Sei in: Medico on-line > Gastroenterologia

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Gastroenterologia
Referenti
  • Prof. Pier Roberto Dal Monte

  • Già Direttore Dipartimento medico-chirurgico delle Malattie dell’apparato digerente. Ospedale Bellaria-Maggiore. Bologna.

  • Prof. Mauro Bortolotti

  • Professore a Contratto della Specializzazione in Medicina Interna
    Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Bologna
    Policlinico S. Orsola


ultimo aggiornamento 22/02/2013
 
Aree tematiche


Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 26/01/2007
Invia la tua domanda

Domande / Risposte
Sospstto malassorbimento del Fe
1 Nov 08 - ilaria, 30 anni (id: 87324)
  Gent.mo Prof .re, mi scuso in anticipo per la prolissità . I miei disturbi sono cominciati a sett 07 , sottoforma di dolori urenti al braccio sx e dispnea , per i quali e per scongiurare lorigine cardiaca del disturbo ho effettuato un infinità di esami cardiologici, tutti negativi a parte qualche extrasistole nell holter e frequenza un pò altina (90 b/m), soprattutto dopo i pasti abbondanti . Non accennando il dolore a passare ho sentito anche un neurologo e pure in questo caso era tutto ok . Il motivo per cui Le scrivo è che tra i tanti esami del sangue la neurologa mi ha prescritto anche i markers tumorali e riscontrando valori di ca 19, 9 , di pochissimo elevati mi ha fatto fare anche u... continua >>
n ECO ADDOME , anche questa ok. Ora vengo al punto . Ho sempre bassissimi valori di ferritina , 4, o meno . Ho sentito che ciò potrebbe dipendere da malattie dello stomaco , tuttalpiù che ho sempre eruttazioni frequenti e rigurgiti acidi. In anamnesi ho adenoma ipofisario prolattinosecernenrte curato con cabergolina dal 2003 e ciclo mestruale ogni 21 gg anzichè 28.Le cure a base di ferro le ho provate tutte , ma sistematicamente sosopese per via dei numerosi efftti collaterali. Non so cosa fare , ho paura che le tachicardie e i disturbi allo stomaco possano essere dovute anche a queste carenze e si accresce in me la paura di un infarto o qualcosa di brutto. Come potrei indagare per capire le cause ?Grazie mille della Sua attenzione
Potrebbe trattarsi anche di celiachia faccia i test specifici Per Celiachia: Anticorpi antigliadina / endomisio/ transglutaminasi tissutale. Il ferro eventualmente lo può fare per flebo endovena.
Prof. Pier Roberto Dal Monte


Probabile RCU
1 Nov 08 - andrea, 21 anni (id: 87322)
  Buonasera!Per4 anni sn stato in giro tra esami e dottori a causa dei miei dosturbi intestinali. Risultato:sanissimo.I miei disturbi sono stati sempre feci molli specie la mattina 2o3 volte in un periodo ravvicinato(le prime2 vicinissime e la 3°e la 4°eventuale dopo 2 o 3 ore).La sera il disturbo è raro;presanza in dei periodi di muco nelle feci.In dei periodi anche di settimane o mesi i sintomi a volte sono leggeri. Ho scoperto da poco di avere una prostatite dovuta a questa situazione.In più una stenosi uretrale.Inoltre ho fitte fortissime a livello anale che passano al basso ventre e che talvolta si spingonoo fino al pene. Gli episodi durano 20minuti al max e vengono a sciami..sn frazio... continua >>
ni di secondo ma fà malissimo.Una settimana fa ho fatto la colonscopia con questo referto(il mio medico mi ha detto che per lui è una forma di RCU)e ora sn in attesa delle biopsie: Esame condotto fino al cieco e per circa 10cm dall ileo terminale.Lo studio delle sezioni coliche destre è stato disturbato dalla presenza di residui fecali.Normale aspetto della mucosa dei primi 20 cm Da circa 20 cm dall O.A e per circa 20cm la mucosa appare iperemica con multiple petecchie e piccole ulcerazioni ricoperte da fibrina.Eseguiti prelievi bioptici.Normale aspetto dei restanti tratti colici esplorati e dell ileo terminale.Si segnala l aspetto rilevato della mucosa del cieco di aspetto simil polipoide. Secondo voi le fitte che avverto e i diturbi sono compatibili con questo quadro? Grazie
Il quadro è compatibile con una colite ulcerosa, faccia anche altri esami generali segnalati come vedrà nell’allegato e naturalmente aspetti il risultato della biopsia per la terapia, etc..
le_malattie_infiammatorie_intestinali_(3).DOC
Prof. Pier Roberto Dal Monte

