Logo ricerca con Google


Sei in: Medico on-line > Gastroenterologia

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Gastroenterologia
Referenti
  • Prof. Pier Roberto Dal Monte

  • Già Direttore Dipartimento medico-chirurgico delle Malattie dell’apparato digerente. Ospedale Bellaria-Maggiore. Bologna.

  • Prof. Mauro Bortolotti

  • Professore a Contratto della Specializzazione in Medicina Interna
    Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Bologna
    Policlinico S. Orsola


ultimo aggiornamento 27/11/2014
 
Aree tematiche


Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 26/01/2007
Invia la tua domanda

Domande / Risposte
Cistite ed enterite
11 Mag 12 - Falvio, 27 anni (id: 122113)
  Buongiorno! vi scrivo per sottoporvi un mio problema con bruciori minzionali e successivamente stimolo di andare di corpo duramente il giorno spesso con dolori di pangia e feci di colore giallo chiaro pastose.. Il mio medico di base mi a fatto eseguire esami specifici tra cui tampone uretrale + abg e urinocultura +abg e urine con seguente esito TAMPONE URETALE FLORA ISOLATA ENTEROCOCCUS FECALIS CARICA BATTERICA DIVERSE COLONIE URINOCULTU.POSITIVO ENTEROBACTER FRA 50.000 E 100.000 URINE.. CELLULE BASSE VIE ALCUNE LEUCOCITI NUMEROSI IL RESTO NELLA NORMA ANTIBIOGRAMMA Nitrofurantoina intermedio trimetoprim+sulfametazolo intermedio gentamicina sen... continua >>
sibile acido nalidixico intermedio ampicillina intermedio co-trimosazolo intermedio norfoxacina sensibile ceftazidime sensibile trimetoprim intermedio Terapia consiglia dal mio medico di base Diezime Fiale 1 al giorno x 7 giorni il bruciore rispetto a prima e notevolmente migliorato ma i dolori di pangia a tutto ora persistono lievemente con delle difficolta nel fare le feci andando spesso per liberandomi del tutto e successivamente si ripresenta il fastidioso brucione nel urinare dopo fuoriuscite di feci..Poiche ho eseguito tale ciclo antibiotico in base a tele batterio che probiotico mi consigliate otre a una sua valutazione al riguardo grazie!
Egr. Sig. Falvio, non posso dare nomi di farmaci o probiotici: il suo medico è in grado di darle un valido probiotico. Tengo a precisare che il Diezime è cefodizima e non ceftazidime, cui è sensibile il germe. Se l’enterite non migliora dovrà fare altra visita ed eventualmente altri accertamenti. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti


Vomito
11 Mag 12 - alex, 37 anni (id: 122112)
  Gentile professore buongiorno,ringraziandola per il tempo dedicatomi e scuandomi per quello sottrattole le sottopongo il mio quesito: il problema riguarda mia figlia,a giugno 3 anni,da diverso tempo,forse anche un 1 anno o piu sporadicamente,dimostrava conati di vomito a volte seguiti da vomito altre no,a volte anticipati da qualche colpo di tosse altri senza,essendo una cosa sporadica non ci abbiamo mai dato peso,ora pero da circa 15gg la cosa accade sistematicamente tutti i giorni,ma specialmente al risveglio mattutino o dopo il riposo pomeridiano,abbiamo fatto visita otl: gli ha trovato rinite vasomotoria a sospetta base allergica,tubarite catarrale,varici sul setto post.,laringite da re... continua >>
flusso. Cura con acqua di tabiano,beltelan per 6gg,ranidil,gastrotuss,aerius 4ml la sera,a distanza di una settimana la situazione rimane stabile,non migliora,o meglio ha superato il problema acuto della tosse,anche il naso e migliorato,ma permane il problema cronico ormai..i conati di vomito,ho prenotato un day hospital per il 31 di Maggio,vorrei pero sapere se a suo avviso posos fare qualcosa per giungere alla diagnosi nel frattempo. la bambina spesos ha prurito al corpo a dire del pediatra ha una lieve dermatite atopica,difatti ho notato che con il bentlan+sta bene. Attendendo suo eventuale parere sulla possibile diagnosi la ringrazio. Fosse ilr eflusso con il ranidil ed il gastrotuss sarebbe dovuto migliorare e quindi sarebbero dovuti sparire i conati? dovreiprovarecondeiprocine
Data la presenaza di dermatite ed altri disturbi valuti se non ha anche n’intolleranza al glutine, se non ha già fatto tale esame.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Intolleranza al lattosio
10 Mag 12 - gavina, 28 anni (id: 122107)
  Buonasera Dottore...due giorni fa ho fatto il breath test per lintolleranza al lattosio...il risultato del test è il seguente malassorbimento del lattosio...guardando il grafico la curva sala al livello massimo che è di 120 (non è espressa lunità di misura)...(volendo potrei farle una foto del grafico e farglielo avere per poter valutare meglio....stasera sono stata dal medico di famiglia che mi ha detto di prendere delle pastiglie prima di mangiare quanto so che potrei star male...ora mi sorge un dubbio....non sarebbe preferibile fare una dieta per un pò e poi promare a rimangiare gradualmente cibi con lattosio per capire fino a che punto lo tollero, in modo da capire quali sono le situazio... continua >>
ni in cui devo ricorrere alla pastiglia?grazie
Sì segua i consigli allegati.
Intolleranza_al_lattosio[1].DOC
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Colon irritabile?
10 Mag 12 - Filippo, 25 anni (id: 122105)
  In merito al quesito id: 122007 mi permetto di approfittare ancora una volta della sua gentilezza. Attualmente lalvo è migliorato (non più diarroico), ma permane meteorismo e leggera dolorabilità alla zona lombare (in partic. verso sx). Il mio medico dice che è un fatto di stress e non ritiene di dover approfondire. Cosa ne pensa? Ritiene utili ulteriori accertamenti? Il colon irritabile può dare questa sintomatologia? Cordiali saluti
Egr. Sig. Filippo,per definire un colon irritabile occorrono almeno 3 mesi di sintomi. Si faccia seguire dal suo medico. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Postumi d’intervento rettopessi
10 Mag 12 - manuela, 41 anni (id: 122104)
  Circa unanno fa sono stata operata di prolassectomia con anoplastica. Poco dopo lintevento ricomparsa di sanguinamento e dolore per levacuazione. Ho usato Antrolin e colostrum senza beneficio. Premetto che non riesco a trovare una regolarità intestinale. Ora a seguito di visita proctologica mi hanno riscontrato :ragade cronica anteriore poco sintomatica; gavacciolo trombizato alle ore 7; proctite acuta; lacerazioni mucose perianali. Mi è stata somministrata questa terapia: venoruton bustine 1 bustina per 2 al dì per 30 gg; colostrum gel 1 applicazione esterna al dì per 15 gg.; pentacol gel rettale 1 applicazione la sera per 15 sere; rx tempo di transito intestinale fra 45 gg. Ho già lappunta... continua >>
mento per la colonscopia fra 3 mesi.Devo fare una visita di controllo fra 4 mesi. Vorrei farle presente che sono allegica al nichel. Ora la domanda che vorrei farle è questa: è possibile che lintervento eseguito un anno fa non sia riuscito? Può essere lallergia al nichel una causa della non rimarginazione della ferita post-operatoria con conseguente situazione odierna? Ad oggi, ho iniziato la terapia con venoruton, colostrum e pentacol da 5 gg. ma non riscontro nessun sollievo sia nellevacuazione sia durante il giorno perchè ho quasi costantemente bruciore. E possibile che non riesca a tollerare nessun tipo di pomata?(anche il decorso post.-operatorio di un anno fa non è stato dei migliori) Cosa mi consiglia di fare? La ringrazio fin da ora per il tempo che vorrà dedicarmi.A presto
E’ possibile che in realtà non sia ancora guarita nè dalla ragade nè dalla ferita operatoria. Forse è bene che intanto faccia un antibatterico come ad esempio il metronidazolo (flagyl 250 4 al dì) x 10 gg, il resto che fa mi sembra poco efficace. Quindi se persistono i disturbi regolarizzando anche l’alvo se stitico consulti un vero proctologo chirurgo è possibile che sia necessaria una sfinterectomia. Il nichel non c’entra.E ritengo che una colonscopia non chiarisca più di tanto il quadro.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Vomito
10 Mag 12 - manuel, 20 anni (id: 122097)
  Da circa 6 mesi ho incominciato ad avere nausee al mattino appena sveglio associate a bruciore di stomaco e lievi dolori sempre allo stomaco.A volte la nausea è più forte e arriva anche il vomito.Tutto questo mi passa verso le 3 di pomeriggio, per poi ripresentarsi la mattina dopo.Da dicembre sono diminuito di 10 chili, perchè in questo stato mangio pochissimo.Ho fatto vari esami: analisi del sangue, intolleranze alimentari,ecografia addominale ( fegato ingrandito con aspetto diffusamente steatosico)e gastroscopia (piloro a lungo spastico , pervio). Sto prendendo Domperidone 10 prima dei pasti, ma non cè alcun miglioramento.In pratica nessuno ha saputo dirmi da cosa è ... continua >>
provocata questa nausea. Cosa posso fare?
Mi scuso per il ritardo ma veramente non saprei cosa suggerirle oltre a quello che ha già fatto, comunque suggerirei di fare ricerca H.P. valutare se va bene con l’intestino ed infine se tutto è negativo faccia anche una TAC cerebrale.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Videocapsula
8 Mag 12 - patrizia, 58 anni (id: 122065)
  a causa di una presenza di decessi x tumori dellapparato digerente nella mia famiglia penso di eseguire una endoscopia e gastroscopia. Provo repulsione x i sistemi invasivi e una gastroscopia non proprio indolore sperimentata anni fa, non mi incoraggia a ripetere lesperimento.Desidero sapere se ce la possibilita di effettuare una endoscopia elettronica - metodo basato sullingestione di una capsula con microcamera - a Roma o zone limitrofe. in attesa di risposta ringrazio e saluto
Gentile Sig.ra Patrizia, in genere l’USL passa tale tipo di esame solo in casi particolari nei quali nè la gastroscopia nè la colonscopia hanno dato indicazioni e non a scopo preventivo. Tuttavia potrà sicuramente trovarlo a pagamento a Roma presso qualche grande ospedale o casa di cura.
Prof. Mauro Bortolotti

