Sei in: Medico on-line > Gastroenterologia

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Gastroenterologia
Referenti
  • Prof. Pier Roberto Dal Monte

  • Già Direttore Dipartimento medico-chirurgico delle Malattie dell’apparato digerente. Ospedale Bellaria-Maggiore. Bologna.

  • Prof. Mauro Bortolotti

  • Professore a Contratto della Specializzazione in Medicina Interna
    Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Bologna
    Policlinico S. Orsola


ultimo aggiornamento 22/02/2013
 
Aree tematiche


Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 26/01/2007
Invia la tua domanda

Domande / Risposte
Sospetto Crohn
11 Dic 09 - fabiano, 14 anni (id: 102452)
  Gent.mo Dottore,vorrei cortesemente un suo parere riguardo mio figlio di 14 anni, le spiego, ho questo ragazzo di 14 anni, da circa tre anni e mezzo soffre di dolori fortissimi allo stomaco,ha vomito ricorrente e calo ponderale abbastanza importante(circa 30 kg in 6 mesi)dopo aver girato vari ospedali (noi siamo di Roma)e quindi fatto di tutto dalla colon-gastroscopia, tenue, rmn ,tutti i tipi di analisi e anche in ultimo la videcapsula e lenteroscopia, dopo tutte le biopsie risultate negative è uscito unanno e mezzo fa con una dignosi di allergia alle proteine del latte, ora a distanza di questo tempo ha di nuovo dolori vomito e ed è sceso di nuovo di peso, ricoverato di nuovo ha ripetute t... continua >>
utte le stesse analisi ma siamo in attesa del referto delle biospie, in questo frangente hanno riscontrato, ma solo visualmente un morbo di crohn,per cui hanno dsposto una cura per bloccarlo che è linfliximab, per poter fare questa cura hanno fatto delle altre analisi e quì hanno scoperto che ha la tbgold positiva,fatte altre ricerche si presuppone ora una tubercolosi intestinale,ora mi rivolgo a lei perchè credo sia il suo campo potrebbe essere questa tubercolosi anche se la mountoux risulta negativa? e anche secondo le descrizioni che le ho dato? per me sarebbe un miracolo perchè dopo tutto questo soffrire so che è una malattia che può guarire a differenza del crohn che invece sarebbe a vita,il bambino non ha sangue nelle feci e le afte sono solo al primo tratto del duodeno nellil
La tbc intestinale non esiste quasi più: ritengo possa trattarsi veramente di m di Crohn che si confonde con la stessa tbc. Il problema è che i farmaci biologici devono essere usati con cautela quando vi è positività di tbc sierica. Perchè non viene usata una normale terapia suggerita nell’allegato?
le_malattie_infiammatorie_intestinali_(3).DOC
Prof. Pier Roberto Dal Monte


Colon irritabile
11 Dic 09 - alex, 60 anni (id: 102445)
  Egr. Prof. ho 60 anni soffro di colon irritabile da una vita. ho fatto una colonscopia totale risultata negativa 3 anni e mezzo fa. Tutto a posto direbbe una persona normale. ma io sono ossessionato dalle feci. Adesso ho letto che se si fanno feci giornaliere superiori a 300 gr. si puo avere una patologia tipo enterocolite, pancreatite ecc. Siccome io mangio abbastanza e mangio molta verdura e assumo anche Benefibra a volte mi capita di fare molte feci che di solito sono mediamente formate. Ho parlato con il mio medico di famiglia il quale mi ha risposto che se ho una patologia non e nel colon ma nella testa. Mi puo dare il Suo parere. Grazie infinite
Ha ragione il suo medico, la quantità non è nel suo caso rilevante.
Colon_irritabile_(4).doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Dolore al fianco sin.
11 Dic 09 - Mario, 26 anni (id: 102442)
  Salve,il mio problema è uno strano fastidio al fianco sinistro,allaltezza della milza,che spesso mi porta,anche in modo involontario,a contrarlo.Ho effettuato una radiografia dalla quale si è evidenziata una lieve scoliosi,ed unecografia che ha evidenziato un ingrossamento della milza entro i limiti e con forma conservata ed un ingrossamento del fegato.Da test allergologici non risulto avere allergie.Il fisiatra mi ha detto che il fastidio può essere causato dalla scoliosi,che fa si che le costole tocchino più facilmente la milza ingrossata e che io avverta questo fastidio.Inoltre mi capita alle volte di avere bruciori alla bocca dello stomaco e raramente perdite di sangue nel defecare.Da vi... continua >>
sita proctologica il medico ha detto che non ha trovato nulla se non una ragade anale,che ho curato,e che a suo dire potrebbe essere la causa dei miei sporadici sanguinamenti.Lo stesso mi ha comunque detto che non ha nulla a che fare con il fianco.Preciso che tale fastidio al fianco aumenta in periodi di stress,ai quali noto associarsi la comparsa di afte in bocca ed il desquamamento del quoio capelluto.A causa del mio lavoro non riesco a mangiare in modo regolare e capita che a fine pasto senta il bisogno improvviso di andare a defecare, accompagnato alle volte da una specie di crampi alladdome, a quali segue una defecazione "molle".Vorrei sapere cosa posso fare per il fianco, visto che il mio medico ha detto che nulla posso, e sapere cosa mi consiglia per tutto il resto.La ringrazio.
Egr. Sig. Mario, occorre fare degli esami per individuare la causa dell’ingrossamento del fegato e milza. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

