Sei in: Medico on-line > Gastroenterologia

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Gastroenterologia
Referenti
  • Prof. Pier Roberto Dal Monte

  • Già Direttore Dipartimento medico-chirurgico delle Malattie dell’apparato digerente. Ospedale Bellaria-Maggiore. Bologna.

  • Prof. Mauro Bortolotti

  • Professore a Contratto della Specializzazione in Medicina Interna
    Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Bologna
    Policlinico S. Orsola


ultimo aggiornamento 22/02/2013
 
Aree tematiche


Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 26/01/2007
Invia la tua domanda

Domande / Risposte
Vermi
17 Set 08 - monik, 33 anni (id: 84991)
  salve dottore mi scusi anche per la mia domanda ma qualche giorno non volendo mi sono mangiata qualche verme forse uno, due poi un altro trovato nel piatto. Ora non so se stava nelle patate o nei fagiolini o persino nel pane portato da fuori, ma in questo caso si possono prendere i vermi? dovrò fare un analisi delle feci grazie per la sua risposta credo che li abbia mangiati anche mio figlio che a 5 anni.
I vermi che ha mangiato non sono parassiti e non attechiscono al tubo digerente dove vengono digeriti come la carne,
Prof. Pier Roberto Dal Monte


Diverticolosi complicata
17 Set 08 - Renato, 59 anni (id: 84989)
  Buongiorno, ho subito da ca tre mesi una - resezione del sigma - a causa di "diverticolite oerforata" (intervento i n laparascopia) Ho avuto pareri discordanti circa il mantenimento (a vita) di cure antibiotiche - Ciproxin 500 - 10 gg. ogni mese (la maggior parte di diverticoli si trovavano nel sigma ma altri sparsi per tutto il colon sono rimasti) Il mio chirurgo, a questa domanda, ha risposto in maniera "evasiva". Potrei avere un Vostro parere in merito. ? GRAZIE Cordiali saluti
Si veda l’allegato, E’ bene fare antibatterici ma dieci giorni al messe di ciprofloxacina mi sembra un pò esagerato. Importante è tenere libero l’alvo.
Divericolosi_e_Diverticolite.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Sospetta disfagia alta
17 Set 08 - marilena, 40 anni (id: 84972)
  da 4 mesi ho ricominciato a soffrire di stomaco.ho sempre la sensazione di avere un nodo alla gola, e cerco sempre di ingoiare per mandarlo giù senza riuscirci. ogni tanto avverto un dolore retrosternale e un dolore sotto la costola sinistra.non ho difficoltà ad ingoiare e neanche a digerire. devo mangiare poco e spesso altrimenti mi sento troppo piena e poi sto male.ho sempre sofferto di stomaco in passato ho fatto 5 gastroscopie ,lultima 3 anni fa,dove nella prima mi hanno trovato in pò di esofagite, il pylori e in pò di gastrite ma nelle successive a parte un pò di iperemia gastrica nientaltro. questa volta però sto assumendo il pantorc da 20 da due mesi e non si è risolto ancora niente.h... continua >>
o paura di avere qualcosa di brutto e siccome sono iperansiosa vorrei un suo consiglio.
Non mi sembra nulla di organico e non vedo l’utilità di un’ennesima gastroscopia. Faccia eventualmente una valutazione con pasto baritato del passaggio del cibo attraverso il faringe e l’esofago. Specie se il dolore compare mentre passa il cibo.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Sospetta MRGE
17 Set 08 - Marco, 25 anni (id: 84966)
  Da un mese a questa parte, dopo aver sofferto di mal di stomaco causa sovraddosaggio FANS, ho iniziato a soffrire di disturbi all’esofago. Avverto un groppo in gola, dolori intercostali e a volte difficoltà nell’ingerire cibo. Ho fatto la gastroscopia dalla quale nn è emerso nessun problema eccetto il cardias incompetente, il quale mi hanno spiegato provoca reflusso acido e quindi dolori all’esofago, sebbene quest’ultimo non sia ancora stato danneggiato. Mi hanno somministrato omeoprazolo 20mg per 3 mesi. Lo sto prendendo da una settimana, ma i sintomi non se ne vanno. Forse è un po’ presto, ma mi chiedevo: già che l’omeoprazolo non agisce sulla causa della malattia ma cioè riduce solo l’a... continua >>
