Sei in: Medico on-line > Gastroenterologia

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Gastroenterologia
Referenti
  • Prof. Pier Roberto Dal Monte

  • Già Direttore Dipartimento medico-chirurgico delle Malattie dell’apparato digerente. Ospedale Bellaria-Maggiore. Bologna.

  • Prof. Mauro Bortolotti

  • Professore a Contratto della Specializzazione in Medicina Interna
    Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Bologna
    Policlinico S. Orsola


ultimo aggiornamento 22/02/2013
 
Aree tematiche


Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 26/01/2007
Invia la tua domanda

Domande / Risposte
Reflusso d.g.
7 Set 06 - tiziana, 44 anni (id: 43659)
  ho eseguito una Egds e mi è stato riscontrato reflusso duodenale e la biopsia antrale parla di focale iperplasia foveolare , HP negativo. Devo programmare controlli, con quale periodicità? L’iperplasia foveolare deve essere considerata una lesione precancerosa?
Gentile Sig.ra Tiziana, non è una lesione precancerosa e non occorrono controlli particolari. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti


Colon irritabile?
7 Set 06 - Luigi, 23 anni (id: 43652)
  Salve,Sono un ragazzo di 23 anni 72 cm di altezza e 72 Kg di peso. Da c.ca 2 anni soffro costantemente, in maniera sempre più cronica di dolori addominali, proprio nei pressi della cicatrice di una pregressa appendicectomia(eseguita 15 anni fa). Dopo un’errata diagnosi di ernia,dettata dal fatto che i primi sintomi sono comparsi in un periodo in cui facevo palestra,un chirurgo mi diagnosticò una sospetta aderenza intestinale,prescrivendomi soltanto dei comportamenti alimentari corretti. La prima fase acuta passò, ma rimase un indolenzimento della zona, da quella che il chirurgo chiamò "sindrome subocclusiva", sono passato ad un dolore leggero, fisso nella fossa iliaca destra,che si i... continua >>
rradia verso l’inguine, sintomi,che in alcuni periodi, per 4-5 giorni,tornano acuti.Ultimamente soffro di dolori che mi prendono il fondo schiena in zona lombare.I dolori generalmente sono più marcati la mattina prima di andare al bagno. Il medico mi riscontra nelle visite il colon "trattabile",dicendomi di non preoccuparmi.Ho fatto varie visite approfondite da chirurgo e urologo rx reni,analisi del sangue approfondite,ecografia vie urinarie e reni,3 ecografie addome complete e zona pelvica,esame delle feci: TUTTO NEGATIVO.Ho anche preso la cartella clinica della mia appendicectomia eseguita 15 anni fa per vedere se vi era qualcosa di strano ma tutto era in ordine. Come altri sintomi, noto da quando ho iniziato a soffrire di queste cose che quando vado in bagno a volte le feci sono più compatte, altre volte meno compatte o a pezzettini, non ho mai notato sanguinamenti o muco, vado regolarmente in bagno una volta al giorno ad orario costante e soffro 2-3 volte al mese di dolore notturno tipo emorroidi o ragade. Devo aggiungere che da tempo avverto come un senso di stordimento e stanchezza e che sono un tipo abbastanza ansioso.In conclusione, Dai sintomi esposti posso escludere tumori?devo fare altre analisi?si tratta di aderenza?colon irritabile? Grazie Mille.
Egr. Sig. Luigi, la cosa più probabile è che si tratti di colon irritabile, ma per averne la certezza occorre effettuare gli accertamenti indicati nell’area tematica relativa dove vi è anche la terapia. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Dispepsia
7 Set 06 - marco, 38 anni (id: 43651)
  Gentile Professore sono malato di ernia iatale ed esofagite da reflusso di primo grado con assenza di h.p.il tutto diagnosticato con gastroscopia nel 2001. Assumo lansoprazolo 30 mg al mattino da quasi 2 anni ed anche grazie ai suoi consigli i sintomi tipici dell’esofagite sono assenti.Il mio problema ora, specialmente se mangio troppo o determinati alimenti, un fastidio-dolore sotto il costato sinistro che scende verso il basso con gonfiore tenzione addominale ed elevata quantità di aria trovo giovamento con uso di trimebutina e ad ogni modo la situazione piano piano passa da sola anche se non uso farmaci non ho insomma rigurgiti o vomito.Cosa può essere e che cosa mi consiglia?Grazie infi... continua >>
nite per la risposta.
Egr. Sig. Marco, il suo problema si può inquadrare nella dispepsia (vedi area tematica relativa per maggiori informazioni) e può giovarsi dei procinetici, come la trimebutina, il domperidone e la levosulpiride che possono essere assunti a cicli. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

