Sei in: Medico on-line > Gastroenterologia

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Gastroenterologia
Referenti
  • Prof. Pier Roberto Dal Monte

  • Già Direttore Dipartimento medico-chirurgico delle Malattie dell’apparato digerente. Ospedale Bellaria-Maggiore. Bologna.

  • Prof. Mauro Bortolotti

  • Professore a Contratto della Specializzazione in Medicina Interna
    Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Bologna
    Policlinico S. Orsola


ultimo aggiornamento 22/02/2013
 
Aree tematiche


Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 26/01/2007
Invia la tua domanda

Domande / Risposte
Sospetta s. di Olgivie
21 Set 08 - gianpaolo, 48 anni (id: 85329)
  da un mese mia mamma è ricoverata all’ospedale. Attuale presunta diagnosi: pseudo occlusione intestinale. Dopo essere stata oggetto, nell’ordine, di: radiografie al ventre, tac con e senza contrasto, intervento chirurgico esplorativo, gastroscopia, colonscopia, biopsia tessuto ombelicale -tutti negativi per l’eventuale presenza di ostruzioni di natura meccanica, i sintomi iniziali permangono (se alimentata, singhiozzo e vomito, assenza di attività intestinale). Solo con stimolo farmacologico evacua muco. I gastroenterologi ospedalieri ammettono di non aver a tutt’oggi individuato l’origine del problema e navigano a vista. Intanto a mia mamma è stato applicato un sondino nasale che drena il l... continua >>
iquido biliare e viene nutrita per via parenterale. In precedenza è stata a lungo immobilizzata causa sette interventi in sei anni per una artoprotesi all’anca mal riuscita. In reparto pare non siano propensi ad associare le cose ma io ho sentito parlare di certa sindrome di Ogilvie. Ho anche letto della sindrome da immobilizzazione. Cosa ne pensa? Se ciò fosse, come fare una diagnosi esatta? Come affrontare e risolvere la questione? Ringrazio e saluto
Effettivamente potrebbe trattarsi di una s di Olgivie su cui le invio il sito di un articolo, che ne parla e fa pensare ad una disfunzione del simpatico a livello sacrale. www.minervamedica.it/pdf/R24Y2005/R24Y2005N04A0370.pdf - Lo faccia vedere ai medici di sua madre.
Prof. Pier Roberto Dal Monte


Sospeto lieve reflusso acido
21 Set 08 - anna, 22 anni (id: 85324)
  buonasera, nel 2004 ho fatto il bendaggio gastrico e da allora ho cominciato a vomitare in continuazione.a gennaio 2008 ho cominciato ad avvertire forti bruciori di stomaco e cosi il 19/03/08 ho fatto la gastroscopia e la diagnosi recita cosi:esofagite di 1 grado. substenosi sottocardiale da probabile esito di bendaggio gastrico. il 2/09/2008 ho rimosso il bendaggio gastrico e allinizio non avvertivo bruciori. adesso invece, da due giorni avverto sempre bruciore allo stomaco, pur non vomitando. mi sto preocupando. secondo lei, posso stare tranquilla o devo fare qualche controllo? la ringrazio. disinti saluti
Forse a solo ancora un pò di reflusso acido, saltuariamente. Si veda l’allegato.