cido nello stomaco, nel momento in cui io smetta di assumerne tornerò ad avere fastidi? Dovrò quindi assumerne per sempre? Quali sono le cause di questa disfunzione del cardias? E’ possibile che torni a funzionare correttamente o l’incompetenza è irreversibile? Cosa posso fare dunque? Vi ringrazio moltissimo per l’attenzione e vi auguro una buona giornata. Marco
Si veda l’allegato. Il cardias può tornare normale.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Dispepsia
17 Set 08 - Lina, 36 anni (id: 84961)
  E da qualche mese che ho mal di stomaco ma non voglio fare la gastroscopia motivo trauma dopo averla fatta 4 anni fa esitohelicobacter Pylori positiva Duodeno potologico esofago patologico cosa posso fare x questo problema evitando la gastroscopia?
Faccia il controllo dell’Helicobacter con il breath test e segua i consigli che le allego. la gastro non mi pare necessaria per ora.
Trattamento_della_dispepsia_(3)_.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Intoleranza al calcio
17 Set 08 - giovanni, 42 anni (id: 84959)
  Gentile professore ho in atto una forte irritazione allo stomaco forse dovute a delle bustine di calcio che miporta gonfiore stipsi vomito giramento di testa nausea disgusto secondo leie una cosa passegera ? e come posso comportarmi con questa irritazione grato di una sua risposta le invio cordiali saluti
Evidentemente non sopporta il calcio sottoforma efferevescente, provi a prenderlo sotto altra forma ed eventualmente mangi più formaggi.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Dispepsia occasionale
16 Set 08 - letizia, 26 anni (id: 84951)
  Salve.E un paio di giorni che soffro di bruciori di stomaco e un certo fastidio nella parte sinistra e destra dell’addome.A momenti ho un pò di nausea e facile eruttazione.Cosa può essere? Premetto che sto passando un bruttissimo periodo...è morto mio padre solo una settimana fa...quindi ho pensato che potesse essre un pò di stress e nervosismo. In attesa di una sua risposta la ringrazio anticipatamente.
Durante il corso della vita si possono avere vari problemi addominali dalla cattiva digestione al dolore più o meno diffuso, sino alla diarrea. In genere questi problemi, specie se si è giovani,sono passeggeri e non cronicizzano:non tutto funziona sempre perfettamente o come idealmente si vorrebbe. Prima di pensare a situazioni catastrofiche o l’inizio di una malattia cronica, è opportuno valutare se si è abbondato sull’alimentazione o su una bevuta di troppo o si è mangiato qualche alimento potenzialmente non tollerato o non ben conservato (gastroenterite batterica)o anche si è incorsi in un’infezione virale. Si aspetti e si veda... ritornando anche alle normali (sane)abitudini con una dieta leggera.Ciò permette di guarire ed i disturbi passare da soli: se questi tuttavia continuano più di qualche settimana,malgrado i vostri buoni propositi, chiedete un parere medico, anche sul nostro sito.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Sospetta sabbia biliare
16 Set 08 - lucia, 21 anni (id: 84948)
  Salve,un mese fa o fatto le analisi del sangue e o visto che avevo le transaminasi a 235 vedevo anche presenza di ittero negli occhi,o fatto 2 volte lecografia il fegato e il pancreass sono nella norma,o ripetuto le analisi dopo 7 giorni e le transaminasi erano scese a 165,mi vengono spesso coliche con forti dolori alle spalle e sotto al seno,o fatto 7 giorni di cura con lo spasmex e lantibiotico unasyn e poi il deursil x un mese,dopo la cura mi sono ritornate le coliche ma il dolore e piulieve a dimenticavo o ripetuto le analisi e le transaminasi sono scese a 40,volevo chiedere a voi un consiglio sulla mia alimentazione cosa evitare x nn farmi venire piu le colice e sapere se si puo e vitar... continua >>
e questa operazione (o partorito da 1 mese e mezzo col cesareo)e vorrei evitare unaltra operazione,grazie mille aspetto una vostra risposta.
E’ possibile che, anche a seguito dellla gravidanza, abbia avuto la formazione di sabbia biliare che ha eliminato provocandole però una colangite. Continui con l’urso e segua i consigli che le allego.
La_calcolosi_biliare.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