MRGE con gastrite ed HP
7 Set 06 - Olivera, 38 anni (id: 43644)
  Le invio l’esito della EGDS e della biopsia: Esofago normale per aspetto e calibro. Giunzione a 38 cm, linea Z frastagliata.Stomaco normodistensibile all’insufflazione gassosa, pliche normotrofiche. Lago mucoso con abbondante ristagno biliare.La mucosa appare lievemente discromica in antro (biopsie per ricerca HP).Piloro previo, superabile.Negativo lo studio del bulbo e della seconda porzione duodenale. L’esito biopsia: Mucosa gastrica di tipo antrale sede di gastrite cronica superficiale,attiva. Hp++. Avevo fatto una EGDS 14 anni fa con l’esito: l’ernia iatale, gastrite e gastroesofagite da reflusso II. Vorrei sapere se assunzione di Lucen 20mg puo’ ’smascerare’ l’ernia e il reflusso? Da... continua >>
quasi due mesi sto assumendo Lucen 20mg, Peridon e Gaviscon, ma non noto grandi miglioramenti. Hp++ significa che è attivo helicobatteri? In precedenza,l’analizi del sangue davano HP negativo. Perchè il gastroentorologo non mi ha detto che si tratta da HP,e quindi niente terapia con gli antibiotici, invece il mio medico dice che la biopsia conferma la HP. Che cosa posso fare e a chi credere? A che cosa puo’ essere dovuto ristagno della bile? Mi consiglia fare ulteriori indagini
Egr. Sig. Olivera, lei ha una infezione da H.P. che va eradicata con adeguata terapia che le allego. Inoltre la terapia della MRGE va potenziata con lo schema allegato assieme alla dieta, associando anche un procinetico efficace come la levosulpiride. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
HP-TER-eso.doc
Dieta CUP 2000.doc
TERAPIA MRGE.doc
Prof. Mauro Bortolotti

Colon irritabile e stipsi.
7 Set 06 - Giuseppe, 28 anni (id: 43641)
  Gent.mo Professore,sono ormai 20 gg che avverto fastidi nella parte bassa sinistra dell’addome.Dolori non continui ma "intermittenti".Nei giorni scorsi avevo anche dolori addominali.Premetto che ho sempre sofferto di meteorismo ma mai con altre conseguenze. Il mio medico mi ha detto che si potrebbe trattare di Colon Irritabile e non mi ha prescritto alcun esame se non utilizza un antispastico all’occorrenza (mai usato in quanto il mio più che un dolore acuto è un fastidio). Ho attuato anche una dieta adeguata al caso (fibre,yogurt,alimenti integrali,prugne,verdura cotta). Tali sintomi sono associati a stipsi (fino a 15 gg fa non avevo mai avuto problemi e defecavo quotidianamente). Da due g... continua >>
iorni sono riuscito a defecare ma credo non in maniera completa in quanto avverto la sensazione "di non svuotamento". Una cosa che mi preoccupa è il colore delle feci:sono alquanto scure (non lo sono mai state). Cosa mi consiglia di fare e/o aspettare prima di sottopormi,ad esempio,ad una visita specialistica?Cordialmente.
Egr. Sig. Giuseppe, le consiglio di consultare le aree tematiche del colon irritabile e della stipsi dove troverà qualche consiglio. Le feci scure non sono importanti a meno che non siano completamente nere. Tenga presente che noi stiamo effettuando uno studio controllato sugli effetti di un prodotto di origine vegetale sui sintomi del colon irritabile. Se è interessato a partecipare, mi può contattare al n. 051-6364137. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti
Prof. Mauro Bortolotti

Meteorismo ed alitosi
6 Set 06 - alagna, 59 anni (id: 43630)
  salve,soffro da qualche anno di dolori addominali da esagerata produzione di gas;ma la cosa piu’ deprimente sono i gas putridi emessi nella respirazione che si sprigionanano anche in ambienti grandissimi (es. un capannone), figuriamoci in ambiente lavorativo. Le umiliazioni e gli allontanamenti da appestato, mi hanno rovinato la vita.Non so piu’ a chi rivolgermi. Circa 30 anni fa’ un epatite b,guarita,ha incominciato a dare i primi segni, ma non cosi’marcati.La scoperta di un dolicocolon ha completato mi ha completato l’esistenza. Ecografia ok-transaminasi ok-il resto apparentemente ok.Come potrei vedere in questi gas che sostanze ci sono e come curarli? Anche a livello di cavia da esperi... continua >>
mento. Vi ringrazio anticipatamente Alagna
Egr. Sig. Alagna, occorre che faccia esami per valutare il dismicrobismo intestinale e curarlo oltre che per valutare un eventuale ristagno gastrico. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

