Sei in: Medico on-line > Gastroenterologia

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Gastroenterologia
Referenti
  • Prof. Pier Roberto Dal Monte

  • Già Direttore Dipartimento medico-chirurgico delle Malattie dell’apparato digerente. Ospedale Bellaria-Maggiore. Bologna.

  • Prof. Mauro Bortolotti

  • Professore a Contratto della Specializzazione in Medicina Interna
    Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Bologna
    Policlinico S. Orsola


ultimo aggiornamento 27/11/2014
 
Aree tematiche


Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 26/01/2007
Invia la tua domanda

Domande / Risposte
Sospetta gastrite
24 Giu 11 - maria, 31 anni (id: 117854)
  BUONGIORNO, VORREI SAPERE COSA MI STA SUCCEDENDO... AVVERTO QUALCHE VOLTA GIRAMENTI DI TESTA APPANAMENTO DELLA VISTA. NAUSEA ,SUDO FREDDO .. IN PASSATO HO SOFFERTO DI GASTRITE.. CON FORTE NAUSEA E DOLORE ALLO STOMACO MA MAI VOMITO ULTIMAMENTE INVECE SI. POI UNA SETTIMANA FA AVEVO PERSO DEL TUTTO LAPPETITO PERCHE AVEVO UN DOLORE ALLADDOME SUPERIORE RICORDO CHE RIUSCIVO SOLO A BERE.. INVECE ADESSO SOLO SE SCHIACCIO SUL PUNTO DELLO STOMACO O VICINO SENTO DOLORE .. COSA DEVO FARE? COSA PUO ESSERE ..!?!? GRAZIE MILLE ATTENDO RISPOSTA..
E’ possibile che si tratti di gastrite subacuta veda di seguire i consigli dietetici che le allego aggiungendo eventualmente un antiacido.
Trattamento_della_dispepsia_(3)_.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte


