Sei in: Medico on-line > Gastroenterologia

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Gastroenterologia
Referenti
  • Prof. Pier Roberto Dal Monte

  • Già Direttore Dipartimento medico-chirurgico delle Malattie dell’apparato digerente. Ospedale Bellaria-Maggiore. Bologna.

  • Prof. Mauro Bortolotti

  • Professore a Contratto della Specializzazione in Medicina Interna
    Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Bologna
    Policlinico S. Orsola


ultimo aggiornamento 27/11/2014
 
Aree tematiche


Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 26/01/2007
Invia la tua domanda

Domande / Risposte
MRGE con bile e Barrett
17 Nov 06 - Gio, 30 anni (id: 48888)
  Gentile Prof. Bortolotti ,le scrivo da un paesino sperduto della provincia di Cosenza (Longobucco ) con la speranza di un suo aiuto .Mi è stata diagnosticato un ernia iatale con farte reflusso di bile ed esofago di barret , con una lesione di circa 6 cm , la terapia assegnatamie é: esomeprazolo da 40mg al mattino , peridon prima dei pasti e gaviscon advange dopo i pasti . Mi piacerebbe sapere se questa cura è efficace per bloccare questo eccessivo reflusso di bile ? Ci sono altri medicinali più efficaci ? Lei mi consiglia un intervento per l’ernia iatale ? Ho sentito parlare di acido ursodesossicolico e mi sembra ossido di alluminio che servirebbero a far perdere alla bile l’effetto cor... continua >>
rosivo verso l’esofago , è vero ? Se si queste sostanze sono presenti nei farmaci citati prima ? Certo di un vostro aiuto le porgo cordiali saluti .
Gentile Sig. Gio, il reflusso duodeno-gastrico, comunemente detto biliare, dipende da una disfunzione motoria del tratto antro-piloro-duodenale, che invece di mantenere la bile in duodeno, la fa refluire nello stomaco, dove può provocare una gastrite, e, se refluisce nell’esofago, anche una esofagite talora con Barrett. La causa di questa disfunzione motoria gastroduodenale è generalmente ignota nello stomaco non operato. Spesso compare dopo una colecistectomia o nei pazienti con disfunzioni della colecisti, che si possono evidenziare con ecografia e prova di stimolo colecistocinetico. Si può curare con procinetici (levosulpiride, clebopride ecc.)e con chelanti i sali biliari (colestiramina, sucralfato, idrossido di alluminio, ecc.) e ac. ursodesossicolico. Io aumenterei la dose di esomeprazolo con una somministrazione anche alla sera mezz’ora prima di cena per almeno 2 mesi. Inoltre sono necessari periodici controlli endoscopici. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti


Probabile allergia alimentare
17 Nov 06 - cristina, 31 anni (id: 48887)
  è da qualche mese che all’interno della bocca mi si formano delle ulcerazioni, in alcuni casi anche sulla lingua specie durante i pasti se mangio formaggi particolarmente saporiti,melanzane, pomodori crudi e ultimamente anche cotti quale può essere la causa e come posso curarmi? grazie
Potrebbe essre un’allergia alimentare ai cibi che le danno i disturbi o una maggiore sensibilità agli acidi in questi contenuti.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Sangue in bocca
17 Nov 06 - philippesoldati, 25 anni (id: 48879)
  salve, sono lo studente che le ha scritto riguardo le perdite di sangue che trovo la mattina in bocca. Premesso che mi trovo in Francia, il gastrointerologo dal quale sono andato mi ha dato da prendere tre bustine al giorno per due giorni di un farmaco chiamato "gelox" prodotto da ipsen, ed una cura di 4 settimane per una pillola al giorno di un farmaco chiamato "Pariet Rabéprazole" che io prendo da ormai tre settimane prodotto dalla Janssen-cilag. Lei pensa sia meglio fare prima una visita da un’ottorino laringoiatra per controllare che non vi siano eventuali perdite dal cavo orale? Escludo del tutto che il sangue provenga dalla tosse,primo perche non la ho e poi poiche lo trovo solo tut... continua >>
te le mattine appena sveglio ed in nessuna altra parte della giornata. Il sangue mi sembra di colore rosso vivo. grazie per l’attenzione Philippe Soldati
Egr. Sig. Philippe, sarebbe consigliabile una visita dallo stomatologo non otorino se non ha disturbi laringei. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Dolore toracico
17 Nov 06 - alvino, 20 anni (id: 48875)
  sono circa 4-5 giorni che sento un fastidio semicontinuo al torace precisamente in corrispondenza della zona a sinistra dello sterno,un dolore che varia anche in base alla posizione che assumo.Se per esempio effettuo un movimento del tronco verso destra sento più dolore.Cosa pensa che potrebbe essere?
Mi sembra un dolore muscolo-tendineo da probabile sforzo o cattiva postura. Veda di parlarne con il suo medico.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

