Sei in: Medico on-line > Gastroenterologia

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Gastroenterologia
Referenti
  • Prof. Pier Roberto Dal Monte

  • Già Direttore Dipartimento medico-chirurgico delle Malattie dell’apparato digerente. Ospedale Bellaria-Maggiore. Bologna.

  • Prof. Mauro Bortolotti

  • Professore a Contratto della Specializzazione in Medicina Interna
    Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Bologna
    Policlinico S. Orsola


ultimo aggiornamento 22/02/2013
 
Aree tematiche


Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 26/01/2007
Invia la tua domanda

Domande / Risposte
Stipsi
7 Set 08 - alice, 20 anni (id: 84423)
  Buongiorno Dottore,le scrivo per chiederle un consiglio:da più di un mese ho difficoltà a defecare e sono dovuta ricorrere a evacuanti,lassativi e clisteri.Inoltre da una settimana ho un senso di sazietà precoce per cui faccio fatica a mangiare cibi solidi e ogni volta che mangio mi viene un dolore nella parte superiore sinistra dell addome, in prossimità della milza credo.In questi ultimi giorni tra laltro il dolore è diventato continuo e sempre più forte. Il tutto mi sembra accompagnato da una pancia gonfia e da una stanchezza generale.Le chiedo proprio per questo a quale specialista potrei rivolgermi per risolvere il tutto. Grazie in anticipo e distinti saluti. A.Busani
E’ possibile che abbia una stitichezza passeggera dovuta a cambiamenti di abitudini alimentari, tensione,farmaci, etc. Consiglierei di seguire i consigli che le allego ed eventualmente chiedere un parere oltre che al suo medico eventualmente ad un gastroenterologo.
La stitichezza.DOC
Prof. Pier Roberto Dal Monte