HCV ed interferone
16 Set 08 - ornella, 44 anni (id: 84938)
  Buongiorno professore,ho intrapreso la terapia interferonica il 21 settembre 2007,il mio genotipo era il 3 e dopo il primo mese mi ero già negativizzata. Alla sospensione della terapia durata 6 mesi ero ancora negativa....idem dopo 3 mesi...ieri sono andata a fare lesame del 6 mese e lemocromo era perfetto,ma mentre le alt erano a 31 le ast erano a 48. Per avere lesito relativo alla carica virale dovrò aspettare ancora 10 giorni e sono veramente preoccupata,lei pensa che potrei essere nuovamente positiva dato linnalzamento delle ast? Io lo so che non ha la sfera di cristallo,ma la prego mi dica cosa ne pensa...attendo con ansia una sua risposta e la ringrazio e mi scuso per il disturbo.
In genere il genotipo 3 risponde bene alla terapia, non si può dir nulla soltanto dalle transaminasi.Deve aspettare l’HCV-RNA
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Malattia da reflusso
16 Set 08 - michela, 27 anni (id: 84937)
  gentile dottore avrei bisogno di un consiglio dopo alcuni mewsi di dolore allo stomaco e retrosternali sono andata dal mio medico di base che mi ha doagnosticato senza farmi alcune esame un ernia iatale e mi a prescritto dellle pastiglia(antra)ora per qualche giorno il dolore mi e passato ora e tornato piu intenso di prima secondo lei che visita devo fare per essere sicura che si tratti di ernia iatale e non di qualcos altro?grta fin d ora per l attenzione prestata le porgo i miei piu distinti saluti
Gentile Sig.na Michwela, probabilmente la terapia della sua malattia da reflusso g.e. che è responsabile dei dolori retrosternali (vedi area tematica) è stata insufficente. Occorre però escludere altre malattie con una gastroscopia. Eventualmente mi faccia sapere al n. 051-307901 Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

RCU
16 Set 08 - orazio, 36 anni (id: 84934)
  salve prof: in tanto grazie sempre delle sue risposte, ho ripetute le analisi dopo una settimana è ho trovato una lipasi ha 600 dovuto ad azatioprina, il quale sospeso, fra 20-30 giorni farò un controllo analisi, intanto le volevo dire che appena cambiato la temperatura ho avuto una leggere riacutizazione rcu sempre retto singma, sto provando solo con farmaci topici ad ess, topster supposte, asacol supposte, la sera pentacol 1,5 più topster 3g clisma 100cc di acqua. secondo lei protrei risolvere x ora la rcu? è vero che il cambiamento di tempo influiscono su queste malattie? grazie di tutto l... continua >>
a saluto.
Visto i cattivi risultati con l’azatioprina riprenda la cura precedente o comunque senta da chi la segue, se è opportuno fare l’infliximab
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Colon irritabile?
16 Set 08 - elena, 18 anni (id: 84927)
  Gentile dottore, mi chiamo elena e le ho scritto il 14 settembre. Il colon irritabile, come lei mi ha chiesto, è certo...nel senso che parassiti, intolerranze alimentari e malatie varie sono già state escluse da esami effettuati nei primi mesi dellanno; questo era il motivo delle mie domande, cui cercavo una risposta urgente! le sarei davvero grata se potesse aiutarmi. cordiali saluti
Gentile Sig.na Elena, è probabile che i suoi sintomi siano riferibili colon irritabile, anche se dovrei prendere visione di tutti gli esami, e come le ho detto noi stiamo effettuando uno studio controllato nell’ambito del Policlinico sugli effetti di un prodotto di origine vegetale sui sintomi del colon irritabile. Se è interessata a partecipare, mi può contattare al n. 051-307901. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti
Prof. Mauro Bortolotti

