Logo ricerca con Google


Sei in: Medico on-line > Gastroenterologia

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Gastroenterologia
Referenti
  • Prof. Pier Roberto Dal Monte

  • Già Direttore Dipartimento medico-chirurgico delle Malattie dell’apparato digerente. Ospedale Bellaria-Maggiore. Bologna.

  • Prof. Mauro Bortolotti

  • Professore a Contratto della Specializzazione in Medicina Interna
    Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Bologna
    Policlinico S. Orsola


ultimo aggiornamento 27/11/2014
 
Aree tematiche


Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 26/01/2007
Invia la tua domanda

Domande / Risposte
Metaplasia gastrica
22 Apr 05 - caterina, 50 anni (id: 13298)
  caro professore,sottoposta a biopsia del corpo gastrico,mi è stata diagnosticata,una gastrite cronica moderata,con attività lieve,diffusa metaplasia intestinale completa con atrofia grave (atrofia metaplastica)hp pos (++) gradirei,un suo parere,
Gentile Signora, la metaplasia significa che le ghiandole normali del suo stomaco o di una parte di esso, per una infiammazione cronica si sono trasformate in ghiandole dell’intestino. La cosa va controllata con gastroscopie ogni 1-2 anni poichè si considera una malattia che talvolta degenera in tumore allo stomaco.La terapia migliore è quella di eradicare l’Helicobacter.Con saluti
Prof. Pier Roberto Dal Monte


Domanda non ricevuta
22 Apr 05 - mariella, 29 anni (id: 13296)
  Gentile Prof. Dal Monte, in riferimento alla domanda contrassegnata da ID 13215, la risposta mi ha lasciato alquanto perplessa, potrebbe cortesemente chiarirmi il senso di suddetta risposta? In attesa di una sua risposta, la ringrazio e le invio i miei più cordiali saluti.
La sua domanda non appare nella lista delle mie risposte.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

MRGE
22 Apr 05 - MARIO, 45 anni (id: 13295)
  SOFFRO DA TANTI ANNI DI ESOFAGITE DA REFLUSSO CON ERNIA DA SCIVOLAMENTO. PRENDO DA PARECCHIO TEMPO IL LANSOX A PERIODI ALTERNI PERO’ DOPO POCO CHE NON LO PRENDO MI RITORNANO I SINTOMI QUALI BRUCIORE DI STOMACO, DOLORI AL TORACE E FREQUENTEMENTE MAL DI GOLA. ORA DOMANDO POSSO PRENDERE CONTINUAMENTE IL LANSOX O PRODUCE A LUNGO TERMINI EFFETTI COLLATERALI. HO SAPUTO CHE PUO’PROVOCARE IL TUMORE GASTRICO E VERO? GRAZIE E SPERO IN UNA VS. PRONTA RISPOSTA, IN QUANTO SONO MOLTO PREOCCUPATO
Egr. Sig. Mario, non è affatto vero che gli inibitori di pompa protonica provochino il tumore gastrico. Lei ha una malattia da reflusso che va controllata e curata continuamente altrimenti può rischiare brutte sorprese non solo a livello dell’esofago, ma anche a livello della gola, dove sembra che lei abbia anche una laringite da reflusso (faccia una visita ORL per conferma). Inoltre è importante che controlli se ha una positività per l’Helicobacter Pylori, che nei casi come il suo va eradicato con opportuna terapia antibiotica. Le allego una dieta che le può servire. Distinti saluti. Prof. Mauro Bortolotti
Dieta CUP 2000.doc
Prof. Mauro Bortolotti

INFEZIONE
22 Apr 05 - Ibrahima, 35 anni (id: 13294)
  Dall’ analisi di un tampone fatto tra le dita dei piedi sono emersi:Enterococcus faecalis ( Gruppo D ), Pseudomonas aeruginosa, Klebsiella pneumoniae. Cosa sono e perchè potrei averli contratti? Sono infettivi? Grazie Distintamente. Rispondete al più presto Grazie
Signora,dipende dal mestiere che fa: si lavi i piedi giornalmente con un liquido detergente che contenga un disinfettante e butti via le scarpe o le sterilizzi. Con saluti
Prof. Pier Roberto Dal Monte

stipsi
22 Apr 05 - Roberta, 28 anni (id: 13285)
  Caro prof. Mauro Bortolotti sono una ragazza di 28 anni e soffro di stitichezza, mangio tanta verdura cotta, anche fibre, ma con nessun risultato, dopo una settimana devo prendere un lassativo per potermi liberare (euchessina) il mattino sucessivo riesco a liberarmi, ma nel pomeriggio a volte a ho la dissenteria, c’e’ un rimedio per evitare di prendere lassativi? cosa mi consiglia? la ringrazio anticipatamente cordiali saluti Roberta Poggi
Gentile Sig.na Roberta, se non l’ha già fatto, sarebbe opportuno effettuare un clisma opaco per escludere cause organiche della stipsi ed una defecografia per vedere se vi sono alterazioni funzionali nel meccanismo della defecazione. In base ai risultati si procede poi con la terapia. Distinti saluti. Prof. Mauro Bortolotti
Prof. Mauro Bortolotti