E’ una lieve forma di sindrome di Gilbert
1 Nov 08 - GIOVANNI, 50 anni (id: 87319)
  Preg.mo Prof. a seguito di alcuni micro dolori al rene sin., ho eseguito una eco addome completo e questo è il risultato: Assenza di vers.to libero in addome. Fegato di dimensioni superiori alla norma, ad ecostruttiura steatosica, omogenea senza evidenti lesioni focali... Il retso ad esclusione di : a sinistra spots da micro litiasi rene sx; è tutto nella norma. Lecografo mi ha consigliato di fare degli esami del sangue che riporto:Glicemia 65 mg/dl, Azotemia 35 mg/dl, Col tot. 166, trig.di 137,HDL 56 e LDL 83; bilirubina Tot. 1.60 mg/dl, bil dir 0.30 mg/dl, GOT e GPT 21 e 24 U/l. Emocromo: tutti i valori sono nella norma. Qualche anno fa feci anche i Markers DELLE EPATITI i quali risutarono... continua >>
: EP"B" HBsAg Negativo, HBsAB PRESENT; EP. "A" HAV IgG Presenti, HAVIgM ASSENTI, EP"C" HCVAb ASSENTI. Sono circa tre anni che la bilirubina indiretta ha valori di poco ma sempre sopra a quelli di norma. Qualche medico dice che trattasi GILBERT, qualcun altro dice che possano essere le vie biliari. Lultima eco dice: Vie biliari intr ed extraepatiche non ectasiche. Esami del sangue di anni addietro non riportavano mai valori della bilirubina fuori norma. Quali possono essere le cause dellingrossamento del fegato e di questi valori alti di bilirubina. Ringrazio e saluto Giovanni.
Egregio Signore, lei ha verosimilmente una sindrome di Gilbert o iperbilirubinemia congenita. La sindrome di Gilbert o iperbilirubinemia congenita indiretta o non coniugata(non è patologica poichè non dipende da alcun danno epatico vero ma solo da un difetto enzimatico congenito o dei meccanismi che portano alla eliminazione della bilirubina con la bile) non influisce su alcun organo dell’organismo. L’unico problema che può provocare è una colorazione giallastra più o meno intensa delle sclere o congiuntive: purtroppo dovrà tenersela poichè può essere abbassata da una terapia sono a base di barbiturici. Anche la luce ultravioletta può facilitare l’eliminazione, mentre può essere aumentata da digiuno prolungato. Non è pertanto una alterazione che impedisca una vita del tutto normale.Con saluti
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Eradicazione H.P.
1 Nov 08 - Fgnani, 63 anni (id: 87310)
  Gentile Professore, mia madre soffre da molti anni di gastrite (curata con Omeprazolo) ed è positiva allHelicobacter Pylori (da anni). Il suo medico no vuole trattarla in quanto non tollera gli antibiotici e afferma che con il suo fisico (è anche asmatica in modo severo) non riuscirebbe a sopportare a cura. Io sono fortemente contrariata e credo sia moto peggio sopportare un carcinoma gastrico che è da 4 a 6 volte più probabile in chi è positivo allHP. Lesame istologico di 2 giorni fa rileva anche metaplasia intestinale, non presente lnno scorso (è predittiva di qualcosa questa patologia?). CHIEDO Gentile Professore: è reale che un paziente non sopporti la cura? Lei ha avuto casi simili? In ... continua >>
caso di mancata eradicazione, lo screening annuale (lendoscopista Le ha consigliato di fare una gastroscopia ogni anno) è "preventiva", nel senso che se si sviluppa un adenocarcinoma in un anno non riesce a superare la mucosa e si riesce a togliere la lesione? O quando inizia anche pochi mesi possono portare a metastasi? Sono realmete preoccupata, perchè mia mamma teme la cura ed il medico non fa nulla per convincerla (ha anche appena subito una polipectomia per adenomi, di cui uno tubulo villoso con displasia di grado moderato e focalmente severo (alto grado) dellepitelio. Chiedo scusa per eventuali inesattezze, e La ringrazio. Lorena