Malattia_da_reflusso_gastro-esofageo.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Sospetta intossicazione alimentare
21 Set 08 - roberto, 33 anni (id: 85323)
  Salve dottore. Mi chiamo Rberto e il 14 di agosto mentre ero in vacanza è cominciato il mio calvario. Ero in spiaggai quando ad un certo punto ho accusato dolori fortissimi alla pancia come se dovessi andare in bagno senza riuscirci. Dopo essere stato allla guardia medica e avermi dato dei flebo,tornato a casa sono andato in bagno le prime uscite di feci erano dure e poi è cominciata una dissenteria accompagnata da febbre. Dopo una settimana che il medico mi cura con antibiotici la dissenteria non passa e nemmeno la febbre,allora decido di andare al pronto soccorso dove dopo aver fatto esami del sangue si riscontrarono valori sballati di lipasi e altri che ora non ricordo.Immediato il ri... continua >>
covero (ero in sardegna -jglesias)Una settimana di ospedale di flebo e antibiotici ma la dissenteria nn passava sono calato piu di 10kg. Siccome io sono della prov di brescia ho firmato per uscire dall’ospedale per tornare su e appena arrivato mi sono ricoverato diretttamente all’ospedale di Manerbio(bs) dove mi hanno fatto un sacco di esami anche li ,la rettoscopia,colon scopia con biopsia,quelli per la celiachia,il morbo di crhon,ma tutto negativo.Li mi hanno dato antibiotici di metronidazolo perchè hanno visto che era una forte INFIAMACIONE E INFEZIONE all’intestino. La febbre nn ce l’ho piu ma la diarrea persista.... io sono stanco di questa situazione ,lei cosa ne pensa? In attesa di una sua risposta le porgo i miei piu distinti saluti.
E’ stata verosimilmente una intossicazione alimentare che poi provoca un dismicrobismo intestinale. L’ultima cura può essere quellla risolutiva.vedi > Dismicrobismo o disbiosi iintestinale , detto anche colon irritabile postinfettivo E’ un’ irritabilità della mucosa del colon a causa di dismicrobismo o disbiosi intestinale, che si crea a seguito del cambiamento parziale della normale flora intestinale con sopravento o prevalenza di flora patogena che da un’infezione gastrointestinale. Infezione che si può sviluppare in maniera acuta o non immediatamente apparente a seguito generalmente di ingestione di cibi guasti o scarsa igiene, uso di potenti antiacidi o anche di alcuni antibiotici, con irritabilità che, permanendo i germi che l’hanno creata, poi si mantiene producendo i suoi effetti continuativamente o ciclicamente. Nell’intestino soprattutto nel colon o intestino crasso si produce gas ed anche muco con meteorismo e flatulenza, dolore addominale e diarrea liberatoria o alternanza di stipsi e diarrea. E’ opportuno in questi casi sospendere i latticini, prendendo dei probiotici (ex fermenti lattici) od uno yogurt ricco di probiotici, ma se non migliora è utile aggiungere un disinfettante/antibiotico per qualche giorno tipo la la ciprofloxacina 500 mg 1 cp x 5-6 gg., il metronidazolo 1 g die, il bimixin etc. SE i disturbi sono molto accentuati sarebbe bene far precedere la terapia da una coprocoltura, ma rararamente si riesce ad identificare il germe che ha creato il problema.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Ulcera ed H.P.
21 Set 08 - antonella, 43 anni (id: 85314)
  ho fatto la gastroscopia e hano riscontrato un ulcera cicatrizzata e hericobatter ho fatto la cura con il farmaco lansox 300g ma continuo ad avere voglia di vomitare e mi sento il catarro che mi stringe la gola cosa posso fare grazie
Ma ha fatto la cura eradicante con antibiotici come le consiglio nell’allegato?
Trattamento_della_dispepsia_(3)_.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Sospetto reflusso acido
21 Set 08 - daniela, 29 anni (id: 85293)
  bruciore e sensazione di pungere al petto avvertiti dopo il parto cesareo 3mesi fa.in ospedale mi hanno riscontrato un probabile reflusso gastroesofageo o ernia iatale,mi hanno somministrato una flebo con2fiale di zantac ed è andata meglio cosa ne pensa?
provi a seguire i consigli che le allego, anche se non sono convinto che sia solo reflusso ma forse ha una fibromialgia toracia.
