Sei in: Medico on-line > Gastroenterologia

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Gastroenterologia
Referenti
  • Prof. Pier Roberto Dal Monte

  • Già Direttore Dipartimento medico-chirurgico delle Malattie dell’apparato digerente. Ospedale Bellaria-Maggiore. Bologna.

  • Prof. Mauro Bortolotti

  • Professore a Contratto della Specializzazione in Medicina Interna
    Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Bologna
    Policlinico S. Orsola


ultimo aggiornamento 22/02/2013
 
Aree tematiche


Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 26/01/2007
Invia la tua domanda

Domande / Risposte
Probiotici
11 Feb 13 - rosell, 47 anni (id: 125353)
  Dopo una terapia con probiotici enterelle, bifiselle, ramoselle e zantonet (iniziata a giugno 2012, sospesa per un breve periodo e continuata sino inizio gennaio 2013) mi viene riscontrato IL 18/01 un aumento dei valori AST: 56, ALT 73, GGT 171, ripeto il prelievo il 01/02: AST 86, ALT 125, GGT 212. Può essere la causa il prolungamento di questa terapia ? Mi riscontrano anche cytomegalovirus IgG 121, IgM negativo (sembra da infezione pregressa). Sono molto preoccupata, che fare ? ringrazio molto per lattenzione riservatami. N.B; lindirizzo mail sottostante: scrivere rosell zero zero ....
I farmaci segnalati non provocano epatopatie penso che debba studiare meglio il fegato facendo anche un’ecografia ed esami per escludte un’epatite steatosica o autoimmune oltre che virale.
Prof. Pier Roberto Dal Monte


EGJ
10 Feb 13 - franco, 61 anni (id: 125344)
  ho una ernia iatale di piccole dimensioni pero ho sempre il rigurgito il mio medico generico mi ha consigliato lintervento che sistemerebbe il tutto io non so a chi rivolgermi per un intervento sicuro mik rivolgo a lei per avere una informazione o un nome che possa risolvere con un itervento in laparascopia
Le consiglio di rivolgersi prima dell’intervento alla Gastroenterologia di Modena dove, dopo gli opportuni esami, le consiglieranno eventualmente un ottimo chirurgo (prof Melotti) che opera in laparoscopia l’intervento di fundoplicatio.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Disturbi intestinali
9 Feb 13 - massimo, 49 anni (id: 125335)
  buonasera,assumo depakin x dist,bipolare con attacchi di panico ansia e dist,umore...sono in cura per reflusso con nexium motilium riopan,e circa un mese che ho disturbi intestinali con borbottii eruttazioni scurregge evacuazioni 2 al giorni e urine abbondanti bruciore ano e contrazioni addome..esami ves e sangue occulto negativo...un suo gradito parere...distinti saluti
Egr. Sig. Massimo, il depakin all’inizio della cura può dare nausea, dolori addominali e diarrea che poi si attenuano. Nel suo caso occorrerebbe una visita per stabilire l’origina dei disturbi. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