Emorroidi e colon irritabile
8 Mag 12 - giorgio, 40 anni (id: 122063)
  Gentilissimi Dottori Vi chiedo alcuni consigli sul da farsi Soffro di Colon Irritabile ed ho Emorroidi di 3° grado va di corpo regolarmente tutti giorni 2 volte , la mattina, con feci spesso molli ed, soprattutto dopo la prima volta, con forma piatta.Soffro anche sporadicamente di una sensazione di incompleto svuotamento verso la sera... Ho fatto vari analisi: sangue occulto nelle feci, anoscopia, coprocultura delle feci tutti con esito negativo anche se le emorroidi, specie quando mi sforzo, sanguinano un pò , il protctologo mi ha detto che è normalissimo... mi preoccupa il fatto di fare però abbastanza di frequente le feci schiacciate, soprattutto quando le meorroidi sento che sono ... continua >>
infiammate é normale questo ? o dipende più dal mio Colon irritabile ? Il mio proctologo dopo varie anoscopie mi ha detto che per il momento non è necessaria una coloscopia , assicuradomi che il sanguinamento è dovuto alle mie emorroidi di 3° grado e di non dare troppo peso alla forma delle feci.... Cosa ne pensate ? grazie....
Per il colon irritabile RITENGO che esso sia la causa dei suoi disturbi intestinali ( si veda l’allegato). UN QUANTO LE EMORROIDI RORSE E’ VENUTO IL MOMNO DI OPERARSI ANCHE CON PIU’ MODERNI SISTEMI COME LA LEGATURA DELLE ARTERIE EMORROIDARIE.
Le_emorroidi.doc
Colon_irritabile_(4).doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Calprotectina
8 Mag 12 - elisa, 22 anni (id: 122061)
  Le volevo porre una domanda, circa due settimane fa ho fatto gli esami di ricerca dellantigene helicobacter pylori nelle feci, calcprotectina fecale e sangue occulto su tre campioni, il risultato è stato: helicobater pylori negativo, calcprotectina < 300, sangue occulto 0 su tutti e tre i campioni. sono affetta da ernia iatale e gastrite cronica quiescente diagnosticate a luglio 2011, le volevo chiedere se è grave avere la calcprotectina così alta, ho anche fatto lgi esami di VES e PCR, rispettivamente 4 e > 0,04. devo fare altri esami di controllo e rifare la calcprotectina? la ringrazio
Gentile Sig.na Elisa, la calprotectina è un indice generico di flogosi intestinale che può aumentare in svariate condizioni per cui senza una visita clinica che possa indirizzare le ricerche non è possibile scegliere tra numerosi esami tra i quali ve ne sono anche di invasivi. Questa può essere fatta dal suo Medico Curante, che le può richiedere gli accertamenti appropriati. Se vuole può contattarmi successivamente al n. 051-307901. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti
Prof. Mauro Bortolotti

