Sei in: Medico on-line > Medicina Interna

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Medicina Interna
Referenti
Attualmente non è presente nessun referente che possa rispondere per la specialità Medicina Interna

ultimo aggiornamento 20/09/2007
 
Aree tematiche

ultimo aggiornamento 10/05/2007
Invia la tua domanda

Domande / Risposte
sospetta microcitemia
9 Ott 06 - giuseppina, 34 anni (id: 46085)
  Gentile dottore, ho effettuato l’esame emocromocitometrico e sono risultati i seguenti valori che sono al di fuori dei valori di riferimento: Valori riferimento - Leucociti 8.85 (4.20-9.00) - Eritrociti 6.38 (4.20-5.40) - Emoglobina 11.7 (12.0-16.0) - Ematocrito 37.3 (37.0-47.0) - Volume corpuscolare medio 58.4 (80.0-96.0) - Cont. medio emoglobinaMCH)18.4 (27.0-31.0) - Conc. media emoglobina(MCHC) 31.5 (33.0-37.0) - Variab. dimensione emazie(RDW)15.5 (11.5-14.5) - Variab. conc. emoglobina (HDW) 3.3 (2.2-3.2) - Emazie ipocromiche 8.4 <3 T... continua >>
utti gli altri risultati (formula leucocitaria, piastrine, VES, glicemia, colestorolo, esame urine) dell’esame del sangue che ho effettuato hanno valori compresi in quelli di riferimento. Sono portatore di anemia mediterranea? Il mio è uno stadio di microcitemia rischioso per concepire un figlio con un partner microcitemico? Grazie per la risposta. Cordiali saluti Giuseppina
Lei ha una anemia microcitica ed e’ probabile che sia porttarice di anemia mediterranea o talassemia che e’ l’anemia microcitica piu’ frequente nelle nostre zone. E’ necessario che lei esegua un esame di sangue che si chiama elettroforesi dell’emoglobina per fare la diagnosi. E’ chiaro che se fosse talassemica sarebbe meglio non sposare un talassemico.
Dott. Corrado Brignola


HDL
7 Ott 06 - Carlo, 68 anni (id: 46019)
  Grazie all’assunzione di pravastatina il mio assetto lipidico è nella norma, ma il colesterolo HDL (sebbene di poco)è costantemente inferiore ai valori minimi della norma. Non faccio vita sedentaria (tutti i giorni 2 Km. a piedi-il giovedì 5 Km. di footing a livello amatoriale- la domenica 12/13). Non faccio uso di alcolici e non fumo; mangio regolarmente frutta e verdura, una volta la settimana pesce. Che posso fare per far aumentare il colesterolo buono? Grazie
Come ha giustamente scritto Lei, il Suo assetto lipidico e’ ora nella norma, sta gia’ facendo tutto il necessario e quindi non si deve preoccupare di valori lievemente inferiori rispetto alla norma delle HDL.
Dott. Corrado Brignola

gastrite, gammaglob, TAS
5 Ott 06 - rodelmis, 30 anni (id: 45885)
  salve sono una donna di 30 ani e volevo che mi possano rispondere a qualche dubbio, io ho cominciato a sentire problemi allo stomaccho e doèpo una gastroscopia mi e stata diagnosticata una gastrite iperemica mi hanno dato la cura e fino a qui ci siamo, pero dopo ho cominciato ad avvertite altri disturbi e mi sono preoccupata io sonop un po ansiosa.Ho cominciato a sentire debolezza muscolare e stanchezza sudorazione alle mani ei piedi e per due o tre giorni la temperatura a 37 ma variava scendeva e cosi i meidci mi hanno che nn’e febbre, allora mi hanno prescritto degli analisi da fare mi e venuto fuori che avevo la gamma globuline legermente alta il valore di riferimento era 21 e io avevo ... continua >>
23, dopo mi hanno fatto ves, tas proteinac reattiva fattore reumatoide e l’ormone tiroideo tutto bene tranne che il tas che il valore di riferimento era fino a 200 ed io avevo 336 , mi hanno detto che era dovuto ad una faringiti in passato ma niente di ke preocuparsi e ke io ho paura e penso che sia quello mi habbia causato i dolori muscolari il ves lo avevo in 20 e il valore di riferimento e 20 loro dicono che sia piu ansioso ke altro ho fatto eletrocardiograma lastra al torace ho fatto un tampone faringeo ed e risultato negativo perke in passato a gennaio ho avuto problemi a deglutire e mi hanno detto che avevo stafilococo mi hanno mandato antibiotici. credo di avere qualcosa. ne sento tanti disturbi che nn so mi hanno riscontrato per fino la microcitemia ma dicono niente. spero che mi riesca dire qualcosa al piu presto grazie.
Ho letto la Sua domanda ma mi pare di aver capito che sostanzialmente, a parte la gastrite, il problema sia ora il TAS modicamente mosso a seguito di tonsillite trattata con antibiotici. Non vedrei motivo di particolare preoccupazione. E’ sicuramente importante controllare il TAS che dovrebbe lentamente ridurre il propio valore. Penso anche che lei sia piuttosto spaventata ed ansiosa e forse e’ giusto affrontare anche questo problema
Dott. Corrado Brignola

