Sei in: Medico on-line > Medicina Termale Riabilitativa

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Medicina Termale Riabilitativa
Referenti

ultimo aggiornamento 14/03/2006
 
Aree tematiche

  • cure termali nell’artrosi e nelle malattie reumatiche
  • cure termali nelle malattie dell’apparato respiratorio
  • cure termali nelle malattie orecchio/naso/gola
  • cure termali nelle insufficienze vascolari periferiche
  • cure termali nelle malattie ginecologiche o dell’apparato digerente
  • Riabilitazione e Idrochinesiterapia in ambito termale
  • riabilitazione motoria
  • Medicina Estetica ed area benessere

Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 14/03/2006
Invia la tua domanda

Domande / Risposte
ernie cervicali
31 Ott 07 - roberto, 28 anni (id: 67811)
  caro Dottore mi hanno trovato ,a livello c5-c6, un ernia discale medio -laterale six piuttosto voluminosa ,risalita ma soprattuto scivolata in basso verso il forame di coniugazione dello stesso lato. A liovello c6-c7 modesto bulging discale medio lat. dex. con lieve impronta sul sacco durale. A livello c3-c4 modesta protrusione discale con rettineizzazione del profilo discale posteriore cosi’ come a livello c4-c5. Volevo sapere se era il caso di intervenire chirurgicamente ?E se dopo l’eventuale cura avrei riportato delle limitazioni al livello fisico Cordiali saluti
Il quesito va rivolto a un neurochirurgo o a un chirurgo ortopedico.
Dott. Attilio Menconi Orsini


cruro-coxalgia
31 Ott 07 - Linda, 32 anni (id: 67783)
  Egregio dottore, mi hanno diagnosticato una cruralgia bilaterale in pz. con sospetta stenosi del canale lombare associa o meno ad ernia discale (L3-L4?) coesistenza di coxalgia sinistra, da valutare se di origine articolare o meno. Da premettere che tutto ciò si è manifestato dopo una gravidanza quindi con l’aumentare del peso di 13 kg circa al nono mese appunto il nono che ho sofferto con dolori atroci e che mi porto dopo il parto.Mi è stato prescritto Rxgrafia in ap/ll colonna vertebrale a livello lombare + rx standard anca ds e sn. RMN del tratto L2 - S1. Elettromiografia arti inferiori dx e sn. Di che intensità e la gravità del mio caso e se è necessaria un’operazione come mi dicono ... continua >>
o semplice fisioterapia?
Credo che sia necessario attendere il referto di Xgrafia e RMN per la situazione della colonna vertebrale e dei suoi dischi e della elettromiografia per la eventuale documentazione di sofferenza di vie nervose.
Dott. Attilio Menconi Orsini

ernia e protrusione discale
30 Ott 07 - Iole, 51 anni (id: 67764)
  Salve dottore, è possibile avere una sua risp x il referto della seguente rm spinale (tratto dorsale): vengono eseguite scansioni assiali e sagittali T1 e T2-dipendenti con tecnica TSE. Nei limiti le dimensioni del canale rachideo. Riduzione di ampiezza e segnale su base degenerativa dei dischi D8-D9 e D9-D10. Prontusione paramediana sinistra del disco D8-D9 impronta il sacco durale. ERnia laterale sinistra del disco D9-D10 comprime il sacco durale accostandosi alla corda midollare. Si associano alterazioni degenerative della limitante somatica craniale di D9 estese alla spongiosa subcondrale sulla marginale anteriore. Normali le restanti componenti osteo-discali. Regolare la morfologia, il ... continua >>
volume ed il segnale del midollo dorsale. ...attendo una sua risposta.. la ringrazio, distinti saluti..
In queste domande quasi nessuno scrive la sua sintomatologia, che rimane la cosa più importante per una corretta valutazione clinica, e tutti si limitano a riportare un referto di esame. Comunque la sua RMN parla di ernia e protrusione discale e di discopatia diffusa ad altri dischi. Consulti un medico specialista in fisiatria per eventuali trattamenti di idrochinesiterapia in piscina termale per riabilitazione e di Postura Globale.
Dott. Attilio Menconi Orsini

