Sei in: Medico on-line > Gastroenterologia

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Gastroenterologia
Referenti
  • Prof. Pier Roberto Dal Monte

  • Già Direttore Dipartimento medico-chirurgico delle Malattie dell’apparato digerente. Ospedale Bellaria-Maggiore. Bologna.

  • Prof. Mauro Bortolotti

  • Professore a Contratto della Specializzazione in Medicina Interna
    Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Bologna
    Policlinico S. Orsola


ultimo aggiornamento 22/02/2013
 
Aree tematiche


Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 26/01/2007
Invia la tua domanda

Domande / Risposte
Pancreas aberrabte
5 Set 11 - Salcatrice, 31 anni (id: 118690)
  Gentile Professore, le scrivo questa mail per ricevere un aiuto da parte sua. Ho 31 anni scrivo dalla provincia di Enna, da circa due mesi mi è stata fatta una diagnosi di"pancreas aberrante al digiuno". L endoscopia capsulare fatta all Ospedale Vittorio Emanuele di Catania ha evidenziato a livello del digiuno la presenza di una formazione sessile ricoperta da mucosa normale ombelicata al centro di circa 8 - 10mm di diametro ( aspetto endoscopico di lesione sottomucosa - pancreas aberrante?) Per approfondire il tutto mi hanno fatto una entero-RMN, entero TAC ed una colangio- RMN, allospedale Borgo Roma di Verona, tutto con esito negativo, anzi la colangio RMN ha evidenziato a" livello epatic... continua >>
o alterazione del segnale compatibile con patologia da accumulo (emocromatosi?) .Per la completa assenza di segni clinici, la negatività dei marcatori per morbo di Wilson e per emocromatosi e la normale funzione epatica agli esami biomurali,si ritiene controllo fra 6 mesi della funzione epatica, ferritina, cupremia e della RMN addome." Sono preoccupata, il motivo oltre alla diagnosi deriva dal fatto che siamo arrivati a questo dopo sei mesi circa. Le faccio una breve sintesi della mia storia clinica, tutto è iniziato il 07 Marzo quando ho accusato i primi sintomi attraverso una febbricola che ancora oggi persiste(37,2°-37,6°)
Non capisco la preoccupazione attuale poichè non ha nulla d’importante ed una malformazione non particolarmente pericolosa(rarissimi casi di pancreatite a carico di tale malformazione).
Prof. Pier Roberto Dal Monte


