Sei in: Medico on-line > Gastroenterologia

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Gastroenterologia
Referenti
  • Prof. Pier Roberto Dal Monte

  • Già Direttore Dipartimento medico-chirurgico delle Malattie dell’apparato digerente. Ospedale Bellaria-Maggiore. Bologna.

  • Prof. Mauro Bortolotti

  • Professore a Contratto della Specializzazione in Medicina Interna
    Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Bologna
    Policlinico S. Orsola


ultimo aggiornamento 27/11/2014
 
Aree tematiche


Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 26/01/2007
Invia la tua domanda

Domande / Risposte
Stipsi
4 Apr 12 - barbara, 33 anni (id: 121504)
  gentile professore, sono una donna di 33 anni e da sempre soffro di stitichezza. purtroppo nonostante una corretta alimentazione, attività fisica e tutti i consigli "naturali possibili"(sono espertissima) lunica cosa che mi aiuta è il movicol. lho sempre preso molto lontano dai pasti per paura che non facesse effetto, anche saltando la cena per stare a stomaco vuoto ma nei vari forum ho letto che si può prendere anche dopo il pasto. mi saprebbe indicare quando è più opportuno prenderlo e a che distanza dal pasto?
Dovrebbe essere indifferente l’ora in cui si prende il prodotto così come il rapporto con i pasti. I prodotto fa effetto facendo massa intestinale e quindi i liquidi in genere aiutano. Comunque può provare lei stessa quando è meglio per qualche giorno.
Prof. Pier Roberto Dal Monte


