Sei in: Medico on-line > Gastroenterologia

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Gastroenterologia
Referenti
  • Prof. Pier Roberto Dal Monte

  • Già Direttore Dipartimento medico-chirurgico delle Malattie dell’apparato digerente. Ospedale Bellaria-Maggiore. Bologna.

  • Prof. Mauro Bortolotti

  • Professore a Contratto della Specializzazione in Medicina Interna
    Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Bologna
    Policlinico S. Orsola


ultimo aggiornamento 22/02/2013
 
Aree tematiche


Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 26/01/2007
Invia la tua domanda

Domande / Risposte
Colon irritabile?
11 Feb 11 - annalisa, 47 anni (id: 114829)
  buonasera, da circa 18 mesi ho, non di continuo, un fastidio al fianco dx localizzato sia vicino allinguine che a livello del fegato con rispondenza anche dietro. Ho fatto nellarco di questi mesi vari controlli diagnostici quali gastroscopia (16 mesi fa) da cui risulta che ho il piloro beato, rx digerente completo (12 mesi fa) eco addome completo (ha due cisti al fegato ma lecografista e il mio medico mi hanno detto che non mi devo preoccupare) e colonscopia(5 mesi fa) tutto nella norma. Alcune volte ho probemi a defecare altri le feci sono più morbide quasi diarroiche.Questi fastidi si accentuano nel periodo premestruale e/o ovulatorio la informo che sto prendendo da 12 mesi un farmaco ... continua >>
progestinico per problemi di fibroma uterini (il più grosso è localizzato proprio a dx in prossimità del punto dove sento fastidio). Per un periodo il fastidio è stato più leggero ultimamente invece è più presente, sono anche più stressata in questo periodo non so se questo può essere collegato alle mie patologie. Può darmi qualche consiglio su cosa posso fare? grazie
Gentile Sig.ra Annalisa, i sintomi sembrano ricordare il colon irritabile anche se non sono tipici, ea per averne la certezza vanno escluse tutte le condizioni con una sintomatologia simile con altri esami oltre quelli che ha fatto da stabilire sulla base di una visita e valutazione diretta degli esami già effettuati. Lo stress può accentuare i sintomi, così come il periodo premestruale, ma non è la causa della malattia. Cordiali saluti Professor Mauro Bortolotti
Prof. Mauro Bortolotti


