Sei in: Medico on-line > Gastroenterologia

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Gastroenterologia
Referenti
  • Prof. Pier Roberto Dal Monte

  • Già Direttore Dipartimento medico-chirurgico delle Malattie dell’apparato digerente. Ospedale Bellaria-Maggiore. Bologna.

  • Prof. Mauro Bortolotti

  • Professore a Contratto della Specializzazione in Medicina Interna
    Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Bologna
    Policlinico S. Orsola


ultimo aggiornamento 22/02/2013
 
Aree tematiche


Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 26/01/2007
Invia la tua domanda

Domande / Risposte
Dispepsia
14 Lug 06 - Giovanni, 63 anni (id: 40719)
  Dopo che tempo fa mi è stato diagnosticato un "intestino irritabile", da un po’ ho anche dei problemi di stomaco. Ho qualche bruciore, dopo i pasti o nel corso della giornata, a volte ho nausea, in alcuni momenti soffro di una leggera disfagia e provo un certo fastidio (parlare di brucore è forse eccessivo) al petto. Tutto questo avviene però di tanto in tanto e, come si sarà capito, senza grandi dolori. Inoltre i lievi bruciori non durano mai più di qualche minuto. Il mio medico, tenendo anche conto del fatto che mia madre è morta, una ventina di anni fa, di cancro allo stomaco, mi ha prescritto una gastroscopia. Non ha però preso in considerazione il fatto che sono molto ansioso (è da ... continua >>
una vita che prendo lexotan) per cui alla fine la gastroscopia (che tutti descrivono come un esame molto invasivo) non l’ho fatta. Ho fatto invece l’esame della feci per la ricerca dell’Helicobacter e quella per il sangue occulto. Tutti e due gli esami hanno dato esito negativo. Vorrei a questo punto farle alcune domande: 1. Il fatto che la ricerca per l’Helicobacter sia risultata negativa cosa dimostra? Quali malattie esclude? 2. C’è qualche altro tipo di esame che potrei fare, anche per i miei problemi di disfagia e leggero fastidio al petto? 3. Domanda inevitabile:è proprio necessaria a questo punto, secondo lei, la gastroscopia? Ringraziamenti e cordialità.
L’assenza di Helicobacter significa che non ha gastrite da questo germe ed il sangue occulto neg che apparemtemente non ha un caancro al colon, ha solo forse un reflusso esofageo per cui consiglio guardarsi l’allegato.
Esofagite_ed_ernia.doc
Infezione_da_Helicobacter_Pilori.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte


Dispepsia
14 Lug 06 - giuseppe, 53 anni (id: 40710)
  Illustrissimo professore, mi aiuti la prego; da alcuni mesi ormai la notte mi alzo con tachicardia ed extrasistole; da un paio di giorni addirittura dopo circa un ora da quando mi metto a letto; sono un tipo ansioso e stressato e soffro di colite spastica con aria intestinale e anche nello stomaco.- Sono pochi i cibi che posso mangiare modestamente tollerati.- Chiedo un consiglio: mi conviene fare l’analisi del sangue per le intolleranze alimentari? Mi può consigliare farmaci ben tollerati che, piglino due piccioni con una fava (cioè che mi allentino la tensione nervosa e migliorino la colite spastica.- La ringrazio anticipatamente e porgo deferenti saluti.-
Si veda l’allegato con gli esami e la terapia eventuale che deve fare, come ad esempio antiacidi 1 cp alla sera e dellla levosulpiride prima dei pasti principali.
Digestione e dispepsia.DOC
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Reflusso esofageo
13 Lug 06 - Silvia, 28 anni (id: 40704)
  Gentile dottore, da qualche mese soffro di reflusso gastroesofageo che mi ha causato una esofagite di primo grado. Dopo una terapia con i farmaci del caso (IPP, procinetico, antiacido) il problema si è risolto e pareva scomparso ma oggi si è ripresentato improvvisamente complice, forse, una situazione di particolare stress. In realtà ho notato una coincidenza che vorrei sottoporle. La prima volta che si è presentato il problema stavo assumendo Magnosol da due settimane (una bustina al giorno) per un problema di cefalea muscolo-tensiva che si è in effetti temporaneamente risolto. Di recente (circa 10 giorni) alla ricomparsa della cefalea ho ripreso il magnesio ed è ripreso anche il problema ... continua >>
allo stomaco. I due fatti possono essere collegati? (Durante la gastroscopia che ha rilevato l’esofagite il dottore ha detto che il cardias era continente). Grazie per il tempo dedicatomi.
Il reflusso può essere anche scatenato da cause psicologiche, come succede nelle cefalea da tensione che influisce anche di per sè sulla digestione, come dai farmaci. Ma serve la medicina che mi cita per la cefalea?
Cefalea muscolo-tensiva.doc
Esofagite_ed_ernia.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Sospetto colon irritabile
13 Lug 06 - francesca, 32 anni (id: 40701)
  Gentilissimo Prof. Dal Monte, soffro da parecchi anni di "mal di pancia" che ultimamente si sono acutizzati, tanto da finire al prontosoccorso 3 volte nell’ultimo anno. Soffro anche di stipsi...che paradossalmente è migliorata sensibilmente da quando ho queste forti coliche! Con la gastroscopia mi hanno riscontrato bile nello stomaco e suggerito di fare una eco addominale dalla quale risulta essere tutto ok. Il dolore però persiste e si irradia anche alla schiena(alto a dx) e talvolta è talmente forte da costringermi addirittura a letto; il cuore accelera e mi viene l’affanno per niente, sono perennemente stanca e "indolenzita". L’addome è tutto dolente ed enorme, sono gonfia in maniera sp... continua >>
ropositata,(come se fossi in cinta di 3 mesi) i dolori sono per lo più alti, è come se avessi una cintura che mi strozza proprio sotto la bocca dello stomaco, delle volte ho difficoltà anche a stare seduta perchè mi comprime,la sensazione è che mi manchi il respiro, la cosa tragica è che ho dolore sempre anche digiuna, naturalmente dopo che mangio peggiora, ma ho imparato a stendermi subito dopo...Sono in cura ormai da un mese con il Peridon prima dei pasti principali, che oltre a permettermi di mangiare qualcosi non ha fatto certo miracoli...Ho eseguito diversi esami: ricerca di sangue occulto nelle feci, risultato fortunatamente negativo; ed esemi del sangue di cui le elenco solo quelli sfalsati: ematocrito 32,7; HCT sono a 32,9; MCV sono a 76, MCH 26,2; MCHC è invece alto a 38,9. Cosa significa? La ringrazio anticipatamente...e Le chiedo cortesemente di non consigliarmi di parlare col mio medico di fiducia, perchè altrimenti non avrebbe senso aver chiesto un Suo parere. Cordiali saluti Francesca
gentile Signorina, mi sembra che abbia un colon irritabile che le provoca anche stipsi e questo le da i dolori che lamenta. Penso che sia oportuno seguire i consigli che le invio e se continua ad avere disturbi faccia un clisma opaco. Ha inoltre un discreta anemia con globuli rossi un più piccoli da probabile anemia mediterranea, faccia anche la sideremia ed altre ricerche opportune. Con saluti,
Il_colon_irritabile_ed_il_suo_trattamento.doc
La stitichezza.DOC
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Epatite C
13 Lug 06 - teodoro, 39 anni (id: 40700)
  Ho l’epatite c, da circa venti anni,ciò nonostante ho sempre goduto di buona salute, eccezion fatta per un orticaria che mi perseguita da circa un anno.Inizialmente piccoli ponfi, successivamente più grandi, specialmente nelle zone compresse da elastici. In seguito quando i ponfi scomparivono, lasciavano lividi.Ho consultato diversi medici e ne ho ricevuto diagnosi differenti( orticaria; o.vasculitica; o. da compressione)ed anche le cure erano differenti: formistin; telfast 180,bentelan 4 mg. Ho fatto decine di analisi, radiografie, ecografie.L’unico risultato anomalo è associato all’epatite ovvero ggt 330.Da qui mi consigliano di fare una cura col’ interferone.Ho timore di questa cura, aven... continua >>
