Sei in: Medico on-line > Gastroenterologia

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Gastroenterologia
Referenti
  • Prof. Pier Roberto Dal Monte

  • Già Direttore Dipartimento medico-chirurgico delle Malattie dell’apparato digerente. Ospedale Bellaria-Maggiore. Bologna.

  • Prof. Mauro Bortolotti

  • Professore a Contratto della Specializzazione in Medicina Interna
    Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Bologna
    Policlinico S. Orsola


ultimo aggiornamento 22/02/2013
 
Aree tematiche


Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 26/01/2007
Invia la tua domanda

Domande / Risposte
Stenosi peridiverticolare
31 Ago 06 - Michele, 38 anni (id: 43049)
  Quali fastidi e sintomi può dare "un tratto di intestino in sub-stenosi del discendente sigma del colon" scoperto in occasione di accertamenti a seguito di diverticolite ? La ringrazio e la saluto cordialmente Michele
Può aversi meteorismo, dolori da distensione e accentuata peristalsi intestinale, borborigmi o rumori intestinali nella sede stenotica e stitichezza.
Prof. Pier Roberto Dal Monte


Sospetta malattia infiammatoria intestinale.
31 Ago 06 - fulvia, 33 anni (id: 43045)
  Egr. Professor Dal Monte Le riscrivo perchè credo che nel mio messaggio di ieri non sono stata chiara, mi scuso ma non conosco i termini medici che servirebbero per farle un quadro chiaro della mia situazione, purtroppo anche questa mattina ho avuto un altro attacco non forte come l’ultimo per fortuna ma comunque anch’esso molto fastidioso, sembrano dei crampi che si spostano dall’addome alla fascia renale e al basso ventre in modo irregolare e rotatorio e iniziano sempre da una parte diversa non sempre dalla stessa. Volevo informarla che mia mia zia (sorella di mia madre) soffre del Morbo di Crohn, non so se quest’informazione può essere utile dato che mi hanno detto che è una malattia ered... continua >>
itaria. Le chiedo un aiuto ed un consiglio perchè sono abbastanza preoccupata. Grazie infinite
Non credo: comunque può fare gli indici infiammatori e quindi si veda l’allegato per eventuali altri esami.
Le_malattie_infiammatorie_intestinali.DOC
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Ptosi gastrica
31 Ago 06 - luisa, 55 anni (id: 43043)
  Lo stomaco troppo allungato quali problemi da? Come è possibile che un cibo, ad esempio pesca o arancio o altri cibi ferrosi, con scorie o troppo grassi ingeriti al mattino non mi permettono di dormire la notte successiva? Grazie
Non da nessun problema, il problema vero che Lei è fortemente sottopeso, probabilmente soffre di anorressia
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Disfonia
31 Ago 06 - NOVELLA, 32 anni (id: 43042)
  QUASI TUTTO IL 2005E PARTE DEL 2006 HO SOFFERTO DI ABBASSAMENTO DI VOCE E PIU’ TOSSIVO PIU’ MI SI ABBASSAVA ADESSO VA MOLTO MEGLIO ANCHE SE SPESSO MI CAPITA ANCORA. HO FATTO UNA VISITA DALL’OTORINOLARINGOIATRA E HA RISCONTRATO CON LA SONDINA INFILATAMI NELLE NARICI CHE HO IL NASO MOLTO GONFIO E LE CORDE VOCALI DA PERSONA ALLERGICA E AVENDO A VOLTE ACIDITA’ DI STOMACO MI HA CONSIGLIATO UNA GASTROSCOPIA. LA GASTROSCOPIA NON HA RISCONTATO NIENTE MA SOFFRO SPESSO DI ACIDITA’ E ANCORA DI ABBASSAMENTO DI VOCE. L’OTORINO MI HA DETTO CHE L’ACIDO SALE DALL’ESOFAGO MI PROVOCA LA TOSSE PERCHE’ IRRITA’ LE CORDE VOCALI E QUINDI INSORGE L’ABBASSAMENTO DI VOCE. ORA QUELLO CHE VORREI SAPERE E’ CHE AVE... continua >>
NDO FATTO LA GASTROSCOPIA BEN 2 VOLTE NEL CORSO DI 1 ANNO E MEZZO E NON AVENDO RISCONTRATO NULLA COME POSSO AVERE ACIDITA’ DI STOMACO E QUINDI L’ABBASSAMENTO DI VOCE? PUO’ DIPENDERE DA UN’ALLERGIA ALIMENTARE? SE SI CHE TIPO DI ESAMI DEVO FARE? GRAZIE E CORDIALI SALUTI. NOVELLA BARLASSINA
Provi un trattamento come se avesse un reflusso acido, leggendosi l’allegato. Con saluti,
Esofagite_ed_ernia.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