MRGE recidivante
9 Feb 13 - giusi, 36 anni (id: 125325)
  MI è STATO DIAGNOSTICATO UN REFLUSSO GASTROESOFAGEO PATOLOGICO DI TIPO ACIDO: DOPO UNA CURA DI 6 SETTIMANE CON PARIET 20MG E DOMPERIDONE 10G OGNI 15 GIORNI IL DISTURO è TORNATO.NONOSTANTE NON ABBIA SMESSO IL PARIET.COSA BISOGNA FARE?
Gentile Sig.ra Giusi, evidentemente il trattamento intermittente non è sufficente a bloccare la malattia. Dopo la terapia d’attacco occorre fare quella di mantenimento con la dose minima sufficente a prevenire i sintomi; dopo 12 mesi l’USL richiede una conferma clinica per potere continuare gratuitamente (nota 48). Eradicare l’HP se presente. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Gastrite, metaplasia ed HP
8 Feb 13 - Giancarla, 66 anni (id: 125316)
  Stomaco, Biopsia endoscopica (sede unica) Diagnosi. Gastrite cronica attiva di tipo follicolare con minima metaplasia intestinale focale. presenza microorganismi morfologicamente compatibili con Hlicobacter pilori (metodica Giemsa). Sto prendendo Grastoloc 40mg e Enzyformula 2 prima pasti. Gradirei una spiegazione del referto e se la cura è adeguata. Ringrazio e saluto . Arrigoni Giancarla
Gentile Sig.ra Giancarla, leiha una gastrite con metaplasia ed infezione da Helicobacter p. Manca la terapia per eradicazione HP. La correttezza della cura dipende dal quadro clinico che risulti da una visita. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Dolori ipocondrio dx
8 Feb 13 - omar, 34 anni (id: 125313)
  Salve da inizio 2011 soffro di dolore addominali destro superiore tipo crampi a volte fissi a volte mentre faccio movimenti tipo quando mi chino a prendere qualcosa. Ho fatto ecografia addome piu volte, tac e risonanza addome, gastroscopia, colonscopia, rx clismaopaco ma niente ie i dolori non passano, che puoessere io pensavo a un problema al pancreas ma anche gli esami del sangue relativi al pancreas sono ok anche marker tumorali pancreas, ora non son piu che fare perchè il dolore non passa, che puo essere?
Dolore ipocondrio dx: sede del fegato/vie biliari/organi confinanti(colon dx flessura epatica). Premesso che il fegato non fa male, eccetto in particolari circostanze (neoplasie, brusco ingrandimento ed infiammazione), ed escludendo una calcolosi della cistifellea poichè l’eco è negativa), così come un dolore riferibile al colon, poichè non ha disturbi intestinali ( a dx in quella sede, sotto il fegato, vi è anche una flessura o ripiegatura/angolazione del colon di dx).Tralasciando quindi un organo interno,ritengo possa trattarsi di una irritazione dei nervi o radicolite a partenza della colonna dorso-lombare che si distribuiscono dal di dietro in avanti in quella sede: qualora abbia qualche processo infimmatorio/artrosico o una scoliosi o anche una infiammazione/contrazione dei muscoli o fibromiosite, poichè anche questo può provocare il dolore anteriore sull’addome dx superficialmente(detto dolore radicolitico o da radici nervose) e generalmente si sente male alla pressione sui muscoli paravertebrali omolaterali. Faccia una RXgrafia della colonna o chieda una visita specifica al suo medico od a un ortopedico.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Sospetta gastroenterite
7 Feb 13 - gianni, 28 anni (id: 125299)
  salve,è da un mesetto,in maniera discontinua,ho dei rigurgiti non frequenti ma che a volte mi capitano di acidità che in fase di eruttazioni(molto frequenti) qualche volta mi capitano di essere tipo acidi..e ho una leggera nausea che va e viene tipo nodo in gola..per alcuni giorni ho avuto delle fitte al fianco destro,poi passate,l appetito l ho sempre normale come anche l assenza di bruciori e dolori addominali.Oltre a ciò,defeco in maniera variabile alcuni giorni piu dure altre piu molli ma comunque solidi!da premettere,se può servire sono un tipo ansioso che comunque sto attraversando un periodo tranquillo,non ho mai avuto in precedenza episodi del genere e faccio sp... continua >>
ort e seguo un alimentazione molto varia,comunque sono andato dal dott. di base..che mi ha prescritto per 8 giorni pantopan 40mg per 8 giorni (sono al 2 giorno di assunzione)una capsula prima di andare a letto..secondo lei..è giusta come modalità oppure mi devo rivolgere ad una visita specialistica?la ringrazio
E’ possibile che abbia avuto un’infezione virale o batterica da cui non è ancora guarito continui un dieta leggera ed e l’antiacido consigliato dal medico, eventualmente se persistono i disturbi approfondisca con una gastroscopia.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Celiachia?
7 Feb 13 - Luca, 26 anni (id: 125297)
  Da qualche anno mi capita di avere problemi di diarrea e a volte anche dolori addominali. Ho eseguito una ecografia addominale ( risultata nella norma ) ed esami del sangue tra cui : Anti-tissue transglutaminase ( valore 1,0 UA /ml ) ; Anticorpi anti endomisio ( assente ) ; Anticorpi anti gliadina tipo IgG ( valore 38,8 UA/ml ).Considerando che il valore di 38,8 è fuori norma vorrei sapere se questo potrebbe essere indice di una possibile celiachia ed eventualmente se è utile qualche altro esame. GRAZIE CORDIALI SALUTI
Egr. Sig. Luca, la diagnosi di certezza si fa con la biopsia duodenale. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