S Postcolecistectomia
11 Feb 11 - alberto, 64 anni (id: 114822)
  Nel luglio 2009 ho eseguito un test per la celiachia di cui riporto i valori: Ab anti Gliadinia IgA 12,6 U/ml AB Anti Gliadinia IgG 1,1 U/ml Ab anti Transgluminasi igG 1,6 U/ml Ab anti Trangglutaminasi IgA 0,5 U/ml Ab anti Endomisio IgA Uomo Negativo Ab anti Endomisio IgG Uomo Negativo. Poichè hpo continui disturbi gastroesofagei (colecistectpomizzato) 5 anni fa con continue variazioni dellavo con presenza di residui alimentari di glutine e vegetali nelle feci vorrei sapere se devo approfondire gli esami per la celiachjia e perche il valore dell Ab anti Gladinia IgA e fuori parametro anche se irrilevante. Grazie.
Probabilmente ha una sindrome postcolecistectomia e non una celiachia.>>>>>La sindrome postcolecistectomia o da malassorbimento di bile, si verifica dopo l’intervento di colecistectomia(o asportazione della cistifellea generalmente per calcolosi biliare) per alterato riassorbimento intestinale della bile stessa. Si caratterizza con dolore addominale a cui succede spesso diarrea con feci giallastre o verdastro-scuro. La bile infatti essendo costituita anche da sali biliari ha effetto irritante e lassativo, se non assorbita normalmente dall’intestino, specie dopo introduzione dei cibi: questi, specie ai pasti principali, stimolando la peristalsi stimolano anche il passaggio della bile stessa non bene mescolata ai cibi nell’intestino con l’effetto sopradescritto e preceduto da dolori e borborigmi (movimenti intestinali accentuati e rumorosi). Come terapia si consiglia di prendere un farmaco che adsorbe i sali biliari rendendoli meno attivi, la Colestiramina: una bustina prima dei pasti principali. E’ bene far precedere la stessa terapia da un disinfettante anche a livello intestinale come tipo ciprofloxacina cp da 500 mg per 4-5 giorni. P.R.Dal Monte.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Epigastralgie
11 Feb 11 - Sara, 24 anni (id: 114817)
  Buongiorno, le scrivo per un problema persistente che ho da circa un mese; ho un fastidio più o meno costante nella regione epigastrica, che si attenua e si riacutizza (diventando sensazione di nausea) senza correlazione con i pasti; mi sono rivolta al medico che mi ha prescritto un antiacido (il larsoprazolo) e il domperidone. Dopo circa 1 mese il fastidio non si è attenuato, la terapia non ha sortito effetto; ho una leggera tensione e fastidio nellipocondrio destro, al di sotto della costola, con leggero gonfiore della zona e aumento di fastidio alla palpazione. Per precauzione ho sospeso caffe, cioccolato, fumo, pomodori, agrumi etc.. inoltre ho un leggero fastidio (minore di quello allo ... continua >>
stomaco) sempre nella parte destra, al fianco; gli esami del sangue hanno mostrato un colesterolo leggermente alto (206) mentre i trigliceridi sono nella norma, il ferro è risultato un po alto mentre la transferrina è nella norma; il dolore varia di intensità durante il giorno e la posizione fetale lo attenua. Di cosa può trattarsi? il mio medico mi ha detto che si tratta di ansia ma io non sono convinta. è consigliabile fare il test per lhelycobacter? Cosa può essere? sono molto preoccupata e vorrei eseguire ulteriori accertamenti. La ringrazio
faccia come consiglia il suo medico e si legga l’allegato.
Digestione_e_dispepsia.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Diverticoli
10 Feb 11 - Giampaolo, 63 anni (id: 114810)
  Gentile Professore Da quasi un anno ho problemi di metorismo che si manifestano sopratutto durante e dopo i pasti talmente rumoroso che le persone che mi sono vicino lo notano, a volte si associa un leggero dolore allaltezza dellombelico lato destro. Premetto che ho sempre avuto un intestino (dico io delicato) circa 20 anni fa ho fatto un Clisma opaco in doppio contrasto e mi avevano diagnosticato la presenza di diverticoli, circa cinque anni fa ho fatto una ecografia addominale per unaltro episodio acuto con dolori addominali, nulla di significativo. Eseguo ogni due anni la verifica della presenza di sangue occulto, negativo anche lultimo Attualmente prendo dei fermenti ma non vedo mig... continua >>
lioramenti cosa mi consiglia? La ringrazio della disponibilita e cortesia Cordiali Saluti
Egr. Sig. Giampaolo, probabilmente lei ha avuto un episodio di divericolite. Sarebbe necessaria una visita per valutare lo stato dei diverticoli, la eventuale necessità di esami e di trattamenti allo scopo di prevenire la comparsa di diverticolite e vedere se vi è dismicrobismo. In ogni caso faccia il SOF ogni anno.
Prof. Mauro Bortolotti

Frustolo
10 Feb 11 - maurizio, 37 anni (id: 114807)
  salve oggi sono andato a ritirare il referto istologioco in seguito a gastroscopia. Notizie cliniche: ernia iatale da scivolamento, gastrite antrale lieve: biposie per tipizzazione gastrite e ricerca H.P. Paziente in terapia con IPP Materiale inviato: biposie endoscopiche, antro gastrico. Macroscopica: un frustolo brunastro di cm 0,4 A.1)-sr Giudizio diagnostico: mucosa antrale con gastrite nas, inattiva, lieve- Ricerca HP: negativa Snomed: T-57600 M-36100 M-43000 Vorrei saperne qualcosa di più riguardo al frustolo brunastro (tenga presente che il giorno della gastroscopia avevo bevuto un caffé, circa 5 ore prima; cosa che mi era stata rimproverata, dicendomi che facil... continua >>
mente era un residuo di cibo o bevande). Grazie.
Non è nulla di particolare, forse un frammento di cibo, come dimostra la normalità dell’esame istologico.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

