Sei in: Medico on-line > Gastroenterologia

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Gastroenterologia
Referenti
  • Prof. Pier Roberto Dal Monte

  • Già Direttore Dipartimento medico-chirurgico delle Malattie dell’apparato digerente. Ospedale Bellaria-Maggiore. Bologna.

  • Prof. Mauro Bortolotti

  • Professore a Contratto della Specializzazione in Medicina Interna
    Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Bologna
    Policlinico S. Orsola


ultimo aggiornamento 27/11/2014
 
Aree tematiche


Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 26/01/2007
Invia la tua domanda

Domande / Risposte
Gastrite
11 Nov 08 - gino, 54 anni (id: 87721)
  Buongiorno Prof, vorrei sapere gentilmente che tipo di dieta usare contro la gastrite iperemica. Grazie mille
Egr. Sig. Gino, i dati forniti sono insufficenti per una diagnosi ed una adeguata terapia (mancano i sintomi). Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti
Prof. Mauro Bortolotti


Gastrite del fondo gastrico
11 Nov 08 - Anna, 43 anni (id: 87719)
  Ho fatto i raggi per dolori forti allo sterno e allo stomaco ed è stata riscontrata gastrite del fondo. Cosa significa? Grazie
Il fondo gastrico è la parte superiore dello stomaco, appunto la parte infiammata.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Colon irritabile?
11 Nov 08 - Claudio, 22 anni (id: 87714)
  ho spesso diarrea e difficoltà nella digestione da quattro anni:eseguiti tutti gli esami colonscopia, del sangue per celiachia, malattie infiammatorie, h.pilor la cosa che più mi preoccupa è che quando devo defecare devo stare al bagno una ora-1 ora e mezzo e mi sembra sempre che sia incompleto.Inoltre devo sforzarmi molto.Un endocrinologo mi ha prescritto alcuni esami:in partic.la cromogranina risulta 2 come valore(19-50 n.) Lei cosa ne pensa ? ci potrebbe essere un blocco della peristalsi, e dovuto a che cosa ? Io ultimamente ho anche candida, potrebbe influire? Che tipo di visita specialistica potrebbe essermi utile? Attendo la sua risposta, cordiali saluti
Egr. Sig. Claudio, lei probabilmente ha un colon irritabile, ma per averne la certezza deve escludere altre malattie organiche intestinali con gli esami che le ha prescritto il medico(vedi area tematica relativa per maggiori informazioni). Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti
Prof. Mauro Bortolotti

Colon irritabile?
10 Nov 08 - adriano, 31 anni (id: 87711)
  salve dottore, le scrivo perchè queste ultime due settimane ho sempre dei dolori alla pancia seguiti da ripetuti attacchi di diarrea soprattutto il mattino e dopo pranzo.sono andato dalla gastrointerologa e mi ha dato dei farmaci tra cui rifacol, una dieta, e degli esami da fare tra cui il brit test per vedere se sono intollerante al lattosio, ho già fato le analisi per la celiachia per il fegato e tiroide, niente di anomalo, ora devo ritirare il risultaro delle feci e il brit test. oggi ho avuto nuovamente dolori alla pancia ma anche alla bocca dello sromaco, il mio medico mi ha detto di interrompere la cura e di aspettare il ristultato del brit test,se non dovessi risultare intollerante d... continua >>
ovrei fare una colonscopia per vedere leventuale presenza di un tumore al colon.Sono veramente preoccupato, ma è davvero possibile la possibilità che io abbia un tumore al colon, non è possibile che io soffra di colite o che sia allergico al nickel? la prego aspetto una sua risposa. grazie a presto
Egr. Sig. Adriano, lei probabilmente ha un colon irritabile, ma per averne la certezza deve escludere altre malattie organiche intestinali con gli esami che le ha prescritto il suo (vedi area tematica relativa per maggiori informazioni). Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti
Prof. Mauro Bortolotti