lombosciatalgia
30 Ott 07 - antonino, 58 anni (id: 67744)
  Caro dottore, sono bloccato da 25 gg per una lombosciatalgia dx, nel frattempo ho dovuto ricorrere alla pompa elastomerica con la morfina in quanto i dolori erano acutissimi, la notte non dormivo più. Ho fatto anche la RMN della colonna lombosacrale, il referto segnala: A L2-L3 e L3-L4 sin osserva protrusione posteriore ad ampio raggio del disco intervertebrale, modicamente più accentuata sul versante sinistro, dove impegna il recesso inferiore del forame di coniugazione: Si evidenzia impronta sul retrostante sacco durale, senza evidenti conflitti radicolari. A L4-L5 si osserva ernia discale intraforaminale destra con compressione della radice "L4". Il disco intervertebrale presenta inoltr... continua >>
e protrusione posteriore ad ampio raggio con impronta sul retrostante sacco durale. Sul versante destro delle limitanti somatiche vertebrali corrispondenti si apprezzano aree a banda di degenerazione adiposa del midollo osseo. I dischi intervertebrali da L2 a L5 appaiono ipointensi nelle sequenze a TR lungo per fenomeni di degenerazione e disidratazione. Nella norma la morfologia ed il segnale della porzione esplorabile del cono midollare. Nella norma i diametri relativi allo speco vertebrale. A seguito vi è stato un consulto tra il medico della terapia antalgica e l’ortopedico che consigliava come primo approccio un ciclo di peridurali, oltre al consiglio di una valutazione ortopedica complessiva. Vorrei sapere cosa ne pensa e auale è esattamente la mia situazione. Grazie mille
Il problema mi sembrano le protrusioni e l’ernia discale. Verso queste alterazioni dei dischi intervertebrali di solito si cerca in un primo momento di superare o ridurre la fase acuta di dolorabilitaà. Successivamente si possono attuare interventi conservativi e poi, se questi fallissero oppure se comunque la sintomatologia dolorosa persiste in forma grave, si pensa ad un intervento. I trattamenti conservativi sono di solito quelli di idrochinesiterapia in piscina termale per riabilitazione e di Postura Globale associati.
Dott. Attilio Menconi Orsini

xgrafia
30 Ott 07 - Salvatore, 37 anni (id: 67737)
  Da un esame radiologico alla colonna lombo sacrale risulta: "Lieve scoliosi destro convessa dorsale ad ampio raggio accentuazione delle curvature sagittali red ridotto lo spazio intersomatico L5 S1 un ed è L4L5 nel comparto posteriore. .Note spondilosiche diffuse ." A parte il fatto che con qualche virgola in dotazione ai Pc dei refertanti gli si potrebbe accendere qualche lumicino anche ai non addetti ai lavori, potrei sapere cosa mi hanno diagnosticato? Cos’è il "red"? E’ solo un altro errore di battitura (ho riportato lettera per lettera il referto) o qualcos’altro? GRAZIE.
La scoliosi ( peraltro lieve ) è una anomala curvatura laterale della colonna, contro di essa si può agire in diversi modi, previa però una accurata diagnosi delle cause ( ad esempio, se è causata da una anche piccola differenza nella lunghezza degli arti inferiori basta una suola compensatrice, se da altra causa la ginnastica medica, ecc. ). La riduzione degli spazi intervertebrali è un segno indiretto ( la radiografia non li vede direttamente )di sofferenza dei dischi intervertebrali. Per quanto riguarda la paroloa "red" non so cosa voglia dire e ho il sospetto che lei abbia trascritto male. La terminologia astrusa dei referti medici è purtroppo una necessità: il comune modo di parlare non è abbastanza preciso e anche chi, come il sottoscritto, si trova a cercare di spiegare la terminologia medica sa benissimo che dice necessariamente anche parecchie imprecisioni o se preferisce bestialità.
Dott. Attilio Menconi Orsini