RCU
11 Dic 09 - Viviana, 22 anni (id: 102440)
  Salve dottore mi chiamo Viviana volevo farle alcune domande :mi hanno constatato la rettocolite ulcerosa di grado lieve-moderata e non potendo curarla con la mesalazina perchè ho il favismo mi hanno dato la cura solo di deltacortene e il muco e il sangue che prima usciva ora non esce più.Ora il mio medico mi ha consigliato di ricoverarmi per vedere se la mesalazina non mi crea una crisi dovuta al favismo,e mi chiedevo come faccio a rischiare a vita di prendere la mesalzina?nON C’è NESSUN’ALTRA CURA che sostituisca la mesalazina? Un’altra domanda:il fastidio che a volte ho sotto la costola sinistra è dovuto alla rettocolite o è un semplice raffreddore? Grazie in anticipo Buone feste
Penso che forse l’unica cura sono i corticosteroidei o anche un altro trattamento immunosopressore con azatioprima o i nuovi farmaci biologici-infliximab o adalimubad.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Feci
11 Dic 09 - nicola, 47 anni (id: 102436)
  salve da un po di tempo mi sono accorto che nelle feci ci sono scaglie bianche come formaggio equando vado al bagno mi brucia un po cosa puo,due mesi fa ho fatto la coloscopia per altri motivi e lo specialista ha detto che tutto in ordine, ma allora cosa puo essere grazzie mille
Potrebbe essere un parassita tipo ossiuri, faccia un esame parassitologico delle feci.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Feci nere
11 Dic 09 - marco, 31 anni (id: 102435)
  Egregio dottore, mi e`capitato circa una settimana fa´ di notare un pezzettino di feci nere sulla parete del water il giorno dopo aver evacuato.Ho controllato le feci nei giorni seguenti ed il colore era normale, solo qualche volte ho notato qualche piccolissimo pezzettino nero completamente isolato dalle stesse.Da cosa potrebbe dipendere?insalata, cioccolata..possono causare questo?e riguardo il pezzettino di feci nere tovato sulla parete del water, il colore potrebbe dipendere anche dall’ esposizione all’aria.con la melena si colorano di nero tutte le feci o e`possibile come e`capitato a me che le feci siano di un colore normale e solo un piccolo pezzettino e`di colore nero.Ho cercato di ... continua >>
spiegarle dettagliatamente quello che ho notato in modo che possa farsi una idea piú precisa.Grazie.
Egr. Sig. Marco, faccia la ricerca del sangue occulto fecale su 3 campioni a dì alterni. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Helicobacter
11 Dic 09 - Luciano, 67 anni (id: 102433)
  Da un Breath Test è emersa la presenza dell’Helicobacter (C13/C12: 32,22). Non ho mai avuto problemi digestivi,né di altra natura, la gastroscopia non ha rilevato nulla di patologico (questi esami li ho dovuti fare per una ricerca in campo ematologico per iperferritinemia). Le chiedo cortesemente se devo procedere con una terapia per l’eliminazione dell’Helicobacter e che conseguenze potrei avere se non facessi nulla. Grazie
Se non aveva disturbi, mi chiedo perchè ha fatto l’esame? Comunque non dovrebbe venirle il cancro gastrico se non le hanno riscontrato lesioni di tipo atrofico-metaplasico a carico della mucosa gastrica , tuttavia l’helicobacter può provocare altra patologia come vedrà dall’allegato.
Infezione_da_Helicobacter_Pilori_(3).doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Ulcera gastria
11 Dic 09 - max, 29 anni (id: 102432)
  ho appena fatto gli esami allo stomaco e ne è venuto fuori una piccola ulcera,e una gastrite.A parte la cura che mi ha dato il mio medico di famiglia, volevo sapere con precisione i cibi e le bevande da evitare assolutamente,e per quanto tempo.rispondetemi al piu presto è importante.grazie e distinti saluti elia massimiliano
Segua i consigli che le allego.
Digestione_e_dispepsia.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

