Sei in: Medico on-line > Gastroenterologia

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Gastroenterologia
Referenti
  • Prof. Pier Roberto Dal Monte

  • Già Direttore Dipartimento medico-chirurgico delle Malattie dell’apparato digerente. Ospedale Bellaria-Maggiore. Bologna.

  • Prof. Mauro Bortolotti

  • Professore a Contratto della Specializzazione in Medicina Interna
    Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Bologna
    Policlinico S. Orsola


ultimo aggiornamento 22/02/2013
 
Aree tematiche


Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 26/01/2007
Invia la tua domanda

Domande / Risposte
Carcinosi peritoneale
11 Nov 06 - grazia, 55 anni (id: 48241)
  ciao sono antonio e scrivo per conto di miadre; non so se qui è il posto giusto per parlare di ciò.... mia madre è malata di cancro... ha avuto prima 8 anni fa un tumore al seno con intervento, poi 2 anni la malattia è ricomparsa al fegato con un successivo intervento. ora però sono riapparsi degli altri noduli al fegato ed una ascite (con conseguente paracentesi ogni 15 giorni)... ha provato tutte le terapie chemioterapiche ma è al limite massimo...anzi in alcuni casi ha sforato.. non sapendo piu cosa fare sono andato da un omeopata che mi ha prescritto la chimaphila umbellata. mi sono informato e questa pianta stimola la diuresi ma non è indicata in caso di gastriti e coliti...mia madre ... continua >>
in questo periodo prende dei farmaci per dare copertura allo stomaco perchè è debole per effetto delle chemio e disturbi conseguenti...qualcuno mi puo aiutare?
penso che purtrppo ci siano poche possibilità terapeutiche essendosi diffuso il tumore al peritoneo.
Prof. Pier Roberto Dal Monte


