Sei in: Medico on-line > Gastroenterologia

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Gastroenterologia
Referenti
  • Prof. Pier Roberto Dal Monte

  • Già Direttore Dipartimento medico-chirurgico delle Malattie dell’apparato digerente. Ospedale Bellaria-Maggiore. Bologna.

  • Prof. Mauro Bortolotti

  • Professore a Contratto della Specializzazione in Medicina Interna
    Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Bologna
    Policlinico S. Orsola


ultimo aggiornamento 22/02/2013
 
Aree tematiche


Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 26/01/2007
Invia la tua domanda

Domande / Risposte
Dolore ipocondrio di sn
22 Lug 08 - manuela, 27 anni (id: 82641)
  EGR. DOTT. da mesi soffro di forti dolori all’addome, in particolare sotto le costole a sinistra,coliche molto dolorose e aria nella pancia che non riesco ad espellere, mi hanno riferito che potrebbe essere un’infiammazione alla coliciste, vorrei sapere quali sintomi dovrei avere per la patologia diagnosticata, quali esami clinici sono consigliabili nonchè quali cure sono necessarie. grazie
Gentile Signorina, potrebbe dipendere dal colon irritabile (spasmo, ristagno fecale ), ma anche da una irritazione muscolo-tendinea alla base dell’emitorace sn e addome medio inferiore omolateralmente (regione del fianco di sn). Quello del colon da un dolore profondo alla palpazione addominale nella sede del colon sin stesso, l’altro è più superficiale ed è irradiato ai muscoli laterali del’addome e si sposta posteriormente verso la colonna dorsale o muscoli paravertebrali, appunto come lei sente.SVeda di regolarizzare l’intestino se ha stipsi come consigliato nell’allegato. La colecisti è DX
La stitichezza.DOC
Prof. Pier Roberto Dal Monte