MRGE e dolore retrosternale
6 Set 06 - Marcello, 42 anni (id: 43610)
  Gentile professore, ho 42 anni, da circa un anno ho fatto una gastroscopia perché avevo dei dolori allo sterno, mi è stata riscontrata la cardias in beante costante e una gastrite cronica non attiva, con rari episodi di reflusso gastroesofageo. Aggiungo anche che ho delle bronchiectasie. La terapia assegnatami è rabeprazolo 20 mg per due volte al dì, e gaviscon sospensione prima di coricarmi. Il dolore restosternale è in questo periodo molto forte, con irradiazione della nuca e nelle braccia, in particolare del sinistro. La domanda è questa, cosa posso fare ancora per cercare di eliminare questo dolore? Va bene questa terapia? Quali sono gli alimenti da eliminare con questa patologia? Distin... continua >>
ti saluti. Grazie.
Egr. Sig. Marcello, in assenza di una causa cardiaca documentata il dolore toracico è spesso conseguenza di una malattia da reflusso. Nel suo caso la terapia e la dieta non sembrano sufficenti per cui gliene allego di più adeguate da seguire per 40 giorni. Se i disturbi non scompaiono, occorre fare una pHmetria esofago-gastrica di 24 ore "sotto trattamento" per vedere se vi è scarso effetto del farmaco sull’acidità gastrica.alutare anche se vi è H.P. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Dieta CUP 2000.doc
TERAPIA MRGE CON DOLORE TORACICO.doc
Prof. Mauro Bortolotti

Dolori di stomaco
6 Set 06 - sabrina, 24 anni (id: 43609)
  caro prof.bortolotti sono anni che soffro di mal di stomaco...ho effettuato una visita gastroscopica e mi hanno detto di avere una lieve gastrite e il piloro dilatato..ho anche delle fitte intestinali e forti bruciori la mattina forse perche’ceno prima di andare a letto..vorrei un consiglio per cercare di alleviare questi dolori non so se devo prendere dei farmaci..grazie anticipatamente
Gentile Sig.na Sabrina, i dati forniti sono troppo scarsi per formulare una diagnosi ed una terapia. Non ha detto se è stato trovato l’H.P., che terapia è stata data, se i bruciori sono intestinali o allo stomaco, ecc. Trascriva la risposta della gastroscopia. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Reflusso d.g.
6 Set 06 - tiziana, 44 anni (id: 43604)
  ho eseguito una EGDS che ha evidenziato reflusso duodeno gastrico,antro lievemente iperemico.Biopsia antrale con risposta: mucosa di tipo antrale con focale iperplasia foveolare, HP negativo. Come devo interpretare la risposta? Devo programmare controlli? a che distanza?
Gentile Sig. Tiziana, l’interpretazione di un esame la terapia ed i controlli non possono prescindere dai dati clinici, per cui posso solo consigliarle di consultare l’area tematica del reflusso d.g. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

HP
6 Set 06 - Sergio, 22 anni (id: 43570)
  Di che cosa soffre un individuo se prende veclam, axagon e velamox? Grazie davvero.
Egr. Sig. Sergio, probabilmente deve eradicare l’H.P. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Colecistectomia
6 Set 06 - antonio, 44 anni (id: 43562)
  mia madre e’stata operata circa due mesi fa ai calcoli alla coleciste,dopo circa due mesi dopo l’operazione sono uscite le transaminasi alte 300 e 400,cosa puo’essere accaduto prima dell’operazione i valori erano normali,cosa devo fare adesso,grazie della risposta URGENTE GRAZIE
Egr. Sig. Antonio, i dati forniti sono insufficenti per una diagnosi , per la quale è anche necessaria una visita medica. Questa può essere fatta dal suo Medico Curante, che le può richiedere gli accertamenti appropriati. Se vuole può contattarmi successivamente. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti
Prof. Mauro Bortolotti