referto xgrafico
30 Ott 07 - laura, 54 anni (id: 67728)
  Egregio dottore il 30.10.2007 ho ritirato il referto della radiografia colonna lombosacrale, ma avrei bisogno di chiarimenti. "Deviazione destroconvessa a ampio raggio. Rotazione e bascullamento dei metameri. Vertebra di transizione discendente al passaggio dorsolombare. Accentuata la lordosi. Modesto affossamento delle limitanti somatiche. Iniziale spondilosi. Verticalizzazione delle rime delle articolazioni intervertebrali. Sclerosi interapofisaria specie distale." RingraziandoLa anticipatamente, porgo cordiali saluti.
La dizione "presenza di vertebra di transizione", peraltro non molto frequente, indica una alterazione che può verificarsi a carico delle vertebre poste a livello del confine fra un tratto di colonna e l’altro ( ad esempio fra colonna lombare e colonna sacrale ) e che porta una delle due vertebre di confine ad assumere parzialmente i caratteri di quelle del tratto vicino. Si traduce purtroppo anche in una modifica delle caratteristiche meccaniche della vertebra e quindi può essere prodromo di un processo patologico, ad es. di artrosi. La valutazione di questa situazione è di competenza di un medico specialista in ortopedia così come le altre alterazioni di squilibrio meccanico evidenziate dall’esame.
Dott. Attilio Menconi Orsini

discopatia
30 Ott 07 - GAETANO, 57 anni (id: 67715)
  Gentilissimo dottore, vorrei spiegazioni circa l’esito della mia Rmn lombare. "Nei limiti l’ampiezza del canale lombare. I dischi da L2 ad S1 presentano segni di degenerazione. In L2-L3 ed L3-L4 lieve protrusione discale paramediana sinistra (più evidente in L3-L4). Modesto bulging mediano del disco L4-L5. Il disco L5-S1 e notevolmente ridotto in altezza e presenta iore mediano-paramediano destro.In sede dorsale inferiore segni di degenerazione dei dischi T10-T1 e T11-T12. I sintomi che presento sono: rigidità al mattino quando mi alzo con curvatura verso dx ma dopo avermi stirato a penzoloni ritorno diritto; non riesco a stare molto in piedi fermo perchè dopo poco ho dolori alla schiena me... continua >>
ntre se cammino va meglio. Una/due volte all’anno resto bloccato a causa di una fitta come una scossa che parte dalla zona lombare e va verso davanti sul fianco sinistro rimanendo curvo a DX, solo in questo caso faccio uso di farmaci (.... per 6/7 gg.). Ho gicato molti anni a calcio a livello agonistico. Faccio notare che da diversi anni porto un plantare al piede Dx di cica 12 mm che ha alleviato molto la situazione dolorosa. Che tipo di terapia e/o specialista mi consiglia? Grazie della risposta.
La RMN evidenzia una diffusa discopatia che a certi livelli si estrinseca in protrusioni e bulging. Visto i suoi episodi di blocchi lombari è probabile che questi ne siano i responsabili. Consulti un medico specialista in fisiatria per eventuali trattamenti di idrochinesiterapia ( e meglio se in piscina termale per riabilitazione ) e di Postura Globale.
Dott. Attilio Menconi Orsini

spondilosi
30 Ott 07 - massimo, 39 anni (id: 67701)
  volevo sapere cosa significa iniziali segni di spondilosi lombo sacro coccigea!!!.grazie per l’attenzione
Discopatia, cioè sofferenza, alterazione di dischi intervertebrali.
Dott. Attilio Menconi Orsini

ernia e discopatie
29 Ott 07 - Andrea, 40 anni (id: 67665)
  Dopo una RM lombare mi è stato diagnosticato discopatia in L4-L5 eL5-S1 e una piccola ernia in L4-L5, faccio 2 volte la settimana 1 ora di nuoto, più 2 volte cammino per 45 minuti + una volta a settimana Bio Ginnastica. Le mie domande sono: posso ancora SCIARE e con quali accorgimenti? E’sufficiente quello che faccio per mantenere una buona qualità di "vita"? Premetto che ho sempre fatto attività fisica, molta corsa, fino a 38 anni, che mi serviva anche come valvola di sfogo avendo un figlio Disabile!!!! Grazie.
Il nuoto è l’attività fisica migliore come mantenimento. Lei non mi dice se l’ernia discale si è risolata o ridotta: in caso negativo trattamenti di idrochinesiterapia in piscina termale per riabilitazione e di Riabilitazione Posturale Globale sono molto indicati. La corsa se su terreno libero è meno indicata perchè può causare brusche contrazioni muscolari che sono negativa. Lo sci, specie se di discesa, è ancora meno indicato: contraccolpi sulla schiena, brusche contrazioni muscolari; casomai dovrebbe passare al fondo. Per la qualità di vita, sicuramente con le attenzioni suddette è ancora possibile che sia più che buona.
Dott. Attilio Menconi Orsini