done letto gli effetti collaterali, per cui pur avendo le transaminasi alterate, dall’ecografia non si rivela nessuna anomalia ed anche il gastroenterologo è dubbioso.gradirei avere il suo parere, grazie yeodoro
Penso che sia opportuno fare prima la ricerca della replicazione virale facendo l’HCV-RNA quali-quatitativo oltre che la ricerca delle crioglobuline, prima di iniziare eventuale terapia.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Sospetta epatite autoimmune
13 Lug 06 - pasquale, 40 anni (id: 40687)
  Mia madre di anni 69 è stata ricoverata per ittero da ndd. I valori delle transaminasi(GOT 1.541,GPT 1.142) e delle Gamma gt (132) elevate come pure quelli della bilirubina totale (16.85) e diretta (9.21)e della fostatasi alcalina (451). Markers epatite negativi, markers tumorali (TPA, CA 19,9) elevatissimi. A distanza di 20 giorni i valori si sono ridotti notevolmente (GOT 56, GPT 65), gamma GT (62), bilirubina totale 3.47, diretta 0.88, fosfatasi alcalina 290. Anche i M. tumorali ridotti considerevolmente. Hanno eseguito ecoaddome, tac addome e colangioRM tutti son esito negativo. Sono risultati però positivi gli esami per gli autoanticorpi per cui hanno fatto diagnosi di epatite cronica... continua >>
autoimmunitaria. Lei sta facendo tp con deltacortene 25 mg 1/2 cp al giorno. Esiste una terapia per questa patologia e quali problematiche può dare. Grazie
Se questa è la diagnosi, ma ho qualche dubbio per l’aumento e rapida diminuzione degli esami, si veda anche per la terapia più sotto, che comunque è sempre come sta facendo a base di immunosopressori come il cortisone. L’epatite autoimmune ed i processi autoimmunitari in genere dipendono dal fatto che, per motivi non ancora del tutto non chiariti, ma probabilmente genetici, le cellule immunitarie o di difesa dell’organismo (fondamentalmente i linfociti e le loro varie sottoclassi) aggrediscono direttamente o indirettamente le cellule normali dell’organismo provocando un’infiammazione che le distrugge (da buoni diventono cattivi). Così come può succedere nelle artriti deformanti o artrite reumatoide: ma nel suo caso aggrediscono le cellule epatiche provocandone la morte. Senza cause esterne specifiche che nelle altre forme, quelle virali, invece dipende dalla presenza del virus che ha infettato le cellule. Sempre in questo ambito rientrano le colangiti primitive come la cosiddetta cirrosi biliare primitiva, nella quale sono colpiti invece che le cellule epatiche i duttili biliari che trasportano la bile all’esterno del fegato, i quali vengono gradualmente distrutti e ciò provoca l’itterizia. L’epatite autoimmune si cura con i farmaci immunodepressori come il cortisone,etc. Con saluti,
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Probaile gastrite
13 Lug 06 - lilia, 44 anni (id: 40684)
  da qualche tempo accuso dolori addominali nellazona del plesso solare, che si manifestano come improvvise contrazioni più frequentemente a stomaco vuoto o, talora, non appena inizio a mangiare. Di cosa può trattarsi ?
Gentile Signora, potrebbero essere contrazioni gastriche da irritazione della mucosa,approfondirei con una gastroscopia se perdurano ma consiglio di fare un’ecografia per escludere anche eventuali coliche biliari.Segua intanto i consigli che le invio.
Trattamento della dispepsia.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Catarro farinfo-laringeo
13 Lug 06 - giuseppe, 31 anni (id: 40683)
  Dottore, da sempre ho sempre la sensazione di avere dei muchi alla gola, che tendo sempre ad ingoiare, anche se poi arrivo al punto di doverli espellere.La cosa non mi ha mai turbato, a parte il gran fastidio, a volte di dover espellere per forza questi muchi.Volevo sapere se è un problema serio, e quali conseguenze si possono verificare con gli anni Grazie Saluti
Consifglierei di consultare un otorinolaringoiatra.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Reflusso esofageo
13 Lug 06 - samantha, 36 anni (id: 40678)
  Ho rifatto proprio oggi una gastroscopia per capire meglio se ci fosse o meno un reflusso. Non ho sintomi particolari solo un po’ di peso sul petto che potrebbe essere una manifestazione ansiosa. L’esito è stato: iperemia nella zona pregiunzionale, sporadico reflusso gastro-esofageo, cardia beante. Mi hanno consigliato di fare due volte all’anno una cura di due mesi con Lansox 30 e poi 15. Secondo lei potrebbe essere sufficiente una dieta (vorrei evitare di assumere farmaci) magari integrata a Gaviscon? Che rischio corro di sviluppare un esofago di Barrett e ogni quanto dovrei fare i controooli per vedere se c’è evoluzione verso l’esofago di Barrett? Grazie per la risposta.
Si veda l’allegato. Per il Barrett non vi sono regole, ma non mi pare che corra questo pericolo, visto che non c’era.