Stipsi
24 Giu 11 - maura, 50 anni (id: 117852)
  Buongiorno Professore, è da qualche mese che sono preoccupata perchè le mie feci sono dure e melmose. Faccio tanta fatica a defecare,a volte non riesco, anche dopo grandi sforzi e dolore, e ho anche tanta vergogna di parlare di queste cose, ma adesso vedo che questo problema non si risolve solamente mangiando frutta cotta...ecc... Cosa mi consiglia di fare? La ringrazio tanto.
Gentile Sig.ra Maura, se con una dieta più ricca di fibre ed eventualmente con un semplice lassativo saltuario la situazione non si modifica è necessaria una visita medica. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Celiachia
24 Giu 11 - giorgio, 45 anni (id: 117850)
  Buon giorno mi hanno appena diagnosticato la celiachia ma lunico disturbo che ho e che mi succede circa 1 volta alla settimana ormai da quasi 5 anni è:come se continuassi a fare saliva densa ,singiozzo,avendo difficoltà a deglutire qualsiasi cosa e la notte non mi lascia dormire,e mi si gonfia anche la pancia ma solo 1 giorno a settimana,non ho ne dolore ne bruciore ne dissenteria,le scrivo lesito della duodenoscopia: Esofago regolare con mucosa normale. Cardias poco continente . Stomaco normoformato,contenente discreta quantità di ristagno liquido chiaro. Mucosa gastrica rosea,ben sollevabile in pliche. piloro pervio,bulbo e seconda porzione duodenale con riduzione de... continua >>
l disegno plicale e mucosa edematosa. ESITO DELLA BIOPSIA:lembi superficiali di mucosa duodenale microerosa e con villi leggermente edematosi,sede di buona quantità di infiltrato infiammatorio misto linfo-istiocitario e plasmacellulare della lamina propia,focalmente aggressivo sullepitelio. Rapporto enterocoti/linfociti intra-epiteliali cd3POSITIVI=100/40. Quadro istopatologico compatibile con malattia celiaca(lesione tipo 2 secondo marsh mod.)è da circa 2 settimane che seguo la dieta ma oggi mi si è nuovamente ripresentato il mio disturbo,secondo lei quanto tempo ci vorrà? sarà un disturbo legato alla celiachia? la ringrazio
La mucosa infiammata con la dieta si normalizza dopo alcuni mesi e quindi è possibile che persistano i disturbi digestivi anche se quelli denunciati non fanno proprio parte dei sintomi della malattia e non vi è un logica spiegazione se non pensare a problemi neurovegetativi.
La malattia celiaca.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Sospetta colite linfocitaria
24 Giu 11 - lucia, 29 anni (id: 117849)
  salve ho 29 anni e peso 39 kl per 1,50cm di altezza. 8 anni fa ebbi una gastroenterite virale ed ora soffro di diarrea e flatulenza con sporadici episodi di benessere. premetto di avere un temperamento nervoso-ansioso. nel corso degli anni ho ripetuto indagini come colonscopia gastroscopia esami ematici sempre negativi. questi sono gli ultimi: - COLONSCOPIA CON BIOPSIA INTESTINO ILEO,ASCENDENTE DISCENDENTE,TRASVERSO,RETTO: FRAMMENTI DI MUCOSA ILEALE DEL GROSSO INTESTINO CON MODESTA FLOGOSI LINFOMONOCITARIA AGGREGATA IN FOLLICOLI,ASPETTI EROSIVI E DI EDEMA STROMALE. SI RILEVA CIRCOSCRITTA DISTORSIONE GHIANDOLARE NEL COLON DISCENDENTE. -HO ESEGUITO GASTROSCOPIA CON BIOPSIE ... continua >>
DELLANTRO,DUODENO E CORPO: MUCOSA GASTRICA DELLANTRO E DELCORPO CON MINIMA FOGOSI CRONICA ASPECIFICA DELLA LAMINA PROPRIA. EGATIVO H. PYLORI.MUCOSA DUODENALE CON MODESTA FLOGOSI ED EDEMA. -TC ESOFAGO-ADDOME SUPERIORE ED INFERIORE CON E SENZA MDC: NON SI RILEVANO INSPESSIMENTI PATOLOGICI DELLE ANSE DEL TENUALI,NE RACCOLTE FLOGISTICHE INTRADDOMINALI.I VISCERI PARENCHIMATOSI DELLADDOME SONO NELLA NORMA. -ETG DELLA TIROIDE CHE NON MOSTRA ALTERAZIONI. -VES 7 -PROTEINA C REATTIVA 0.30 -ASCA 3,2 -C ANCA 0,5 -P ANCA 0,8 -CALPROTECTINA FECALE NEGATIVA -ESAMI EMATICI DI ROUTINE NELLA NORMA -ANTI GLIADINA IGG 9.7 -ANTI GLIADINA IGA<3.0 -ANTICORPI ANTI ENDOMISIO ASSENTI. Potrebbe trattarsi di colon irritabile o di qualcosa di diverso. grazie
Potrebbe trattarsi di una colite linfocitaria come leggerà nell’allegato per la quale potrebbe fare un terapia a base di corticosteroidei.
La_colite_linfocitario-collagenosica.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Meteorismo
24 Giu 11 - GIUSEPPE, 31 anni (id: 117848)
  Buongiorno egregio dottore, è da unanno che soffro della sindrome del colon irritabile accertato da gastroscopia e colonscopia da esito negativo, vorrei porle un quesito mi capita di soffrire di meteorismo notturno e ho notato che il malessere si accentua quando dormo con la pancia in giù il fatto è che è lunica posizione in cui riesco a dormire ma è normale nelle mie condizioni di non sopportare questa posizione?. Nel ringraziarla della sua attenzione colgo loccasione per porgere i miei più distinti saluti
Egr. Sig. Giuseppe, dormendo a pancia in giù aumenta la pressioe sull’intestino e quindi il disturbo peggiora. Lei probabilmente ha un colon irritabile, ma per averne la certezza deve escludere altre malattie organiche e funzionali intestinali che hanno una sintomatologia simile(vedi area tematica relativa per maggiori informazioni) con altri esami da stabilire in base ad una visita ed alla valutazione diretta di quelli già fatti. Se è confermato il colon irritabile, tenga presente che noi stiamo effettuando uno studio sugli effetti di un prodotto di origine vegetale sui sintomi del colon irritabile. Se è interessato a partecipare, mi può contattare al n. 051-307901. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti
Prof. Mauro Bortolotti

