in conflitto con le vie nervose. La protrusione , una volta superata o ridotta la fase acuta curata con farmaci, può essere ridotta. Consulti per una visita un medico specialista in fisiatria per eventuali trattamenti di idrochinesiterapia ( e meglio se in piscina termale per riabilitazione ) e di postura globale.
Dott. Attilio Menconi Orsini

lombalgia
29 Ott 07 - marcella, 48 anni (id: 67604)
  Salve,sono una signora che da circa due mesi soffre di un dolore forte al fianco dx, il dolore si preseta specialmente di notte. Se dopo mi muovo pare quasi scomparire, e’ un dolore che si sposta su e giu’per tutto il fianco dx. Che potrei fare? Mi dia un consiglio posso fare attivita’ di rowing? Grazie della risposta.
Il fatto che sia più intenso nel sonno deporrebbe per una forma di lomboartrosi. In ogni caso però è meglio andare a fondo nella diagnosi. Per il rowing: va bene, come probabilmente anche ciclette o nuoto.
Dott. Attilio Menconi Orsini

strappo muscolare
28 Ott 07 - saverio, 22 anni (id: 67585)
  come posso guarire dal risentimento di unvecchio strappo muscolare (causato circa 2 mesi fà)?
Se di vero e proprio strappo si tratta, la guarigione non è semplicissima. I muscoli guariscono con una cicatrice che ripara lo strappo e questo tessuto ha comportamenti diversi da quello muscolare, specie se ipertrofico come quello di un atleta. Ritorni al pieno uso molto gradualmente. Della fisioterapia può aiutarla.
Dott. Attilio Menconi Orsini

retrolistesi
25 Ott 07 - Matteo, 23 anni (id: 67380)
  Salve. Soffro di ernia del disco ( L4-L5 ) da almeno 8 mesi. Ho provato la fisioterapia, la terapia conservativa con antinfiammatori, l’ ozono ( lamino-foraminale ) ma, dato che gioco a calcio, i risultati raggiunti non mi soddisfano. Mi è stato detto che la mia è una pseudo-protrusione che comprime il nucleo radicolare della gamba sinistra a causa del mio canale più stretto rispetto al normale. Il Dottor Brayda del Galeazzi di Milano mi ha proposto un intervento per allargare proprio il canale per evitare le possibili conseguenze di una discolisi. Pare anche che io soffra di retrolistesi nel punto dell’ ernia. Quali sono i rischi di questa pratica chirurgica?
Lo specialista più indicato a illustrarle rischi, vantaggi e decorso postoperatorio dell’intervento è colui dal quale si dovrà far operare.
Dott. Attilio Menconi Orsini

xgrafia
22 Ott 07 - adele, 25 anni (id: 67213)
  Gentilissiomo Dottore, da tempo soffro di dolori al collo e alla spalla sx ho effettuato un RX della colonna cervicale la diagnosi è questa: Riduzione della fisiologica lordosi cervicale; Incipienti note cerviocartrosiche; conservati gli spazi intersomatici. Può gentilmente darmi delle spiegazioni e dei consigli?
Il referto segnala note iniziali di artrosi cervicale. La riduzione della curvatura normale della colonna è in genere effetto e a sua volta causa di una contrattura muscolare. Spesso è anche il primo segno di una artrosi. In questa ipotesi, a parte gli eventuali periodi acuti di dolorabilità per i quali sono attuali gli antiinfiammatorii, si possono consigliare l’assunzione di prodotti integratori di glucosamina e condoitin-solfato e le cure termali ( fango-bagni ).
Dott. Attilio Menconi Orsini

ernie
22 Ott 07 - salvatore, 32 anni (id: 67208)
  spett.le dr, Le scrivo per un problema medico legale in quanto 2 anni fa in seguito ad una torsione flessione brusca del tronco mentre facevo uno squat ho avvertito un forte dolore lombare con blocco. ho fatto degli accertamenti e mi hanno riscontrato tre ernie discali ( fino a quel momento non avevo mai avuto nemmeno un leggero fastidio alla zona lombo sacrale ne allo sciatico). essendo assicurato contro gli infortuni la compagnia assicurativa non vuole indennizzarmi perche’ sostiene che si tratti di malattia e non di infortunio. ci sono studi dai quali risulti che le ernie discali possono originarsi anche da sforzi bruschi e violenti? se si Le sarei grato se volesse fornirmi le modalità ... continua >>
per rintracciarli perchè non tutelare il mio diritto ad essere indennizzato. la ringrazio e la saluto. Salvatore
Il compito va affidato a un medico legale.
Dott. Attilio Menconi Orsini

