Logo ricerca con Google


Sei in: Medico on-line > Gastroenterologia

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Gastroenterologia
Referenti
  • Prof. Pier Roberto Dal Monte

  • Già Direttore Dipartimento medico-chirurgico delle Malattie dell’apparato digerente. Ospedale Bellaria-Maggiore. Bologna.

  • Prof. Mauro Bortolotti

  • Professore a Contratto della Specializzazione in Medicina Interna
    Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Bologna
    Policlinico S. Orsola


ultimo aggiornamento 27/11/2014
 
Aree tematiche


Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 26/01/2007
Invia la tua domanda

Domande / Risposte
Yogourt
27 Feb 09 - Paola, 20 anni (id: 92051)
  Buongiorno Dottore, dopo aver riscontrato una gastrite nervosa sn venuta a conoscenza del kefir (fermenti probiotici da fare con acqua) tramite una conoscente, ho fatto qualche ricerca sul web e ho capito che dovrebbero far bene anche per coliti e gastriti... però prima di farne uso volevo avere un opinione da lei... Grazie cordiali saluti Paola
Il prodotto citato è uno yogourt e come tale ha gli effeti più o meno utili di tutti tali prodotti sopratutto sul colon. Non mi risulta curi le gastriti ma può provarlo, male non fa.
Prof. Pier Roberto Dal Monte


