Sei in: Medico on-line > Gastroenterologia

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Gastroenterologia
Referenti
  • Prof. Pier Roberto Dal Monte

  • Già Direttore Dipartimento medico-chirurgico delle Malattie dell’apparato digerente. Ospedale Bellaria-Maggiore. Bologna.

  • Prof. Mauro Bortolotti

  • Professore a Contratto della Specializzazione in Medicina Interna
    Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Bologna
    Policlinico S. Orsola


ultimo aggiornamento 27/11/2014
 
Aree tematiche


Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 26/01/2007
Invia la tua domanda

Domande / Risposte
Gastrite
23 Set 06 - chiara, 26 anni (id: 45125)
  mi è stata diagnosticata una gastropatia iperemico-edematosa, vorrei capire in che cosa consiste esattamente.La ringrazio
E’ una lieve forma di gastrite.Con saluti,
Prof. Pier Roberto Dal Monte


Sospetto reflusso esofageo.
23 Set 06 - norina, 67 anni (id: 45124)
  Buongiorno, dottore! vorrei concoscere il significato di reflusso duodenogastrico e gastroesofageo, diagnosticati a mia madre diveso tempo fà con una endoscopia che dava come risultato questo reflusso e "incompetenze"(la parola non è leggibile sul referto) pilorile e cardiche e l’assenza di esofagite. Cosa si può fare?, visto che allo stato attuale mia madre si ritrova con un addome, soprattutto nella parte della bocca dello stomaco abbondante, che sente gonfio? Le hanno prescritto con la recente gastroscopia per la ricerca HB(risultata negativa),un farmaco di nome "Pantopan" 40mg da assumere una volta al giorno prima di colazione;sarà per il reflusso?Quali sono le cure più appropiate , i fa... continua >>
rmaci, magari altri eami più approfonditi, e cosa può mangiare per non incidere sul reflusso?grazie per la disponibilità. saluti
Il reflusso non da gonfiori allo stomaco è bene che faccia la gastroscopia ed un’ecografia.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Epatopatia
23 Set 06 - antonio, 44 anni (id: 45109)
  gentile dottore mia madre dopo operata alla colecisti le transaminasi sono uscite alte got 500 gpt730 hcv epatite c positivo,prima dell’intervento il 6 luglio 2006 hcv negativo,tutto era nella norma,all’ospedale 8 giorni gli facevano glutatione + deursil le transaminasi sono scese 430 640,adesso si sta curando a casa,con tad 600 + epaclin cpr + deursil cpr e’risultato positivo al virus nel sangue adesso fra dieci giorni deve fare altre analisi per vedere se sono scese le transam.e mi dice all’ospedale quanti virus sono nel sangue,genotipo ma io sono ansioso di aspettare,voglio portarla da voi,porto le analisi fatte? puo’affrontare il viaggio sono di salerno,mia madre ha 69 anni,mi dite ... continua >>
cosa fare vorrei portarla da voi,mi da delle indicazioni:uscita BOLOGNA ecc.grazie della risposta
Come dissi potrebbe essre una riacutizazione di epatite cronica, comunque per valutarla meglio può telefonare alla mia segreteria:051243415.Cordiali saluti,
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Diarrea di n.d.d.
23 Set 06 - fidel, 44 anni (id: 45103)
  Salve, ho necessità di un parere: fa ormai parte della mia vita quotidiana avere feci non solide, , e sono costretto ad andare in bagno sempre di mattina, appena sveglio e subito dopo colazione. Nel mese di gennaio e adesso a settembre, queste feci molli son passate a diarrea, con necessità anche dopo pranzo e in serata del bagno. Ho notato che nel periodo passato in montagna per le ferie estive, forse x il cambio aria/alimentazione ho avuto difficoltà ad andare in bagno. Sicuramente potrebbe centrare lo stress, ma essendo in tipo molto ansioso e pauroso certe situazioni mi portano giù moralmente. Ho eliminato il latte e derivati dalla dieta, mangio solo mele,ma nulla. Non credo sia origin... continua >>
e alimentare. Potrebbe essere colon irritabile o una infezione? grazie
Egr. Sig. Fidel, è necessario che lei faccia gli accertamenti indicati nell’area tematica relativa alla diarrea ed al colon irritabile. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Stipsi
23 Set 06 - iole, 43 anni (id: 45093)
  dalle mie analisi risulta il T.A.O.S. pari a 200 su un target da 0 a 200. Questo può indicare una infezione intestinale? Da alcuni mesi a fasi alterne ho difficoltà ad evacuare non necessariamente per un problema di stitichezza e mi devo aiutare con le dita. Sembra come se il tratto finale dello sfintere non trasmetta lo stimolo di evacuare pur essendo ovviamente piena. Rendo noto che nella mia alimentazione frutta e verdura sono regolarmente presenti.
Gentile Sig.ra Iole, non mi risulta un esame che si chiama TAOS. Per la stipsi occorre fare gli accertamenti indicati nell’ area tematica relativa. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Sindrome post-colecistectomia
22 Set 06 - anna, 44 anni (id: 45074)
