Sei in: Medico on-line > Ostetricia e Ginecologia

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Ostetricia e Ginecologia
Referenti
Attualmente non è presente nessun referente che possa rispondere per la specialità Ostetricia e Ginecologia

ultimo aggiornamento 16/09/2008
 
Aree tematiche

ultimo aggiornamento 17/09/2008
Invia la tua domanda

Domande / Risposte
sonda per ecografia
14 Feb 06 - silvia, 31 anni (id: 28575)
  Gent.mo Dottore, ieri mi sono recata da un nuovo ginecologo (il mio era in ferie e avevo urgenza di una visita). Mi ha eseguito un ecografia interna, con una specie di sonda. Quando questo genere di eco la eseguiva il mio solito ginecologo sulla sonda metteva una sorta di protezione che cambiava x ogni paziente (evidentemente per igiene). Il medico dove sono andata ieri, invece, ha inserito la sonda senza alcuna protezione. Mi domando... è normale? E poi come viene sterilizzata? Vi prego di rispondere. Grazie
La sonda ecografica transvaginale va ricoperta da guanto chirurgico che viene cambiato per ogni paziente.
Prof. Paolo Busacchi


cisti parauretrale
13 Feb 06 - anna, 53 anni (id: 28544)
  mi è stata diagnosticata una ciste vaginale sita a ridosso dell’uretra delle dimensioni di 2 cm,molle al tatto.Quale decorso attendere e quale terapia ,se esiste intraprendere? Non è dolorosa ma stando in piedi tende un poco ad uscire dall’orifizio vaginale e un poco si sente.Con le mestruazioni tende a sentirsi di più,che fare?Il ginecologo da me interpellato mi ha detto di tenerla,se mi darà fastidio la potrò togliere.Che tipo di intervento è?Che decorso mi posso attendere?Grazie anticipatamente
Gentile sig,ra Anna, le cisti parauretrali possono venire incise esattamente come quelle più conosciute del dotto del Bartolini(situate invece in basso a lato della commessura vulvare posteriore) con una piccola anestesia locale ed ambulatoriamente. Si procede quando sono di qualche fastidio alla paziente.
Dott. Giulio Gandolfi Colleoni

Perdite ematiche atipiche.
12 Feb 06 - anna, 38 anni (id: 28471)
  Egr. Dott. Colleoni da circa 20 anni soffro di continue perdite ematiche durante il ciclo. Queste perdite non si verificano solo a metà del ciclo, ma durante tutto l’arco del mese. La situazione migliora quando assumo la pillola, ma 3-4 mesi dopo la sospensione del farmaco ricomincio a soffrire di perdite ematiche. Recentemente ho eseguito un prelievo di sangue per valutare la quantità di LH (ormone luteotrop), FSH (ormone follico-stimolante, progesterone, estradiolo e prolattina. Va precisato che l’esame è stato fatto il 3 febbraio u.s. e la mestruazione l’avevo avuta l’11.01.06. Le riporto l’esito dell’analisi: LH 5,1 FSH 3,6 progesterone 8,93 estradiolo 140,01 prolattina 32,0. Le p... continua >>
reciso, per correttezza di informazioni, che non ho avuto figli, il 09.10.02 ho fatto una revisione uterina perchè in il pap test ha rilevato la presenza di AGUS; recentemente ho fatto un’ecografia pelvica che non ha riscontrato alcuna anomalia nelle ovaie e nell’utero; faccio molto sport (2 v.la settimana 50 min. di corsa e 2 ore di funky la settimana in palestra). Non so se Le può interessare, ma nonostante la mia attività sportiva e una corretta alimentazione, negli ultimi 6 mesi sono ingrassata di circa 3 kg.. La ringrazio infinitamente per il tempo che vorrà dedicarmi! Distinti saluti Anna s.
Gentile sig,ra Anna, dalle indagini elencate mancano 2 accertamenti indispensabili per la valutazione delle perdite ematiche atipiche: la valutazione della funzionalità tiroidea e l’isteroscopia. Tra le cause più frequenti dei disturbi da lei dichiarati vi sono infatti il malfunzionamento, anche modesto, della tiroide,la presenza di polipi endometriali o piccoli miomi sottomucosi che possono sfuggire ad una ecografia ma non ad una isteroscopia.
Dott. Giulio Gandolfi Colleoni

