Sei in: Medico on-line > Gastroenterologia

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Gastroenterologia
Referenti
  • Prof. Pier Roberto Dal Monte

  • Già Direttore Dipartimento medico-chirurgico delle Malattie dell’apparato digerente. Ospedale Bellaria-Maggiore. Bologna.

  • Prof. Mauro Bortolotti

  • Professore a Contratto della Specializzazione in Medicina Interna
    Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Bologna
    Policlinico S. Orsola


ultimo aggiornamento 22/02/2013
 
Aree tematiche


Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 26/01/2007
Invia la tua domanda

Domande / Risposte
Probabile dismicrobismo intestinale
14 Mag 08 - Luca, 26 anni (id: 78651)
  Gentile dottore, tutto nasce da una diagnosi di prostatite e cura cn nebicina punture e asacol supposte. la stessa notte ho avvertito forti dolori di testa ma mi è stato detto di continuare; in totale 2 giorni cn nebicina+asacol altri 4 cn klacid 500 2 al giorno. Da subito ho avvertito nausea giramenti di testa, senso di vomito, stomaco gonfio. ho interrotto la cura. da allora sono 4 mesi ke ho ancora qsti problemi cn lo stomaco...senso di gonfiore, rigurgito acido in bocca, rumori, in piu nn vado bene di corpo, bruciori all’ano, a volte emorroidi (le mie feci sono kiare...marrone kiaro grandi e sembrano a palline attaccate) e sempre i fastidi dovuti alla prostatite. Sono messo malissimo. ho... continua >>
preso pantopan per 2 mesi circa e per 10 giorni cn peridon. nessuna novità. c’è collegamento tra le cose a partire dalla prostatite (per la quale ho girato un anno x ospedali), disturbi nella defecazione, emorroidi e problemi alla bocca dello stomaco? Mi aiuti la prego. ho paura ke sia una situazione troppo ingarbugliata e di nn uscirne piu. Non so da dove cominciare...la prego...grazie
L’uso di antibiotici ed antiacidi le ha provocato un’irritazione dell’intestino con dismicrobismo come vedrà sotto.Antiacidi ed antibiotici connessi a diarrea da Clostridium difficile e ad altri disturbi addominali per dismicrobismo intestinale Gli inibitori della pompa protonica (IPP) e gli agonisti dei recettori H2, come la ranitidina, sono associati ad un aumento del rischio di infezione da germi introdotti con i cibi o di crescita abnorme dei normali germi intestinali, particolarmente seria è però l’infezione da Clostridium difficile (C.D.). Recenti studi suggeriscono infatti un aumento dell’incidenza e della gravità della infezione intestinali poichè l’acidità gastrica, avendo un effetto antibatterico, costituisce uno dei principali meccanismi di difesa contro i germi patogeni normalmente ingeriti: la perdita della normale acidità dello stomaco è stata associata quindi alla colonizzazone o a contaminazione batterica del tratto gastrointestinale superiore che è generalmente sterile. Lo stesso si può avere con l’uso di antibiotici e cortisonici. La crescita abnorme di germi (detto anche colonizzazione batterica e/o dismicrobismo) ed in particolare del C.D.(che si rileva con il dosaggio dellla tossina botulinica nelle feci) sono caratterizzati da meteorismo, dolori addominali e spesso da irregolarità dell’alvo e talvolta da diarrea.naturalmente bisogna sospendere la terapia che si sta facendo. Il clostridium si elimina con la vancomicina od il metronidazolo.
Prof. Pier Roberto Dal Monte