  Egregio Prof. BORTOLOTTI, nel 1997 ho subito un intervento chirurgico di asportazione della coliciste in laparascopia, dopo un anno circa, per dei forti dolori addominali, ho subito un E.R.C.P. per sospetto coledoco sabbioso , durante il suddetto intervento, a causa del liquido di contrasto, refluito nel pancreas, riportavo una acuta pancreatite con pseucisti di 10 cm e l’aminasi a 8800, a causa di cio’, venivo ricoverata in altra struttura ospedaliera, ove rimanevo ricoverata per circa 60 giorni, per riportare i valori nella norma. Nel 2002 dopo una gastroscopia, scoprivo che la bile si ferma nello stomaco in piu’ ho una gastralgia antrele. Attualmente i dolori sono frequenti, soprattut... continua >>
to la notte, e faccio uso di medicinali atti a fluidificare la bile. Un medico specialista mi ha consigliato di sottopormi nuovamente ad un ercp, oppure ad un intervento chirurgico per pulire il coledoco e l’impianto di un tubicino per creare il condotto atto al passaggio della bile. Vorrei essere consigliata, dopo aver esposto la mia condizione salutare, a che tipo di intervento devo essere sottoposta, considerando che sono un soggetto a rischio per poter aver un altro ercp. In che percentuale staro’ bene dopo l’intervento? Potro’ avere una vita migliore? Potro’ alimentarmi in maniera normale? I dolori cesseranno? mi consigli un centro specialistico? Anticipatamnete ringrazia
Gentile Sig. Anna, è difficile dare i consigli richiesti senza aver preso visione diretta degli esami e senza una visita. Le posso solo consigliare una colangio-RNM invece dell’ERCP per vedere lo stato delle vie biliari e decidere il da farsi. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Stipsi
22 Set 06 - giovi, 44 anni (id: 45071)
  Gentile professore..segue alla sua risposta..che le scrivo a seguito..pr farle ricordare il problema una mia domanda.Da chi posso farmi esaminare ..ovvero può suggerirmi,io abito a bassano del grappa un suo collega a cui possa serenamente rivolgermi?grazie mille! segue prima mail mandata: gentile dottore da circa due mesi ho dei dolori nella part alta destra dell addome.ho per ora eseguito un ecogerafia a fegato pancreas milza e reni che ruisultano a posto. vorrei sapere da lei visto che una terapia antiulcera prescrittami dal mio medico non ha dato risultati come posso procedere. curiosamente un piccolo accorgimento ovvero l’assunzione di carbone vegetale dopo i pasti sembra alleviare leg... continua >>
germente questo disturbo.aggiungo che da anni soffro di stitichezza e che il disturbo è incominciato al rientro da una vacanza dove per una settmana non sono riuscita malgrado farmaci ad evacuare. cordiali saluti! Egregio Signore,nella regione "sottocostale" dx o meglio nell’ipoconrio di dx si trovano le vie biliari, il fegato , la flessura splenica del colon e più posteriormente il rene ed infine con riflessi anteriori dalla colonna i vari muscoli paravertebrali/addominali. Pertanto penserei ad un dolore per una irritazione della flessura dx del colon in colon itrritabile, avendo l’alvo stitico, ,ma non escluderei l’associazione con un dolore di tipo muscolo-radicolitico da irritazione dei muscoli e nervi che dalla colonna si dirigono in avanti superiormente a destra. Faccia una lastrina alla colonna e si faccia esaminare, valutando se sono dolenti e contratti, i muscoli postero-anteriori sopra e sotto il fegato. Per i sospetto di colon irritabile si legga l’allegato curando la stipsi. Con saluti, Il_colon_irritabile_ed_il_suo_trattamento.doc La stitichezza.DOC Prof. Pier Roberto Dal Monte
Si rivolga alla Gastroenterologia dell’Ospedale civile di Vicenza.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Terapia MRGE
22 Set 06 - francesca, 20 anni (id: 45057)
  ho letto le vostre indicazioni sul reflusso g.asofageo e sull’ernia hiatale. mi sono stati diagnosticati entrambi e la cosa mi ha molto preoccupata. io sono una studentessa, svolgo una vita frenetica e vorrei delle informazioni che mi possano indicare ciò che sarebbe da evitare durante la cura di questi disturbi. ho accetato di prendere solo degli antidolorifici anche se il mio medico mi ha consigliato di intraprendere una cura a carattere psichico in quanto le due patologie provengono da fattori di stress e anzia. ciò che mi chiedevo era se veramente l’ernia e il reflusso sono veramente causati da ciò dato che comunque seguo una dieta abbastanza equilibrata e se in genere colpiscono i pazie... continua >>
nti della mia età.
Gentile Sig.na Francesca, la malattia da reflusso non è causata da stress e ansia, ma dal malfunzionamento della valvola cardiale che si trova tra stomaco ed esofago e che non impedisce più il reflusso di acido in esofago dallo stomaco (vedi area tematica relativa per maggiori informazioni). La malattia va curata con inibitori di pompa protonica e con una dieta adeguata che le allego. Non assuma antidolorifici o analgesici che possono danneggiare lo stomaco e non curano il reflusso. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Dieta CUP 2000.doc
TERAPIA MRGE.doc
Prof. Mauro Bortolotti

