Sei in: Medico on-line > Gastroenterologia

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Gastroenterologia
Referenti
  • Prof. Pier Roberto Dal Monte

  • Già Direttore Dipartimento medico-chirurgico delle Malattie dell’apparato digerente. Ospedale Bellaria-Maggiore. Bologna.

  • Prof. Mauro Bortolotti

  • Professore a Contratto della Specializzazione in Medicina Interna
    Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Bologna
    Policlinico S. Orsola


ultimo aggiornamento 22/02/2013
 
Aree tematiche


Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 26/01/2007
Invia la tua domanda

Domande / Risposte
Palpitazioni
8 Dic 08 - giampaolo, 37 anni (id: 88844)
  Quando mi sdraio ho le palpitazioni, lavorando di notte il pomeriggio ho bisogno di dormire, cosi non posso farlo avendo le palpitazioni. Ho il ipopituitarismo multiplo, prendo leutirox da 50 mg, Humatrope 1 mgx5/sett., Testoviron 250 1fl ogni 25 gg.
Le sue verosimilmente sono crisi di tachicardia, per cui sarebbe bene che ne parli con chi l’ ha in cura. La digestione non c’entra.
Prof. Pier Roberto Dal Monte


MRGE
8 Dic 08 - francesco, 55 anni (id: 88843)
  Soffrendo da circa un anno di problemi da reflusso gastroesofageo, mi sono rivolto ad uno specialista che dopo aver eseguito una gastroscopia ha formulato la seguente diagnosi: "Progressione dello strumento in esofago sotto pressione diretta. Esofago regolare per decorso e calibro. Lieve Iperemia del tratto distale senza presenza di erosioni. Cardias in sede, lievemente incontinente. Lago mucoso chiaro nel fondo gastrico, mucosa gastrica di colorito roseo, sollevata in pliche plastiche, normodistese allinsulfflazione gassosa, peristasi regolare. Fondo-corpo regolare. Lieve iperemia della mucosa antrale. Piloro normo funzionante, facilmente transitabile. Bulbo-dll regolari." A seguito di tale... continua >>
diagnosi lo specialista prescriveva compresse di Esopral 40Mg 1 capsula al mattino per 2 mesi, e Motiliux 0,5 mezza compressa 15 minuti prima di pranzo e cena per 20 giorni al mese per un periodo totale di 2 mesi. Al termine del trattamento lo specialista mi consigliava di continuare a prendere solo Esopral da 20 Mg, ma con tale cura, il problema si è riverificato immediatamente, così ho deciso di ritornare ad assumere Esopral 40 Mg per un periodo di 4 mesi, periodo in cui il problema era sparito. In questi giorni ho deciso di interrompere il trattamento da 40 Mg per riprovare nuovamente con quello da 20 Mg, ma puntuiale il problema dei reflussi si è ripresentato. La ringrazio anticipatamente per la sua risposta e spero possa indicare una soluzione al mio porblema. Distinti saluti.
Il reflusso esofageo si cura seguendo i consigli che le allego, naturalmente oltre che con le cure mediche, come gli antiacidi, anche con il calo di peso. Lei infatti è anche in sovrapeso con un IMC di 33 >>Indice di Massa Corporea - IMC o Indice di Quetelet (in inglese BMI, Body Mass Index) si misura dividendo il peso corporeo (in kg) per il quadrato della statura (in metri). I valori soglia di IMC consigliati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità per definire la condizione di sottopeso, normopeso, sovrappeso e obesità dell’adulto sono stati recentemente unificati per uomini e donne: IMC inferiore a 18,5 = sottopeso IMC compreso tra 18,5 e 24,9 = normopeso IMC compreso tra 25 e 29,9 = sovrappeso IMC maggiore di 30 = obeso
Malattia_da_reflusso_gastro-esofageo.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Dispepsia
8 Dic 08 - mauro, 60 anni (id: 88841)
  buon giorno prof. non ho dolori di stomaco ,qualche volta bruciori , ma il problema è dopo mangiato (anche piccole cose ,non mangio molto x abitudine)ma e come se avessi bevuto cocacola ,non vorrei nel possible fare la gastro cè un rimedio la ringrazio x la sua gentilezza
Potrebbe intanto fare la ricerca dell’helicobacter con il Breth test che può essere la causa di gastrite ed altri disturbi gastrici e l’eruttazione(vedi anche sotto) ne è un sintomo.Veda anche di seguire i consigli che le allego. Se peraltro i disturbi continuassero è opportuno fare la gastro data anche l’età. L’eruttazione è un atto più o meno volontario che facciamo quando abbiamo la sensazione di ripienezza gastrica per cattiva digestione: con questo fenomeno riteniamo o cerchiamo di diminuire la pressione gastrica e stimolare la peristalsi sì da per facilitare anche lo svuotamento dello stomaco ed infine migliorare la digestione. Talvolta questa è provocata da noi stessi con fenomeni volontari ( e ripetuti)di "inrutazione" di aria che poi cerchiamo di espellerla per eliminare la sensazione fastidioso dell’ ingombro gastrico. E’ un disturbo fondamentalmente funzionale che insorge per sensazione che da il rallentato svuotamento gastrico, spesso per spasmo puramente funzionale, ma anche per infiammazione dello stomaco/duodeno cioè una gastro/duodenite o simili che si rivelano con queste sensazioni. E’ consigliabile innanzitutto diminuire l’introduzione di bevande gassate fare un dieta adeguata seguendo i principi che vi verranno consigliati dal VS Medico o dai Medici della Rubrica: qualora non migliori naturalmente gli esami che si dovrebbero eventualmente fare sono almeno la Ricerca Helicobacter pyilori ed EGDScopia.
Trattamento_della_dispepsia_(3)_.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

