Sei in: Medico on-line > Gastroenterologia

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Gastroenterologia
Referenti
  • Prof. Pier Roberto Dal Monte

  • Già Direttore Dipartimento medico-chirurgico delle Malattie dell’apparato digerente. Ospedale Bellaria-Maggiore. Bologna.

  • Prof. Mauro Bortolotti

  • Professore a Contratto della Specializzazione in Medicina Interna
    Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Bologna
    Policlinico S. Orsola


ultimo aggiornamento 27/11/2014
 
Aree tematiche


Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 26/01/2007
Invia la tua domanda

Domande / Risposte
Reflusso esofageo
30 Mar 10 - sandro, 55 anni (id: 105690)
  Gentile Prof approfitto della sua disponibilita’ in relazione al mio disturbo di cui Le ho parlato nelle altre mie email(espettorato in gola di notte con disturbi respiratori)Volevo chiederLe se una terapia con un procinetico tipo peridon (1 cp prima dei pasti ) e un prodotto tipo gaviscon dopo i pasti mi potrebbe alleviare i l disturbo visto che l’inibitore di pompa mi ha dato piu’ problemi che benefici: inoltre un esame rx digente con bario puo’ aiutare a capire se il problema e’ il reflusso(motilita’ esofagea ecc)Mi perdoni so che non e’ deontologicamente corretto fare diagnosi o terapie senza l’esame del paziente non escludo che prendero’ contatti con Lei se il problema non mi si attenu... continua >>
a anche se abita in umbria .un grazie sandro
Egregio Signore,certo che i farmaci summenzionati potrebbero giovarle, come potrebbe essere di valido ausilio diagnostico un transito baritato esofageo con tubo digerente superiore per valutare sia la motilità che il reflusso. Se non l’ho già fatto si veda anche l’allegato non tenendo conto degli antiacidi lì citati.
Malattia_da_reflusso_gastro-esofageo.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte


Gastrite alcalina.
30 Mar 10 - isabella, 45 anni (id: 105689)
  gentilissimi torno a scrivere in attesa di programmare un consulto sono stata operata di colicisti 2 anni fa da allora soffro di un ritorno di bile chè lo sfintere di oddi non ferma provocandomi una gastrite alcalina se mangio ogni ora e mezza non ho disturbi ma non è vita Sono 20 chili in più e rischio di ammalarmi di diabete perchè pane e patate aiutano meglio sono stata curata con inibitori di pompa protonica lansox levopraid riopan malox e deursil 450 senza esiti così continuo o a mangiare continuamente (nauseante )o ad avere bruciori e tiramenti alla parte alta dello stomaco la così detta bocca dello stomaco inposizione supinaquindi di notte non ho disturbi grazie per un aiuto
Gentile Sig.ra Isabella, per potere darle un consiglio ho bisogno di più dati (referti esami, terapie con dosaggi ecc.). Se vuole può chiamarmi al n. 051-307901. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Dispepsia
29 Mar 10 - giovanni, 47 anni (id: 105680)
  Egregio dottore,da circa un anno dopo la cura per leradicazine del H.P. ho questi sintomi che purtroppo mi hanno costretto a lasciare il lavoro: (pesantezza continua dello stomaco, inappetenza continua e una forte sensazione di vertigine).Ho fatto un sacco di esami(3 gastroscopie in cui ho curato alcune microlesioni e un po di gastrite,ho curato una seconda volta lH.P.ho tolto il diverticolo di MENKEL,gastrinemia nella norma,vari esami del sangue nella norma, TAC addominale negativa;TAC cerebrale negativa,visita otorinolaringoiatra nella norma)e infine visto che non si trovava soluzione il mio medico di famiglia mi ha consigliato di rivolgermi da uno psicoterapeuta pur non avendo alcun sinto... continua >>
mo di stress e o depressione;comunque io pur di poter risolvere il mio problema lho contattato e vedendo tutti i miei esami e rivolgendomi alcune domande a livello psicologico ha ritenuto che non si evidenziavano problemi di stress e o depressione ma una sofferenza nella funzionalità dello stomaco a causa delle varie cure di antibiotici;la cura da lei assegnatami è la seguente(LEVOPRAID gocce,ALPRAZOLAM gocce,XERISTAR)che stò prendendo da circa 5 mesi ma con scarsissimi risultati;ho contattato anche un altro psicoterapeuta che assegnandomi un farmaco mi ha aggravato la situazione e tuttora, purtroppo, persistono i sintomi di cui sopra,vi prego di darmi una mano a risolvermi questo problema GRAZIE.
Mi sembra che i riscontri a carico dello stomaco non siano tali da renderle impossibile la vita. Forse il fastidio principale è la vertigine che potrebbe dipendere da un’artrite cervicale. Io le posso solo consigliare di seguire i "consigli" allegati.
Trattamento_della_dispepsia_(3)_.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Ragade anale
29 Mar 10 - luisa, 42 anni (id: 105678)
  soffro di una piccolissima ragade anale in precedenza operata insieme allemorroidi, sto mettendo la pomata antolin con piccoli risultati, ma dopo la defecazione dopo circa tre ore mi prende un bruciore anale soprattutto quando sono seduta, cosa posso fare? grazie per adesso
Si veda l’allegato ed eventualmente usi il rectogesic.
La ragade anale.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Dolore toracico
29 Mar 10 - chiara, 30 anni (id: 105671)
  Gentilissimo dottore, volevo ringraziarLa per la terapia che mi ha consigliato qualche mese fa per eradicare lHP. Dopo la terapia ho rifatto lanalisi su feci x HP e finalmente scopro di non avere più qsto ospite. Approfitto della sua disponibilità per chiederLe ancora un consiglio: soffro di fortissimi crampi addominali, che partono dallo stomaco e si irradiano a tutto il torace, collo, denti e schiena. Avevo imputato qsti crampi allHP che mi provocava gastrite ma ora che nn ce lho più da cosa possono essere provocati? Ho fatto pochi gg fa unaltra gastroscopia(dopo 2 anni) e il risultato è sempre lo stesso:"incontinenza cardiale con esofagite di grado C sec.LA". Mi accorgo che i crampi si p... continua >>
resentano quando mangio un pò di più. Ho fatto esami per celiachia ma negativi.Ho fatto esami del sangue(sideremia,ves,tas,proteina c reattiva,trasferrina,ferritina)tutti nella norma tranne Albumina leggermente alta val.5gr/dl(rif.3.4-4.8) e Prist IgE totali mostruosamente alti val.1177,0 KU/L (rif. fino a 100,0).Mi sono rivolta ad un allergologo e ho fatto Prick-test cutanei, diagnosi:allergia ad Artemisia, acari, peli e forfora di gatto. Io noto(dissenteria)che sono intollerante ad alcuni alimenti soprattutto latticini e lievito. Non mangio frittura, non bevo caffè, non fumo e cerco di mangiare in modo leggero(riso, carni bianche) ma nn appena mangio un pò di più(anche solo pasta scondita)io sto male e ricominciano i crampi.Cosa succede?dovrei fare qlk altro esame?mi aiuti a capire!
Gentile Sig.ra Chiara, in assenza di una causa cardiaca documentata il dolore toracico è spesso conseguenza di una malattia da reflusso anche senza i sintomi tipici del reflusso (bruciori epigastrici, rigurgiti acidi, ecc). In tali casi la diagnosi si fa con la pH-metria esofagea di 24 ore che riesce a vedere se in corrispondenza della crisi dolorosa vi è un episodio di reflusso g.e. In caso positivo va fatta la terapia e la dieta adeguate. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Colon irritabile
29 Mar 10 - Fabrizio, 41 anni (id: 105668)
  in particolari condizioni di stress o dopo assunzione abbondante di cibo riporto disagi digestivi. In particolare, brevi periodi di stipsi (2-3 giorni)sono interrotti da copiose e ravvicinate (3-4 episodi nellarco di 2 ore) defecazioni di consistenza via via piu fluida. Per compensare il forte senso di arsura e calmare i dolori alladdome assumo contestualmente acqua e/o camomilla. Gli episodi sono accompagnati da abbondate produzione di urine. Tipicamente lurina che segue lultimo episodio e completamente incolore. Un senso di ansia e occasionale tachicardia e nausea si aggiungono al disagio. Lassuzione di una compressa di Plasil quando lepisodio e in corso, spesso mi aiuta a superare la cri... continua >>
si. Negli ultimi mesi questo pattern si ripete con regolarita almeno una volta a settimana e sempre alla sera. Al mattino seguente non riporto alcun esito. Ho provato ad aggiungere alla dieta (piottosto regolare e variata) prodotti come Actimel ma non posso dire che abbiano sortito alcun effetto. Voreri sapere se dal quadro delineato e possibile indentificare una patologia precisa e, nel caso, ricevere consigli circa la sua risoluzione. Grazie in anticipo.
Egr. Sig. Fabrizio, lei probabilmente ha un colon irritabile, ma per averne la certezza deve escludere altre malattie organiche intestinali con sintomi simili (vedi area tematica relativa per maggiori informazioni). Se è confermato il colon irritabile, tenga presente che noi stiamo effettuando uno studio sugli effetti di un prodotto di origine vegetale sui sintomi del colon irritabile. Se è interessato a partecipare, mi può contattare al n. 051-307901. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti
Prof. Mauro Bortolotti

