Logo ricerca con Google


Sei in: Medico on-line > Gastroenterologia

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Gastroenterologia
Referenti
  • Prof. Pier Roberto Dal Monte

  • Già Direttore Dipartimento medico-chirurgico delle Malattie dell’apparato digerente. Ospedale Bellaria-Maggiore. Bologna.

  • Prof. Mauro Bortolotti

  • Professore a Contratto della Specializzazione in Medicina Interna
    Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Bologna
    Policlinico S. Orsola


ultimo aggiornamento 27/11/2014
 
Aree tematiche


Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 26/01/2007
Invia la tua domanda

Domande / Risposte
Infezione da HP
12 Nov 08 - domenico, 86 anni (id: 87804)
  Egr. professore: effettuata una gastroscopia il risultato è: gastroduodenite erosiva h p correlata. Il mio medico mi ha ordinato come farmaci: VECLAM 500 una cpr mattina e una cpr la sera per 7 gg ABBA 1 gr. una cpr mattina e una cpr la sera per 7 gg La domanda è questa secondo lei la cura che sto facendo va bene. E mi potrebbe spiegare cosa ho? Grazie mille Distinti saluti.
Egr. Sig. Domenico, lei ha una gastrite dovuta all’Helicobacter pilory. Nella cura prescritta manca l’IPP. Le allego un’altro schema di terapia. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
TERAPIA_HP.doc
Prof. Mauro Bortolotti


Polipo serrato
12 Nov 08 - Ins.DanteLuminiello, 77 anni (id: 87796)
  Mi sono sottoposto ad una colonscopia ed ecco la risposta. Cosa vuol dire nello specifico? cosa debbo fare? Non ho avuto dettagliate spiegazioni, mi hanno solo detto che é meglio che ripeta lesame. Comunque il referto dice: "Colon flessura epatica, biopsie endoscopiche:4 FR." Diagnosi: "frammenti superficiali di adenoma serrato con displasia ghiandolare di basso grado". Snomed: "T-59300 M-31400". Io non uso il computer per cui potete darmi il riscontro telefonicamente oppure utilizzanso lo e-mail del mio amico da cui trasmetto questo messaggio. Grazie per la cortese attenzione. Dante Luminiello - Jelsi (Campobasso)Tel.0874-710151
Egregio Signore, visto l’esame istologico ritengo che debba fare la polipectomia (se non l’ha già fatta) e se ha fatto la polipectomia ripetere la colonscopia tra un anno.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Colon irritabile?
12 Nov 08 - sara, 25 anni (id: 87795)
  buongiorno dottore vorrei sottoporle il mio problema ho 25 anni e già da 8 ho disturbi gastrointestinali tutto è peggiorato a luglio quando ho contratto il campilobacter curato con normix ed eritrocina ora esami feci negativi. Ho sempre forti dolori al colon non sempre nello stesso punto scariche improvvise anche 4 o 5 al giorno pancia gonfia con molto meteorismo mi sono rivolta ad un gastroenterologo ed ho fatto i seguenti esami ricerca uova e parassiti ok clostridium difficile ok elastasi fecale ok esami sangue ok esami tiroide ok intolleranza al glutine ok non mi ha fatto fare colon scopia perchè dice che essendo colon irritabile non ce ne bisogno .Tuttora assumo da tre mesi consecutivi d... continua >>
uspatal 2 volte a di codex 2 volte al di e relaxcol 2 volte al di.LE MEDICINE SEMBRA RISOLVANO PER UN PO POI RICOMINCIO A STARE MALE per lei cè bisogno di colon scopia ? e proprio colon irritabile? per la cura? Grazie di cuore
Gentile Sig.na Sara, lei probabilmente ha un colon irritabile, ma per averne la certezza deve escludere altre malattie organiche intestinali(vedi area tematica relativa per maggiori informazioni). Se è confermato il colon irritabile, tenga presente che noi stiamo effettuando uno studio controllato nell’ambito del Policlinico sugli effetti di un prodotto di origine vegetale sui sintomi del colon irritabile. Se è interessato a partecipare, mi può contattare al n. 051-307901. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti
Prof. Mauro Bortolotti

