Sei in: Medico on-line > Gastroenterologia

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Gastroenterologia
Referenti
  • Prof. Pier Roberto Dal Monte

  • Già Direttore Dipartimento medico-chirurgico delle Malattie dell’apparato digerente. Ospedale Bellaria-Maggiore. Bologna.

  • Prof. Mauro Bortolotti

  • Professore a Contratto della Specializzazione in Medicina Interna
    Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Bologna
    Policlinico S. Orsola


ultimo aggiornamento 27/11/2014
 
Aree tematiche


Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 26/01/2007
Invia la tua domanda

Domande / Risposte
Dieta per MRGE
12 Feb 10 - rosita, 34 anni (id: 104126)
  gentile dottore grazie ancora di aver risposto ,e di aver allegato nuovamente la dita. per quanto tempo pensa che dovro farla? cordiali saluti e grazie ancora
Gentile Sig.ra Rosita, deve fare la dieta per sempre. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti


Sospetto reflusso biliare
12 Feb 10 - patrizia, 32 anni (id: 104123)
  Buongiorno Professore,ho 32 anni e da un po di tempo soffro di mal di stomaco,affettuata la gastroscopia e risultata una gastropatia iperemica diffusa reflusso biliare duodenogastrico... vorrei gentilmente sapere da cosa e dovuta e che cura dovrei fare....mi hanno anche detto che potrei avere i calcoli,e possibile alla mia eta? Grazie x la disponibilita,distinti saluti
Potrebbe trattarsi di una gastrite da reflusso biliare dal duodeno allo stomaco le cui cause non sono state ancora ben chiarite, naturalmente la situazione dipende da un movimento antiperistaltico del duodeno: la bile invece di essere spinta verso intestino, dove adempie alla sua azione, passa parzialmente anche nello stomaco, dove a causa dei sali biliari produce irritazione della mucosa ed i disturbi conseguenti. Talvolta refluisce anche in esofago. Si riscontra spesso dopo intervento alle vie biliari ma anche indipendentemente. La terapia non è ben codificata e si basa sull’uso di antiacidi a base di sali di aluminio come l’aluminio ossido idrato od il magaldrato che bloccano in parte i sali biliari o farmaci gastroenetreocinetici che dovrebbero normalizzare la peristalsi.Anche il cibo la blocca ovviamente seguendo il principo del poco e spesso. Con saluti
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Ringraziamento
12 Feb 10 - Giuseppe, 54 anni (id: 104121)
  Egregio Dottore, con la presente volevo solo ringraziarla infinitamente per la risposta datami in merito al mio caso e la gentilezza usatami. Cordiali saluti Giuseppe (id: 103842)
Grazie a lei ed auguri. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Sindrome di Habba
12 Feb 10 - giuseppe, 21 anni (id: 104115)
  proff.la colonoscopia con biopsia,lo fatta e da la, che mi anno diagnosticata la rettocoliteurcerosa lieve.insieme alle analisi delle feci ,solo quelle del sangue con contrasto non ho fatto ma che non faro perche come le ho detto insieme a queste analisi ne ho fatto tante altre.e non sanno cosa sia comunque ho portato la sua diagnosi dellea sindrome di abba alla mia dott.insieme alle medicine e sono due giorni che la dott. mi sta facendo provare questa cura per vedere se ce qualche miglioramento nel frattempo sto sospendedo quella della rettocolite in caso di miglioramento vedra cosa fare per curare entrambi.
Egr. Sig. Giuseppe, non sospenda la cura della rettocolite ulcerosa. Mi trascriva la risposta della endoscopia. Per la sindrome di Habba, prima di fare la cura occorre fare la diagnosi con gli esami. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Steatosi e diabete mellito
12 Feb 10 - Graziella, 56 anni (id: 104094)
  Ghiedo gentilmente se la presenza di steatosi epatica possa influire sul diabete mellito 2; e come si può curare questa steatosi, con quali farmaci oltre che con la dieta. Grazie anticipatamente
Non la statosi che influisce sul diabete ma è l’insime dell’obesità di cui è affetta che è nociva sia per il fegato che per il controllo del diabete.Lei ha un indice di massa corporea di 30>>>>>Indice di Massa Corporea - IMC o Indice di Quetelet (in inglese BMI, Body Mass Index) si misura dividendo il peso corporeo (in kg) per il quadrato della statura (in metri). I valori soglia di IMC consigliati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità per definire la condizione di sottopeso, normopeso, sovrappeso e obesità dell’adulto sono stati recentemente unificati per uomini e donne: IMC inferiore a 18,5 = sottopeso IMC compreso tra 18,5 e 24,9 = normopeso IMC compreso tra 25 e 29,9 = sovrappeso IMC maggiore di 30 = obeso
La_steatosi_e_dislipemia_(2).doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Dieta
12 Feb 10 - leonardo, 63 anni (id: 104093)
  Grazie per la risposta, ma non ho trovato l’allegato con la dieta consigliata, di cui mi parla.
Ecco la dieta Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Dieta CUP 2000.doc
Prof. Mauro Bortolotti