linfadenite
2 Ott 06 - Elisa, 26 anni (id: 45717)
  Buongiorno Dottore, circa un anno fa è iniziato il mio piccolo piccolo ma lungo "calvario". Nel luglio 2005 il medico mi ha riscontrato un significativo ingrossamento dei linfonodi del collo, cupremia elevata nel sangue, stanchezza e febbriciattola..di conseguenza sono stata sottoposta ad una biopsia incisionale al collo. Fortunatamente l’esame istologico ha dato esito negativo (linfoadenite acuta necrotizzante), ma escluso il linfoma di Hodgkin, dopo innumerevoli esami, non mi hanno saputo dire i motivi dei miei valori fuori norma. Nei mesi successivi ho dovuto fare tre mesi di fisioterapia quotidiana per recuperare il normale funzionamento del braccio e della schiena perchè durante l’i... continua >>
ntervento un nervo sollecitato si è "spento" e di conseguenza anche il muscolo trapezio destro...mi è venuto il fuoco di Sant’antonio e via così... Ad oggi ho ancora la febbriciattola (la provo alle 19 e ne ho sempre 37.1-37.2...mai meno di 37), ho i linfonodi del collo e dell’inguine lievemente ingrossati (delle dimesioni di piccoli pisellini)e la cupremia è 188; tutti gli altri valori nel sangue sono buoni e non sono presenti virus. I medici mi consigliano di non fare nulla, di lasciar perdere...ma io vorrei capire! Sto bene, non ho malesseri particolari, ma vorrei capire perchè ho questi valori/fattori fuori norma! e la febbre? Grazie per l’attenzione e la disponibilità
La cupremia si eleva per molte malattie (M di Wilson, emocromatosi, infezioni acute e croniche, leucosi ecc..) e quindi non e’ facile dirLe perche’ questo dato nel suo caso e’ elevato, ma presumibilmente sara’ elevato per la linfoadenite. Credo che se e’ stata documentata una linfoadenite ( mi pare di capire che la causa precisa non e’ chiara) che adesso sta lentamente regredendo, presubilmente l’atteggiamento di vigile attesa dei medici e’ giustificato.
Dott. Corrado Brignola

steroidi e lattosio
1 Ott 06 - Biagia, 53 anni (id: 45664)
  Buongiorno, ho contratto una Polimialgia reumatica e mi è stata prescritta una cura a base di cortisone. Ho però scoperto che questo contiene lattosio a cui sono fortemente allergica. Non esistono cortisonici senza lattosio opppure in quale altro modo potrei curarmi? Grazie.
A mia conoscenza le compresse hanno sempre il lattosio, quindi se Lei e’ veramente allergica ( e non intollerante come la maggior parte della gente)e quindi ha problemi con piccole dosi di lattosio deve utilizzare la via intramuscolare.
Dott. Corrado Brignola

monociti alti
30 Set 06 - cesca, 18 anni (id: 45609)
  buongiorno dottore..ho appena ritirato gli analisi ed ho i monociti un pò alti più del previsto cosa potrebbe essere...tenendo conto che ho fatto questi analisi per una caduta elevata di capelli
Se la monocitosi e’ modesta questo non ha grossa importanza clinica. Se invece il valore e’ molto elevato questo puo’ esprimere la presenza di alcune malattie e fra queste le piu’ frequenti sono la mononucleosi o l’infezione da Cytomegalovirus
Dott. Corrado Brignola