Candidosi
22 Lug 08 - rosangela, 31 anni (id: 82637)
  Gentile professore, sono allottavo mese di gravidanza, e dopo aver curato una terribile candidosi esofagea diagnosticata con gastroscopia al quinto mese di gravidanza mi ritrovo ora con altri terribili problemi alla gola: sensazione di corpo estraneo, mal di gola, eccesso di muco in gola, difficoltà a deglutire,dolore a deglutire, sensazione di "fiamme" in gola, sensazione di irritazione alla lingua, il tutto accompagnato da cattiva digestione, senso di pensantezza, acidità. Sono stata da due otorini che non hanno trovato traccia di candida alla gola ma mi hanno detto che i sintomi sono dovuti al reflusso esofageo.MI hanno dato mepral e gastrotuss ma finora non ho risolto nulla. E possibile ... continua >>
che io abbia ancora la candida allesofago?(i sintomi dellaltra volta erano differenti però). Oppure è più probabile che il responsabile sia il reflusso? In questo caso si dovrebbero attenuare dopo il parto? Spero proprio di sì perchè sono disperata di dover accogliere mio figlio in queste condizioni.
I disturbi che lamenta ed in particolare il reflusso è una situazione molto frequente in gravidanza sulla quale possono agire gli antiacidi potenti o IPP che nel suo caso hanno però dato la candidosi che potrebbe persistere, provi a prendere della ranetidina insieme al micotef gel od il mycostatin.Dopo il parto scompare il tutto o quasi, non si agiti troppo per il futuro.
Malattia_da_reflusso_gastro-esofageo.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Ulcura Gastrica
22 Lug 08 - luna82, 25 anni (id: 82634)
  Gentile Prof.Dal Monte un mese fa dopo forti dolori allo stomaco, mi sono recata in ospedale per fare una gastroscopia, dove mi hanno diagnosticato un’ulcera gastrica di cui hanno richiesto opportuno eseguire biopsia ed esame istologico.Dopo un mese mi sono recata nuovamente dallo stesso medico per fare la gastroscopia e mi ha assicurato che l’ulcera si è cicatrizzata è normale che durante l’esame vomiti del sangue.Sul primo esito della biopsia risulta (lembi di mucosa gastrica del corpo con iperplasia ghiandolare rigenerativa edema e flogosi assudativa e produttiva della lamina propia erosiva.)Nel frattempo che io attendi l’esito della seconda biopsia potete dirmi che significa iperplasia g... continua >>
hiandolare rigenerativa visto che da parte loro non ho una risposta ben precisa mi devo preoccupare? Attendo una vostra risposta grazie
Veda di seguire i consigli che le allego. L’iperplasia vuol dire che si sta ricostruendo la parte ulcerata. Faccia anche un dosaggio della gastrina.
Trattamento_della_dispepsia_(3)_.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Sospetto MRGE
22 Lug 08 - massimo, 34 anni (id: 82631)
  caro professore visto che mi è stata diagnosticata un’ernia iatale scivolata come mai io non ho nessun reflusso gastrico(pur a volte mangiando alimenti non indicati a questa patologia), l’unico disturbo che ho sono attacchi di tosse forte che quasi mi soffocano ora con le pillole lucen 40 solo al mattino e il gaviscon sciroppo dopo i pasti si sono ridotti(nell’arco della giornata circa 5/6 volte, di notte massimo un paio di volte e sono di poca durata a differenza di prima della cura che duravano tantissimo). da premettere che ho già fatto la gastroscopia, e la cura va avanti da quasi un mesetto. qualche miglioramento c’è ma secondo lei è una situazione che migliorerà del tutto ritornando tu... continua >>
tto alla normalità visto che molti sintomi mi sono estranei o non ho speranza, nel senso che a me piace mangiare, quindi sarà possibile farlo senza problemi o ormai saranno solo ricordi di bei tempi passati...??. certo di una Vs sollecita risposta vi porgo i miei più cordiali saluti.
E’ possibilew che abbia anche qualche problema di svuotamento gastrico, veda di seguire i consigli che le allego.Dve anche mangiare meno essendo oltrettutto obeso con IMC di 32Indice di Massa Corporea - IMC o Indice di Quetelet (in inglese BMI, Body Mass Index) si misura dividendo il peso corporeo (in kg) per il quadrato della statura (in metri). I valori soglia di IMC consigliati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità per definire la condizione di sottopeso, normopeso, sovrappeso e obesità dell’adulto sono stati recentemente unificati per uomini e donne: IMC inferiore a 18,5 = sottopeso IMC compreso tra 18,5 e 24,9 = normopeso IMC compreso tra 25 e 29,9 = sovrappeso IMC maggiore di 30 = obeso