Esofagite_ed_ernia.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Sospetta epatite cronica C
13 Lug 06 - vincenzo, 59 anni (id: 40677)
  Ho contratto le epatite C, non so neppure come. Cosa devo fare? Cosa mi consigliate?
Faccia innazi tutto anche la ricerca del HCV-RNA e se positivo alto,con transaminasi alte dovrebbe fare terapia con interferone+ribavirina.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Dispepsia
13 Lug 06 - Ilaria, 24 anni (id: 40674)
  Ho eseguito la gastroscopia, dalla quale risulta una leggera gastrite. Non avverto bruciori di stomaco né problemi di digestione.Il medico mi ha detto di evitare fritti, salumi,etc. Posso stare tranquilla?
Segua i consigli che le invio.Con saluti,
Trattamento della dispepsia.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Meteorismo in colon irrotabile
13 Lug 06 - daniela, 36 anni (id: 40673)
  Gentile Dottore, vorrei da Lei un consiglio per rassicurarmi un po’, vede spesso mi accade che mi si gonfi la pancia, già dal mattino, sebbene non abbia fatto colazione ho senso di pesantezza che durante la giornata aumenta. Questo gonfiore influisce anche sulle ovaie, o comunque nella parte bassa dell’addome, e quindi mi procura dolore e fastidio. Non riesco a mangiare nulla saltando anche il pranzo. Inoltre essendo allergica alle graminacee ho eliminato il pane, la pasta,il latte e i formaggi (solo di capra) ed altri cibi sostituiendoli al alcuni privi di glutine. Ora ho notato che anche mangiando la verdura cruda mi da problemi, a questo punto mi sto alimentando solo di carboidrati ma al... continua >>
lungo non mi darà problemi anche questo? Non saprei proprio a quale specialista rivolgermi e come affrontare questo mio problema che incide anche sul mio umore. Mi aiuti Lei Dottore, mi dia una risposta.Ringrazio in anticipo per l’attenzione. saluiti. Daniela
Gentile Signora, le varie intolleranze ed allergie (fondamentalmente le vere sono al lattosio ed al glutine) dovrebbero essere documentate con gli esami specifici, a me sembra in fondo un colon irritabile, veda di seguire i consigli che le invio.Con saluti,
Il_colon_irritabile_ed_il_suo_trattamento.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Intolleranza
13 Lug 06 - cristina, 40 anni (id: 40671)
  Buon pomeriggio, sono celiaca diagnosticata da fine dicembre 2005 (lesione III C). La mia domanda è la seguente: sto assumendo una compressa di supradyn (consigliatami dal mio medico) da 8 giorni ed è da ieri che ho bruciori di stomaco, dolori all’epigastrio e dolori crampiformi all’addome. Può essere dovuto al supradyn stesso? Ringrazio anticipatamente della Vs. risposta.
E’ possibile essendo un prodotto costituioto da alcuni prodotti irritant la mucosa.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Sospetta gastrite
13 Lug 06 - Lalla, 51 anni (id: 40666)
  Sono una casalinga disperata affetta da depressione da alcuni anni; inoltre, da circa due anni soffro di angina pectoris , anche se in forma leggera. Stò curando la depressione con gocce di di "levoprad" e con gocce di Xanax; stò curando l’angina con una mezza pastiglia al giorno di "ascriptin". Soffrivo anche di una forma di anemia che ho comunque curato con il FERROGRADE. Sono fumatrice (1 pacchetto al giorno) e bevo anche almeno 4/5 caffè al giorno. Da una paio di mesi soffro di dolori allo stomaco, alla pancia e alla schiena; stò dimagrendo molto (sono alta 160 cm e peso 48 Kili); non ho appettito; ho il rifiuto per il cibo; durante il giorno capita che, quando i dolori si fanno più... continua >>
acuti, devo assolutamente vomitare. E questo capita a tutte le ore del giorno o della notte; passo spesso le notti in bianco contorcendomi dai dolori; ho fatto degli accertamenti di laboratorio e hanno escluso la presenza di Helicobacter Pylori. Mi hanno poi detto che dovrei fare una gastroscopia per verificare una eventuale gastrite ma io sono terrorizzata da questo esame perchè ho paura di rimanere soffocata per cui ho sempre rinviato questo esame. Vorrei sapere da lei: - se ci sono alternative a questo esame, per scoprire una eventuale gastrite; - se è possibile fare la gastroscopia in anestesia generale; - se magari, con la TAC, si arriva allo stesso risultato. Sono proprio disperata; mi aiuti.
Provi a fare il gastropanel.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Eradicazione H. P.
13 Lug 06 - simona, 24 anni (id: 40658)
  Gentile Dott, mi è stato diagnosticato l’helicobacter ed ernia iatale dopo la gastroscopia fatta in seguito a forti dolori e bruciori di stomaco. Nonn sono riuscita a portare avanti la cura, in quano alcune compresse mi provocavano sensazione di vomito e difficoltà a deglutire. Ora dovrei ricomnciarla, su cobnsiglio del mio medico con uno so,lo dei 3 medicinali. Vorrei sapere i cibi da evitare, in modo ad controllare un minimo i dolori. La ringrazio anticipatamente.
Le invio l’allegato ove vi sono antibiotici alternativi, comunque la cura va fatta per 7 giorni con due antibiotici diversi + l’antiacido.
Infezione_da_Helicobacter_Pilori.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte


Da 18350 a 18365 di 27874