Malattia_da_reflusso_gastro-esofageo.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Diarrea
21 Set 08 - PAOLA, 27 anni (id: 85291)
  Gentilissimo Dottore,mi rivolgo a Lei, sperando che possa aiutare a risolvere il mio problema, ormai cronic. Mi sta distruggendo...da circa un anno ho dolori forti nella parte alta dell’ intestino e quando mangio mi vengono le coliche e diarrea e il dolore mi permane tutto il giorno.Ho dolore, un forte bruciore e liquido nella pancia(sembra acqua, ho dolore e bruciore sia dal mattino, non posso mangiare niente che mi aggrava ancora di più la situazione...mi hanno fatto gastroscopia,endoscopia, videocapsula, raggi all’intestino, rx tubo digerente, tac...tantissime analisi biopsie..ormoni..ma non mi hanno trovato niente, solo malassorbimento e ipersecrezione, e un transito molto accellerato. M... continua >>
i hanno dato delle gocce per il dolore, diosmectal per la diarrea..ma il dolore, il bruciore e il problema persiste ancora. Con diosmectal non vado di corpo per 2-3 gg, ma se mangio muoio ugualmente dal dolore, poi quando vado in bagno sento dei dolori allucinanti. Io non so più a chi rivolgermi, vorrei star bene e lavorare e vivere splendidamente come un anno fa. La prego di consigliarmi, cosa potrei avere? Pensi se mi tocco la parte alta, subito dopo il petto, con le dita muoio dal dolore, son tutta addolorata da sotto il petto fino all’ombellico. La prego di aiutarmi, sarei felicissima e la ringrazierei infinitamente!!!Nell’attesa di un suo cortese Riscontro Cordiali Saluti
Le cause dellla diarrea sono numerose e penso che le abbiano valutate tutte o quasi. Sarebbe opportuno sapere anche come è insorta se faceva qualche medicina, antibiotici, etc. Tuttavia parrebbe una diarrea neuroormonale per cui farei il dosaggio dei metaboliti della serotonina come l’aciso 5 idrossindolacetico nelle urine, la cromogranina, guardandosi l’allegato
La diarrea.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Diverticolosi e perforazione
21 Set 08 - angelo, 35 anni (id: 85290)
  egr prof., due settimane fa sono stato ricoverato per una diverticolite acuta. il referto della tc addome riferisce inspessimento delle pareti del sigma che presenta multiple immagini diverticolari parietali di cui uno, in sede mediale, presenta pareti inspessite con iperdensità del t adiposo mesenterico corrispondente. si associa, peraltro, nel suo contesto, in sede più profonda e comunque non in continuità con il sigma o diverticolo, una piccolissima bolla aerea che può essere riferita a perforazione del diverticolo.non versamento endoaddominale, fegato aumentato di volume con segni di epatopatia steatosica.nella norma i restanti organi parenchimali dell’addome superiore. piccola immagine ... continua >>
litiasica nel terzo medio del rene dx. diverticolosi del sigma con segni di diverticolite e verosimile perforazione coperta del diverticolo.litiasi renale dx e segni di epatopatia. dopo massiccia terapia sono stato dimesso e mi hanno detto che dovrò operarmi tra quaranta giorni. vorrei sapere se è così, se posso farlo presso il vs. centro e che significa "perforazione coperta". la ringrazio, sin da ora, per la disponibilità. angelo
Perforazione coperta vuol dire che non si è formata una peritonite diffusa ma solo un’infiammazione locale. Si veda anche l’allegato. Lei è anche alquanto obeso veda di dimagrire poichè la steatosi dipende da quaesto. Ha un IMC di 32 > Indice di Massa Corporea - IMC o Indice di Quetelet (in inglese BMI, Body Mass Index) si misura dividendo il peso corporeo (in kg) per il quadrato della statura (in metri). I valori soglia di IMC consigliati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità per definire la condizione di sottopeso, normopeso, sovrappeso e obesità dell’adulto sono stati recentemente unificati per uomini e donne: IMC inferiore a 18,5 = sottopeso IMC compreso tra 18,5 e 24,9 = normopeso IMC compreso tra 25 e 29,9 = sovrappeso IMC maggiore di 30 = obeso
Divericolosi_e_Diverticolite.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Dolore sternale
20 Set 08 - antonella, 30 anni (id: 85275)
  EGR. DR .DA QUALCHE GIORNO HO UN DOLORE SPESSO PERSISTENTE ALLA BOCCA DELLO STOMACO (IN MEZZO ALA SENO).PUO’ TRATTARSI DI ERNIA IATALE?CON L’ESAME DELL’EMOCROMO SI EVINCE QUALCOSA? GRAZIE