Diarrea di ndd
8 Mag 12 - mariya, 49 anni (id: 122058)
  sono 8anni di sofferenza dopo la colicistectomia . diarrea 4 5 volti al gg.colore verde mucose e schumose ogni tanto e dolori addominale.fatti tutti esami tutto negativo.colonoscopia non sono riuscita a fare, non riesco stare a digiuno.che cosa devo fare, sono molto preoccupata.Grazie
Gentile Sig.ra Marija, effettivamente può capitare dopo colecistectomia che cominci una diarrea. Dovrebbe fare un’ecografia con stimolazione biliare oppure un dosaggio dei sali biliari nelle feci. Se ha difficoltà mi può chiamare al n. 051-307901. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Vomito
7 Mag 12 - alex, 37 anni (id: 122043)
  Gentile Prof.mia figlia Giulia,3 anni,da diverso tempo al risveglio ha gonati di vomito ha fatto visita otl:RINOPATIA VASOMOTORIA A SOSPETTA BASE ALLERGICA CON DIFFUSE VARICI NELLA REGIONE POSTERIORE DEL SETTO. LARINGITE POSTERIORE DA REFLUSSO.TUBARITE MUCOSA BILATERALE. TERAPIA: RANIDIL SOSP. 4ML PRIMA DI COL. E CENA; GASTROTUSS 1 CUCCHIAIO DOPO I PASTI; AERIUS 4ML LA SERA PER 30GG,BENTELAN 0,5 1CX2X3GG,POI 1 C AL DI PER 3GG;ACQUA DI TABIANO 1 BOTTIGLIA AL DI PER 15GG. Giulia,3 anni a Giugno,ha iniziato la terapia da 2 gg,ma non significativi miglioramenti,la notte naso serrato,colpi di tosse,e soprattutto la mattina appena sveglia colpi di tosse e gonati di vomito. Era una bambina cosi... continua >>
gioiosa ed allegra,ora es empre in tensione,piagnucolosa,capricciosa,con il nasino chiuso e colante. e anche vero pero che i gonati di vomito appena sveglia gli aveva anche prima,a mio avviso ora la tosse e un evento nuovo che si e sovrapposto,la pediatra gli trova la gola arrossata e ci ha dato aerosol + supposte di flumarin a suo avviso lotl non ha potuto vedere il reflusso con la laringoscopia. Boh,vorrei tanto far trovare serenita alla mia piccola,la prego mi aiuti a trovar la soluzione q gonati di vomito e tosse appena sveglia,cosa devo fare? ho programmarto un day Hospital per il 31 di Maggio,ma lo vedo cosi lontano,non riescono a farmelo prima. Puo essere un allergia alimentare? (ha una liete dermatite atopica dice la ped) GRAZI
provi a fare anche i test d’intolleranza al glutine.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Terapia MRGE resistente
6 Mag 12 - luigi, 47 anni (id: 122035)
  buonasera prof.il mio problema e lo stomaco, da tanto tempo mi hanno csopereto facendo una gastoscopia una gastrite con rigurgito esofageo naturalmrnte prendo il lucen da 20 pero ogni tanto ho dei problemi.E possibile sapere come mai?Il mio medico dice che forse ho un ernia iatale.Puo essere.Grazie
Egr. Sig. Luigi, i dati forniti sono insufficenti per una diagnosi ed una adeguata terapia, per le quali è anche necessaria una visita medica. Se vuole può contattarmi successivamente. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti
Prof. Mauro Bortolotti