Controllo H.P.
14 Mag 08 - Sara, 29 anni (id: 78649)
  Buongiorno ho eseguito esame breath test ed è risultato positivo all’ h.pylory. Curato con antibiotici ed antiacido x 7 giorni e a distanza di tre mesi e mezzo eseguito esame feci per ricerca antigene H.P. risultato negativo. E’ tutto ok adesso oppure devo ripetere gli esami di tanto in tanto? Grazie mille x la risposta.
Lo faccia tra un anno.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Breath test lattosio
14 Mag 08 - sabine, 31 anni (id: 78645)
  da più di 2 anni soffro di diarrea e febbriciatola,e di seguito stanchezza e debolezza.Ho fatto colonscopia,gastroscopia,capsula,esami del sangue,urine,tubercolina,HIV,ecc.. Sembrava che si trattasse di celiachia,però ora è stata esclusa. Ho fatto l’esame x l’intolleranza al lattosio,che è negativa. In quanto non mi hanno trovato nessuna malattia cronica ho pensato di provare a fare qualche test per le allergie alimentari (in quanto anche mio fratello è molto allergico). La prima domanda: il test del lattosio esclude automaticamente anche l’intolleranza al fruttosio, sorbitolo,ecc.?... la 2. domanda: cosa mi sugerisce di fare? Grazie mille.
Il breath test che ritengo abbia fatto è specifico solo per il lattosio non per altri zuccheri. faccia pure le reazioni allergiche, ma la cosa migliore è fare una dieta di esclusione, allontanare dalla dieta un cibo per volta per valutare se migliora o meno a seguito della sua esclusione od introduzione.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Sospetta MRGE
14 Mag 08 - patrizia, 30 anni (id: 78640)
  Salve, ho un problema che mi affligge da circa 9 mesi, tutto è iniziato a settembre un forte fastidio alla gola, senso di avere un corpo estraneo, non riuscivo ad ingoiare...risultato faringite acuta e cronica...forse dovuta a reflusso gastroesofageo, ho l’ernia iatale, a 20 annoi ho avuto l’helicobacter pilori, ho fatto diverse cure e sono guarita, oggi da circa 1 mese ho il seguente fastidio.....(ah la gola è da settembre che non passa)cmq sento alla fine della gola una senso di pesantezza, come se mi bloccasse, la gola è rossa a volte più a volte meno e ho come la nesìcessità di (scusi l’espressione) ruttare per liberarmi da questo peso in gola...mi stio preoccupando...cosa posso avrere?... continua >>
sono molto ansiosa..davvero....l’otorino mi ha dato lansoprazolo...ma io sono seriamente preoccupata.Grazie patrizia
Veda di seguire i consigli allegati, facendo prima una esofagogastroscopia.
Malattia_da_reflusso_gastro-esofageo.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Sospetto dismicrobismo intestinale
14 Mag 08 - giuseppe, 46 anni (id: 78638)
  Egr. Prof. Del Monte, La ringrazio, innanzi tutto, per la risposta che mi ha fornito (1d:77391). Volevo anche chiederLe a proposito del sospetto dismicrobismo ed eventuale infezione da Clostridium, se è ipotizzabile un regresso spontaneo, ovvero se è necessaria una cura farmaceutica dietro prescrizione medica. Tanto Le chiedo, in quanto gran parte dei sintomi che ebbi a specificarLe (doloretti non facilmente localizzabili alla pancia, gonfiore, meteorismo), si presentano ora non più giornalmente, ma episodicamente, spesso dopo l’ingestione di particolari cibi (latticini e legumi in particolare). Inoltre, in questi casi è spesso associata a feci non formate o molli. E’ consigliabile seguire... continua >>
anche una dieta?
Consiglierei di fare intanto un ciclo di metronidazolo 1 g. al dì x 6 gg.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Sospetto Crohn
14 Mag 08 - cony, 23 anni (id: 78637)
  Buongiorno Eg. professori vorrei porvi alcune domande in merito a dolori addominali presenti da fine settembre (con febbricola persistente fino a dicembre-ora sembra scomparsa). A fine novembre feci i rx all’intestino (risultati ID: 76924), esame feci, sangue, urina, ecc con esiti tutti negativi. Ieri ho effettuato la colonscopia e sono state riscontrate delle ulcerazioni (ora devo attendere la dignosi della biopsia). Vorrei sapere se la presenza di esse sia dovuto esclusivamente al M.Chron o rettocolite ulcerosa oppure possono passare con il tempo? Con Chron e R.ulcerosa si dovrebbe soffrire di diarrea, sangue nelle feci, ecc. (che io non ho - soltanto un paio di volte ho trovato piccole ... continua >>