MRGE
7 Dic 08 - Maila, 24 anni (id: 88838)
  Buonasera Gentile Dottore, mi rivolgo a Lei per un problema che mi porto dietro dalleta di 15 anni.Sono appunto affetta da 9 anni da unesofagite da reflusso associata ad ernia iatale diagnosticata con una gastroscopia e successiva manometria.Soffro di dolori fortissimi allo stomaco che si espandono al torace ed alla schiena, con una frequenza piuttosto anormale,che mi creano addirittura problemi a livello sociale.Sono quasi 3 anni che assumo quotidianamente inibitori della pompa protonica,ho iniziato con esomeprazolo che poi mi ha dato assuefazione ed ora lansoprazolo,lunico risultato positivo che deriva da questa assunzione è la mancanza di aciditama se per un giorno dimenticassi di prender... continua >>
la anche lacidita si ripresenta verso sera, ed è li che mi rendo conto di averla appunto dimenticata.Inoltre ho un reflusso continuo 24 ore su 24 anche a digiuno ed a volte problemi alla respirazione.Le chiedo disperatamente aiuto perche non so piu a chi rivolgermi, nessuno mi sa dare una risposta.La ringrazio anticipatamente.Le porgo cordiali saluti.Maila.
Provi intanto a seguire i consigli che le allego. Ma penso che sarebbe forse opporttuno pensare di fare uan fundoplicatio o intervento di Nissen è un intervento che viene eseguito ora generalmente attraverso la metodica laparoscopica e che consiste nel fare una specie di piegatura ad U dello stomaco al confine dell’esofago per far sì che si restringa il lume in quella sede o Cardias-fondo dello stomaco, cosicchè non vi è più reflusso acido attraverso lo sfintere esofageo inferiore e non è più possibile nel contempo che lo stomaco venga erniato nel torace seguendo l’esofago, qualora sia presente anche un’ernia gastrica. Non è un trattamento che sempre risolve il problema del reflusso e qualche volta si può avere rallentato passaggio di cibo in quella sede peraltro risolvibile. Naturalmente va fatto in soggetti resistenti alla terapia antiacida e dopo accurate indagini con pHmetria e manometria esofagea. Cionsultando un nuon gastroenterologo.
Malattia_da_reflusso_gastro-esofageo.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