Sospetto adenoma villoso
7 Set 08 - Maria, 84 anni (id: 84422)
  Egregio Dottore Le scrivo riguardo mia madre: due mesi fa è stata ricoverata per ipokaliemia e subocclusione intestinale. L’ecografia, la TAC e una parziale rettoscopia, (non è stata eseguita una colonscopia per problemi di età)non sono riusciti a spiegare la patologia che ha portato al ricovero. Ancora oggi (pur avendo risolto l’ipokaliemia)i problemi si ripresentato quotidianamente con gonfiore intestinale (e pancia dura), gorgoglii continui, defecazione irregolare diarrotica. Tra i medici consultati c’è chi consiglia l’uso del clistere e chi l’uso di lassativi(Movicol). Mi piacerebbe sapere anche un parere di un Gastroenterologo come Lei. Distinti saluti
Potrebbe avere un adenoma villoso del colon, ma non escluderei anche una coloite pseudomebranosa se ha fatto antibiotici(faccia fare la ricerca dellla tossina butulinica nelle feci). Penso sia necessaria almeno una rettoscopia ed un clisma opaco, intanto faccia un’ecografia addominale.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Aerofagia e Meteorismo
7 Set 08 - Chiara, 21 anni (id: 84412)
  Gentile dottore, ho 20 anni e mi chiamo Chiara. Studentessa, vita attiva, alimentazione non pesante. Una cosa che vorrei chiederle. Ho riscontrato a volte un forte gonfiore addominale accompagnato da areofagia e difficoltà di digestione. Questo da alcuni mesi a questa parte. Sono aumentata anche di peso, e nonostante ore di palestra e attenzioni allalimentazione non riesco a perdere. Ho pensato fosse intolleranza a qualcosa. Fatto i test, e infatti ho dei problemi a latte e derivati. Li ho eleiminati completamente da oramai 2 mesi..ma i sintomi sono rimasti. Sto pensando al caffè:potrebbe questo darmi fastidi/intolleranza?Ho pensato al caffè perchè è lunico alimento che veramente prendo ass... continua >>
iduamente..e quotidianamente..visti i periodi di studio intenso. Mi potrebbe fare chiarezza a riguardo?Grazie Chiara.
L’aerofagia con possibile eruttazione non ha nulla a che fare con l’intolleranza al lattosio e forse dipende da un cattivo svuotamento dello stomaco, quindi di natura funzionale, veda di seguire i consigli > quelli generali sulle modalità dell’alimentazione che le allego anche per i lattici.
Intolleranza_al_lattosio[1].DOC
Trattamento_della_dispepsia_(3)_.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Sospetta coliote ulcerosa
7 Set 08 - gisella, 36 anni (id: 84410)
  in seguito a colonscopia hanno riscontrato in un tratto di colon numerose petecchie presenza irregolare di mucosa e parte del colon edematoso in termini semplici potrei sapere il significato di quest’esame?E che consiglio mi darebbe Lei in proposito?
Potrebbe essere una forma lieve di RCU, bisognerebbe valutare anche la biopsia del colon che le avranno fatto.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Dolori ipocondrio dx e disturbi neurovegetativi
7 Set 08 - Maria, 48 anni (id: 84400)
  Parte seconda. CURRICULUM1. ho effettuato l’esofagogastroduodenoscopia nel 92’ – 97’ – 2000 sempre col medesimo risultato (esofago normale per calibro e d’aspetto della mucosa. Cardias continente. Cavità gastrica rivestita da mucosa rosea, sollevata in pliche regolari). Piloro ben funzionante. Bulbo duodenale normale. Nulla a carico del duodeno discendente esplorato. C.P. Test negativo). 2. nel 2001 l’esame di colonscopia (il fibroscopio viene inserito fino al terzo medio-prossimale del traverso; il colon esaminato è notevolmente lungo e tortuoso; il traverso inoltre è ptosico e poco sbrogliabile (aderenze?). Null’altro da segnalare. 3. l’ultimo eco-epatico nel 06/08: fegato di volume nell... continua >>
a norma, ed ecostruttura omogenea, assenti lesioni occupanti spazio. Colecisti di volume nella norma, presenta piccole formazioni iperecogene adese alle pareti (4 mm. adenomiomi). Presenza di fibromioma di 2 cm. sottomurale del fondo uterino. 4. nel 04/07 le analisi del sangue (esiti nella norma) 5. ho un petto pieno di cisti e 2 ernie cervicali + 1 lombosacrale. Distinti saluti e la ringrazio per essere arrivato fin qui e anche per la risposta che gentilmente mi darà. Maria