Emorroidi
4 Apr 12 - Simona, 29 anni (id: 121495)
  Buongiorno dottore, ormai sono anni che soffro di emorroidi (8anni). Devo dire che mi hanno creato poco fastidio. Ho avuto frequentemente perdite di sangue e qualche dolorino. Alla prima visita il medico mi ha detto che avevo lezioni interne ed esterne. Dopo due settimane di trattamento, la situazione era migliorata. Con il passare del tempo gli emorroidi esterni si sono ingranditi. Comunque, sono sempre stata tranquilla fino a stamattina. Ho avuto una perdità di sangue non indifferente. Non sono riuscita nemmeno ad osservare se il sangue era presente anche nelle feci.Quando ero studentessa soffrivo di stitichezza, ma ormai il problema è sparito e non capisco il perché ... continua >>
di queste perdite di sangue abbondanti. Devo precisare che a volte ho delle fitte al livello del colon che mi tolgono il respiro. Potrebbero essere collegate con gli emorroidi? Mi potrebbe consigliare cosa dovrei fare? Che visite dovrei eseguire? La ringrazio per la disponibilita e le auguro una buona giornata! Cordiali saluti.
Ritengo che intanto si legga l’allegato e quindi è bene che consulti un chirugo generale meglio se è specializzato Lui o il Suo Reparto in proctologia. nel suo caso si può fare anche un intervento di legatura delle arterie emorroidarie o TAD. le emorroidi come vede sono femminili.
Le_emorroidi.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Test lattosio
3 Apr 12 - raffaella, 30 anni (id: 121493)
  Salve, gentilmente mi potrebbe far sapere precisamente come si chiama il test per lintolleranza al lattosio e dove effettuarlo per esserne più sicura in ospedale o anche nei laboratori privati? grazie aspetto una sua risposta
Gentile Sig.ra Raffaella, si chiama breath test per l’intolleranza al lattosio. Lo faccia in ospedale. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Angioma epatico
3 Apr 12 - barbara, 39 anni (id: 121486)
  Gent.mo Dottore, in seguito a dolori ho effettuato unecografia addome completo con la seguente diagnosi: Fegato di volume normale con regolare ecogenicità e struttura. Angiona du 20x18 mm de VII segmento, a sede subcapsulare. Non dilatate le vie biliari intra ed extra epatiche in paziente colecistectomizzata. Reni milza e pancreas eumorfici, Non adenomegalie in addome nè versamento ascitico. Vescica normodistesa con pareti normali senza lesioni neoformate mucose nè calcoli. Utero ed ovaie di normale volume e struttura. Può cortesemente dirmi se devo preoccuparmi di questo angioma? La ringrazio anticipatamente per la sua cortese risposta. Barbara
L’angioma non degenera mai quindi tranquillo. è solo una malformazione inoqua.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Gastrite
3 Apr 12 - Davide, 40 anni (id: 121482)
  Buongiorno la settimana scorsa ho fatto gastroscopia per MRGE : esofago regolare, ernia jatale con mucosa indenne, camera gastrica normoformata con accentuata marezzatura diffusa. Conclusioni macro: ernia jatale e gastrite Cronica, sono in attesa di referto istologico.(preciso che non fumo, sono astemio e sto molto attento alla mia alimntazione) Nel 2006 la Gastroscopia aveva evidenziato ernia Jatale, mucosa gastrica rosea e priva di lesioni( biopsie antro e fondo non alterazioni di rilievo) ricerca hp negativa Nel 2003 1^ gastroscopia con esito lieve marezzatura antrale e hp negativa. Biopsia: flogosi cronica antrale inattiva. In attesa dellesito dellistologico di que... continua >>
stultima EGDS sono preoccupato che queste accentuate e diffuse marezzature siano lesito di una gastrite atrofica! Cosa ne pensa ? sono reversibili? come è possibile che la biopsia del 2006 non abbia evidenziato unlterazione della mucosa evidenziata invece nel 2003? Come è progredita dal 2006 questa gastrite visto che sono sempre stato hp negativo nelle endoscopie del 2003 e 2006 ? La ringrazio per il servizio reso
Apparentemente è solo una gastrite ma ovviamente è l’esame istologico che chiarisce.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Gastrite atrofica?
3 Apr 12 - DAVIDE, 40 anni (id: 121474)
  Buongiorno la settimana scorsa ho fatto gastroscopia per MRGE esito: esofago regolare, ernia jatale con mucosa indenne, camera gastrica normoformata con accentuata marezzatura diffusa. Diagnosi ernia jatale e gastrite Cronica. Nel 2006 la Gastroscopia aveva evidenziato ernia Jatale, mucosa gastrica rosea e priva di lesioni( biopsie antro e fondo non alterazioni di rilievo) ricerca hp negativa Nel 2003 1^ gastroscopia con esito lieve marezzatura antrale e hp negativa. Biopsia: flogosi cronica antrale inattiva. In attesa dellesito dellistologico sono preoccupato di avere una gastrite atrofica è pericolosa? è reversibile? come è possibile che la biopsia del 2006 non abbia evidenziato unalte... continua >>
razione della mucosa evidenziata invece nel 2003? Come è progredita dal 2006 questa gastrite visto che sono sempre stato hp negativo nelle endoscopie del 2003 e 2006 ? La ringrazio per il servizio reso e le farò sapere esito dellistologico
Egr. Sig. Davide, dai referti non risulta gastrite atrofica, ma solo gastrite cronica. Nel 2006 era migliorato ed adesso sembra ritornato ai livelli, in realtà molto lievi, del 2003. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Dispepsia
