Sei in: Medico on-line > Gastroenterologia

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Gastroenterologia
Referenti
  • Prof. Pier Roberto Dal Monte

  • Già Direttore Dipartimento medico-chirurgico delle Malattie dell’apparato digerente. Ospedale Bellaria-Maggiore. Bologna.

  • Prof. Mauro Bortolotti

  • Professore a Contratto della Specializzazione in Medicina Interna
    Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Bologna
    Policlinico S. Orsola


ultimo aggiornamento 22/02/2013
 
Aree tematiche


Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 26/01/2007
Invia la tua domanda

Domande / Risposte
LINGUA IMPANIATA
27 Ott 11 - Samanta, 35 anni (id: 119426)
  Gentile Dottore, fin dalla nascita ho sempre avuto la lingua bianca (ovvero ricoperta da una patina bianca, senza mai sanguinamenti o altro, semplicemente muco), che credo essere dovuta ad una mia intolleranza agli alimenti farinacei oppure ai lieviti (ancora non lho capito): infatti se smetto di mangiare pane e pasta, dopo due giorni la lingua diventa normale. Per via di miei malesseri allo stomaco sto facendo gli esami per la celiachia, con tanto di biopsia ai villi intestinali di cui avro la risposta a giorni. Le chiedo se la lingua bianca può essere sintomo della celiachia. Grazie mille.
Certamente è indice di cattiva digestione indipendentemente dalle cause, comunque aspetti i risultati degli esami per regolarsi in proposito. Le allego anche qualche chiarimento.
Alitosi_e_lingua_impaniata.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte


Dolori di stomaco
26 Ott 11 - marcella, 32 anni (id: 119419)
  Gentili Dottori, è da mesi ormai che soffro di continui languori/crampi di stomaco. Tempo fa mi sono sottoposta ad una visita gastroenterologica in seguito ai dolori suddetti ma anche in concomitanza ad un dolore profondo e lancinante (allaltezza della settima - ottava vertebra toracica e tra le scapole) che mi sorprende sporadicamente sottoforma di fitte che durano c.ca 10 minuti per un paio di ore (sempre di notte). Ho la sensazione che tutto sia in qualche modo legato alla bocca dello stomaco, e durante questi attacchi ho continue eruttazioni. Ho eseguito analisi del sangue ( tutto nella norma); visita cardiologica che ha riscontrato un lieve prolasso della v.mitrale; rx al torace norma... continua >>
le; ecografia ipocondrio destro normale. Mi è stata consigliata una cura con Lexil e Noremifa. Purtroppo i sintomi non sono migliorati. Questo continuo languore fisso alla bocca dello stomaco, con conseguenti "brontolii" , si presentano solo ed esclusivamente la sera ed in posizione supina, rendendo le notti un incubo. Ho forti difficoltà a prendere sonno, e ormai mi addormento alle 3 di notte. Cosa potrebbe essere? Non ce la faccio più. Chiedo a Voi un aiuto ed un consiglio su cosa fare. Grazie a tutti.
Gentile Sig.ra Marcella, per chiarire il problema occorre fare una gastroscopia. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Mrge
26 Ott 11 - Adriana, 34 anni (id: 119417)
  Volevo ringraziarla per la sua cortese risposta. In effetti le domande che le ho posto sono scaturite dal fatto che non sto bene. Ho tutti i sintomi da reflusso di 5 anni fa prima dellintervento di plastica antireflusso di Toupet (pirosi retrosternale, reflusso, difficoltà digestive, eruttazioni frequenti, gastralgia, sensazione di costrizione faringo-esofagea, laringite). Ora Dopo 2 mesi di cure inefficaci con esomeprazolo da 20mg sono passata da circa 20 giorni alla dose da 40mg più riopan gel dopo i 3 pasti. I sintomi sono leggermente regrediti ma non sto ancora bene. Premetto che non bevo alcolici o thè, non fumo, faccio molta attenzione allalimentazione e non faccio sport. Oggi ho esegu... continua >>
ito EGDS da cui purtroppo risulta un cardias incontinente con presenza di iniziale ernia iatale da scivolamento. Nello stomaco la mucosa è integra ma di aspetto lievemente eritematoso in sede antrale (eseguite biopsie). Il resto è ok. Con lintervento avevo risolto il problema del cardias e dellernia e ora sono da capo. Sono sconsolata, cosa devo fare? Come devo procedere? Volevo programmare una gravidanza, ma a questo punto ho molta paura di peggiorare. La ringrazio nuovamente e le porgo i miei distinti saluti.
Posso solo consigliarle cose a Lei note come vedrà nell’allegato. In quanto allo scarso successo dell’intervento ne riparli con il chirugo che l’ha operata e si rivolga eventualmente alla Gastro delle Molinette per avere qualche indirizzo migliore.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Gamma GT
26 Ott 11 - lorena, 75 anni (id: 119416)
  soffro di reflusso gastroesofageo curata con ulcezol tutte le sere da anni per evitare bruciore e tosse fastidiosa. Nelle ultime volte (due) che ho fatto le analisi il valore delle gamma gt sono 82 e 89. chiedo, potrebbe essere il farmaco?
Gentile Sig.ra Lorena, occorre sapere i valori di normalità del metodo usato per il dosaggio. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Gastrite da farmaci?
26 Ott 11 - elisa, 22 anni (id: 119413)
  gentile professore, la ringrazio molto per la sua risposta avuta in data 18 ottobre. Le volevo gentilmente chiedere se secondo lei è possibile dopo lunghi periodi e numerose assunzioni dei farmaci antiffiammatori quali cibalgina, moment, moment rosa, eccetera, si possa andare incontro ad intossicazione, in quanto io ho notato che la nascita dei miei primi disturbi forti allo stomaco sono nati dopo lassunzione di circa 6 moment rosa in due giorni durante il periodo delle mestruzioni, questo succede da circa 3 anni. da luglio ho definitivamente spesso sotto consiglio del medico.. la mia domanda è, cè un modo per sapere se sia un gastrite da farmaci e per guarire basterebbe non assumerli pi com... continua >>
e sto facendo dal mese di luglio? ora per i dolori mestruali sto assumendo la tachipirina da 500, circa una o due ogni mese.
Gentile Sig.na Elisa, basta fare una gastroscopia. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti. Indicare sempre l’ID
Prof. Mauro Bortolotti

