Sei in: Medico on-line > Gastroenterologia

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Gastroenterologia
Referenti
  • Prof. Pier Roberto Dal Monte

  • Già Direttore Dipartimento medico-chirurgico delle Malattie dell’apparato digerente. Ospedale Bellaria-Maggiore. Bologna.

  • Prof. Mauro Bortolotti

  • Professore a Contratto della Specializzazione in Medicina Interna
    Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Bologna
    Policlinico S. Orsola


ultimo aggiornamento 27/11/2014
 
Aree tematiche


Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 26/01/2007
Invia la tua domanda

Domande / Risposte
Teraoia HP
6 Giu 08 - immacolata, 59 anni (id: 80186)
  gentile dottore, è da molti anni che ho l’elicobbattero e solo ora ho iniziato la cura con atibiotici per l’eradicazione. Dato il tempo trascorso, Le chiedo se sono sufficienti sette giorni di cura o sia opportuno prolungarla? Grazie.
Gentile Sig.ra Immacolata, dipende dallo schema che le ha dato il medico. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti


Disturbi ano rettali (rettocele, emorroidi)
6 Giu 08 - Regina, 53 anni (id: 80184)
  Egr.Prof.sono Regina ultimo id 76170 del 31 marzo scorso.Ho seguito tutti i suoi consigli e ho avuto notevoli miglioramenti.Avrei ancora bisogno di lei.Per motivi proctologici(rettocele anteriore di modeste dimensione,ipertono dello sfintere anale e emmorroidi di secondo grado)dovrei evaquare morbido ma con il mio colon irritabile tutto quello che ho preso sinora non ha fatto altro che irritarmi.Premetto che non sono stitica,vado in bagno ogni giorno dovrei solo rendere più morbide le feci.Ho provato Benefibra e Plantalax ma avevo la pancia sempre più gonfia e dolente,ho provato un lassativo e mi ha scatenato dolori fortissimi,ho preso Portolac ma anche quello mi irrita l’intestino.Mangio ... continua >>
un kiwi ogni sera ma non se se anche questo irrita l’intestino.Le sarei grata se volesse darmi qualche consiglio in proposito.Le faccio presente che bevo almeno due litri di acqua e mangio frutta e verdura(ma quale frutta e verdura fa bene al colon irritabile e quale no?)La ringrazio e porgo cordiali saluti.
Gentile Signora, mi sembra che i farmaci più o meno lassativi, non siano molto indicati per il suo colon e non son sicuro che possano migliorare i disturbi ano-rettali, forse potrebbe provare come ultima ratio l’olio di vasellina o parafina emulsione e seguire la dieta che le allego. Comunque sarebbe bene consultare un proctologo chirurgo per valutare se vi è una soluzione chirugica non troppo complessa. Può sentire anche nella NS rubrica Sez clonproctolgia( Dottor PP. Dal Monte). Con saluti,
La stitichezza.DOC
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Sospetta colite microscopica
6 Giu 08 - santa, 54 anni (id: 80178)
  Sin da bambina ho sofferto,in modo lieve,di colon irritabile. A 22 anni, dopo un parto naturale, ho subito appendicectomia. Negli ultimi 20 anni, tranne qualche episodio, sono stata discretamente bene (per ciò che concerne il colon; ho avuto altri problemi: gastrite, steatosi, cmq facilmente superabili; stitichezza dovuta ad intussuscezione retto-rettale, prolasso occulto della mucosa interna, problema brillantemente risolto con intervento al retto col metodo "Longo")).Da un paio d’anni,in concomitanza o meglio dopo un periodo di forte stress,ho cominciato a soffrire di doloretti intestinali, diarrea con abbondante muco e tracce ematiche.Valori lievemente aumentati di calprotectina fecale, a... continua >>
