Sei in: Medico on-line > Gastroenterologia

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Gastroenterologia
Referenti
  • Prof. Pier Roberto Dal Monte

  • Già Direttore Dipartimento medico-chirurgico delle Malattie dell’apparato digerente. Ospedale Bellaria-Maggiore. Bologna.

  • Prof. Mauro Bortolotti

  • Professore a Contratto della Specializzazione in Medicina Interna
    Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Bologna
    Policlinico S. Orsola


ultimo aggiornamento 22/02/2013
 
Aree tematiche


Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 26/01/2007
Invia la tua domanda

Domande / Risposte
Aumento enzimi pancreatici
13 Gen 10 - giuseppe, 67 anni (id: 103071)
  Gentile Professore, in seguito ad analisi di routine mi è stato riscontrato un aumento degli enzimi amilasi e lipasi. non ho sintomi particolari ed ho effettuato uneco al pancreas e al fegato risultata negativa. Quale allora potrebbe essere la causa?è necessario fare altri esami?(soprattutto vorrei sapere se lecografia è un esame sufficiente per diagnosticare eventuali formazioni?). Soffro di esofagite dovuta ad acalasia esofagea (lesofago è stato dilatato anni fa). Grazie P.s. La gastroenterologia qui a Roma dellospedale san camillo che spesso nominate, è specializzata anche per il pancreas?
La gastroeneterologia di norma dovrebbe interessarsi di tutto l’apparato digerente,. Comunque per sua tranquillità faccia una TAC addominale, anche se in genere se gli enzimi pancreatici aumentano dopo coliche anche biliari o pancreatiti in maniera piuttosto evidente.
Prof. Pier Roberto Dal Monte


Buscopan
13 Gen 10 - Fabio, 23 anni (id: 103069)
  Salve Prof Bortolotti. Sono Fabio della domanda precedente: devo sostenere l’esame di routine all’AVIS per poter ricevere l’idoneità a donare il sangue. Grazie mille! p.s. le riscrivo il mio quesito precedente: Sto assumendo, come terapia per lintestino irritabile, Spasmomen 40 mg. (3 compresse al giorno). Ora, venerdì dovrei fare un esame del sangue. E meglio che sospenda il farmaco o non serve? e se sì, quanti giorni prima? grazie e a presto!
Egr. Sig. Fabio, lo sospenda il giorno prima. L’uso continuativo di antispastici per il colon irritabile non è consigliabile. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Probabile dismicrobismo
13 Gen 10 - Daniele, 59 anni (id: 103065)
  Gent.mo Prof.da circa due mesi lamento problemi intestinali,tutto è iniziato con una banale diarrea risoltasi in un paio di giorni;non tutto è però tornato normale e nonostante la mia regolarità mattutina continuo ad avere feci poco formate e spesso la necessità di tornare in bagno con emissioni di feci scarse e pressochè diarroiche.Si aggiungono continui movimenti intestinali e cd borborigmi che soprattutto la notte impediscono il sonno.Nel settembre del 2008 ho eseguito dopo 5 anni laseconda colonscopia di controllo che eseguita fino alla regione appendicolare ribadiva per lintero colon sinistro la presemza di divericoli senza evidenza di flogosi ma con periviscerite e rigidità,il resto tu... continua >>
tto normale.Ho interpellato un medico internista che visitatomi ha parlato di colon irritabile,il gastroenterologo che (senza visitarmi) rileggendo i suoi referti ha tentato di tranquillizzarmi , escludendo comunque la ripetizione a breve di una colonscopia , ho eseguito una ecografia addominale con esito completamnente nella norma , inoltre ilmio medico di base (che peraltro conosce bene ilmio carattere ansioso)parla di uninfezione o infiammazione intestinale che da due giorni sta trattando con bactrim (il mio medico è stato assente per un periodo)Attendo fiduciosamente un suo parere e consiglio Ringrazio anticipatamente
Verosimilmente ha ragione il suo ultimo medico di base, su un probabile dismicrobismo come mi legge di seguito>>> Dismicrobismo o disbiosi intestinale , detto anche colon irritabile postinfettivo E’ un’ irritabilità della mucosa del colon a causa di dismicrobismo o disbiosi intestinale, che si crea a seguito del cambiamento parziale della normale flora intestinale con sopravvento o prevalenza di flora patogena che da un’infezione gastrointestinale. Infezione che si può sviluppare in maniera acuta o non immediatamente apparente, a seguito generalmente di ingestione di cibi guasti o scarsa igiene, uso di potenti antiacidi o anche di alcuni antibiotici, con irritabilità che, permanendo i germi che l’hanno creata, poi si mantiene producendo i suoi effetti continuativamente o ciclicamente, specie se si ha l’intestino particolarmente sensibile. Nell’intestino, e soprattutto nel colon o intestino crasso, si produce gas ed anche muco con meteorismo e flatulenza, dolore addominale e diarrea liberatoria o alternanza di stipsi e diarrea. Può essere utile in questi casi sospendere i latticini, prendere dei probiotici (ex fermenti lattici) od uno yogurt ricco di probiotici, ma se i sintomi non migliorano è utile aggiungere un disinfettante/antibiotico per qualche giorno tipo la neomicina/bacitracina (bimixin), la ciprofloxacina 500 mg 1 cp x 5-6 gg., la tetraciclina o un suo derivato (doxiciclina) od il metronidazolo (ho anche il Bactrim). Se i disturbi sono molto accentuati sarebbe bene far precedere la terapia da una coprocoltura, ma rararamente si riesce ad identificare il germe che ha creato il problema.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Plastica
13 Gen 10 - giulia, 20 anni (id: 103059)
  salve dottore,le volevo chiedere se mi può capitare niente dato che per sbaglio mentre frullavo degli aranci mi ci è finito dentro un pezzo di plastica(1cm) del frullino e penso si sia frullato insieme agli aranci(si è mezzo fuso anche) , poi ho bevuto il frullato e ho sentito un sapore di plastica che poi andando a vedere ho capito provenire dal frullino.Ora la mia domanda è questa:mi succederà qualcosa per questa plastica che ho ingoiato frullata?mi darà problemi gastrointestinali tipo nausea ,difficoltà digestive oppure farà il suo corso e non me ne accorgerò neanche?la ringrazio molto.cordiali saluti.
Non succede nulla e le sue sensazioni sono del tutto non colegate all’incidente.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

