Logo ricerca con Google


Sei in: Medico on-line > Gastroenterologia

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Gastroenterologia
Referenti
  • Prof. Pier Roberto Dal Monte

  • Già Direttore Dipartimento medico-chirurgico delle Malattie dell’apparato digerente. Ospedale Bellaria-Maggiore. Bologna.

  • Prof. Mauro Bortolotti

  • Professore a Contratto della Specializzazione in Medicina Interna
    Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Bologna
    Policlinico S. Orsola


ultimo aggiornamento 27/11/2014
 
Aree tematiche


Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 26/01/2007
Invia la tua domanda

Domande / Risposte
Gastroscopia
12 Apr 10 - carla, 33 anni (id: 106108)
  gentile dottore. negli ultimi mesi ho distrurbi nella digestione e la gastroscopia con biopsia dice: bulbo duodenale iperemico. beanza cardiale. mucosa duodenale con infiltrato linfoplasmacitario lieve e infiltrato leucocitario inferione al 25 %. cosa significa?
Gentile Sig.ra Carla, l’esame dimostra una lieve duodenite ed una incontinenza cardiale Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti
Prof. Mauro Bortolotti


Probabile dismicrobismo
12 Apr 10 - Vito, 30 anni (id: 106106)
  Egregio Dottore, sono un ragazzo di 29 anni e da circa cinque mesi soffro di uno strano dolore e bruciore intestinale. Ecominciato con un episodio di diarrea durata una settimana e curata con una dieta adeguata e fermenti lattici. Dopo sette giorni dallattenuarsi della diarrea, assunsi un antinfiammatorio (OKI) dopo pranzo, perchè avevo mal di testa, e da quel giorno il mio intestino ha cominciato a farmi male senza tregua. Ho eseguito numerosi esami diagnostici e di laboratorio tra cui le allergie alimentari, celiachia, n.2 ecografie addome completo, clisma opaco con doppio contrasto, tenue frazionato, TAC addome completo con mdc, colangio RMN, gastroscopia, colonscopia e colonscopia con i... continua >>
leoscopia retrogada, tutti risultati negativi, a parte la comparsa di rari microcristalli nella colecisti. Da poco ho fatto il breath test al lattoso e lattulosio, ed oltre allintolleranza al lattosio, hanno riscontrato una contaminazione batterica del tenue. Ho intrapreso la terapia prima con Normix e ora sto assmendo fermenti lattici (Reuflor). Lei pensa che il dolore/bruciore costante dipenda soltando dalla contaminazione batterica? Per escludere il Morbo di Crhon, è sufficiente il Tenue frazionato? Grazie per la Sua cortese attenzione. Cordiali saluti, Vito Dagone.
Probabilmente dipende da Dismicrobismo o disbiosi intestinale , detto anche colon irritabile postinfettivo E’ un’ irritabilità della mucosa del colon a causa di dismicrobismo o disbiosi intestinale, che si crea a seguito del cambiamento parziale della normale flora intestinale con sopravvento o prevalenza di flora patogena che da un’infezione gastrointestinale. Infezione che si può sviluppare in maniera acuta o non immediatamente apparente, a seguito generalmente di ingestione di cibi guasti o scarsa igiene, uso di potenti antiacidi o anche di alcuni antibiotici, con irritabilità che, permanendo i germi che l’hanno creata, poi si mantiene producendo i suoi effetti continuativamente o ciclicamente, specie se si ha l’intestino particolarmente sensibile. Nell’intestino, e soprattutto nel colon o intestino crasso, si produce gas ed anche muco con meteorismo e flatulenza, dolore addominale e diarrea liberatoria o alternanza di stipsi e diarrea. Può essere utile in questi casi sospendere i latticini, prendere dei probiotici (ex fermenti lattici) od uno yogurt ricco di probiotici, ma se i sintomi non migliorano è utile aggiungere un disinfettante/antibiotico per qualche giorno tipo la ciprofloxacina 500 mg 1 cp x 5-6 gg., la tetraciclina o un suo derivato (doxiciclina) od il metronidazolo. Se i disturbi sono molto accentuati sarebbe bene far precedere la terapia da una coprocoltura, ma rararamente si riesce ad identificare il germe che ha creato il problema.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Eradicazione H.P.
12 Apr 10 - Barbara, 40 anni (id: 106101)
  Buongiorno, mi è stato riscontrato l helicobacter pilory e ho fatto la cura prescritta dal medico , ho preso gli antibiotici nella prima fase per una settimana tre al mattino e tre alla sera piu un altro antibiotico per dieci giorni al mattino. Io però non ho trovato giovamento e cioè i miei dolori di pancia , di stomaco , il dolore alla lingua e il gusto amaro che spesso sento in bocca.. la dissenteria... insomma questi sintomi che ho da diversi mesi e che venivano "incolpati" di tutti i miei "malesseri" non se ne sono andati , unico miglioramento che ho notato è che nel pomeriggio non ho quasi più le mie crisi di sonno.. secondo lei è il caso di fare altri accertamenti ? Se sì quali mi con... continua >>
siglia ? La ringrazio e porgo distinti saluti. Barbara
Mi sembra che abbia fatto una cura piuttosto forte per eradicare l’helicobacter che comunque da anche i problemi che mi cita. Forse è bene che ricontrolli se lo ha eliminato e forse mangi un pò meno visto che è obesa con IMC di 34*. Veda di seguire i consigli dietetici che le allego e di controllare la glicemia. *Indice di Massa Corporea - IMC o Indice di Quetelet (in inglese BMI, Body Mass Index) si misura dividendo il peso corporeo (in kg) per il quadrato della statura (in metri). I valori soglia di IMC consigliati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità per definire la condizione di sottopeso, normopeso, sovrappeso e obesità dell’adulto sono stati recentemente unificati per uomini e donne: IMC inferiore a 18,5 = sottopeso IMC compreso tra 18,5 e 24,9 = normopeso IMC compreso tra 25 e 29,9 = sovrappeso IMC maggiore di 30 = obeso
Trattamento_della_dispepsia_(3)_.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Ritardo nella risposta
12 Apr 10 - Maria, 55 anni (id: 106100)
  Egregio professore, Le ho scritto il 3 aprile (ID 105842)ma a tutt’oggi non ho ancora ricevuto risposta. Forse la mia domanda non era pertinente?
La diversa successione temporale delle risposte può dipendere dalla precedenza che si da alle richieste valutate come urgenti, dalla complessità delle domande....e riposte, dalla presenza o meno nei nostri archivi di allegati e/o F.A.Q. pertinenti alla domanda. Anche la pazienza è una virtù.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Gastroscopia
12 Apr 10 - alfio, 52 anni (id: 106099)
  egregio Dott. Dal Monte, avendo la malattia di esofago di barret, ogni quanto devo fare la gastroscopia, ed essendo un soggetto ansioso,se posso farla presso qualche struttura pubblica in sedazione profonda. Grazie
Ritengo che in tutti gli Ospedali dove fanno endoscopie sia possibile fare la sedazione profonda basta chiederla.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

