Logo ricerca con Google


Sei in: Medico on-line > Gastroenterologia

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Gastroenterologia
Referenti
  • Prof. Pier Roberto Dal Monte

  • Già Direttore Dipartimento medico-chirurgico delle Malattie dell’apparato digerente. Ospedale Bellaria-Maggiore. Bologna.

  • Prof. Mauro Bortolotti

  • Professore a Contratto della Specializzazione in Medicina Interna
    Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Bologna
    Policlinico S. Orsola


ultimo aggiornamento 27/11/2014
 
Aree tematiche


Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 26/01/2007
Invia la tua domanda

Domande / Risposte
Enolasi
3 Nov 13 - Riccardo, 58 anni (id: 128137)
  Che analisi si tratta NSE-ENOLASI NEURONE -SPECIFICA cosa serve?
Può essre aumentato in caso di tumori del sistema nervoso e ghiandole endocrine approfondisca.
Prof. Pier Roberto Dal Monte


ENS
3 Nov 13 - Riccardo, 58 anni (id: 128136)
  Che analisi si tratta NSE-ENOLASI NEURONE -SPECIFICA cosa serve?
Egr. Sig. Riccardo, è un enzima glicolitico prodotto dal sistema nervoso centrale e periferico e dal tessuto neuroendocrino che aumenta quando vi è una proliferazione anomala di queste cellule. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Dolori
2 Nov 13 - Cristina, 46 anni (id: 128131)
  Gent.le dottore in questi giorni sono stata al pronto soccorso per forte dolore addominale, la diagnosi: gastroenterite. A metà luglio sono stata investita da unauto e ho ingerito una grande quantità di farmaci dagli antidolorifici agli antiinfiammatori ai decontratturanti(EXPOSE).In farmacia mi hanno dato DISBIOLINE LD2(FERMENTI),IG complex(Integratore alimentare)e capsule di OMEGA 3.Che ne pensa? Mi indica per favore una dieta adatta al mio problema?Grazie per la sua gentilezza
Non ho capito bene di cosa si tratta. Forse ha avuto una reazione d’intolleranza ai farmaci antiinfiammatori che ha preso. Le cose si dovrebbero essere sistemate da sole. Per l dieta consiglio solo di evitare i latticini freschi per possibile intolleranza passeggera al lattosio.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Disturbi stomaco
2 Nov 13 - Gabriella, 64 anni (id: 128129)
  Salve sono Gabriella da quasi cinque anni che, A seconda di che cosa mangio, tipo insaccati, insalata, cioccolati, cibi con aceto, peperoncino, cibi con aromi, tenendo presente che non li mangio quasi mai Durante la notte Bella posizione supina avverto questi sintomi: Dolore cupo e pressione allo stomaco come se fosse un pugno Che pressa dalle costole sino al colon Dallinterno verso lesterno, mi causa la sensazione di vomito Dalla gastroscopia, dalla ecografia è dalle analisi non risulta alcun disturbo. Cosa può essere? Grazie attendo risposte
Gentile sig.ra Gabriella, i dati forniti sono insufficenti e poco chiari per una diagnosi ed una adeguata terapia, per le quali è anche necessaria una visita medica. Questa può essere fatta dal suo Medico Curante, che le può richiedere gli accertamenti appropriati. Se vuole può contattarmi successivamente. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti
Prof. Mauro Bortolotti