Sospetta disfagia
24 Giu 11 - Veronica, 23 anni (id: 117847)
  Gentili dottori, vi scrivo per esporvi il mio problema. Da circa un anno e mezzo soffro di reflusso gastroesofageo con ernia iatale e lieve gastrite. A periodi soffro con gravità diversa di altri sintomi: in particolare disfagia, senso di peso sul petto, dolore alla bocca dello stomaco. Ho effettuato gastroscopia (helicobacter negativo) ,rx dellesofago con bario ( tutto normale), ph metria delle 24 ore, ecografia addominale, analisi per eventuale allergia al glutine e chi più ne ha più ne metta.I risultati più significati li ho avuti con la gastroscopia difatti in quelloccasione mi è stata diagnosticata un esofagite di grado A, cardias beante, lieve gastrite e reflusso... continua >>
biliare.La phmetria ha confermato gli innumerovoli episodi di rigurgito che avverto ogni giorno.La cura è stata essenzialmente nel modificare lalimentazione e assumere IPP e dei farmaci per aumetare la motilità dello stomaco ( sospesi in quanto il medico stesso mi aveva detto che dopo un mese circa di assunzione non avevano più effetti e bisognava sospenderli per poi riprenderli in seguito). Il problema che mi preoccupa di più è la disfagia, nessun medico mi ha dato indicazioni su cosa fare in merito, se non prescrivermi uno nuovo IPP e dirmi di rilassarmi. Caratteristica di questa mia disfagia, oltre naturalmente al fatto che peggiora quando peggiorano is intomi legati al reflusso ( rigurgiti, bruciore etc), è che la mattina a stomaco vuoto mi sembra di stare meglio e riuscire a deglutire con più facilità.
Il fatto che la rexgrafia dell’esofago sia normale fa escludere una vera disfagia che si sarebbe vista un’alterazione della motilità esofagea. E’ possibile che abbia una mialgia dei muscoli toracico/dorsali e che questo possa psicologicamente far pensare ad un difficoltoso passaggio degli alimenti. Infatti è chiaramente sottopeso e d è probabili che la sua colonna sia mal sorretta o abbia posizioni viziate..
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Prolasso rettale
23 Giu 11 - alberto, 65 anni (id: 117841)
  mi è stato prescritto per un prolasso rettale lintegratore PLANTALAX BUSTINE Rilevo un peggioramento in quanto mi provoca flatulenza eccessiva e mancanza di stimolo alla defecazionde.In definitiva invece di essere un regolatore intestinale mi provoca leffetto contrario. Gtazie per levetuale risposta.
Egr. Sig. Alberto, non conosco il suo caso in dettaglio, per cui le consiglio di rivolgersi a chi le ha dato la terapia per cambiarla. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Stipsi
23 Giu 11 - alberto, 65 anni (id: 117840)
  mi è stato prescritto per un prolasso rettale lintegratore PLANTALAX BUSTINEche assumo in 250 ml di acqua. Rilevo un peggioramento in quanto mi provoca flatulenza eccessiva e mancanza di stimolo alla defecazionde. In definitiva invece di essere un regolatore intestinale mi provoca leffetto contrario. Gtazie per levetuale risposta.
Il lassativo che usa effettivamente può dare i disturbi che mi segnala essendo di tipo osmotico e richiamando liquidi ed aria nell’intestino. per eventuale stispi veda l’allegato ed usi un lassativo di tipo stimolante-propulsivo..
