Sei in: Medico on-line > Gastroenterologia

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Gastroenterologia
Referenti
  • Prof. Pier Roberto Dal Monte

  • Già Direttore Dipartimento medico-chirurgico delle Malattie dell’apparato digerente. Ospedale Bellaria-Maggiore. Bologna.

  • Prof. Mauro Bortolotti

  • Professore a Contratto della Specializzazione in Medicina Interna
    Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Bologna
    Policlinico S. Orsola


ultimo aggiornamento 22/02/2013
 
Aree tematiche


Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 26/01/2007
Invia la tua domanda

Domande / Risposte
Caduta
2 Lug 11 - michele, 30 anni (id: 117945)
  sono caduto da una scala a 5 m dal suolo.dopo circa 3 ore dalla caduta sono iniziati dolori addominali e diarrea e ancora persistono dopo + di 20 ore...cosa mi consiglia?
Spero sia andato al P.S.
Prof. Pier Roberto Dal Monte


Feci galleggioanti
1 Lug 11 - Riccardo, 46 anni (id: 117935)
  Premetto che la domanda puo essere bizzarra:E normale che le faci gallegino nel water?Le mie lo fanno mentre quelle delle mie bambine no.Debbo approfondire?
Egr. Sig. Riccardo, dipende dal contenuto di gas e di grassi. Se ha dei disturbi le faccia analizzare. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Sospetta gastrite
1 Lug 11 - elena, 37 anni (id: 117932)
  Ho fatto i rx del tubo digerente,tutto normale,tranne che non capisco quanto segue.cè scritto...."lo stomaco a margini finemente dentellati al fondo e alla grande curvatura per fatti gastitici e iper succorrea"che cosa significa.Grazie di cuore
Si tratta di verosimile gastrite, faccia anche ricerca helicobacter pilori.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Meteorismo di ndd
1 Lug 11 - Dino, 44 anni (id: 117929)
  Buongiorno Prof. Mi capita in questi giorni di avere un forte meteroismo con pancia gonfia già prima di mangiare e difficoltà ad espellere i gas intestinali. Alla sera quando vado a letto in presenza di meteroismo (solo a letto) avverto una serie interminabile di extrasistoli che cessa soltanto cambiando posizione e cioè stando in piedi o seduto. Ho fatto tutti gli esami per il cuore che non hanno evidenziato nulla. Questo problema gastrointestinale risale ai tempi della mia adolescenza per il quale mi fu prescritto il LEVOPRAID (molto utile). Il medico di famiglia in questi giorni mi ha prescritto lEnterogermina e Mylicon che non si sono rivelati efficaci. Io sapendo che la natura potreb... continua >>
be essere di tipo ansioso (ne sono certo) sarei orientato ad assumere LEXIL o LEVOPRAID e fare eventualmente il test per lindividuazione dellHELICOBACTER. Non avverto dolori nè allo stomaco nè allintestino (effettuo la colonscopia ogni 5 anni). Mangio regolarmente (forse un po in fretta) molta frutta e verdura, non fumo non bevo alcol o bevande gasate nè caffè non soffro di altre patologie. A cosaltro dovro rinunciare per stare meglio? Attendo il suo prezioso consiglio per il meteorismo. Grazie Prof.
Egr. Sig. Dino, sarebbe opportuno effettuare qualche accertamento per lo stomaco e l’intestino da stabilire in base ad una visita perchè il gonfiore addominale può avere molteplici cause. Se vuole può contattarmi al n. 051-307901. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Colon iritabile?
1 Lug 11 - GIUSEPPE, 31 anni (id: 117928)
  Egregio dottore ho già avuto piacere di scriverle e la ringrazio per la sua esaustiva risposta, soffro di colon irritabile vorrei chiederle quando sembra che il mio corpo "funzioni bene" se faccio un qualsiasi sforzo fisico il giorno dopo ho attacchi di dissenteria è possibile che le due cose siano collegate?, è possibile che non riesco a star bene per più di una settimana? I miei dolori si concentrato principalmente sulla flessura epatica mi rendo conto di essere un soggeto ansioso ma anche quando sono più che rilassato ho attacchi di colon irritabile come appunto dopo una nuotata o uno sforzo fisico. Per finire ci sono momenti che mangio qualsiasi alimento e sto bene altre che qualsiasi co... continua >>
sa mangio non riesco a digerirla sono veramente giù di morale. Ringraziandola anticipatamente colgo loccasione per porgere i miei più distinti saluti.
Egr. Sig. Giuseppe, i sintomi sembrano quelli tipici del colon irritabile, ma vi sono altre malattie intestinali organiche e funzionali che vanno escluse con esami da stabilire in base ad una visita. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