IPP ed antibiotici
7 Dic 08 - roberto, 46 anni (id: 88834)
  sto facendo una cura con il Lucen,posso prendere degli antibiotici (amplital)?
Certo che si.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Irritazione gastrica da antibiotici
7 Dic 08 - claudio, 50 anni (id: 88831)
  buongiorno Prof. da 2 giorni assumo claritromicina hexal 500 2 al di x spreptocco galatie e da stamattina ho un sensibile sapore amaro in gola e in bocca che dura tutto il giorno. Può succedere qualcosaltro? Devo sospendere la terapia e farmi cambiare lantibiotico o continuo la cura per i restanti 5 giorni? la ringrazio e mi scusi per il disturbo
E’ un’irritazione gastrica da antibiotici. Che non muterebbe con altri eccetto che si scelga la via intramuscolare.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Esofagite e gastrite attiva
7 Dic 08 - nicola, 37 anni (id: 88830)
  EGR.PROFESSORE,HO EFFETTUATO NELL’ARCO DI 70 GIORNI DUE GASTROSCOPIE. IL REFERTO DELLA PRIMA ERA: "L’ESOFAGO PRESENTA AL 1/3 INF. EROSIONI NON CONFLUENTI: IL CARDIAS è INCONTINENTE.LA MUCOSA DELLO STOMACO SI PRESENTA IPEREMICA ED EDEMATOSA: IN PROSSIMITA’DEL PILORO E’ PRESENTE UNA ZONA DI MUCOSA RILEVATA CON ASPETTO IPERTROFICO.IL PILORO,IL BULBO ED IL SECONDO DUODENO SONO NORMALI" SONO STATE EFFETTUATE DELLE BIOPSIE E IL RISULTATO è STATO :" FRAMMENTI DI MUCOSA GASTRICA FOCALMENTE POLIPOIDE CON REPERTI DI METAPLASIA INTESTINALE,MODERATO INFILTRATO LINFOCITICO NELLA LAMINA PROPRIA. NEG. LA RICERCA PER H.PYLORI".IL MEDICO MI HA CONSIGLIATO UNA CURA CON PANTORC 40 CON UNA PILLOLA AL Dì. NELLA ... continua >>
SECONDA GASTROSCOPIA IL REF. è STATO :" L’ESOFAGO è NORMALE;ILCARDIAS è INCONTINENTE.LA MUCOSA DELLO STOMACO SI IPEREMICA. IL PILORO,IL BULBO ED IL SECONDO DUODENO SONO NORMALI" IL MEDICO NON HA RITENUTO IL CASO DI RIFARE DELLE BIOPSIE.DI CONTINUARE LA CURA PER UN’ALTRO MESE. SECONDO LEI DOPO TUTTI QUESTI REF. MI DOVREI PREOCCUPARE?HO UNA PATOLOGIA GRAVE?OGNI QUANTO TEMPO DOVREI FARE UN CONTROLLO? LA RINGRAZIO ANTICIPATAMENTE
Vuol dire che ha un’infiammazione con ulcerazioni al tubo digerente superiore, da verosimile iperacidità, va bene la cura che sta seguendo anche con i consigli che le invio.
Malattia_da_reflusso_gastro-esofageo.doc
Trattamento_della_dispepsia_(3)_.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Reflusso biliare
7 Dic 08 - marco, 44 anni (id: 88825)
  un esofagite può essere causata da reflusso di sali biliari? (nel mio caso due gastroscopie eseguite a diversi anni di distanza hanno sempre mostrato la stessa evidenza:cardias ipocontinente, esofagite, lago mucoso contaminato da abbondanti sali biliari). Immagino che i farmaci inibitori di pompa non abbiano effetto sui sali biliari. Quale può essere una terapia idonea a contrastare lazione di tali sali? Un ultima domanda: qualè la causa per cui si trovano sali biliari nello stomaco dove immagino non dovrebbero esserci? grazie distinti saluti
E’ possibile come vedrà di seguito con la terapia.Le cause del riflusso biliare dal duodeno allo stomaco non sono state ancora ben chiarite, naturalmente la situazione dipende da un movimento antiperistaltico del duodeno: la bile invece di essere spinta verso intestino, dove adempie alla sua azione, passa parzialmente anche nello stomaco, dove a causa dei sali biliari produce irritazione della mucosa ed i disturbi conseguenti. Talvolta refluisce anche in esofago. Si riscontra spesso dopo intervento alle vie biliari ma anche indipendentemente. La terapia non è ben codificata e si basa sull’uso di antiacidi a base di sali di aluminio come l’aluminio ossido idrato od il magaldrato che bloccano in parte i sali biliari o farmaci gastroenetreocinetici che dovrebbero normalizzare la peristalsi.Anche il cibo la blocca ovviamente seguendo il principo del poco e spesso. Con saluti
