Logo ricerca con Google


Sei in: Medico on-line > Gastroenterologia

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Gastroenterologia
Referenti
  • Prof. Pier Roberto Dal Monte

  • Già Direttore Dipartimento medico-chirurgico delle Malattie dell’apparato digerente. Ospedale Bellaria-Maggiore. Bologna.

  • Prof. Mauro Bortolotti

  • Professore a Contratto della Specializzazione in Medicina Interna
    Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Bologna
    Policlinico S. Orsola


ultimo aggiornamento 27/11/2014
 
Aree tematiche


Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 26/01/2007
Invia la tua domanda

Domande / Risposte
Terapia MRGE
17 Apr 10 - giampiero, 31 anni (id: 106344)
  salve gentilissimo professore volevo gntilmente sapere la cura piu appropriata per quanto riguarda la mia patologia (id precedente 105029)per ora il mio medico dopo il lucen da 20 mi ha prescritto omepranzene sempre da la mattina prima di colazione
Egr. Sig. Giampiero, non caopisco perchè l’esomeprazolo sia stato cambiato con l’omeprazolo che è un farmaco più vecchio e meno attivo. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti


Sospetto Crohn
17 Apr 10 - roberta, 41 anni (id: 106342)
  gent.dotore,da alcuni anni mi è stato diagnosticato il morbo di Crohn ileale.La colon con biopsia fatta due mesi fa ha evidenziato flogosi cronica aspecifica acuta ulcerata nellultima ansa ileale,dopo di che il medico mi fa fare unenterorisonanza m. per vedere il tratto dellintestino che non si può vedere con la colon ne la gastro,dove non si evidenzia nessun segno di malattia attiva,solo tre piccole lesioni al fegato,prob.angiomi.La gastroscopia rileva a livello duodenale una flogosi cronica aspec.moderata ed incremento patologico dei linfociti intraepiteliali CD3 positivi riferibili a lesione di tipo I di Marsh.So di avere il DQ2 presente da anni,senza mai avendo sviluppato la celiachia.O... continua >>
ra la mia domanda è perchè con la ris.m. non si è vista la lesione rilevata con la colon?allora potrebbero esserci altre lesioni allileo che non si son viste?la flogosi al duodeno non potrebbe essere uninfiammazione dovuta al crohn e non la celiachia?il gastroenterologo si è un po contraddetto,prima dice che non puo essere celiachia xke la flogosi al duodeno è di I grado,poi dice che potrebbe assere quella a farmi stare poco bene e non il crohn.Ora sto assumendo Endocir,con scarsi risultati e devo fare i prelievi per la celiachia,La mia paura è che il crohn stia camminando verso lo stomaco senza che nessuno se ne accorga..so che non è una forma grave,anche se mi limita molto .Grazie e chiedo scusa per il mio dilungarmi
Pur essendo la RNM un esame abbastanza utile per disgnosticare un Crohn forse è meglio l’endoscopia intestinale con enteroscopio o videocamera. Intanto farei la dieta priva di glutine per valutare eventuali miglioramento dei suoi disturbi. In genere l malattie infiammatorie hanno anche alterazioni ematiche di tipo flogistico.
le_malattie_infiammatorie_intestinali_(3).DOC
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Benzodiazepine e MRGE
17 Apr 10 - luigia, 52 anni (id: 106332)
  E vero che le benzodiazepine (tipo LEXOTAN) a lungo andare possono creare dei problemi a chi ha lernia jatale e soffre di MRGE? Perche lOMEPRAZEN e sotto forma di capsule a rilascio modificato per assumerne una sola al giorno e gli altri IPP sono sotto forma di compresse?
Gentile Sig.ra Luigia, le benzodiazepine possono favorire il reflusso. L’omeprazolo è stato il primo e gli altri IPP hanno beneficiato di un ulteriore progresso di tecnica farmaceutica. Tutti però hanno un’efficacia di circa 24 ore.
Prof. Mauro Bortolotti