Vi sono varie alterantive per eradicare l’helicobacter con antibiotici diversi. Provi quelli che non danno in genere allergia come la levofloxacina, la tetraciclina, il denol seguendo i consigli allegati.
Infezione_da_Helicobacter_Pilori_(3).doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Sospetto reflusso dopo fundoplicatio
31 Ott 08 - ivan, 38 anni (id: 87307)
  Egregi dottori...io ho sempre avuto problemi di stomaco a 15 anni mi è stata diagnosticata un urcera duodenale....e mi si prescriveva il biomag 400 da prendere sempre...poi scopaerto lelicobatter pilori,lho debellato ogni tanto prendevo il ranidil. a 26 anni con una gastroscopia mi è stata diagnosticata un esofagite di primo grado in ernia iatale...sono andato avanti per anni....con leggeroi problemi ma sopportabili 2 anni fa il reflusso è aumentato avevo frequenti bruciori,eruttazioni e placce bianche sulla lingua....cattivo sapore...ho provato molte cure con il pantorc..ma diminuiva un po e poi ritornava...dopo aver eseguito la Ph metria esofagea e la manometria...mi sono rivolto ad un ch... continua >>
irugo per essere operato con la fundaplicatio...esegutio lintervento il 5 agosto....ad adesso un po di miglioramenti ci sono stati nn ho piu bruciori...la eruttazioni si sono ridotte e anke la lingua e meno carica di lacche bianche...ma da circa 15 gg mi e comparso un fastidioso fastidio alla gola...Lotorino,dopo una visita approfondita ha constatato la riduzione del reflusso ma di ha diagnosticato un faringite cronica....Io domando....siccome i chirurghi mi hanno detto che ci vuole del tempo per vedere i risultati specialmente come nel caso mio di un reflusso prolungato...sono passati quasi 3 mesi...potro migliorare ancora??? Grazie
In questi ultimi tempi si è posto molto l’accento sul fatto che il reflusso provochi i disturbi più vari alle vie respiratorie superiori,come la faringite, la cosa non è sempre completamente convicente. Tanto più che l’intervento appare riuscito. Comunque per prova può prendere per qualche tempo ancora un IPP. A tre mesi l’effetto dell’intervento dovrebbe essersi stabilizzato.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Flatulenza
31 Ott 08 - Antonella, 39 anni (id: 87299)
  Salve, vorrei chiederle se esiste un nome per un fenomeno che osservo romai da anni su di me e cioè quello di non riuscire ad emettere aria dallano se non durante il momento della defecazione. Poichè la cosa mi causa molti problemi di gonfiore e dolori alla pancia, avrei voluto informarmi un attimo ma ho scoperto che non riesco a trovare il termine scientifico, se esiste, che idnica questa situazione. La ringrazio anticipatamente. Saluti
Importante è non avere stitichezza, l’emissione di aria, che comunque si emette, ma non è indispensabile: mangi molta verdura e vedrà che viene.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Sospetta pseudoostruzione intestinale
31 Ott 08 - LAURA, 30 anni (id: 87297)
  A settembre dell’anno scorso mi insorge in modo repentino una stitichezza grave. Ricoverata mi hanno operata effettuandomi una laparotomia esplorativa e in se4guito ad un’altra occlusione mi hanno effettuato una ileo - retto anastomosi con il risparmio del colon. Nonostante questo intervento ho continue sub-occlusioni intestinali sopratutto se mangio come una persona normale; allora tutti i giorni mi prendo lassativi per bocca e ogni 2/3 giorni effettuo dei clisteri evacuativi. Premetto che ho effettuato per circa 2/3 mesi della ginnastica biofeedback senza beneficio. Ora la mia domanda è questa: Visto e consideato che ho già una diagnosi di miastenia gravis dal 2003 può essere vero che mi ... continua >>