MRGE e dolore toracico?
17 Nov 06 - diego, 55 anni (id: 48874)
  Mi sono state diagnosticate con endogastroscopia un’ ernia iatale,gastropatia iperemica e duodenite bulbare;ho iniziato una cura con farmaci specifici; ma perchè il tutto si è manifestato con difficoltà respiratorie al movimento , tipo da seduto in piedi, e dolori in zona "cardiaca " ? Le diff. respiratorie con fatica durano tuttora , dopo 10 gg di assunzione di farmaci.E il cuore , previ controlli , è a posto. grazie
Egr. Sig. Diego, in assenza di una causa cardiaca documentata il dolore toracico è spesso conseguenza di una malattia da reflusso talora senza i sintomi tipici del reflusso (bruciori epigastrici, rigurgiti acidi, ecc). In tali casi la diagnosi si fa con la pH-metria esofagea di 24 ore che riesce a vedere se in corrispondenza della crisi dolorosa vi è un episodio di reflusso g.e. In caso positivo va fatta la terapia e la dieta adeguate. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Ecografia addominale
17 Nov 06 - giovanni, 41 anni (id: 48861)
  ecografia addome superiore. referto di fegato di dimensioni ai limiti, ad ecostruttura lievemente addensata, senza lesioni focali al suo interno. Colecisti distesa, a pareti regolari, alitiasica. Non dilatazioni delle vie biliari intra ed extra-epatiche e dell’asse venoso splendo-portale. milza e pancreas ecograficamente normali. Reni entrambi appaiono in sede di dimensioni,morfologia ed ecostruttura conservata. Modica microlitiasi a sinistra. Non si rilevano lesioni di tipo solido o liquido, nè dilatazioni calico-pieliche bilaterali. Vorrei sapere tutto ciò cosa significa . Grazie
Vuol dire che non ha nulla agli organi addominali esplorati con l’ecografia.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Dispepsia
17 Nov 06 - anna, 55 anni (id: 48855)
  il 5 luglio 2006 ho eseguito una endoscopia digestiva .Risultato dell’esame istologico: frammenti superficiali di mucosa gastrica antrale con iperemia della lamina propria e con focolaio di metaplasia intestinale dell’epitelio. Ho fatto varie cure: Pariet, lansox, peridon, mepral senza apprezzabili risultati. Continuo ad avere sensazione di nausea e devo anche mangiare poco e spesso.Mi chiedo se c’è anche una componente di stress, visto che sono abbastanza emotiva ma nascondo le mie ansie. Cosa mi consiglia?? La ringrazio per la risposta che vorrà darmi.
Gentile Sig.ra Anna, lei soffre di dispepsia, che, se non è dovuta a cause organiche, va curata con procinetici efficaci e dieta. Per la metaplasia occorrono periodici controlli endoscopici con frequenza in base al tipo di metaplasia intestinale. Lo stress può peggiorare la dispepsia ma non è la causa, che va ricercata con opportuni esami (vedi area tematica relativa per maggiori informazioni). Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Enterocolite
17 Nov 06 - Alfredo, 44 anni (id: 48854)
  Salve, dopo alcuni giorni che soffro di dolori intestinali con leggera diarrea di colore giallognolo, ho fatto la visita dal gastroenterologo il quale mi ha prescritto (nel frattempo di fare la gastroscopia e la colonscopia virtuale) di prendere oltre ai fermenti lattici, valpinax gocce e supradin, anche il pentacol 800 compresse 3 volte al giorno dopo colazione, pranzo e cena. Sono ormai 7 gg. che faccio questa cura e vedo pochi risultati a livello di formazione di feci, mentre i dolori (forse) per effetto del valpinax sono spariti. da un paio di gg. ho di nuovo un pò di diarrea (la mattina no, mentre il pomeriggio si) e con mia grande sorpresa oggi pomeriggio ho notato che nelle feci (liqu... continua >>
ide) c’era la compressa di pentacol (forse quella presa a colazione) completamente intatta e allora mi è venuto un dubbio: leggendo il foglietto del pentacol ho letto che le compresse vanno prese lontano dai pasti contrariamente a quello che mi ha detto il gastroenterologo! Infatti le prendo appena dopo i pasti. Può essere questo il motivo sia del ritrovamento della compressa intatta che del che minimo cambiamento delle feci dopo 7 gg. di assunzione? Grazie!
ha una diarrea verosimilmente da infezione intestinale con accelerato transito. Lasci stare le medicine che sta facendo e faccia un antibatterico tipo ciprofloxacina o simili.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