tracce di sangue). Inoltre qualche gg fa ho fatto analisi del sangue per verificare l’intolleranza a qualche alimento-vi scrivo l’esito: Anticorpi anti endomisio IgA 1:5 (valori normali negativo inf. 1:10); anti trasglutaminasi IgA 0,94 U/mi (valori normali fino a 7). Mi hanno detto che i valori sono nella norma ma per il primo non ne sono pienamente sicura perchè non so come si debba leggere 1:5 e 1:10. Grazie per l’attenzione Distinti saluti
Una sola ulcera puo’ far pensare ad un Crohn.Penso che la cosa migliore sia quella di aspettare la biopsia, intanto si veda l’allegato.
Le_malattie_infiammatorie_intestinali.DOC
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Dolore emiaddome dx
14 Mag 08 - patrizia, 46 anni (id: 78624)
  tre figli, lavoro a 40 km da casa, sempre di corsa.Durante l’anno scolastico soffro di colite penso spatica: al mattino fatta colazionne per la tensione della corsa ho tantissime scariche quasi liquide (le sole del giorno).Periodicamente accuso forti dolori al quadrante destro basso, la sensazioe è come di un ferro dche preme e il dolore si riflette anche nella schiena.Alcuni periodi il dolore è tale che respiare male e da non poter quasi camminare.Il tutto si acuttizza in prrosimità del ciclo.Soffro di ipotiroidite di hashimoto e ultimammente sospetto reflusso esofageo.Ultima novità nelle fexci muco e piccoli pezzettini rosati non si di che. Analisi del sangue normali, come al solito lieve... continua >>
anemia.Cosa ne pensa? Grazie
Propenderei verso una s radicolitica delle cause che le cito sotto, insieme ad un colon irritabile che non è la causa del dolore. Dolore ipocondrio/emiaddome dx: sede del fegato/vie biliari/organi confinanti(colon di dx e flessura epatica, appendice. Premesso che il fegato non fa male eccetto in particolari circostanze (neoplasie, brusco ingrandimento ed infiammazione), potrebbe essere (se sottocostale)come prima ipotesi un dolore a partenza delle vie biliari per calcoli alla colecisti o riformatisi nelle vie biliari residue dopo colecistectomia - per cui inizialmente è bene fare un’ecografia addome superiore -, come potrebbe dipendere dal colon (irritabile,colite infiammatoria, etc) specie se si hanno disturbi intestinali, poiché a dx vi è anche il colon ascendente e la flessura(o ripiegatura/angolazione )dx del colon (talvolta per irritazione dolente da destra verso il centro > colon trasverso). Più in basso naturalmente vi è anche l’appendice. Tralasciando infine un organo interno, PIU’ SPESSO può essere un’irritazione dei nervi o radicolite a partenza della colonna dorso-lombare che si distribuiscono, dal di dietro in avanti in quella sede: qualora si abbia qualche processo infimmatorio/artrosico o una scoliosi o anche una infiammazione/contrazione dei muscoli e tendini o fibromiosite, poichè anche queste affezioni possono provocare dolore anteriore sull’emiaddome dx, superficialmente (detto anche dolore radicolitico o da irritazione radici nervose). Se l’eco è normale, è bene valutare meglio la colonna dorso-lombare chiedendo una parere specifico al suo medico od a un ortopedico o facendo anche una RXgrafia della colonna stessa.
Colon_irritabile_(4).doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Sospette coliche renali
14 Mag 08 - valeria, 24 anni (id: 78618)
  salve ho 24 anni e circa due mesi fa ho avuto un episodio di fortissimo dolore nella fossa iliaca destra, non potevo camminare, avevo la febbre a 37.5° dolore atroce alla palpazione ma non al rilascio. al pronto soccorso mi hanno fatto una marea di visite e alla fine mi hanno mandato a casa con sospetta colica renale. dopo la cura con antibiotici, antispastici un mese fa mi è tornato lo stesso dolore. ho preso un forte antidolorifico e mi si è calmato. dopo qualche giorno ho fatto l’eco addominale e non sono risultati calcoli renali. Stanotte ho avuto dolori fortissimi, insopportabile nella parte sinistra dell’addome, non sono passati con l’antidolorifico ne con l’antispastico. avevo anche ... continua >>
forte nausea. ora il dolore si è calmato ma ho sempre un fastidio generale a tutto l’addome (è anche teso e gonfio. sono un stitica ma non più del solito. può essere un’appendicopatia leggera? che esami mi consiglia di fare? garzie
A me sembrano coliche renali, faccia un esame delle urine e rifaccia un’ecografia.Per la stipsi segua i consigli che le allego.
La stitichezza.DOC
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Diarrea di ndd
14 Mag 08 - Silvia, 27 anni (id: 78611)