la_stitichezza2.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Sospetta recidiva di ragade
22 Giu 11 - Filippo, 24 anni (id: 117827)
  Egregio professore, ho sofferto di ragade anale a marzo curata con rectogesic, dilatan e psyllogel. La ragade si è risolta. Al termine della cura, su indicazione del proctologo, ho continuato ad assumere lo psyllogel. Circa due settimane fa andando in bagno ho sentito dolore e ho notato un leggero sanguinamento (sangue rosso vivo). Il medico dopo avermi visitato mi ha detto che la ragade anale è cicatrizzata e che il sangue deriva da una piccola emorroide esterna. Mi ha consigliato di proseguire con lo psyllogel e di applicare Emorril crema. Cosa mi consiglia di fare? La ringrazio Cordiali Saluti
E ’ possibile che effettivamente si tratti di emorrodi ma valuti l’evoluzione dei disturbi, non escluderei infatti che la ragade si stia ripresentando. Avendo Lei se ben capisco una stipsi.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Pantoprazolo
22 Giu 11 - angelo, 71 anni (id: 117820)
  sono stato operato al cuore(quattro bypass) nel 93 e due mesi fà ho fatto unangioplastica con limpianto di stent non medicato.Di conseguenza sto assumendo dei farmaci. La mia domanda è la seguente: il pantecta è compatibile con lo zir fos? grazie anticipatamente
Egr. Sig. Angelo, sì e va preso 30’ prima di colazione. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Biopsie
22 Giu 11 - Paolo, 51 anni (id: 117819)
  Risultati esame istologico: Due campioni di mucosa fundica sede di ectasie ghiandolari cistiche.HP=0. Due campioni costituiti da mucosa esofagea sede di esofagite e mucosa cardiale sede di iperplasia foveolare e lieve flogosi. HP=0. Due campioni in frammenti sede di iperplasia dello strato basale. Prendo pantoprazolo 40mg da 1 anno e continuerò per un altro anno. Non sono per niente tranquillo.
Ha come legge una esofagite probabilmente da reflusso, il resto non nulla di particolarmente importante sono reperti nei limiti della norma. Non capisco i due anni di trattamento se è per l’esofagite si legga l’allegato.
Malattia_da_reflusso_gastro-esofageo.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Ernia iatale
22 Giu 11 - marcella, 38 anni (id: 117817)
  gentile professore sono una donna di 38 anni sovrappeso (MESSA GIA A DIETA)sofro di ernia iatale se ne sono accorti tramite gastroscopia ed e pure bella grande ma non mi porta tanti fastidi e il dolore non ce lo piu da qualche anno. pero oggi mi succedeva che appena mi abbassavo e mi rialzavo sentivo allaltezza della bocca dello stomaco come se qualche cosa si contorceva ma senza dolori e dopo ritorna a posto e molto fastidioso addirittura io vedo che sopra alla bocca dello stomaco si vedeva un movimento che poi ritorna normale e il tutto e allaltezza dellernia iatale e un sintomo che causa questa malattia sono molto preoccupata la ringrazzio cordiali saluti
Gentile Sig.ra Marcella, i dati forniti sono insufficenti per una diagnosi ed una adeguata terapia, per le quali è anche necessaria una visita medica. Questa può essere fatta dal suo Medico Curante, che le può richiedere gli accertamenti appropriati. Se vuole può contattarmi successivamente. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti
Prof. Mauro Bortolotti