Celiachia
25 Ott 11 - PINA, 42 anni (id: 119403)
  Ho seri dubbi sui risultati di una PRIMA endoscopia digestiva con biopsie della II porzione duodenale. La diagnosi è la seguente:"frustoli di mucosa duodenale con note di edema della lamina propria con moderato infiltrato flogistico a carattere linfo-plasmacitico ed eosinofilo. Le strutture villose appaiono accorciate e talora fuse con cuticola a tratti irregolare. Si associa anisonucleosi degli enterociti con focale iperplasiafoveolo ghiandolare con riduzione della secrezione mucinica e pluristratificazione nucleare. Il referto morfologico appare nel complesso indicativo di enteropatia compatibile con modificazione celiache di tipo 3^" Per esser ancora più certi ho poi eseguito : -esofag... continua >>
ogastroduodenoscopia con bipsia: MUCOSA DUODENALE(IeII)SEDE DI EDEMA ED IPEREMIA MARCATA CON INFILTRAZIONE FLOGISTICA EEVIDENTE DELLA LAMINA PROPRIA E DELLO STROMA DEI VILLI, COME DA BULBO DUODENITE CRONICA. -ANTIENDOMISIO BIOPSIA IGA risultato NEGATIVO assenza di anticorpi. Mentre lantiendomisio su sangue risultava negativo. Ora, cè chi dice che sono celiaca e chi no! Mi potreste aiutare a capire qualcosa in più? Grazie
Ritengo che dal punto di vista istologico vi siano pochi dubbi. Tuttavia per una maggior conferma faccaia anche le ricerche genetiche. Naturalmente dipende anche dai sintomi che ha, riguardo ai quali deve decidere di fare una dieta per celichi per valutarne gli effetti.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Steatosi epatica
25 Ott 11 - francesco, 27 anni (id: 119394)
  esimio professore,le chiedo solo una cosa:a fronte di dolenzia ai quadranti superiori delladdome,attestata la continua negativita di ricerca sangue occulto nelle feci,idem ricerca hp e analisi buone,eccetto gpt a 101(su un consentito di 40)(ho steatosi epatica non alcolica),e il caso di fare una visita colonproctologica?saluti
Veda piuttosto di fare una dieta per la sua steatosi che dipende dal suo sovrappeso e naturalmente ad una dieta ipercalorica. Si veda pertanto l’allegato.
la_steatosi_epatica.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Nausea
25 Ott 11 - francesco, 27 anni (id: 119393)
  esimio professore,la disturbo solo per una questione:da pochi giorni avverto nausea dopo la defecazione,da quando essa ha assunto caratteristiche di feci piu dure.puoessere dovuta allIBS e alla MRGE(che io ho,almeno cosi mi han detto,sconsigliandomi la colonscopia)o altro?da premettere che da un po assumo valpinax.grazie distinti saluti(helicobacter pylori recentissimo testo ricerca nelle feci:negativo)
Egr. Sig. Francesco, la nausea indica per lo più un problema gastrico che va chiarito con visita ed eventualmente esami. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Gastroscopia
25 Ott 11 - renata, 63 anni (id: 119391)
  dottore per cortesia mi puo spiegare cosa vuol dire, nella gastroscopia appena effettuata EDEMA ED IPEREMIA DELLA TONACA PROPRIA. ANAMNESI: FAMILIARITA PER K GASTRICO MILLE GRAZIE. RENATA
Gentile Sig.ra Renata, si tratta di una lieve infiammazione della mucosa gastrica. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Spermiocoltura
24 Ott 11 - giulio, 28 anni (id: 119383)
  salve dottore, ho ritirato lesame della coltura dello sperma e risulta questo: esame microscopico : leucociti rari. Discreta flora batterica mista non prevalente. Rarissime colonie di streptococco del gruppo B cosa vuoldire lesito di questo esame? e necessita di cura antibiotica a suo avviso o no? grazie anticipatamente
Penso che abbia effettivamente bisogno di un trattamento antibiotico.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Sindrome di Behçet
24 Ott 11 - JEANNETTE, 36 anni (id: 119374)