lfaglicoproteina acida e PCR. Io, dopo 4 mesi di dieta e cura con enterolactis plus, sobutir, transfactor e 12 sedute di biorisonanza magnetica (medicina alternativa), sto benino. Dopo due colonscopie (in due anni) è stato escluso il crohn e la RCU, per assenza di ulcere. La biopsia (03.05.2008) ha, però, evidenziato edema e lieve infiltrato linfoplasmocitario e granulocitario eosinofilo nella lamina propria. Cosa sta ad indicare? Mi devo preoccupare? Devo continuare la cura con sobutir per almeno sei mesi (ogni anno)come mi è stato consigliato? Lei cosa ne pensa? La ringrazio anticipatamente e La saluto.
Pensò che potrebbe trattarsi di una colonpatia infiammatoria in cui rientra anche la colite microscopica(vedi). Che si curano con antinfiammatori come i corticosteroidei, insieme ad un buon disinfettante intestinale tipo metronidazolo o ciprofloxacina.
La_colite_linfocitario-collagenosica.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Gastrite
6 Giu 08 - luciano, 37 anni (id: 80172)
  Buon giorno prof. Ho 37 anno svolgo un lavoro parecchio stressante pratico una moderata attività sportiva per tenermi in forma,ho la cattiva abitudine di mangiare poco durante il giorno per poi abbuffarmi la sera bevo alcolici moderatamente. Da circa 10 anni accuso disturbi allo stomaco (bruciore, pesantezza a volte dolore addominale)per questo motivo un mese fà circa ho effettuato un gastroscopia con biopsia con seguente diagnosi: Esame microscopico;focale rigenerazione foveolare iperplatica;lieve infiltrazione linfoplasmocitaria dispersa della lamina propria;edema e congestione vascolare di moderata entità; assenza di attività neutrofila; assenza H.P.; iperplasia lineare degli elementi ... continua >>
enterocromaffini. Diagnosi istologica; Gastrite antro-corpolare cronica quiescente, H.P. negativa con focale iperplasia foveolare reattiva. Gradirei un Vostro Gentile parere e un consiglio su come comportami e se consigliabile un visita specialistica. NB vorrei capire cosa significa focale iperplasia foveolare reattiva. Grazie Mille.
E’ una gastrite di lieve entità che può cercare di migliorare, seguendo i consigli soprattutto dietetici che le invio allegati.
Trattamento_della_dispepsia_(3)_.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Sospetta infezione virale
6 Giu 08 - paolo, 31 anni (id: 80169)
  egregio dott. mi permetto di disturbarla per avere dei chiarimenti riguardo ad un problema che sto avendo e che sta rendendo la mia vita unincubo.... a meta aprile sono stato a contatto con una persona hbv e hcv positiva.... dopo qualche giorno ho cominciato a non stare bene e tuttora...avverto astenia, dolori addominali, le feci si stanno pian pian schiarendo,vampate di calore....insomma piu vadfo a leggere i sintomi e piu mi rendo conto che cwe li ho tutti...... le aggiungo che io ero vaccinato per l epatite b... anche se senza l ultimo richiamo dopo circa 33 giorni ho fatto i test x la ricerca degli anticorpi(quantitast e qualit)ed è risultato tutto negativo... anticorpi anti hb...... continua >>
etc etc 246(dovrebbbero essere maggiorni di 10 in sohggetti vaccinati) io stento ancora a crederlo perche continuo a non stare bene..... è possibile che il test non sia attendibile nonostante gia presento i sintomi? vorrei sapere se poi quuest astenia ce lavro per tutta la vita!!?? non sto vivendo piu.-..... tutto mi sembra piu difficile.... i dott...mi dicono che sono mie fissazioni ma io sento che nn sono piu lo stesso... ho fatto anche delle analisi del sangue e tutto sembra normale...... le sarei infinitamente grato se mi desse qualche delucidazione a riguardo... la ringrazio di cuore cordiali saluti
Non può essersi presa l’epatite B ma faccia gli anticorpi per la C ed eventualmente l’HIV.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