Bocca amara
29 Mar 10 - LUDOVICA, 49 anni (id: 105666)
  Per quale motivo il LANSOX 30 mg. mi procura durante il giorno un sapore amarissimo in bocca? Ho anche effettuato una ecografia al fegato e alle vie biliari ma non ci sono problemi ne calcoli. E possibile che mi procuri il reflusso? Io non ho normalmente questo sapore di bile in bocca anche se dalla gastroscopia e risultato la presenza di piccola ernia jatale da scivolamento. Grazie.
Gentile Sig.ra Ludovica, vi può essere una disfunzione biliare senza alterazioni morfologiche. Occorrerebbe fare una bilimetria gastrica. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Aumento transaminasi ed RCU
29 Mar 10 - salvatore, 38 anni (id: 105664)
  Egregio prof., da circa 3 anni da analisi ematochimici mi risultano le transaminasi GPT sempre aumentate, i valori variano tra gli 80 ed i 120, premettendo che i markers dellepatite B e C ripetute piu volte sono risultate negativi, e dallecografia epatica non risulta steatosi. TRE anni fa mi e stata diagnosticata dopo esami strumentali( colonscopia e gastroscopia) una rettosigmoidite ed una gastrite. La terapia che mi e stata prescritta e la seguente: lansoprazolo 30- mesalazina cp 400 x 3 ed alla sera 1 supposta di mesalazina 500. Le volevo chiedere se laumento delle transaminasi sia dovuta alla malattia o allassunzione di questi farmaci , altrimenti cosa secondo lei puo determinare questo... continua >>
aumento e cosa mi consiglia di fare? Inoltre volevo chiederle se la terapia e corretta o se e eccessiva. La saluto e la ringrazio anticipatamente della sua risposta.
Potrebbe dipendere dai farmaci ma non v’è da escludere un’epatopatia autoimmune che si osserva talvolta nelle RCU. Faccia ulteriori esami>>>per Epatopatie: Transaminasi- Fosfatasi alcalina - Gamma GT – Bilirubinemia - Attività di protrombina o PTT- Fibrinogeno - Elettroforesi e Immunoglobuline IgA, IgG, IgM, + anticorpi antitissutali ANA, AMA, SMA - LKM.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Diarrea
29 Mar 10 - raffaella, 22 anni (id: 105659)
  Salve esami del sangue e delle feci prescrittimi dal mio gastroenterologo perchè da più di un anno ho diarrea cronica, tutti esami negativi e quindi ho effettuato la colonscopia, mi hanno asportato dei campioni per la biopsia ileo distale, colon dx, colon sx e retto e nella diagnosi istologica cè scritto:"ileite reattiva con iperplasia nodulare linfatica". mi potete spiegare cosa vuol dire?
Potrebbe essere una semplice infiammazione ma approfondirei la presenza di un’eventuale celiachia: Anticorpi antigliadina / endomisio/ transglutaminasi tissutale.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Dolori addominali
29 Mar 10 - Rita, 46 anni (id: 105658)
  Caro Prof.,da circa 4 mesi ho dolori costanti ma sopportabili nella parte bassa del fianco sinistro, da premettere che il regime alimentare è abbastanza equilibrato e non sono stitica. Potrebbero essere causati dallo stress e quali rimedi in questo caso?
Gentile Sig.ra Rita, i suoi disturbi sono generici e presenti in molte malattie. E’ necessaria pertanto una visita dal suo Medico curante, in base alla quale le potrà prescrivere opportuni accertamenti e cure. Se vuole può contattarmi successivamente. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