Ai dolori ed ai disturbi generali possono contribuire anche le ernie come le ho scritto per irritazione delle radici dei nervi a partenza da quella sede. Con disturbi da s di Lieou-neri barrè o cefalea muscolo tensiva
Cefalea muscolo-tensiva.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Dolori ipocondrio dx e disturbi neurovegetativi
7 Set 08 - Maria, 48 anni (id: 84399)
  Egr. prof.ho 48 anni sono anni che ho problemi di digestione e ho cambiato terapie ma senza risultati,negli ultimi 4 anni ho avuto nuovi episodi (per fortuna a intervalli lunghi 1-2 all’anno) che mi fanno stare male. Le descrivo i sintomi: Mancamento, testa sballata (come ubriaca) dopo, senso di costrizione alla bocca dello stomaco, accompagnato da gonfiori dello stomaco. Successivamente battiti del cuore accelerati,pressione bassa (58/90)brividi di freddo. Per avere sollievo mi induco ad eruttare, alleggerendo così la costrizione in mezzo al seno e massaggio lo stomaco cercando di fare aria dal retto. Più riesco a fare aria e più passa il malessere. L’episodio avviene subito dopo l’assu... continua >>
nzione di caffè o altro o dopo 4-5 ore e dura ca.2 ore lasciandomi un indolenzimento dello stomaco (la fascia che va dal petto all’ombelico).Da alcuni mesi, al mattino mettendo i piedi per terra ho un dolore, da farmi rimanere a bocca aperta, al fianco destro sottosternale posteriore che passa non appena riesco a liberarmi dell’aria. Il chirurgo che la colecisti è da operare risolvendo i miei problemi, mi ha dato il peptazol, il motilex e l’ursobil. E veramente la colecisti a provocare tutto?. Vi invio il curriculum degli esami effettuati nella seconda E-mail
Dolore ipocondrio dx: sede del fegato/vie biliari/organi confinanti(colon dx flessura epatica). Premesso che il fegato non fa male eccetto in particolari circostanze (neoplasie, brusco ingrandimento ed infiammazione), potrebbe essere come prima ipotesi un dolore a partenza delle vie biliari che però fa male solo quando si hanno i calcoli e quindi delle coliche, cosa che Lei non ha (gli adenomiomi non danno sintomi!!e non sono pericolosi), e invece potrebbe dipendere da colon irritabile, specie se ha come sembra disturbi intestinali, poiché a dx vi è anche una flessura (o ripiegatura/angolazione ) del colon (talvolta per irritazione dolente da destra verso il centro > colon trasverso) ed infine, tralasciando un organo interno,più spesso può essere una irritazione dei nervi o radicolite a partenza della colonna dorso-lombare che si distribuiscono, dal di dietro in avanti in quella sede: qualora abbia qualche processo infimmatorio/artrosico o una scoliosi o anche una infiammazione/contrazione dei muscoli o fibromiosite, poichè anche questo può provocare il dolore anteriore all’addome dx superficialmente(detto dolore radicolitico da radici nervose). Chieda una visita specifica al suo medico od a un ortopedico.Per il meteorismo eviti i latticini e faccia gli esami per l’intolleranza al glutine oltre ad una glicemia
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Muco fecale
7 Set 08 - andrea, 29 anni (id: 84398)
  Salve, le scrivo perché sono un po preoccupato visto che da un paio di settimane ho notato del muco (poco) nelle feci. Sto attraversando un periodo un po stressante e le feci sono a volte molli e a volte dure. Sono anche un tipo un pò ansioso. Di solito contengono anche pezzi di cibo non digeriti (credo verdure). Fino a qualche giorno fa avevo spesso anche un senso di nausea. Il mio medico mi ha detto che devo stare più calmo e comuqneu continuare a controllare laspetto delle feci. Sono un po preoccupato visto che mio padre ha il morbo di cron e la colite ulcerosa. Secondo lei dovrei fare qualche accertamento? Grazie.
Bisonga vedere intanto di quale tipo di muco si tratta:quello traslucido da irritazione intestinale o il mucopus della colite ulcerosa(che in genere è anche striato di sangue)biancastro opaco. Io penso che sia del primo tipo e da irritazione per qualche infezione od intolleranza alimentare. Se persiste faccia una rettosigmoidoscopia.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