Dispepsia , HP e colon irritabile
17 Apr 10 - Ettore, 46 anni (id: 106331)
  Prof.Mauro Bortolotti, desidero porle tante domande,ma cercherò di limitarmi nella sostanza,ho 46 anni sofro già da tenera età di dolori addominali atroci con conseguenti scariche diarroiche,circa un mese fa ho deciso di incominciare con indagini ematiche lstrumentali quindi una gastroscopia,il referto parla di gastrite cronica erosiva da h pliory,ho poi curato per l’eradicazione di questi,aspetto almeno 30 giorni prima di verificare l’eventuale eradicazione,proseguendo con il mio problema di gasrtite erosiva da h pliory desidero dirle che in aggiunta a ció sofro anche di digestione lentissima esem..una cena leggera a base di pollo lesso e semolino assunto alle ore 20 me lo ritrovo ancora ... continua >>
la mattina seguente inoltrata quasi oltre 12 ore, circa 14 anni fa ho scoperto "per caso" di aver contratto l’epatite b, dagli esami poi risultano gli anticorpi,quindi sono immunizato, è guarito a detta del mio medico. Le mie domande sono; la mia pessima digestione dipende forse dal fegato che ha subito l’epatite di tipo b?la mia gastrite erosiva cronica da h pliory guarisce se avvenuta l’eradicazione?da circa 35 giorni assumo 1 cp. pariet 20mg. La dott.gastronterologa che ha eseguito la gastrocopia me la prescritta proprrio per 35 di totali,domando, se in seguito devo assumerla a vita e a cicli? se si la prego mi dica più o meno che cicli,aggi sono sempre stato un perfetto salutista, mai assunto alcolici,fumo o droghe.dimenticavo ho prenotato per una colonscopia.Atte risposta e ringrazio.
Egr. Sig. Ettore, la digestione lenta non dipende dal fegato, ma dallo stomaco (vedi area tematica relativa alla dispepsia per maggiori informazioni). Le consiglio pertanto dei procinetici. I dolori addominali con scariche dipendono dal colon irritabile che va studiato con esami endoscopici e/o radiologici. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Dispepsia
17 Apr 10 - Elisa, 30 anni (id: 106327)
  Preg.mo Dottore, sono una ragazza di 30 anni e Le scrivo per un problema di salute che mi trascino da alcuni anni... A volte mi capita di avere dei "malesseri" (non riesco bene a spiegarLe.....) di stomaco, a volte anche un po’ di dolore... Ho fatto un’ecografia all’addome e infatti è risultato:"pareti dello stomaco un po’ ispessite" ....il medico mi ha chiesto se sono stressata, ma sinceramente ho un vita molto tranquilla da alcuni anni a questa parte(purtroppo da qualche anno non riesco a lavorare in modo continuativo; mi sento spesso affaticata e stanca, pur dormendo almeno 10 ore ogni notte), non bevo alcoolici, né coca cola o bibite gasate; pratico una leggera attività fisica (un’ora... continua >>
al giorno una camminata o corsa o un’ora di bicicletta), non ho mai fumato, cerco di avere un’alimentazione equilibrata, mangio tanta verdura (lattuga, carote, pomodori, spinaci, sedano, ecc....) e qualche frutto al giorno... Questi "malesseri" di stomaco li avverto indipendentemente dai pasti e dal cibo che ingerisco; ad esempio questa mattina, a digiuno, quando mi sono alzata dal letto ho sentito questi malesseri di stomaco, questo "ispessimento" delle pareti dello stomaco lo sento eccome.... A volte (stamattina, ad esempio) sento anche nausea e sento di vomito....Come posso fare? ho una paura tremenda, tra l’altro, a sottopormi ad una gastroscopia.... Le sarei davvero grata se volesse darmi il Suo prezioso parere. Grazie di cuore e complimenti di cuore per la Sua attività Elisa
Provi a seguire i consigli che le allego, senza prendere medicinali, ma facendo con il breath test la ricerca dell’Helicobacter.
Trattamento_della_dispepsia_(3)_.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Gastrite Cronica metaplasia
17 Apr 10 - alida, 59 anni (id: 106325)
  ho fatto una gastroscopia ed il risultato istologica e il seguente grastrite cronica attiva lieve plurifocale metaplasia intestinale di tipo completo hp positivo e da preoccuparsi? Alida
Gastrite cronica con Metaplasia significa la trasformazione graduale della mucosa dello stomaco in mucosa intestinale, fa seguito spesso a gastrite cronica con atrofia la quale a sua volta spesso è dovuta ad infezione da Helicobacter Pylori. Se questo è presente va eradicato con miglioramento della gastrite . Quando l’Helicobacter è negativo la causa può essere l’abuso di alcool, il fumo, il reflusso di bile nello stomaco e la presenza di anticorpi antimucosa gastrica (forma autoimmunitaria),raramente la celiachia. La metaplasia va comunque controllata nel tempo, poichè in qualche caso può andare incontro a degenerazione neoplastica, specie se è diffusa con atrofia gastrica e si trasforma in displasia (alterazione precacencerosa). La metaplasma può essere, se non diffusa, reversibile cercando di evitarne le cause ed associando farmaci che sembrano avere un effetto terapeutico, come gli antiossidanti, quali la vitamina C.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

