Sei in: Medico on-line > Gastroenterologia

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Gastroenterologia
Referenti
  • Prof. Pier Roberto Dal Monte

  • Già Direttore Dipartimento medico-chirurgico delle Malattie dell’apparato digerente. Ospedale Bellaria-Maggiore. Bologna.

  • Prof. Mauro Bortolotti

  • Professore a Contratto della Specializzazione in Medicina Interna
    Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Bologna
    Policlinico S. Orsola


ultimo aggiornamento 22/02/2013
 
Aree tematiche


Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 26/01/2007
Invia la tua domanda

Domande / Risposte
Laringite da reflusso refrattaria a terapia
9 Gen 09 - CATERINA, 38 anni (id: 89733)
  Egregio Professore, circa da sett. 08 soffro di mal di gola con sensazione di corpo estraneo, bruciore, registringimento, difficoltà a deglutire. Questi sintomi si acuiscono soprattutto la notte non lasciandomi a dormire. Dopo terapie inutili di antinfiammatori e antibiotici ho fatto una visita OTRL e una laringoscopia che ha evidenziato: lieve edeme delle corde vocali, notevole edema retrolaringeo, come da laringite da RGE. Da ottobre sto facendo la cura con Esopral da 20 mg mattino e sera e Gaviscon dopo i pasti. Dopo un iniziale miglioramento, da qualche giorno sto peggio di prima con gli stessi sintomi che mi condizionano decisamente la vita. Vorrei precisare inoltre che per circa un an... continua >>
no e mezzo ho dovuti fare una cura con Alendronato 70 mg per un osteoporosi transitoria all’anca insorta in gravidanza preceduta da 10 giorni di flebo con Difosfonal 300 e che a causa di una lombalgia cronica ho fatto da annni un uso forse eccessivo di antinfiammatori di vario tipo. Gentile dottore cosa devo fare per avere una condizione di vita normale senza questi fasti e dolori alla gola? La cura che sto facendo va bene? I farmici che ho assunto per così tanto tempo possono aver causato questa situazione? Premetto inoltre che sono una ex fumatrice da circa 3 anni e mezzo. La ringrazio in anticipo se vorrà rispondere alle mie domande e le porgo i miei più cordiali saluti.
Gentile Sig.ra Caterina, la terapia potrebbe essere insufficente, ma andrebbe valutata in base ai dati ottenuti con una visita accurata. Eventualmente mi faccia sapere al n. 051-307901 per stabilire cosa fare per risolvere il problema. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti


Esami addominali
9 Gen 09 - Sergio, 58 anni (id: 89732)
  A suguito di ecografia addominale+pelvi (contollo semestrale di controllo per postumi di adenocarcinoma del retto trattato e asportato con chemio nel 2006) il referto dice questo: -fegato aumentato di volume ad eco struttura iperocogena come per steatosi. -colecisti alitiasica - reni con modica ectasia dei calici e dellampolla. Di cosa si tratta? Siamo un pochino preoccupati. Saluti e buon anno.
Egr. Sig. Sergio, gli esami non sembrano indicativi di patologie in atto ma vanno interpretati in base al quadro clinico. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Helicobacter
8 Gen 09 - silvia, 24 anni (id: 89721)
  Gentile Dott, Un paio di mesi fa ho fatto la gastroscopia e la biopsia in seguito alla quale ho scoperto di essere celiaca. Le volevo chiedere, da questi 2 esami si può vedere se c’è l’Helicobacter, o bisogna fare degli esami più specifici? La ringrazio
Non le basta avere la celiachia con la quale l’Helicobacter non c’entra per nulla. Comunque l’avrebbero visto con la biopsia gastrica se è stata fatta e se proprio vuole può fare l’urea breath test.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Gastrite e metaplasia intestinale
8 Gen 09 - GABRIELE, 57 anni (id: 89715)
  Salve ho 57 anni e scrivo per avere un consulto riguardo il referto istologico avuto dopo aver fatto una gastroscopia con relativa biopsia Il risultato è il seguente: GASTRITE CRONICA CON DIFFUSI ASPETTI DI METAPLASIA INTESTINALE E DI IPERPLASIA FOVEOLARE. NEGATIVA LA RICERCA MORFOLOGICA DELL’HELICOBCTER PYLORI Potrebbe spiegarmi cosa significa? c’è qualcosa di preoccuppante in quelle 2 parole (metaplasia e iperplasia? Grazie per la gentile risposta
Metaplasia significa la trasformazione graduale della mucosa dello stomaco in mucosa intestinale, fa seguito spesso a gastrite cronica con atrofia la quale a sua volta spesso è dovuta ad infezione da Helicobacter Pylori. Se questo è presente va eradicato con miglioramento della gastrite . Quando l’Helicobacter è negativo la causa può essere l’abuso di alcool, il fumo, il reflusso di bile nello stomaco e la presenza di anticorpi antimucosa gastrica (forma autoimmunitaria),raramente la celiachia. La metaplasia va comunque controllata nel tempo, poichè in qualche caso può andare incontro a degenerazione neoplastica, specie se è diffusa con atrofia gastrica e si trasforma in displasia (alterazione precacencerosa). La metaplasma può essere, se non diffusa, reversibile cercando di evitarne le cause ed associando farmaci che sembrano avere un effetto terapeutico, come gli antiossidanti, quali la vitamina C.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Terapia MRGE
8 Gen 09 - carlo, 34 anni (id: 89714)
  circa 6 anni fa mi hanno diagnosticato un’ernia iatale. Da allora assumo quotidianamente (salvo brevi intervalli) esopral 20mg. Ad ogni intervallo di pochi giorni il disturbo si ripresenta. Dovrò prendere la pastiglia per il resto della vita? Non si temono effetti collaterali? Grazie Carlo
Egr. Sig. Carlo, la dose è abbastanza bassa quindi non dovrebbe dare problemi, se non vi è l’HP e se fa un controllo all’anno. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Sospette aderenze postchirugiche
8 Gen 09 - antonietta, 61 anni (id: 89708)
  sn stata operata 4 anni fa di trapianto di fegato..tutto benissimo,quando dopo tre mesi mi hanno estratto il ker malamente,purtoppo sono stata rioperata di tutto quello che si era versato nell’addome,d’allora soffro maledettamente di dolori addominali per le maledette aderenze,mi hanno detto che non c’e’ nulla da fare,non ce la faccio a continuare cosi,sono stremata dai dolori,tra tachipirina e toradol mi avveleno il fegato che ho ricevuto,per favore la scongiuro mi puo’aiutare???Non so piu che fare..
Le aderenze non dovrebbero dare i dolori così violenti come lamenta a meno che non provochino una stenosi del duodeno o di qualche ansa intestinale e non abbia qualche problema cicatriziale alle vie biliari plurioperate. Faccia una Rx tubo digerente con transito intestinale ed eventualmente una colangio RM o un’ERCP(colangiografia perendoscopica).
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Disturbi addominali
8 Gen 09 - giuseppe, 56 anni (id: 89707)
  nei mesi scorsi ho accusato una dolenzia, con aumentata produzione di aria, nella flessura splenica del colon. Le feci, normali per quantità (evacuo ogni mattina) sono diventate più molli ma non diarrea. Il medico mi ha prescritto delle analisi che riporto di seguito. L’esame chim/fisi e parass. delle feci ha dato esito neg. e una ecg addom. che riporto. dalle analisi è venuto fuori che l’amilasi ha un valore di 141. devo preoccuparmi? Esami 08/12/08 Azotemia 39 Colesterolo 200 Trigliceridi 69 AST/GOT 18 ALT/GPT 23 Acido Urico Titolo Antistreptolisinico 36 Proteina C Reattiva 0.50 CREA Jaffe Gen2 Comp 1.16 Glukose HK Gen.3 84 HDL-C plus 3rd gen. 39 PSA 1.0 IgA ... continua >>
