Sei in: Medico on-line > Gastroenterologia

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Gastroenterologia
Referenti
  • Prof. Pier Roberto Dal Monte

  • Già Direttore Dipartimento medico-chirurgico delle Malattie dell’apparato digerente. Ospedale Bellaria-Maggiore. Bologna.

  • Prof. Mauro Bortolotti

  • Professore a Contratto della Specializzazione in Medicina Interna
    Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Bologna
    Policlinico S. Orsola


ultimo aggiornamento 27/11/2014
 
Aree tematiche


Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 26/01/2007
Invia la tua domanda

Domande / Risposte
MRGE
11 Apr 05 - PAOLO, 53 anni (id: 12568)
  CARO PROF. STO SEGUENDO UNA CURA PER RIFLUSSO ESOFAGEO PRENDO IL LUCEN DA 20 MG LA MATTINA PRIMA DI COLAZIONE E AL BISOGNO IL GAVISCON SCIROPPO PERO’ HO NOTATO CHE NEL MIO CASO E’ PIU’ EFFICACE IL GAVISCON PASTICCHE. VOLEVO CHIEDERLE CHE DIFFERENZA C’E’ TRA I DUE PRODOTTI E SE PER IL GAVISCON PASTICCHE PUO’ESSERE PRESO SENZA PROBLEMI DOPO I PASTI ANCHE PER LUNGO TEMPO.GRAZIE
Gentile Sig. Paolo, in effetti le cp sono più efficaci dello sciroppo perchè forniscono una barriera più consistente al reflusso. Non aspetti però che compaia il sintomo per assumerle, le prenda regolarmente 1 dopo pranzo , 1 dopo cena, e due prima di coricarsi. Utile una dieta che le allego. Distinti saluti.
Dieta CUP 2000.doc
Prof. Mauro Bortolotti


Giardiasi
11 Apr 05 - edgardo, 56 anni (id: 12567)
  gentile professore da circa tre mesi ho notato alterazione del transito intestinale con feci a volte poltacee mi sono rivolto a un gastroenterolgo che mia ha sottoposto a eco addominale con risultato negativo gastroduodenoscopia con risultato esofagite minima gastrite cronica antrale duodenite bulbare rettosigmoidoscopia negativa esmae parassitologico delle feci positivo alla giardia,dopo terapia con flagyl e un breve miglioramento sono ricomparsi i sintomi e mi sto sottoponendo con terrore a esami ematochimici,faccio presente che mia moglie e’ cubana e che mia figlia ha contratto la giardia una volta, l’ultimo viaggio a cuba risale a 14 mesi fa in attesa di una sua risposta le invio i mieie... continua >>
piu’cordiali saluti edgardo clo’
Egregio Signore, non capisco quale sia la causa della sua paura, al massimo non avrà eliminato la giardia e provi se è così a cambiare antiaparassitario. Dopo una infestazione l’intestino può rimanere irritato per qualche tempo. Con saluti,
Prof. Pier Roberto Dal Monte

MRGE e HP
11 Apr 05 - ELETTRA, 47 anni (id: 12565)
  A SEGUITO NAUSEA PERSISTENTE, CAPOGIRI O DOLORI DI STOMACO HO EFFETTUATO GASTROSCOPIA E BIOPSIA, LA DIAGNOSI E’ LA SEGUENTE: ESOFAGITE GRADO A SEC. LOS ANGELES. NOTE DI GASTROPATIA ANTRALE HP POS, LA TERAPIA E’: lucen 40 1 cp.per 4 settimane, augmentin e macladin 500 2 al dì per 1 settimana, per favore vorrei sapere, di che cosa si tratta di preciso?, non ho avuto spiegazioni, se non che si tratta di reflusso gastrico. La ringrazio
Gentile Sig.ra Elettra, i dati depongono per una malattia da reflusso g.e. (vedi aree di interesse) associata ad una gastrite da Helicobacter Pylori di cui viene tentata l’eradicazione con un trattamento piuttosto leggero. In ogni caso dopo un mese va verificata l’eradicazione mediante ricerca antigene HP nelle feci. La sospensione dell’esomeprazolo spesso è seguita da una ripresa dei sintomi, per cui occorre effettuare una terapia di mantenimento per lungo tempo (gratuita per il SSN, nota 48). Utile una dieta che le allego.
Dieta CUP 2000.doc
Prof. Mauro Bortolotti