sospetta sindrome influenzale
30 Giu 11 - Adriana, 62 anni (id: 117925)
  Caro dott. La ringrazio in antcipo per la disponibilita. Io ho dei dolori intercostaleche dopo passano al petto e mi vengono delle rutazioni e mi bruccia la gola che cosa puo essere. Grazie
E’ PROBABILMENTE UNA SINDROME INFLUENZALE, PASSERA’ O è GIA’ PASSATA DA SOLA
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Ulcere gastriche
30 Giu 11 - RobertaR., 40 anni (id: 117922)
  Buonasera, ieri sono stata dimessa dallospedale per melena. Il referto della esofagogastroduodenoscopia è il seguente:Esogafo regolare per calibro e decorso.Cardias in sede, ipocontinente.Stomaco:lago mucoso limpido,tinto di bile.Mucosa del fondo-corpo regolare.In antro presenza di lunga erosione lineare e 2 ulcere, una angolare poco escavata di max 5 mm, laltra di max 10 mm rotondeggiante a margini netti, elastici, ricoperti da fibrina: eseguite biopsie sui margini di tali lesioni.Piloro pervio.I e II duodeno nella norma.Conclusioni: ulcere antrali. Forrest LLC. Mi hanno dato come cura per 1 mese: gastroprotettore, acido folico e ferro. Cosa ne pensa? Cosa posso mangiare e bere e cosa evi... continua >>
tare? Devo preoccuparmi?
Gentile Sig.ra Roberta, per stabilire il da farsi occorre conoscere esattamente la terapia, vedere la risposta delle biopsie, sapere se vi è HP e ripetere la gastroscopia dopo un mese di terapia. Le allego una dieta per MRGE che va bene anche per l’ulcera. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Dieta CUP 2000.doc
Prof. Mauro Bortolotti

Sospetta laringo-faringite
30 Giu 11 - gianluca, 44 anni (id: 117920)
  Egregio Prof., salve. Mi e stata diagnosticata da un paio danni circa con 2 EGDS (una convenzionale ed una transnasale) una esofagite da reflusso classe A con ernia iatale 2cm. e cardias parzialmente incontinente)...dopo un lungo peregrinare da uno specialista all altro (cardio,pneumo,ecc.) perche i miei sintomi piu importanti che mi riducono assai la mia qualita della vita sono respiratori, cioe ho difficolta respiratoria comunque sempre,tosse,affanno,globo e muchi in gola che non escono mai,ma omnipresenti, la laringoscopia ha evidenziato faringite cronica,laringite posteriore catarrale,ecc. Anche prendendo da 3 anni circa la triade completa di medicine per la patol... continua >>
ogia, non mi sortisce alcun effetto beneficio...ora il dottore sta provando 120mg. al di di pantoprazolo(un ppi test?)e poi forse mi fara una ph-impedenz. per poi decidere il da farsi. La mia domanda e cortesemente: davvero questi miei sintomi definiti atipici od extraesofagei appartengono al 100% al reflusso? Non che sia consolante,xke mi fan davvero vivere malissimo, ma almeno so che ho...e, se si,visto ke sembro non rispondere alla terapia, la soluzione sarebbe quella chirurgica? Dopo, non dico subito, ma nel tempo, spariranno anche questi invalidanti sintomi respiratori/laringoiatrici? Grazie, saluti.
Egregio signore,in questi ultimi tempi si è molto posto molto l’accento sul fatto che il reflusso provochi i disturbi più vari alle vie respiratorie superiori, la cosa non è completamente convincente e in un certo senso il suo caso lo dimostra: non ha ottentuto alcun risultato con la terapia antiacida (a dosaggi estremamente elevati) che avrebbe dovuto guarirla. Quando non si capisce bene la causa di un evento morboso ci si attacca a quello che potrebbe essere... Comunque faccia la pH metria e si veda anche l’allegato. Se è negativa insista per approfondire il suo problema con l’otorino (allergia, fumo?).Con saluti,
Malattia_da_reflusso_gastro-esofageo.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