coxoartrosi
22 Ott 07 - Antonio, 46 anni (id: 67198)
  caro dottore ho fatto una tac ed ho una coxartrosi sn con deformazione della testa. Anche a dx si evidenzia una lieve e presenza di cavità geodiche subcondrali . artrosi sacro iliaca bilaterale . vorrei sapere se posso continuare a lavorare e quale rimedio grazie
Dipende molto dal tipo di lavoro: se deve camminare o fare delle scale con carichi pesanti da portare no. Altrimenti si. Anche il lavoro di piastrellista con una posizione accucciata mantenuta a lungo non è favorevole. Una certa attività fisica è comunque utile, ad esempio quelle con poco carico di peso sullanca ( ciclette, nuoto, ecc. ) così come possono essere utili sia la idrochinesiterapia alle terme sia le cure termali ( fango-bagni ). Come ultima risorsa c’è poi la protesi d’anca, che al giono d’oggi sono decisamente affidabili.
Dott. Attilio Menconi Orsini

protrusioni
22 Ott 07 - cosima.clo, 35 anni (id: 67195)
  salve Dottore dopo 3 gravidanze praticamente ho cominciato ad avere dolori lombosciatici fino a che circa 2 mesi fa mi sono bloccata,qundi il mio medico mi ha richiesto una risonanza. Vorrei sapere se possibile un chiarimento sull’esito.. RM rachide lombosacrale esecuzione: Malacico il disco tra L5/S1 ove si associa una potrusione discale a sede postero-laterale dx con relativa inpronta sulla cauda, restringimento del rispettivo forame neurale e potenziali segni di conflitto con la radice omolaterale di S1. Lieve bulging discale posteriore a sede centrale L4/L5 con scarsa relativa impronta sul sacco durale. Non alterazioni d’ampiezza o segnale ai metameri e dai restanti dischi inte... continua >>
rvetebrali studiati. consiglio;se e cosa si potrebbe fare x risolvere il problema?? la ringrazio anticipatamente per l’attenzione rivolta
Il referto parla di due protrusioni dei dischi intervertebrali ( semplificando molto, qualcosa di simile, ma meno accentuato, alla più nota ernia del disco ). Queste, come le ernie, possono ridursi: consulti per una visita un medico specialista in fisiatria per eventuali trattamenti di idrochinesiterapia ( e meglio se in piscina termale per riabilitazione ) e di postura globale.
Dott. Attilio Menconi Orsini

18 Ott 07 - Flavio, 42 anni (id: 66983)
  Egregio Dottore, a seguito di un forte dolore che mi ha costretto ad una terapia settimanale di muscoril e tora-dol, ho effettuato una RM al rachide lombo-sacrale tre giorni fa. La risposta è stata (cono midollare e radici della cadua equina regolari): "degenerati tutti i dischi, il fenomeno è più accentuato in L5-S1 con ampia sporgenza posteriore mediana del disco che contatta il sacco durale e lambisce le tasche radicolari limitrofe" Che significa? Come mi devo comportare? La ringrazio per la risposta.
27/03/2013: termini di risposta scaduti
Dott. Attilio Menconi Orsini

RMN
18 Ott 07 - Lorena, 39 anni (id: 66978)
  A seguito di una seduta scomoda durata 2h mi sono rialzata con la schiena a pezzi. Una seduta dalla chiropratica non ha risolto completamente il dolore e la difficoltà nel movimento e a deambulare. Una successiva RMN ha rilevato: "una modesta protrusione circonferenziale con piccola focalità mediana contenuta nel legamento longitudinale posteriore del disco L4-L5" Non so cosa significa cosa mi consiglia? Grazie.
La protrusione, semplificando molto, è una alterazione del disco intervertebrale simile, ma più ridotta, alla più nota ernia del disco. Può ridursi con trattamenti di idrochinesiterapia ( meglio se in piscina termale per riabilitazione ) e di postura globale, previa visita da uno specialista in fisiatria.
Dott. Attilio Menconi Orsini