aterosclerosi cerebrale
29 Set 06 - Michele, 73 anni (id: 45548)
  Da una risonanza magnetica ho appreso che il sistema arterioso dell’encefalo presenta diffuse note di aterosclerosi. mi sono sottoposto a questo accertamento a cusa di una certa compromissione della memoria a breve.Da anni la funzione del braccio destro evidenzia un "tremore essenziale" che mi procura molti fastidi sua per la scrittura che per l’assunzione dei cibi. La pressione arteriosa varia tra 120/54 o 130/70; i valori del colesterolo sono normali i battiti cardiaci oscillano da 54 ai 602. ( anni addietro sono stato operato per la sostituzione della valvola aortica dopo 2 anni altro intervento per l’impanto di una protesi di bental a seguito del manifestarsi di una ectasia all’aorta a... continua >>
scendente. Il quadro rappresentato è sulla china dell’alzahimer? in quanto tempo può evolvere? si può inervenire per rallentare il processo?
Non esiste una correlazione stretta tra immagini TAC e compromissione delle funzioni cognitive. Per l’aterosclerosi i fattori di rischio sono fumo, obesita’ diabete , ipercolesterolemia , ipertensione arteriosa. Per rallentare il processo non c’e’ altro da fare che ridurre i fattori di rischio. Puo’ darsi che nel suo caso ci sia solo da affrontare l’obesita’
Dott. Corrado Brignola

difficolta’ nel digerire
28 Set 06 - alessandrodevincenzo, 28 anni (id: 45512)
  difficolta nel digerire e spesso mi viene stimolo di vomito e cattivi regurgiti pesntezza appena sotto i la scatola toracica
I dati da Lei forniti non sono molto chiari comunque il mio consiglio e’ di valutare con il Suo medico circa l’opportunita’ di fare una gastroscopia
Dott. Corrado Brignola

alterazione enzimi pancreatici
28 Set 06 - Raimondo, 39 anni (id: 45509)
  Egr. Dott. Brignola , le porgo questa domanda su mio padre : i valori ematici presentano ves 34 pcr> , anomalia enzimi pancretici lipasi 150 cea e cA19.9 NORMALI quale puo essere la causa? Per il resto normale tranne l’ipertrofia prostAtica. Grazie
Mi pare di aver capito che tuttigli esami vanno bene a parte una alterazione degli indici pancreatici ed un modesto aumento della VES. A questo punto credo sia utile effettuare una Ecografia addominale per valutare le condizioni del pancreas e per escludere eventuali litiasi della colecisti e / o del coledoco.
Dott. Corrado Brignola

minzione notturna
28 Set 06 - TAVAGLIONE, 69 anni (id: 45504)
  Sono un cardiopatico,operato al cuore con quattro bey pass.nel 1997,diabeto melito 2sto sotto controllo sia dal cardioloco che dal diabetoloco con dieta controllato. Ho un problemo non mantengo l’urino specialmente di notta.Vorrei un consiglio da lei la ringrazio,
E’innanzitutto necessario escludere che la necessita’ di urinare con urgenza sia legata al diabete scompensato (glicosuria con poliuria) ad eventuale infezione urinaria o all’uso di diuretici (vista la cardiopatia). Se non vi fossero problemi di questo tipo e’ necessario interpellare l’urologo.
Dott. Corrado Brignola