Lesione del palato
5 Set 11 - Enzo, 38 anni (id: 118688)
  Gentilissimo dottore, da una visita del palato è risultata una piaga da decubito dentario e mi è stato consigliato di estrarre il molare del giudizio al fine di scongiurare il degenerare della lesione. Ad un mese dellestrazione del molare la lesione continuava a persistere e si è proceduto con un esame istologico mediante il prelievo di un frammento del bordo del "cratere" presente nel trino mascellare. La Diagnosi è stata la seguente: "Lembo mucoso con acantosi e papillomatosi dellepitelio di rivestimento, minimi focolai di flogosi subacuta e cronica del corion sub - epileliale, con aspetti di esocitosi leucocitaria intraepiteliale". Mi è stato detto che non è nulla di che ma sono molto pre... continua >>
occupato atteso che ho familiarità per carcionoma spinocellulare alla laringe. Lei cosa ne pensa? La ringrazio anticipatamente.
Egr. Sig. Enzo, mi spiace, ma dovrebbe consultare uno stomatologo.Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Esame feci
5 Set 11 - pietroantoniogiuseppebisso, 68 anni (id: 118686)
  esame delle feci: 1) chimico fisico reazione (ph) risultato 7,5 val. rif. (5.0-7.0) domanda non credo sia così grave vero 2) FLORA BATTERICA non jodofila risultato presente cosa significa
Non ha di per sè un gran significato, dipende dai sintomi che lamenta.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Celiachia
5 Set 11 - giuseppe, 49 anni (id: 118684)
  Dodici anni fa mi è stata formulata diagnosi per malattia celiaca poi sconfessata da altro medico. La diagnosi fu fatta su di una istologia "...lieve dismorfismo dei villi con modesta infiltrazione linfoplasmacellulare..." ed una positività allantiendomisio. Successivamente, dopo otto anni, con reintroduzione di glutine nella dieta, listologia ed anche gli esami di laboratorio hanno "...definitivamente escluso la patologia celiaca nel mio organismo...". Poichè mi è stata rilevata una intolleranza al lattosio di grado elevato, sempre quando mi fu fatta la diagnosi di "celiachia", ci potrebbe essere correlazione tra lieve dismorfismo dei villi ed introduzione di latte nella dieta? Faccio prese... continua >>
nte che gli esami di laboratorio, da quando ho reintrodotto il glutine nella mia alimentazione, sono sempre stati negativi. Ma come si può giungere, secondo lei, ad una diagnosi così importante come quella per malattia celiaca quando poi istologie ed esami sono sempre negativi? La ringrazio se mi potesse fornire anche riferimenti di testi sui quali potermi ulteriormente documentare. Buona giornata.
SE vi era una positività degli esami segnalatimi la diagnosi era plausibile. Comunque se ora è tutto negativo e se sta bene che serve approfondire? Comunque può informarsi nel sito dell’associazione celiachia, con link aggiornati www.celiachia.it/.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Evacuazioni dopo volvolo e stomia
4 Set 11 - Francesca, 41 anni (id: 118682)
  Buo giorno, sono la mamma di un bambino nato con la patologia del "volvolo intestinale" e stomizzato dalla nascita. Il bambino ha seguito una terapia con "parenterale" come integrazione al latte ed è stato svezzato all età di 7 mesi con controllo pediatrico. Adesso ha 13 mesi circa ed ho iniziato ad integrargli il latte fresco, lasciando quello in polvere.Il bambino sta bene, mangia cresce ed evaqua..anche se ha ancora un intestino molto irregolare,dopo l intervento di chiusura della stomia evaquava molte volte, adesso circa quattro volte,con feci un po molli e sul verdastro.. La pediatra precisava che la dentatura che si sta formando porta questi scompensi e mi ha consigliato di cominciar... continua >>
e con il latte a basso comtenuto di lattosio (come sto fascendo). Ma volevo qualche consiglio e risposta anche da un esperto,volevo sapere se è la dentatura(ha quattro dentini gli altri stanno spuntando) o è anche un discorso alimentare? lui mangia tutto e nel latte gli metto il biscotto o crema di riso,mais e tapioca. Quando il suo intestino comincerà a regolarizzarsi.. Letà anagrafica e quella del suo intesto (è stato chiuso dopo circa tre mesi) sono diverse, ha ancora un intestino giovane?grazie per l attenzione e rimango a disposizione per eventuali chiarimenti in merito alla cura della sua patologia.
Gentile Sig.ra Francesca, occorre che si rivolga ad un gastroenterologo pediatra. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Diarrea di ndd
4 Set 11 - giuseppe, 37 anni (id: 118681)
  gentile prof.mauro mi aguro che posso avvere una mano da lei circa due anni fa o perso il lavoro e mio padre e mi sentivo molto stressatto dentro lo accumullatto tutto dentro e in questo caso mi e scoppiatto unna forte diarrea o fatto quasi tuttigli esami anche entoscopia non e uscitto niente mia anno detto che e una cosa di stres mi anno datto entac colon test mi passa per qualche settimano e poi mi riviene una altrA VOLTA MI POTTETE DARE UN CONSIGLIO LEI PROF. MAURO O QUALCHE MEDICINALE DI LUNGA DURRATTA PER QUESTO PROBLEMA SPERO CHE LEI MI POSSA AIUTARE GRAZIE DI CUORE CHE IL SIGNORE VI POSSa benedire nel vostro lavoro
Egr. Sig. Giuseppe, purtroppo i dati forniti sono insufficenti per una diagnosi ed una adeguata terapia, per le quali è anche necessaria una visita medica. Questa può essere fatta dal suo gastroenterologo, che le può richiedere altri accertamenti per fare una diagnosi più precisa. Se vuole può contattarmi successivamente. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti
Prof. Mauro Bortolotti

Pancreatite acuta
3 Set 11 - stefano, 39 anni (id: 118678)
  si può guarire dalla pancreatite emorragica necrotica acuta
La pancreatite acuta ha gradi diversi di gravità alcune forme possono guarire per conto loro con maggiore o minore insufficienza pancreatica residua,altre devono essere operate per svuotare l’accumulo di tessuto necrotico ed infiammatorio. Altre forme possono essere anche incurabili e fatali.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