si sia insorta una patologia chiamata pseudo- ostruzione intestinale cronica tipo neuronale? Che eami dovrei effettuare per vedere se è quella? Grazie per la sua riposta Laura
Non so se l’hanno fatto ma è indispensabile un esame istologico profondo per studiare il sistema nervoso (durante l’intervento o sul pezzo dell’intervento?), poiche effettivamente potrebbe trattarsi di pseudoostruzione intestinale o una malattia di Olgivie che sono malattie diffusa a tutto il tubo digerente per alterazione del sistema nervoso/muscolare locale gastroeintestinale.Si fa in questi casi anche la manometria. La terapia consigliata sarebbe l’uso di farmaci che stimolano i movimenti intestinali, come: la cisapride che non più in commercio in Italia e veda se da qualche parte se la può procurare, l’eritromicina , come anche la levosulpiride che agiiscono stimolando la peristalsi.Ed ultimamente il tegaserod o zelnorm ed il lubiferone ( amitiza).
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Dispepsia con meteorismo
31 Ott 08 - vittorio, 34 anni (id: 87296)
  salve dott. da qualche giorno appena ingerisco qualcosa dopo poco avverto un forte gonfiore allo stomaco con borbottii e senso di pienezza.il tutto dura da 30 min. a qualche ora.in passato spontaneamente mi era passato questo fenomeno.ora dopo 10 mesi in cui ho assunto fibre mi si e dinuovo presentato questo problema abbastanza fastidoso.cosa posso fare?grazie
probabilmente ingerisce troppe fibre che ora per probabile gastrite non digerisce, le riduca e veda di seguire i consigli dietetici che le allego eventualmente aggiunga un qualche gastrocinetico.
Trattamento_della_dispepsia_(3)_.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Effetti collaterali antibiotici
31 Ott 08 - Filippo, 21 anni (id: 87290)
  Gentile Professore, A fine agosto per una tonsillite ho assunto amoxicillina 875mg+acido clavulanico125mg(2 cps al dì) e nimesulide( 2 bustine al dì) per 7 gg.A fine cura insorto dolore alla bocca dello stomaco e in alto a sx per il quale il medico mi ha prescritto lansoprazolo 30mg x 14gg.Negli ultimi giorni della terapia collIPP insorto meteorismo, dolore in fossa iliaca sx e talvolta destra, disturbi intestinali.Il medico allora mi ha prescritto fermenti lattici e una serie di esami.Questo lesito: ricerca Helicobacter nelle feci negativa,ricerca parassiti negativa(numerosi lieviti)Coprocoltura:ricerca salmonella neg.,ricerca shigella neg.(P. aeruginosa numerose colonie),ricerca campyloba... continua >>
cter neg., ricerca sangue occulto nelle feci per 3 volte negativa. Al momento non sto prendendo nessun farmaco ma soprattutto dopo mangiato continuo ad avere dolore alla bocca dello stomaco.Il mio medico di base dice che probabilmente è una gastrite. Cosa mi consiglia di fare? La ringrazio Cordiali Saluti
Antiacidi ed antibiotici connessi a diarrea da Clostridium difficile e ad altri disturbi addominali per dismicrobismo intestinale Gli inibitori della pompa protonica (IPP) e gli agonisti dei recettori H2, come la ranitidina, sono associati ad un aumento del rischio di infezione da germi introdotti con i cibi o di crescita abnorme dei normali germi intestinali, particolarmente seria è però l’infezione da Clostridium difficile (C.D.). Recenti studi suggeriscono infatti un aumento dell’incidenza e della gravità della infezione intestinali poichè l’acidità gastrica, avendo un effetto antibatterico, costituisce uno dei principali meccanismi di difesa contro i germi patogeni normalmente ingeriti: la perdita della normale acidità dello stomaco è stata associata quindi alla colonizzazone o a contaminazione batterica del tratto gastrointestinale superiore che è generalmente sterile. Lo stesso si può avere con l’uso di antibiotici e cortisonici. La crescita abnorme di germi (detto anche colonizzazione batterica e/o dismicrobismo) ed in particolare del C.D.