IPP
31 Ago 06 - Alessandro, 28 anni (id: 43040)
  Desideravo sapere quali farmaci IPP hanno meno effetti collaterali e se il lansoprazolo è uno di quelli migliori e con minori efetti collaterali.Ringrazio.Distinti saluti.
Son tutti eguali.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

terapia HCV
30 Ago 06 - Luciano, 64 anni (id: 43037)
  Gentile professore le sarei grato se cortesemente rispondesse alle mie domande. Nella terapia dell’Epatite C, genotipo 2, il numero di 24 punture di Interferone è tassativo oppure può essere aumentato su parere dell’Epatologo Infettivologo curante? Inoltre, la cura è di 24 settimane o di 6 mesi (corrispondenti a più di 24 settimane)? La ringrazio sentitamente. Distinti saluti.
E’ di sei mesi. Ma a parere dello specialista può proseguire per un anno.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Ernia gastrica jatale
30 Ago 06 - massimo, 58 anni (id: 43035)
  a seguito dolori allo stomaco sotto sterno con gonfiore, emissione di aria, difficoltà respiratoria anche di notte, abassamento di voce, mi sono sottoposto ad accertamenti clinici in cardiologia prima e quindi su indicazione del cardiologo in gastroenterologia. Esami sangue urune nella norma. Esame esofagogastroduodenoscopia: ernia jatale. note di gastroscopia antrale. Terapia: Lucen 40 mg. 1c x 2al dì " funzione di PPI Test da protrarre per almeno 6-8 settimane, valutandone l’efficacia e poi eventualmente scalando i dosaggi fino a trovare quello minimo necessario" . Altro accertamento prescritto: eco addome completo. Mi chiedo se e necassaria anche l’eco e se la terapia prescritta porter... continua >>
erà dei benefici? o se ci sia altro da fare. Nulla mi è stato detto in merito ad eventali diete ,alimenti controiindicati o comportamenti da tenere. Grazie. Cordiali saluti
La terapia mi sembra adeguata a cui aggiungerei consigli che le invio. Un’eco non fa mai male.
Esofagite_ed_ernia.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Sospetta entorocolite postinfettiva
30 Ago 06 - Alessandra, 30 anni (id: 43030)
  Pancia Gonfia Salve dott.re vorrei porgerli questa domanda che per forse sarà sciocca;è da 15 giorni che mi sentola pancia gonfia anche se vado ogni giorno al bagno anche più di una volta e dopo che evacuo ho dei forti dolori. Di cosa si tratta? Dovrei fare qualche esame? Grazie e Arrivederci Alessandra
E’ possibile che si sia presa un’infezione intestinale che, come vedrà, può provacare sintomi da colon irritabile.
Il_colon_irritabile_ed_il_suo_trattamento.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Reflusso esofageo
30 Ago 06 - Gabriele, 38 anni (id: 43029)
  Vorrei chiedere un parere medico.Io soffro di reflusso esofageo diagnosticata come NERD (infatti non ho il senso del bruciore di stomaco)ma tutto il resto si. Quello che Vi chiedevo è se siamo piu’ o meno portati chi ha la gastrite ad avere infezioni gastroenteriche, per l’esattezza ero interessato alla famosa "diarrea del viaggiatore" dato che sono in procinto ad effettuare un viaggio.Grazie
Se prense antiacidi sì. Antiacidi ed antibiotici connessi a diarrea da Clostridium difficile e ad altri disturbi addominali per dismicrobismo intestinale. Gli inibitori della pompa protonica (IPP) e gli agonisti dei recettori H2, come la ranitidina, sono associati ad un aumento del rischio di infezione da germi introdotti con i cibi o di crescita abnorme dei normali germi intestinali, particolarmente seria è però l’infezione da Clostridium difficile (C.D.). Recenti studi suggeriscono infatti un aumento dell’incidenza e della gravità della infezione intestinali poichè l’acidità gastrica, avendo