Sei in: Medico on-line > Otorinolaringoiatria

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Otorinolaringoiatria
Referenti
Attualmente non è presente nessun referente che possa rispondere per la specialità Otorinolaringoiatria

ultimo aggiornamento 20/08/2007
 
Aree tematiche

ultimo aggiornamento 18/10/2007
Invia la tua domanda

Domande / Risposte
concha bullosa
21 Mag 07 - Paula, 20 anni (id: 60147)
  dottore,mi hanno consigliato di fare un tc ad alta risoluzione del massiccio facciale con proiezione assiale e coronale ed è uscito conche bullose bilaterali,bulla etmoidale ipetrofica a destra.Quale è la causa,quali sono i sintomi,e se non viene asportati in tempo cosa succede?sono preoccupata,e ho paura di operarmi.
Si tratta di malformazioni delle strutture endonasali che interessano il 25% della popolazione e molto spesso sono asintomatiche: in tal caso non bisogna fare nulla e non bisogna preoccuparsi. Qualora si accompagnino a sintomi quali sinusiti ricorrenti, cefalea, importanti disturbi respiratori nasali è consigliabile ( ma non obbligatorio ) l’intervento chirurgico per migliorare la situazione funzionale. Anche se lei non si fa operare non può succederle nulla di grave.
Dott. Danilo Dall’Olio


ghiandola collo
21 Mag 07 - Sergio, 39 anni (id: 60145)
  Gentile Dottore, ho un bimbo di 3 anni con peso di 13 kg e ho notato che sotto il mento, precisamente al centro tra la gola e il mento, si sente una ghiandolina che quando è raffreddato o con febbre si ingrossa. Non è visibile ma si avverte solo al tatto e non provoca dolore. Mi sono preoccupato e l’ho fatto vedere alla pediatra di base, la quale mi ha abbastanza rassicurato ammettendo però la posizione un po’ strana della ghiandola. Il suo consiglio è stato di tenerla controllata e nel caso si ingrossasse con leggera febbre di fare un controllo dall’Otorino. Vorrei a questo punto un parere da Lei. Grazie e saluti
Condivido il parere del pediatra. Si tratta verosimilmente di un linfonodo reattivo di scarso significato clinico, molto comune in questa età. Fintanto che resta asintomatico non desta alcun problema.
Dott. Danilo Dall’Olio

stenosi respiratoria nasale,otiti ricorrenti e sincinesie postparalisi facciale.
21 Mag 07 - antonio, 38 anni (id: 60144)
  Gent.mo dr. Grimaldi,le scrivo a nome di mio marito che è afflitto da problemi cronici al naso e orecchio ed essendo forse l’origine del problema non proprio di così immediata soluzione, volevamo affidarci ad un professionista. Storia clinica: età di 3 anni paralisi del facciale da frigore curata malissimo. Rachitismo forse carenziale ma forse di tipo endocrinologico,madre ipotiroidea,nonno materno marfanoide, iperlassità ligamentosa generalizzata, numerose otiti infantili, afasie anomiche lievi. Dall’età di 30 anni ca. iniziano i primi problemi cronici in seguito ad una immersione...russamenti notturni, ipoacusie sporadiche, dolori muscolari all’atm ecc.Viene visitato da un otorino il qual... continua >>
e diagnostica "otosalpingite catarrale" e dopo aver visionato la tac dei seni paranasali dichiara che la causa potrebbe essere odontogena e di iperlassità del timpano.Con il passare degli anni e delle "cure sintomatiche" i problemi permangono e peggiorano in riniti croniche con difficoltà serie di ventilazione nasale,reclutamento dei muscoli facciali durante l’ammiccamento,sordità a momenti, apertura dell’occhio, eczema cronico nel condotto. Il tutto sempre dalla parte dx del viso.Nel 2007 decide di operarsi al naso: turbino plastica e setto plastica da deviazione del setto. Sembra che la ventilazione sia migliorata...ma i problemi via via si ripresentano e le otiti in aumento. Se la distanza lo permette ci piacerebbe poter essere seguiti da lei. Ci faccia sapere. Grazie per l’attenzione.
Il quadro clinico descritto presenta l’associazione di vari sintomi e patologie non necessariamente in relazione fra loro.Per quanto riguarda il reclutamento dei muscoli facciali durante l’ammiccamento questo è verosimilmente dovuto a sincinesie postparalitiche facciali poichè soprattutto in caso di deficit nervoso rilevante si verificano delle reinnervazioni aberranti con conseguenti sincinesie.I dolori articolari all’ATM riconoscono spesso delle cause riconducibili a malocclusioni dentarie o a bruxismo da valutare in sede gnatologica o odontoiatrica.Per quanto concerne la sintomatologia nasale e a carico dell’orecchio sarebbe indicata una visita specialistica eventualmente corredata da TAC del massccio facciale senza mezzo di contrasto e da esame audio-impedenzomentrico con eventuali prove di funzionalità tubarica.
Dott. Maurizio Grimaldi