RMN
18 Ott 07 - leonardo, 32 anni (id: 66924)
  Gent.mo dottore ho fatto una risonanaza magnetica a tutto il rachide per problemi di ernia e il risultato è: segni di discopatia nel tratto cervicale da C3-C4 a C5-C6 per disidratazione discale.Protusione discale C3-C4 con iniziale componente osteofitosica ed impronta mediana paramediana destra sul sacco durale.Protusione discale C4-C5 con impronta mediana sul sacco durale, protusione discale C5-C6 con associata componente osteofitosica ed erniaria parzialmente calcifica con impronta paramediana sinistra sul sacco durale ed estensione al canale di coniugazione.Nella norma per ampiezza il canale spinale.Nella norma per morfologia il midollo sino al cono midollarelocalizzato a livello L1.Nel t... continua >>
ratto dorsale sono presenti modesti segni di discopatia con piccole ernie intraspongiose.A livello lombosacrale sono presenti esiti chirurgici per emilanectomia sinistra a livello di L5-S1 con modesta attrazione del sacco durale verso la breccia operatoria, minimo magma cicatriziale lateralmente a sinistra del sacco durale,protusione discale con impronta diffusa sul sacco durale appena piu’ evidente in sede paramediana sinistro con impegno anche nei canali di coniugazione. Modesta protusione discale L3-L4 che peraltro si estende in sede esoforaminale bilateralmente. Per favore dottore mi spiega cosa vuol dire? La ringrazio in anticipo
A parte i postumi della passata operazione per ernia discale ( emilaminectomia ) sono presenti alcune protrusioni ( semplificando molto, una alterazione simile ma più ridotta all’ernia ) a livello della colonna cervicale e lombare. Queste possono ridursi. Consulti un medico specialista in fisiatria per una visita per eventuali trattamenti di idrochinesiterapia ( e meglio se in piscina termale per riabilitazione ) e di postura globale.
Dott. Attilio Menconi Orsini

RMN
17 Ott 07 - GIOVANNA, 60 anni (id: 66887)
  A causa di frequenti mal di schiena e di male agli arti inferiori e superiori, ho fatto una risonanza. Il referto dice: Riduzione dell’angolo lombo sacrale per sacro acuto. verosimile vertebra di passaggio per sacralizzazione di L5. lisi istimica bilaterale a L4 con lieve scivolamento anteriore di L4 su L5per spondilolistesi con produzione circonferenziale dell’anello fibroso del corrispondentedisco intersomatico che determina l’impronta a largo raggio dell’astuccio durale. Artrosi interofo bilaterale L4 L5 con ipertrofia dei legamenti gialli ed associata artrosi intraforaminale bilaterale.
Chiedo scusa del ritardo dovuto anche a impossibilità di collegamento con la linea Telecom. Credo che il suo caso sia di pertinenza di uno specialista ortopedico.
Dott. Attilio Menconi Orsini

rettilineizzazione
17 Ott 07 - giuliana, 27 anni (id: 66881)
  gentile dottore, ho appena ritirato un esame, vorrei che gentilmente lei mi spiegasse che cos’e lo spianamento della lordosi fisiologica cervicale, e quali sono le eventuali cure. la ringrazio infinitamente. Giuliana
La riduzione o scomparsa delle normali curvature della colonna, in questo caso cervicale, è al tempo stesso causata e causa di contrattura muscolare e di sintomatologia dolorosa. Può essere il primo segno di un processo di artrosi, o di un trauma ( ad esempio il colpo di frusta ) o di una postura errata ( ad esempio in ufficio, di fronte al computer ), ecc. Un medico specialista in fisiatria può consigliarle trattamenti di chinesiterapia o di ginnastica medica.
Dott. Attilio Menconi Orsini

xgrafia
17 Ott 07 - Giuseppe, 30 anni (id: 66866)
  Gentile Dottore, le mie condizioni: RX colonna lombosacrale per mal di schiena, diagnosi: “SCOMPARSA DELLA FISIOLOGICA LORDOSI LOMBARE. SEGNI DISCOPATIA L5-S1 CON RESTRINGIMENTO DELLO SPAZIO INTERSOMATICO”. Cosa mi consiglia come cura? Ho 30 anni alto 184 cm peso 84 kg. Faccio un lavoro molto sedentario. Gradirei un suo consiglio. Grazie. Cordiali Saluti, Giuseppe Servidio
Purtroppo, come tutti del resto, lei non dice nulla sui sintomi che ha. Il La scomparsa della normale curva della colonna lombare è un segno di contrattura muscolare a sua volta causata e causa di una sintomatologia dolorosa che potrebbe originare dalla discopatia ( la xgrafia dà solo segni indiretti di questa ) L5-S1. Ci sono trattamenti conservativi da fare, previa però visita di un medico specialista in fisiatria, come ad esempio quelli di idrochinesiterapia ( e in questo caso meglio se in piscina termale per riabilitazione ), di postura globale, di ginnastica medica. Lo stesso sanitario può consigliarle l’attività fisica di mantenimento da praticare ( di solito in questi casi il nuoto ).
Dott. Attilio Menconi Orsini


Da 1005 a 1020 di 2080