dolori addominali di ndd
30 Giu 11 - antonio, 69 anni (id: 117917)
  Gent.mo dott.re, dallanno scorso soffro di dolori addominali (quadrante inf sx) che si estendono dietro la schiena.In prima analisi ho effettuato una colonscopia e sono stati riscontrati diverticoli multipli preval. a sx e un po a dx, un polipo minimo che dallesame istologico è risultato essere un adenoma tubulare. Da una tc addominale sono stati accertati calcoli al rene sx ed una area ipodensa di 20mm al pancreas di non univoca collocazione nosografica(adipe altro?).Il gastroenterologo mi ha prescritto ramnoselle e normix x i primi 10 gg di ogni mese attribuendo i dolori ai calcoli. Dopo due litotrissie i calcoli non risultano più in sede ma continuano i dolori. Può essere che invece i dol... continua >>
ori sono attribuibili ai diverticoli?E il pancreas? Mi avevano indicato una RM ma solo per scrupolo in quanto tra tutte le altre indagini quella lhanno messa per ultima.Ho paura di eventuali neoplasie al pancreas.Il dolore dopo spasmex e/o toradol scompare ma per poco. Sono anche un tipo ansioso ed iperteso (prendo libradin e prinivil) e soffro di claustrofobia, prendo anche dello xatral per la prostata.Mi consiglia, in linea generale, che approccio intraprendere?Cambiare gastroenterologo?Esami per il pancreas?Graziedolori addominali
Egr. Sig. Antonio, approfondirei gli accertamenti. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Sospetta gastrite in obesa
30 Giu 11 - SIMONA, 38 anni (id: 117915)
  è da ieri pom che ho mal di stomaco e la sensazione di avere tutto laddome (fino al seno) pieno daria e dolorante al tatto anke se nn ho stimolo a fare flatulenze. in certi momenti il dolore mi prende anche la schiena. non ho cenato ieri nè pranzato oggi ma la sensazione non si allevia. sono in cura per ipertensione, bile torbida, ovaio policistico, depressione e ipercolesterolemia. sono in paranoia e sto pensando a cose atroci.. help.. grazie
Penso che abbia fatto" un’indigestione" e comunque abbia una foma di gastrite acuta con interessamento di tutto l’addome. Anche se forse ora sta meglio sarebbe opportuno che si mettesse a dieta, poichè lei è una grave obesa e questo non le giova all’organismo in generale.In sintesi ha una s metabolica che a seguito dell’abbondante dieta ora le ha dato problemi digestivi che lamenta.
La_sindrome_metabolica_1.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Sospetto neo metastatico pancreatico
30 Giu 11 - mirella, 40 anni (id: 117914)
  Egregio prof. Dal Monte, mia mamma, 75 anni, ha subito asportazione del rene per tumore nel 1995 ed interferone 2 cicli, da eco 2010 si evince massa scura al pancreas, da tec con contrasto si evince un diverticolo, ecografia addome completa giugno 2011 tutta negativa ma il pancreas non si vede per bolla daria, gli esami del sangue però hanno un valore alto, ca 19-9 gica 36 (valori normali 0<35), ora rifarà la tac con contrasto, la dott.sa teme cancro al pancreas per questo valore, il resto degli esami sono perfetti, solo leggermente basso il potassio ed il cloro. mi devo preoccupare per questo valore alto nonostante sia di cosi poco? la mamma stà bene e non ha nessun di... continua >>
sturbo a parte un po di stitichezza e comunque non da oggi, da anni. grazie mille, sono in pensiero, tanto
Deve fare una TAC poichè il rene può dare metastasi pancreatiche.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Sospetta s.Postcolecistectomia
29 Giu 11 - Aldo, 65 anni (id: 117902)
  Circa 6 anni fa fui operato di colecisti in in via laparoscopica, Da quella data sono iniziati i miei disturbi con conseguenti visite specialistiche: urologia, gastroenterologia, medicina interna, neurologia, psichiatria con relative diagnosi e cure. Dopo una vista chirurgica e relativa terapia per prolasso emorroidario non attenuato dai farmaci,sicuramente il responso sarà quello di operarmi. Riflettendo sulla mia sintomatologia. Sono arrivato alla determinazione che i miei disturbi hanno un unico denominatore, l’assenza della colecisti e quindi dei disturbi relativi: colite spastica, infiammazione intestinale,IPB ,emorroidi, metereorismo diffuso, ernia jatale da sci... continua >>