Sospetta proctalgia
22 Giu 11 - KATIA, 38 anni (id: 117815)
  BUONGIORNO,IO DA ANNI HO DOLORI ALLO SFINTERE ANALE,SOPRATUTTO DURANTE L,OVULAZIONE,E LE MESTRUAZIONI,QUESTO DOLORE CONTINUO SI MANIFESTA LA SERA,MA A VOLTE TUTTA LA GIORNATA.HO FATTO VISITE ED ESAMI DI TUTTI I TIPI COMPRESA LA RETTOSCOPIA,ED ERAN NEGATIVI.IO SONO UNA PERSONA MOLTO EMOTIVA E ANSIOSA E I MEDICI MI HAN DETTO CHE POTREBBE ESSERE UNA MALATTIA PSICOSOMATICA,IL PROBLEMA è CHE IL DOLORE IO CE L,Hò,VORREI CHE NMI SAPESTE INDICARE UNA CURA PER POTERE RILASSARE QUESTO SFINTERE .PREMETTO CHE QUANDO DORMO,E MI RISVEGLIO,IL DOLORE è SCOMPARSO,E NEL CASO ANCHE DI UNEVACUAZIONE IL DOLORE SCOMPARE,FORSE PERECHè LO SFINTERE SI RILASSA.IO VEREMENTE MI AUGURO CHE QUALCUN... continua >>
O MI DIA UNA SOLUZIONE,PERCHè è UN DOLORE FASTIDIOSO E CONTINUO.GRAZIE
Potrebbe trattarsi di una variante della proctalgia fugax, la cui esatta origine non è nota, ma si ritiene che essa sia dovuta ad uno spasmo dei muscoli intorno all’ano-retto ed infatti all’esplorazione si avverte una certa accentuata contrattilità di questi stessi muscoli e della pelvi. Non esiste uno specifico trattamento di questo disturbo, ma possono essere utili bagni caldi come la diatermia (terapia in profondità del caldo con speciali sonde) ed i massaggi. Farmaci utili possono essere le benzodiazepine (Valium e derivati).
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Stipsi
22 Giu 11 - serenella, 38 anni (id: 117809)
  sono stata operata 2 volte di endometriosi severa e nellultimo intervento hanno fatto una isterectomia totale conservando solo unovaia. Purtroppo i dolori alladdome continuano. Lendometriosi non ha toccato lintestino. Ho effettuato clisma opaco e colonscopia in cui è emerso che soffro di dolicocolon. IL dolicolon è congenito o può manifestarsi anche in seguito ad altre patologie? hanno asportato molte aderenze peritoneali. Lo stato di infiammazione cronica dovuto allendometriosi può aver contribuito a peggiorare il dolicolon? quale alimentazione dovrei adottare per attenuare la stipsi che mi affligge ormai da anni? il dolore in basso a sx è praticamente continuo ed a ... continua >>
volte mi impedisce di dormire. Dovrei rivolgermi ad un nutrizionista? le feci o sono caprine con presenza di muco oppure ricurve e molto difficili da espellere. Non so più come fare. La ringrazio sin dora per i chiarimenti che mi potrà fornire.
Per la stipsi può seguire i consigli che le allego. Il dolicocolon è di natura congenita ma raramente da stipsi e si studia meglio con un clisma opaco ed non ha nulla a che fare con l’endometriosi. Forse è problema dovuto alle aderenze. Provi a seguire i consigli che le allego.
la_stitichezza2.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Cambio IPP
21 Giu 11 - barbara, 32 anni (id: 117805)
  gentile prof., da circa tre settiamne sto assumendo nexium e motilium per dei sintomi gastrici ricomparsi(ho sempre sofferto di gastrite e il mio medico al cambio di stagione ma ha consigliato di ripetere la cura). purtroppo il nexium mi sta procurando una forte stitichezza così mi è stato detto che posso cambiare con il vecchio mepral che ho sempre usato e ben tollerato. posso sotituirlo dalloggi al domani?(ovviamente nella stessa posologia). la ringrazio moltissimo per lattenzione.
Gentile Sig.ra Barbara, sì, anche se gli IPP non sono consentiti dal SSN per la sola gastrite. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti


Da 3375 a 3390 di 28518