MRGEe dolore toracico
17 Nov 06 - annarita, 34 anni (id: 48853)
  da qualche giorno ho la lingua bianca ,mi sento salire acido e sento un forte dolore al petto.Sostengono che siano i tre microcalcoli alla coliciste della dimensione di 0.3 e 0.2 ma no ho dolori particolari se non un pizzichino alla lato destro vicino all’ombelico.non voglio operarmi per paura dell’anestesia ma sto cercando di curarli con deursil,in verita’ credo che questi fastidi siano dovuti all esofagite da reflusso che mi hanno diagnosticato in seguito a gastroscopia in cui ho scoperto di essere celiaca.il dolore al petto e’ meno forte da quando il mio medico mi ha prescritto omeprazolo.e’ necessario togliere subito la coliciste o posso aspettare e controllare con ecografia?un gastroent... continua >>
erolo sostiene che la coliciste si toglie dopo un attacco e che il pizzichino e’ il colon irritabile ,il chirurgo sostiene di operara .sono confusa
Gentile Sig.ra Annarita in assenza di una causa cardiaca documentata il dolore toracico è spesso conseguenza di una malattia da reflusso talora senza i sintomi tipici del reflusso (bruciori epigastrici, rigurgiti acidi, ecc). Occorre una terapia con dosi adeguate di inibitori di pompa protonica ed una dieta adeguata che allego. La disfunzione della colecisti con microlitiasi può causare reflusso biliare che è lesivo sull’esofago come l’acido. Se non ha forti coliche biliari le consiglio di usare acido ursodesossicolico a dosi di 450 o 600 mg per tentare di sciogliere i microcalcoli, perchè l’intervento di colicistectomia può peggiorare il reflusso biliare. Dopo 3-6 mesi può fare un controllo ecografico per vedere lo stato della colecisti. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Dieta CUP 2000.doc
TERAPIA MRGE CON DOLORE TORACICO.doc
Prof. Mauro Bortolotti

Trigliceridi alti
17 Nov 06 - EMANUELA, 54 anni (id: 48850)
  HO I TRICLICERI ALTI E’197 VALORE DI LAB. E’ 50-175 IL COLESTEROLO TOTALE HO 4,52 VOGLIO SAPERE GENTILMENTE SE DEVO FARE QUALCOSA?
Gentile Sig.ra Emanuela, i dati forniti sono insufficenti per una diagnosi ed una adeguata terapia, per le quali è anche necessaria una visita medica. Questa può essere fatta dal suo Medico Curante, che le può richiedere gli accertamenti appropriati. Se vuole può contattarmi successivamente. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti
Prof. Mauro Bortolotti

Sospetta modica enterocolite
17 Nov 06 - Luca, 29 anni (id: 48845)
  Gentilissimo dottore, Sono un ragazzo di 29 anni e non ho mai avuto gravi problemi di salute.Da circa 2 anni però, capita, anche se raramente e spesso quando ho gas nella pancia (ad esempio se ho bevuto coca cola etc...) o se devo urinare, di sentire delle fitte lancinanti e di brevissima durata in corrisopndenza del basso ventre e dell’orifizio anale.Di cosa potrebbe trattarsi? Grazie della disponibilità Distinti saluti
Potrebbe essere una irritazione per aumento dei batteri dell’intestino o dismicrobismo che provocano fermentazione e meteorismo. Provi a prendere un antibatterico intestinale per qualche giorno.veda anche l’allegato
Il_colon_irritabile_ed_il_suo_trattamento.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