Stipsi e farmaci
12 Nov 08 - arianna, 49 anni (id: 87789)
  Volevo allegare una foto ma non è possibile. Su un sito, COLONIX.IT, è pubblicizzato un prodotto a base di fibre che fa uscire dallintestino cose mostruose, che ho visto anche su altri siti. Ma è vero e possibile che dentro il nostro intestino ci sia quella roba e che possa uscire? La ringrazio molto se vorrà rispondere, siamo in tante ad spettare.
Non sono altro che delle feci poichè il farmaco che mi segnala è soltanto un lassativo.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Gastroenterite
12 Nov 08 - Sara, 30 anni (id: 87788)
  Egregio Prof., 5 giorni fa ho contratto probabilmente una gastroenterite (vomito, diarrea acquosa, nausea, febbre 38,5°, dolori muscolari). La fase acuta si è risolta in un giorno ma tuttora permane un lieve senso di nausea e una sorta di desiderio di eruttare, anche a stomaco vuoto. E il normale decorso della malattia? Durante la fase acuta ho preso del Domperidone per la nausea, Neolactoflorene per la flora batterica e la Tachipirina per la febbre. Potrebbe indicarmi se ci sono eventualmente alimenti da evitare o da assumere con cautela?La ringrazio e la saluto
Gentile Sig.ra Sara, ciò che ha fatto dovrebbe essere sufficente assieme ad una dieta leggera. In caso contrario mi faccia sapere al n.051-307901 eventualmente. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Terapia MRGE
12 Nov 08 - Gianni, 48 anni (id: 87780)
  Gent.le professore a 35 anni ho avuto una piccola ulcera gastrica guarita con Omeprazolo e da allora soffro di gastrite (diagnosticata con lultina endoscopia come "gastrite cronica con una modesta ernia jatale con reflusso g.e.".Come terapia prendo sistematicamente 1 compressa di Esomeprazolo da 20 mg al giorno e la interrompo per un mese 2 volte lanno sostituendola con dei tamponanti per lacidità di stomaco. Ora il mio medico mi dice che continuando con questa cura cè il rischio di poliposi causata dal farmaco, aggiungo che anche prendendo lesomeprazolo ed aumentando la dose a 40 mg alinizio della primavera ma sopratutto in autunno delle giornate infernali come se avessi una pietra spigolos... continua >>
a nello stomaco e di riflesso poi mi duole anche la schiena. Le chiedo se esistono alternative alla mia situazione anche non farmacologiche. La ringrazio in anticipo per il tempo che mi dedica e le auguro una buona giornata.
Egr. Sig. Gianni, probabilmente la terapia della sua malattia da reflusso g.e.(vedi area tematica) è insufficente. Il rischio di poliposi è trascurabile rispetto al danno che si ha lasciando le cose come stanno. Le allego una terapia ed una dieta adeguata da seguire per 40 giorni. Se i disturbi non scompaiono, occorre fare una pHmetria esofago-gastrica di 24 ore "sotto trattamento" per vedere se vi è scarso effetto del farmaco sull’acidità gastrica ed eventualmente una bilimetria esofagea di 24 ore per vedere se vi è reflusso biliare. Valutare anche se vi è H.P. che va eradicato. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
TERAPIA_di__MRGE.doc
Dieta CUP 2000.doc
Prof. Mauro Bortolotti

Sospetta pancreatite da farmaci
12 Nov 08 - ELENA, 33 anni (id: 87779)
  Ho 33 anni. Sto effettuando una cura per HP+ con lucen 40, velamox e veclam. Ho effettuato le anali del sangue e mi hanno ricontrato: Amilasi pancreatica (valori di riferimento 0-53) 89 U/l Amilasi urinaria (valori di riferimento fino a 450) 718 U/24h lipasi (valori di riferimento 23-300) 328 U/l Possono questi farmaci alterare la funzionalità pancreatica? Cosa devo fare) Ho dolori addominali. Grazie per la disponibilità. la mia e-mail è dimartino@freemail.it n° di telefono 3495843027
E’ possibile che effettivamente i farmaci che ha preso le abbiano provocato una lieve pancreatite, faccia comunque un’ecografia addome superiore.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Dolori addominali
11 Nov 08 - Ferruccio, 68 anni (id: 87768)
  Soffro da anni di colon irritabile - Sono un po’ ansioso e molti anni fa ho sofferto di depressione, ben curata con i triciclici. Lievi ricadute curate con iperico. Assumo lorazepam (2-3 mg al giorno), consigliato anche per extrasistolia. Soffro di ipertrofia prostatica non particolarmente grave o fastidiosa. Ho una cisti di discrete dimensioni in un rene, dichiarata innocua e di tanto in tanto controllata, come la prostata. Da un paio d’anni soffrivo di dolori in una zona che va all’incirca dal fegato al testicolo destro solo al momento di coricarmi: ora i dolori sono aumentati e pressoché continui e nuovamente si accentuano in posizione seduta o sdraiata - in piedi si attenuano molto - sop... continua >>
rattutto se sono impegnato in lavori o attività di vario genere. Intestino irragolare, flatulenza ecc. Effettuata colonscopia: 2 piccoli polipi (asportati) di cui uno un po’ sospetto (rifare esame fra due anni). Nessuna cura (antispastici di vario tipo, Levopraid, probiotici ecc.) si è dimostrata efficace. Quel che mi lascia più preplesso è la forte accentuazione del dolore se mi siedo o mi sdraio (peraltro non ho dolori notturni). Mi può suggerire qualcosa? Grazie mille Ferruccio
Egr. Sig. Ferruccio, è probabile che i suoi disturbi dipendano dal colon irritabile, ma per averne la certezza deve escludere altre malattie organiche intestinali con altri esami oltre alla colonscopia (vedi area tematica relativa per maggiori informazioni). Se è confermato il colon irritabile, tenga presente che noi stiamo effettuando uno studio controllato nell’ambito del Policlinico sugli effetti di un prodotto di origine vegetale sui sintomi del colon irritabile. Se è interessato a partecipare, mi può contattare al n. 051-307901. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti
Prof. Mauro Bortolotti