adenomioma
12 Feb 06 - katia, 21 anni (id: 28449)
  gentilissimo dottore nel luglio 2005 ho subito lasportazione parziale dell utero per un adenomioma.sono ancora in attesa del esame istologico definitivo dovrei preocuparmi?ho solo l’estemporaneo dove dice che la formazione e costituita da una componente epiteliale presentata da ghiandole ramificate prive di atipie nucleari(centrale nella formazione di diametro maggiore ove costituisce pertanto un vero lume)circoscritte da una componente stromale di aspetto leiomiomatoso prive di atipie e di figure mitotiche..vorrei tanto un suo parere e consiglio visto che non ho più il ciclo mestruale ma in compenso ho sempre brutte infezzioni e forti dolori.la ringrazio
Gentile sig.rina Katia, dovrei sapere qualche cosa di più sul tipo di intervento a cui è stata sottoposta. Richieda la copia della cartella clinica dove senz’altro risulterà anche l’esame istologico definitivo. L’esame estemportaneo sembra di capire che escluda patologia maligna, ma per rispondere sul perchè non ci sono le mestruazioni devo sapere meglio di quale intervento stiamo parlando Cordiali saluti.
Dott. Giulio Gandolfi Colleoni

ovulazione
11 Feb 06 - patrizia, 44 anni (id: 28393)
  Gentile dottore vorrei sapere se è possibile che durante l’ovulazione mi insorga anche un fastidioso mal di schiena ho anche dei doloretti al basso ventre delle piccole perdite di sangue e mi sembra di avvertire un fastidio che non so spiegare alle gambe.Ho eseguito il pap test a settembre ed è negativo ho anche fatto una ecografia vaginale senza riscontri.Il mio ginecologo mi rassicura ma io sono preoccupata.Grazie della risposta
Gentile sig.ra Patrizia, mi aspetterei proprio da una infermiera che la rassicurazione del ginecologo di fiducia fosse sufficiente! Non ho nulla da aggiungere alla rassicurazione del suo ginecologo.
Dott. Giulio Gandolfi Colleoni

leucorrea
3 Feb 06 - loredana, 30 anni (id: 27775)
  Buongiorno, prego questa informazione, l`eccesso di muco (perdite vaginali) trasparente-biancastro a volte un po giallastro, e sempre preoccupante o puo essere fisiologico? Grazie
Le perdite vaginali sono spesso espressione di una produzione di liquido da parte delle pareti vaginali (la mucosa rimane infatti umettata per la produzione di liquidi da parte di alcune ghiandole presenti in prossimità della vagina); ad esempio in vicinanza dell’ovulazione è tipico vedere una modificazione del muco. Quando le secrezioni sono invece abbondanti e fastidiose (dolore, prurito, cattivo odore) sono spesso da riferire a infezioni vaginali, che spesso non sono altro che un iper-sviluppo di germi normalmente presenti in vagina. In questo caso è buona regolare riferirsi al proprio ginecologo per una terapia specifica. cordiali saluti
Dr. Pierandrea De Iaco

dolore alrapporto
25 Gen 06 - Antonella, 22 anni (id: 27197)
  ho iniziato da poco ad avere rappporti sessuali, il primo è stato doloroso e con molta perdita di sangue, probabilmente l’imene era molto spesso e vascolarizzato..ora la domanda è: dopo due mesi i rapporti continuano ad essere dolorosi, anche se sono rilassata e lubrificata e l’ingresso non è stretto. il motivo è che il punto in cui si uniscono le piccole labbra sotto crea come una membrana, tipo un filetto, che con lo sfregamento si lede sempre, o anche solo ad aprire con le mani le grandi labbra, si crea un taglietto nel mezzo. in farmacia mi hanno dato una crema (fitostimoline) che mi ha fatto rimarginare completamente la microlesione in un paio di giorni...nonostante cio’ al rapporto suc... continua >>
cessivo è successo di nuovo (aggiungo che dopo l’avvenuta penetrazione non ho piu’ alcun dolore, perchè è solo quel filetto a dare problemi, perchè si taglia...)...ho avuto una visita ginecologica (con ecografia transvaginale) il mese scorso e la ginecologa non ha notato niente di anomalo, ma non so se questo "filetto" è normale...crede che ci sia bisogno di fare un piccolo intervento per "tagliare" questa membrana, o la situazione si normalizzera’ con i successivi rapporti? grazie Antonella
Cara Antonella, è probabile che il dolore al rapporto sia dovuto alla persistenza di piccolo setto imenale. Consiglio visita ginecologica chirurgica per eventuale asportazione. Distinti saluti Prof.Paolo Busacchi
Prof. Paolo Busacchi