MRGE recidivante
13 Gen 10 - simone, 26 anni (id: 103058)
  GENTILI professori, ho sostenuto una gastroscopiacon relative biopsie,dalla quale non è emersa la presenza dell Helicobacter Pilori, ma solo esofagite da reflusso e gastrite. Ho fatto la cura con Pantopan 40mg per un mese, ma dopo una settimana il bruciore di stomaco si è fatto risentire. Ora ho ripreso la cura per un altro mese. Per quanto tempo consiglia di seguire la cura? ci sono altri rimedi e cosa mi consiglia di fare? Grazie mille
Egr. Sig. Simone, l’orientamento attuale è quello di una terapia di mantenimento con la dose minima sufficente a prevenire i sintomi, dopo 12 mesi l’USL richiede una conferma clinica per potere continuare gratuitamente la cura(nota 48). Controlli annuali. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Diarrea
12 Gen 10 - Giada, 24 anni (id: 103042)
  salve, le espongo il mio problema: da anni soffro di scariche liquide(o"schiumose")..prima pensavo fosse dal freddo, poi d estate dal troppo caldo..ora mi succede dopo mangiato,se mangio troppo o in fretta(penso io..)mangio, dopo 5minuti mi "lievita" la pancia e poi devo correre al bagno...una volta scaricato sono apposto, a parte ovviamente che sono a terra.. questo mi succede spesso, a volte anche tutte le sere(o giorno o mattina), a volte invece per anche una settimana niente..il mio medico mi ha fatto fare le analisi per la celiachia ma e tutto ok..poi (nonostante vada spesso a porgli il problema) nn mi ha fatto eseguire nessun altra analisi...secondo lei cosa potrebbe essere?sono un po ... continua >>
giu perche devo sempre stare attenta quando esco ad avere un bagno nei paraggi! la ringrazio
Come prima considerazione, mi pare che in fondo è una diarrea singolare poichè non mi pare non le crei malassorbimento essendo Lei obesa con IMC di 33>>Indice di Massa Corporea - IMC o Indice di Quetelet (in inglese BMI, Body Mass Index) si misura dividendo il peso corporeo (in kg) per il quadrato della statura (in metri). I valori soglia di IMC consigliati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità per definire la condizione di sottopeso, normopeso, sovrappeso e obesità dell’adulto sono stati recentemente unificati per uomini e donne: IMC inferiore a 18,5 = sottopeso IMC compreso tra 18,5 e 24,9 = normopeso IMC compreso tra 25 e 29,9 = sovrappeso IMC maggiore di 30 = obeso. Come prima cosa farei un’ecografia per valutare la cistifellea e poi oltre a mangiar meno provi in particolare a diminuire i cibi ricchi di lattosio come vedrà nell’allegato. Non escluderei peraltro un banale colon irritabile. Infine faccia un esame delle feci per ricerca parassiti tipo lamblia.
Intolleranza_al_lattosio[1].DOC
Colon_irritabile_(4).doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Stipsi
12 Gen 10 - Giuseppe, 66 anni (id: 103035)
  da una colonscopia e successivamente da Rx doppio contrastato, che non ha rilevato alcun tipo di lesione, mi è stato diagnosticato un DOLIGOSIGMA. Che tipo di dieta seguire per poter evacuare con una certa regolarità? In casi ostinati a quale tipo di lassativo ricorrere? Ringrazio e porgo distinti saluti
Si veda l’allegato.
la_stitichezza2.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Dolori gastrici
12 Gen 10 - riky fabio, 38 anni (id: 103030)
 