MRGE
10 Feb 11 - Anna, 50 anni (id: 114803)
  Mi riferisco allid:114771. Ho fatto unesofagogastrodudenoscopia da cui risulta che ho una piccola ernia jatale con sospetta MRGE. Nulla di rilevabile ne allo stomaco ne al duodeno. Dipende da questo o devo fare altri accertamenti? Grazie
Gentile Sig.ra Anna, i dati forniti sono insufficenti per una diagnosi ed una adeguata terapia, mancando il quadro clinico. Se vuole può contattarmi successivamente. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti
Prof. Mauro Bortolotti

Probobabile dismicrobismo
10 Feb 11 - Federico, 37 anni (id: 114802)
  Gentile dottor Del Monte Sono un ragazzo di 37 anni e da quasi 5 mesi soffro di dolori meteorismo nella parte sx colon e sigma. Con alvo alterno con feci poco formate poltacee e altre volte a ppalline pezzetti tutte rivestite da molto muco color bianco latte.. Ho eseguito rx addome ,colonscopia con asportazione polipo di 2 mm giunto retto-sigma dato da infiammazione, gastroscopia con gastrite cronica elicobacter pilori assente, ecografia addome regolare.. Emocromo regolare..visita da 2 gastroenterologi con diagnosi intestino irritabile.. Ora sto assumendo fermenti lattici e asacol 500 supposte la sera.Seguo da 6 gg una dieta a base di riso verdura bollita e carne bianca ai ferri  Ma pero ... continua >>
continuo ad avere sempre gli stessi sintomi come tenesmo e tensione nella zona del sigma bruciore e durante la giornata al passaggio di aria o feci a sx sento fastidio.. Ormai e da settembre che continuo così e vorrei tanto un suo consiglio su come affrontare il problema le premetto che già 4 anni fa avevo avuto gli stessi sintomi forse un po oiù leggeri spariti poi dopo aver effettuato clisma opaco con esito negativo. Le chiedo se il mio malessere pió derivare da uno stato ansioso o stress xchè il tutto mi condiziona la vita quotidiana. Grazie Cordiali Saluti
Si tratta verosimilmente di dismicrobismo su cui le invio di seguito qualche consiglio: il dismicrobismo intestinale o disbiosi intestinale , detto anche colon irritabile postinfettivo è un’ irritabilità della mucosa del colon a causa di dismicrobismo o disbiosi intestinale, che si crea a seguito del cambiamento parziale della normale flora intestinale con sopravvento o prevalenza di flora patogena che da un’infezione gastrointestinale. Infezione che si può sviluppare in maniera acuta o non immediatamente apparente, a seguito generalmente di ingestione di cibi guasti o scarsa igiene, uso di potenti antiacidi o anche di alcuni antibiotici, con irritabilità che, permanendo i germi che l’hanno creata, poi si mantiene producendo i suoi effetti continuativamente o ciclicamente, specie se si ha l’intestino particolarmente sensibile. Nell’intestino, e soprattutto nel colon o intestino crasso, si produce gas ed anche muco con meteorismo e flatulenza, dolore addominale e diarrea liberatoria o alternanza di stipsi e diarrea. Può essere utile in questi casi sospendere i latticini, prendere dei probiotici (ex fermenti lattici) od uno yogurt ricco di probiotici, ma se i sintomi non migliorano è utile aggiungere un disinfettante/antibiotico per qualche giorno tipo la neomicina/bacitracina (bimixin), la ciprofloxacina 500 mg 1 cp x 5-6 gg., la tetraciclina o un suo derivato (doxiciclina) od il metronidazolo. Se i disturbi sono molto accentuati sarebbe bene far precedere la terapia da una coprocoltura, ma rararamente si riesce ad identificare il germe che ha creato il problema.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Dermatite