dolore addominale
24 Gen 06 - Ester, 40 anni (id: 27070)
  Gentile Professore, ho 40 anni e da circa sei mesi soffro di un dolore all’ovaio destro (leggermente, ma poco, piu’ in basso). E’ un dolore "perforante" e persistente. Ho notato una ricorrenza piuttosto regolare: inizia quando iniziano le mestruazioni (ho il ciclo regolare) e finisce circa una settimana dopo la fine del ciclo. A circa 5, 6 giorni dalla fine del ciclo, non persiste durante il giorno, ma inizia a manifestarsi alla sera molto tardi o a tarda notte, molte volte verso le prime ore del mattino (intorno alle 3.00, le 4.00 di mattina). Se prendo un antinfiammatorio scompare. Da quello che percepisco sento che questa "infiammazione" coivolge anche vescica (alle 4 di notte mi alzo pe... continua >>
r urinare, sento un po’ di sollievo, ma il dolore all’ovaio rimane) e intestino (aumenta la stitichezza e in generale lo stimolo è doloroso, nella parte destra). E’ veramente strano, secondo lei che cos’è? A che specialista devo rivolgermi? Grazie infinite Cordiali Saluti Ester
La prima cosa da fare è una ecografia pelvica transvaginale. Poi farsi visitare dal ginecologo di fiducia.
Prof. Paolo Busacchi

rapporto non protetto
23 Gen 06 - marianna, 19 anni (id: 27005)
  ho avuto un rapporto cn il mio ragazzo senza preservativo ed eravamo preoccupati xkè è la prima volta ke nn avevamo usato il preservativo.il giorno dopo mi è venuto il ciclo anke se in anticipo.devo preoccuparmi?
Nessuna preoccupazione
Prof. Paolo Busacchi

ASCUS
22 Gen 06 - rita, 59 anni (id: 26941)
  nel corso di uno screening ginecologico mi è stato diagnosticato un ascus e sto effettuando una terapia eutrofizzante, come mi è stato consigliato. il mio ginecologo mi è parso alquanto contrariato dal risultato dell’esame, anche se mi ha rassicurato. vorrei saperne di più. Grazie dell’attenzione e cordiali saluti
gentile sig.ra Rita, ASCUS significa: Atypical Squamous cells of Undetermined Significance. In pratica significa che il suo pap test non è risultato chiaro. La percentuale di ASCUS in donne sane non dovrebbe superare il 7% ma può aumentare molto in presenza di infiammazione. Cordiali saluti.
Dott. Giulio Gandolfi Colleoni

dolore al rapporto
21 Gen 06 - anna, 20 anni (id: 26926)
  Salve,durante il rapporto sento un fastidio nella vagina dovuto a una specie di granello.Dovrei proccuparmi?cosa potrebbe essere?
Consiglio di eseguire una visita ginecologica.
Prof. Paolo Busacchi

Cisti mucinosa e rettorragia.
20 Gen 06 - anna, 36 anni (id: 26851)
  Egr Dott. sono stata operata in laparoscopia per cisti ovarica mucinosa ben 2 volte in sette mesi di distanza.Nonostante il tentativo con la pillola in continuo x 6 mesi la seconda volta si è riformata e sempre di grosse dimensioni (11 cm).Ora dopo l’intervento da circa un mese ho problemi all’intestino e sanguino durante la defecazione.Vorrei un suo parere circa la possibilità che si riformi la ciste e un consiglio su come affrontare il problema intestinale. La ringrazio
Gentile signora Anna, non sono competente a rispondere sul suo intestino dove il suo medico di base sarà senz’altro esaustiv. Per quanto concerne la cisti mucinosa ritengo non dovrebbe più riformarsi. Cordiali saluti.
Dott. Giulio Gandolfi Colleoni

polipo endometriale
20 Gen 06 - anna, 46 anni (id: 26828)
  Egr.dottore, con un egografia transvaginale mi hanno riscontrato un piccolo polipo endrometriale, più 3 piccole formazioni cistiche liquide all ’ovaio destro su.Il ginecologo mi ha prescritto delle analisi del sangue e in seguito mi darà una cura ormonale. Se il polipo non regredisce bisogna toglierlo altrimenti può trasformarsi in maligno,così mi ha detto.Non voglio fare cure ormonali,non voglio fare niente,morirò se non mi curo? Gradirei un suo parere. Grazie.
Gentile sig.ra Anna, dia retta al suo ginecologo. Faccia gli esami e le cure prescritte. Se le viene consigliato di asportare il polipo , lo faccia: l’ecografia può evidenziare un problema, ma non può fare una diagnosi così precisa come invece si può fare con l’esame istologico sul polipo asportato. In genere si tratta comunque di patologie benigne. Cordiali saluti
Dott. Giulio Gandolfi Colleoni