Stipsi
11 Nov 08 - lorella, 35 anni (id: 87761)
  ho iniziato a soffrire di emorroidi dopo il mio primo parto 4 anni fa...ora si sono riproposte per il secondo avvenuto 3 mesi fa...è possibile che a distanza di mesi abbia ancora difficoltà a defecere e ogni tanto abbia un pò di sanguinamento? grazie
E’ possibile anche per la tensione, la perdita di sali etc. e veda di seguire i consigli che le allego.
La stitichezza.DOC
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Lieve gastrite subacuta
11 Nov 08 - Giuseppe, 34 anni (id: 87760)
  Da alcuni giorni dopo aver mangiato ho la sensazione di avere la bocca amara. Dopo alcune ore scompare ma si ripropone come mangio qualcosa
Durante il corso della vita si possono avere vari problemi addominali dalla cattiva digestione al dolore più o meno diffuso, sino alla diarrea. In genere questi problemi, specie se si è giovani,sono passeggeri e non cronicizzano:non tutto funziona sempre perfettamente o come idealmente si vorrebbe. Prima di pensare a situazioni catastrofiche o l’inizio di una malattia cronica, è opportuno valutare se si è abbondato sull’alimentazione o su una bevuta di troppo o si è mangiato qualche alimento potenzialmente non tollerato o non ben conservato (gastroenterite batterica)o anche si è incorsi in un’infezione virale. Si aspetti e si veda... ritornando anche alle normali (sane)abitudini.Ciò permette di guarire ed i disturbi passare da soli: se questi tuttavia continuano più di qualche settimana,malgrado i vostri buoni propositi, chiedete un parere medico, anche sul nostro sito.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Risposte già date
11 Nov 08 - LORIS, 39 anni (id: 87756)
  Buongiorno Dr. Dal Monte, (a causa del limite dei caratteri non posso riassumerle la mia condizione, ma se avrà la possibilità potrà consultare le precedenti domande che le ho posto e le Sue risposte, in modo da avere un panorama completo) ci siamo sentiti altre 3 volte, 85772,86627 e 87563, io avevo chiaro il panorama,ma Lei non poteva collegare i 3 quesiti alla stessa persona. Comunque i sintomi sono mini episodi di nausea, vomito, offuscamento della vista, inappetenza, irregolarità nelle evacuazioni, dolore al petto, eruttazioni, borbottii addominali, flatuescenza e continui sbadigli. In genere arrivano verso le 17/18 fino alle 20 circa, ho un senso di stomaco pieno e DI lenta digestion... continua >>
e (gli esiti della gastroscopia nella ultima domanda che le ho fatto). Sono in terapia con pantecta40 da 1 settimana circa, per ora non trovo differenza nei sintomi. Saluti
MI sembra di averle già risposto chiaramente, deve mangiar meno e dimagrire.Seguando anche gli altri consigli dati.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Diarrea postprandiale
11 Nov 08 - maria, 46 anni (id: 87752)
  quando mangio di più faccio diarrea, una sola scarica poi basta. sono in cura per reflusso gastrico infatti nei cambi di stagione assumo pantecta da 20mg e permotil
E’ possibile che abbia un dismicrobismo intestinale, in parte dovuto agli antiacidi su cui di seguito le invio qualche chiarimento.Antiacidi ed antibiotici connessi a diarrea da Clostridium difficile e ad altri disturbi addominali per dismicrobismo intestinale Gli inibitori della pompa protonica (IPP) e gli agonisti dei recettori H2, come la ranitidina, sono associati ad un aumento del rischio di infezione da germi introdotti con i cibi o di crescita abnorme dei normali germi intestinali, particolarmente seria è però l’infezione da Clostridium difficile (C.D.). Recenti studi suggeriscono infatti un aumento dell’incidenza e della gravità della infezione intestinali poichè l’acidità gastrica, avendo un effetto antibatterico, costituisce uno dei principali meccanismi di difesa contro i germi patogeni normalmente ingeriti: la perdita della normale acidità dello stomaco è stata associata quindi alla colonizzazone o a contaminazione batterica del tratto gastrointestinale superiore che è generalmente sterile. Lo stesso si può avere con l’uso di antibiotici e cortisonici. La crescita abnorme di germi (detto anche colonizzazione batterica e/o dismicrobismo) ed in particolare del C.D.(che si rileva con il dosaggio dellla tossina botulinica nelle feci) sono caratterizzati da meteorismo, dolori addominali e spesso da irregolarità dell’alvo e talvolta da diarrea.naturalmente bisogna sospendere la terapia che si sta facendo. Il clostridium si elimina con la vancomicina od il metronidazolo.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Allergia
11 Nov 08 - Luca-Cusani, 35 anni (id: 87747)
  10 Nov 08 - Luca-Cusani, 35 anni (id: 87696) La ringrazio per la risposta. Purtroppo l’allergologo ha già effettuato anche i test non alimentari, ma non è emerso nulla. Può suggerirci quali sono i test fondamentali da fare in questo caso? grazie mille Barbara Maccarrone
Egr. Sig.ra Barbara putroppo non so suggerirle altro, le crisi che ha avuto sono un problema allergologico. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Gastrite?
11 Nov 08 - lara, 33 anni (id: 87743)
  esito gastroscopia esame condotto fino al duodeno II porzione esofago regolare stomaco con aspetto iperemico con presenza di micropolipo sul fondo si eseguono biopsie multiple duodeno regolare. devo fare qualche terapia e preoccuparmi?
Gentile Sig.ra Lara, i dati forniti sono insufficenti per una diagnosi ed una adeguata terapia (mancano i sintomi e l’esito della biopsia). Se vuole può contattarmi successivamente. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti
Prof. Mauro Bortolotti