(che si rileva con il dosaggio dellla tossina botulinica nelle feci) sono caratterizzati da meteorismo, dolori addominali e spesso da irregolarità dell’alvo e talvolta da diarrea.naturalmente bisogna sospendere la terapia che si sta facendo. Il clostridium si elimina con la vancomicina od il metronidazolo.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Dispepsia e malassorbimento/carenza di fe
31 Ott 08 - Lorenza, 38 anni (id: 87283)
  Gent.professore,ho 38 anni,non ho mai avuto particolari problemi di salute fino all’anno scorso quando, a seguito di mononucleosi non diagnosticata e quindi non trattata idoneamente(assunzione antibiotici,antinfiammatori..)ho cominciato ad avere problemi di stomaco,bruciori(esofago e schiena), difficolta’ a digerire e assoluta intolleranza ai più comuni farmaci come la tachipirina. A gennaio 2008 ho iniziato terapia con omeprazen 40mg per 6 settimane, poi 20mg per 8 settimane,quindi sto continuando con una compressa da 10 mg al giorno.Ad Aprile ho effettuato gastroscopia che ha evidenziato incontinenza cardiale,gastrite diffusa e abbondanti reflussi biliari(per cui ho assunto 1cps ac.ursod... continua >>
esossicolico per 4mesi).Dagli esami del sangue é risultato neg.HP.Ora prendo 1cp omeprazen la mattina e gaviscom advance al bisogno,sto meglio per quanto riguarda il reflusso ma appena non mi attengo alla dieta (se mangio insalata, un po’di spinaci..) mi tornano subito i bruciori. Inoltre,attenendomi a tale dieta per il reflusso,mi é calato il ferro e le ultime analisi del sangue di aprile segnalavano una ferritina a 4 e perdo tantissimi capelli.Il medico mi ha consigliato di prendere Mineral Plus per 3 v.die +niferex a giorni alterni per un mese ma io ho paura per il mio stomaco(non vorrei regredire di nuovo).Le mie domande sono:-posso assumere niferex senza problemi? -per quanto tempo devo assumere ancora omeprazen e potrò ,al bisogno, assumere ancora FANS,antibiotici..? Grazie.
Potrebbe essere solo un dispepsia secondaria ai vari farmaci, ma non è detto che sotto vi sia anche un malassorbimento, per cui oltre ai consigli generali che le allego potrebbe valutare anche i test per la celiachia. Forse più utili degli antiacidi soprattutto l’omeprazolo potrebbe essere un gastrocinetico tipo domperidone.
Trattamento_della_dispepsia_(3)_.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Gastrite
30 Ott 08 - nadia, 30 anni (id: 87263)
  GENT.MO PROFESSORE SICCOME HO L’ELICOBACTER PYLORI OLTRE LA CURA CHE STO FACENDO CON GLI ANTI BIOTICI COSA POSSO MANGIARE ?’ GRAZIE
Si veda l’allegato per la dieta.
Trattamento_della_dispepsia_(3)_.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Gastrite
30 Ott 08 - Emilio, 41 anni (id: 87262)
  Salve professore il 17 Gennaio 2007 ho fatto una egds perche’ avvertivo dei bruciori di stomaco sia dopo i pasti che durante la notte con il seguente referto: facile introduzione dello strumento.Nulla all’esofago.Superato il cardias si rinviene una mucosa gastrica iperemica con pliche ipertrofiche ed edematose.Piloro in asse che si supera con facilita’.Nulla al duodeno esplorato fino alla seconda porzione.Diagnosi: gastrite ipertrofica.CP test=negativo.Dopo l’egds il medico di famiglia mi ha prescritto lansox 30 mg 1 cpr al mattino per un mese e i sintomi si sono alleviati.Nel mese di settembre i sintomi sono ricomparsi,ho preso lansox 30 mg per circa 30 gg, i sintomi si sono alleviati e sco... continua >>