MRGE e colon irritabile
11 Dic 09 - margò, 31 anni (id: 102424)
  Ho fatto una gastroscopia il primo dicembre, dalla quale mi hanno diagnosticato "cardias incontinente e helicobacter pylori positivo. Ora ho finito la cura eradicante e prendo lansoprazolo al mattino, ma i miei fastidi (sensazione di calore o bruciore in gola)non sono diminuiti.Ieri sono andata anche dal dietologo che mi ha aggiunto domperidone e simeticone e mi ha detto di evitare alcuni cibi. Tra le altre cose io soffro di colon irritabile da tanti anni con episodi notturni di mal di pancia, sudorazione fredda e abbondante. Vorrei sapere se la mia situazione è curabile e qualè il medico giusto che devo seguire! (soffro anche di epilessia da nove anni e assumo 100mg di gardenale la sera).
Gentile Sig.ra Margò, si faccia visitare da un gastroenterologo. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Moneta
11 Dic 09 - sabrina, 38 anni (id: 102422)
  gentile Dottore mio figlio di 5 anni il 30/11/2009 ha ingoiato una monetina IN PLASTICA da 1 centesimo. al PS non hanno fatto nessuna lastra in quanto la monetina non sarebbe stata visibile. Lui non ha mai avuto problemi, nelle feci ancora ad oggi non l’ho trovata. il pediatra mi dice di stare tranquilla. potrebbe essersi sciolta? puo’ provocare dei dolori a distanza di tempo?
ha ragione il suo pediatra la eliminerà
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Problemi gastrointestinali
10 Dic 09 - Stefano, 39 anni (id: 102416)
  buongiorno professore, è da circa 1,5 mesi che accuso dolori addominali, con gonfiore e presenza di gas. Il problema si è aggravato dopo alcune sere quando appena dopo avere cenato mi sono seduto immediatamente davanti al pc. In passato ho sempre sofferto di problemi di stomaco che curo con Lucen 20 alla sera e per circa 4-5 anni. Pratico sport a livello agonistico (ciclismo). Adesso ho sempre lintestino gonfio e dolorante. Riesco a stare bene solo quando vado daria o in bagno. Sono stitico e le poche volte che vado in bagno le feci sono molli e di poca consistenza. Il problema è che adesso ogni volta che mangio qualcosa dopo il pranzo accuso gonfiamento dellintestino e dolore. A livell... continua >>
o di stomaco ho una ernia jatale e digerisco molte volte durante il giorno. 5 anni fa tentarono di farmi una coloscopia, ma il troppo dolore fece interrompere lesame. Attendo suo consiglio.
Egr. Sig. Stefano, lei probabilmente ha una malattia da reflusso g.e. ed un colon irritabile che però vanno confermate con opportuni esami radiologici o endoscopici (vedi area tematica relativa per maggiori informazioni). Il Lucen non va preso alla sera, ma 30’ prima di colazione Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Terapia proctite ulcerosa
10 Dic 09 - Antonio, 27 anni (id: 102414)
  Egr. Dottore, circa un mese fa mi è stata diagnosticata una lieve Proctite ulceriosa limitata ai primi 2\3 cm del retto (lunico sintomo di cui soffrivo erano perdite di sangue durante levacuazione). Il mio medico mi ha prescitto una cura di Asacol Clismi+Bentelan per 15 giorni ed devo dire che è andato tutto perfetto fin dai primi giorni. Qualche giorno fa mi è stato prescritto di fare a giorni alterni i clismi con le supposte Topster. Il problema è che da allora avverto leggeri dolori addominali. E possibile che le supposte di Topster facciano questo effetto o devo pensare a qualcosaltro? Grazie per lattenzione
E’ possibile come è possibile che non controllino completamente la malattia. Esistono del farmaco citato anche i clisterini li provi.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Polipi e colecistectomia
10 Dic 09 - LIA, 60 anni (id: 102410)
  Gentile professore, soffro da una vita di colon tremendamente irritabile, 10 anni fà mi hanno tolto la cistifellea per calcolosi, ho un’ernia iatale con esofagite. Nel maggio 2009 con colonscopia mi hanno tolto 2 polipi all’intestino benigni(adenomi tubolari del grosso intestino con displasia di basso grado, moderata, degli epiteli ghiandolari (la colonscopia precedente risaliva a tre anni prima ed era negativa). Ieri durante gastriscopia mi hanno trovato 10 polipi nello stomaco di piccole dimensioni, di aspetto glandulo cistico, assicurano essere benigni ma attendo esito biopsia. La gastroscopia precedente era stata fatta 18 mesi fà ed era negativa,c’è una spiegazione per questa "esplosion... continua >>
e" di polipi? cosa mi sta succedendo? Se in così poco tempo il mio fisico ha prodotto tanti polipi, continuerà a farlo con la stessa rapidità.Potrebbe dipendere da un forte stato ansioso depressivo oppure è una conseguenza del colon irritabile? ringrazio infinitamente della risposta. cordiali saluti Lia