Trattamento_della_dispepsia_(3)_.doc
Riempiendo_troppo_lo_stomaco.1doc.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Incontinenza
22 Lug 08 - Giuseppe, 31 anni (id: 82629)
  Vi ringrazio anticipatamente per questo servizio, il mio problema è il seguente: appena nato sono stato operato per un atresia ano-rettale, ed è da tutta la vita che soffro di incontinenza, negli ultimi anni però ho scoperto che se prendo Imodium per un po di tempo (circa 24- 48 ore) elimino il problema, il guaio è che Limodium non posso usarlo tutti i giorni, come da indicazioni posso farlo al max per 2 giorni di fila, mi chiedevo se esiste un qualche trattamento che posso fare in modo continuativo, tutti i giorni per avere nel tempo leffetto di indurimento delle feci(mi andrebbe bene come effetto collaterale anche diventare stitico, sempre meglio dellincontinenza), eliminando così il probl... continua >>
ema della diarrea continua, in questo modo la mia vita cambierebbe, potrei fare una vita normale ed essere più contento della mia esistenza,per me è una sofferenza, non posso fare un viaggio, non posso fare tante cose normali, non posso lavorare per colpa di questa cosa, vi prego se cè un modo consigliatemi, ho letto in giro del Mintoil ma non credo che solo quello basti dalle informazioni che ho letto, attendo con ansia un vostro consiglio, grazie mille.
L’immodium si può prendere anche per mesi non è affatto tossico aggiunga lo streptomagma. Poi perchè non si rivolge ad un centro per la rieducazione anale sentendo da un proctologo a cui passo la sua richiesta..
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Probabile dismicrobismo
22 Lug 08 - Antonella, 26 anni (id: 82628)
  Buonasera, dopo un intenso periodo di stress e ansia, da circa due settimane soffro di un fastidioso disturbo:pancia e stomaco che brontolano e vado al bagno dalle 2 alle 3 volte al giorno, il dottore mi ha prescritto lo spasmomen 2 volte al dì e lenterorgermina.I dolori sn passati ma sento sempre questi brontoliii alladdome.... sarebbe iol caso di iniziare un trattamento di disinfettanti intestinale, se si me ne potrebbe consigliare qualcuno?Grazie....Distinti saluti
Lei probabilmente ha un dismicrobismo o disbiosi iintestinale , detto anche colon irritabile postinfettivo che è’ un’ irritabilità della mucosa del colon a causa di dismicrobismo o disbiosi intestinale, che si crea a seguito del cambiamento parziale della normale flora intestinale con sopravento o prevalenza di flora patogena che da un’infezione gastrointestinale. Infezione che si può sviluppare in maniera acuta o non immediatamente apparente a seguito generalmente di ingestione di cibi guasti o scarsa igiene, uso di potenti antiacidi o anche di alcuni antibiotici, con irritabilità che, permanendo i germi che l’hanno creata, poi si mantiene producendo i suoi effetti continuativamente o ciclicamente. Nell’intestino soprattutto nel colon o intestino crasso si produce gas ed anche muco con meteorismo e flatulenza, dolore addominale e diarrea liberatoria o alternanza di stipsi e diarrea. E’ opportuno in questi casi sospendere i latticini, prendendo dei probiotici (ex fermenti lattici) od uno yogurt ricco di probiotici, ma se non migliora è utile aggiungere un disinfettante/antibiotico per qualche giorno tipo la neomicina/bacitracina o la ciprofloxacina 500 mg 1 cp x 5-6 gg.,etc. SE i disturbi sono molto accentuati sarebbe bene far precedere la terapia da una coprocoltura, ma rararamente si riesce ad identificare il germe che ha creato il problema.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Postumi di emicolectomia, etc
22 Lug 08 - Renzo, 71 anni (id: 82620)
  Buongiorno, scrivo per mio marito oparato lanno scorso nel mese di maggio; emicolectomia dx, coprocaudectomia pancreatica e splenectomia. a distanza di un anno ancora si verificano episodi diarroici e, ultimamente un rialzo dei marcatori ca19.9 e cea. eseguite tac e pet, questultima ha rilevato solo una flogosi al colon e nullaltro. prevista a breve colonscopia. desideravamo sapere se la persistenza di diarrea e a ritenersi nelle norma o da associare ad una eventuale recidiva. grazie infinite.
Dipende dall’intervento. provi a prendere della colestiramina prima dei pasti ed enzimi pancreatici durante il pasto.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Dispepsia
22 Lug 08 - Giusy, 33 anni (id: 82616)