mparsi.Ora da una settimana i sintomi sono di nuovo ricomparsi.Vorrei da lei un consiglio: devo ricominciare ad assumere lansox 30 mg; devo ripetere una egds per accertarmi se la diagnosi di gastrite sia peggiorata in qualcosa di piu’ grave. Grazie per la sua diponibilita’.
Penso che debba curare la gastrite, mangiando anche più regolarmente seguendo i consigli generali che le invio anche terapeutici con gli antiacidi che ha preso.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Sospetta cefalea muscolo-tensiva con dispepsia.
30 Ott 08 - FABRIZIO, 48 anni (id: 87261)
  Preg.mo dottore, è da qualche anno anche se in quest’utimo periodo va via via aumentando un disturbo digestivo. Soprattutto dopo cena vado a letto con un leggero mal di testa che si protrae a volte anche la mattina e per tutta la giornata. Dopo di che il giorno dopo passa. Anche a pranzo ingerendo alcuni cibi ( ancora non sono riuscito a capire quali ) accuso gonfiore intestinale, senso di pesantezza e come se fossi imbambolato. Questo stato prosegue per tutto il pomeriggio con un senso di imbarazzamento come se non avessi digerito bene. Per evitare tali stati ho completamente sospeso l’assunzione di alcol ( che comunque ho sempre preso in maniera moderata ) di cioccolata, di dolci in ... continua >>
genere e di latte. Però anche con tali precauzioni i disturbi a volte proseguono ( anche se la mattina ingerisco del thè e dei biscotti secchi ). Lo stato di cui sopra mi passa quando vado a pranzo e mangio un pasto completo di modeste quantità evitando per prcauzione cibi troppo elaborati. Mi sono sottoposto a delle visite e non sono stati riscontrati problemi interessanti, tranne una leggera sindrome da colon irritabile. Dottore che posso fare per cercare di risolvere definittivamente questi disturbi che fino a 6- 7 anni fa non avevo ? Grazie infinite Un caro saluto Fabrizio Varzi
E’ probabilew si tratti di una cefalea muscolo tensiva che può modificare anche la digestione per irritazione dei nervi del sistema neurovegetatvo. Come vedrà nell’allegato. Possono essere utili degli antiadolorifici, la levosulpiride 1 cp mattino e sera.
Cefalea muscolo-tensiva.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Dispepsia e dimagrimento
30 Ott 08 - valerio, 22 anni (id: 87259)
  buongiorno dottore,ho riscontrato ultimamente dei problemi nell’alimentazione.Io sono gia molto sottopeso per la mia età,questo dovuto ad un’ossatura esile ereditata dai miei parenti.Quindi io mangio abbastanza solitamente ma non metto su un grammo di peso..ho controllato tiroide e celiaca ed è tutto negativo!Ultimamente però il mio senso di appetito è diminuito e appena mangio mi sento subito pieno e fatico a digerire ,con eruttazioni frequenti,senso di peso e talvolta nausea.premetto che sono un tipo ansioso e che a volte l’ansia mi batte allo stomaco, ma al momento non ho nessun tipo d’ansia.il mio dottore dice che sono giovane e devo stare tranquillo ma io vorrei approfondire.
Provi a seguire i consigli che le allego non prendendo antiacidi ma una gastrocinetico che stimola anche un pò l’appetito tipo la levosulpiride.
Trattamento_della_dispepsia_(3)_.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Ernia gastrica jatale
30 Ott 08 - Michele, 49 anni (id: 87258)
  Salve, lernia iatale da scivolamento; da referto gastroenterologico:(Cardias risalito e beante che lascia erniare parte del fondo gastrico), può rientrare da sola? Ci sono delle manipolazioni utili per farla rientrare? Grazie. Saluti.
Può anche rientrare da sola ma non esistono delle manovre specifiche, segua comunque le regole che le invio.
Malattia_da_reflusso_gastro-esofageo.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte


Da 9574 a 9589 di 28271