10 Feb 11 - gabriele, 37 anni (id: 114789)
  Buongiorno Dottore, soffro da tre anni di una strana forma di dermatite. Il dermatologo mi ha fatto fare una gastroscopia con prelievo dei villei per escludere la celiachia. questa la diagnosi:Frammenti di mucosa duodenale con lieve flogosi essudativa e produttiva interstiziale, focali aree di esulcerazione dellepitelio superficiale di rivestimento, non documentabile aumento dei linfociti intraepiteliali CD 3+. Mi può dire cosa ne pensa Lei ? grazie e cordiali saluti, Gabriele
Non è una dermatite erpetifome in relazione alla celiachia da quanto risulta con la biopsia. Comunque provi a fare per qualche settimana una dieta senza farina di frumento di grano.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Dolore toracico
9 Feb 11 - sandra, 30 anni (id: 114780)
  buonasera, premetto che oltre ad una forma di stipsi che mi affligge da sempre non ho mai sofferto di gravi patologie ed ho effettuato 2 parti naturali, vengo ricoverata a maggio 2010 per forti dolori toracici, dopo 2 tac, ecoaddome e varie analisi da cui risulta solo una leggera anemia da carenza di ferro vengo dimessa, naturalmente il dolore non passa e mi rivolgo ad un gastroenterologo che mi sottopone a gastroscopia, dallesame istologico risulta gastrite cronica atrale superficiale senza hb, vengo curata con peptazol 40 e noremifa, la situazione sembra migliorare ma dopo 2 mesi ricomincio a soffrire nuovamente, si prova con la ranitidina ma niente,da settembre ad gennaio, sempre prendend... continua >>
o il peptazol alterno giornate asintomatiche a giornate dolorose, il dolore toracico lo avverto sia a digiuno che dopo i pasti, mi rivolgo ad un altro gastroenterologo che mi fa fare un nuovo ecoaddome da cui risulta la presenza di un po di bile densa, mi prescrive ursobil 300 e pancreax, dopo un po di giorno inizio a soffrire di coliche fortissime che durano circa 10 minuti e poi scompaiono spontanemente, ad oggi mi ritrovo con i miei soliti dolori toracici ed ogni tanto le coliche, sono disperata e non so più a chi rivolgermi o quale altre analisi effettuare, vi prego di darmi un consiglio. cordiali saluti
IL dolore toracico verosimilmente non ha nulla a che fare con il tubo digerente, valuti se ha una fibromialgia reumatica o qualche problema alla colonna toracico-cervicale. Per la bile "spessa" controlli con l’ecografia se si sta risolvendo. Talvolta l’acido ursocolico da dolori al colon.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Sapore dolce
9 Feb 11 - ANNA, 50 anni (id: 114771)
  Da un po di tempo mi capita di svegliarmi con un sapore dolce in bocca. Dipende dallo stomaco o dallintestino?
Gentile Sig.ra Anna, i dati forniti sono insufficenti per una diagnosi , per la quale è anche necessaria una visita medica. Questa può essere fatta dal suo Medico Curante, che le può richiedere gli accertamenti appropriati. Se vuole può contattarmi successivamente. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti
Prof. Mauro Bortolotti