"brufoli" vulvari
19 Gen 06 - Maria, 31 anni (id: 26816)
  Fino a qualche mese fa in genere pochissimi giorni prima del ciclo mestruale sulle piccole labbra mi usciva una sporgenza simile ad un brufolo sotto pelle che rientrava nel momento in cui mi arrivava il ciclo.Questo mese invece me ne sono usciti tre di questi "brufoli" uno vicino all’altro determinando un gonfiamento di una delle piccole labbra e non sono rientrati a ciclo arrivato.Ho un bruciore insopportabile ed è chiaro che c’è un’infezione.POtrei sapere di cosa potrebbe trattarsi prima di effettuare qualsiasi visita?Grazie
Gentile sig.ra Maria, il disturbo da lei lamentato potrebbe essere riferito ad una follicolite o a condilomi. Le consiglio di farsi visitare dal Ginecologo per avere una diagnosi precisa che ovviamente non può essere fatta altrimenti Cordiali saluti
Dott. Giulio Gandolfi Colleoni

Displasia cervicale
19 Gen 06 - Cristina, 42 anni (id: 26763)
  Buongiorno Dottore , con la presente chiedo un suo gentile parere relativamente al problema che dovrò affrontare. Non ho figli. Purtroppo per mia superificialità mi sono sempre trascurata da un punto di vista ginecologico e non so dire a quando risalga il mio ultimo pap-test prima degli ultimi accadimenti (certamente a più di 15 anni fa..). 27/05/2005 Esame Istologico frammenti cervicali con cin 2-3 estesa alle cripte ghiandolari endocervicali. Evidenza di effetto citopatico da HPV (16+) 01/07/2005 Conizzazione con ansa diatermica Esito istologico (cono portio) Cono di portio con cin 2-3 estesa alle cripte ghiandolari endocervicali Evidenza di effetto citopatico da HPV (16+) ... continua >>
Lesione sul margine endocervicale libero Esito istologico (canale cervicale) Frammenti cervicali con cin 2-3 estesa alle cripte ghiandolari Evidenza di effetto citopatico da HPV Margine libero 14/10/2005 Controllo PAP-TEST + COLP-BIOPSIA PAP TEST : ENDOCERVICITE ESAME ISTOLOGICO: Frammenti cervicali con cin 2-3 estesa alle cripte ghiandolari endocervicali Evidenza di effetto citopatico da HPV Presenza inoltre di metaplasma squamosa e flogosi cronica 15/11/2005 ripetuto PAP TEST endocervicite –ascus-agus 30/12/2005 COLPOSCOPIA+BIOPSIA A B Biopsia portio h.6-h 12 C Biopsia endocervice A-Metaplasia squamosa di tipo maturo ed intensa flogosi cronica attiva ed estesamente erosiva; mucosa endocervicale con focale iperpalsia micro-B-Condiloma piatto da HPV, con displasia moderata (CIN2), talora di tipo cheratinizzante ed in parte estesa ai colletti ed agli sfondati ghiandolari, su metaplasma squamosa matura di tipo spesso; discreta flogosi cronica attiva ed in parte erosiva C-Condiloma piatto da HPV, con displasia grave (CIN3)in parte estesa ai colletti ed agli sfondati ghiandolari su metaplasia squamosa matura di tipo spesso e con componente di tipo incompleto; endocervice. COnizzazione chirurgica o asportaz.utero? Queste le due indicaz.che ho...
In considerazione della complessità della sua problematica che si intreccia con il desiderio di prole, è indispensabile un franco confronto con il suo ginecologo per valutare i pro(più ipotetici che reali) ed i contro ( molto più consistenti) riguardo alla conservazione del suo utero.
Dott. Giulio Gandolfi Colleoni


Da 981 a 996 di 1026