Sospetto colon irritabile con dismicrobismo
11 Apr 05 - LAURA, 37 anni (id: 12560)
  buongiorno professore, da due mesi sto molto male: addome molto gonfio, stipsi, crampi addominali, muco nelle feci, senso di incompleta evacuazione, miglioramento temporaneo all’evacuazione e all’espulsione di gas,stanchezza, irritabilita’, ansia e depressione, i sintomi peggiorano con l’avvicinarsi delle mestruazioni,ho effettuato tutti gli esami del sangue compreso il CEA e SOF (negativi), ma nella coprocoltura mi hanno trovato: "Diverse colonie di candida" potrebbe dirmi cosa significa, puo’ essere la causa dei miei sintomi? Per favore mi aiuti, mi dia un consiglio, ho gia’ interpellato quattro specialisti che mi hanno prescritto di tutto dai probiotici (ZIRFOS e ENTEROLACTIS) alle fibre ... continua >>
(PSYLLIO PLUS) agni antispastici (DUSPATAL), quando mi vengono le crisi forti l’unica cosa che mi fa star bene e’ lo Spasmomen Somatico 40. Nessuno mi ha consigliato la colonscopia, lei cosa ne pensa? (in un primo tempo la candida nelle feci non c’era ma l’esame era stato eseguito su 1 solo campione
Gentile Signora, potrebbe trattarsi di un colon irritabile con dismicrobismo o colonizzazione dll’intestino di germi patogeni.Veda comunque l’allegato ove troverà di cosa si tratta in generale quando si parla di colon irritabile.Con saluti,
Il colon irritabile.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Sospetto colon irritabile
11 Apr 05 - simonetta, 36 anni (id: 12557)
  egrigio dottore, vi ringrazio per la vostra disponibilità on line e ne approfitto volentieri,da sempre soffro di colon irritabile, dolori lancinanti sul fianco sx accompagnati da moltissima aria e gonfiore a dismisura,vado in bagno 3/4 volte al giorno e, a volte, anche soffrendo di diarrea, mi è difficile, quasi non riesco.la cosa assurda si presenta quando esco a cena fuori, finito di cenare mi gonfio a vista d’occhio la pancia comincia a brontolare,emetto dei rumori quasi ironici alchè tutti si voltano per capire da dove provengono ed io, puntualmente mi metto a ridere ma,comincio a preoccuparmi, perchè vado in bagno ma non riesco a combinare nulla e questi brontolii continuano, anzi aumen... continua >>
tano,vorrei sapere quali esami fare adatti a questa situazione, non riesco a capire quali siano gli alimenti che scatenano tale difficoltà perchè mi succede praticamente sempre, mangiando pesce,carne,verdure etc.vi ringrazio se poteste illuminarmi...
Gentile Signora, potrebbe trattarsi di semplice colon irritabile con dismicrobismo di cui vedrà migliori chiarimenti nell’allegato. Tuttavia non trascurerei di approfondire se si tratta eventualmente di intolleranza al glutine facendo le ricerche degli anticorpi specifici.
Il colon irritabile.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Colite aspecifica
10 Apr 05 - giovanni, 48 anni (id: 12553)
  salve ,mi hanno diagnosticato 5 mese fa una colite cronica aspecifica fino ad oggi non ho avuto miglioramenti nonostante abbia fatto tutti gli accertamenti dovuti e assunto diversi medicinali. Si puo’ guarire?(premetto che in un giorno vado in bagno 5-6 volte )C’e’ qualche medicina che attenua le scariche? fino ad oggi non ho avuto alcun risultato positivo confido in una vostra risposta che mi possa portare miglioramenti reali. Grazie Cordiali Saluti
Egregio Signore, la diagnosi significa che vi è una infiammazione che potrebbe essere da germi o enterocolite cronica ma non rientrare in malattia infiammatoria intestinale primitiva (senza una causa specifica e nota come la rettocolite ulcerosa). Provi a prendere un disinfettante intestinale tipo ciprofloxacina e osservi cosa succede. Con saluti.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