Effetti collaterali antiacidi
2 Nov 13 - antonio, 70 anni (id: 128124)
  Getile prof. Dal Monte. dallinizio del mese di settembre e sino alla prima decade di ottobre ho avuto continue scariche diarroiche, non ho mangiato quasi nulla ,riso bollito, carote bollite , pesce bianco lessato, niente dolci ,qualche fetta biscottata, i pasti di cui sopra per due o tre volte la settimana, al mattino qualche banana. Molta acqua.Nonostante , ccontinuavano le scariche. Effettuati esami feci, tutto negativo. Poi il sostituto del mio medico mi ha sospeso l Omeprazolo che prendevo da anni a seguito di ulcera. Dopo 2 gg. niente piu diarrea. Ora non riesco a digerire , erutto anche mentre sto mangiando, ho sempre acidita di stomaco , ho dei dolori addominali ... continua >>
non forti, e spesso sentendo lo stimolo vado in bagno ma è soltanto un po di muco. Sto assumendo mezza compressa di ranitidina 300 prima dei pasti , una compressa di Sodio Bicarbonato 500mg. dopo i pasti , Malox 400 per lacidita. Per i diverticoli assumo una volta al mese per 6 gg. 3 volte al di Normix 200mg. e Yovis fermenti lattici. Le chiedo,cosa ha causato i problemi post diarrea per lungo tempo, e cosa posso fare? Grazie. Antonio ghezzi
Verosimilmente ha una colite da antiaicidi che è bene che sospenda ricontrollando eventualmente la gastroscopia con ricerca dell’Helicobacter, come legge di seguito.Antiacidi ed antibiotici connessi a diarrea da Clostridium difficile e ad altri disturbi addominali per dismicrobismo intestinale Gli inibitori della pompa protonica (IPP) e gli agonisti dei recettori H2, come la ranitidina, sono associati ad un aumento del rischio di infezione da germi introdotti con i cibi o di crescita abnorme dei normali germi intestinali, particolarmente seria è però l’infezione da Clostridium difficile (C.D.). Recenti studi suggeriscono infatti un aumento dell’incidenza e della gravità della infezione intestinali poichè l’acidità gastrica, avendo un effetto antibatterico, costituisce uno dei principali meccanismi di difesa contro i germi patogeni normalmente ingeriti: la perdita della normale acidità dello stomaco è stata associata quindi alla colonizzazone o a contaminazione batterica del tratto gastrointestinale superiore che è generalmente sterile. Lo stesso si può avere con l’uso di antibiotici e cortisonici. La crescita abnorme di germi (detto anche colonizzazione batterica e/o dismicrobismo) ed in particolare del C.D.(che si rileva con il dosaggio dellla tossina botulinica nelle feci) sono caratterizzati da meteorismo, dolori addominali e spesso da irregolarità dell’alvo e talvolta da diarrea.naturalmente bisogna sospendere la terapia che si sta facendo. Il clostridium si elimina con la vancomicina od il metronidazolo.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Stipsi
1 Nov 13 - Manuela, 29 anni (id: 128113)
  Buono giorno,in seguito ad una risonanza magnetica hanno refertato una minuta immagine di incerta interpretazione a livello dellinfudibolo della colicisti di 2/3 mm intra o extra colicisti?!da rivalutare con ecografia.Ho fatto leco ed era normale.ma e da mesi che ho un dolore costante alla bocca dello stomaco e quando faccio i respiri grandi mi fa male anche dietro la schiena.poi ho mi hanno refertato un prolasso muco rettale e devo fare esami tipo def. ecografia e manometria e mi dicono che essendo stitica i dolori possono essere causati anche da questo in più ho una piccola ernia iatale da scivolamento 2 cm e quando deglutisco ho male al seno sinistro non so se e ... continua >>
perché centra il diaframma che sono contratta..vorrei un parere per risolvere tutto..mi hanno dato mille medicine ma con scarsi effetti ora prendo motilium e psyllogel ma vorrei prendere solo psyllogel per andare di corpo perché con laltro il male accentua...non so se possono centra te anche i diverticoli...e negli esami ho di pochissimo sballati amilasi e lipasi e un po complesso ma vorrei capire graxie
Lei ha solo una stitichezza complicatasi con il prolasso e altri disturbi di verosimile natura "psicosomatica": Penso che per il prolasso debba consultare un gastroenterologo che faccia gli esami manometrici ed altri consigliati. Per la cura della stipsi può vedersi l’allegato.Mi pare un pò strano che il domperidone le provochi dolore(?). E comunque se risponde alla terapia segnalata non mi sembra una gran stipsi. Forse è un pò depressa.
la_stitichezza2.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