Contagio HP
9 Feb 11 - Elena, 40 anni (id: 114769)
  Gentile dottore, ho appena effettuato il breath test per hp risultato negativo, in sala dattesa durante il test era presente una signora che poi ho saputo essere risultata positiva allhp, io ho trascorso la mattina con lei e quando è andata via mi ha persino baciato per salutarmi, so che sono paranoica ma sec lei rischio il contaggio? come si trasmette lhp? grazie per la risposta
Gentile Sig.ra Elena, non credo che l’abbia baciata in bocca, per cui stia tranquilla, non è stata contagiata. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Gastroduodenite e focolaio di metaplasia
9 Feb 11 - Angelo, 54 anni (id: 114767)
  Egregio dottore, dopo un gastroscopia di è stato diagnosticato la seguente patologia: Ernia iatale da scivolamento con erosioni peerniarie e cercine fibroso Mucosa gastrica iperemica con erosioni linearievariole ulcerata.Nulla al bulbo. La biopisia effettuata ha dato il seguente esito: A)-Gastrite cronica lieve, B)-focolaio di metaplasia intestinale incompleta,C)- mucosa esofagea con note di flogosi.H.P. negativo. La patologia del punto B mi ha subito preoccupato e credo a ragion veduta in quanto prima dora, dopo altre gastroscopie,non era ancora emersa. La mie domande sono queste:Cosa ne pensa dellintero quadro clinico in particolare vogliate spiegarmi il focolaio di metaplasia e perchè de... continua >>
llinsorgere, è una malattia reversibile, come dovrei curarla per debellarla. Preciso che non fumo e non bevo alcolici se non qualche birra pure analcolica Mi sto curando con Esopral 40 e Gaviscon.E da tempo che soffro di questi problemi. Distinti saluti.----------------------------
ha un’infiammazione diffusa aa tutte le prime vie digestive che può curare con i consigli che anche le allego che comfermano l’utilità della terapia prescritta ed altro. per la metaplasia il reperto ora è insignificante lo controlli tra 2-3 anni dopo un sufficiente periodo di cura.
Trattamento_della_dispepsia_(3)_.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Terapia MRGE
8 Feb 11 - andrea, 31 anni (id: 114761)
  Salve. Da qualche settimana mi capita ogni tanto di avere bruciore restrosternale e ho spesso la sensazione di avere dei frammenti di cibo in gola (anche lontano dai pasti) anche se in realtà non cè niente. Inoltre ho sempre la gola molto rossa anche se non ho sintomi da raffreddamento. Ricordo che circa un anno fa mi capitò una cosa simile e il mio medico mi disse che si trattava di reflusso. Mi diede da prendere pantoprazolo 40 ma dopo circa una settimana fui costretto a smettere perché mi provocava dolori addominali (secondo il mio medico quel farmaco bloccava troppo gli acidi e quindi mi dava quel problema). A quel punto mi diede degli antiacidi. Lei avrebbe qualche consiglio da darmi? D... continua >>
a un paio di giorni ho iniziato a prendere gli antiacidi dopo i pasti; se secondo lei va bene, per quanto tempo dovrei continuare? Grazie
Egr. Sig. Andrea, purtroppo gli antiacidi sono insufficenti per curare la malattia da reflusso. Inoltre la terapia deve essere continuativa perchè il reflusso è cronico. Occorre valutare terapie più efficaci sulla base di una visita specialistica che approfondisca le cause che sono alla base della malattia. Se vuole può contattarmi al n.051-307901. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Sospetto GIST
8 Feb 11 - Giovanni, 54 anni (id: 114760)
  Buongiorno professore, in seguito a gastroscopia, ho eseguito una endoscopia esofago e stomaco il cui referto riporta: parte duodenale con regolare rappresentazione e spessore delle tonache di parete pancreas con ecostruttura omogenea Wirsung di calibro e decorso regolari. Fegato iperriflettente come si osserva nei casi di steatosi. A livello antrale si apprezza un ispessimento di 9 mm della I tonca ipoecogena, omogeneo scarsamente vascolarizzato. Non altre alterazioni nelle tonache aprietali della camera gastrica. Conclusioni: Quadro Eus coerente con GIST gastrico (per dimensioni e caratteristich ecografiche controllo EUS tra 2 anni. Domanda: trattandosi di un tumore gastrico, è suffici... continua >>
ente che continui a prendere solo il pantoprazolo? E sufficiente che il controllo avvenga solo tra 2 anni, o ciò deriva dalle dimensioni ridotte? Grazie e cordiali saluti Giovanni
E’ necessario un approfondimento con biopsia e se positiva un’asportazione chirurgica.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Coriza
8 Feb 11 - alessandra, 30 anni (id: 114756)
  caro dottore volevo sapere se posso prendere tachifludec o cmq qualcosa x raffreddore e sintomi ad esso correlati con presenza di ernia jatale...la ringrazio anticipatamente...
Può prendere la tachipirna per bocca e l’efedrina o prodotti simili con erogatore a spruzzo locale.
Prof. Pier Roberto Dal Monte


Da 3375 a 3390 di 27874