Mi sembra che il tubo digerente non c’entri affatto e può essere un dolore reumatico, mialgico. L’emocromo non dice nulla sultubo digerente almeno da solo.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Gastrite da reflusso biliare
20 Set 08 - Grazia, 27 anni (id: 85273)
  Buonasera, sette mesi fa sono stata sottoposta a colecistectomia a causa di calcoli nella colecisti. Oltre alle coliche per circa tre settimane ho sofferto di dispepsia caratterizzata principalmente da nausea, inappetenza, eruttazioni per tutto il giorno e lingua patinata. Dopo lintervento, nel giro di una settimana ho risolto tutti i suddetti problemi e sono stata benissimo fino a circa un mese e mezzo fa quando mi è riapparsa la stessa forma di dispepsia. Ho contattato il gastroenterologo che mi ha consigliato una cura con lansox (prima da 15 poi da 30) che mi ha fatto aumentare la nausea dopo 3 settimane di assunzione, il domperidone che mi calmava la nausea e il gaviscon che non mi è ser... continua >>
vito a molto. Così una settimana fa ho deciso di fare l EGDS e questo è il referto: esofago regolare, cardias incontinente, stomaco con mucosa iperemica corpo-antro e con reflusso duodeno-gastrico di bile, piloro regolare, si esegue CP test (H.P. negativo), duodeno esplorato fino alla seconda porzione con aspetto regolare. CONCLUSIONI DIAGNOSTICHE: cardias incontinente; gastrite cronica diffusa con reflusso duodeno gastrico di bile. Mi sono state prescritte 3 pasticche di domperidone al giorno e devo dire che la situazione è molto migliorata:la nausea e linappetenza sono sparite mentre le eruttazioni sono diminuite così come la patina sulla lingua. Quanto ci metterò a guarire completamente? Mi potreste gentilmente consigliare una dieta? Grazie mille!
Gentile Signorina,la gastrite può essere causata dal riflusso biliare dal duodeno allo stomaco, poichè la bile invece di essere spinta verso intestino, dove adempie alla sua azione, passa parzialmente anche nello stomaco, dove a causa dei sali biliari produce irritazione/infiammazione della mucosa ed i disturbi conseguenti. Talvolta refluisce anche in esofago. Si riscontra spesso dopo intervento alle vie biliari/colecistectomia, ma anche indipendentemente. La terapia non è ben codificata e si basa sull’uso di antiacidi a base di sali di aluminio come l’aluminio ossido idrato od il magaldrato, e talvolta anche la colestiramina, che bloccano in parte i sali biliari o i farmaci gastroenetreocinetici che dovrebbero normalizzare la peristalsi. Il cibo ovviamente la blocca per cui è utile seguire il principo del poco e spesso. Con saluti
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Dolori addominali ed ipeeosinofilia
20 Set 08 - Walter, 49 anni (id: 85271)
  In relazione alla richiesta ID 85269 vorrei innanzitutto ringraziarLa e aggiungere che dopo 4 mesi di dieta scrupolosa senza latte uova e derivati (carne vaccina pollami....) con assunzione per 2 mesi di Ranitidina 50 mg due volte al giorno e antistaminico Singulair sono ritornati i dolori addominali, magari un poco attenuati rispetto ai`precedenti episodi. Vorrei conoscere una Sua valutazione sulla diagnosi (dolori addominali da allergia alimentare). Grazie
Le ho già scritto cosa fare intanto un esame parassitologico.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Dolori addominali ed ipereosinofilia
20 Set 08 - walter, 49 anni (id: 85269)
  Buonasera, sono il papa’ di una bambina di quasi 11 anni. Da circa 2 anni si verificano episodi di dolori addominali ricorrenti ( ogni 2 mesi ) nella parte alto dello stomaco aventi carattere intermittente e della durata di 6/7 giorni.Dopo un ricovero in ospedale la gastroscopia con biopsia evidenziava "frammenti di mucosa digiunale con profilo dei villi conservato, sede di lieve aumento della quota linfoplasmacellulare del corion e frammenti di mucosa gastrica di tipo antral, sede di modesto edema e lieve/focale aumento della quota linfoplasmacellulare del corion.Diagnosi istologica:lieve aumento della cellularita’infiammatoria della lamina propria in mucosa con architettura conservata.Rice... continua >>
rca HP negativa.Per quanto riguarda esame del digerente risulta normale anche l’esame del sangue è nella norma con eccezione dell’emocromo eosinofili che è 12,1%La bambina risulta essere positiva al Rast latte e all’uovo pertanto mi `stato detto di seguire una dieta di eliminazione e terapia di 2 mesi Ranitidina.