Diarrea
11 Nov 08 - Elena, 18 anni (id: 87739)
  Mi scuso anticipatamente se ho sbagliato la sezione cui inserire la domanda, che è un pogenerica. Dal novembre 2007 soffro, infatti, di colon irritabile che limita molto la mia vita sociale e aumenta lo stress. Per fronteggiare questo disturbo prendo 1, massimo 2, volte alla settimana un antidiarroico, farmaco senza il quale farei davvero fatica a vivere normalmente. Giovedì sera, a causa di una cistite, ho assunto una busta di"Monuril" che già anni passati mi aveva causato delle scariche(effetto collaterale presente sul foglio illustrativo e che, da quanto letto, sarebbe dovuto terminare in pochi giorni). Stamattina(martedì) ho assunto una pastiglia di antidiarroico che non ha avuto grandi... continua >>
effetti visto che più di una volta sono dovuta andare ai servizi; in più, tuttora, avverto un po di dolore e una sensazione di "pienezza". Quello che le volevo chiedere è se assumere 1/2 volte alla settimana un antidiarroico può farmi male e se, il mancato effetto del farmaco, possa essere correllato a qualcosa(come ad una assuefazione del mio fisico a questo medicinale).La ringrazio anticipatamente per il suo aiuto p.s.:il peso è dovuto ad un fattore genetico.
Le cause della diarrea sono numerose ma per restringere il campo potrebbe essere una malattia infiammatoria o una celiachia, faccia i sottoindicati test.1 Per Malattie infiammatorie intestinali (Rettocolite ulcerosa, m.di Crohn) o Indici Infiammatori: Emogramma con piastrine -VES - TAS - Protidemia totale e protidogramma - Fibrinogeno - Alfa- 1- glicoproteina o Proteina C – ANCA + Sideremia-Ferritina. 2.Per Celiachia: Anticorpi antigliadina / endomisio/ transglutaminasi tissutale
La diarrea.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte


Da 10016 a 10031 di 28829