un effetto antibatterico, costituisce uno dei principali meccanismi di difesa contro i germi patogeni normalmente ingeriti: la perdita della normale acidità dello stomaco è stata associata quindi alla colonizzazone o a contaminazione batterica del tratto gastrointestinale superiore che è generalmente sterile. Lo stesso si può avere con l’uso di antibiotici e cortisonici. La crescita abnorme di germi (detto anche colonizzazione batterica e/o dismicrobismo) ed in particolare del C.D. sono caratterizzati da meteorismo, dolori addominali e spesso da irregolarità dell’alvo e talvolta da diarrea. Va tenuto presente che è’ stato altresì osservato un inatteso aumento del rischio di colonizzazione batterica nei pazienti che fanno uso di antinfiammatori o FANS.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Probabile gastrite
30 Ago 06 - rocco, 24 anni (id: 43020)
  Gentile dottore da poco mi è sorto un problema Mi si forma un nodo alla gola e un senso di nausea e vomito durante i pasti dopo aver mangianto sento un senso di pensantezza allo stomaco e quando provo a mangiare e come se non provassi gusto per il cibo anzi come sento nominare il cibo mi viene un senso di vomito non so se è a tal punto un problema mio o deriva da altro. Il dottore mi ha prescritto come farmaci lucen e levobren. Il problema dopo un po’ mi viene fame ma non riesco a mangiare con piacere come prima non so onestamente da cosa deriva spero in una sua risposta grazie a presto.
E’ possibile che si tratti di una gastrite o un disturbo in relazione alla dieta, si veda per le terapie l’allegato. Con saluti,
Trattamento della dispepsia.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Sospetto colon irritabile e refluso biliare.
30 Ago 06 - paola, 25 anni (id: 43017)
  salve prof. io ho da 4 anni problemi di intestino. mi hanno diagnosticato colon irritabile perchè tutti gli esami sono negativi ma ho avuto l’helycobatter pilori per tutti questi anni (ora l’ho tolto), il reflusso biliare, perdita di peso e molti problemi problemi di intestino ma con forti dolori allo stomaco, e tutti dicono che non ci sia collegamento tra le cose. mi hanno anche detto che non esiste cura per il reflusso biliare ma io se non mangio per qualche ora mi vengono forti fitte con mal di pancia. cosa posso prendere come cura?grazie mille mi aiuti dato che avendo risultati negativi agli esami pensano che sono sana ma sto sempre peggio.
Gentile Signorina,le cause del riflusso biliare dal duodeno allo stomaco non sono state ancora ben chiarite, naturalmente la situazione dipende da un movimento antiperistaltico del duodeno: la bile invece di essere spinta verso intestino, dove adempie alla sua azione, passa parzialmente anche nello stomaco, dove a causa dei sali biliari produce irritazione della mucosa ed eventualmente sale su per l’esofago. Si riscontra spesso dopo intervento alle vie biliari ma anche indipendentemente. La terapia non è ben codificata e si basa sull’uso di antiacidi a base di sali di aluminio che bloccano in parte i sali biliari o farmaci gastroenetreocinetici che dovrebbero normalizzare la peristalsi.Anche il cibo la blocca ovviamente seguendo il Principo del poco e spesso.Per eventuale colon irritabile Veda allegato. Con saluti
Il_colon_irritabile_ed_il_suo_trattamento.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Sospetto gastrinoma
30 Ago 06 - Caterina, 54 anni (id: 43016)