Celiachia
10 Nov 08 - annunziata, 41 anni (id: 87705)
  buongiorno,io sono celiaca.mia sorella ha fatto gli esami genetici e risulta soggetto DQ2(aplotipo DQA1*05-A1*0201/B1*02)con catena beta in eterozigosi.cosa vuol dire?è celiaca o no?grazie
Per quanto i geni possano espimere in maniera tassativa una malattia come la celiachia, avendo un allele che determima eterrozigosi,sua sorella non ha la malattia: tuttavia è bene fare anche le ricerche ematologiche o test specifici.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Duodenite erosiva
10 Nov 08 - carmine, 35 anni (id: 87700)
  egregio dottore io ho effettuato da poco una gastroscopia con esito di una duodenite erosivahp negativa ma puo essere collegata ai continui fastidi che ho (digestione lenta, dolori nei fianci,aria in continuazione,e durante la notte fastidio nella degludizione)grazie
Una duodenite erosiva certo che può dare i disturbi che Lei lamenta, faccia la cura che le consiglio senza ovviamente l’eradicazione dell’Helicobacter che non c’è.
Digestione_e_dispepsia.DOC
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Crisi anafilattiche
10 Nov 08 - Luca-Cusani, 35 anni (id: 87696)
  Buonasera,le descrivo un problema grave che riguarda il mio compagno. 35 anni, da sempre asmatico, ad agosto ha avuto una prima crisi gravissima. Diagnosi "attacco d’asma severo, schock anafilattico".L’episodio è iniziato con forti dolori alla pancia, dissenteria, nausea e crisi respiratoria. La situazione è degenerata nel giro di pochi minuti. La crisi si è risolta in ospedale dopo un giorno e una notte in rianimazione. Rientrato in Italia inizia la trafila degli esami, pneumologici e poi test alle varie allergie. Da allora è sempre sotto cortisone. Ad ottobre si verifica la 2 crisi,fortunatamente meno grave. La dose di cortisione era minima, mancavano infatti pochi giorni per azzerare il d... continua >>
osaggio. Forti dolori allo stomaco, dissenteria e crisi respiratoria. Proprio oggi ritira gli esami alle varie allergie, alimentari e non, e purtroppo non emerge niente, solo una leggera intolleranza ai lieviti e alle betulle, cosa che sapevamo già, ma niente di così grave da giustificare le due crisi. Si esclude quindi l’ipotesi dello shock anafilattico. Le chiedo un consiglio su altri test da fare.Entrambi siamo convinti di una possibile relazione con i problemi intestinali, spesso da agosto prende il geffer per facilitare la digestione. Può esserci una relazione tra i dolori addominali e la crisi d’asma?E’ come se il suo organismo producesse degli acidi responsabili delle crisi, è possibile?. Grazie mille in anticipo per l’attenzione e i consigli.Barbara 338 36 71 604
Gentile Sig.ra Barbara, lo shoch anafilattico si può manifestare con dissenteria e crisi asmatiche. Occorre consultare un allergologo per individuare l’antigene scatenante che può anche non essere alimentare. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Probabile intolleranza agli antiacidi
10 Nov 08 - Diego, 25 anni (id: 87695)
  Spett.le Professore, sto curando una proctite aspecifica dovuta allassunzione di esomeprazolo questa primavera per curare una MRGE. Circa una settimana fa, ho ricominciato omeprazolo 20 mg come terapia di mantenimento per MRGE. In concomitanza di tale terapia si è riacutizzata la proctite aspecifica che sto curando con clismi di Klostenal 60 ml ma senza buoni risultati. Prima di ricominciare la terapia di mantenimento per MRGE, il Klostenal era sufficiente per la mia proctite, in quanto il bruciore allano era completamente sparito. Ormai è appurato che gli IPP mi creano infiammazioni al colon e al retto. Le chiedo se è necessaria una cura più forte per la proctite in concomitanza della terap... continua >>
ia di mantenimento per MRGE? Premetto che ho avuto HP ma che è stato eradicato correttamente. Cordiali saluti
Si veda sotto quale può essere la causa dei suoi disturbi intestinale e ne valuti le possibilità terapeutiche. Antiacidi ed antibiotici connessi a diarrea da Clostridium difficile e ad altri disturbi addominali per dismicrobismo intestinale Gli inibitori della pompa protonica (IPP) e gli agonisti dei recettori H2, come la ranitidina, sono associati ad un aumento del rischio di infezione da germi introdotti con i cibi o di crescita abnorme dei normali germi intestinali, particolarmente seria è però l’infezione da Clostridium difficile (C.D.). Recenti studi suggeriscono infatti un aumento dell’incidenza e della gravità della infezione intestinali poichè l’acidità gastrica, avendo un effetto antibatterico, costituisce uno dei principali meccanismi di difesa contro i germi patogeni normalmente ingeriti: la perdita della normale acidità dello stomaco è stata associata quindi alla colonizzazone o a contaminazione batterica del tratto gastrointestinale superiore che è generalmente sterile. Lo stesso si può avere con l’uso di antibiotici e cortisonici. La crescita abnorme di germi (detto anche colonizzazione batterica e/o dismicrobismo) ed in particolare del C.D.(che si rileva con il dosaggio dellla tossina botulinica nelle feci) sono caratterizzati da meteorismo, dolori addominali e spesso da irregolarità dell’alvo e talvolta da diarrea.naturalmente bisogna sospendere la terapia che si sta facendo. Il clostridium si elimina con la vancomicina od il metronidazolo.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Farmaci chelanti
10 Nov 08 - marco, 35 anni (id: 87693)
  ESISTONO DEI FARMACI DA ACQUISTARE IN FARMACIA AD AZIONE CHELANTE PER DISINTOSSICARSI? CON O SENZA PRESCIZIONE? A CHI DEVO CHIEDERE PER LA PRESCRIZIONE
Egr. Sig. Marco, da un punto di vista scientifico non esistono "farmaci chelanti per disintossicarsi". Chi lo dice ha altri interessi. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti
Prof. Mauro Bortolotti