sinusite odontogena
21 Mag 07 - DANIELA, 40 anni (id: 60143)
  Egregio dottore, dovendomi operare di sinusite odontogena (seno mascellare dx e frontale) il maxillo mi ha spiegato che l’intervento verrà eseguito dalla bocca e non dal naso come solitamente leggo ma se l’infezione non defluirà completamente sarà poi di competenza di un otorino, cosa ne pensa?
Nel caso di acertata sinusite odontogena si impone la necessità di bonificare la patologia odontogena mediande procedure di competenza maxillo-facciale o odontoiatrica.Quasi sempre necessita anche l’intervento chirurgico otorino per via endoscopica endonasale in relazione al tipo di coinvolgimento dei seni paranasali valutabile con una TAC del massiccio facciale preoperatoria.Quindi nel caso risultassero necessarie entrambe le procedure chirurgiche sarebbe opportuno eseguirle nell’ambito di una stessa anestesia generale anche perchè in tal modo i chirurghi otorino e maxillo-facciale possono meglio scambiarsi collaborazioni intraoperatorie.
Dott. Maurizio Grimaldi

rinite allergica
20 Mag 07 - maria, 49 anni (id: 60142)
  soffro di rinite allergica da piccola,mi è stato praticato il vaccibo sottocute per qualche anno’ poi ho usato vaccino sublinguale (allergica alla erba paritaria)e non ho avuto grandi risultati.durante le crisi uso nasonex,aerius copresse,aerosolterapia con clenil a;conosce lei altri sistemi curativi?
Gent.ma Maria, innanzitutto ripeterei le prove allergologiche cutanee. I farmaci che utilizza vanno benissimo, altrimenti potrebbe assumere cortisonici anche per via sistemica, previo consulto dello specialista. Cordiali saluti
Dott. Corso Bocciolini

tonsillit
20 Mag 07 - elisa, 27 anni (id: 60138)
  salve, sono 6 mesi che regolermente mi viene la febbre a causa delle tonsille.ho fatto 8 punture di Rocefin, dopo che dalle analisi è risultato il TitoloAso a 1550 ma dopo 1 mese la febbre è ricomparsa, nonostante dopo le punture si era abbassato a 777. Mi hanno proposto la penicellina o toglierle. Quali sono i vantaggi e gli svantaggi delle due opzioni.grazie
In caso di ricorrenza di tali forme febbrili è indicata una terapia chirurgica
Dott. F. Berni Canani

meniere ed osa
20 Mag 07 - Elisabetta, 52 anni (id: 60136)
  Gentile dottore, nel 1996 mi è stata diagnosticata la sindrome di Meniere che, nel corso degli anni, si è manifestata con crisi di vertigine e vomito in diverse occasioni. Poco tempo fa, mia figlia mi ha fatto notare che durante la notte, oltre a russare molto, trattengo il respiro andando in apnea per qualche secondo. Vorrei sapere se i due sintomi sono in qualche modo collegati alla mia malattia e se, qualora mi curassi per i problemi durante il sonno, ne potrei trarre beneficio anche per quanto riguarda le crisi causate dalla sindrome di Meniere, che ultimamente si sono manifestate con maggior frequenza. Grazie.
gentile signora elisabetta.. purtroppo devo dirle che le due condizioni che lei riferisce sono assolutamente indipendenti l’una dall’altra e non sono correlate in alcun modo... da medico ORL devo invitarla ad approfondire ed eventualmente scegliere le terapie adeguate per le due diverse patologie.. restando a disposizioneper eventuali chiarimenti si inviano cordiali saluti.. dott gino latini
Dott. Gino Latini