  da qualche giorno avverto come una tensione alla parte bassa della pancia,accompagnata da scariche di diarrea non abbondante e da un senso di "bruciore"o meglio una sorta di pizzicore alla gola,premetto che haime’... sono una fumatrice,e meno di un mesetto fa ho assunto lo zimox x curare un ascesso dentario,non associandolo a fermenti lattici,i fermenti(lactofer200) li sto prendendo adesso x provare a ristabilire la flora batterica del mio intestino, vorrei chiedervi, secondo il vostro parere i miei sintomi possono essere riconducibili al fumo o all’antibiotico preso? o puo essere che si tratti di una semplice lieve forma di gastroenterite? ringrazio anticipatamente x la risposta
Gentile Sig.na Silvia, le consiglio di effettuare gli esami indicati per la diarrea nella area tematica relativa. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Sospetta celiachia
14 Mag 08 - Marta, 34 anni (id: 78610)
  Egr. Professore, in seguito a vari disturbi addominali, sono stata sottoposta a una serie di esami per valutare l’eventuale presenza di celiachia. L’esito è il seguente: 1)anticorpi antiendomisio e antitransglutaminasi: negativi 2)colonscopia: dolicocolon 3)EGDS: gastrite,ernia iatale da scivolamento 4) biopsia duodenale: frammenti mucosi con flogosi cronica aspecifica con focali note di lieve ipotrofia. Non elementi atipici. 5)Biopsia antro gastrico: processo flogistico cronico senza evidenza di HP con modiche note di attività. Questi referti escludono la celiachia? La ringrazio anticipatamente per una Sua risposta.
Provia a fare per qualche settimana una dieta priva di glutine, la biopsia è dubbia. Come criterio ex juvantibus che significa che, quando una terapia viene somministrata in una malattia non totalmente diagnosticata e questa terapia agisce e fa star meglio, la terapia stessa è quella giusta. Si ottengono due risultati: 1. si ha la cura giusta, 2. si è fatta così la diagnosi.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Probabile intolleranza al lattosio
13 Mag 08 - Anna, 41 anni (id: 78605)
  Affetta da led al momento in fase attiva,inizia oggi trattamento cortisonico, diarrea cronica da sempre negativa ai test della celiachia esami funzionalità pancreatica ed epatica normali tranne gama gt elevate 250 circa, eco addome nella norma fumatrice e medio bevitrice in terapia con inderal e alprazolam, ansiosa e leggero stato depressivo a seguito di un grave lutto,operarata un anno fa di papilloma rettale. ho eseguito un breath test che è risultato negativo ma ha provocato delle scariche di diarrea 3 circa in due ore la prima a distanza di meno di un’ora il test può essere considerato positivo? la clinica ha più rilevanza dell’esame strumentale?
IL breath test forse era al lattosio verso il quale potrebbe essere intollerante segua i consigli allegati.
Intolleranza_al_lattosio[1].DOC
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Colecistectomia e dieta
13 Mag 08 - giovanna, 66 anni (id: 78603)
  quale dieta debbo eseguire post operatoria colicistectomia grazie saluti
Nessuna dieta particolare se non stare un pò attenta ai grassi animali.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Sospetta colon irritabile postinfettivo
13 Mag 08 - Donato, 33 anni (id: 78592)
  Salve, dottore. Il mio è un problema al quale ancora non so dare una risposta; premetto che pratico calcio, calcetto e body building. Da un annetto a questa parte, all’indomani di una improvvisa e violentissima colica addominale seguita ad una partita di calcetto, ogni volta che termino il mio allenamento (soprattutto quando si tratta di calcio o calcetto), immediatamente il basso addome tende a gonfiarsi e a procurarmi dolori, sopportabili sì ma fastidiosi, che poi col passare delle ore si spostano via via più in basso fino alla parte degli adduttori dove in realtà sono molto trascurabili. Ho dato per scontato che si possa trattare di pubalgia, ma mi sembra strano che si manifesti in questa... continua >>
forma poichè i disturbi maggiori li avverto proprio nella zona basso addominale che, oltre a farmi male, come detto, si gonfia provocando un senso di necessità impellente di evacuare per risolvere il fastidio; fastidio che poi, nell’ambito di pochissime ore scompare così come scompare del tutto il fastidio nelle 24 ore successive allo sforzo. Ovviamente, di allenamenti in palestra su addominali e gambe neanche a parlarne, ne risento immediatamente. Ora, dal momento che la parte essenzialmente "pubica" è interessata solo di striscio da questo problema, può comunque trattarsi di pubalgia? O ci potrebbe essere qualcos’altro? Grazie per la risposta