230 IgG 1419 IgM 53 Anticorpi anti endomisio <1:20 Antitransglutaminasi < 1.20 Amilasi 141 Lipasi 26 MPV 12.4 fL 7-11 P-LCR 43.1 % 15-40 PDW 17.6 fL 9-17 PLT 223 10^3/uL 150-450 ECT addome e pelvi del 14/11/08 Fegato di vol. nei limiti della norma con margini conservati. Eco strutt. epat. finemente disomog. Assenza lesioni focali. Asse spleno portale regolare per calibro e decorso. Vie biliari intra ed extra epat. non dilatate.Colecisti in sede,di regolare vol, con numerosi adenomiomi parietali del diam maxo di mm3-4, alitiasica. Milza di vol. nei limiti della norma con eco struttura omogenea. Non riscontrabili alterazioni in sede pancreatica. Assenza di tumefaz linfonod all’ilo epat ed in paraort.L’indagine della cornice colica esclude alteraz spessor parietale
Egr. Sig. Giuseppe, se i disturbi intestinali non recedono occorre esaminare il colon. L’amilasi non preoccupa, mentre la colecisti potrebbe essere implicata. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Stipsi ribelle
8 Gen 09 - Elisabetta, 38 anni (id: 89705)
  Egregio Prof.re faccio seguito alla sua risposta i.d.88934 , e come sempre la ringrazio per la sua gentilezza e disponibilità nel rispondere ai nostri quesiti. Vengo al dunque, dopo i vari problemi già descritti in precedenza periodi lunghi (fino a 9 giorni) di stipsi seguiti da episodi di 1 giornata di dissenteria con svenimento, gli esami del sangue e feci incluso sangue occulto , sono risultati negativi ed anche la colonscopia. La terapia da seguire secondo il Medico Endoscopista è : levolac 1-2 cucchiai al dì o Movicol se necessri. In questo momento sto assumento anche il Benefibra al mattino 1 busta (è la 3°scatola che assumo regolarmente) e fermenti lattici Enterolactis plus, ma senz... continua >>
a risultati, dopo 4 giorni evacuazione con clistere.ho sempre questa senzazione di pesantezza e non sento stimoli intestinali.Cosa mi consiglia? Premetto che soffro di gastrite (assumo Malox scioppo all’occorenza)ed ho una piccolissima ernia iatale per la quale non ho mai assunto farmaci.La ringrazio ancora tanto per la sua gentilezza.Cordiali saluti.Elisabetta
Gentile Sig.ra Elisabetta, probabilmente sono necessari altri esamida stabilire dopo una accurata visita per individuare la causa della stipsi (vedi area tematica relativa per maggiori informazioni) Eventualmente mi faccia sapere al n. 051-307901 se il disturbo persiste. Inoltre credo che i disturbi che attribuisce alla gastrite siano dovuti al reflusso. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Epigastralgie
8 Gen 09 - NELLO, 62 anni (id: 89703)
  Prof. DAL MONTE, buonasera, le scrivo per avere alcuni consigli per quanto vengo ad esporle. Da qualche mese, specialmente la mattina, ma non sempre, accusavo un dolorino allo stomaco,dolore prima sopportabile, poi una decina di giorni fà ho accusato dolori piu forti,tali da indurmi ad andare dal medico di base.Espostogli il problema, lo stesso presupponeva che la causa del dolore poteva essere dovuta alla presenza del Helicobacter. Premetto che lHelicopter bacter pilori, risulto positivo ad una gastroscopia effettuata circa 15 anni fà. Pertanto il medico mi consigliato Mepral 20 mg da assumere solo la mattina prima di colazione. Così facendo il dolore è scomparso. Ora vorrei... continua >>
fare di nuovo gli accertamenti del caso,mediante la gastroscopia, ma qualcuno mi consiglia, in alternativa, di fare il test del respiro o lesame del sangue o delle feci. Lei quale mi consiglia? Grazie, e buonaserata.
Forse è bene rifare una gastroscopia che con la biopsia permette anche di valutare la presenza o meno dell’H.P.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Flatulenza
8 Gen 09 - rosi, 34 anni (id: 89700)
  salve dott la disturbo solo per chiederle un parere su un mio problemino e cioè sto soffrendo a giorni alterni di flatulenza , un pò di meteorismo e evacuo circa 2 volte al giorno ma di consistenza abbastanza regolare . ho doloretti nel basso ventre e ho emorroidi allesterno del ano che in questi momenti mi danno un po di dolore .La mia domanda è la seguente: può essere la flatulenza indice di qualcosa di serio?A me piace molto la medicina e la studio da sola per soddisfare la mia curiosità e in questo caso ho pensato a colon irritato , ma mi chiedo se può persistere per oltre 15 giorni? grazie 1000 e le auguro un buon 2009
Gentile Sig.ra Rosi, la flatulenza è data da un eccesso di gas che si producono nell’intestino ed occorre una visita ed esami per stabilirne la causa. Il colon irritabile ha anche altri sintomi, come il dolore addominale e l’irregolarità dell’alvo. Eventualmente mi faccia sapere al n. 051-307901 per stabilire cosa fare per risolvere il problema. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