Dispepsia
10 Nov 08 - tania, 27 anni (id: 87683)
  buon giorno, premetto che non sono incinta,uso il cerotto evra dal 2003 e ho il ciclo regolare ma,da quando sono tornata dalle vacanze(Messico)a fine settembre ho continue nausee,voglia di vomitare(e molto spesso di notte lo faccio ,anche se è veramente una cosa che odio).Ho la sensazione notte e giorno,sopratutto dopo mangiato che qualcuno mi stringa la gola e il petto...mi sa che dovrò fare degli esami del sangue ma, siccome non ho idea di cosa io abbia quali posso richiedere nello specifico?La ringrazio anticipatamente per la cortese attenzione...Tania
E’ possibile che si sia presa un’infezione intestinale frequente in quel paese, non escludendo anche un’infezione da Helicobacter con gastrite subacuta. Valuti come va l’intestino e faccia la ricerca dell’Helicobacter.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Gastrite ed H.P.
10 Nov 08 - Maria, 31 anni (id: 87682)
  Gentili professori, vi scrivo perchè qualche giorno fa facendo una gastroscopia, è venuto fuori che ho un agastrite e sono positiva allhelico bacterium, inoltre mi è stato diagnosticato un pancreas aberrante. Vorrei gentilmente che voi mi chiariste di cosa si tratta. Mi hanno detto di stare tranquilla perchè non è niente di preoccupante e che con molta calma posso fare una ecoendoscopia per verificare lo spessore. Cosa mi consiglaite in proposito e posso stare davvero tranquilla? Grazie per lattenzione
Lei ha un’infiammazione allo stomaco causata verosimilmente dall’Helicobacter deve fare la terapia eradicante come consigliato nell’allegato.Il pancreas aberrante è una malformazione che vuol dire che una piccola parte del pancreas si trova nella parete dello stomaco, dove non si dovrebbe trovare. In genere non da disturbi, ma segua i consigli dei Colleghi.
Trattamento_della_dispepsia_(3)_.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Dissenteria di ndd
10 Nov 08 - valentina, 28 anni (id: 87677)
  Buongiorno, soffro di una forma dissenterica dal 4 marzo del 2007, ho fatto diversi esami e nessuno riesce a capire da che cosa dipenda. I più "faciloni" vedendomi alterata e impaurita per la cosa mi dicono che ho la sindrome da collon irritabile. Facile diagnosi di una persona che è finita una sola volta all’ospedale per Stress. Una volta che hai avuto un eppisodio di quel genere è sempre scontato che tu non abbia niente. Comunque...il 4 marzo 2007 mi sono sveglaita con un fortissimo mal di testa, tanto forte da non riuscire ne a parlare ne a muovermi. All’arrivo della guardia medica mi viene prescritto augmentin. Dall’assunzione del farmaco non ho più avuto pace, sempre diarrea per qualsia... continua >>
si cosa mangiassi o bevessi. Agosto 2007 visita gastronterologica a Pavia, mi viene dato pantopan e pentacol. Ottobre 2007 finalmente la dissenteria rallenta fino a marzo 2008, ricomincia tutto ancora. Visita allergologica, esami del sangue, eco addome con studio anse intestinali. Tutto a posto. Ovviamente devo essere più tranquilla e tutto passerà. La dissenteria non demorde, altra visita allergologica, esami Ige totali del 28/8/08 = 930, esami Ige 27/10/08 =592. Oggi la dissenteria si è ancora calmata ma non è andata via. Non so più che pensare. Continuo a scendere e salire di peso. Riesco a perdere anche 12/13 kg in 2 settimane quando la dissenteria si presenta, per poi riprenderli anche con gli interessi quando si calma. Devo fare una gastroscopia?Cosa può essere?sono disperata!!