Ipersecrezione gastrica
11 Nov 06 - Salvatore, 37 anni (id: 48237)
  Salve, vorrei sapere se un eccesso di succhi gastrici può causare infiammazione intestinale? Grazie per la disponibilità.
No, eccetto in condizioni eccezionali come la S. di Zollinger-ellison, faccia una gastrinemia eventualmente.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Sospetta infezione virale
11 Nov 06 - David, 24 anni (id: 48235)
  Egregio dottore da circa 7 mesi soffro di sintomi gastroenterici molto debilitanti e tutt’oggi dopo ripetuti controlli anche specialistici non si è riusciti a trovarne la causa apparente. In particolare soffro di continuo fastidio epigastrico che si acutizza dopo la digestione e in mattinata, a volte interessa l’ipocondrio dx contemporaneamente ad una fastidiosa sensazione di astenia generale e giramenti di testa. La notte dormo abb. male. Non ho precedenti disturbi del genere ed ho sempre goduto di ottima salute, ho fatto 2 gastroscopie (una a aprile e l’altra a luglio ed entrambe testimoniano uno stato delle mucose normale con corretta funzionalità del Les), 2 ecografie addome (entrambe no... continua >>
rmali), 1 rx con doppio contrasto (pochi giorni fà, che testimonia anche funzionalità corretta con peristalsi valida, svuotamento regolare,regolare forma dello stomaco del duodeno e del piloro senza significative alterazioni del disegno mucoso e parietale; soltanto una minima ernia jatale nella posizione anti-shock del trendelemburg con associato leggero reflusso del pasto baritato)e diverse analisi del sangue.Praticamente nulla giustifica i disturbi pesanti che accuso...quando è iniziato tutto ciò ho avuto 2 episodi di vomito postprandiale ravvicinati con leggera temperatura (37,3)e calo di peso costante per almeno un mese(ora stabile).Le analisi ematiche non segnalano anemia (amilasi,lipasi,alt,ast,bilirubina,glicemia,ormoni tiroidei..tutto nella norma) e la ricerca di H.B pilory e sangue occulto nelle feci negativi.Non sò più che esami fare e non essendo neanche un soggetto ansioso la tesi dello stress regge poco secondo il mio medico....lei cosa suggerisce dottore? Io stò veramente male! saluti
Considerando l’iizio dei suoi disturbi penserei ad un’infezione virale da virus parainfluenzale, ma anche ad es. Epstein Barr con sindronme astenica successiva e vari altri diturbi.Approfondirei le ricerche dei virus più comuni compreso il succitato. E proverei a prendere per ora semplicemente un gastrocinetico antinausea come l levosulpiride.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Colon irritabile
11 Nov 06 - Eliana, 28 anni (id: 48233)
  Egr. Prof. Dal Monte, è da 2 anni che soffro di colite, o almeno così mi hanno detto i medici che ho consultato, all’inizio il dolore si concentrava nella parte destra (in basso vicino alle ovaie). Ho fatto la colonscopia il 05/06/2006(esame condotto fino al ... prossimale) e il dott. che l’ha eseguita ha parlato di colon irritabile, colite spastica. Ho fatto una cura con tre compresse al giorno di mesalazina e il duspatal mattina e sera. Per un pò sono stata meglio, ma da un mese i dolori sono tornati, non più in basso a destra, ma a volte partono da sotto il seno sinistro fino ad irradiarsi al rene e sulla parte posteriore, a volte dal centro dei due seni fino all’ombellico, con irradiamen... continua >>
to sulla parte sinistra. Ho ripreso con il duspatal 2 v. al giorno, ma i dolori non si placano, non sono fortissimi, ma costanti, non mi lasciano mai, e questa situazione mi logora. Ho paura che il dott. che ha effettuato la colonscopia non abbia eseguito bene l’esame. Ogni tanto dopo aver evacuato trovo sulla carta sangue, che è stato attribuito a 2 ragadi anali. Non soffro di diarrea e neanche di stipsi, solitamente vado ogni giorno in bagno, soprattutto dopo il caffé (leggero) devo subito correre. Soffro anche di calcoli renali. Qui in Calabria siamo sprovvisti sia di dott., che di centri specializzati per questi problemi. Lei cosa mi consiglia? Grazie per avermi ascoltato
Lei ha verosimilmente solo un colon irritabile, insieme a probabili dolori a partenza dellla colonna dorso lombare, anche se mi lascia un pò peplesso il riscontro di sangue e delle stesse ragadi che dovrebbero darle un sensibile dolore.. Si veda l’allegato e si faccia vedere eventualmente da un fisioterapista.?Ha fatto gli esami di flogosi per Malattie infiammatorie intestinali (Rettocolite ulcerosa, m.di Crohn) o Indici Infiammatori: Emogramma con piastrine -VES - TAS - Protidemia totale e protidogramma - Fibrinogeno - Alfa- 1- glicoproteina o Proteina C – ANCA + Sideremia-Ferritina.
Il_colon_irritabile_ed_il_suo_trattamento.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Metronidazolo
11 Nov 06 - tommaso, 15 anni (id: 48232)
  chi le scrive è il papà di tommaso.mio figlio ha effettuato il breath test x il lattulosio risultando positivo.gli è stata prescritta una cura che oltre a ferm. lattici(reuterin x 20 gg)prevede antibiotico flagyl comp.250mg(3 comp.al dì x 1 settim.).nel foglio illustrat. del farmaco leggo che qst.farmaco è indicato come trattam.x vaginiti/uretriti.può gentilmente darmi una spiegazione del perchè viene prescritto per i batteri intestinali? la ringrazio x la cortesia.
E’ anche un ottimo antibatterico intestinale. Forse pensano ad un’infezione che ha provocato secondariamente l’intolleranza al lattosio.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Dolori toracici
11 Nov 06 - Martina, 20 anni (id: 48231)
  Salve Dottore, sono una ragazza di 20 anni ed in passato ho avuto problemi di anoressia e poi bulimia con frequenti abbuffate e vomito per 4 anni, ore è da un mese e mezzo che non vomito più e mi alimento normalmente ma ho frequentissime vertigini e abbassamenti della vista con dolore sotto il seno sinistro. Potrebbe essere lo stomaco? La ringrazio molto.
Certo che no. Sarà un dolore toracico, intercostale, irritazione muscolare,nervo.Eventualmente faccia una rxgrafia torace.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Insulinoma
11 Nov 06 - Ginevra, 68 anni (id: 48199)
  Egregio Prof Dal Monte recentemente mi è stato diagnosticato un insulinoma al pancreas di 18 millimetri in attesa di ulteriori esami vorrei conoscere il nome di uno specialista del ramo a cui rivolgermi trà napoli o caserta in attesa di una Sua cordiale risposta Le invio cordiali saluti Barletta Ginevra
Forse ha bisogno di un un Chirurgo insieme ad un Endocrinologo. Si rivolga alla Clinica Chirugica I dell’università di Napoli.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Probabile effeto colaterale antibatterici
10 Nov 06 - decio, 68 anni (id: 48181)
  da 10 giorni sento lo stimolo di evaquare feci ma pultroppo i risultati sono pochi mi sento come se qualcosa mi blocca per più i primi giorni facevo solo un pò di muco senza sangue.vi premetto che la settimana prima ho fatto una doppia cura antibiotica per infiammazione alla prostata la quale mangiavo pochissimo.può essere una conseguenza da quest’ULTIMO?
E’ possibile che l’antibatterico avendo cambiato la flora batterica intestinale abbia provocato la stitichezza. prenda un purgante salino. Tuttavia data l’età in un prossimo futuro una colonscopia.
La stitichezza.DOC
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Sospetto dismicrobismo intestinale.
10 Nov 06 - lisa, 40 anni (id: 48175)
  sono circa nove mesi che i miei risvegli sono un incubo.appena mi alzo comincia a formarsi nel mio intestino molta aria causandomi dei crampi che comprendono anche la parte bassa della schiena.dopo questo devo andare in bagno e le feci sono sempre molli mai formate e mucose.ho fatto il test della ciliachia e non risulta.volevo sapere il suo parere su questa cosa ...grazie
Avrà un dismicrobismo intestinale, da infezione segua i consigli che le invio e quì sotto. Dismicrobismo o disbiosi iintestinale , detto anche colon irritabile postinfettivo E’ un’ irritabilità della mucosa del colon a causa di dismicrobismo o disbiosi intestinale, che si crea a seguito del cambiamento parziale della normale flora intestinale con sopravento o prevalenza di flora patogena che da un’infezione gastrointestinale. Infezione che si può sviluppare in maniera acuta o non immediatamente apparente a seguito generalmente di ingestione di cibi guasti o scarsa igiene, uso di potenti antiacidi o anche di alcuni antibiotici, con irritabilità che, permanendo i germi che l’hanno creata, poi si mantiene producendo i suoi effetti continuativamente o ciclicamente. Nell’intestino soprattutto nel colon o intestino crasso si produce gas ed anche muco con meteorismo e flatulenza, dolore addominale e diarrea liberatoria o alternanza di stipsi e diarrea. E’ opportuno in questi casi sospendere i latticini, prendendo dei probiotici (ex fermenti lattici) od uno yogurt ricco di probiotici, ma se non migliora è utile aggiungere un disinfettante/antibiotico per qualche giorno tipo la neomicina/bacitracina o la ciprofloxacina 500 mg 1 cp x 5-6 gg.,etc. SE i disturbi sono molto accentuati sarebbe bene far precedere la terapia da una coprocoltura, ma rararamente si riesce ad identificare il germe che ha creato il problema.
Il_colon_irritabile_ed_il_suo_trattamento.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