MRGE?
8 Gen 09 - giulia, 24 anni (id: 89698)
  Buonasera, volevo fare una domanda, 3 anni fa sono stata affetta dal bettere Pilori che il mio medico ha curato con antibiotici sino alla scomparsa, ogni anno effettuo un esame di controllo che dopo la cura è sempre risltato negativo, ogni tanto però soffro di bruciori di stomaco o faccio fatica a digerire, alcune volte ho preso, appunto per la digestione, un cucchiaino di bicarbonato con dellacqua e devo dire che mi ha fatto stare meglio, e qui cè il problema, mi è stato detto che il bicarbonato è dannoso alle pareti dello stomaco e non va bene, sigh! cosa devo prendere (senza assumere medicinali) per una digestione più facile? grazie dellattenzione. giulia
Gentile Sig.na Giulia, i bruciori di stomaco sono probabilmente dovuti ad una malattia da reflusso che va diagnosticata e curata adeguatamente e non col bicarbonato. Eventualmente mi faccia sapere al n. 051-307901 per stabilire cosa fare per risolvere il problema. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

MRGE e disturbi intestinali
8 Gen 09 - rosanna, 44 anni (id: 89697)
  Egr. Dottore 2 anni e mezzo dopo una lunga cura antibiotica senza fermenti lattici ho cominciato ad avere problemi digestivi e un forte calore dalla schiena alla cute dei capelli. Il medico mi ha fatto fare una ecografia alladdome superiore risultata negativa a parte qualche infiltrazione grassa del fegato. Lanno dopo, a dicembre 2007, ho fatto una gastroscopia ed è risultata una gastrite cronica e una incontinenza del cardias. Alterno periodi di miglioramento con la cura (pantorc o lucen 20/40 mg) a periodi di peggioramento : ulcerazioni alla bocca, bruciore anale e prurito, meteorismo fortissimo,gorgoglii continui, gonfiore alla pancia e un dolore dalla fascia ombelicale che si estende all... continua >>
a zona lombare/costole . Mi sento sempre stanca e talvolta ho difficoltà digestive . Il 7 gennaio 09, quindi qualche giorno fa, ho fatto una colonscopia, con la presenza di un piccolo polipo ancora in esame istologico e infiammazione della zona emorroidaria, niente altro. Ho fatto esame delle feci per sangue occulto su 4 campioni in giorni diversi che è risultato negativo e la ricerca dei miceti dove è presente il saccharomyces cerevisiae,no diarrea. Le analisi del sangue recenti mostrano solo la ferritina bassa (10), sideremia normale ai limiti (41). Emocromo a posto e protidogramma ok, ves a posto. La gastroenterologa mi ha parlato di disbiosi intestinale e mi ha dato dicoflor 60 mg. Il medico di famiglia mi ha prescritto arginina per lastenia. Io comunque non ho ancora miglioramenti
Gentile Sig.ra Rosanna, prima di tutto la terapia del reflusso deve essere continuativa con la dose sufiicente a prvenire i disturbi. Eliminare HP se presente. I disturbi intestinali meritano qualche altro accertamento da stabilirein base ad una visita perchè è difficile capire, senza una visita nè controllo degli esami, quale può essere la soluzione dei suoi problemi. Eventualmente mi faccia sapere al n. 051-307901 per stabilire cosa fare per risolvere il problema. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