  Gentile Professore, mio padre novantatreenne, pur non avendo mai sofferto di ulcera in vita sua, è stato operato d’urgenza due volte , a distanza di sei mesi, la prima il 21 febbraio 2006 per un’ulcera forrest 2C substenosante del bulbo duodenale, che gli aveva causato emorragia rettale; la seconda, il 10 agosto 2006, due settimane fa, per perforazione gastrica da ulcera dell’angulus. I medici hanno escluso che si tratti di tumore, anche se non mi risulta abbiano effettuato esame istologico. Attualmente le condizioni generali sono discrete; assume come medicinale, oltre a quelli prescritti per terapia cardiologica, il Nexium 40: sarà sufficiente per evitare recidive? Vorrei, se possibile,... continua >>
un consiglio su come muovermi, per evitare che si ripetano ulteriori perforazioni gastriche, così a breve distanza e senza sintomi di preavviso, tipo bruciori, dolori di stomaco ecc…. Inoltre papà, che ha sempre ragionato con grande lucidità, da qualche giorno è confuso, non riesce a distinguere il giorno dalla notte: può dipendere dai postumi dell’anestesia? O devo preoccuparmi per un inizio di morbo di Altzeimer? Fiduciosa in una Sua risposta la ringrazio anticipatamente
Faccia fare un dosaggio della gastrina per il sospetto di una Zollinger-Ellison.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Prurito anale in sospetta proctite
30 Ago 06 - Nicola, 51 anni (id: 43013)
  Ho cominciato ha soffrire da un po’ di tempo di forti bruciori e dolori all’ano, diversi da quelli che di tanto in tanto mi procuravano le emorroidi, i quali comparivano sporadicamente e scomparivano senza bisogno di particolari cure. Ho provato arvenum e simili, ma niente. Un chirurgo, dopo la visita, mi ha riscontrato emorroidi (in fase di eremissione) e proctite. consigliandomi una rettoscopia, e prescirvendomi emortrofine e proctofoam. La cura ha dato scarsi risultati. Ora da qualche giorno sto applicando il pentacol gel 500 e mi sembra dare ottimi risultati. Applicandolo 3 volte al giorno i disturbi sono scomparsi. Secondo lei per quanto tempo devo continuare questa terapia ? E a qual... continua >>
i dosaggi ?
Per almeno 15 gg. comunque può sempre ripeterlo.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Diarrea di ndd
30 Ago 06 - SANDRA, 27 anni (id: 43011)
  SALVE SONO UNA RAGAZZA DI 27 ANNI DA CIRCA 1 ANNO E MEZZO HO DEI DOLORI ALLA SCHIENA FIANCO DX CON UN PO DI NAUSEA E CON SCARICHE DI DIARREA. IL MIO MEDICO PENSA CHE SIA UN PROBLEMA PSICOLIGICO E NERVOSO DAL MOMENTO CHE MIA MADRE E’ MORTA IL FEBBRAIO SCORSO DI CANCRO E CHE LE MIE ANALISI DEL SANGUE E URINE SONO PERFETTE AD ECCEZIONE DI UN PO DI ANEMIA, QUINDI PENSA, FORSE GIUSTAMENTE CHE SIA LA MIA MENTE A CREARMI QUESTI DISTURBI, MA IL PROBLEMA E’ CHE IL DOLORE NON VA VIA E LA MIA MENTE VIAGGIA E HO PAURA CHE SOTTOVALUTI I MIEI DISTURBI. ASPETTANDO UNA SUA RISPOSTA LA RINGRAZIO ANTICIPATAMENTE.
Valuti se non ha un’intolleranza al glutine ed al lattosio.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Ecografia renale
30 Ago 06 - gianluigi, 36 anni (id: 43008)
  Egregio professore, dai risultati di un’ecografia all’addome (eseguita per verificare la presenza o meno di calcoli renali) è stata riscontrata "al polo superiore del rene sinistro un’area di disomogeneità ecostrutturale prevalentemente anecogena estesa per circa 4 cm in più verosimilmente esito di piccole formazioni cistiche ravvicinate la maggiore delle quali ha diametro di 21 mm". Dal referto non risultano esservi altre anomalie. Io purtroppo di queste cose non so nulla e sono preoccupato. Oggi il medico di base riceveva la mattina, domani e dopodomani io dovrei essere lontano per motivi di lavoro. Potrebbe di dirmi di cosa si tratta e consigliarmi? Moltissime grazie.
Chieda all’ecografista se deve fare una TAC.
Prof. Pier Roberto Dal Monte


Da 18350 a 18365 di 28244