M di Crohn
11 Feb 10 - andrea, 34 anni (id: 104089)
  salve dottore,ho il morbo di crohn e prendo 3 cps al dì di rafton e lunico risultato positivo è che ho messo su un pò di peso che avevo precedentemente perso per via della malattia! non credo che questo farmaco faccia al caso mio,infatti,dopo 1 mese e 2 settimane di cura ho ancora diarrea,mal di pancia e chi più ne ha più ne metta!! la cosa strana è che il mio gastro,dopo avermi fatto una eco alle anse intestinali,ha detto che linfiammazione è migliorata consigliandomi di continuare la cura!! insomma...mi fa piacere che alla vista la malattia stia regredendo,ma vorrei cominciare a stare bene io!! cosa ne pensa dottore?
Il M di Crohn dovrebbe forse curarlo con un cortisonico forse più potente di quello che le hanno somministrato che pure può essere valido. ad esempio potrebbe prendere del metilpredinosolone o prednisolone ( il deltacorte 25 mg) per qualche settimana, insieme ad un antibiotico intestinale quale il metronidazolo 1 g. Si veda anche per la cura in generale l’allegato.
le_malattie_infiammatorie_intestinali_(3).DOC
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Ritardo risposta.
11 Feb 10 - giuseppe, 45 anni (id: 104088)
  gentilissimo prof avevo mandato un e-mail con id 103786 senza avere risposta in attesa di risposta distinti saluti
La diversa successione temporale delle risposte può dipendere dalla precedenza che si da alle richieste valutate come urgenti, dalla complessità delle domande....e riposte, dalla presenza o meno nei nostri archivi di allegati e/o F.A.Q. pertinenti alla domanda.Ed infine dal tempo a disposizione.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Bruciori e meteorismo
11 Feb 10 - antonella, 45 anni (id: 104087)
  Buonasera Dott.Bortolotti da parecchio tempo soffro di bruciore allo stomaco e meteorismo continuo allo stomaco,questo meteorismo mi da problemi di gonfiore e dolore all adddome ho fatto l ecografia - gli esami del sangue - tutto bene cosa può essere? grazie
Gentile Sig.ra Antonella, i dati forniti sono insufficenti per una diagnosi ed una adeguata terapia, per le quali è necessario effettuare altri accertamenti. Se vuole può contattarmi successivamente. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti
Prof. Mauro Bortolotti