dispepsia
10 Apr 05 - PAOLO, 47 anni (id: 12552)
  Egregio Professore, da anni soffro di disturbi gastrici,dolori addominali,nausea persistente molto forte.Da EGDS nel 2003 risulta ernia iatale da scivolamento,polipo dello stomaco(biopsia negativa), gastrire iperemica. La nausea non mi dà pace, mangio con difficoltà e quindi mi sono sottoposto a settembre 2004 a RX tubodig. risulatato negativo. A gennaio,dolori toracici mi hanno portato ad effettuare un ECG (negativa);sottoposto ad esami: lipasi 400 (v.n.laboratorio 120/200), Amilasi, GOT regolari. Fatta RM, si è evidenziato un areola cistica al fegato(un po ingrossato)milza,pancreas nella norma. Prendo da 10 anni omeprazolo, ma nausea terribile, dolori, dispepsia continuano. Un medico mi h... continua >>
a detto di sottopormi ad una nuova EGDS, mentre un altro dice che,una EGDS e RX, negativi come i miei, sono validi per almeno 5 anni. La vita con la nause continua è terribile soffro anche di depressione ed ho paura a sottopormi a nuova EGDS. Mi può illuminare e aituare Signor Professore? Grazie!
Gentile Sig. Paolo, lei probabilmente soffre di dispepsia (vedi aree di interesse) che tipicamente presenta EGDS e RX costantemente negativi poichè il malfunzionamento dello stomaco si può mettere in evidenza solo con un test di svuotamento gastrico scintigrafico. Oltre all’omeprazolo le consiglierei i procinetici ed una dieta adeguata che le allego. Distinti saluti
Dieta CUP 2000.doc
Prof. Mauro Bortolotti

Sospetta proctosigmoidite ulcerosa
10 Apr 05 - paolo, 29 anni (id: 12547)
  Buogiorno, da diverso tempo quando defeco trovo tracce di sangue e materiale bianco nelle feci. Il mteriale biancastro è mescolato nelle feci ma il sangue sembra che esca piu a valle. Quando defeco sento un gran bruciore ma non ho problemi di stomaco o altro. E’ un periodo in cui sono molto stressato, ho perso un po di peso continuando comunque a mangiare molto. grazie paolo
Potrebbe trattarsi si una proctosigmoidite ulcerosa, consiglierei di fare una rettosigmodioscopia che porta ad eliminare, essendo la mucosa infiammata, sangue e muco-pus.Con saluti,
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Steatosi ed anticorpi anti virus B
10 Apr 05 - PATRIZIO, 40 anni (id: 12545)
  Dopo la presenza di anticorpi di epatite b la comparsa di steatosi è legata?
No non è affatto legata anche perchè dell’epatite è ormai guarito. Si legga piuttosto l’allegato. Con saluti,
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Sospetta ragade
10 Apr 05 - Marzia, 31 anni (id: 12544)
  Salve, sono due mesi che durante la defecazione perdo del sangue rosso vivo che vedo sulla carta igienica. Ho gia svolto una rettoscopia ma il medico mi ha detto che non ha riscontrato ne emorridi ne ragadi. Comunque passate 2 settimane dalla visita mi sono controllata con uno specchio e ho visto che nella regione anteriore all’ ano ho una piccola lesione e sono arrossata.Cosa potrebbe essere? Mi potrebbe consigliare qualcosa? Quali visite dovrei fare? E che alimentazione dovrei tenere?
Gentile Signorina, potrebbe essre una ragade che si vede bene con una anoscopia fatta da uno specialista proctologo. Con saluti
Prof. Pier Roberto Dal Monte