GPT a 53
17 Nov 06 - osvaldo, 26 anni (id: 48839)
  Salve un info,ho il valore delle transaminasi gtp a 53 per far scendere questo valore,ce una cura oppure qualche alimento che lo faccia scendere?
Egr. Sig. Osvaldo, i dati forniti sono insufficenti per una diagnosi ed una adeguata terapia, per le quali è anche necessaria una visita medica. Questa può essere fatta dal suo Medico Curante, che le può richiedere gli accertamenti appropriati. Se vuole può contattarmi successivamente. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti
Prof. Mauro Bortolotti

Ileite
17 Nov 06 - PAOLA, 27 anni (id: 48835)
  Buongiorno, mi sono sottoposta a una endoscopia capsulare dalla quale è emerso(nell’ultima ansa ileale) la presenza di lesioni nodulari come da iperplasia nodulare linfatica. le volevo chiedere cosa fosse dato che non mi sono rivolta più in ospedale per ploblemi di trasferimento in altra città. la ringrazio e la saluto
E’ un’infiammazione dell’ultima parte dell’intestino o ileite, quadro che potrebbe dipendere anche da m di Crohn in fase inizial. Approfondisca in questo senso seguendo i consigli che le invio.
Le_malattie_infiammatorie_intestinali.DOC
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Sangue in bocca
17 Nov 06 - philippesoldati, 25 anni (id: 48832)
  salve, mi e successo una ventina di giorni fa, dopo una serata nella quale ho ingerito ingenti quantita di bevande alcoliche, di rimettere a digiuno con una forte presenza di tracce di sangue. Premetto che questo mi era successo 6 mesi fa in una condizione di forte stress, e ,che aseguito di ciò, ho fatto una gastroscopia che ha riscontrato la presenza di gastrite nelle pareti dello stomaco ma niente piu. Inoltre una settimana prima che mi succedesse l’ultima volta ho avuto un virus per il quale ho rimesso diverse volte,senza però trovare tracce di sangue. Il motivo per cui le scrivo e che da venti giorni, pur essendo andato dal gastrointerologo, che mi ha consigliato delle pillole che dovre... continua >>
bbero rimarginare delle possibile ferite alla bocca dello stomaco dovute agli spasmi del vomito, continuo a trovare tracce di sangue tutte le mattine in bocca e non capisco quale possa essere l’origine. Che cosa pensa dovrei fare? Un’altra gastroscopia sarebbe utile? grazie per l’attenzione Philippe Soldati
Egr. Sig. Philippe, quali pillole le hanno dato, le ha già assunte? Prima di tutto occorre vedere se il sangue proviene dalla cavità orale (visita stomatologica) o viene emesso con la tosse o con il rigurgito. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Colon irritabile
17 Nov 06 - eleonora, 37 anni (id: 48828)
  Gentile Prof. da circa 10 anni soffro di colon irritabile. L’unico esame diagnostico eseguito è stato il clisma opaco. Da allora il problema si è accentuato: ora il dolore è localizzato anche a destra.Le chiedo cortesemente se può indicarmi un centro per stabilire con esattezza se tali disturbi sono realmente da colon irritabile. Grazie
Gentile Sig.ra Eleonora, lei probabilmente ha un colon irritabile, ma per averne la certezza deve escludere altre malattie organiche intestinali(vedi area tematica relativa per maggiori informazioni). In ogni grande ospedale vi è un reparto di gastroenterologia che è in grado di fare questi accertamenti. Se è confermato il colon irritabile, tenga presente che noi stiamo effettuando uno studio controllato nell’ambito del Policlinico sugli effetti di un prodotto di origine vegetale sui sintomi del colon irritabile. Se è interessata a partecipare, mi può contattare al n. 051-6364137. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti
Prof. Mauro Bortolotti


Da 17706 a 17721 di 28443