S postcolecistectomia+reflusso biliare
3 Set 11 - alberto, 65 anni (id: 118677)
  di recente mi sono sttoposto ad una visita gastroenterologica presso con la seguente diasgnosi: ...affetto da vari anni da sintomi riferibili a coliche biliari che sono state causate da calcoli colecistici per i quali è stato operato di colicistectomia nel 2006 .Purtroppo dopo lintervento si sono accentuati sintomi riferibili a reflusso g.c. di tipo misti (acido e bile) ed una gastrite erosiva da reflusso nonchè colonpatia da diarrea biliare -gastroscopia del 30.11.2010 e colonscopia del 30.03.2010: Vi sono anche emorroidi e ipertrofia prostatica. La colangio RMN del 23.03.2009 post intervento è risultata negativa per atrusioni biliari. Consiglio ricerca sangue occult... continua >>
o fecale per 3 prelievi e di alterni tra 2 mesi: se positivi consiglio gastroscopia e colonscopia: Terapia: esameprazolo 40 mg 1 cp 30 min. prima di colazione e cena per 1 mese quindi riudrre 1 cp da 20 al mattino e una cp la sera prima dei pasti poichè probabilmente anche reflusso notturno che può cauasare laringite: inoltre associ Levopraid 1 cp prima di di pranzo e e cena a cicli 20-30 gg alternando al pranzo e cena Debridat cp 1+1 per asltri 20-30 gg +Questran buste mezza busta prazo e cena per 1 settimana poi successive 1+1 busta. Anti depressivi ed ansiolitici a basse dosi. Poichè assummo per la IPB silodosina 1 cp da 8 mg al dì. e assumvo precedentemente al levopraid lo xanax o,25 1+1 mi mi ritrovo ansia che il levopraid non riesce e sedare. Come mai? Cosa ne pensa?
Lei verosimilmente ha soltanto una s postcolecistectomiaLa o da malassorbimento di bile, si verifica dopo l’intervento di colecistectomia(o asportazione della cistifellea generalmente per calcolosi biliare) per alterato riassorbimento intestinale della bile stessa. Si caratterizza con dolore addominale a cui succede spesso diarrea con feci giallastre o verdastro-scuro. La bile infatti essendo costituita anche da sali biliari ha effetto irritante e lassativo, se non assorbita normalmente dall’intestino, specie dopo introduzione dei cibi: questi, specie ai pasti principali, stimolando la peristalsi stimolano anche il passaggio della bile stessa non bene mescolata ai cibi nell’intestino con l’effetto sopradescritto e preceduto da dolori e borborigmi (movimenti intestinali accentuati e rumorosi). Come terapia si consiglia di prendere un farmaco che adsorbe i sali biliari rendendoli meno attivi, la Colestiramina: una bustina prima dei pasti principali. E’ bene far precedere la stessa terapia da un disinfettante anche a livello intestinale come tipo ciprofloxacina cp da 500 mg per 4-5 giorni.Lasci gli antiacidi inibitori di pompa acida e la levosulpiride: prenda il suo Xanax. Per la terapia del reflusso Gastro-esofagea questa non è ben codificata e si basa sull’uso di antiacidi a base di sali di aluminio come l’aluminio ossido idrato od il magaldrato che bloccano in parte i sali biliari o farmaci gastroenetreocinetici che dovrebbero normalizzare la peristalsi.Anche il cibo la blocca ovviamente seguendo il principo del poco e spesso. Con saluti
Prof. Pier Roberto Dal Monte

MRGE recidiva
3 Set 11 - giovanni, 43 anni (id: 118673)
  segue prec.email,la plastica anti-reflusso è in sede sottodiaframmatica e normalmente continente.stomaco ipertonico,con pareti ben distensibili,percorse da onde peristaltiche valide.lo svuotamento è iniziato prontamente ed è proseguito con ritmo regolare.bulbo duodenale simmetrico,senza segni diretti o indiretti di lesioni ulcerose nei limiti la morfologia dellansa duodenale e del digiuno prossimale.il 21-01-11 eseguo manometria post intervento, esito,pm les 12 mmhg,pm ues 100mmhg conclusioni,non significative alterazioni motorie,ph-metria, de meester score distale 19,9 /v.n.14,5 conclusioni,patologica esposizione acida esofagea sia in sede prossimale che distale.infine ad aprile 2011 rifacc... continua >>
io unaltra gastro che mostra lo stesso risultato della precedente,listologia parla di gastrite cronica lieve senza atrofia,con lieve attività grado 1 di 3,cardite cronica attiva,hp negativo.concludo dicendo che attualmente assumo una cp 40 esomeprazolo a digiuno e basta, non ho reflusso,ma una serie di sintomi che vorrei sapere se collegati ad esso visto che si manifestano specialmente durante il lavoro/il mio e fortemente stressante/ visto che ha riposo sto meglio, al risveglio ho bocca secca,con salivazione aumentata,lingua a volte un po bianca,durante il mattino gusto amaro in bocca,le chiedo ancora un suo giudizio sui referti diagnostici,se pensa che ci sia da fare ancora,esami medici o terapie diverse,visto i miei disturbi.cordialmente saluti.
Egr. Sig.n Giovanni, confermo la necessità di un esame pH-impedenziometrico in altra sede. Penso che i disturbi attuali possono essere collegati alla MRGE che non è stata corretta dall’intervento. Per ulteriori decisioni sugli accertamenti e terapie è necessaria una visita e valutazione diretta degli esami già fatti. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