Terapia MRGE
6 Set 06 - Silvia, 34 anni (id: 43554)
  Caro Professore, buon giorno. Le espongo il mio problema: da circa 7 anni e per la precisione dopo la mia prima gravidanza, ho cominciato ad avere grossi problemi allo stomaco. Il mio medico di base l’ha definita: gastrite post-gravidica. A maggio, visto che i dolori erano aumentati di frequenza e di intensità e vista la familiarità con le malattie dello stomaco (mio padre a causa di un tumore nn ha più lo stomaco) ho fatto la gastroscopiadalla quale è risulatoche ho il cardias incontinente. Ho preso l’ALTANA pantoprazolo da 40 mg per un mese, i crampi per i primi 15-20 gg si sono attenuati, ma poi sono ricominciati come prima. Sono riuscita ad individuare alcuni alimenti che mi creano probl... continua >>
emi (cioccolata fondente e tutto ciò che contiene conservanti) ma temo ci sia molto altro da evitare. Ho chiesto al mio medico una dieta da seguire, ma mi è stato risposto che nn serve con le medicine che prendo. Se lei potesse darmi qualche consiglio le sarei molto grata. Distinti saluti.
Gentile Sig.ra Silvia, lei è affetta da malattia da reflusso g.e. (vedi area tematica relativa per maggiori informazioni), che va curata cronicamente e non solo per un mese. Le allego una dieta ed una terapia adeguate. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Dieta CUP 2000.doc
TERAPIA MRGE.doc
Prof. Mauro Bortolotti

MRGE?
6 Set 06 - andrea, 42 anni (id: 43552)
  Buongiono professore, dopo aver accusato alcuni disturbi digestivi e stomaco gonfio, ho recentemente effettuato una gastroscopia con il seguente risultato. "Esofago normale per morfologia e calbro; giunto in sede con incontinenza cardiale; lo stomaco mostra tono, volume e morfologia mucosa normale; secrezione limpida; dinamica antropilorica presente; il bulbo e la seconda porzione duodenale mostrano caratteri di normalità; urea breath test negativo, delta 0,7. Si consigliano antiacidi al bisogno e dieta antireflusso". In che consiste la dieta, ed eventualmente avrebbe altri consigli da darmi? Andrea - Roma.
Egr. Sig. Andrea, lei probabilmente ha una malattia da reflusso g.e. che va curata con dieta e con inibitori di pompa protonica (vedi area tematica relativa per maggiori informazioni). Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

R.c. ulcerosa
6 Set 06 - Federica, 17 anni (id: 43540)
  Salve!Un mio amico di 12 anni è affetto da retto-colite ulcerosa.Vorrei gentilmente ricevere informazioni su centri o,meglio ancora,medici specializzati in questo tipo di malattie.In attesa di una sua risposta,la ringrazioe e la saluto cordialmente!
Gentile Sig.na Federica, non conosco i centri della Campania, ma presumo che nei grandi Ospedali di Napoli vi siano centri per questa malattia. Qui a Bologna il Centro si trova al Policlinico S. Orsola, tel. 051-6364122. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Terpia M di crohn
6 Set 06 - Alessandro, 23 anni (id: 43520)
  Salve, sono affetto da M. di CROHN ILEALE (interessamento di una delle prime anse ileali e dell’ultima ansa), con diagnosi nel 1998; la malattia non ha mai dato complicanze come fistole o altro, ma soltanto periodi di diarrea e astenia, associati a dispepsia; dalla diagnosi ho sostenuto terapie diverse, con cortisone (medrol) per diversi anni (sospeso definitivamente da 5 mesi), Mesalazina, cilci periodici di antibiotici (rifaximina) ora sospesi, ed anche Azatioprina. Purtroppo mi è stata sospesa quest’ultima in quanto si era verificato una aumento costante dell’amilasi pancreatica, ed ora sono in cura soltanto con mesalazina. Volevo chiedere se ho altre alternative terapeutiche e se la so... continua >>
la mesalazina è sufficiente e tenere sotto controllo la malattia. Grazie.
Effettivamente come terapia per il Crohn la mesalazina mi sembra un pò poco anche se la forma non è molto attiva e sembra controllata. Consiglierei intanto di continuare ma di cambiare antibiotico prendendo alternativamente Ciprofloxacina e Metronidazolo 1 g x cicli di 10 giorni ogni mese od ogni 2 mesi. Quindi se si riacutizzasse, oltre la dieta povera di scorie può fare brevi cicli del corticosteroideo. Non dimenticando che vi è anche l’infliximab. Con saluti,
Le_malattie_infiammatorie_intestinali.DOC
Prof. Pier Roberto Dal Monte


Da 18350 a 18365 di 28327