Egr. Sig. Riky Fabio, le consiglio una gastroscopia. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

MRGE resistente
12 Gen 10 - Anna, 51 anni (id: 103028)
  Gentile Professsore, sono in cura da quattro anni per reflusso esofageo con buoni risultati prima con esoprazolo e quindi con omoprazolo. Ultimamante lamento una fastidiosa bolla di catarro che mi sale e scende lungo la gola. Lotorino, dopo una fibroscopia, mi ha detto che si tratta ancora di problema lgato al reflusso. I cicli di terapia che sto facendo sono di tre mesi con iniziale dose 40+40 e quindi 20+20 a cui associo Gaviscon. Ritiene che io debba fare una gastroscopia? Grazie e buon lavoro.
Gentile Sig.ra Anna, prima occorre verificare se la terapia e la dieta sono state corrette, poi occorre fare una pH-metria esofagea e gastrica sotto trattamento per vedere se vi è risposta agli IPP ed eventualmente una bilimetria per vedere se vi è anche reflusso biliare (vedi anche area tematica relativa per maggiori informazioni). In caso di scarsa risposta agli IPP o presenza di reflusso biliare va considerato l’intervento di plastica antireflusso. Tenga però presente che non esiste un intervento che ripristini la funzione normale del cardias, ma solo plastiche antireflusso che restringono il passaggio cardiale per impedire il reflusso. Purtroppo non sempre funzionano, specialmente se non sono eseguite in un centro specializzato, non hanno una durata molto lunga (solo alcuni anni) e comportano vari effetti collaterali, come la difficoltà alla deglutizione in un terzo dei casi, l’aerogastria bloccata, la difficoltà a eruttare e vomitare, ecc., per cui vanno eseguite solo se la terapia medica con IPP a dosi adeguate non funziona. Inoltre in uno studio internazionale su migliaia di pazienti operati si è visto che dopo 10 anni più del 60% aveva dovuto ricominciare ad assumere gli IPP. L’esito dell’intervento dipende molto dalla capacità dell’operatore ed è buona norma rivolgersi a centri dove fanno molti di questi interventi. Purtroppo ho visto molti pazienti nei quali l’indicazione all’intervento non era stata sufficentemente motivata sulla base degli esami sopra esposti che poi successivamente hanno avuto problemi. Sono pertanto disponibile per rivalutare il suo caso se mi contatta al n. 051-307901. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Peso
12 Gen 10 - francesca, 41 anni (id: 103027)
  Buon giorno prof.Dal Monte!!!il mio problema persiste sempre nel gonfiarmi e ingassare per quanto faccio una dieta ...es. mangio della carne bianca opp pesce e finocchi,il mio adome e la mia pancia assomiglia a una donna in gravidanza di almeno 6 mesi,per giunta ho forti mal di petto come se mi venisse un infarto da un momento al altro .HO fatto un ecografia addome completto :------------Diffuso meteorismo intestinale per veriosimile colite : IL Fegato pare bene cosi le colicisti ,coledoco,milza,reni, vescica ,..Mentre il pancreas mi dice nei limiti della norma per volume con ecostruttura lievemente disomogenea.NN sono presenti ectasie a carico del wirsung,ne lesionimassa.Mi puo aiutare d... continua >>
el perche nn mangiando ne pane ne grassi ne pasta uno ingrassa invece di dimagrire? che posso fare? per ora la ringrazio .fracesca
Intanto non è grassa essendo normo peso IMC 22>>>Indice di Massa Corporea - IMC o Indice di Quetelet (in inglese BMI, Body Mass Index) si misura dividendo il peso corporeo (in kg) per il quadrato della statura (in metri). I valori soglia di IMC consigliati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità per definire la condizione di sottopeso, normopeso, sovrappeso e obesità dell’adulto sono stati recentemente unificati per uomini e donne: IMC inferiore a 18,5 = sottopeso IMC compreso tra 18,5 e 24,9 = normopeso IMC compreso tra 25 e 29,9 = sovrappeso IMC maggiore di 30 = obeso. Forse ha qualche intolleranza: faccia la ricerca per l’intolleranza al glutine ed al lattosio.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