I.D. errato
29 Mar 10 - marco, 36 anni (id: 105656)
  Eg.Prof.in riferimento allid.105632, le chiedo cortesemente di volermi anche dire soprattutto se la terapia potrebbe essere idoena alla patologia descritta, inoltre se può precisare a che tipo di controlli clinici periodici dovrei sottopormi. GRAZIE.
Non trovo la prima domanda forse ha sbagliato numero I.D. o Collega
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Esame feci
28 Mar 10 - francesca, 36 anni (id: 105644)
  Buongiorno, riporto lesito dell esame chimico fisico delle feci appena ritirato: CARATTERE POLTACEO REAZIONE ACIDA FLORA IODOFILA +-- SAPONI ASSENTI GRASSI NEUTRI ASSENTI FIBRE MUSCOLARI INDIGERITE ++- AMIDO INDIGERITO ++- ACIDI GRASSI ASSENTI potreste per cortesia darmi una mano ad interpretare quei simboli + e -? non è allegata alcuna legenda e quindi non si capisce se i valori vadano bene. cosa stanno a rappresentare e ritenete che siano esami nella norma? faccio presente che non mangio carne quindi non capisco come possano essere presenti fibre muscolari. inoltre potrei sapere cosè la flora iodofila e se il valore riportato abbia un significato particolare, essendo in qua... continua >>
ntita limitata? grazie infinite
Gentile Sig.ra Francesca, il medico che ha prescritto l’esame dovrebbe anche spiegarglielo, tuttavia le dico che + significa presenza e - assenza, flora iodofila è flora normalmente presente, strana invece la presenza di fibre muscolari. Per sapere il significato dell’esame occorrono dati clinici. Se vuole può chiamarmi al n.051-307901. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Tempi Colonscopia
28 Mar 10 - agos, 60 anni (id: 105642)
  Egr.Prof. volevo farLe una domanda: a 3 anni e mezo di distanza da una colonscopia totale risultata negativa quante probabilita ci sono di sviluppare un tumore? La mia eslo una domanda perche troppi giornali e troppi medici poco seri mettono in dubbio quelle che sono le cetezze che persone come Lei ci danno. Mi scusi se la disturbo. Grazie
Quando una colonscopia è normale si dovrebbe fare una seconda a 10 anni di ditanza, tanto è il tempo tra la formazione di un polipo e la sua eventuale degenerazione. Ma qualcuno tende ad accorciare un pò i tempi tra i 5 ed i 10 (nell’ipotesi: non si sa mai sia sfuggito qualcosa la prima volta).
Prof. Pier Roberto Dal Monte

EGDS
28 Mar 10 - Amalia, 49 anni (id: 105633)
  Salve, io ho fatto una gastroscopia con biopsia, in attesa della risposta definitiva vorrei sapere cosa vuol dire quello che mi hanno scritto: Ipotonia del cardias. Mucosa gastrica di colorito disomogeneo come per flogosi cronica.
Vuol dire che forse avrà un reflusso di acido e che ha una gastrite.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Terapia MRGE e colon irritabile
28 Mar 10 - marco, 36 anni (id: 105632)
  Gent.Prof., chiedo un consiglio sulla seguente terapia che mi è stata data dal gastrenterologo per la seguente diagnosi riscontrata con esami specifici:verosimile coesistenza di malattia da reflusso GE ernia iatale da scilovamento di colon irritabile, ambedue le patologie si influenzano reciprocamente; Levobren 1 cp I e II settimana del mese; Debritat 1 cp II e IV settimana del mese; Gaviscon 1 bust dopo i pasti e al bisogno; Psyllo plus bust 1 bust la sera dopo i pasti; Flagyl 1 cp x3 al dì i primi giorni del mese; Genefilus 1 bust la II settimana del mese; Pariet 20 1 cp per 2 mesi seguito da 1 cp da 10 per altri 2 mesi. Vorrei sapere un Suo consiglio e tra laltro se tr... continua >>
attasi di farmaci tossici e che potrebbero creare dei problemi. GRAZIE.
Egr. Sig. Marco, fortunatamente non si tratta di farmaci tossici, tuttavia sono necessari controlli clinici periodici. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti


Da 6186 a 6201 di 28780