steatosi epatica
27 Feb 09 - lucia, 49 anni (id: 92049)
  mi hanno diagnosticato steatosi epatica lei cosa mi consiglia?
Di leggersi l’allegato.
La_steatosi_e_dislipemia_(2).doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Diverticolo esofageo
27 Feb 09 - ANGELA, 41 anni (id: 92047)
  Gent.mo Prof. Dal Monte, a mio marito a seguito di una tac gli hanno riscontrato un "voluminoso diverticolo dellesofago distale a dx sovradiaframmatico di circa 58 mm di diametro con ingesti nel suo lume".I sintomi che lui avverte sono soprattutto ai pasti. Non sempre il cibo sembra fermarsi a metà, ed è costretto a bere acqua per far andare giù il boccone ingerito e tutto torna a posto. Da quando è stato scoperto ha notato che ogni tanto ha un dolore anche alla spalla (è una coincidenza?) Cosa si fa in questi casi? Bisogna operare e come? visto che è diaframmatico? E se non si opera quali rischi corre? Premetto che mio marito ha 47 anni. In Prov. di bari cè uno specialista che può consig... continua >>
liarmi? Un ospedale dove rivolgermi? La ringrazio.
Consiglio innanzuitutto una rxgrafia esofago-stomaco e quindi una endoscopia esofago-gastrica per valutare meglio la situazione (potrebbe essere un’ernia).
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Sospetta gastrite
27 Feb 09 - Andrea, 36 anni (id: 92043)
  da un esame fagogramma stomaco a doppio contrasto mi è stato rileto un lieve ispessimento del disegno plicale. cosa significa? grazie
Potrebbe essere una gastrite, faccia anche la ricerca dell’Helicobacter pilori.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Sospetta sindrome postcolecistectomia
27 Feb 09 - mimi, 60 anni (id: 92036)
  un mese e mezzo fà ho avuto l’esportazione della coliciste, sono migliorata con i bruciori di stomaco e il riflusso gastroesofageo pero l’ernia iattale e l’esofagite continua a darmi quando mangio un blocco el mangiare questo all’inizio del pranzo perà dopo procede normale, ho avuto un po’ di problemi con l’intestino e da due giorni assumo un integratore pulsygel ma mi da dolori di stomaco appena scende il cibo è meglio sospenderlo può essere questa la causa alla mattina prendo anche il pariet da 10 mg ma mi fa poco.Ho una alimentazione corretta e senza grassi con molta verdura cotta e bevo sempre il brodo di cipolla sedano zucchine, non bevo alcolici e non fumo , mi scusi se la disturbo, ri... continua >>
ngrazio e porgo cordiali saluti mimi
Potrebbe acere un’inizio di s.La sindrome postcolecistectomia o da malassorbimento di bile, si verifica dopo l’intervento di colecistectomia(o asportazione della cistifellea generalmente per calcolosi biliare) per alterato riassorbimento intestinale della bile stessa. Si caratterizza con dolore addominale a cui succede spesso diarrea con feci giallastre o verdastro-scuro. La bile infatti essendo costituita anche da sali biliari ha effetto irritante e lassativo, se non assorbita normalmente dall’intestino, specie dopo introduzione dei cibi: questi, specie ai pasti principali, stimolando la peristalsi stimolano anche il passaggio della bile stessa non bene mescolata ai cibi nell’intestino con l’effetto sopradescritto e preceduto da dolori e borborigmi (movimenti intestinali accentuati e rumorosi). Come terapia si consiglia di prendere un farmaco che adsorbe i sali biliari rendendoli meno attivi, la Colestiramina: una bustina prima dei pasti principali. Aspetti come evolve la cosa prima di prenderLa.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Sospetta epatocolangite
26 Feb 09 - Clara, 22 anni (id: 92027)
  Gentile medico, le scrivo perchè ho contattato diversi specialisti della mia zona ma nessuno ha saputo trovare risposta al mio caso. Una mia amica (25 anni) una notte di metà Dicembre ha avvertito un dolore fortissimo alla schiena che si è protratto fino alla mattina (nonostante le numerose punture antidolorifiche). Ricoverata allospedale, le hanno riscontrato le transaminasi a 1200! Premetto che è una che cura al massimo lalimentazione, non beve, non fuma ed è magra (eppure le hanno trovato losteatosi!). In una settimana di ricovero le hanno fatto analisi di tutti i tipi, markers, ecc..:risulta negativa a tutto. Le transaminasi sono rientrate nella norma dopo 1 settimana di cure, ma lei h... continua >>
a cominciato ad avvertire forti dolori al fianco destro. Adesso sono passati 2 mesi, lei ha ancora dolori e si sente sempre intossicata anche se mangia solo pere cotte, cose in bianco e leggerissime. E andata da 3 specialisti ed ognuno le dava una diagnosi diversa.. così, in preda alla disperazione, ha deciso di fare la risonanza magnetica col contrasto. Le hanno riscontrato un edema nel duodeno: nulla di più! Adesso deve fare la gastroscopia per capire la causa delledema. Ma secondo voi tutto questo fastidio può dipendere da un edema? E in cosa consiste in termini medici ledema? (dato che i medici non hanno saputo spiegarcelo..) Vi ringrazio per il servizio e spero in una vostra risposta. Cordiali saluti. Una siciliana.
E’ possibile che la sua amica abbia avuto una colica biliare con emissione di microcalcoli che le hanno provocato un’ epatocolangite acuta (come erano la GGT e la fosfatasi alcalina?) Non credo che vi sia qualcosa di specifico al duodeno che può essersi irritato ed infiammato e quindi ispessito per la stessa ragione ( un calcolino), comunque faccia l’esame ed eventualmente prenda dell’acido uirsodesossicolico.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Effetti collaterali terapia eradicante H.P.
26 Feb 09 - fulvio, 46 anni (id: 92013)