RCU
12 Apr 10 - maria, 56 anni (id: 106097)
  soffro di colite ulcerosa da 10 anni, prendo supposte di asacol,ora la situazione si è aggravata,cosa posso prendere perchè non riesco a evacuare le feci.l’intestino non ha più motilità e ho sempre gonfiore allo stomaco.mi potrebbe aiutare?grazie maria
Non mi dice in che maniera si è aggravata comunque non nellla forma più grave quella diarroica. Provi a seguire i consigli che le allego e può prendere un lassativo a base di senna.
le_malattie_infiammatorie_intestinali_(3).DOC
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Stipsi
11 Apr 10 - Guglielmo, 58 anni (id: 106088)
  ho difficcoltà nell evacquazione completa dell intestino creando un fastidioso gonfiore addominale con relativi rumori. Mi reco al bagno più volte durante la giornata.Penso di avere delle emorroidi interne che mi ostacolino nell evacquazione delle feci. cosa posso fare per risolvere il preoblema ? Nel ringraziarla attendo sua gentile risposta e porgo distinti saluti
le emorroidi di per sè non ostacolano l’espulsioni delle feci a meno che non vi sia tromboflebite che rende l’evacuazione dolorosa. E’ piuttosto viceversa la stipsi provoca emorroidi. Consiglio pertanto di seguire i consigli che le allego prendendeo al bisogno un blando lassativo come l’Agiolax.
la_stitichezza2.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Pancreatite?
11 Apr 10 - meg, 36 anni (id: 106086)
  dott buon giorno gentilmente le volevo chiedere se mi può consigliare cosa posso mangiare perche ieri mi hanno scoperto di avere lo screzio pancreatico.sono spaventata dott mi aiuta.grazie mille.
Lo screzio pancreatico non vuol dire nulla di specifico, forse è bene saperne di più ad esempio come sono le amilasi o l’ecografia.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