Gentile Sig.na Valentina, le cause della dissenteria sono numerose e forse non sono state valutate tutte (vedi area tematica relativa per maggiori informazioni).E’ difficile capire, senza una visita nè controllo diretto degli esami effettuati, quale può essere la causa. Eventualmente mi faccia sapere al n. 051-307901 per stabilire quali esami sono necessari. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Dismetabolismo
10 Nov 08 - salvo, 54 anni (id: 87675)
  Gent.mo Professore,la ringrazio x la sua risposta(ID 87483)di cui alla mia domanda(ID 87115):intanto mi scuso x l’insistenza, dettata solo dalla preoccupaz, . Per quanto concerne il discorso sull’alcool, sinceramente bevo solo 2-3 bicchieri di vino a settimana,una birra ogni 2-3 giorni,e qualche volta la sera un goccio di wisky(ma proprio il fondo di un bicchierino mignon!),tutto qui.La cosa strana è che ho bevuto da anni sempre queste quantità francam limitate(credo)ma mai avuto problemi di fegato ingrossato o steatosico!Tra l’altro(scusi,ma leggo ogni tanto su internet i significati degli esami),e ho letto che se si beve salgono maggiormente rispetto alle transam Gpt le Got, ma le mie Got... continua >>
sono ai limiti della norma,mentre un pò elevate le Gpt.D’altra parte,come le dicevo,i test x le varie epatiti sono negativi.Mi preoccupa la ferritina sierica,ho letto che è (anche)un marker tumorale,e non stando bene da 2 anni sono molto preoccupato.Non mangio pesante o fritti o dolci,poca pasta e carne o pesce, rigorosam al forno.Ultimamente ho come un senso di bruciore all’ano e anche alla punta del pene,come se "sentissi" dei liquidi.Il peso è invariato(sto bevendo solo acqua da un mese) ed è concentrato nell’addome,perchè braccia e gambe sono uguali anzi forse leggerm più magre.Mi hanno consigl una colon(x il resto ho fatto tutto)ma la cosa mi spaventa(soffro anche di ipertensione,non vorrei avere una delle mie crisi saltuarie ipertensive x la paura!)La ringrazio.
Misembra di averle già risposto, comunque l’aumento della ferritina non è segno di neoplasia ed ha un’alterazione nel metabolismo dei grassi che sono particolarmente aumentati come i trigliceridi.La colonscopia si può fare anche in sedazione profonda od anestesia generale.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Micosi esofagea
10 Nov 08 - Maristella, 58 anni (id: 87673)
  Egr. Prof., ho rifatto ESOFAGOGASTRODUODENOSCOPIA,il referto dice :"esofago normo canalizzato cosparso di membrane risiformi; cardias in sede sovradiaframmatica per ernia jatale di 3 cm; stomaco senza lesioni focali; piloro plastico; bulbo duodenale regolare; il porzione duodenale indenne. Conclusioni: micosi esofagea ernia jatale. Farmaci consigliati: antifungini PPI ". I medicinali che mi hanno prescritto sono l’antibiotico MYCOSTATIN 10ml 3 volte al gg per 10 gg e NEXIUM 40mg. Le volevo chiedere se al termine della terapia quali esami devo fovrei fare per verificare la guarigione della micosi. La ringrazio per la cortese attenzione, Distinti Saluti Maristella
Gentile Sig.ra Maristella, ripetere la gastroscopia. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

RCU e vaccinazione
10 Nov 08 - GIOVANNI, 38 anni (id: 87670)
  DA CINQUE ANNI MI ESTATA DIAGNOSTICATA UNA RETTOCOLITE ULCEROSA,SONO IN TERAPIA CON MESALAZINA 800MG NUM.5CP AL DIE,VOLEVO CHIEDERE SE POTEVO EFFETTUARE IL VACCINO ANTIINFLUENZALE,CI SONO CONTROIDICAZIONI AD ESEGUIRE VACCINI IN PERSONE PORTATORI DI MALATTIE AUTOIMMUNI?IN ATTESA DI UNA VOSTRA RISPOSTA RINGRAZIO CORDIALMENTE
Può farlo senza problemi.
Prof. Pier Roberto Dal Monte


Da 9574 a 9589 di 28370