I polipi del colon sono cosa diversa da quelli gastrici, i primi possono degenerare i secondi non sono altro che un aumento benigno delle ghiandole gastriche. Non è in effetti un esplosione ma succede che vi siano le due possibilità. deve solo controllarsi gni tanto. Per il suo colon irritabile potrebbe dipendere dall’asportazione della cistifellea con s postcolecistectomia >> La sindrome postcolecistectomia o da malassorbimento di bile, si verifica dopo l’intervento di colecistectomia(o asportazione della cistifellea generalmente per calcolosi biliare) per alterato riassorbimento intestinale della bile stessa. Si caratterizza con dolore addominale a cui succede spesso diarrea con feci giallastre o verdastro-scuro. La bile infatti essendo costituita anche da sali biliari ha effetto irritante e lassativo, se non assorbita normalmente dall’intestino, specie dopo introduzione dei cibi: questi, specie ai pasti principali, stimolando la peristalsi stimolano anche il passaggio della bile stessa non bene mescolata ai cibi nell’intestino con l’effetto sopradescritto e preceduto da dolori e borborigmi (movimenti intestinali accentuati e rumorosi). Come terapia si consiglia di prendere un farmaco che adsorbe i sali biliari rendendoli meno attivi, la Colestiramina: una bustina prima dei pasti principali. E’ bene far precedere la stessa terapia da un disinfettante anche a livello intestinale come tipo ciprofloxacina cp da 500 mg per 4-5 giorni.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Probabili effetti collaterali terapia eradicante
10 Dic 09 - luana, 46 anni (id: 102408)
  Egregio Professore in seguito a cura eradicante h.p. mi e iniziato un dolore addominale che mi sveglia anche di notte.Meteorismo bruciore anale ma non alterazioni dellalvo . In seguto allassunzione di fermenti miglioro ma ho delle ricadute . Il disturbo dura da oltre tre mesi e laddome e dolente al tatto.Le analisi due mesi fa erano normali e avendo emorroidi il sangue nella carta a volte lo trovo.Ora ho anche un ciclo mestruale doloroso .Che fare ? Continuo con i fermenti per un altro mese?Grazie
Gli inibitori della pompa protonica (IPP) e gli agonisti dei recettori H2, come la ranitidina, sono associati ad un aumento del rischio di infezione da germi introdotti con i cibi o di crescita abnorme dei normali germi intestinali, particolarmente seria è però l’infezione da Clostridium difficile (C.D.). Recenti studi suggeriscono infatti un aumento dell’incidenza e della gravità della infezione intestinali poichè l’acidità gastrica, avendo un effetto antibatterico, costituisce uno dei principali meccanismi di difesa contro i germi patogeni normalmente ingeriti: la perdita della normale acidità dello stomaco è stata associata quindi alla colonizzazone o a contaminazione batterica del tratto gastrointestinale superiore che è generalmente sterile. Lo stesso si può avere con l’uso di antibiotici e cortisonici. La crescita abnorme di germi (detto anche colonizzazione batterica e/o dismicrobismo) ed in particolare del C.D.(che si rileva con il dosaggio dellla tossina botulinica nelle feci) sono caratterizzati da meteorismo, dolori addominali e spesso da irregolarità dell’alvo e talvolta da diarrea.naturalmente bisogna sospendere la terapia che si sta facendo. Il clostridium si elimina con la Vancomicina od il metronidazolo. valuti anche la possibilità di infezione micotica.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Terapia MRGE
10 Dic 09 - Antonia, 90 anni (id: 102406)
  Egregio dottore, a causa di una tosse periodica molto debilitante provocata da MRGE, mia madre novantenne ipertesa (in cura con Tareg 160), sta assumendo da un mese 2 cpr.da 40 mg di Pantoprazolo al mattino. Chiedo se sarebbe meglio suddividere la dose ogni 12 ore. Mi preoccupa inoltre leggere sul foglietto illustrativo del Pantoprazolo 40 mg che gli anziani non devono prendere più di una compressa al giorno eccetto quando il medicinale è associato ad antibiotici. Chiedo se è opportuno continuare la terapia per il secondo mese con due somministrazioni o se l’età avanzata consiglia altra soluzione. Ringrazio di cuore per l’attenzione Cordiali saluti Antonia
Gentile Sig.ra Antonia, una cp va assunta 30’ prima di colazione ed una 30’ prima di cena. Dimezzare la dose dopo un mese. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti


Da 6186 a 6201 di 28097