2 Apr 12 - adriana, 52 anni (id: 121462)
  Gentilissimo Professore la ringrazio per la sua gentile risposta,mi diceva di leggere i consigli allegati ma lallegato non cè sarebbe cosi gentile da rimandarmi lallegato,grazie sin da adesso,sono la Signora che soffre di dolori addominali,mi sono dimenticata anche di dirle che quando mangio mi viene caldo e sudo,ho un diverticolo esofageo nella parte alta dellesofago.
IL problema della sudorazione può dipendere da alterazione del metabolismo degli zuccheri con tendenza alla ipoglicemia, faccia eventualmente una glicemia postprandiale.
Malattia_da_reflusso_gastro-esofageo.doc
Digestione_e_dispepsia.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Neoformazione ileocecale
2 Apr 12 - barbara , 33 anni (id: 121461)
  salve, vorrei farle alcune domande riguardo allo stato di salute di miamadre.lei ha fatto tac addome senza mdc dove è risultata una formazione litiasica coleciste e sopratutto, una formazione a densità adiposa a livello della valvola ileo cecale suggestiva per lipoma. quì mi sono un pò allarmata, quando ho letto lipoma, mi sono ulteriormente informata e ho visto si tratta di tumore!!solitamente sono tumori benigni?o possono anche deteriorare??lei cosa mi consiglia di fare o come, mi consiglia di procedere?? certa di un suo riscontro le porgo i miei cordiali saluti!!
Consiglierei di fare una colonscopia con la quale si vede direttamente la neoformazione descritta.. ed altro eventualmente.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Attacchi di panico
1 Apr 12 - Luca, 34 anni (id: 121455)
  Gentile Professore, le scrivo per chiederle conferma di alcune cure a cui mi sto sottoponendo, aa seguito di una gastroscopia e di alcuni attacchi di panico .Ho sempre avuto una digestione difficile, ed ho sofferto dieci anni fa di attacchi di panico. Quella volta, uscii dagli attacchi di panico con una terapia cognitivo-comportamentale, e dai problemi gastrici con una ferrea dieta , in generale con molta forza di volontà . Ultimamamente si sono ripresentate le medesime sensazione , e cioè : stomaco gonfio postprandiale, nausea, tachicardia, difficoltà a deglutire . A seguito di questo , suo collega gastroenterologo mi ha fatto fare una cura di nexium e gaviscon, nonchè di domperidone pr... continua >>
ima dei pasti. Al proseguire dei sintomi (confusi, nel senso che per ben due volte sono andato al prontosoccorso con senso di oppressione incredibile che sfociava in un attacco di panico) , sono stato messo in cura dal mio neurologo con xanax 0,25 mattina e sera ( che sto riducendo Adesso), e sottoposto a gastroscopia che , in breve mi ha diagnosticato una gastrite da Helicobacter.Cura di lucen 40 mattina e sera, gaviscon, e da domani dovrei affrontare la cura per leradicazione dellHelicobacter, ma la domanda che vorrei porle è : passeranno anche i sintomi ansiosi, che per ben due medici da me consultati sono legati a questo reflusso,a base della sintomatologia ansiosa che sfocia nel panico, oppure mi devo rassegnare ad una cura antidepressiva maggiore per affrontare il problema? Grazie
Egr. Sig. Luca, i suoi disturbi non sono solo legati al reflusso ma anche ad una disfunzione gastrica che richiede accertamenti specifici. Gli attacchi di panico non dipendono dai sintomi gastrici, ma possono essere scatenati da questi. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Diarrea
1 Apr 12 - Giuliana, 78 anni (id: 121453)
  Salve proff., sono circa due mesi che soffro di irregolarità intestinale, ovvero diarrea. Allinizio pensavamo al virus dellinfluenza ma a tuttoggi permane. Ho già fatto due cicli di normix, una volta due cp. Al di ed il secondo, in questa settimana due più due al di. Sto prendendo integratori quali enterogermina prima, poi zirflos ed ora lactoflorene tutti il giorni. Come alimentazione sto mangiando riso in bianco, pasta in bianco ( olio e parmigiano ), carne bianca, prosciutto sia crudo che cotto, pane tostato, banane, omogeneizzati di frutta e bevo tanta acqua mischiata con succo di frutta. Il problema che almeno una volta al giorno vado in bagno sempre molto morbida... continua >>
, quasi con feci sfilacciate e maleodoranti. Ieri poi ho fatto muco con sangue vivo. Dallesame delle feci non risulta nulla. Poi, come mangio qualcosa di diverso mi riesplode la diarrea. Soffro di Parkinson da molti anni e prendo,ovviamente i dovuti farmaci. Le chiedo, dove sbaglio,con gli alimenti ? E poi devonrivolgermi ad un gastroenterolo oppure a qualcun altro? Grazie mille per la disponibilità . Cordialmente, Giuliana
Potrebbe essere anche una diarrea da colite pseudomebranosa ( che si diagnostica con ricerca delle tossine anti clostridium difficile). Comunque un antibatterico più forte potrebbe essere utile ad esempio Flagyl 2 cp per 2 volte al dì mattina e sera.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Test per intolleranza al lattosio
1 Apr 12 - maria, 30 anni (id: 121452)
  Gentilissimo Professor Bortolotti mi può dire il test per lintolleranza al lattosio dove effettuarlo e il nome preciso? volevo chiederle se il latte dellasino è buono per chi è intollerante al latte e dove acquistarlo! grazie aspetto una sua risposta