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Acqua e coliche
7 Dic 08 - Santini, 53 anni (id: 88823)
  Grazie per la risposta 88550. La prego, mi lasci fare altre domande. Circa l’acqua lei afferma "Non è una cosa seria..." Ma come tutti dicono che si deve bere almeno 1,5 litri di acqua al giorno e io ci ho sempre creduto (per via della mia stitichezza). Le chiedevo se il dolore epigastrico era compatibile con uno spasmo della colecisti (nessun’altra irradiazione, né alla scapola, né posteriormente). Il Crestor può aver favorito l’insorgere della patologia a causa della sua azione di scaricare il colesterolo nella bile. E facendo una dieta povera di grassi (che già sto facendo) potrei anche eliminare l’assunzione del Crestor? Infine, oltre al Deursil, che già assumo da fine settembre, posso ... continua >>
associare del Cantabilin (antispastico colecisti-specifico)? Ancora 1000 grazie e i migliori auguri di buone feste. NSantini
Per uno che ha la colelitiasi l’acqua bevuta in quantità al mattino può provocare coliche, questo spero sia chiaro. In quanto a berne tanta per purificarsi ciò non è utile: basta un litro e mezzo due di liquidi totali nella giornata anche per la stipsi. Il crestor è un ottimo farmaco e non mi risulti sia litogeno, non scarica il colesterolo nella bile ma blocca la sua formazione.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Poliposi multipla
6 Dic 08 - alessandra, 31 anni (id: 88816)
  Mia madre è morta per un tumor al colon, è stata operata due volte e poi non si sa se ha sviluppato un cancro primitivo al pancreas oppure erano lemetastasi.. Non ci capisco nulla. Sono passati 6 anni, mio fratello ne ha 18. Sono andata all’istituto dei tumori di milano perchè ho fatto una colonscopia e mi hanno trovato due polipi. Il mio endoscopista mi ha detto di rifare la colon tra tre anni, all’istituto dei tumori ogni anno, e in piu mi hanno detto che non è facile fare la ricerca genetica non ho capito perchè ( considerando anche che mia madre la cominciò nel 2000 e che risulto negativa alla poliposi adenomatosa familiare). Mi consiglia di cambiare centro? AH dimenticavo uscendo il pr... continua >>
ofessore mi ha detto, potrebbe essere la sindrome di lynch ma in tal caso avrebbe solo il 50% di possibilita Saluti! Grazie cordiali saluti salvetti alessandra
Dalla sua domanda, peraltro non troppo chiara, si può affermare che ha la sindrome di Lynch che si controlla come suggerito dall’andoscopista a meno che non si sia riscontrata displasia.Le ricerche genetiche non sempre sono di facile esecuzione, tuttavia potrebbe sentire al Policlinico di Modena dal Professor Ponz de Leon specialista in materia. Per suo fratello sui ventanni dovrebbe fare una colonscopia.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Eruttazione
6 Dic 08 - Silvia, 18 anni (id: 88810)
  salve dottore, sono una ragazza di 18anni e da circa 2 mesi soffro di continue eruttazioni. (queste si sono verificate dopo 1 intervento chirurgico al ginocchio eseguito in anestesia totale il 25-09-08...non so se questo elemento possa essere importante) il mio medico mi aveva prescritto 1 cura farmacologica a base di peridon da prendere 20minuti prima dei pasti e cinarepa(medicinale omeopatico)da prendere subito prima di mangiare. questa cura purtroppo non è servita. le eruttazioni sono diventate più frequenti e tendenzialmente acide e in più ho avuto il colon irritato e una gastrite. Cinque giorni fà.per risolvere questi problemi mi sono stati prescritti 2 farmaci: spasmomen 30mg 3 vo... continua >>