  Gentile dottore, accuso, dopo i pasti, dolori retrosternali e alla bocca dello stomaco, sonnolenza, e dopo circa 2 ore languore allo stomaco che mi costringe, la sera, anche ad alzarmi dal letto per mangiare un boccone. Ho prenotato una gastroscopia, ma non so che tipo di alimentazione adottare per evistare questi malesseri nell’attesa dell’esame. La ringrazio tanto del suo aiuto. Giusy
Segua i consigli allegati ed aspetti il risultato della gastroscopia.
Digestione_e_dispepsia.DOC
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Doloi lombari
22 Lug 08 - pino, 38 anni (id: 82615)
  Sono stato ricoverato in ospedale per delle coliche addominali. Mi hanno fatto eco addome completo, gastroscopia ed esami del sangue. Tutto ok ma mi hanno trovato microlitiasi renale bilaterale. E’ possibile che dopo circa 3 settimane ho ancora disturbi (dolore basso addome sx e dolori alla schiena soprattutto notturni); il mio medico mi dice che questi dolori derivano dal passaggio della renella nell’uretere. E’possibile che tutto cio’ persista ancora dopo 3 settimane?
A questo punto mi sembra una lombagine, rifaccia un’eco renale e si faccia vedere da un ortopedico.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Ulcera duodenale
22 Lug 08 - marco, 29 anni (id: 82612)
  salve; ho fatto una gastroscopia e dal referto risulto avere una ulcera peptica, un refluso ed un ernia jattale. volevo chiedere sopratutto per lulcera bisonga seguire una dieta precisa?eliminare alcuni alimenti?
Si curi come indicato nell’allegato.
Trattamento_della_dispepsia_(3)_.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Stipsi
22 Lug 08 - marta, 31 anni (id: 82611)
  Salve, fin da piccola soffro di stitichezza. da molti anni pero ho unalimentazione sana ricca di fibre ma ho sempre dei problemi. Generalemente se nel quotidiano vado in ufficio a lavorare faccio la mia colazione con molto latte (vegetale) caldo e poi sto seduta e bevo il mio litro di acqua riesco ad evacuare in mattinata e anche più volte durante il giorno. se cambio abitudini quindi o sono a casa o fuori ufficio mi blocco e magari non riesco ad andare per diversi giorni divento molto gonfia piena di aria pancia dura con dolori. Da un anno circa assumo un integratore Vitabiosa www.biosa.it che serve a riequilibrare la flora intestinale ma per ora non ho ancora avuto risultati soddisfac... continua >>
enti. Mi piacerebbe avere un Vostro parere. Grazie, cordiali saluti.
Gentile Signora,Lei ha la classica stitichezza da colon irritabile di tipo funzionale o psicologico, per la quale non vi sono attualmente dei grandissimi provvedimenti terapeutici anche se recentemente sono entrati in commercio non ancora in Italia, ma in altri Stati, due prodotti il tegaserod (Zelmac) ed il lubiprostone (Amitizia) che può procurarseli attraveros il Vaticano o la svizzera o anche on line ed usarli nei periodi di stitichezza. per il resto segua i consigli che le allego. Anche l’uso saltuario di qualche lassativo non è poi un gran male.
Colon_irritabile_(4).doc
La stitichezza.DOC
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Sospetta epatite
22 Lug 08 - sara, 20 anni (id: 82610)
  Buongiorno,è da dicembre 2007 che riporto un mese si e un mese no disturbi intestinali(andavo di corpo con diarrea 2 o 3 giorni e poi passava),ma il vero problema si è verificato quando a metà giugno ho avuto due settimane di problemi intestinali,tanto da non riuscire a stare in piedi da sola e non riuscirmi più ad alzare perchè mi girava la testa.Sono dimagrita di 5 chili.Siamo andati in pronto soccorso dopo una settimana e mi hanno solo dato una dieta(pane tostato e thè con gocce di limone a colazione e riso e banana con gocce di limone a pranzo e a cena).Il problema del disturbo intestinale si è risolto,solo che ho fatto gli esami del sangue(dopo che sono stata male) e le transaminasi era... continua >>
no a 100 e 175,li ho rifatti ancora ad inizio luglio e si erano abbassate a 60 e 80.(Gli esami di maggio andavano tutti bene).Contro lepatite B sono vaccinata e lecocardiogramma è andato tutto bene(il medico di famiglia me lha prescritto poichè mi ha sentito un soffio sistolico alla punta-non avendo mai avuto io il soffio al cuore-ma dallecocardio doppler non è risultato).Il medico di famiglia ha detto che in quel periodo ho avuto sicuramente unepatite virale,e può darsi che abbia anche avuto qualche "sotto virus" simile epatite,ma per il resto nessuno è riuscito a dirmi cosa ho avuto in questi 6 mesi e se mi può ancora capitare.So che le ho spiegato la situazione in modo generale e forse neanche troppo chiara,ma lei avrebbe qualche intuizione o spiegazione?La ringrazio, arrivederci.