INL dell’ileo
17 Apr 10 - Federico, 22 anni (id: 106324)
  Buon giorno, a mio figlio tramite la videocapsula è stata diagnosticata lIperplasia Nodulare Linfoide dellIleo, il dott. gli ha prescritto una cura per 6 mesi con il Pentasa ed una dieta senza glutine e caseina. Ma dopo i 6 mesi di cura con il Pentasa un mese dopo è iniziato a star male. Ho contattato il dott. e mi ha detto di continuare con il Pentasa fino alla prossima visita che si terrà in luglio....cosa mi devo aspettare dopo? dovrà essere operato o ci sono farmaci più mirati per debellare questo problema? Saluti Virginia
Egr. Sig. Federico, sarebbe opportuna una ileocolonscopia con biopsia dell’ileo per precisare meglio la patologia. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Fistola anale
17 Apr 10 - LUIGI, 34 anni (id: 106322)
  DOTTORE VOLEVO SAPERE CIO UNA FISTOLA CHE SIE ROTTA NEL 2001 POI DOPO 9 ANNI MIDA UN PROBLEMA CIO IL BRUCIORE E DESCE UNPO DI SANQUE CHE NE DICI IL MIO CHIRURGO MI DICE QUELLA NONE DA OPERARE E GIA APERTA MIA DATO UN ANO RETOSCOPIA SI VEDE SE E LA FISTOLA O NO
L fistole affinchè non recidivano si operano come vede oltre forse vi qualche problema a causa della sua obesità.>>>>>All’interno del canale anale vi sono piccole ghiandole che possono infettarsi, conducendo alla formazione di ascessi. Quando un ascesso si forma a livello di una ghiandola anale, si ingrandisce lentamente spingendosi all’esterno a livello della pelle che circonda il canale anale. Quando cio’ accade il paziente avverte un rigonfiamento doloroso in quell’area. Qualche volta l’ascesso puo’ rompersi spontaneamente, altre deve essere inciso e drenato dal medico in anestesia locale per evacuare l’infezione. A seguito del drenaggio, di solito, il paziente si sente subito meglio. In ogni caso il percorso creato dall’infezione dall’interno all’esterno del canale spesso persiste e si forma una fistola anale. Di solito una fistola anale non e’ evidente se non per una piccola perdita intermittente di sangue o pus e una certa infiammazione nell’area. Qualche volta la superficie cutanea va incontro a cicatrizzazione con chiusura, ma la fistola permane, cosi’ che l’ascesso frequentemente puo’ recidivare. La fistola non puo’ guarire senza ricorrere alla chirurgia. Si procede ad apertura del tratto fistoloso fra l’interno e l’esterno del canale (fistulotomia) e successivamente si lascia guarire la ferita dal basso verso l’alto. Poiche’ molte fistole sono a livello dello sfintere, aprire una fistola significa necessariamente tagliare parte dello sfintere. Di solito comunque questo non comporta incontinenza.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Corpo estraneo
16 Apr 10 - Sara, 18 anni (id: 106317)
  Salve, la notte tra lunedi e martedi 12-12 aprile 2010, mi sono ingoiata un piercing di 3,2 cm con da una parte la pallina e dall’altra no, dopo 18 ore ho fatto una lastra e era situato nel emibacino di destra (cosi c’era scritto sul referto)era con la punta verso l’alto, dopo 3 giorni ho rifatto la lastra e si e solo girato verso il basso ma praticamente non si e spostato, sono andata dinuovo al pronto soccorso e mi hanno rimandato a casa perchè non accuso nessun dolore e febbre mi e stato detto di controllare le feci, di mangiare patate e fibre e di prendere un cuchiaio di olio di vasellina alla sera. Io sono preoccupata perche in tre giorni si e mosso appena (e anche vero che mi e stato ... continua >>
detto che deve fare un pezzo in salita per poi passare al emibacino di sinistra anche se poi e vero?) Cosa mi consiglia visto che sono 2 volte che vado al pronto soccorso e non mi ricoverano perche come ripeto non accuso dolori o febbre
Deve aspettare ancora qualche giorno eventualmente prenda qualche lassativo che acceleri lo svuotamento intestinale.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Intolleranza al lattosio
16 Apr 10 - Valeria, 26 anni (id: 106314)