RCU
6 Giu 08 - antonio, 40 anni (id: 80167)
  Stimatissimo Prof Dal Monte,sono affetto da pancolite ulcerosa in esordio 17 anni fa’di proctite,trasformatasi in pancolite da circa 2 anni,chiedo se può esserci un nesso causale con intervento chirurgico effettuato nel 92’di emorroidi eseguito in anestesia locale dunque 4 punture intorno all’orifizio anale,e dopo quell’intervento è iniziato il mio calvario senza intervallo di benessere dopo l’intervento.IL mio pensiero è fossilizzato li con una convinzione che quelle 4 punture abbiano traumato il colon.Ringrazio anticipatamente per il tempo che dedicherà a questa domanda cordiali saluti.
Non può essere poichè la RCU è una malattia congenita e quindi di origine genetica, le doveva purtroppo venire. Si veda anche l’allegato.
Le_malattie_infiammatorie_intestinali.DOC
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Colelitiasi
6 Giu 08 - marcello, 54 anni (id: 80161)
  egregio Prof.Dal Monte, qualche giorno fa si è presentata colica addominale superiore destra,ho fatto ecografia addome dove evidenzia che ho dei micro calcoli alla colecisti. gli esami del sangue vanno benissimo. Ora chiedo a lei qual’è la soluzione migliore per questo problema, a cosa vado incontro è neccessario intervento. Il medico dove mi sono presentato dice di aspettare a settembre per vedere se succede qualcosa.Io ho terrore che ritornino le coliche. Io non avevo avuto mai disturbi prima d’ora. Che cosa ne pensa lei Prof:del Monte. Nell’attesa la ringrazio
Si veda l’allegato e per ora faccia un ciclo di 6 mesi di acido ursocolico 300 mg x 2.Ma se si ripete una colica penso sia opportuno l’intervento per evitare guai maggiori, come vedrà.
La_calcolosi_biliare.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Enterocolite batterica
6 Giu 08 - mikaela, 36 anni (id: 80159)
  Buongiorno. Tre settimane fa mi sono svegliata di notte con forti dolori addominali che inizialmente mi hanno fatto pensare a una crisi di colite. In realtà il dolore non accennava a diminuire anche dopo aver evacuato e peggiorava facendomi preoccupare in quanto comparivano con le feci anche sangue e muco. Al pronto soccorso dopo flebo di antidolorifico, non è emerso nulla a livello di analisi del sangue, ecografia e radiografia dell’addome. Mi sono sottoposta a colonscopia il cui esito è stato “sospetta retto colite ischemicaâ€� con un tratto di 15 cm molto infiammato nel colon. Preciso che non faccio uso di farmaci e pillola anticoncezionale. L’esito della biopsia sul tratt... continua >>
o infiammato (“mucosa colica lievemente edematosa e infiammata�) a quanto dettomi non ha confermato con certezza la diagnosi . Ho fatto anche degli esami del sangue per verificare il rischio trombosi (un paio di anni fa avevo fatto l’esame dell’antitrombina che risultava regolare), ma ne sto aspettando l’esito. Attualmente sto seguendo una terapia con medicinale a base di mesalazina (3 compresse/giorno): non ho più rilevato sangue visibile già dal secondo giorno dall’inizio della situazione, ma ho ancora spesso dolori addominali con tensione e sensazione di gonfiore in particolare da quanto assumo il farmaco. L’infiammazione rilevata può essere legata a qualche altra patologia magari legata a intossicazione alimentare?. Grazie per l’attenzione e per la ri