lesione del legamento
29 Ott 07 - Simone, 22 anni (id: 67659)
  salve dottore, a seguito di un incidente stradale, ho un forte dolore alla spalla dx, ed impossibilità di alcuni movimenti.effettuano la RM il referto è il seguente: aspetto ispessito e rigonfio, con associato edema perilesionale, del tratto inserzionale prossimale del legamento coraco-acromiale come da distrazione.Modesto versamento nella borsa acromion-deltoidea, minima falda liquida a livello dell’articolazione acromion-claveare. Dato che praticosollevamento pesi a livello agonistico, volevo sapere se devo essere sottoposto ad intervento chirurgico, e i tempi di recupero
I legamenti della spalla sono strutture delicate e le loro lesioni sono di difficile trattamento. Può rispondere alle sue domande un chirurgo ortopedico.
Dott. Attilio Menconi Orsini

RMN e Xgrafia
29 Ott 07 - GIO, 16 anni (id: 67634)
  Egregio Dottore, a mio figlio Gio, di 16 anni a seguito di dolori alla spina dorsale è stata fatta una prima RMN LOMBARE nel luglio 2007 che ha evidenziato "atteggiamento in lieve cifosi del tratto di passaggio dorso-lombosacrale ; numerosi i piccoli nodi intraspongiosi di Schmorl nelle limitanti somatiche del tratto dorsale inferiore e lombare. Pressochè completa scomparsa per fenomeni degenerativi dei dischi intersomatici D11-D12, D12-L1 ed L1-L2." La scorsa settimana gli è stata effettuata una RADIOGRAFIA COMPLETA DELLA COLONNA che ha evidenziato "Radiogrammi panoramici con proiezioni ortogonali con paziente in ortostasi. Modesto slivellamento in basso dell’emibacino a destra... continua >>
. Iperlordosi lombare. Tendenza a sacralizzazione bilaterale di L5 (praaticamente completa a sinistra). Non significativi spostamenti dell’asse del rachide." Egregio dottore, la mia domanda è perchè tanta diversità tra i referti? Cosa ha esattamente mio figlio? cosa sono i nodi intraspongiosi di Schmorl? La ringrazio per la cortese risposta. Un caro saluto Ivonne
Le due metodiche, RMN e Xgrafia, esplorano in modo effettivamente diverso per cui piccole diversità nei referti sono normali. Nel suo caso non sono molto piccole, sono però soprattutto evidenti nella curvatura della cerniera dorso-lombare. In questo caso però l’atteggiamento assunto dal paziente a distanza di tempo, magari per diverse contratture muscolari, potrebbe giustificarla. Io concentrerei l’attenzione sulle discopatia delle ultime dorsali e prima lombare evidenziata dalla RMN e sulla sacralizzazione dell’ultima vertebra lombare evidenziata dalla Xgrafia. Se non c’è errore nell’età segnalata, è consigliabile che suo figlio si metta in cura da uno specialista in ortopedia.
Dott. Attilio Menconi Orsini

spondilolistesi
29 Ott 07 - Lorella, 50 anni (id: 67633)
  Mia madre, 77 anni, ha una spondilolistesi con stenosi del canaletto. Ciò le procura, oltre alla difficoltà di movimenti, dei dolori lancinanti e continui. Non potendo affrontare un’operazione per correggere il problema a causa di una patologia cardiaca, può solamente tentare di sedare il dolore assumendo un alto dosaggio di antidolorifici, nello specifico il .... (30 gocce 3 volte al dì). Purtroppo anche questo dosaggio non è più sufficiente perchè il dolore persiste comunque. Vorrei sapere se ci sono altri farmaci più efficaci. Grazie e saluti Lorella
Il farmaco da lei indicato è già una molecola dotata di una certa potenza e quindi anche di una certa dose di controindicazioni all’uso specie prolungato. Per passare a una categoria di farmaci con effetto antidolorifico ancora più potente entriamo in una categoria di farmaci ancora meno maneggevoli e in ogni caso devono essere indicati dal medico che l’ha in cura. Piuttosto, è già stata sperimentata la via del movimento, attivo o passivo, per rinforzare i gruppi muscolari e le strutture che impediscono l’ulteriore scivolamento ? Se no, provi a consultare un medico specialista in fisiatria.
Dott. Attilio Menconi Orsini