MRGE
11 Apr 10 - francesco, 25 anni (id: 106083)
  sono un ragazzo di 25 anni e soffro di reflusso da 3 anni.adesso sono in cura con lucen 40 1 al giorno ne o presi anche 2 al giorno senza miglioramenti sempre con acido in gola e bocca secca e amara soprattutto di notte.ho fatto una gastroscopia dove evidenzia un incontinenza cardiale e gastrite da helicobacter ma una volta eliminato il batterio passa la gastrite.o rischio di sviluppare un barrett e poi un tumore. cosa mi consiglia per lintervento di fundoplicatio a buoni risultati.se riesce quanto tempo dura.dove mi consiglia di farlo grazie
Segua i consigli che le allego e non si preoccupi molto inutilmente su cose rare e molto al di la da venire, segua i consigli che le allego.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Stipsi.
11 Apr 10 - Giordano, 33 anni (id: 106072)
  Buongiorno Dottore, Vorrei farle una domanda per mio marito. Lui assume antidepressivi dei quali non può fare a meno, nello specifico da due anni a questa parte prende l’Anafranil 75mg e la Sertralina Hexal 100mg. Per fortuna grazie ad essi ora riesce ad avere una vita normale e ad uscire di casa ma soffre di una grande stipsi. Può essere causata dall’ assunzione di questi medicinali e cosa potrebbe prendere per combatterla? Grazie anticipatamente per le informazioni. Loredana.
Egr. Sig. Giordano, il primo farmaco può provocare o aggravare una stipsi e per curarla può assumere in primo luogo fibre, acqua, e lassativi salini. Se non migliora è necessario valutare meglio il caso. Se vuole può ricontattarmi successivamente. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Dieta e Barrett.
11 Apr 10 - andrea, 48 anni (id: 106070)
  che verdure posso mangiare con l esofago di barrett che carne come cucinarla prosciutto crudo o cotto si possono mangiare caffe di orzo si puo i pomodori si puo i dolci si possono mangiare cioccolato si puo vino si puo bere le uova si possono mangiare i formaggi e quali insomma ho bisogno di informazioni precise perche il mio dottore mi ha dato notizie sommarie se poteste gentilmente scrivermi una lista di tutte le bevande e gli alimenti che si possono assumere con questa malattia buongiorno e grazie
Egr. Sig. Andrea, le allego una dieta, ma la cosa principale è una adeguata terapia con IPP a dosi più elevate che di norma. Occorre sapere anche il tipo di Barrett. Se vuole può chiamarmi al n. 051-307901. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Dieta CUP 2000.doc
Prof. Mauro Bortolotti

RCU e mesalazina
11 Apr 10 - luisa, 53 anni (id: 106069)
  ho una lieve rcu e assumo mesavancol.desidero sapere se assumere farmaci di copertura allo stomaco, come omoprazolo, visto che le compresse sono gastroresistenti.il mio medico dice che non occorre.inoltre ho sempre la bocca amara, cosa vuol dire?
Gli antiacidi non occorrono e comunque non migliorerebbero la bocca amara.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Dolore da tosse
10 Apr 10 - massimo, 33 anni (id: 106066)
  Gentile dottore, vorrei un informazione, qualche giorno fa precisamente una sett. feci un colpo di tosse molto forte e ho sentito un dolore fotisimo al fianco destro, piu precisamente dove è solito di che prende il mal di reni... questo dolore da quel giorno mi accompagna con fitte acute anche in piccoli colpi di tosse e starniti o movimeti.. sicuramente mi farò vedere da un mio medico, però vorrei un suo parere su cosa potrebbe essere... è la prima volta non ho mai avuto dolori di questo genere in nessun caso...La rigrazio anticipatamente,sper fortemente in una risposta. Distinti saluti.Massimo
Egr. Sig. Massimo, senza una visita è impossibile fare una diagnosi. Potrebbe essere uno strappo muscolare o altro. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Colelitiasi
10 Apr 10 - alessia, 31 anni (id: 106063)
  Egregio Dottore,ho eseguito una TAC addome senza/con mdc,dalla quale è emersa una microcisti biliare subcentimetrica al lobo epatico destro di aspetto non evolutivo. Vorrei chiederLe se può essere causa di aumento di peso e nausea,soprattutto in mattinata (non sono incinta)e stanchezza La ringrazio anticipatamente,cordiali saluti
Non mi sembra che abbia problemi di peso che anzi la colelitiasi può essere stata causata da periodi di digiuno come vedrà dall’allegato. La nausa potrebbe dipendere da essa ma non si può escludere un’eventuale gastrite associata.
La_calcolosi_biliare.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Il ritorno dell’HP
10 Apr 10 - vincenzo, 46 anni (id: 106062)
  ho curato lelicobater, devo in seguito rifare gli esami eventualmente prendo di nuovo il virus e eventualmente ogni quando tempo.Distinti saluti
Egr. Sig. Vincenzo, controlli l’eradicazione dell’HP con un esame delle feci e poi stia tranquillo, poichè difficilmente ritorna con le normali norme igieniche. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti


Da 6186 a 6201 di 28856