MRGE e dolori dorsali
10 Nov 06 - domenico, 38 anni (id: 48162)
  salve sono domenico da napoli soffro di un disturbo chiamato esofagite da reflusso con ernia jatale da scivolamento da circa un anno, inteso che lesito e arrivato facendo una gastroscopia, terapia consigliata axagon 20ml . a distanza di 2 mesi ritorno dal mio gastroenterologo perche il sintomo persiste portandomi un dolore al centro della schiena , si cambia scena terapia peptazol 40cp al mattino al digiuno, per non essere lungo a distanza di un anno il mio problema non si e attenuato ma e diventato una problematica di tutti i giorni fortunatamente la notte non ho problemi, ma non appena scendo dal letto tutte le mattine il mio dolore centro schiena inizia rendendomi la vgiornata diffi... continua >>
cile, come posso fare oggi anche pagando e difficile trovare qualcuno che sia capace di darmi delle risposte giuste ed una giusta cura. grazie infinitamente.
La malattia da reflusso generalmente non da dolore dove Lei riferisce, forse dipende da contrazione muscolare o da qualcosa di infiammatorio alla colonna, si faccia vedere da un ortopedico o faccia una rxgrafia alla colonna dorsale.Per il reflusso segua i consigli che le invio.
Malattia_da_reflusso_esofageo.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