  Gentile Dottore, sono una ragazza allergica agli acari e intollerante al lattosio. Per quanto riguarda lallergia sono in cura con antistaminico e vaccino, mentre per quanto riguarda lintolleranza seguo una dieta priva di lattosio. Ultimamente quando mangio (ad esempio oggi ho mangiato un piatto di fusilli al pomodoro, calamari fritti e acqua frizzante non fredda), due ore dopo il pasto inizio ad avere forti crampi allintestino, meteorismo e diarrea con odore forte, eppure non mangio cibi con il lattosio/latticini. Il test per la celiachia eseguito un anno fa aveva dato esito negativo. Da cosa può essere causato? Ho sempre paura a mangiare fuori e sto attenta a tutto quello che mangio perch... continua >>
è i crampi sono molto dolorosi e se mi capitassero mentre guido sarebbero un bel problema. La ringrazio per la sua risposta.
Gentile Sig.na Valeria, purtroppo il lattosio è presente come additivo in molti cibi e come eccipiente in molti farmaci per cui occorre controllare la composizione. Può darsi che abbia anche alter intolleranze: provi a fare il RAST alimentare. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Gastrite da H.P.
16 Apr 10 - Rosario, 43 anni (id: 106306)
  Salve, mi rivolgo a voi perche ho un problema che non riesco a capire. Ho praticato una gastroscopia con delle biopsie, il referto istologico e il presente. (Antro gastrico: lembi di mucosa antrale caratterizzati da un quadro di gastrite cronica attiva, ad impronta erosiva,associato a note focali di metaplasia intestinale ed a displasia ghiandolare focalmente di alto grado. Positiva la ricerca di microorganismi tipo HP. Mi chiarite che ho,è da considerare un tumore,cosa mi consigliate. Resto in attesa di una vostra risposta e v’invio cordiali ringraziamenti.
Gastrite cronica con Metaplasia significa la trasformazione graduale della mucosa dello stomaco in mucosa intestinale, fa seguito spesso a gastrite cronica con atrofia la quale a sua volta spesso è dovuta ad infezione da Helicobacter Pylori. Se questo è presente va eradicato con miglioramento della gastrite . Quando l’Helicobacter è negativo la causa può essere l’abuso di alcool, il fumo, il reflusso di bile nello stomaco e la presenza di anticorpi antimucosa gastrica (forma autoimmunitaria),raramente la celiachia. La metaplasia va comunque controllata nel tempo, poichè in qualche caso può andare incontro a degenerazione neoplastica, specie se è diffusa con atrofia gastrica e si trasforma in displasia (alterazione precacencerosa). La metaplasma può essere, se non diffusa, reversibile cercando di evitarne le cause ed associando farmaci che sembrano avere un effetto terapeutico, come gli antiossidanti, quali la vitamina C.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Diverticolosi
16 Apr 10 - anna......................................., 56 anni (id: 106297)
  ho subito intervento di emicolonectomia,ma i divericoli rimasti danno ancora molto fastidio.Ultima colonscopia 19 marzo 2010,INTERVENTO FEBBRAIO 2008,CURA PENTACOL 800 2CPs una a pranzo e una a sera,poi tribif,l’unica cura che mi da molto sollievo ai dolori tremendi è il flagil,ma si può prendere ogni mese al posto del normix,o è tossico?Durante l’assunzione di normix o flagil frutta e verdure devono essere eliminati?Grazie ultimo referto della colonscopia anostomosi pervia,presente un diverticolo a monte a altri sporadici diverticoli nell’utimo tratto per circa 20cm.Che sfiga....
Penso che sia opportuno seguire i consigliche le allego facendo gli antibiotici che maggiormente sono efficaci alterando eventulmente il flagyl alla ciprofloxacina.
Divericolosi_e_Diverticolite.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Celiachia
16 Apr 10 - LETIZIA, 34 anni (id: 106294)
  SALVE DOTTORE VORREI UNA INFORMAZIONE HO SCOPERTO DI ESSERE CELIACA TRAMITE GASTROSCOPIA HO LA TIROIDE SBALLATA ANEMIA SOLO CHE GLI ESAMI DI SANGUE NON SONO TUTTI POSITIVI (DQ2 DQ8 SI ) HO INIZIATO LA DIETA SENZA GLUTINE MA SPESSO MI FA MALE LA PANCIA FORSE PERCHE IL MIO CORPO SI DEVE ABITUARE OPPURE NON SONO CELIACA AL 100%. GRAZIE ANTICIPATAMENTE
Forde la mucosa non è ancora ritornata normale, o non sta completamente seguendo la dieta. Si veda comunue l’allegato.
La malattia celiaca.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