MRGE recidivante
7 Feb 13 - luigileone, 43 anni (id: 125292)
  Egregio Dottore, circa 2 anni fa avevo dei disturbi durante la digestione con sintomi da reflusso gastrico, ragione per la quale mi sono sottoposto ad 1 gastroscopia. Lesito è stato: incontinenza del cardias e positività allH.Pylori ed edema antrale. Il gastroenterolo che mi seguiva mi ha prescritto 1 cura a base di lucen ed antibiotici per eliminazione del batterio. Nel referto inoltre è indicato che l esame della mucosa dello esofago,stomaco,bulbo duodenale e duodeno discendente di aspetto endoscopico normale. Dopo circa 4 mesi ho fatto il controllo per H. Pylori con esito negativo. Per 1 anno non avuto nessun tipo di problema. Nel dicembre scorso i sintomi sono riapparsi dopo 1 cura di ci... continua >>
rca 2 mesi di Lucen 20, peridon e gaviscon (prescitti dal medico curante tutti i sintomi sono scoparsi. Ora ho di nuovo gli stessi sintomi cattiva digestione, spesso eruttazioni durante la giornata e rumori nella pancia. Volevo sapere cosa devo fare? Secondo lei dovrei ripetere la gastroscopia? E possibile come afferma il medico di famiglia che il cambio di stagione e lo stress Possano incidere in maniere significativa? Grazie per il suo consulto e buon lavoro.
Egr. Sig. Luigi, l’errore più frequente da parte di chi cura la malattia da reflusso ( vedi area tematica relativa) è quello di sospendere la terapia con IPP quando vi è miglioramento. Inevitabilmente prima o poi la malattia riprende, essendo una malattia cronica, per cui dopo la terapia d’attacco occorre fare quella di mantenimento con la dose minima sufficente a prevenire i sintomi; dopo 12 mesi l’USL richiede una conferma clinica per potere continuare gratuitamente (nota 48). Non occorre ripetere la gastroscopia se non vi sono altri motivi. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Diarrea di ndd
6 Feb 13 - Stefano, 20 anni (id: 125288)
  Egregio Prof. Bortolotti, la ringrazio del consulto. Non sapendo come risponderle altrimenti, le scrivo attraverso questo form. Terminerò innanzitutto la batteria di esami che mi è stata prescritta e che verrà portata a termine verso fine Febbraio: Ecografia con studio delle anse intestinali + Eco addome completo; BT al Glucosio; BT al Lattulosio; Sangue; Urine; Feci. Qualora la mia situazione non migliori per quella data, come sono portato a credere, prenderò decisamente in considerazione la sua disponibilità e non esiterò a contattarla. Giusto per rispondere al suo quesito, sto seguendo dieta aglutinata da sei mesi circa. La dieta delattosata no, ma prima di ogni pasto in cui vi è conte... continua >>
nuto del lattosio assumo tilattasi. Ad ogni modo, mi capita frequentemente di mangiare senza lattosio. La ringrazio moltissimo per laiuto che mi ha fornito. Cordiali saluti.
Egr. Sig. Stefano, quando ha completato gli esami se vuole può contattarmi al n. 051-307901. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Terapia MRGE
6 Feb 13 - pasquale., 42 anni (id: 125281)
  Buongiorno Dottore,nellottobre2012 ho eseguito gastroscopia con esito di ernia jatale di 3cm,gastrite cronica con infezione da Helicobacter. Dopo la cura antibiotica x eliminare il batterio,ho iniziato ad assumere 2volte al dì Lansoprazolo 15mg. Le mie domande sono: xquanto tempo dovrò assumerlo? E ogni quanto dovrò fare la gastroscopia di controllo? La ringrazio infinitamente,cordiali saluti
Egr. Sig. Pasquale, mi mancano le informazioni cliniche per potere rispondere a quanto richiesto. Il suo medico che l’ha visitato dovrebbe rispondere a queste domande. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Diarrea con dieta aglutinata
6 Feb 13 - Stefano, 20 anni (id: 125279)
  Gentili Dottori, vi contatto per chiedervi un parere sul mio caso, conscio dei limiti del consulto online. Un anno fa, scariche diarroiche cicliche che si presentavano. Dopo sei mesi, scopro la celiachia. I disturbi continuano tuttora, anche se contenuti, in particolar modo da quando ho scoperto lintolleranza al lattosio mediante BT. Seguito dal mio medico di base e dal gastroenterologo della celiachia, ho fatto vari esami nellultimo mese. Sangue ed urine nulla di strano, esattamente come PRIMA della dieta aglutinata (lo so, sono un caso raro) tutti gli indici infiammatori o di anemia (VES, PCR, ELF Prot. Sietiche, Emocromo con formula) sono a posto. Feci ho fatto il completo feci, esame p... continua >>