Oltre ad una sindrome allergica(gastrointestinale - che però non coinvolge istologicamente il t.d. poichè non vi è il tipico infiltrato eosinofilo) penserei ad una parassitosi intestinali data appunto la spiccata ipereosinofilia. Faccia un esame parasitologico. Naturalmente tale dato è presente in malattie più serie, ma per ora mi fermerei alla prime ipotesi.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Sospetto colon irritabile (postinfettivo)
20 Set 08 - Simone, 38 anni (id: 85260)
  Salve, Da circa 5 anni, nel periodo di passaggio alla stagione autunnale, soffro di bruciore gastrico (piuttosto intenso, tanto da poterlo ben localizzare poco al di sotto dello sterno), senso di nausea, flautolenza, e dopo qualche giorno da che si presentano questi sintomi, anche diarrea. Qualche anno fa mi fu riscontrato lelicobacter, che è stato eradicato, ed allultimo breath test fatto qualche a maggio di quest anno, risultava tutto ok. 1) Pensa che possa esserci una relazione fra i bruciori gastrici e la diarrea? 2) Come mai questi disturbi mi peggiorano nel periodo autunnale? Cordiali Saluti, Simone
E’ possibile che con il cambaimento di stagione si formi una specie di colon irritabile con dismicrobismo intestinaleo disbiosi iintestinale , detto anche colon irritabile postinfettivo E’ un’ irritabilità della mucosa del colon a causa di dismicrobismo o disbiosi intestinale, che si crea a seguito del cambiamento parziale della normale flora intestinale con sopravento o prevalenza di flora patogena che da un’infezione gastrointestinale. Infezione che si può sviluppare in maniera acuta o non immediatamente apparente a seguito generalmente di ingestione di cibi guasti o scarsa igiene, uso di potenti antiacidi o anche di alcuni antibiotici, con irritabilità che, permanendo i germi che l’hanno creata, poi si mantiene producendo i suoi effetti continuativamente o ciclicamente. Nell’intestino soprattutto nel colon o intestino crasso si produce gas ed anche muco con meteorismo e flatulenza, dolore addominale e diarrea liberatoria o alternanza di stipsi e diarrea. E’ opportuno in questi casi sospendere i latticini, prendendo dei probiotici (ex fermenti lattici) od uno yogurt ricco di probiotici, ma se non migliora è utile aggiungere un disinfettante/antibiotico per qualche giorno tipo la neomicina/bacitracina o la ciprofloxacina 500 mg 1 cp x 5-6 gg.,etc. SE i disturbi sono molto accentuati sarebbe bene far precedere la terapia da una coprocoltura, ma rararamente si riesce ad identificare il germe che ha creato il problema.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Sospetta celiachia?
20 Set 08 - claudio, 53 anni (id: 85257)
  gentile dott, volevo domandarle cosa è il glutine e quali sono i suoi danni? io sono elergico al glutine, i medici mi hanno detto che ho la Sospetta celiachia e mi hanno fatto unaa lista dei cibi che non dovrei mangiare. cosa significa Sospetta celiachia?