S. post colecistectomia
7 Set 08 - vinvenzo, 38 anni (id: 84397)
  Mi chiamo Enzo e ho 38 anni, da circa 4 mesi soffro di disturbi digestivi.Premetto che mi sono operato di colecistectomia per via laporoscopica nel mese di dicembre 2007,(i primi 6 mesi dopo lintervento non ho avuto nessun tipo di problema) e sono portatore dalla nascita di Ittero di glibert.I miei disturbi sono: Dolore gastrico,senso di pienezza/gonfiore,( se bevo una goccia di acqua,sembra che abbia bevuto una cascata)continue eruttazioni,crampi addominali,ma soprattutto lalvo non è piu regolare,anzi molto spesso vi è presenza di diarrea,con una continua ipertonia dello stesso. Inutile dire che questo stato si ripercuote sullumore. Il 31 luglio 2008 ho... continua >>
praticato una gastroscopia, il referto recita:Esofago regolare fino al cardias.Cardias in sede,incontinente.Cavità gastrica normale per calibro,peristalsi e distensibilità allinsuflazione di aria.Succo gasrtico verde per presenza di bile.Il rivestimento mucoso,a livello antrale presenta una lesione ulcerativa di 5 mm,con fondo ricoperto da fibrina,margini rilevati.Bio.Pirolo in sede.Il bulbo duodenale presenta diffuse microrilevatezze sottomucose ed è rivestito da mucosa iperemica con alcuna erosioni.Bio.II II duodeno è rivestito da mucosa con lieve accenno a scalloping.bio. Durante la gastro,sono stati prelevati 3 campioni per esame istologico Il primo al DUODENO,e recita: Duodenite cronica di grado medio,ipotrofia villare,rapporto cripe vi
Lei probabilmente ha una sindrome post colecistectomia: tutto il resto non appare particolarmente important. veda i seguire i consigli di cui sotto: La sindrome postcolecistectomia o da malassorbimento di bile, si verifica dopo l’intervento di colecistectomia(o asportazione della cistifellea generalmente per calcolosi biliare) per alterato riassorbimento intestinale della bile stessa. Si caratterizza con dolore addominale a cui succede spesso diarrea con feci giallastre o verdastro-scuro. La bile infatti essendo costituita anche da sali biliari ha effetto irritante e lassativo, se non assorbita normalmente dall’intestino, specie dopo introduzione dei cibi: questi, specie ai pasti principali, stimolando la peristalsi stimolano anche il passaggio della bile stessa non bene mescolata ai cibi nell’intestino con l’effetto sopradescritto e preceduto da dolori e borborigmi (movimenti intestinali accentuati e rumorosi). Come terapia si consiglia di prendere un farmaco che adsorbe i sali biliari rendendoli meno attivi, la Colestiramina: una bustina prima dei pasti principali. E’ bene far precedere la stessa terapia da un disinfettante anche a livello intestinale come tipo ciprofloxacina cp da 500 mg per 4-5 giorni.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Sospetto dismicrobismo intestinale
7 Set 08 - Emanuele, 28 anni (id: 84396)
  Salve, da circa un anno ho notato che il più delle volte le mie feci sono sottili e molli e incontro difficoltà durante levacuazione come se ci fosse qualcosa che mi ostruisce e fa transitare a scatti solido e gassoso,sempre in questo arco di tempo ho notato che soffro di una produzione di gas intestinali più elevata e dallodore molto sgradevole e inoltre ogni tanto mi si manifesta un prurito e un dolore allano che non sono in grado di discrivere da quanto è acuto,addirittura insorge mentre dormo la notte e mi fa sudare freddo per qualche minuto! Sono preoccupato perchè ho notato esternamente un aumento del basso ventre e mi sento spesso a disagio x il gonfiore,lRSO nelle feci risulta nega... continua >>
tivo e quindi sono indeciso se intervenire con una colonscopia! Grazie mille
Lei ha con ogni probabilità un Dismicrobismo o disbiosi iintestinale , detto anche colon irritabile postinfettivo E’ un’ irritabilità della mucosa del colon a causa di dismicrobismo o disbiosi intestinale, che si crea a seguito del cambiamento parziale della normale flora intestinale con sopravento o prevalenza di flora patogena che da un’infezione gastrointestinale. Infezione che si può sviluppare in maniera acuta o non immediatamente apparente a seguito generalmente di ingestione di cibi guasti o scarsa igiene, uso di potenti antiacidi o anche di alcuni antibiotici, con irritabilità che, permanendo i germi che l’hanno creata, poi si mantiene producendo i suoi effetti continuativamente o ciclicamente. Nell’intestino soprattutto nel colon o intestino crasso si produce gas ed anche muco con meteorismo e flatulenza, dolore addominale e diarrea liberatoria o alternanza di stipsi e diarrea. E’ opportuno in questi casi sospendere i latticini, prendendo dei probiotici (ex fermenti lattici) od uno yogurt ricco di probiotici, ma se non migliora è utile aggiungere un disinfettante/antibiotico per qualche giorno tipo la neomicina/bacitracina o la ciprofloxacina 500 mg 1 cp x 5-6 gg.,etc. SE i disturbi sono molto accentuati sarebbe bene far precedere la terapia da una coprocoltura, ma rararamente si riesce ad identificare il germe che ha creato il problema.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Colonscopia