Dolore ipocondrio-fianco di dx
11 Feb 10 - walter, 47 anni (id: 104081)
  Sono a richiedervi cosa pensate a cosa può essere dovuta una tumefazione (gonfio) sotto le costole lato dex e fianco con piccoli fastidi tipo bucature/prurito. La storia inizia in estate con unattacco di colite (della quale soffro) alla pancia sotto lo stomaco , poi passata ma con un dolore residuo presso la zona del colon ascendente . Nelle vacanze di natale mi sono presi due attacchi dolorosi tipo appendicite in basso a dex vicino al bacino. Mi hanno fatto rx addome in diretta trovando ristagno di feci nel colon dex. e colo pieno di aria. Poi ho fatto una ecografia di tutto laddome senza nessun risultato. Dopo mi hanno fatto il clisma opaco ed anche questo tutto OK . Dopo ho fatto la... continua >>
colonscopia ed è tutto OK. La prossima settimana dovrò fare rx transito del tenue. Sono un pò frastornato . Cosa ne pensate? Grazie
Per il dolore ipocondrio dx: sede del fegato/vie biliari/organi confinanti(colon dx flessura epatica) bisogna fare le seguenti considerazioni:premesso che il fegato non fa male eccetto in particolari circostanze (neoplasie, brusco ingrandimento ed infiammazione), ed escludendo un dolore a partenza delle vie biliari per calcoli alla colecisti essendo l’ecografia addome superiore negativa, potrebbe dipendere da colon irritabile, specie se ha disturbi intestinali, poiché a dx vi è anche una flessura (o ripiegatura/angolazione ) del colon (talvolta, per irritazione, dolente da destra verso il centro > colon trasverso) e infine, tralasciando un organo interno,più spesso, si tratta di una irritazione dei nervi o radicolite a partenza della colonna dorso-lombare che si distribuiscono, dal di dietro in avanti in quella sede: qualora abbia qualche processo infimmatorio/artrosico o una scoliosi o anche una infiammazione/contrazione dei muscoli o fibromiosite, poichè anche questo può provocare il dolore anteriore all’addome dx superficialmente(detto dolore radicolitico/radici nervose).Faccia anche una RXgrafia della colonna o chieda una visita specifica al suo medico od a un ortopedico.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Terapia MRGE
11 Feb 10 - Enrico, 34 anni (id: 104074)
  Seguito alla domanda con ID 103317 . Buongiorno dottore, a seguito dei suoi consigli mi sono recato dal medico che mi ha prescritto una cura con PANTOPAN 20mg, una compressa al giorno. devo dire che da quando ho cominciato la cura, affiancata dalla sua dieta, le cose sono migliorate molto anche se dopo alcuni giorni dallinizio della stessa si sono presentati alcuni effetti : stitichezza ed un forte e continuo bruciore alle labbra con la comparsa di alcune visciche, il che mi preoccupa un pochino. Dipende dal farmaco che stò prendendo?? volevo chiederle, anche, se la cura che sto facendo va ripetuta costantemente in un futuro??
Egr. Sig. Enrico, porebbe essere un’intolleranza al farmaco. Provi a sostituirlo con il rabeprazolo 20 mg. La terapia deve essere cronica, pena la ricomparsa dei disturbi. Eradicare l’Helicobacter se presente. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Disturbi gastrointestinali
11 Feb 10 - Sara, 25 anni (id: 104069)
  Gentilissimo Dottore, sono intollerante al lattosio, diagnosi confermata da breath test. Spesso i miei parenti non rispettano la dieta che mi è stata prescritta (perchè non credono alla diagnosi, la ritengono una stupidata) e finisco con lo stare male. Il tutto inizia con nausea, pressione bassa, conati di vomito e si tramuta in tremendi bruciori di stomaco che fanno male anche solo a deglutire, per non parlare dei gas tossici che escono quando faccio i numerosi "ruttini". Spesso mi sento la pancia gonfia per anche due giorni, con bruciori di stomaco e quando cerco di mangiare qualcosa, mi viene mal di pancia e vomito subito dopo. Cosa posso fare per poter ridurre questi sintomi molto fastid... continua >>
iosi? Non prendo farmaci e aspetto che mi passi, ma non riuscire a toccare cibo per due giorni (pena il vomitare) è un bel problema. La ringrazio anticipatamente per i suoi consigli.
Gentile Sig.na Sara, mi pare che i sintomi non siano solo dovuti all’intolleranza al lattosio (che va sempre evitato con cura), ma anche ad una patologia gastroesofagea che va diagnosticata con opportuni esami che le può richiedere il suo medico. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Sospetta sindrome postcolecistectomia
11 Feb 10 - Angela, 26 anni (id: 104067)