malattia da reflusso e dispepsia
10 Apr 05 - Enzo, 46 anni (id: 12543)
  Ho avuto un forte mal di stomaco curato al pronto soccorso con zantac spasmex e qualcos’altro. Ho fatto la gastroscopia per epigastralgie con queste conclusioni: incontinenza cardiale complicata da esofagite erosiva(los Angeles classe A). Gastropatia antrale erosiva. Effettuato test H P con risultato positivo. Ho fatto la cura con esopral 20, veclam 500 e fasigin 500, 1 cp. a colazione e cena per 7 gg..Poi esopral 40, 1 cp. al mattino a digiuno per 4 settimane e infine esopral 20, 1 cp. al dì per 30 gg. Ora devo fare il break test.Però appena terminata la cura mi succede spesso solo la notte che mi sveglio con il dolore alla bocca dello stomaco che mi fa camminare per molte ore. Alcune volte... continua >>
sono andato in ospedale con la diagnosi della gastroscopia e mi hanno detto che è il reflusso degli acidi. Mi chiedo: Si può curare? Se no, quale cura devo fare vita natural durante per non sentire il dolore? Mi può succedere anche di giorno? Aggiungo che sonno iperteso e prendo forzaar da 100mg
Gentile Sig. Enzo, lei ha una malattia da reflusso con esofagite erosiva e dispepsia similulcerosa (vedi aree di interesse per chiarimenti). Immagino ch appena finita l’eradicazione dell’HP lei abbia sospeso la cura con esomeprazolo e ciò ha provocato la ricomparsa dei sintomi. Se invece ne assume solo 20 mg, deve aumentare la dose aggiungendo altri 20 mg mezz’ora prima di cena. Purtroppo deve continuare per molto tempo questa cura, che è data gratuitamente dal SSN per 12 mesi poi per altri 12 in caso di recidiva. Utile anche una dieta che le allego.
Dieta CUP 2000.doc
Prof. Mauro Bortolotti

Enterocolite o rettocolite ulcerosa?
10 Apr 05 - Giulio, 29 anni (id: 12535)
  Salve dottore, per 3/4 giorni ho avuto sangue e muco nelle feci, senza alcun sintomo. Dopodichè il sangue è sparito (ho avuto conferma di questo anche grazie all’esame delle feci) e ho avuto solo piccole perdite di muco (da 10-15 giorni a questa parte) nelle feci nonostante abbia fatto la cura antibiotica prescritta. Premetto che dopo i primi giorni non ho più avuto scariche diarroiche e non ho mai accusato mal di pancia e nessun altro sintomo. Il medico di famiglia mi ha fatto fare la coprocoltura per salmonella, shigella e campylobacters species, il tutto con esito negativo. Di conseguenza mi ha consigliato di fare la colonscopia. Secondo lei cosa potrebbe essere, è davvero necessario... continua >>
questo esame così invasivo ? Mi consiglia un’alimentazione particolare ? Un mio dubbio : sono un soggetto allergico alle graminacee e agli acarie prendo molto spesso l’antistaminico, può essere legato a questo problema ? La ringrazio per la cortese risposta, augurandole buon lavoro.
Egregio Signore, potrebbe essre una enterocolite subacuta che dovrebbe regredire da sola o una forma di rettosgmoidite anche ulcerosa. Potrebbe fare inizialmente solo una rettosigmoidoscopia che non è dolorosa.Con saluti,
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Dolore ipocondrio di dx
10 Apr 05 - angelo, 40 anni (id: 12533)
  caro Professore, da 2 anni accuso un dolore al fianco destro che si propaga fino all’ultima costola (area del fegato) e anche alla zona lombare. nel periodo ho notato inoltre un aumento significativo di sensazioni di gonfiore, meteorismo e flautolenza. il dolore si manifesta soprattutto dopo aver guidato l’auto a lungo e i genere stando seduto per molto tempo. le analisi del sangue così come l’ecografia, analisi delle feci etc.. non hanno individuato nulla di anomalo. si nota inoltre che il dolore si manifesta con discontinuità diminuendo o addirittura sparendo per qualche giorno per poi ritornare a volte più acuto di prima. Per ultimo ho consultato anche un chiropratico pensando ad un pro... continua >>
blema meccanico (ho una piccola ernia discale a livello L3-L4 ma che non mi dà più di tanto fastidio salvo rare occasioni) ma lo stesso chiropratico non ha individuato nulla di particolare e mi ha suggerito di verificare a livello di colon ileo. La ringrazio per il consiglio che vorrà darmi. saluti
Egregio Signore, non mi pare un dolore in diretta connessione con lo stomaco, ma bensì con un organo collocato a dx, come le vie biliari/fegato, la flessura dx o epatica del colon: escluderei comunque il fegato che non da nel suo caso dolore, anche se valuterei con un eco le vie biliari, come non escluderei un dolore di verosimile natura muscolotendinea alla base dell’emitorace di dx. Anche se il chiropratico non è del parere,potrebbe essere a partenza dalla colonna quindi posteriormente, irradiato in avanti nel punto che Lei mi segnala.Veda se la sua postura è correta, se la colonna dorsale in asse ed infine se i muscoli paravertebrali sono anch’essi dolenti. Per i disturbi addomianli le consiglierei di seguire i consigli propri di un colon irritabile che le allego.Con saluti, P.R.Dal Monte
Il colon irritabile.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