Estrasistoli da MRGE?
22 Set 06 - Michele, 37 anni (id: 45001)
  Gentilissimo dott. Bortolotti la ringrazio per la celerità della sua risposta. Si, ho prenotato per il 10 ottobre una gastroscopia, che farà luce sulla questione. Non appena ne saprò l’esito le forò sapere. Nel frattempo mi metto a dieta e sto alle regole che mi ha consigliato. Ora, che sono più sereno, devo però "disintossicarmi" dalla tensione nervosa accumulata e dall’ansia provocatami dalle extrasistoli in queste 3 settimane. La ringrazio ancora di cuore e le auguro buon lavoro. Michele
Egr. Sig. Michele, Auguri per i suoi esami e distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Cisti epatica
22 Set 06 - Vincenzo, 65 anni (id: 44999)
  Egr. Dottore, Sono da circa 15 anni malato di epatite C. Sono stato sottoposto a tutte le cure attualmente disponibili (interferone, ribavirina, etc.), sono constantemente sotto controllo e, pur essendo il virus ancora presente, e’ circa un anno e mezzo che la situazione si e’ stabilizzata; il fegato e’ di dimensioni normali, le transaminasi sono in regola, faccio sport e non ho particolari problemi. Alcuni giorni fa, nel corso di un’ecografia, mi e’ stata riscontrata una piccola cisti ipoanecogena a margini ben definiti. Il mio medico mi ha consigliato di fare una TAC, giusto per toglierci ogni minimo dubbio. La TAC la faro’ tra una settimana. Nel frattempo mi farebbe cosa gradita se potes... continua >>
se dirmi il Suo pensiero in proposito. Grazie
La cisti epatica è una specie di vescichetta piena di siero o simili che non ha un significato patologico.Con saluti,
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Dispspsia in duodenite
22 Set 06 - rossana, 13 anni (id: 44988)
  HO EFFETTUATO UNA GASTROSCOPIA CHE MI HA DIAGNOSTICATO UNA DUODENITE EROSIVA.DA DUE ANNI HO DEI DOLORI ADDOMINALI,PRECISAMENTE ALLO STOMACO CHE MI VENGONO QUALCHE VOLTA.HO PRESO LA RANITIDINA FACENDO UNA CURA PER TRE MESI.IL DOLORE ERA PASSATO MA, ADESSO E’ RIAFFIORATO E OGNI TANTO MI VIENE. COSA POSSO FARE? CHE ESAMI E CURE MI DITE DI FARE?
Dovrebbe seguire i consigli che le invio compresa la ricerca dell’helicobacter Pylori. Con Saluti,
Trattamento della dispepsia.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Sospetta artrite cervicale
22 Set 06 - Paolo, 31 anni (id: 44975)
  Buonasera una domanda da porvi,mi capita ora raramente,anni fa molto di piu’,di avvertire dolori pungenti come aghi alle ghiandole sotto le orecchie con gola secca,il dolre pero’ arriva fino alle costole e come se sentissi salire il dolore dalle costole alla gola con questi pungiglioni che salgono fino sotto le orecchie.Premetto che 10 anni fa circa mi fu diagnosticata una piccola gastroduodenite che curai tramite il mio medico con medicine.Premetto che sono aereofagico ho un intestino insomma un po’ delicatino.Per quanto riguarda i dolori citati dalle costole alla gola con pungiglioni compaiono solo alla sera tardi di solito fino a 3 anni fa venivano quasi tutti i giorni ora massimo una vol... continua >>