arassitologico, ricerca batteri. Tutto negativo. La calprotectina fecale, prima della dieta aglutinata, cioè 8-7 mesi fa, era "incerta", vale a dire 84 (50-100). Rifatta la scorsa settimana, risultato: 17, ergo negativo. BT per SIBO negativo. I sintomi che mi permangono sono aria nelladdome e nellintestino, che si manifesta come tante flatulenze e tanti borborigmi e borbottii, specie quando mi sveglio la mattina. Poi, alcuni giorni vado in bagno 4-5 volte al giorno, sempre solido e pochissime quantità. Altri vado in bagno 1-2 volte, ma magari vado, come oggi, di diarrea. Altri ancora vado normale 1-2 volte. I medici sono convinti sia CI e non vogliono farmi fare la colonscopia, io ho tanta paura però. Secondo voi, la mia è solo ipocondria o conviene indagare a fondo? Grazie mille.
Egr. Sig. Stefano, non ho capito se oltre alla dieta aglutinata sta facendo anche quella priva di lattosio. In tal caso occorre indagare a fondo con altri esami da stabilire in base ad una visita ed alla valutazione diretta degli esami già fatti. Se vuole può contattarmi al n. 051-307901. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Ipersideremia
6 Feb 13 - Lorenzo, 24 anni (id: 125271)
  Buon giorno, premetto che non scrivo per me ma per mia mamma e a sua insaputa. E da circa un anno che negli esami del sangue di mia mamma è stato riscontrato un valore del ferro molto elevato, superiore a 600. Lo scorso anno è anche stata ricoverata in seguito a dolori addominali, ittero e astenia severa. Dopo circa una settimana di ricovero, dove le hanno somministrato antibiotici pensando che la causa fosse di origine batterica, si è ripresa. Non le hanno dato alcuna spiegazione, ma studiando medicina mi è venuto da pensare ad una possibile emocromatosi la quale so che eventualmente è trattabile tramite salasso. Purtroppo però mia mamma è anche anemica e lemoglobina... continua >>
si aggira sempre intorno ai 9. Ha un consiglio su come poter procedere? E possibile fare il salasso in paziente anemico? La ringrazio per lattenzione.
E’ possibile che sua madre abbia anche un’anemia emolitica. In quanto al fegato il valore in se della ferritina non è importante, quanto valutare in questo contesto gli esami completi di funzione epatica (ad es se vi è una cirrosi).
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Pentaprazolo
6 Feb 13 - ercolerimoldi, 48 anni (id: 125268)
  Salve io prendo eutirox per la tiroide e ho il reflusso gastrico e dolori addominali devo fare la gastroscopia a breve ho provato a prendere il pantoloc 20 mg.ma mi ha portato un sollievo breve ce qualcosa che posso prendere per far passare il dolore che va e viene non e continuo. Grazie Saluti
Può prenderlo senza problemi.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Dispepsia e stipsi
5 Feb 13 - angela, 56 anni (id: 125265)
  Soffro di digestione difficoltosa con eruttazioni e senzo di sazietà non evacuo in maniera soddisfacente avendo la senzazione di pesantezza. Possono questi disturbi essere legati ad una diagnosi di connettivite indifferenziata diagosticata in precedenza. Da circa 20 anni prendo 8 gocce di valpinax mattina e sera, ritiene opportuno continuare con questo farmaco e/o integralo con qualche altro. Grazie
Gentile Sig.ra Angela, non capisco perchè le hanno dato quella terapia con antispastici e benzodiazepine per così tanto tempo, che può ridurre la motilità gastrica e del colon. Le consiglio una visita gastroenterologica per stabilire se i disturbi dispeptici e la stipsi sono una conseguenza della terapia o della connettivite, di cui non mi ha detto la localizzazione e la terapia. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti


Da 1314 a 1329 di 28322