MRGE operata
12 Gen 10 - Diego, 26 anni (id: 103025)
  Buongiorno, sono stato operato di plastica antireflusso sec. Nissen e iatoplastica sec. Allison il 27 novembre 2009. Adesso è passato quasi un mese e mezzo. Vorrei sapere se posso tornare a fare attività fisica e ad alzare pesi Grazie
Egr. Sig. Diego, sconsiglio le flessioni ed il sollevamento pesi. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Reflusso
12 Gen 10 - salvo, 50 anni (id: 103020)
  Gentile Dottore, può un farmaco come il Sequacor 1.25 provocare sintomi da reflusso gastroesofageo? Purtroppo, in concomitanza alle prime assunzioni del farmaco ho iniziato ad avvertire i classici fenomeni da reflusso: dolore alla bocca dello stomaco, leggera disfonia, lieve acidità, bruciori, sensazione di peso, aerofagia. La stessa cosa mi accadeva quando prendevo il seles beta. Comunque è da dire che ho sempre un pò sofferto con lo stomaco. Per il passato ho provato diverse terapie anche con IPP ma non sono servite a nulla. Allimprovviso scompare e riappare in particolari periodi (Natale in particolare forse per gli abusi alimentari...). Ora sto in terapia col Gaviscon e devo iniziare anc... continua >>
he il Gastrotuss. Ritiene sia una terapia corretta (diverse gastroscopie e phmetrie hanno solo rilevato gastriti di lievi entità dovute a disordini alimentari). Grazie La saluto con stima.
Non mi risulta che i betablocanti possano dare reflusso ma non si può sempre generalizzare, poichè esiste anche una risposta personale ai farmaci. Provi a cambiare chiedendo al suo cardiologo
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Terapia MRGE
12 Gen 10 - salvo, 50 anni (id: 103019)
  Gentile Dottore, può un farmaco come il Sequacor 1.25 provocare sintomi da reflusso gastroesofageo? Purtroppo, in concomitanza alle prime assunzioni del farmaco ho iniziato ad avvertire i classici fenomeni da reflusso: dolore alla bocca dello stomaco, leggera disfonia, lieve acidità, bruciori, sensazione di peso, aerofagia. La stessa cosa mi accadeva quando prendevo il seles beta. Comunque è da dire che ho sempre un pò sofferto con lo stomaco. Per il passato ho provato diverse terapie anche con IPP ma non sono servite a nulla. Allimprovviso scompare e riappare in particolari periodi (Natale in particolare forse per gli abusi alimentari...). Ora sto in terapia col Gaviscon e devo iniziare anc... continua >>
he il Gastrotuss. Ritiene sia una terapia corretta (diverse gastroscopie e phmetrie hanno solo rilevato gastriti di lievi entità dovute a disordini alimentari). Grazie La saluto con stima.
Egr. Sig. Salvo, si tratta di malattia da reflusso che va curata con IPP e dieta che allego per evitare gli effetti dei vari farmaci. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Dieta CUP 2000.doc
Prof. Mauro Bortolotti

Emorroidectomia
12 Gen 10 - angelo, 53 anni (id: 103017)
  sono stato operato di emorroidi e prolasso della mucosa con metodo longo e dopo 5 giorni ho dolore con tenesmo . Evacuo solo piccolissime quantità di feci maleodoranti(sangue coagulato?).Come mai ho dolore,tenesmo e nonostante mi alimenti regolarmente con fibre etc.non riesco ancora ad evacuare e star bene?sono anora a rischio di altre più gravi complicanze? Grazie.
In realtà ci vuole un pò più di tempo per sistemarsi completamente. e ora è una complicazione che momentanea.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Carbone e pillola
12 Gen 10 - marina, 27 anni (id: 103011)
  MALASSORBIMENTO PILLOLA ANTICONCEZIONALE. Carbone vegetale (2 capsule da 25mg luna) assunto dopo cena ore 19.00; Rapporto sessuale ore 02.00 Assunzione pillola Arianna ore 04.00 giorno successivo ancora assunzione carbone (dopo pranzo e dopo cena).e pillola (ore 22.30). Chiedo gentilmente se può esserci stato un mal assorbimento dellanticoncezionale. saluto e ringrazio anticipatamente
Non risulta che il carbone vegetale adsorba le sostanze chimiche della pillola se non presi insieme.
Prof. Pier Roberto Dal Monte


Da 6186 a 6201 di 28218