VEROSIMILE PANCREATITE DA MICROLITIAIS
31 Ott 13 - Ilenia, 23 anni (id: 128105)
  Salve,il 14 d questo mese mi sono ricoverata in ospedale per pancreatite edematosa.sono stata due settimane a digiuno. Poiché avevo molti valori fuori dalla norma.poi sono rientrati a parte lipasi e amilasi che da 1200 all incirca sono scesi a 800 circa..e ora è una settimana ke sono stabili..tra tac ed eco e risultato fango biliare e pancreas ingrossato..ora è da lunedì che sono a casa ma momentaneamente non sto facendo alcun tipo di cura con farmaci solo una stretta dieta..ho rifatto il prelievo proprio ieri ma i valori d amilasi e lipasi e ancora intorno agli 800 e in più non si Sto arrivando! Neanche la causa che abbia scatenato questa pancreatite...lei cosa pensa i... continua >>
n merito a tutto ciò??cosa dovrei fare??
In genere si tratta di una pancreatite da microlitiasi biliare per passaggio di un calcolino dalle vie biliari e pancreatiche con ostruzione. Penso che si utile fare dell’acido ursocolico e se ha ancora gli enzimi pancreatici alti fare una colnagio endoscopica o ERCP o una colangio RNM.Veda anche l’allegato.
La_calcolosi_biliare.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Sospetta intolleranza alimentare
31 Ott 13 - chiara, 33 anni (id: 128093)
  Sono celiaca da circa 15 anni. ogni anno effettuo le analisi del sangue che non hanno mai riscontrato anomalie a parte il ferro che risulta sempre essere basso. non ho un gastrointerologo che mi segue per questa mia patologia. è da qualche mese che ho problemi di bruciore alla lingua.si intensificano dopo aver mangiato e arrivo a sera che la lingua mi fa male e faccio quasi fatica a deglutire e a parlare. Prima mi succedeva ogni tanto ma adesso questo fastidio è più frequente. la lingua poi è piena di tanti bugnetti nella parte iniziale. è un periodo dove sono sotto stress e la pancia mi fa male spesso.quando mangio sembra che il cibo non riesca a scendere e mi si stroz... continua >>
zi in gola. 2/3 episodi di forti mal di pancia che arrivavano al culmine del dolore e per 2/3 volte devo correre in bagno (la prima evacuazione normale poi diarrea) . la cosa strana rimane la lingua. ho fatto anche il tampone ma tutto negativo. Cosa può essere? ringrazio per l attenzione. saluti
E’ possibilw chw sui tratti di un’intolleranza alimentare ad esempio alla farina di grano ed in particolare al glutine faccia i test specifici Per Celiachia: Anticorpi antigliadina / endomisio/ transglutaminasi tissutale. PUò NATURALMENTE FARE UN DISINFETTANTE INTESTINALE AD ES UN CICLO DI 7 GG DI DOXIXCICLINA 100 MG. IN ATTESA DEI RISULTATI E VALUTARE IN FUTURO ANCHE L’ASSUNZIONE DI FERRO.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Nodo alla gola
29 Ott 13 - grazia, 40 anni (id: 128080)
  Egr dott. da parecchio soffro di un fastidioso nodo alla gola. Fatti molti esami per valutare deglutizione e pure endogastroscopia. trovato solo ernia iatale. Mio dott ha prescritto levopraid ma mi aumenta disturbo. ora me lo ha sospeso e mi ha dato pastiglie Sulamid. Va bene questo farmaco? devo prenderne mezza dopo colazione. Cosa pensa lei dottore? La ringrazio molto per suo gradito consiglio.
Gentile Sig.ra Grazia, credo che si tratti di reflusso gastroesofageo ed in tal caso sono necessari inibitori di pompa protonica come esomeprazolo 40 mg da assumere 30’ prima di colazione. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