lte al giorno 20minuti prima dei pasti e limpidex 1cpr da prendere la mattina subito prima di uscire da casa. devo dire che gli spasi al colon si sono placati e anche la gastrite sembra essere quasi scomparsa....ma le eruttazioni continuano e io sono spaventata! perchè ho questi sintomi e perchè non passano?devo sottopormi a esami specifici come la gastroscopia?aggiungo che il 24-06-08 mi sn state riscontrate delle emorroidi interne discetamente congeste.sono una persona un pò ansiosa e non so se questo possa essere un aggravante per la patologia. spero di ricevere una sua risposta perchè,come si può facilmente evincere dalla e-mail, sono preoccupata! grazie per lascolto che vorrà prestare.
Mi sembra un disturbo funzionale di tipo ipocondriaco. Come vedrà sotto. L’eruttazione è un atto più o meno volontario che facciamo quando abbiamo la sensazione di ripienezza gastrica per cattiva digestione: con questo fenomeno riteniamo o cerchiamo di diminuire la pressione gastrica e stimolare la peristalsi sì da per facilitare anche lo svuotamento dello stomaco ed infine migliorare la digestione. Talvolta questa è provocata da noi stessi con fenomeni volontari ( e ripetuti)di "inrutazione" di aria che poi cerchiamo di espellerla per eliminare la sensazione fastidioso dell’ ingombro gastrico. E’ un disturbo fondamentalmente funzionale che insorge per sensazione che da il rallentato svuotamento gastrico, spesso per spasmo puramente funzionale, ma anche per infiammazione dello stomaco/duodeno cioè una gastro/duodenite o simili che si rivelano con queste sensazioni. E’ consigliabile innanzitutto diminuire l’introduzione di bevande gassate fare un dieta adeguata seguendo i principi che vi sono consigliati nell’allegato.
Trattamento_della_dispepsia_(3)_.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Esofagite cronica
6 Dic 08 - Luigi, 70 anni (id: 88809)
  Egregio prof. Dal Monte, sono un pensionato di 70 anni, ho una esofagite da reflusso con ernia iatale da circa 10 anni, che curo con Nexium 40mg la mattina, Gaviscon dopo i pasti, Sucralfin 2 mg dopo cena. Da alcuni giorni soffro di fitte acute in prossimità dello sterno, tali da aver anche dovuto ricorrere al pronto soccorso. Ho eseguito ECG e prova da sforzo con esito negativo, ho anche eseguito l’ennesima gastroscopia che presenta noduli e neoplasia (non presente nelle precedenti). Biopsia: flogosi lieve, attività assente, astrofia assente,metaplasia enteroide focale, displasia metafogistica, hlicobacter pyroli assente, aspetti di iperplasia rigenerativa dell’epistelio superficiale. Qual... continua >>
i altri esami necessitano per avere un quandro soddisfacente? Alcuni mi consigliano di operarmi all’ernia iatale, se così fosse risolvo i miei problemi? Grazie. Luigi
Non ho capito bene se vi è una neoplasia o metaplasia. La metaplasia non si opera ma si sorveglia come vedrà di seguito, la noplasia si. I disturbi che lamenta non sono però da esofagite. Faccia eventualmente un’ecografia.Metaplasia significa la trasformazione graduale della mucosa dello stomaco in mucosa intestinale, fa seguito spesso a gastrite cronica con atrofia la quale a sua volta spesso è dovuta ad infezione da Helicobacter Pylori. Se questo è presente va eradicato con miglioramento della gastrite . Quando l’Helicobacter è negativo la causa può essere l’abuso di alcool, il fumo, il reflusso di bile nello stomaco e la presenza di anticorpi antimucosa gastrica (forma autoimmunitaria),raramente la celiachia. La metaplasia va comunque controllata nel tempo, poichè in qualche caso può andare incontro a degenerazione neoplastica, specie se è diffusa con atrofia gastrica e si trasforma in displasia (alterazione precacencerosa). La metaplasma può essere, se non diffusa, reversibile cercando di evitarne le cause ed associando farmaci che sembrano avere un effetto terapeutico, come gli antiossidanti, quali la vitamina C.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