Alterazioni enzimi pancreatici
22 Apr 05 - antonio, 24 anni (id: 13284)
  caio , sono uno ragazzo di 24 anni ,sono molto ansioso di carattere , ma dal 2002 ho dei valori alti di lipasi circa 3-4 volte la norma, anche l’amilasi è alta ma di poco, mentre isoamilasi pancretica è nella norma, tutti gli altri valori del sangue sono nella norma, ho fatto TC, RX torace , ecografie , grastroscopima , ma tutto ok,cosa devo fare per far abbassare questa lipasi? ogni tanto ho delle fitte allo stomaco ma lievi sulla parte sx , lo specialista mi ha detto di abolire completamente l’alcool,cosa devo fare!!!molte grazie per l’ascolto
Egregio Signore, non esiste una modalità per abbssare gli enzimi pancreatici eccetto combatterne la causa che non mi sembra chiara.E quindi deve ulteriormente indagare fra le numerose cause di pancreatite anche se non mi pare la sua particolarmente grave.Le varie cause possono essere:iperlipemia (ipertrigliceridemia), ipercalcemia,l’uso di farmaci:cortisone, antinfiammatorimia. Alerazioni congenite delle vie biliari,pancreas Infezioni virali, fibrosi cistica fome ereditarie, alcoolismo. Con saluti,
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Reflusso e ginnastica
22 Apr 05 - Barbara, 59 anni (id: 13282)
  Buona sera Prof Dal monte, Mi e’ stata riscontrata una esofagite da reflusso con piccola ernia ietale, mi hanno consigliato dopo la cura farmacologica di intraprendere un corso di ginnastica pilates per rafforzare i muscoli dell’addome, cosi’ facendo l’ernia si riassorbirebbe lentamente, lei crede che sia possibile? visto che il corso e’ molto costoso crede che ne valga la pena? la ringrazio anticipatamente cordiali saluti Barbara Pini
Gentile Signora, il metodo Pilates è una specie di Yoga, e non mi risulta che in genere si ottengano i risultati che mi dice. Comunque potrebbe fare bene all’organismo e come afferma H. Pilates anche allo spirito. Con saluti,
Prof. Pier Roberto Dal Monte

disfagia
22 Apr 05 - GIULIA, 17 anni (id: 13281)
  Salve, da circa 20 giorni non riesco a mangiare bene:nel senso che quando ingoio sento un aggroppo alla gola come se il cibo non scivolasse per bene tutto giù..e come se alcuni pezzettini rimanessero alla gola e mi dà troppo fastidio. Allora tossisco un pò, bevo un pò d’acqua e mi passa. Ho anche iniziato ad masticare troppo..cioè mastico mastico.....e dopo ingoio ma solo qnd sento che il cibo è completamente quasi liquido .........e poi butto giù, con la paura che mi facci ancora l’aggroppo. Sono stata dall’otorino e mi ha detto che non è disfagia. Allora mi ha segnato delle gocce miorilassanti...ma non le ho più prese dopo 2 giorni perchè danno troppa sonnolenza e io devo studiare... D... continua >>
a un pò di tempo soffro anche di attacchi di panico e quindi sono spesso abbastanza nervosa...anche per via della scuola ecc..... Vorrei sapere cosa dovrei fare...... Possibile che sia solo un fatto nervoso????? LA prego mi risponda è urgentissimo-GRAZIE MILLE_
Gentile Sig.na Giulia, si tratta proprio di disfagia (vedi aree di interesse), per vedere la causa della quale sono necessari alcuni esami, come l’esame radiologico del faringe-esofago, possibilmente con videofluorografia, e, se necessarie, anche una gastroscopia ed una manometria esofagea. Stabilita la causa si può procedere con la terapia. Distinti saluti. Prof. Mauro Bortolotti
Prof. Mauro Bortolotti