Ho qualche dubbio anch’io sulla diagnosi, stante anche la giovane età e potrebbe essere una colite infiammatoria o un’enterite batterica da escherichia coli emorragica. Consiglierei di fare un ciclo di ciprofloxacina ed eventualmente ricontrollare con la colonscopia.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Postumi d’intervento per U.G.
6 Giu 08 - gaetano, 65 anni (id: 80158)
  ho subito due operazioni una nel 1982 asportazione del piloro e vavotomia.Era una ulcera. Risultati nessuno: acidità avevo prima e la stessa acidità avevo dopo. Nel 1991 seconda operazione per asportazione leomioma benigno all’esofago (operato al Borgo trento di verona) dopo questa operazione sono rinato. Fino al 2003 mai un malox niente di niente.Dal maggio 2003 ad oggi pur assumendo gli inib.di pompa ho continui problemi.Molti troppi. Ho bisogno che qualcuno mi aiuti. A proposito non sono depresso,ho una equilibrata autostima,non fumo non assumo droghe, non bevo alcolici.Prof. Dal Monte attendo una sua risposta. grazie
Si d’accordo, ma quali disturbi lamenta?
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Steatosi epatica
5 Giu 08 - fabrizio, 29 anni (id: 80155)
  Buonasera.6 mesi fa ho appurato da un ecografia all’addome,prescrittami per fastidi urologici(frequenti minsioni),che il mio fegato è "aumentato di volume(173mm diametro longitudinale lobo destro - oggi 161mm diametro saggittale lobo dx)con ecostruttura più addensata rispetto alla norma come x steatosi 2°-3°grado". Ho fatto varie analisi prescrittemi dall’epatologo. Gli unici valori che permangono alti da 6 mesi nonostante dieta equilibrata(niente grassine fritti ne alcool) sono GOT(41)e GPT(fino a 140). Tra gli esami eseguiti(tutti nei limiti): glicemia,YGT, TRANSFERRINA,AA MUSCOLO LISCIO,PROT.TOT, COLEST.HDL, TRIGLICERIDI, AMA, ANA,ASMA, LKM, BILIRUB.TOT E FRAZ, AMILASEMIA, LIPASEMIA, ... continua >>
INTOLLERANA AL GLUTINE, EMOCROMO, SIDEREMIA, AST, ALT, FOSFATASI ALC, Marches epatite B e C dalle quali si evince solo il vaccino anti ep.B che ho fatto da bambino. Il mio epatologo parla di un probabile problema ereditario che ricollega al diabete alimentare di mio padre (dai 60 anni) e di mio nonno materno. Non soffro di ulteriori patologie o fastidi. Il mio medico curante mi ha consigliato di prendere LEGALON. Visto che finora nessuno ha saputo indicarmi la causa della steatosi Vi sarei grato di un vostro esperto parere su cosa fare,quali ulteriori controlli sono necessari e soprattutto quali rischi corro. Grazie
Potrebbe avere una una steatosi di origine alimentare o metabolica(ipercolesterolemia e -trigliciridemia anche ereditarie) si veda l’allegato e ne segua i consigli.
La_steatosi_e_dislipemia_(2).doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Eruttazioni
5 Giu 08 - giusi, 41 anni (id: 80154)
  Buona sera , gentilissimi dottori, mio figlio e’ un ragazzo di 14 anni, da qualche mese mi sono accorta che erutta ,secondo me in modo esagerato ,anche se non beve bevande che contengono anidride carbonica ,non solo mentre mangia ma anche mentre parla ;non accusa nessun disturbo,ogni tanto un doloretto alla bocca dello stomaco .Vorrei sapere se e’ normale e che esami eventualmente dovrebbe fare . Grazie per la vostra attenzione e risposta.
Gentile Sig.ra Giusi, i dati forniti sono insufficenti per una diagnosi ed una adeguata terapia, per le quali è anche necessaria una visita medica. Questa può essere fatta dal suo Medico Curante, che le può richiedere gli accertamenti appropriati. Se vuole può contattarmi successivamente. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti
Prof. Mauro Bortolotti