7 Set 08 - angelo, 60 anni (id: 84395)
  Gent.mo Prof. Le premetto che io sono un paziente " difficile" come dice il mio medico, perche sono ipocondriaco fino all’esaurimento. 2 anni fa’ ho fatto (costretto dal medico) una coonscopia totale in ottima pulizia laquale e’ risultata tutta negativa. Diagnosi colon irritabile.per un po’ di tempo sono stato tranquillo poi, siccome i sintomi non guariscono con la colonscopia, ho ricominciato a martellarLo. Lui mi sopporta perche’ e’ anche mio amico ma tutte le volte scuote il capo emi ripete di stare tranquillo perche se una colonscopia e’ negativa per molti anni non mi posso ammalare di cancro al colon magari di altro si ma di quello e’ difficile. Lei che ne pensa haragione lui e io mi de... continua >>
vo mettere tranquillo? grazie infinite Angelo Modesto
La colonscopia si dovrebbe rifare, quando è negativa, non prima di 5 - 10 anni.Per il colon irritabile si veda l’allegato.
Colon_irritabile_(4).doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Sospetta s radicolitica
7 Set 08 - simona, 28 anni (id: 84392)
  Gentile dottore,ho un dolore alla costola destra sotto ilseno.Premetto che soffro di meteorismo e colite spastica nonchè di scoliosi e lordosi.L’ecografia dice che la colecisti ha pareti distese ed è alitiasica.Mi devo preoccupare?quanto tempo deve intercorrere tra una radiografia e l’altra?Grazie!Simona.
Dolore ipocondrio dx: sede del fegato/vie biliari/organi confinanti(colon dx flessura epatica). Premesso che il fegato non fa male eccetto in particolari circostanze (neoplasie, brusco ingrandimento ed infiammazione),escludendo una colelistiasi od un colon irritabile,anche se a dx vi è anche una flessura (o ripiegatura/angolazione ) del colon (talvolta per irritazione dolente da destra verso il centro > colon trasverso): tralasciando quindi un organo interno,può essere una irritazione dei nervi o radicolite a partenza della colonna dorso-lombare che si distribuiscono, dal di dietro in avanti in quella sede: qualora abbia qualche processo infimmatorio/artrosico o una scoliosi o anche una infiammazione/contrazione dei muscoli o fibromiosite, poichè anche questo può provocare il dolore anteriore all’addome dx superficialmente(detto dolore radicoliticoradici nervose).Ciò è appunto avvalorato dall’imperfezione della sua colonna.Chieda una visita specifica ad un ortopedico.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Meteorismo
6 Set 08 - daniela, 30 anni (id: 84380)
  Gent.mo Dottore, vorrei esporle un mio problema che mi sta facendo impazzire. Premetto che sono una che pensa sempre al peggio..ma non ne posso piu. Da circa una anno soffro di flatulenza, e dolore alla pancia..cioe senso di tensione che si calma solo dopo aver emesso aria(inodore). SOno stata da un gastroenetrologo e mi ha prescritto cura con nimex( per azzerare la flora intestinale) e fermenti lattici per mesi..la situazione non è cambiata affatto..ho eliminato latte e latticini..ma idem. Ho paura che sia qualcosa di grave..può essere sintomo di malattie gravi?..non ho avuto calo ponderale di peso, ne diarree.(ogni tanto delle emorroidi, come tutti i membri della mia famiglia..)sono molto ... continua >>
preoccupata..mi dica qualcosa...grazie mille..daniela
IL meterorismo, che vuol dire aumento dei gas nei visceri intraddominali come il piccolo ma soprattutto il grande intestino o colon, dà la sensazione di tensione addominale, emissione di gas o flatulenze ma anche arresto delle stesse. Può dipendere da fattori digestivi o anche da ostacolato passaggio dei componenti intestinali con difficoltà alla loro eliminazione. Nel primo caso i gas sono in genere provocati dallo sviluppo degli stessi per effetto dei germi intestinali sugli alimenti non perfettamente digeriti,nel secondo caso l’origine può essere funzionale come nella stitichezza in cui si accumulano feci e gas nell’intestino che vengono eliminati a fatica, oppure da un ostacolo al passaggio dei componenti intestinali per un restringimento interno al viscere, cosa questa che escluderei, ma penserei più ad un’intolleranza al glutine o al lattosio. Faccia intanto i test citati sotto ed elimini gli alimenti con lattosio. Per Celiachia: Anticorpi antigliadina / endomisio/ transglutaminasi tissutale