MRGE recidiva
3 Set 11 - giovanni, 43 anni (id: 118672)
  gentile prof bortolotti è la prima volta che le scrivo,seguo spesso i suoi interventi sul web vorrei porre la mia domanda.ho 43 anni da circa 7 soffro di reflusso gastroesofageo,curato non in modo continuativo con esomeprazolo 20mg mattina,e gaviscon dopo i pasti e al bisogno,premetto che sono un soggetto ansioso e ipocondrioco e per questo ogni tanto faccio uso di ansiolitici,in data 18-6-2009 eseguo una gastroscopia con il seguente referto/esofago con mucosa di colorito roseo,al terzo superiore,subito distalmente al crico faringeo,isola di mucosa gastrica eterotopica su cui si eseguono biopsie... cardias incontinente per piccola ernia dello iatus,in sede sovracardiale singola lesione erosi... continua >>
va lineare,come da esofagite di grado a sec la.lo stomaco ha scarso ristagno chiaro,pliche di colorito roseo,ben distensibili allinsufflazione,prive di lesioni.angulus endoscopicamente indenne.piloro pervio.bulbo e mucosa duodenale nella norma.esame istologico,inlet patch.presenza di mucosa gastrica sede di flogosi attiva.fino a maggio 2010 ho assunto su consiglio specialistico 40mg esomeprazolo due volte al di con scarsi risultati,dopo studio ph-manometrico da due chirurgi mi viene consigliata nissen-laparoscopica eseguita 31-5-2010,il 23-7-10 eseguo radiografia a doppio contrasto col seguente esito,transito esofageo disturbato da modesti fenomeni distonici,con transitoria comparsa di contrazioni non peristaltiche.continua prossima email che le invio subito dopo
Egr. Sig. Giovanni, chiaramente la terapia della sua MRGE è stata insufficente e per vedere se l’intervento funziona occorre fare una pH-metria esofagea in altra sede. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Biopsia colon
2 Set 11 - andrea, 36 anni (id: 118669)
  salve dottore dallesame istologico della colonscopia risultano frammenti(3)di mucosa del grosso intestino con edema e lieve flogosi cronica linfoplasmacellulare e granulocitaria eosinofila del corion ed aspetti iperplastici dellepitelio ghiandolare.....volevo una delucidazione e saperne di piu soprattutto se si puo risolvere facilmente con una cura......o no......la ringrazio
Egr. Sig. Andrea, i dati forniti sono insufficenti (manca il quadro clinico e gli esami di laboratorio) per una diagnosi ed una adeguata terapia, per le quali è anche necessaria una visita medica. Questa può essere fatta dal suo Medico Curante, che le può richiedere gli accertamenti appropriati. Se vuole può contattarmi successivamente. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti
Prof. Mauro Bortolotti

Postumi di necrosi intestinale
2 Set 11 - anna, 57 anni (id: 118666)
  soffro di flogosi cronica aspecifica a seguito dolori improvvisi sono stata operata 1/9/2010 per blocco intestinale e conseguente asportazione di cm 7 intestino tenue per necrosi dello stesso. poche soffro ancora di disturbi intestinali, vorrei sapere se ce modo di curarla e se mi puo succedere la stessa cosa ancora, grazie aspetto una sua risposta anna
Bisognerebbe conoscere la causa di tale necrosi, se vascolare o dovuta ad un volvolo o anche ad altra causa, per dare un parere attendibile.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Biopsia
2 Set 11 - enzo, 38 anni (id: 118664)
  Gentilissimo dottore sono lutente del quesito precedente, ossia esame istologico sul lembo mucoso, mi sono dimenticato di dirle che ho familiarità per carcinoma spinocellulare alla laringe. Ancora grazie.
Indichi per favore l’ ID. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Neoformazione buccale
2 Set 11 - enzo, 38 anni (id: 118663)
  Gentile dottore, durante unispezione del cavo orale mi è stata riscontrata una piaga da decubito dentario al trino mandibolare sn. Mi è stato detto di estrarre subito il molare del giudizio e lho fatto. a distanza di oltre un mese la lesione non accennava a rientrare e mi è stato fatto un esame istologico con asportazione di parte del lembo della lesione (ossia il bordo ispessito atteso che la lesione era tipo un cratere. Risultato: Lembo mucoso con acantosi e papillomatosi dellepitelio di rivestimento; minimi focolai di flogosi subacuta e cronica del corion sub-epiteliale, con aspetti di esocitosi leucocitaria intraepiteliale. Posso stare tranquillo riguardo eventuali... continua >>
neoplasie maligne? La ringrazio anticipatamente per lattenzione.
Si. è solo un reazione infiammatoria cronica.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Ringraziamento
1 Set 11 - alessandro, 50 anni (id: 118661)
  mi creda professore lei è davvero una bella persona. Lei dovrebbe essere preso come esempio da molti. Alessandro
Grazie, cerco di fare del mio meglio. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti


Da 2710 a 2725 di 28097