ta ogni 10 15 giorni,anche perchè ho cambiato alimentazione milgiornadola negli anni,ed ho perso 24 kg negli ultimi 3 anni infatti ora sono in perfetta forma,faccio molto sport lo pratico a livello agonistico.Vi ringrazio in anticipo arrivederci.
Mi sembra più un dolore a partenza dellla colonna cervico-dorsale, forse anche in relazione allo sport che fa. Per lo stomaco si veda l’allegato.
Trattamento della dispepsia.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Disturbi funzionali+ proctorragia
21 Set 06 - dario, 27 anni (id: 44962)
  buonasera dottore da un periodo di tempo ho dei disturbi penso al colon caratterizzati da dolore ai fianchi sotto il costato e da contrazioni e vibrazioni interne suppongo al colon.Guardando le feci ho notato la presenza di sangue vivo .Ho fatto delle analisi del sangue specifiche e i valori sono nella norma .Ultimamente ho avuto delle difficolta respiratorie soprattutto durante i pasti.Vorrei sapere la sua opinione in merito a tali sintomi e se la difficolta respiratoria puo in qualche modo essere collegata ai disturbi intestinali.La ringrazio anticipatamente epr la sua consulenza cordiali saluti
MI sembrano disturbi funzionali, neurovegetativi. Il sangue può dipendere da emorroidi ma farei comunque una rettosigmoidoscopia, per escludere anche un Colite ulcerativa.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Dispnea dopo i pasti
21 Set 06 - dario, 27 anni (id: 44960)
  Buonasera dottore ultimamente ho avuto difficolta a respirare e pesantezza polmonare che si accentuano durante i pasti.Ho fatto delle analisi e mi sono fatto controllare cuore e polmoni e tutto risulta nella norma.Mi chiedevo se tali problemi potessero dipendere da qualche disturbo gastro intestinale e se si quale.La ringrazio anticipatamente per la sua consulenza cordiali saluti
Egr. Sig. Dario, i dati forniti sono troppo scarsi ed insufficenti per una diagnosi ed una adeguata terapia, per le quali è anche necessaria una visita medica. Questa può essere fatta dal suo Medico Curante, che le può richiedere gli accertamenti appropriati. Se vuole può contattarmi successivamente. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti
Prof. Mauro Bortolotti

Eradicazione H.P.
21 Set 06 - Elisa, 44 anni (id: 44959)
  Negli ultimi 8 anni ho fatto 3 terapie per eradicare l’helicobacter pylori, senza risultati. Ora me ne hanno prescritta un’altra:LUCEN-40,2 volte al dì, DE NOL-120, 5 volte al dì, AMBRAMICINA-250, 5 volte al dì, FLAGYL-250, 4 volte al dì; tutto ad orari ben precisi. Sono un po’ sfiduciata e, mi chiedo se questa è la strada da seguire. Ringrazio e cordialmente saluto, Elisa
Potrebbe essre quella giusta. L’alternativa sarebbe fare un coltura con antibiogramma nella biopsia gastrica.Vi sono varianti del germe e resistenze.
Prof. Pier Roberto Dal Monte


Da 18350 a 18365 di 28495