Potrebbe trattarsi di una epatite mononucleosica o da citomegalovirus o anche un’epatite A(che dipende da cosa a mangiato e dove è stata). Faccia i test specifici.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Cirrosi scompensata
21 Lug 08 - Roberto, 57 anni (id: 82604)
  GENT. MO PROFESSORE, MIA MADRE DI ANNI 76 SOFFRE DA ANNI DI EPATITE C, ED IN QUESTO PERIODO HA LA BILIRUBINA ALTA, CON MOLTO PRURITO SU TUTTO IL CORPO. E STATA RICOVERATA DOPO UNA VISITA AMBULATORIALE, IN CLINICA UNA SETTIMANA PER ACCERTAMENTI DIAGNOSTICI E FLEBO,. ORA E A CASA. IL NOSTRO MEDICO CURANTE HA TARDATO A DARLE INDICAZIONI IN TAL SENSO, ED IL RISULTATO ALLE SUE DIMISSIONi DALLA CLINICA, HAN VISTO QUESTE VOCI SOMMARIE, E NON HO PURTROPPO ALTRE INDICAZIONI PRECISE, ME LE HA RIFERITE MIA MADRE, MA PER SUA "PRIVACY" NON HO POTUTO VEDERE IL FOGLIO DI DIMISSIONI, ECC.: CIRROSI EPATICA SCOMPENSATA DA HCV/CITOLISI E COLESTASI/SPLENOMEGALIA/CALCOLOSI COLECISTICA/IPERSPLENISMO/GASTROPATIA I... continua >>
PERTENSIVA/IPERTENSIONE PORTALE/ASCITE/(MA PURTROPPO NON SO DIRLE I PARAMETRI DI QUESTE RISULTANZE EPATOPATOLOGICHE (???) CHE DIRE?. NATURALMENTE VIAGGIO NEL BUIO, POI CERCHERO DI ... SONDARE I MEDICI. LA SALUTO DISTINTAMENTE E LA RINGRAZIO PER UNA RISPOSTA. ROBERTO.
Purtroppo ritengo che la malattia sia nella sua fase più avanzata e terminale.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Diminuzione del visus e cefalea
21 Lug 08 - Marco, 27 anni (id: 82586)
  Non so se il mio problema riguarda questo ramo della medicina però non so più a che rivolgermi per questo problema. da parecchi anni mi capita saltuariamente,a volte 2/3 volte la sett,a volte 1 volta,a volte molto più raramente che di colpo il punto dove fisso il mio sguardo lo vedo annebbiato, questo fastidio si prolunga per diveri min uti allargando sempre di più il campo di annebbiamento. da qui comincio a digerire continuamente,provando anche sensi di vomito ed a volte arrivando anche a vomitare. il tutto condito sda un fastidiosissimo mal di testa a livelli veramente insopportabili,un dolore veramente indescrivibile. il mio medico di base ha diagnosticato una semplice emicrania,ma que... continua >>
sta diagnosi non mi soddisfa in quanto non trovo il nesso con il fatto di continuare a digerire.
Forse è bene che consulti un neurologo e faccia eventualmente una TAC
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Sospetta gastroduodenite
21 Lug 08 - francesco, 37 anni (id: 82577)
  buongiorno professore, da qualche tempo soffro per un forte dolore poco sopra lombellico che aumenta al tatto, si irradia alla schiena e diminuisce se non mangio. si presenta periodicamente, circa ogni 3 o 4 mesi insorge in fase digestiva. non so se è correlato o meno ma io soffro di meteorismo. cosa potrebbe essere? anche perchè ne ho parlato al mio medico ma per me è anche molto difficile descriverlo. per il momento prendo RELAXcol. La ringrazio in anticipo e buona giornata. Grazie.
Potrebbe trattarsi d’infiammazione allo stomaco duodeno. Segua per un pò i consigli che le invio. Per meteorismo veda di seguito: IL meterorismo, che vuol dire aumento dei gas nei visceri intraddominali come il piccolo ma soprattutto il grande intestino o colon, dà la sensazione di tensione addominale, emissione di gas o flatulenze ma anche arresto delle stesse. Può dipendere da fattori digestivi o anche da ostacolato passaggio dei componenti intestinali con difficoltà alla loro eliminazione. Nel primo caso i gas sono in genere provocati dallo sviluppo degli stessi per effetto dei germi intestinali sugli alimenti non perfettamente digeriti,nel secondo caso l’origine può essere funzionale come nella stitichezza in cui si accumulano feci e gas nell’intestino che vengono eliminati a fatica, oppure da un ostacolo al passaggio dei componenti intestinali per un restringimento interno al viscere le cui cause principali possono essere ad esempio un tumore od un fenomeno aderenziale che restringe il lume intestinale dall’esterno.Essendo un sintomo che che può eliminarsi con banali provedimenti(ad esmpio combattendo la stipsi) ma anche pesistere in maniera continuativa più o meno dolorosa, quando persiste deve essere approfondito.
Trattamento_della_dispepsia_(3)_.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte


Da 10562 a 10577 di 28260