  da qualche giorno sto assumendo omeprazolo e antibiotici claritromicina e amoxicillina per helicobacter pilori. mi sono venuti dolori alle cosce e a fondo schiena e mi sento debole talvolta anche un pò di mal di testa, è possibile che sia dovuto agli effetti collaterali debbo prenderli per 7 gg e sono al terzo. posso prendere anche qualcosa per alleviare
Non mi risulta che i farmaci citati diano tali disturbi, ma con i farmaci non si è mai sicuri se ad es si ha un’intolleranza simile a quella che mi menziona. Il paracetamolo potrebbe essere utile (ma non consiglierei nulla).
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Flogosi linfomononucleare
26 Feb 09 - Francesco, 65 anni (id: 92004)
  gent.mo prof. dopo varie gastroscopie con esami istologici discordanti cioè il primo con diagnosi di esofago di barret, la seconda acantosi, e la terza flogosi linfomononucleare. visto che i medici interpellati mi anno detto molto spiritosamente mettiamoli in un bussolotto e tiriamo a sorte , e visto che lei molto gentilmente mi spiegò in illo tempore, l’acantosi, e l’esofago di barret, può dirmi cosa è la flogosi linfonucleare e secondo il suo stimatissimo parere che cosa ho? la ringrazio e le porgo i miei ossequi
Vuol dire che vi è un pò d’infiammazione vale a dire esofagite.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Probabile sindrome postcolecistectomia
26 Feb 09 - Maria, 63 anni (id: 92000)
  Buongiorno Professore volevo sapere se dopo aver asportarto la colecisti(diversi calcoli)anni fà ogni tanto ho coliche (se mangio alcuni cibi) addominali.E normale?ho fatto 2 volte Ecografia addominale e (a causa dellintenso meteorismo)non si vede molto, eccetto un piccolo calcolo al rene.Soffro anche di stipsi?Lei cosa dice?saluti e grazie.
E’ possibile che abbia in forma lieve La sindrome postcolecistectomia o da malassorbimento di bile, si verifica dopo l’intervento di colecistectomia(o asportazione della cistifellea generalmente per calcolosi biliare) per alterato riassorbimento intestinale della bile stessa. Si caratterizza con dolore addominale a cui succede spesso diarrea con feci giallastre o verdastro-scuro. La bile infatti essendo costituita anche da sali biliari ha effetto irritante e lassativo, se non assorbita normalmente dall’intestino, specie dopo introduzione dei cibi: questi, specie ai pasti principali, stimolando la peristalsi stimolano anche il passaggio della bile stessa non bene mescolata ai cibi nell’intestino con l’effetto sopradescritto e preceduto da dolori e borborigmi (movimenti intestinali accentuati e rumorosi). Come terapia si consiglia di prendere un farmaco che adsorbe i sali biliari rendendoli meno attivi, la Colestiramina: una bustina prima dei pasti principali. E’ bene far precedere la stessa terapia da un disinfettante anche a livello intestinale come tipo ciprofloxacina cp da 500 mg per 4-5 giorni. .
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Dimagrimento
26 Feb 09 - ilenia, 26 anni (id: 91999)
  Buongiorno, vorrei sapere se il mio dimagrimento(da circa un anno),può essere legato a eventuali tolleranze;presento mal di pancia e flautolenza costante.Non so se possa essere utile sapere che il dimagrimento riguarda specialmente ventre e fianchi.La ringrazio.Buona giornata
Valuti se ha un’intolleranza al glutine.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Diarrea episodica
26 Feb 09 - NICOLA, 41 anni (id: 91998)
  DA ANNI (5/6) SOFFRO DI DISSENTERIA CHE SI RIPRESENTA OGNI 2 O 3 MESI TALMENTE FORTE DA DEBILITARMI, ESAMI VISITE NON HANNO RISCONTRATO NULLA, QUANDO CAPITA VADO IN OSPEDALE DOVE MI FANNO QUALCHE FLEBO PER REIDRATARMI E CON ASSUNZIONE DI CIPROIN PIAN PIANO SPARISCE ...CHE MI CONSIGLIA GRAZIE XCHè LA MIA VITA è LEGATA A QUESTO DISTURBO CHE QUANDO MI ARRIVA MI SCONVOLGE TUTTO. GRAZIE
E’ possibile che abbia un’intolleranza a qualche cibo come ad esempio il lattosio oppure il glutine, per cui le consiglierei di fare una dieta povera di lattosio ed i test per l’intolleranza al glutine. Comunque si ricordi se le capita di nuovo quali cibi ha mangiato nei giorni precedenti gli episodi e prenda dei probiotici saltuariamente.
Intolleranza_al_lattosio[1].DOC
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Postumi gastroenterite
26 Feb 09 - Vittoria, 73 anni (id: 91997)
  Buongiorno. Lunedi mattina mi e’ capitato contestualmente alla prima colazione un episodio di svenimento. Premetto che era da qualche giorno che avevo preso un’influenza intestinale con vomito e dissenteria. Portata in pronto soccorso da mio marito e dimessa verso le 17, al rientro a casa, alle 20.30 si e’ verificato un nuovo episodio e alle 21.00 un secondo. In ps mi sono stati eseguiti: esami del sangue, elettrocardiogramma, tac. Nessun parametro era fuori posto. Mi hanno quindi tenuta in osservazione tutta una notte e il pomeriggio successivo sono stata dimessa con diagnosi: crisi vaso vagale dovuta ad una forte gastroenterite. Potrebbe essere una diagnosi verosimilmente compatibile o dov... continua >>
rei fare dei controlli piu accurati? Saluti. Vittoria.
E’ possibile che effettivamente abbia avuto gli effetti o postumi dell’infezione che ha avuto con perdita di liquidi e di sali. Comunque tenga controllata la pressione arteriosa, la glicemia e faccia qualche altro esame come ad esempio un’ecografia alle carotidi.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Proctorragia
26 Feb 09 - linocosenza, 27 anni (id: 91996)
  Salve, volevo sapere cosa fare poichè oggi ho intravisto tracce di sangue, dallaspetto liquido, nelle feci. Non soffro di emorroidi. Ho, invece problemi di idrocele e a volte fastidi di prostatite. In attesa di un suo consiglio la ringrazio per lattenzione prestatami.
Dipende se era sangue rosso vivo (emorroidi?) o commisto a muco (proctite?). Se persiste deve fare una rettosigmoidoscopia.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