Sospetta colite ulcerosa
5 Giu 08 - marco, 32 anni (id: 80148)
  buonasera professore il mio problema è il seguente: inizialmente diarrea dalle 3 alle 6 volte al giorno. Esami effettuati nel corso di 4 mesi:2 colonscopie entrambi negative,una gastro con biopsia per ricerca giardia lambda(negativa)effettuata dopo aver trovato spore nelle feci. Effettuata terapia al policlinico bari, succesivi esami feci per 2 volte negative. altra gastroscopia con biopsia per ricerca celiachia ancora in attesa di risultato dopo 2 mesi.rx tenue con bario,e tutti gli altri esami di routin ospedalieri.ancora non ho avuto una diagnosi dopo 4 mesi dall’ultimo ricovero in attesa dell’ultima biopsia.Attualmente ho eliminato il glutine e le cose sembravano migliorare andavo una... continua >>
sola volta al bagno anche se non al cento per cento alcune volte 2 , ma in questi ultimi giorni stanno aumentando di nuovo le evacuazioni con emissione di piccoli pezzi di muco con del sangue all’interno, non si tratta di sangue di emorroidi o ragadi che conosco come si presentano, pertanto chiedevo se puo’ anche un colon irritabile provocare questo o cosa? Vi ringrazio anticipatamente di una vostra risposta.
E’ possibile che abbia una forma di colite infiammatoria ed in particolare una rettocolite ulcerosa, che forse non hanno visto nelle precedenti colonscopie che sono state fatte in una fase di quiescenza della malttia, provi a prendere della mesalazina con un modesta dose di metilprednisolone 4-8 mg.Si veda anche l’allegato.
Le_malattie_infiammatorie_intestinali.DOC
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Sospetta tromboflebite emorroidaria o ascesso.
5 Giu 08 - Carlo, 36 anni (id: 80143)
  Gentile Professore da circa 2 giorni ho iniziato ad avere un certo fastidio vicino l’ano. Il primo giorno mi sono infatti accorto che in prossimità dell’orefizio anale si è formata una specie di papula che a distanza di un giorno sembra essersi ingrossata. Premetto che non ho mai sofferto di emorroidi e ultimamente non ho fatto sforzi particolari durante le defecazioni. Può semplicemente trattarsi di un’irritazione che col passare di qualche giorno va via oppure potrebbe essere qualche altra cosa? In attesa di un Suo cordiale riscontro La ringrazio anticipatamente per l’attenzione e le porgo cordiali saluti.
Potrebbe essere una tromboflebite di una vena emorroidaria ma non escluderei anche un asceso perianale. Se persiste si faccia vedere dal suo medico od un chirurgo.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Colon irritabile
5 Giu 08 - annalisa, 29 anni (id: 80141)
  Buongiorno,mi sono già rivolta al vostro servizio (id 78567)per MRGE, gastrite e sospetto colon irritabile. Sto certamente registrando miglioramenti con una dieta rigorosa, gli inibitori di pompa, il peridon e i fermenti.Persiste però un certo gonfiore addominale e un forte meteorismo rilevato dall’ecografia;a breve dovrei effettuare una colonscopia. Nella precedente risposta mi si è parlato di colon post-infettivo. Dal momento che da alcuni esami del sangue svolti per dolori articolari è risultato un valore più alto (238) di titolo antistreptolisinico, mi chiedevo se questo potesse avere rapporto con l’infezione intestinale che potrei avere avuto.Inoltre, mentre i problemi gastroesofag... continua >>
ei vengono curati con terapia apposita, cosa potrei fare per favorire la normalizzazione del colon? Grazie dell’attenzione
MI sembra che, se avesse letto bene la risposta, già c’erano i consigli per il suo colon irritabile, veda di seguirli.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Dieta
5 Giu 08 - rosalba, 43 anni (id: 80135)
  dieta da seguire per reflusso gastroesogegeo
Eccola Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Dieta CUP 2000.doc
Prof. Mauro Bortolotti


Da 11269 a 11284 di 28443