recidiva di poliposi nasosinusale
20 Mag 07 - Enzo-Dall’Igna, 54 anni (id: 60134)
  FESS poliposi Dovrei fare a breve questa operazione per polipi nasali recidivanti, causati da allergia (non tumore-ho già fatto l’esame istologico), chiedo inoltre, con il laser mi hanno detto alcuni specialisti che comporta comunque un elevato rischio di stenosi cicatriziali,oppure, con radiofrequenze (coblator), o una fototerapia con luce rossa ? cosa mi consigliate ??? In attesa, porgo cordiali saluti. Enzo Dall’Igna Castegnero (Vicenza) tel. 3283727855
Nel caso di recidiva di poliposi nasale è consigliabile innanzitutto affidarsi a chirurghi otorino che pratichino abitualmente questo tipo di chirurgia.Quindi il consiglio è di eseguire un classico intervento in endoscopia con ottiche(FESS) in anestesia generale con l’ausilio del debrider ,strumento che frammenta,emulsiona ed aspira le formazioni polipose in modo preciso e non traumatizzante,consentendo se debitamente impiegato,di evitare trazioni eccessive o traumatismi su lamelle ossee eventualmente danneggiate nei precedenti interventi.Altri consigli sono rappresentati da un accurato studio TAC preoperatorio e da una adeguata terapia medica post-operatoria per evitare la recidiva di pliposi impiegando eventualmente farmaci antileucotrienici per lunghi periodi.
Dott. Maurizio Grimaldi

acufene
19 Mag 07 - Mario, 60 anni (id: 60113)
  da qualche tempo sento un fischio in un orecchio, sono stato a farnmi togliere il cerume ma non ho risolto. Probabilmente e’ stato causato dall’ambiente rumoroso in cui lavoro. Fino ad ora avendo sentiti che l’ecufene non si curava, non ho fatto molto ma ultimamente ho letto che si pio’ fare qualcosa, anche perche’ l’intensita’ del fischio mi pare aumentata. Grazie
gentile signor mario.. innanzitutto nei casi come il suo è sempre necessario effettuare degli accertamenti strumentali (esame audiometrico ed abr) per escludere che il rumore possa derivare da una malattia specifica dell’orecchio.. se nel caso si confermi la natura idiopatica del disturbo o comunque secondaria ad una danno dell’organo dell’udito a seguito dell’esposizione ad ambiente rumoroso (trauma acustico cronico) confermo che nonostante alcune novità ancora non esiste una terapia adeguata per il trattamento dell’acufene.. cordiali saluti gino latini
Dott. Gino Latini

vertigini
19 Mag 07 - Sandra, 27 anni (id: 60109)
  Salve professore, Le ho scritto qualche giorno fa ma non ho ricevuto risposta,cosi le ripropongo la mia situazione. Da circa 4 anni soffro di disturbi dell’equilibrio costantemente,con a volte crisi piu forti che mi costringono a letto. Il professore da cui sono in cura mi ha diagnosticato una labirintite e dalle prove alle quali mi sottopone periodicamente risulta nistagmo. La cura che mi ha prescritto e che faccio da quasi 4 anni consiste nell ’assumere Fluxarten da 5 e 10 mg a gg alterni,rivotril 5 goccie,aspirinetta 1 al gg,vertiserc 48 mg al gg. Vorrei avere una Sua opinione in merito,visto che nonostante assuma questi farmaci ogni giorno,i risultati non sono buoni. Aspetto una Su... continua >>
a risposta,la ringrazio anticipatamente. Sandra
Gent.ma Sandra, la sintomatologia vertiginosa che consegue ad una labirintite non può durare 4 anni senza raggiungere un compenso (presenza di nistagmo) e non dà crisi ripetute in un periodo di tempo così lungo. Credo che il caso debba essere inquadrato con più accuratezza
Dott. P.P. Cavazzuti

tampone tonsillare
19 Mag 07 - claudia, 27 anni (id: 60093)
  Gent.mo Dr. Latini, sempre Claudia! le avevo scritto circa 2 settimane fa che ero in attesa degli esiti degli esami del sangue + tampone (per le mie tonsille gonfie da febbraio 2007). Bene dagli esami ematochimici (ves,taslo,pcr,emocromo etc..) tutto nella norma, mente il tampone ha dato esito positivo allo stafilococco aures. Ho appena terminato cura di clavulin per 10 gg e verso fine mese ho di nuovo il tampone a controllo. Siccole dagli esami del sangue la ves e la pcr erano ottimi mentre io avevo questo streptocco già in corpo, la mia domanda è nella speranza che il tampone a fine mese risulti normale (quindi che l’abbia debellato questo batterio) devo rifare gli esami del sangue? chi m... continua >>
i dice di si e chi mi dice di no, che non è necessario. Inoltre, io ho sempre prurito alle orecchie e al naso che poi scende anche alla gola, dandomi una sensazione in gola di "fastidio/come se gratta o brucia alle volte", puo’ essere allergia a qualche cosa? GRAZIE infinite,
gentile sig.ra claudia a mio avviso se lei sta bene e non ha più episodi acuti può anche evitare di fare dei nuovi esami ematici.. faccia il tampone (e non drammattizi in caso di persistenza della positività) e monitorizzi la situazione clinica.... troppo aspecifico darle un parere sul senso di fastidio in gola.. bisognerebbe effettuare una visità e cercare di capire quella che può essere l’origine del problema. cordiali saluti gino latini
Dott. Gino Latini