volamento, gastrite. ecc. Se da un lato esistono i gastroprotettori (a vita?) non credo ch ci possa essere un farmaco che difenda l’intestino dall’azione corrosiva dei sali biliari che non trovando il suo serbatoio naturale (colecisti) si riversano nell’intestino già sensibile, provocando una serie di disturbi classificasti dalla medicina parcellizzata in diagnosi varie e non hanno mai tenuto conto di tale mia condizione. So benissimo che esistono persone che sono stato operate di colecisti che hanno una vita normale e che si alimentano quasi?di tutto. Allora mi chiedo perché la chirurgia nasconde il destino del colecistectomizzato e continua nella sua opera di interventi a volte quasi inutili, giustificandosi che l’intervento è necessario e a volte non è sempre necessario?
Forse lei ha la sindrome postcolecistectomia o da malassorbimento di bile, si verifica dopo l’intervento di colecistectomia(o asportazione della cistifellea generalmente per calcolosi biliare) per alterato riassorbimento intestinale della bile stessa. Si caratterizza con dolore addominale a cui succede spesso diarrea con feci giallastre o verdastro-scuro. La bile infatti essendo costituita anche da sali biliari ha effetto irritante e lassativo, se non assorbita normalmente dall’intestino, specie dopo introduzione dei cibi: questi, specie ai pasti principali, stimolando la peristalsi stimolano anche il passaggio della bile stessa non bene mescolata ai cibi nell’intestino con l’effetto sopradescritto e preceduto da dolori e borborigmi (movimenti intestinali accentuati e rumorosi). Come terapia si consiglia di prendere un farmaco che adsorbe i sali biliari rendendoli meno attivi, la Colestiramina: una bustina prima dei pasti principali. E’ bene far precedere la stessa terapia da un disinfettante anche a livello intestinale come tipo ciprofloxacina cp da 500 mg per 4-5 giorni. P.R.Dal Monte.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Sospetta rino-faringite
29 Giu 11 - Luca, 42 anni (id: 117901)
  Premetto che soffro di reflusso esofageo diagnosticato 3 anni fa con EGDS che curo con Pantoprazolo 20 mg die + Gaviscom. Da una risonanza è stato individuata una deviazione del setto nasale con ipertrofia turbinati. Ultimamente digerisco bene e non ho bruciori di stomaco ma ho catarro che mi si ferma in gola e che a me pare venire da una “zona” retro nasale che mi costringe a schiarire la gola spesso e la cosa si accentua dopo i pasti. Il catarro è gelatinoso e colloso , trasparente chiaro e raramente giallino brillante quando tiro su energicamente con naso espellendolo dalla bocca Ho inoltre un’ugola molto allungata (ipertrofica) che mi tocca la lingua ! Alla matti... continua >>
na mi alzo con bocca impastata e secca perché tendo a dormire con la bocca aperta . Il medico è perplesso poiché non sa se il disturbo è conseguenza del reflusso o di qualcosa che deriva dal naso e per questo mi ha prescritto una EGDS e una visita dall’otorino. A suo parere la procedura è corretta ? Grazi mille.
Ritengo sia più una rino-faringite che farei valutare da un otorinolaringoiatra.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Postumi gastrorseszione per UD
29 Giu 11 - Andrea, 37 anni (id: 117897)
  Buon giorno, mi hanno operato di "ulcera duodenale sanguinante" un mese e mezzo fa. Dopo una degeneza ospedaliera di 10 giorni mi è stato detto di prendere 2 compresse di pantoprazolo da 40 mg al giorno per 40 giorni. Da ieri sto tentando di contattare il medico della clinica per sapere come mi devo comportare ma non ci riesco. Secondo Lei posso ridurre la dose ed in che modalità? Distinti saluti
Ritengo che la cura vada bene, poichè forse le hanno asportato un pezzo di stomaco deve fare pasti piccoli e spesso, infine poichè l’ulcera ormai è una rarità farei un dosaggio dellla gastrina e più avanti ricerca dell’Helicobacter.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Ipersalivazione
28 Giu 11 - susanna, 35 anni (id: 117892)
  Buona sera,Professore.Sono una cantante lirica.Il mio grande problema consiste nella eccessiva salivazione durante i concerti a tal punto che devo deglutire di continuo altrimenti mi si rompe la voce.Come posso risolvere questo problema?Grazie.
Gentile Sig.ra Susanna, occorre valutare la causa della slivazione, che può essere MRGE, disfunzioni ghiandole salivari, problemi stomatologici mediante esami da stabilire in base ad una visita. Ho in cura diversi cantanti lirici tra cui alcuni hanno problemi simili. Se vuole può contattarmi al n. 051-307901. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti


Da 2710 a 2725 di 27880