Lieve ipergastrinemia
6 Mag 12 - mariaelena, 67 anni (id: 122027)
  Egregio Prof Per il reflusso gastrico e prechè prendo cardioaspirina, assumo PANTORC Ho fatto lanalisi della GASTRINA ed è 168 (1-100) ho letto che prima non dovevo assumere PANTORC. Chiedo a Lei cortesemente se è vero e poi una spiegazione, perchè assumere un farmaco se fa alzare il valore della GASTRINA? Scusi lignoranza e per cortesia mi dica cosa fare, ho letto che è unanalisi molto importante. Grazie per la sua costante disponibilità Mariaelena
L’aumento della gastrina durante la somministrazione di un inibitore della pompa acida è pressochè fisiologico, poichè l’organismo in cui si blocca la secrezione dell’acido tenta anche se non ci riesce a stimolare la produzione dell’acido che noi giustamente, se necessario, blocchiamo. Non è quindi un problema di cui preoccuparsi poichè non crea alcun disturbo aggiuntivo e se si sospende l’antiacido il tutto rientra nela norma.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Diarrea
5 Mag 12 - Domenico, 35 anni (id: 122020)
  Egr. Professore,da 10 anni ormai ho problemi di diarrea quotidiana (feci mai normali, ma molto malformate poltacee e a volte liquide),con forte meteorismo e flatulenza, specie la mattina e dopo i pasti.Ho consultato vari gastroenterologi e fatto tutti gli esami necessari (due colonscopie senza biopsie in quanto non ritenute necessarie, esami del sangue copresi quelli per identificare uneventuale celiachia, esami delle feci, clisma opaco, ecografia addome, breath test lattosio, lattulosio, glucosio, rx tenue, esami allergologici), tutto nella norma salvo aver riscontrato un dolicocolon ed essere risultato positivo al breath test al glucosio. Dopo aver assunto diversi farmaci per il colon irri... continua >>
tabile senza alcun risultato (solo con i probiotici ho avuto un leggero e temporaneo miglioramento), il mese scorso ho fatto un ciclo di bimixin 1 compressa al dì per una settimana ed ho avuto un netto miglioramento anche se non sono guarito ( le feci si sono normalizzate ma continuo ad avere una scarica di diarrea una volta ogni 7, 10 giorni ed il meteorismo è diminuito notevolmete ma non scomparso).Cosa ne pensa? Secondo Lei,visto che sono migliorato ma non guarito, è opportuno adesso fare qualche altro ciclo di antibiotico, utilizzando il ciproxin al posto del bimixin e se sì quante capsule al giorno mi consiglia di prendere e per quanto tempo. Quanti cicli si possono fare? Nel ringraziarLa anticipatamente per la Sua cortese attenzione e per la risposta, Le porgo cordiali saluti
E’ possibile che si tratti di un dismicrobismo intestinale o disbiosi intestinale , detto anche colon irritabile postinfettivo che è un’ irritabilità della mucosa del colon a causa di dismicrobismo o disbiosi intestinale, che si crea a seguito del cambiamento parziale della normale flora intestinale con sopravvento o prevalenza di flora patogena che da un’infezione gastrointestinale. Infezione che si può sviluppare in maniera acuta o non immediatamente apparente, a seguito generalmente di ingestione di cibi guasti o scarsa igiene, uso di potenti antiacidi o anche di alcuni antibiotici, con irritabilità che, permanendo i germi che l’hanno creata, poi si mantiene producendo i suoi effetti continuativamente o ciclicamente, specie se si ha l’intestino particolarmente sensibile. Nell’intestino, e soprattutto nel colon o intestino crasso, si produce gas ed anche muco con meteorismo e flatulenza, dolore addominale e diarrea liberatoria o alternanza di stipsi e diarrea. Può essere utile in questi casi sospendere i latticini, prendere dei probiotici (ex fermenti lattici) od uno yogurt ricco di probiotici, ma se i sintomi non migliorano è utile aggiungere un disinfettante/antibiotico per qualche giorno tipo la neomicina/bacitracina (bimixin), la ciprofloxacina 500 mg 1 cp x 5-6 gg., la tetraciclina o un suo derivato (doxiciclina) od il metronidazolo. Se i disturbi sono molto accentuati sarebbe bene far precedere la terapia da una coprocoltura, ma rararamente si riesce ad identificare il germe che ha creato il problema.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Colecistectomia
5 Mag 12 - ALESSIA, 37 anni (id: 122018)
  gentile dottore sono stata operata di colicistectomia due settimane fa dopo 4giorni dolori forti come prima febbre a 38.5 al p.s.risulta analisi con globuli bianchi altiasl got a 600 lipasi ed amilasi normali.mi portano di nuovo in sala per un lavaggio peritoneale e drenaggio fatto antibiotici.ora al controllo sono stata dimessa 5giorni fa i valori dei wbc ed asl got sono normali ma ho le lipasi a 420 valori massimo 200.cosa sta succedendo?la prego mi aiuti perche ho paura che ce qualcosa che non va.grazie
Gentile Sig.ra Alessia, non conoscendo in dettaglio le sue condizioni pre e postoperatorie non posso darle che il consiglio di contattare subito il chirurgo che l’ha operata. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti


Da 2710 a 2725 di 28904