dolore epigastrico
9 Apr 05 - MANUELA, 25 anni (id: 12520)
  E’ da circa 6 mesi che soffro di dolori addominali per lo più localizzati nella parte sinistra dell’addome, molto spesso però sono nella parte alta più o meno al di sotto delle costole. Ho già fatto la colonscopia dalla quale non è risultato nulla di anomalo, ho anche fatto i test per le intolleranze alimentari e ho iniziato da circa un mese ad escludere i cibi a cui sono risultata intollerante (aspergillus niger, vaniglia, frumento, frutta ecc...). Ho notato un leggero miglioramento, ma vorrei sapere se questo dolore per lo più localizzato, come già detto, nella parte alta non possa riguardare altri organi. Cordiali saluti.
Gentile Sig.ra Manuela, non mi ha detto se ha disturbi digestivi (gonfiore addominale postprandiale ecc.) e dell’alvo (stipsi o diarrea) per cui è difficile dire di cosa si tratta. Penso che il suo Medico se lo riterrà opportuno le chiederà altri esami (EGDS, Rx T.D., ecografia addominale, ecc.) per chiarire il suo problema. Distinti saluti
Prof. Mauro Bortolotti

Urinoterapia
9 Apr 05 - graziano, 36 anni (id: 12519)
  Salve Dott. ho praticato per un anno e mezzo l’urinoterapia. La bevevo piu’ volte al giorno e ultimamente insieme a dei spicchi d’aglio tritati e capsule di fermenti vivi. Non mi chieda perche’ l’ho fatto, comprai un libro sull’ argomento e l’ ho seguito. Come se non bastasse (come spiegava il libro) iniettavo dell’ urina nella natica 1 o 2 volte a settimana con una siringa da insulina. Un giorno mi sono svegliato con il fuoco al centro del petto ed il cuore impazzito. Nessun medico ha mai dimostrato di conoscere l’argomento. Praticamente non ho saputo ancora cosa mi e’ successo visto che sono tre mesi che sto’ ancora male. Dalle analisi del sangue, comunque, non risulta nulla e... continua >>
dalla gastroscopia solo: DUE FRAMMENTI DI MUCOSA ANTRALE SEDE DI FLOGOSI CRONICA DI GRADO LIEVE. NO HP. ESOFAGO CON EROSIONI GIUNZIONALI E CARDIADS IPOCONTINENTE Prendo lo ZOTON da due mesi e mezzo ma non cura bensi’ tampona. Le chiedo per favore tecnicamente quello che ho fatto (urina-aglio-fermenti insieme e inalazioni sotto pelle) per un anno e mezzo cosa e’, cosa ha comportato, che devo fare se lo sa’. Arrivederci e mi scusi per la lunghezza della e-mail.
Egregio Signore, probabilmente non sa che l’urina contiene i residui tossici del nostro metabolismo, evidentemente si sarà intossicato. Mi sembra una situazione piuttosto fuori dal normale senza alcun senso intellegibile. Con saluti,
Prof. Pier Roberto Dal Monte


Da 25177 a 25192 di 28705