Dolori ipondrio sn
22 Apr 05 - maria, 49 anni (id: 13277)
  quando i dolori sono all’all’altezza della milza con continui decimi di febbre quale può essere la diagnosi?
Forse è bene si faccia visitare dal suo medico per valutare dove si localizza esattamente il dolore, la milza in genere non da dolore con febbre. Con saluti,
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Sopsetta esofagite e fitness
22 Apr 05 - Marco, 25 anni (id: 13276)
  Gentile professore le volevo chiedere alcuni consigli riguardanti il mio caso. Di recente mi è stata diagnosticata una leggera esofagite da reflusso. I miei sintomi erano bruciore di gola (soprattutto la mattina) e gonfiore di gola durante tutto l’arco della giornata (ma spesso si accentua dopo i pasti). Mi è stata prescritta una cura a base di inibitori di pompa protonica e mi è stato consigliato di evitare di cenare troppo tardi la sera. Per questo motivo ho iniziato a cenare prima di andare in palestra (mentre prima cenavo verso le 10, al ritorno da questa). Il problema è che il gonfiore di gola permane e, da quando ho iniziato la cura e ho cambiato i miei ritmi alimentari ho cominciato a... continua >>
perdere peso (circa 6 Kg in 8 mesi). Mi chiedevo se le cose potessero essere in qualche modo collegate e se mi conviene riprendere i miei ritmi di prima magari anticipando di un’ora il ritorno dalla palestra (ho visto sulla dieta da lei indicata che scosiglia esercizio fisico dopo mangiato) Grazie
Egregio Signore, la ginnastica soprattutto degli addominali o varie flessioni anteriori non è favorevole al reflusso.Il peso è questione di introduzione di calorie e quindi di cibo e naturalmente di consumo. Mangi di più al mattino e non alle 22. Il gonfiore alla gola comunque non mi sembra un sintomo di reflusso. Con saluti,
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Sospetta gastroenterite eosinofilica
22 Apr 05 - ANNA, 38 anni (id: 13275)
  Alla mia bambina(7 anni)è stata ipotizzata una ipotetica gastrite da eosinofili, ora in fase di accertamento. Mi può dare qualche informazione?
Gentile Signora, potrebbe trattarsi di una forma di allergia alimentare che è una delle principali cause di gastrite o gastroenterite eosinofilica. Faccia le ricerche degli allergeni con un pannello alimentare pediatrico. Il trattamento cortisonico può risolvere il caso se è acuto.Con saluti,
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Allegato
22 Apr 05 - Matteo, 21 anni (id: 13273)
  Egr. Prof. Dal Monte, in riferimento alla mia domanda del 18 apr (id 13009), non ho trovato l’allegato da Lei citato. Potrebbe provvedere in tal senso? Grazie immensamente.
Ha ragione me lo ero scordato.
Il colon irritabile.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

reflusso esofageo
22 Apr 05 - carla, 52 anni (id: 13271)
  Sono la mamma di una ragazza di 23 anni, da due affetta da reflusso gastro esofageo dovuto a cardias beante che vorrebbe avere qualche delucidazione: 1) mia figlia ha preso per un anno intero lucen da 20mg poi il medico le ha consigliato di sospendere e rifare terapia al bisogno con zoton da 30 per 8 giorni; da allora ogni qualvolta mangia pesante soprattutto la sera, 3 volte in tutto da gennaio ad oggi le viene un bruciore alla gola con placche e febbre a 38° per un paio di giorni. E’ pericoloso? consiglia la terapia continua? posso continuare con zoton da 15 ? bisogna sospendere per un certo tempo ? il fegato, con terapia continua ne può venir compromesso? la ringrazio. ... continua >>
Gentile Signora, per il reflusso esofageo segua i consigli che le allego. Le placche , etc. sono da imputarsi ad una tonsillite cronica che va curata per altra via. Con saluti,
Esofagite ed ernia.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

IPP e PSA
22 Apr 05 - giovanni, 50 anni (id: 13269)
  vorrei sapere se l’omeprazolo puo’ fare aumentare i valore del psa
Non risulta tale riscontro. Approfondisca con altri esami specifici per la prostata.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

terapia con IPP
22 Apr 05 - Francesco, 36 anni (id: 13268)
  Buongiorno, Le scrivo per chiederle un consiglio. Da alcuni mesi sto assumendo lucen 20 per la cura di una ulcera duodenale. Ho già eseguito anche la cura per l’eradicazione dell’H.P. Dall’EGDS mi hanno riscontrato una piccola ernia iatale e una leggera gastrite. Vorrei sapere se è il caso di ridurre le dosi del farmaco (attualmente ne assumo 1 cpr solo alla mattina). La ringrazio per la risposta.
Egr. Sig Francesco, non mi ha detto se soffre anche di disturbi da reflusso g.e. (vedi aree di interesse) come bruciori, rigurgiti acidi, eruttazioni, dolori retrosternali ecc., nel qual caso è consigliabile continuare in modo cronico con la dose attuale che tra l’altro è quella più bassa disponibile. Inoltre è necessario verificare se l’H.P. è stato eradicato , mediante ricerca dell’antigene H.P. nelle feci, senza sospendere la terapia. Distinti saluti. Prof. Mauro Bortolotti
Prof. Mauro Bortolotti


Da 25177 a 25192 di 28904