LIeve gasstrite antrale
29 Ott 13 - Giorgio, 52 anni (id: 128076)
  cosa si intende per: STOMACO lago mucoso limpido. La mucosa del corpo, fondo, antro appare iperemica, congesta.
E’ una lieve gastrite antrale senzza un serio significato patologico, stia un pò attenta alla dieta.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Terapia con colestiramina
28 Ott 13 - giovanni, 37 anni (id: 128060)
  salve, dott.Bortolotti, soffro quasi da sempre di disturbi intestinali , e da dieci anni anche di esofagite da reflusso motivo per cui prendo pantorc 40. pero sono i disturbi intestinali che mi hanno reso la vita difficile , in particolare negli ultimi tempi accuso dolori addominali quotidiani, urgenza nellevaquazione, feci non formate di colore chiaro con presenza di muco con 3 a volte 4 evacuazioni giornaliere , diarre improvvise con forti coliche addominali ,nausea, stanchezza spossatezza e mal di testa dopo i pasti,intolleranza a quasi tutti i farmaci ,ecc.Ho effettuato sia gastro che colonscopie (esofagite da reflusso e colon irritabile ), ho provato moltissimi farmaci. lunico che mi re... continua >>
sta è il questran , cosa ne pensa?
Egr. Sig. Giovanni, sconsiglio di fare un trattamento con Questran senza una diagnosi di sindrome di Habba. Infatti il Questran può avere un effetto benefico aspecifico, ma se non vi è una sovraproduzione di sali biliari e non vi è un problema biliare, può portare a carenze nutrizionali anche serie perchè il trattamento è cronico. la sindrome di Habba va diagnosticata con dosaggio dei sali biliari nelle feci di 24 ore o con SeHCAT test o con ecografia o scintigrafia biliare ambedue con stimolazione colecistica. La semplice ecografia o scintigrafia non basta. Naturalmente vanno prima escluse altre malattie organiche intestinali con opportuni esami da stabilire in base ad una visita. Cordiali saluti Prof. Mauro Bortolotti
Prof. Mauro Bortolotti

tERAPIA
28 Ott 13 - fabiana, 233 anni (id: 128056)
  io nn so se mi puo rispondere ma ho una semplice domanda vorrei sapere una cosa sto facendo una cura per attacchi di panico prendo il lorazepam e il prozac 2 ml al giorno ma vorrei sapere se posso usare il riopan gel per lacidità di stomaco e vomito???
Può PRENDERE L’ANTIACIDO MA non insieme ai farmaci citati.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Colon irritabile
27 Ott 13 - Filippo, 27 anni (id: 128051)
  Egregio prof., La ringrazio. In merito al consulto n. 127800 per completezza aggiungo i dati biomurali Ferro 78 (53-167); Ferritina 218 (10-300); Transferrina 195 (190-380); GGT 23 (8-61); GOT 24 (5-40); GPT 21 (5-40); Proteine totali 75.4 (66.0-81.0); Albumina sierica 42.6 (35.0- 50.0); Ac anticardiolipina IgG 1 Ul/mL; Ac anticardiolipina IgM 1 Ul/mL; Ac antibeta2glicoproteina I IgG 0 Ul/mL; Acantibeta2glicoproteina I IgM 0 Ul/mL; Ac anticitoplasma dei neutrofili negativa; Ac anti saccharomyces ASCA IgA 5 Ul/mL;Ac anti saccharomyces ASCA IgG 28 Ul/mL; HBs Ag (antigene Australia) negativo; Ac anti HBC totali negativo; Ac anti HCV negativo; Ag specifici M. tubercolosis 0... continua >>
.01 Ul/mL; controllo POS Mitogeno 8.31 Ul/mL; Controllo neg. (Nil) 1.16 Ul/mL; risultato negativo; calpropectina fecale 24 mg/kg (0-50); feci ricerca microscopica parassiti a fresco: negativa (numerosi lieviti) feci ricerca microscopica parassiti con arricchimento (FEA) negativa; Elettroforesi: albumina 57.4 %; Alfa1 globuline% 4.5 %, Alfa2 globuline 7.2 %; Beta1 globuline 5.7 %; Beta2 globuline 6.1 %; Gamma globuline 19.1 *(11.1-18.8); Albumina 43.3 g/L;Alfa1 globuline 3.4 g/L; Afa2 globuline 5.4 g/L; Beta1 globuline 4.3 g/L; Beta2 glibuline 4.6 g/L; Gamma globuline 14.4 g/L * (8.0-13.5); Albumina/globuline 1.35. Il mio gastroenterologo ipotizza ora colon irritabile mentre il patologo parla di colite indeterminata. Cosa ne pensa alla luce del quadro comprensivo degli ematochimici? Cordiali saluti
Effettivamente malgrado il reperto istologico non vi sono segni ematologici che facciano pensare ad una malattia infiammatoria intestinale. Si tratterebbe di un colon irritabile dipendente da verosimile dismicrobismo e forse basta un ciclo di antibiotici ad esempio la ciprofloxacina 750 mg per 1 settimana.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Diarrea
26 Ott 13 - Carmela, 60 anni (id: 128044)
  Da un paio di anni soffro di dissenteria ma negli ultimi mesi sono peggiorati i miei sintomi: ho fatto colonscopia che è risultata negativa, ma i valori di laboratorio sono sballati con anemia , fegato ingrossato. inoltre da un mese ho forti dolori alle gambe e alla zona lombare, a cui si accompagna prurito allosso sacro e giramenti di testa. non riesco a stare in piedi, sono inappetente e anche il mio umore è peggiorato. Non so se devo preoccuparmi. Grazie
E’ possibile che si tratti di infezione cronica entero colica specie se ha fatto antibiotici, tuttavia potrebbe trattarsi di un problema collegato al piccolo intestino specie se accanto all’anemia ha anche alterazione della VES e della PCR. Faccia un coltura delle feci e un’indagine radiologica del piccolo intestino con rxgrafia transito intestinale o enteroTAC, utile potrebbe essere anche una biopsia digiunale per eventuale celiachia per cui può fare insieme le ricerche sierologiche (antigliadiana, etc). Può trattarsi quindi di celiCHIA O ANCHE M DI CROHN.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