MRGE con ipergastrinemia.
10 Nov 06 - luciano, 56 anni (id: 48138)
  Gentile Professore, Ho scoperto 2 anni fa di avere un’ernia iatale, esofagite con Barrett. Mi curo con PPI (nexium 40 e gaviscon) Gastrina elevata : 258 ml Calo al Nexium 20 Gastrina 324 ml Pur vero che i PPI possono aumentare la gastrina sierica (io però ho dimezzato il dosaggio !) Mi devo aspettare qualcosa tipo la sindrome di Zollinger-Hellison ? Può essere logico sospendere i PPI e rifare tra 1 mese gli esami ? L’ultima EGDS (gennaio 2006) confermava si esofagite con Barrett ma non erosioni e/o displasia. Emocromo normale VES: 8 Ca 19-9 : 8,6 Cea : 1,69 Grazie
Egr. Sig. Luciano, sospenda i PPI, poi ripeta la gastrinemia. Se è ancora elevata occorre fare altri accertamenti (test alla secretina, ecc.). Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Dolori radicolitici e dispepssia
10 Nov 06 - Federico, 28 anni (id: 48126)
  Egregio professore, sento lo stomaco gonfio, una pressione sulle costole nell’area dello stomaco mi da fastidio, leggero dolore. Spesso il dolore interessa anche l’area lombare corrispondente e ho molta aria nell’intestino. Inoltre avverto sovente "brucione di stomaco". Infine, in corrispondenza della costola sento sempre come un senso di "pienezza", come se ci fosse un "pezzo in più" che non ci dovrebbe essere. Ho una scoliosi dorso-lombare sinistro-convessa. La scoliosi può essere connessa al "pezzo in più"? E i disturbi di bruciore e aria sono collegabili al "pezzo in più"? Mi scuso per la scarsa proprietà di linguaggio. In attesa di un suo riscontro, La ringrazio per la cortese attenzion... continua >>
e e Le porgo Cordiali saluti.
Ha due patologie diverse una attinente alla colonna con radicolite o irritazione delle terminazioni nervose che da qui nascono e si dirigono nel suo caso nella zona dolente e fanno male a livello muscolo-tendineo in quanto irritate. Il pezzo in più oltre che da una semplice irritazione nervosa potrebbe dipendere da assimetria toraco addominale. L’altro è problema di stomaco o anche di reflusso esofageo. Provi a prendere qualche antiacido e curi la colonna.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Dispepsia
10 Nov 06 - Sara, 25 anni (id: 48124)
  improvvisamente ho avuto dei dolori nella parte alta della schiena e successiva nausea, che mi ha portato a rimettere. vorrei sapere se può essere una gastrite nervosa e che rimedi utili ci sono. mi è successo un pò di volte negli ultimi due mesi e in effetti sono un pò stressata. vorrei anche sapere come cambiare l’alimentazione per evitare questo possibile problema. grazie cordialmente
Provi a seguire complessivamente i consigli che le invio
Trattamento_della_dispepsia.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

S postcolecistectomia
10 Nov 06 - Pino, 54 anni (id: 48116)
  Nel 2000 mi hanno asportato la cistifellea e relativi calcoli. Mi hanno prescritto l’uso quotidiano di Tauro 250mg alla sera dopo i pasti. Mangio poco a pranzo (panino e frutta), mentre la sera ceno normalmente senza però esagerare. Faccio attività fisica (1 ora di ginnastica al giorno e appena possibile cammino), ho problemi intestinali che prima non ho mai avuto (irregolarità associata a crisi di diarrea e feci a palline). Vorrei sapere se è opportuno il continuo utilizzo del farmaco citato e cosa posso eventualmente fare per i problemi intestinali a dir poco fastidiosi. Le visite effettuate non hanno risolto alcun problema. La ringrazio anticipatamente
Lei ha dei sintomi da sindrome postcolecistetomia che vedrà chiariti qui sotto La sindrome postcolecistectomia o da malassorbimento di bile, si verifica dopo l’intervento di colecistectomia(o asportazione della cistifellea generalmente per calcolosi biliare) per alterato riassorbimento intestinale della bile stessa. Si caratterizza con dolore addominale a cui succede spesso diarrea con feci giallastre o verdastro-scuro. La bile infatti essendo costituita anche da sali biliari ha effetto irritante e lassativo, se non assorbita normalmente dall’intestino, specie dopo introduzione dei cibi: questi, specie ai pasti principali, stimolando la peristalsi stimolano anche il passaggio della bile stessa non bene mescolata ai cibi nell’intestino con l’effetto sopradescritto e preceduto da dolori e borborigmi (movimenti intestinali accentuati e rumorosi). Come terapia si consiglia di prendere un farmaco che adsorbe i sali biliari rendendoli meno attivi, la Colestiramina: una bustina prima dei pasti principali. E’ bene far precedere la stessa terapia da un disinfettante anche a livello intestinale come tipo ciprofloxacina cp da 500 mg per 4-5 giorni. Può essre utile talvolta l’acido ursocolico. P.R.Dal Monte.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

EGDS
10 Nov 06 - SERGIO, 59 anni (id: 48114)
  HO FATTO L’ESAME DELLE FECI, DOVE HANNO RISCONTRATO K1677 ANTIGENE HELICOBACTER PYLORO, VISTO CHE DEVO FARE LA GASTROSCOPIA ALLO STOMACO IN OSPEDALE PER IL 27/12/06 SE POSSIBILE ANTICIPARE FACENDOLA PRIVATAMENTE. ATTENDO RISPOSTA GRAZIE
Certo che sì basta telefonare all’ospedale dove fanno le EGDScopie, anche se non è proprio indispensabile anticipare. Poteva aspettare la gastrospia durante la quale avrebbero fatto anche la ricerca H.P.
Infezione_da_Helicobacter_Pilori.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte


Da 17706 a 17721 di 28322