  Preg.mo Professore, a seguito di disturbi gastrointestinali, data 10.02.2010, presso il Reparto di Gastroenterologia degli Ospedali Riuniti di Reggio Calabia, sono stata sottoposta ad esofagogastroduodenoscopia, dal referto si evidenzia: -esofago regolare -cardias incontinente -stomaco regolare -duodeno con pliche lievemente ipotrofiche, mucosa granulosa Si eseguono biopsie multiple in GII per escludere m.celiaca. Alcuni anni addietro sono stata sottoposta ad intervento di colecistectomia in via laporoscopica. La ringrazio per la Sua cortese risposta.
Forse ha una sindrome postcolecistectomia o da malassorbimento di bile, si verifica dopo l’intervento di colecistectomia(o asportazione della cistifellea generalmente per calcolosi biliare) per alterato riassorbimento intestinale della bile stessa. Si caratterizza con dolore addominale a cui succede spesso diarrea con feci giallastre o verdastro-scuro. La bile infatti essendo costituita anche da sali biliari ha effetto irritante e lassativo, se non assorbita normalmente dall’intestino, specie dopo introduzione dei cibi: questi, specie ai pasti principali, stimolando la peristalsi stimolano anche il passaggio della bile stessa non bene mescolata ai cibi nell’intestino con l’effetto sopradescritto e preceduto da dolori e borborigmi (movimenti intestinali accentuati e rumorosi). Come terapia si consiglia di prendere un farmaco che adsorbe i sali biliari rendendoli meno attivi, la Colestiramina: una bustina prima dei pasti principali. E’ bene far precedere la stessa terapia da un disinfettante anche a livello intestinale come tipo ciprofloxacina cp da 500 mg per 4-5 giorni.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Onicomicosi
11 Feb 10 - roberto, 34 anni (id: 104063)
  caro dottore,le pongo un quesito al quale fino ad oggi ho trovato pareri contrastanti. la domanda è:è possibile che un’onicomicosi agli alluci da candida possa costituire un focolaio d’accesso ad un’infezione sistemica o quantomeno intestinale recidivante? nel ringraziarla in anticipo per la risposta le porgo cordiali saluti
Non vi è nessun rapporto tra la sua micosi ungueale e l’intestino. Il fungo non attecchisce nel Tubo dig.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Probabile eneterocolite
11 Feb 10 - luciano, 49 anni (id: 104061)
  da cira un mese quando vado al bagno faccio feci molli o diarrea, a volte appena mangiato mi viene un gran mal di pancia che devo correre subito in bagno ad evacuare, o altre volte soffro di meteorsimo e flautolenza e a volte mi sveglio alla mattina che devo correre subito in bagno (sempre feci molli o diarrea). da tre giorni il medico mi ha fatto prendere una compressa di rifacol per tre giorni ogni 8 ore e per un paio di giorni le feci erano meno molli del solito.premetto che nel 2002 ho fatto una colonscopia per gli stessi problemi e mi è stato riscntrata una colite spastica/colon irritabile. inoltre prendo tutti i giorni una compressa di lucen da 20 per problemi di reflusso. Mi può dir... continua >>
e se è necessario rifare la colonscopia opuure se con la dieta e altri farmaci il problema si risolve. grazie
Lei probabilmente ha un’infezione enterica con Dismicrobismo o disbiosi intestinale , detto anche colon irritabile postinfettivo E’ un’ irritabilità della mucosa del colon a causa di dismicrobismo o disbiosi intestinale, che si crea a seguito del cambiamento parziale della normale flora intestinale con sopravvento o prevalenza di flora patogena che da un’infezione gastrointestinale. Infezione che si può sviluppare in maniera acuta o non immediatamente apparente, a seguito generalmente di ingestione di cibi guasti o scarsa igiene, uso di potenti antiacidi o anche di alcuni antibiotici, con irritabilità che, permanendo i germi che l’hanno creata, poi si mantiene producendo i suoi effetti continuativamente o ciclicamente, specie se si ha l’intestino particolarmente sensibile. Nell’intestino, e soprattutto nel colon o intestino crasso, si produce gas ed anche muco con meteorismo e flatulenza, dolore addominale e diarrea liberatoria o alternanza di stipsi e diarrea. Può essere utile in questi casi sospendere i latticini, prendere dei probiotici (ex fermenti lattici) od uno yogurt ricco di probiotici, ma se i sintomi non migliorano è utile aggiungere un disinfettante/antibiotico per qualche giorno tipo la neomicina/bacitracina (bimixin), la ciprofloxacina 500 mg 1 cp x 5-6 gg., la tetraciclina o un suo derivato (doxiciclina) od il metronidazolo. Se i disturbi sono molto accentuati sarebbe bene far precedere la terapia da una coprocoltura, ma rararamente si riesce ad identificare il germe che ha creato il problema.
Prof. Pier Roberto Dal Monte


Da 6186 a 6201 di 28443