Sospetta celiachia alla sua età particolarmente e di sesso masclie non vuol dir nulla: o lo è(da anni) non lo è: veda di leggersi l’allegato.E POI NON SI ARRIVA AD 80 KG CON IMC di 28!! Indice di Massa Corporea - IMC o Indice di Quetelet (in inglese BMI, Body Mass Index) si misura dividendo il peso corporeo (in kg) per il quadrato della statura (in metri). I valori soglia di IMC consigliati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità per definire la condizione di sottopeso, normopeso, sovrappeso e obesità dell’adulto sono stati recentemente unificati per uomini e donne: IMC inferiore a 18,5 = sottopeso IMC compreso tra 18,5 e 24,9 = normopeso IMC compreso tra 25 e 29,9 = sovrappeso IMC maggiore di 30 = obeso
La malattia celiaca.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Diarrea da antibiotici
20 Set 08 - Maria, 16 anni (id: 85245)
  Salve, volevo domandarle una cosa..ho preso per circa due settimane due tipi diversi di antibiotici..augmentin e lincocin per colpa di un’infiammazione alla gengiva.Questi antibiotici me li ha prescritti il mio dentista; in primis mi ha prescritto le bustine di augmentin ma mi hanno portato diarrea,poi mi ha prescritto le capsule di lincocin e mi hanno fatto lo stesso effetto.Ho ripristinato la flora batterica con le enterogermine e poi sono stata bene.Dopo un paio di giorni mangiando di tutto..sono stata con dei dolori addominali,però di corpo non andavo liquido,più che altro e come se avevo aria nella pancia,che mi portava ad andare in bagno.Sono andata da una guardia medica che mi ha dett... continua >>
o che ho l’intestino infiammato e mi ha prescritto degli antibiotici per l’intestino le bimixin.Sinceramente ho molto paura che mi portino effetti indesiderati siccome sono antibiotici, quindi vorrei un suo parere.Un’altra cosa e che io soffro anche un pò di colite nervosa e in questo periodo sono sotto stress e abbastanza nervosa.Attendo una sua risposta.Grazie
Antiacidi ed antibiotici connessi a diarrea da Clostridium difficile e ad altri disturbi addominali per dismicrobismo intestinale Gli inibitori della pompa protonica (IPP) e gli agonisti dei recettori H2, come la ranitidina, sono associati ad un aumento del rischio di infezione da germi introdotti con i cibi o di crescita abnorme dei normali germi intestinali, particolarmente seria è però l’infezione da Clostridium difficile (C.D.). Recenti studi suggeriscono infatti un aumento dell’incidenza e della gravità della infezione intestinali poichè l’acidità gastrica, avendo un effetto antibatterico, costituisce uno dei principali meccanismi di difesa contro i germi patogeni normalmente ingeriti: la perdita della normale acidità dello stomaco è stata associata quindi alla colonizzazone o a contaminazione batterica del tratto gastrointestinale superiore che è generalmente sterile. Lo stesso si può avere con l’uso di antibiotici e cortisonici. La crescita abnorme di germi (detto anche colonizzazione batterica e/o dismicrobismo) ed in particolare del C.D.(che si rileva con il dosaggio dellla tossina botulinica nelle feci) sono caratterizzati da meteorismo, dolori addominali e spesso da irregolarità dell’alvo e talvolta da diarrea.naturalmente bisogna sospendere la terapia che si sta facendo. Il clostridium si elimina con la vancomicina od il metronidazolo.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Dolore ipocondrio/fianco sn
20 Set 08 - francesco, 26 anni (id: 85237)
  buongiorno io soffro di un fastidio appena sotto le costole sul fianco sinistro e ha volte scende,mi capita molto spesso che quel lato si lamenti come quando uno ha fame,no caisco però perche il fastidio o è nullo o aumenta tanto da diventare un dolore,non so se potete darmi qualche consiglio ve ne sarei molto grato.ringrazio per laiuto.
Potrebbe dipendere dal colon irritabile (spasmo, ristagno fecale o anche diverticolite), ma più probabilmente, da una irritazione muscolo-tendinea alla base dell’emitorace sn e addome medio inferiore omolateralmente (regione del fianco di sn). Quello del colon da un dolore profondo alla palpazione addominale nella sede del colon sin stesso, l’altro è più superficiale ed è irradiato ai muscoli laterali del’addome e si sposta posteriormente verso la colonna dorsale o muscoli paravertebrali, appunto come lei sente.Si tratta di una fibromialgia da irritazione dei nervi a partenza dalla colonna dorso-lombare o da contrazione muscolare: approfondisca tale eventualità.
Prof. Pier Roberto Dal Monte


Da 10016 a 10031 di 28258