MRGE
6 Dic 08 - mario, 54 anni (id: 88806)
  da circa 8 anni convivo con esofagite ed ernia iatale che controllo molto bene con esomeprazolo.Da un paio di anni però contrariamente a prima i sintomi si ripresentano presto.Prendo axagon allabbisogno risolvo ma i sintomi si ripresentano a breve.Non ho complicazioni particolari solo il fastidioso bruciore.Prendo anche il Gaviscol in alternativa all axagon.Ho fatto lultima gastroscopia 3 anni fa nulla di particolare.La mia preoccupazione è il dover prendere continuamente medicine probabilmente come dice il medico la valvola nn chiude bene.NN vorrei arrivare ad operarmi ma se nn prendo medicine ho il bruciore nn vorrei causarmi complicazioni a causa< dellacido. Posso prendere medicine a vita... continua >>
senza complicazioni?Leggo che omeprazolo nnda problemi x la sfera sessuale ma a me sembra che qualche problema lo dia.Aspetto con interesse,una sua risposta e ringrazio.
La cura va bene e può essere eseguita come vedrà nell’allegato con le altre regole: i farmaci sono inocui.
Malattia_da_reflusso_gastro-esofageo.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Ecografia e colon
6 Dic 08 - angelo, 44 anni (id: 88802)
  Gent,professore, e un po di tempo che noto che nelle feci ci sono piccole strisce di sangue color rosso vivo senza muco, sono una persona ipertesa,non ho dolori addominali,circa 2 mesi fa ho fatto un esame addominale e risultato che era tutto nella norma,milza fegato e vescica,,, la mia domanda e se avessi un tumore al colon si sarebbe visto dall’ecografia addominale? grazie e buona giornata,,angelo..
Con l’ecografia si vedono solo il fegato,vie biliari e pancreas, per vedere il retto-colon bisogna fare una anorettosigmoidoscopia (dove probabilmente sanguina da emorroidi o proctite) la prima parte e la colonscopia tutto il colon.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Pseudostruzione intestinale
6 Dic 08 - luigi, 16 anni (id: 88796)
  salve professore,mi e stata da poco diagnosticata una pseudo ostruzione intestinale grave associata a gastroparesi cronica,e sono molto preoccupato,vorrei sapere se esiste qualche terapia funzionante pr quanto riguarda sai l una che l altra patologia e se ce qualche nuovo farmaco in uscita.la prego sono disperato mi risponda al piu presto
La pseudoostruzione intestinale o anche la malattia di Olgivie sono malattie diffuse a tutto il tubo digerente per alterazione del sistema nervoso/muscolare locale gastroeintestinale.La terapia consigliata sarebbe l’uso di farmaci che stimolano i movimenti intestinali, come: la cisapride che non più in commercio in Italia e veda se da qualche parte (anche on line) se la può procurare, l’eritromicina , come anche la levosulpiride che agiscono stimolando la peristalsi.Ed ultimamente si sta provando il tegaserod o zelnorm ed il lubiferone ( amitiza della takeda- sucampo).Naturalmente si operano eventuali zone stenotiche particolarmente seria.
Prof. Pier Roberto Dal Monte


Da 9053 a 9068 di 28132