RMN
29 Ott 07 - caterina, 42 anni (id: 67629)
  Mi può aiutare a capire il referto RM? GRAZIE ANTICIPATAMENTE! REFERTO RM: Acquisizione multiplanari TSE T1 e T2 dipendenti. Presenza di vertebra di transizione simmetrica del passaggio lombosacrale, con formazione di una nuova articolazione tra vertebra e sacro (tipo 2b secondo la class di Tini). Rotoscoliosi lombare destro-convessa. Degenerazione spondilo-disco-artrosica in D11-D12, L4-L5 e L5-S1. A livello dello spazio intersomatico L4-L5 è presente protrusione discale diffusa, con lieve impronta sul sacco durale. Il disco L5-S1 presenta modesto bulging circonferenziale che determina lieve impronta sul profilo anteriore del sacco durale. Aspetto regolare del midollo spinale dorsal... continua >>
e e della regione del cono midollare.
La dizione "presenza di vertebra di transizione", peraltro non molto frequente, indica una alterazione che può verificarsi a carico delle vertebre poste a livello del confine fra un tratto di colonna e l’altro ( ad esempio fra colonna lombare e colonna sacrale ) e che porta una delle due vertebre di confine ad assumere parzialmente i caratteri di quelle del tratto vicino. Si traduce purtroppo anche in una modifica delle caratteristiche meccaniche della vertebra e quindi può essere prodromo di un processo patologico, ad es. di artrosi. La valutazione di questa situazione è di competenza di un medico specialista in ortopedia. Il bulging e la protrusione di per sè sarebbero trattabili ad esempio con trattamenti di idrochinesiterapia in piscina termale per riabilitazione e di postura globale, salvo la valutazione di cui sopra.
Dott. Attilio Menconi Orsini

Re
29 Ott 07 - Stefano, 54 anni (id: 67627)
  -Sono consigliabili i materassi di ultima generazione in viscoelastico termosensibile? -Eventualmente in alternativa posso avere un consiglio?
Consiglio e consigliabili per cosa ? Lei non lo dice. Tenga però presente primo che non so molto di materassi, secondo che la pubblicità promette spesso cose assolutamente incredibili.
Dott. Attilio Menconi Orsini

RMN
29 Ott 07 - filippo, 21 anni (id: 67605)
  salve vorrei sapere l’esito di questa risonaza magnetica.discopatia L4-L5 con disco di spessore ridotto e con diametri lievamente aumentati.sempre a tale livello, in sede mediana-paramediana destra, si documenta protrusione focale del margine posteriore dell’anello fibroso responsabile di impronta sul sacco durale. normale morfologia ed intensita di segnale dei rimanenti dischi intersomatici. conservata l’ampiezza del canale spinale. non macroscopiche alterazioni di segnale nel contesto del cono midollare. tutto questo è il referto può gentilmente dirmi di cosa si tratta. cmq ioè da due anni che faccio un lavoretto pesante con i miei zii è la mia dottoressa aveva detto che si trattava del ne... continua >>
rvo schiatico ho fatto le cure ma non è passato... grazie aspetto la vostra risposta
Il referto conferma quanto detto dalla dottoressa. La protrusione del disco ( qualcosa di simile, ma più ridotto, alla più nota ernia del disco ) entra in conflitto con le vie nervose. La protrusione , una volta superata o ridotta la fase acuta curata con farmaci, può essere ridotta. Consulti per una visita un medico specialista in fisiatria per eventuali trattamenti di idrochinesiterapia ( e meglio se in piscina termale per riabilitazione ) e di postura globale.
Dott. Attilio Menconi Orsini


Da 1005 a 1020 di 2093