conca bullosa
19 Mag 07 - PAULA, 20 anni (id: 60088)
  Dottore ho fatto un tc ad alta risoluzione del massiccio facciale in proiezione assiale e coronale. c’è scritto concha bullosa bilaterale,bulla etmoidale ipertofica a destra. cosa significa non ci hanno spiegato bene,so che c’è la possibilità di intervento ma se la cosa non si interviene in tempo? cosa succede?mirisponda al più presto.
La conca bullosa è una anomalia della testa del turbinato nasale medio che può essere responsabile di una ostruzione respiratoria nasale, sinusite acuta o cronica ed alcune volte cefalea. In caso di assenza di tali sintomi non sussite alcuna indicazione terapeutica medica o chirurgica cordiali saluti
Dott. F. Berni Canani

scialoadenite
19 Mag 07 - mario, 45 anni (id: 60085)
  un paio di mesi orsono ho avuto un attacco acuto, doloroso, alla ghiandola sottomandibolare sx,con gonfiore e difficoltà a deglutire. Dal dotto salivare è uscita una sostanza densa e molto consistente che dopo qualche ora si è indurita come se si fosse trasformata in sassolini.Da allora con l’ausilio di due terapie antibiotiche si è sgonfiata e non ho più dolore ma solo un leggero fastidio,una produzione di saliva notevole specie dopo i pasti ma continua una produzione di saliva densa e dall’aspetto biancastro.Ho eseguito ecografia con il seguente referto che mi ha molto spaventato:Alquanto disomogenea con contorni mal definiti,con struttura alquanto alterata. Si consiglia controllo con RM.S... continua >>
econdo lei cosa può essere? Cosa mi consiglia? Ringrazio.
Si è trattato di una episodio di scialoadenite sottomandibolare acuto, o meglio, una riacutizzazione di una forma cronica silente. Non è nulla di grave, non faccia niente, aspetti il referto rnm. Se gli episodi dovessero ripetersi con una certa frequenza e diventassero fastidiosi nonostante il trattamento medico, si può prospettare una soluzione chirurgica di scialectomia per via esterna.
Dott. Danilo Dall’Olio

linfonodi e tiroide
18 Mag 07 - rosanna, 58 anni (id: 60051)
  da ecog. risulta alcuni linfonodi ovaidali circa12mm edatac tiroide che entra nel mediastico paraesofagea di 2cmm eantitireoglubina 70(val.nor.0_30)difficoltà deglutire di respiro e la carotide che ogni tANTO SI SENTE SOTTO COME IN GNOCCO,e io palpo come delle cisti che mi si mettono sui nervi e ho vertigini ,senso di svenimento . ho avuto ischemia transitoria e ancora quando la carotide batte forte ho senso di maless. ecc. possono essere quei noduli a a spingere sui nervi e sulla carotide ?cosa mi consiglia ’dal momento che a rimini non sanno cosa fare? e mi suggerireuno specialita di fiducia?io sto molto male. grazie
Consulti un neurolo e uno psichiatra poichè nè i linfonodi aumentati di volume nè la sua tiroide possono determinare la sintomatologia da lei riferita.
Dott. Danilo Dall’Olio

tonsille
18 Mag 07 - MariaElena, 28 anni (id: 60050)
  Gentile dott. Berni, soffro spesso di mal di gola..tutti i medici che mi hanno visitato dicono a causa delle mie tonsille facilmete irritabili..Ultimamante mi sono venute le placche alla gola con forte afonia, curate con Augmentin e Tachipirina..mal di gola scomparso..raffreddore anche voce tornata...ma mi è rimasta una snsazione di gonfiore sul lato sinistro della gola, lungo il collo...in effetti osservandomi allo specchio è piu rossa quella parte..ma ho la sensazione di avere come qualcosa in bocca che mi ostruisce il passaggio ma che non provoca il solito pizzicore..piu dolorante.. La ringrazio per un suo parere. saluti, dott. Elena Ceci
Sarebbe utile praticare una visita otorino Praticare eventualmente un esame del sangue con emocromo completo TAS e Strepto zyme test ede evntuale tampone tonsillare per ricerca batteri patogeni
Dott. F. Berni Canani


Da 1063 a 1078 di 1546