MRGE e fundusplicatio
16 Set 08 - MARILENA, 37 anni (id: 84917)
  Gentile Dottore in riferimento alla sua risposta n. 84870 volevo comunicarle che ho svolto ripetute volte la gastroscopia che evidenziato l’ernia ma non il reflusso. Soffrendo di questo problema da quando ero giovane non ho mai trovato una cura adeguata e’ per questo che pensavo all’operazione. Ora il medico che mi segue mi consiglia la ph metria. Grazie per la disponibilita’.
Faccia pure la pHmetria e se positiva consulti un buon chirugo laparoscpista. Sappia anche che l’intervento non sempre risolve definitivamente il problema.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Diarrea biliare?
16 Set 08 - Lorenzo, 21 anni (id: 84906)
  Salve,vorrei chiederle una opinione.Ormai soffro da agosto 2006,quindi 2 anni,di diarrea accompagnata da forti dolori.Questa diarrea "anomala" mi colpiva prevalentemente dopo mangiato,nello specifico in tutto il colon sentivo forti dolori finche non arrivava l’evacuazione solide e poi liquide.Nella sezione dell’ileo terminale-colon ho sempre sentito gorgoglii,come se ristagnasse liquido.I dolori però mi accompagnano anche la mattina e anche in piena notte con forti dolori,e ho crampi anche durante il giorno.Ho fatto analisi del sangue,ricerca di parassiti,ecografia addominale,antiendomisio,test elctobacter,lattosio,allergie alimentari,gastro,colonscopia e altro..Alla fine ho saputo che ho fe... continua >>
gato e milza ingrossati(non bevo ne fumo) e ho la bile spessa,e ho allergie a 25 alimenti o più,ma niente lesioni al colon o allo stomaco.Ho fatto una terapia evitando del tutto gli alimenti allergici ma ho ottenuto poco niente risultati.Così ho deciso di prendere Questran,sequestrante di acidi biliari,3 bustine al giorno,e mi sembrava quasi di rinascere rispetto a prima.Non mi svegliavo di notte,le feci erano solide,anche se avevo crampi dopo mangiato e ancora di mattina e anche quando evacuavo solido sentivo dolore al colon,come se le feci "bruciassero".Però era già un passo avanti,ma dopo tre mesi il Questran sembra aver perso efficacia e i crampi sono aumentati.Ho deciso adesso di sospenderlo e sono tornato alla situazione iniziale. Secondo voi cosa potrebbe essere?
Egr. Sig. Lorenzo, potrebbe essere una diarrea da sali biliari per una disfunzione colecistica. Sarebbe utile un ecografia colecistica con pasto colecistocinetico. Oltre al questran può provare anche il sucralfato e l’acido ursodesossicolico oltre ad antispastici delle vie biliari. Mi faccia sapere. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Laparocele
16 Set 08 - Rita, 45 anni (id: 84904)
  Buongiorno, vorrei cortesemente sapere se si può citare per danno lospedale che ha operato mio marito 10 anni fa per un tumore alla vescica. La vescica gli è stata asportata ed è stata ricostruita con una parte di intestino. Il problema emerso pochi mesi dopo lintervento è stato un gran bozzo "laparocele" comparso alla bocca dello stomaco. Il medico conferma che era dovuto ad una cattiva staturazione e quindi dovrebbe sottoporsi a novo intervento per risolvere il problema. A mio marito inoltre è comparso uno strano mal di testa che si presenta alla sera dopo cena a volte a destra a volte a sinistra con intervalli di tempo irregolari e non costante. Potreste darmi un consiglio? Ringrazio Co... continua >>
rdialmente
Mi sembra che non vi sia affatto spazio per contenziosi, il laparocele si forma per cedimento naturale della parete che può accadere dopo un intervento piuttosto serio. E non badi a consigli poco ponderati di colleghi con poca esperienza. Non è forse meglio pensare che suo marito è ancora vivo ed ha funzioni naturali pressochè normali? Per la cefalea è meglio che consulti un neurologo.
Prof. Pier Roberto Dal Monte


Da 10016 a 10031 di 28207