Mi sembra piu’ un dolore del colon basso, se ha poi bisogno di defecare, potrebb essere unesito dell’infezione che ha avuto. veda anche sotto.Dismicrobismo o disbiosi iintestinale , detto anche colon irritabile postinfettivo E’ un’ irritabilità della mucosa del colon a causa di dismicrobismo o disbiosi intestinale, che si crea a seguito del cambiamento parziale della normale flora intestinale con sopravento o prevalenza di flora patogena che da un’infezione gastrointestinale. Infezione che si può sviluppare in maniera acuta o non immediatamente apparente a seguito generalmente di ingestione di cibi guasti o scarsa igiene, uso di potenti antiacidi o anche di alcuni antibiotici, con irritabilità che, permanendo i germi che l’hanno creata, poi si mantiene producendo i suoi effetti continuativamente o ciclicamente. Nell’intestino soprattutto nel colon o intestino crasso si produce gas ed anche muco con meteorismo e flatulenza, dolore addominale e diarrea liberatoria o alternanza di stipsi e diarrea. E’ opportuno in questi casi sospendere i latticini, prendendo dei probiotici (ex fermenti lattici) od uno yogurt ricco di probiotici, ma se non migliora è utile aggiungere un disinfettante/antibiotico per qualche giorno tipo la neomicina/bacitracina o la ciprofloxacina 500 mg 1 cp x 5-6 gg.,etc. SE i disturbi sono molto accentuati sarebbe bene far precedere la terapia da una coprocoltura, ma rararamente si riesce ad identificare il germe che ha creato il problema.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Probabili effetti collaterali antiacidi
13 Mag 08 - giuditta, 43 anni (id: 78591)
  due mesi fa mi è stata diagnosticata mediante gastroscopia, gastrite cronica non atrofica con positività al HP ed una dilatazione ampia del cardias.Dopo aver eseguita la cura antibiotica ed alò ventesimo giorno dall’assunzione do pantoprazolo da 40 mg ho cominciato ad avere dolori crampiformi a barra sotto diaframmatici gonfiore e eruttazioni e lieve perdita di peso. E’ possibile attribuire tali sintomi al pantoprazolo dato che dopèo 2 giorni dall’astenzione del farmaco i dolori sono regrediti mentre il gonfiore e l’astenia permangono..ah l’appetito non mi manca grazie
Gli antiacidi possono dare dismicrobismo intestinale che si può rivelare con solo dolori addominali e meteorismo. Antiacidi ed antibiotici connessi a diarrea da Clostridium difficile e ad altri disturbi addominali per dismicrobismo intestinale Gli inibitori della pompa protonica (IPP) e gli agonisti dei recettori H2, come la ranitidina, sono associati ad un aumento del rischio di infezione da germi introdotti con i cibi o di crescita abnorme dei normali germi intestinali, particolarmente seria è però l’infezione da Clostridium difficile (C.D.). Recenti studi suggeriscono infatti un aumento dell’incidenza e della gravità della infezione intestinali poichè l’acidità gastrica, avendo un effetto antibatterico, costituisce uno dei principali meccanismi di difesa contro i germi patogeni normalmente ingeriti: la perdita della normale acidità dello stomaco è stata associata quindi alla colonizzazone o a contaminazione batterica del tratto gastrointestinale superiore che è generalmente sterile. Lo stesso si può avere con l’uso di antibiotici e cortisonici. La crescita abnorme di germi (detto anche colonizzazione batterica e/o dismicrobismo) ed in particolare del C.D.(che si rileva con il dosaggio dellla tossina botulinica nelle feci) sono caratterizzati da meteorismo, dolori addominali e spesso da irregolarità dell’alvo e talvolta da diarrea.naturalmente bisogna sospendere la terapia che si sta facendo. Il clostridium si elimina con la vancomicina od il metronidazolo.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

MRGE
13 Mag 08 - Giovanni, 40 anni (id: 78590)
  Ho effettuato una gastroscopia con il seguente esito: iperemia precardiale con una lesione dio continuo di 10 mm, esofagite grado b secondo classificazione los angeles, cardias risalito di 2cm oltre l’impronta dello iato diaframmatico e ipotonico. Stomaco normoconformato, le pliche si distendono agevolmento con l’insuffazione, la peristalsi è normopresente, la mucosa normotrofica. Bulbo nulla di rilevante.Porzione duodenale nulla di rilevante. L’helicobacter Pilori assente. L’esame è stato fatto durante un check-up che sarà completato tra 15 giorni con la colonscopia. Può cortesemente darmi qualche consiglio? Grazie
Lei ha una malattia da reflusso esofageo che dovrebbe curare come le allego.
Malattia_da_reflusso_gastro-esofageo.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte


Da 11269 a 11284 di 28132