MRGE
25 Feb 09 - sabrina, 37 anni (id: 91993)
  Ho problemi allo stomaco da almeno 8 anni.Ho girato vari gatroenterologi e non so se per mia fortuna o sfortuna non mi hanno mai dopo la visita prescritta una gastroscopia..anche se credo sia arrivato il momento.Premetto che sono ansiosa e ipocondriaca all’inverosimile.Il mio problema è dolore alla bocca dello stomaco e forte acidità.Con una dieta da 3 anni a questa parte sono scesa di quasi 20 kg ed il reflusso è migliorato ma non scomparso.Ora sono in cura con omeprazolo e valpinax.Ho trovato molto sollievo nella rinuncia a latte e latticini.Con l’abolizione di essi è svanita anche la stitichezza. Cosa mi consiglia oltre a far calmare lo stress?
La cura che sta facendo è già buona, comunque veda di seguire anche i consigli che le allego, aumentando eventualmente l’antiacido.
Malattia_da_reflusso_gastro-esofageo.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Diarrea
25 Feb 09 - giovanni, 65 anni (id: 91983)
  Da anni soffro di problemi intestinali legati ad un eccesso di evacuazioni giornaliere (anche 4/5)qualche volta (poche, fortunatamente) di carattere diarroico. Nel 2005 ho fatto una colonscopia che ha dato esito negativo. Di recente si è aggiunto un prolasso rettale (12 anni fa ero stato già operato per lo stesso problema)ed anche a questo mi sono un po alla volta abituato, anche perché il chirurgo mi ha sconsigliato per il momento un nuovo intervento per il rischio di ritrovarmi con problemi di incontinenza. Da una diecina di giorni però soffro di un nuovo disturbo: ho difficoltà ad evacuare. Vado spesso in bagno ed ogni volta ho la netta sensazione di unevacuazione incompleta;difatti dop... continua >>
o un po lo stimolo ritorna e si fa talmente forte che sono costretto ad una nuova evacuazione. Le feci, in genere, sono piuttosto morbide, spesso abbastanza frammentate e, cosa nuova, vedo una gran quantità di muco giallastro. La ricerca del sangue occulto nelle feci ha dato esito negativo. Non so cosa pensare, non capisco se è il prolasso che provoca tutto ciò o se cè invece un qualche tipo di ostruzione. Non so nemmeno se è importante il fatto che in due mesi sia calato di peso: da 79/80 kg del dicembre 2008 ai 56/57 di oggi. Cosa ne pensa e cosa mi consiglia di fare? Un ringraziamento anticipato per la risposta.
L’attuale stipsi potrebbe essere passeggera e segno di un cambiamento della flora intestinale, un qualche medicinale o qualche cibo. Non so se ha fatto recentemente una colonscopia che comunque farebbe bene a farla.Peraltro non trascurerei neppure il fatto di così evidente e rapido calo di peso che sarebbe bene approfondire: pertanto se non l’ha fatta recentemente consiglierei una colonscopia, una ecografia addominale con particolare riguardo al pancreas ed eventualmente dopo una gastroscopia.
Prof. Pier Roberto Dal Monte


Da 9053 a 9068 di 28818