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Stipse prolasso rettale
6 Set 08 - GIOVANNI, 65 anni (id: 84379)
  Circa dieci anni fa sono stato operato di prolasso rettale e da quel giorno le cose erano andate piuttosto bene. Da alcuni mesi però il disturbo si è ripresentato e per questo sono andato dal chirurgo, che ha rilevato un prolasso non particolarmente accentuato e mi ha sconsigliato per il momento un nuovo intervento per il rischio di incontinenza. Il punto è che le cose stanno andando sempre peggio, ho difficoltà ad evacuare nel senso che provo lo stimolo ma non riesco ad andare di corpo, oppure riesco ad evacuare ma in misura piuttosto ridotta e con feci molto "frammentate". Cosa mi consigliadi fare? E unaltra domanda, in quale percentuale un intervento chirurgico può dar luogo ad incontin... continua >>
enza?
Penso che lei abbia di fondo una stitichezza che comporta con il tempo anche un prolasso, veda di curarla anche con i consigli che le allego. per il prolasso poi non è questione di percentuali che peraltro non sono elevate, ma se Lei rientrerà nel gruppo con percentuali favorevoli o negative(il che ovviamnte non si può dire).
La stitichezza.DOC
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Dolore ipocondrio di sn
6 Set 08 - Domenico, 27 anni (id: 84378)
  Salve;Da un po di tempo ho fastidi nella parte sinistra dello stomaco proprio sotto l’ultima costola in basso.Raramente ,nell’arco degli ultimi sei mesi è capitato circa 5-6 volte sempre in questa zona, ho delle piccole fitte che durano pochi secondi e poi terminano del tutto. Premetto che da sempre soffro di colon irritabile, non so se vi sia di aiuto, fino all’età di 20/21 anni avevo molto di frequente dolori "che mi portavano diarree mattutine o quando uscivo la sera. Da quell’età in poi dopo aver eseguito una piccola cura prima motilex e poi duspatal la situazione è migliorata parecchio, ho ancora il colon irritabile seguiti da diarrea ma raramente e sopratutto solo quando esagero nei ci... continua >>
bi o perchè sono ansioso. I fastidi e quelle piccole fitte di cui parlavo che ho adesso sembrano diversi da quelli della "colite" e non mi portano diarrea, anzi le dirò che vado in bagno quasi regolarmente, invece non riesco a capire se sono dolori che provengono solo da sotto le costole perchè ho anche, alternato o insieme, male ai muscoli della schiena sempre a sinistra ma anche in maniera più lieve a destra.Dimenticavo che intorno al periodo natalizio ho sofferto di acidità dovuta probabilmente al troppo stress lavorativo(sono un commerciale di un negozio di pc); l’acidità "grossa" è stata risolta anche se ogni tanto sento piccoli "bruciolii" alla bocca dello stomaco, ma sopportabilissimi.Certo di una vostra indicazione ai miei sintomi vi ringrazio anticipatamente; Saluti
Egregio Signore, potrebbe dipendere dal colon irritabile (spasmo, ristagno fecale o anche diverticolite), ma più probabilmente, da una irritazione muscolo-tendinea alla base dell’emitorace sn e addome medio inferiore omolateralmente (regione del fianco di sn). Quello del colon da un dolore profondo alla palpazione addominale nella sede del colon sin stesso, l’altro è più superficiale ed è irradiato ai muscoli laterali del’addome e si sposta posteriormente verso la colonna dorsale o muscoli paravertebrali, appunto come lei sente.Si tratta di una fibromialgia da irritazione dei nervi a partenza dalla colonna dorso-lombare o da contrazione muscolare: approfondisca tale eventualità.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Sospetta epatite
6 Set 08 - tosca, 35 anni (id: 84374)
  dall’esito delle analisi risulta: AGS di superficie virus epatite B negativo;Ab antiHBs positivo; Ab anti-HBc positivo; AntiHBc IgM negativo; AHCV Ab virus epatite C negativo; cosa vuol dire? HO l’epatite B? sono contagiosa? perchè il mio medico mi fa fare l’immunoblotting (HCV)conferma ? sono preoccupata!
Non ha nessun tipo di epatite. Perchè deve approfondire l’HCV che non ha?.
Prof. Pier Roberto Dal Monte


Da 10016 a 10031 di 28097