MRGE resistente
8 Gen 09 - rossella, 60 anni (id: 89693)
  gentile professore, mi sto curando da novembre per una esofagite da reflusso, con lansoprazolo e gaviscon. Ho seguito la cura per 4 settimane, poi interrotto, fatta la gastroscopìa, e ripreso la cura fino a ieri. E possibile che non passi questo reflusso acido? Cosa devo fare? Cè una cura alternativa, oppure devo pensare alla plastica del cardias?. Sono preoccupata perchè so che a lungo andare le cose possono degenerare e mi piacerebbe avere un suo parere. Grazie, rossella Ghiara
Gentile Sig.ra Rossella, prima occorre verificare se la terapia e la dieta sono corrette, perciò gliele allego. Se dopo due mesi di terapia corretta non vi sono miglioramenti occorre fare una pH-metria esofagea e gastrica sotto trattamento per vedere se vi è risposta agli IPP ed eventualmente una bilimetria per vedere se vi è anche reflusso biliare (vedi anche area tematica relativa per maggiori informazioni). Per quanto riguarda l’intervento occorre sapere che non esiste un intervento che ripristini la funzione normale del cardias, ma solo plastiche antireflusso che restringono il passaggio cardiale per impedire il reflusso. Purtroppo non sempre funzionano, specialmente se non sono eseguite in un centro specializzato, non hanno una durata molto lunga (solo alcuni anni) e comportano vari effetti collaterali, come la difficoltà alla deglutizione in un terzo dei casi, l’aerogastria bloccata, la difficoltà a eruttare e vomitare, ecc., per cui vanno eseguite solo se la terapia medica con IPP "a dosi adeguate" non funziona. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
TERAPIA_di__MRGE.doc
Dieta CUP 2000.doc
Prof. Mauro Bortolotti

Vomito di ndd
8 Gen 09 - CRISTINA, 38 anni (id: 89690)
  eg.dott.chiamo cristina e ho 38 anni di ferrara nel 7/07 ho subito un intervento al polso ds per rottura legamento triangolare lanestesia locale è stata fatta sotto lascella dopo mezzora dalla fine dellintervento ho subito accusato vomito e un forte dolore e un liquido bollente che mi passava dal braccio allascella al collo allorecchio allocchio e alla testa in breve questa sensazione è andata via dopo 6 mesi di calvario tranne il dolore sotto lascella(esami fatti tac risonanze neurologo tutto ok)lunica cosa che mi è rimasta fino a giugno 2008 è stato il vomito liquido con uscita liquida anche dal naso fatto gastroscopia risultato esaofago con mucosa rosea cardias beante stomaco rivestito da... continua >>
mucosa rosea liscia lucente con disegno vasale sottomucoso normoconservato pliche ben distensibile con linsufflazione piloro valicabile con lo strumento bulbo dudenale e duodeno extra bulbare rivestiti da mucosa rosea. il gastroenterolo dopo avermi dato dei farmaci levopraid lanzoprazolo lansox pantorc esopral spasmomen debrun gaviscon (tutti mi hanno causato maggior vomito tacchicardia sensazione di svenimento e prolattina altissima con fuoriuscita liquido dal seno)ho smesso i farmaci e abbiamo seguito la strada del cibo risultato ad oggi perso peso da 65 a 47 il vomito non ce piu panico a prendere qualsiasi farmaco e mangio solo pasta in bianco carne e banane non riesco a mangiare altro mi aiuti cosa devo fare sono gia in cura da un pscicologo ma non funziona
Egr. Sig. è difficile capire, senza una visita nè controllo degli esami, quale può essere la soluzione dei suoi problemi. Eventualmente mi faccia sapere al n. 051-307901 per stabilire cosa fare per risolvere il problema. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Bocca amara
8 Gen 09 - Gianluca, 36 anni (id: 89689)
  Caro professore, avverto da tempo bocca amara con eruttazioni solitamente dopo le 13pomeridiane, sensazione che si attenua con l’ingerimento di cibo. Talolora tutto ciò si accompagna da forme di evacuazione irregolari (alternanza di stipsi e forme di produzione fecale poco consistenti e in alcuni rari episodi con colore chiaro. Ho già effettuato accertamenti sulle mie transaminasi che risultano essere nella norma. Got.38 Gpt.38. Da che cosa potrebbe dipendere? Cosa mi consiglia di fare? A volte percepisco anche indolenzimento addominale. Seguo dieta a base di carni bianche e verdure. Sono un soggetto ansioso-depresso. Assumo benzodiazepine 0,75mg.da 15 anni. Mastico molto poco per via di den... continua >>
ti mancanti. La ringrazio.
Egr. Sig. Gianluca, i dati forniti sono insufficenti per una diagnosi ed una adeguata terapia, per le quali è anche necessaria una visita medica. Questa può essere fatta dal suo Medico Curante, che le può richiedere gli accertamenti appropriati. Se vuole può contattarmi successivamente. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti
Prof. Mauro Bortolotti


Da 9053 a 9068 di 28322