MRGE terapia
26 Ott 13 - Massimo, 65 anni (id: 128039)
  Egregio dottore, ho 65 anni e per problemi di inappetenza e bruciori di stomaco mi sono sottoposto a gastroscopia. Ecco il referto:Esofago: iperemico, su cardias beante (piccolissima ernia iatale) Stomaco: mucosa antrale iperemica, microerosiva, con presenza di succo gastrico abbondante Duodeno: iperemia bulbare con pliche rilevate. D2 a norma Esofagite di 1° grado e gastrite cr. microerosiva, ipersecretiva e duodenite cr. lieve Il medico endoscopista esaminatore mi ha consigliato Gaviscon 1 cp 3 volte algiorno (ore 11/17/22) e Lansoprazolo stagionale (febbraio-marzo, settembre-ottobre x 6 settimane) senza ulteriori specificazioni.Lei è d’accordo sulla terapia? Per quanto riguarda ... continua >>
Gaviscon, quale dosaggio? Io preferirei il gel in bustine, ma in dosaggio da 5 o 10 mg? Meglio Gaviscon semplice o Advance? E soprattutto, per quanto tempo usare Gaviscon? Per l’inibitore di pompa, lei consiglierebbe Lansoprazolo,Esomeprazolo o Pantoprazolo? Dose da 30 mg per 4 settimane e da 15 mg per le restanti 2? La ringrazio din d’ora, scusandomi per le molte domande
Egr Sig. Massimo, lei ha una esofagite ed una gastrite che vanno curate con IPP (i 3 nominati sono pressapoco equivalenti), ma l’orientamento attuale è quello di una terapia di mantenimento con la dose minima sufficente a prevenire i sintomi, dopo 12 mesi l’USL richiede una conferma clinica per potere continuare gratuitamente(nota 48). Eradicare l’HP se presente. Controlli annuali. Per i dosaggi, la forma e la durata dell’antiacido non posso essere preciso non conoscendo i suoi dati clinici. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti


Da 1314 a 1329 di 28854