IPP
16 Apr 10 - sara, 33 anni (id: 106288)
  salve da circa due anni sono in cura con il nexium...ora sono rimasta incinta e sono alla 5 settim. e il ginecologo mi ha detto di sospendere il nexium. ma io sto troppo male fino al punto di sudare freddo. lei pensa che questo medicinale possa causare danni al feto? la prego mi risponda al più presto. La ringrazio anticipatamente
Quel tipo di antiacido e tutti di questa categoria non risultano essere teratogeni, dannosi per il feto.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Dolore addominale
16 Apr 10 - VINCENZO, 49 anni (id: 106283)
  SPAMEX SIRINCA PER COLITE DOLRE SINSTRO CHE PRENSE TUTTA LA PANCIA STOMACO E USO BUSCOPN COMPOSITUM PER IL DOLORE GENTILMENTE VORREI SAPERE SE VA BENE COSI’ O SONO LA STESSA MOLECOLA GIA PRENDO RANATIDINA 300 PER LO STOMACO PERCHE SONO CARDIOPATICO SE POSSIBILE AVERE UNA RISPOSTA GRAZIE
Egr. Sig. Vincenzo, le ripeto che occorre fare una diagnosi più precisa per i suoi disturbi con esami appropriati stabiliti in base ad una visita. Ne parli con il suo medico. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti


Da 6186 a 6201 di 28905