  PROF.SONO SEMPRE JEANNETTE,per terminare la mia domanda,vorrei sapere,se con questa cura posso avere ancora dei miglioramenti nelle prossime settimane o mesi,e se la clolonscopia che farò a dicembre fosse di conferma delle altre,sarò sulla strada giusta,sono stata anche da un reumatologo,e la diagnosi è stata verosimile sindrome di Behcet,ma sono tanti anni,ho paura che questo incubo non cesserà mai,cosa mi consiglia,se lo ritiene opportuno sono disponibile a fare una visita da lei..dimenticavo dalla risonanza di Aprile,flogosi cronica del digiuno con ipertrofia dei villie marcato enhancement digiunale,segni di congestione vascolare mesenterica,non si osservano reperti riferibili a IBD,inolt... continua >>
re in questi anni solo adesso VES UN Pò ALTA,ma a 19,sempre avuta nella norma,calcolosi renale,cistiti ricorrenti,ma non nelllultimo anno.IgG ASCA 30 IgE TOTALI 139 ECP 19.7 B12 245 FOLATI4.29 FERRO 19,ENZIMI EPATICI E PANCREATICI NELLA NORMA.Chiedo scusa per lulteriore spiegazione,ancora distinti saluti JEANNETTE
Non saprei cosa consiglierle di nuovo poichè i vari esami ed indici confermerebbero la diagnosi: la terapia è fondamentalmente di tipo immunosopressivo come sta facendo.Si tenga in contatto con l’associazione malati di B. http://www.behcet.it/index.php
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Sindrome di Behçet
24 Ott 11 - JEANNETTE, 36 anni (id: 119373)
  buongiorno,sono Jeannette,da 15 anni dissenteria cronica,moltissime afte orali,solo unepisodio genitali,negativa a celiachia e morbo di crohn,ultima colonsopia,villi tozzi ed edematosi,risonanza magn,conferma e inizio congestione vascolare mesenterica,esami positivi presenza alleni per sindrome di Behcet,negli ultimi anni dermatiti ricorrenti,sembrerebbe positivo anche test patergico,prolasso anale.DAL MESE DI APRILE,inziato deltacortene da 50,scalandolo di 2.5 ogni 15 giorni,quasi nessun miglioramento,iniziata aztioprina prima da 50a giugno,poi ad agosto 100 mg di aza più 3 compresse di salazopirina,lievi miglioramenti,ma continue perdite di sangue rosso vivo,durante evacuazioni,emoglobina ... continua >>
scesa fino a 7.6 adesso sta salendo un pò,per assunzione tecnofer,eparmefolin,sospesa salazopirina,continuo azatioprina,le scariche sono notevolmente diminuite,diciamo una giornata disastrosa alla settimana,il resto abbastanza formate,prima andavo di corpo 5 volte al giorno,adesso 1 o 2,e molta meno dissenteria,prendo anche 3 compresse di colinox,a dicembre farò colonscopia ed ilescopia di controllo,per queste continue perdite,avevo fatto anche video capsula,tutto confermava gli altri esiti,dolore,addome inferiore destro inizia a diminuire,dopo anni,ma vorrei sapere se sono nella giusta strada,sono molto stanca è da settembre che sono a casa,causa anemia,flebo di ferro non posso farne,mi danno coliche renali.Sono in cura alle Molinette Torino,vorrei un suo parere,distinti saluti, grazie
veda di leggersi le ultime terapie dell’American arthritis fundation: Beheçet Disease.Treatment options Although a rheumatologist (doctor specializing in arthritis and related inflammatory diseases) will probably coordinate your care, you may need to see several different specialists, depending on your symptoms. Rheumatologist: treats arthritis and related diseases; coordinates care Gynecologist: treats genital sores in women Urologist: treats genital sores in men Dermatologist: treats skin and mucous membrane symptoms, as well as genital sores in both sexes Ophthalmologist: treats eye inflammation Gastroenterologist: treats digestive tract symptoms Hematologist: treats circulatory system problems Neurologist: treats central nervous system symptoms Doctors can use medicines to relieve pain, treat symptoms and prevent such serious complications of Behçet’s disease as blindness or disability from arthritis. When treatment is effective, flares become less frequent. While there is no cure for Behcet’s disease, you may enter a period of remission. For some people, treatment does not relieve symptoms, and more serious symptoms and complications may develop. Most likely a combination of treatments will ease your symptoms. Topical corticosteroids: Rinses and gels that contain corticosteroids and anesthetics are used to treat mouth sores. Creams and ointments are used for genital and skin lesions. Dapsone: This oral antibiotic may be prescribed to treat oral or genital sores. Corticosteroids: Oral steroids may be prescribed to reduce pain and inflammation throughout the body. They can be effective for treating severe joint pain, skin sores, eye disease and central nervous system problems. They are useful in early stages of the disease and for treatment during an acute flare. They are not generally used for long-term management of the disease. Azathioprine: This immunosuppressant (a medicine that controls an overactive immune system) is used to treat uveitis (inflammation of the inner part of the eye), aphthous oral ulcers, arthritis and deep vein thrombosis. It may improve long-term prognosis. Chlorambucil or cyclophosphamide: These immunosuppressants are used to treat uveitis and meningoencephalitis (inflammation of the brain and lining of the brain and spinal cord). Cyclosporine: This immunosuppressant is used to treat uveitis and other uncontrolled symptoms. Colchicine: This medicine reduces inflammation throughout the body and may be used to treat arthritis, skin symptoms, and aphthous lesions. Methotrexate: This medicine suppresses the immune system and reduces inflammation throughout the body and can be used to treat any uncontrolled symptoms. Combination therapy: If a single one of these treatments does not control your symptoms adequately, your doctor may try different combinations of them. Surgery: If you develop an aneurysm (balloon-like swelling in an artery wall), surgical treatment will be necessary. In addition to medical treatment, it is important for people with Behcet’s disease to balance rest and exercise in their lives. When joints are warm and swollen, rest will help settle the disease. Unnecessary activities should be avoided, and adequate sleep is essential. A nap or relaxation period each day may be helpful. And although it’s important to reduce activity, it’s also important to maintain joint mobility. This can be accomplished by doing range-of-motion exercises, light exercises designed to help reduces stiffness and keep joints flexible. Moderate exercises when symptoms abate can include walking and swimming. Copyright © 2011 Arthritis Foundation. All Rights Reserved.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Dolori addominali
24 Ott 11 - luciano, 56 anni (id: 119372)
  io mi trovo per lavoro in angola io soffro di stomaco da un paio di giorni ho mal di stomaco ho contattato il mio medico ha detto di prendere omeprazolo 80 mg.non vedo risultati ho la pancia gonfia tutta dorinzita ho fatto vari esami prima di venire ho fatto la tag poi mi ha riccetato malox pro io qua non hoancora trovato non sto niente bene mangio un po poi la pancia gonfia io ho la lieve gastrite cronica da anni che non passa ed accompagnata da forti dolori che durano tra 10 o30 minuti di piu o di meno qua non ci sono grandi medici ringrazio saluti luciano
Forse ha un’enterocolite cronica e un dosaggio così alto di omeprazolo non giova per nulla; consiglio di prendere invece della ciprofloxacina immediatamente pirma dei pasti 1 cp da 500 mg x 6 giorni.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Assunzione IPP
23 Ott 11 - barbara, 32 anni (id: 119366)
  gentile professore, è sufficiente un intervallo di circa 2 ore tra lassunzione del movicol e poi del mepral? ci sono interazione tra i due farmaci? grazie per latttenzione e laiuto. cordialmente, barbara
Gentile Sig.ra Barbara, l’omeprazolo va assunto 30’ prima di colazione 2 ore prima di Movicol. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Omeprazolo
23 Ott 11 - barbara, 32 anni (id: 119365)
  gentile professore, è sufficiente un intervallo di circa 2 ore tra lassunzione del movicol e poi del mepral? ci sono interazione tra i due farmaci? grazie per latttenzione e laiuto. cordialmente, barbara
Si il periodo è sufficiente e comunque non vi è interferenza se non ha immediato effetto col movicol che non è come sa un rapido lassativo.
Prof. Pier Roberto Dal Monte


Da 2710 a 2725 di 28259