Breath Test al Lattosio. Il principio della metodica si basa sul fatto che normalmente, in presenza di lattasi, il lattosio (un disaccaride, formato cioè da due molecole di zuccheri unite insieme) viene scisso nell’intestino tenue in glucosio e galattosio, due monosaccaridi (zuccheri semplici) che vengono rapidamente assorbiti dalla mucosa intestinale, senza produzione significativa di idrogeno. Quando esiste un deficit di lattasi, il lattosio arriva indigerito nel colon dove la flora batterica intestinale lo sottopone a reazioni di fermentazione con produzione significativa di idrogeno, metano ed anidride carbonica. Questi gas vengono assorbiti nel sangue ed una parte viene espirata dai polmoni. Il Breath Test al Lattosio misura proprio la quantità di idrogeno che viene espirata prima e dopo la somministrazione di lattosio permettendo quindi di evidenziare la carenza di lattasi responsabile dell’intolleranza. Il Breath Test al Lattosio viene eseguito generalmente al mattino, dopo un digiuno di almeno 8 ore. Per sottoporsi al test, inoltre, è necessario non assumere antibiotici, fermenti lattici e lassativi nei 7 giorni prima dell’esame e cenare la sera prima con riso bollito con olio e carne o pesce ai ferri o bolliti. Il paziente deve inizialmente soffiare un palloncino e subito dopo deve bere 20 g. di lattosio sciolti in un bicchiere d’acqua. Da questo momento, ogni 30 minuti il paziente dovrà soffiare nel palloncino per altre 6 volte. Quindi il test dura in tutto 3 ore.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Diarrea di ndd
31 Mar 12 - maria, 30 anni (id: 121449)
  Salve, soffro da dieci anni di coliche addominali ho fatto ecografia, radiografia, visita dal gastroenterologo, analisi di tutti i tipi anche per la celiachia di tutto questo solo colon irritabile, ma non ne posso più non posso mangiare frutta che mi fa male, non posso mangiare formaggi, bere latte che mi vengono dolori alla pancia e spesso coliche dolori fortissimi tutta la pancia, che smettono solo dopo aver evaquato tutto.Vorrei un consiglio da lei siccome che sono allergica al nichel volevo sapere se il problema di questi dolori sono dovuti da quest allergia e chi medico posso consultare! ho pensato al nutrizionista per il semplice motivo che non riesco ad ingrassare e non potendo mangia... continua >>
re mi sento sempre debole pressione bassa, giramenti di testa e ho anche un pò di anemia non ne posso più... lallergolo lho consultato e mi ha detto di non mangiare gli alimenti che contengono nichel insomma tutto, il gastroenterologo mi ha dato la colonscopia ma lunica cosa che non riesco a fare ho provato di tutto ma non riesco a bere quei 4 litri di acqua con quelle bustine da diluire solo il pensiero mi viene la nausea...vorrei precisare che da neonata ho sofferto con la pancia prendevo latte e facevo solo diarrea sono stata anche ricoverata sempre con la diagnosi di colon irritabile.Grazie aspetto una sua risposta
Gentile Sig.ra Maria, ha fatto il test di intolleranza al lattosio? Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Diarrea di ndd
30 Mar 12 - francesco, 27 anni (id: 121436)
  esimio professor bortolotti,le chiedo una sola cosa.per porre rimedio alla diarrea causata dal lansoprazolo,basta sospendere lutilizzo del farmaco?grazie.distinti saluti
Egr. Sig. Francesco, se la diarrea dipende dal lansoprazolo ,sì; chieda comunque una visita al medico che deciderà se prescrivere indagini appropriate. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Gastrite
30 Mar 12 - Manzo, 28 anni (id: 121434)
  Buon giorno dott. circa un mese fa ho eseguito una gastroscopia con biopsia. La diagnosi che ho letto è: Gasrite cronica in aggregati pseudofollicolari.Cosa significa? Aspetto una vostra risposta. La rigrazio infinitamente
E’ una forma di gastrite talvolta in relazione all’helicobacter pilori. E’ stata fatta la ricerca? E’ da controllare tra uno due anni.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Proctorragia
30 Mar 12 - cesare, 70 anni (id: 121429)
  Scariche diarroiche con tracce di sangue Espongo il mio caso. Tre giorni fa improvvisamente ho avuto diarrea ( scariche più volte al giorno) Mi sono impressionato perché con la diarrea e lo sforzo ho avuto fuoruscita limitata di sangue rosso.L’indomani mi sono recato dal proctologo ( a cui mi ero rivolto anni addietro per l’operazione di emorroidi. Egli non ha riscontrato nulla di anormale né all’ano né al retto ove tuttavia ha trovato soltanto una leggera proctite e mi ha prescritto il Topster a supposte, ed un probiotico Il medico curante al tempo stesso ha confermato quanto posto in evidenza dal proctologo e non mi ha prescritto nulla per la diarrea, tranne che un’al... continua >>
imentazione con più fibre. Chiudo per completezza dicendo che a causa di un’operazione al cuore assumo coumadin e che, a causa di un mio stato ansioso, ho avuto spesso turbe intestinali( sindrome colon irritabile) PS ho riferito del Coumadin ai medici che mi hanno detto che potrebbe essere una causa del sanguinamento. Mi sarebbe gradito avere anche se a distanza un autorevole parere e consigli adeguati.
Effettivamente un non seria infiammazione anorettale può provocare un sanguinamento per chi prende anticoagulanti. Tuttavia se non la già fatto dovrebbe fare una colonscopia come screening antitumorale.
Prof. Pier Roberto Dal Monte


Da 2710 a 2725 di 28776