ipertensione
26 Set 06 - eva, 40 anni (id: 45371)
  Sono stata ricoverata 20 giorni in neurologia per un violento mal di testa, pressione 180/220, parestesia al lato sinistro del corpo. Ne sono uscita senza una diagnosi precisa e con la pressione ballerina. Premesso che non ho mai sofferto di pressione, che conduco una vita sana, mi ritrovo a non sapere cosa fare. Alcuni medici mi hanno detto che necessito di un ricovero urgente presso una struttura di 3 livello per una valutazione approfondita del caso e una idonea terapia. Al momento non so dove rivolgermi: vivo a Vibo Valentia, ma qui non esiste struttura adatta al caso. Visto quello che posso rischiare (i medici mi hanno detto che questa volta sono stata fortunata, ma non si sa la pross... continua >>
ima...) visto che qui non esistono gli strumenti di indagine minimi ( funziona solo una vetusta TAC ), visto che non conosco persone che mi possano "raccomandare" per un eventuale ricovero in struttura specialistica, cosa posso fare? E meno male che so dice che prevenire è meglio che curare..... Ringrazio per l’attenzione, Eva
Non so se Lei si riferisce ad una struttura specialistica di tipo neurologico o ad una struttura per l’ipertensione. Se il problema e’ l’ipertensione, la cosa piu’ urgente e’ iniziare il trattamento utilizzando il tipo e la quantita’ di farmaci giusti. In genere il 90% degli ipertesi inizia un trattamento ed ottiene una buona risposta , dopo un po’ di tentativi terapeutici, senza necessita’ di fare particolari accertamenti per escludere una ipertensione secondaria. Tali accertamenti, che in genere non necessitano di strutture specialistiche di III livello, vengono effettuati solo se non c’e’ una buona risposta al farmaco. Quindi il mio consiglio e’ innanzitutto di effettuare con costanza ed attenzione la cura che le hanno prescritta , facendo, in accordo con il Suo medico, le necessarie variazioni terapeutiche se la PA non e’ sufficientemente controllata.
Dott. Corrado Brignola

cisti renali
26 Set 06 - Erminio, 45 anni (id: 45355)
  Eg. Dottore vorrei avere alcune delucidazioni sui risultati di una ecotomografia addome completo. Ho il fegato di dimensioni lievemente aumentate con ecostruttura steatosica, in passato mi hanno diagnosticato positività all’epatite B in una donazione di sangue (non più possibile). Colicisti lievemente contratta e alisiatica, Prostata nei limiti per dimensioni con ecostruttura un po disomogenea. Rene destro con cisti di 11 e 28 mm, possono essere pericolose? Grazie per la cortesia e distinti saluti.
Le cisti renali, con l’avvento dell’ecografia,si e’ visto sono reperti molto frequenti e , se non particolarmente grandi, non danno problemi. Per il problema del fegato e’ necessario che Lei faccia qualche esame di sangue che Le consigliera’ il Suo medico per valutare l’eventuale presenza di epatite cronica da virus B, perche’ l’ecografia, per questo scopo non serve.
Dott. Corrado Brignola

Citalopram
26 Set 06 - SARA, 33 anni (id: 45325)
  SONO UNA DONNA DI 33 ANNI E ASSUMO IL Citalopram DA 3 ANNI VORREI AVERE UN FIGLIO E VOGLIO SAPERE SE CIO CREA DEI PROBLEMI AL BAMBINO? LA PREGHEREI DI RISPONDERE AL PIU PRESTO. GARZIE MILLE
Il prodotto, come moltissimi altri, e’ sconsigliato in gravidanza. E’ necessario che il Medico che Le ha prescritto questo farmaco ed il Suo ginecologo si mettano in contatto per capire se e’ possibile o rischioso sospendere il farmaco a fronte del rischio generico sul nascituro.
Dott. Corrado Brignola

anemia
25 Set 06 - Tamara, 36 anni (id: 45262)
  Salve, oggi ho fatto un’analisi del sangue che ha dato questi "preoccupanti" risultati: emoglobina 7,7 ematocrito 26 volume medio 60,9 contenuto medio di hb 18,1 basofili 1,7 (val. perc.) osservazioni: anemia, microcitosi, ipocromia Ferro 13 Ferritina 1 Che cosa consiglia? Sara sufficiente una "buona" cura per via orale o il problema è più grande? Grazie. Tamara
Gli esami dimostrano una importante anemia iposideremica. E’ necessario fare subito un trattamento con ferro eventualmente per vena ma il problema piu’ importante e’ capire perche’ c’e’ una anemia cosi’marcata. Ci sono mestruazioni molto abbondanti? Esiste una perdita di sangue dal tratto gastroenterico? Non viene assorbito il ferro? ecc.. E’ quindi importante fare gli accertamenti necessari per capire la causa dell’anemia.
Dott. Corrado Brignola

ghiandole all’ascella
24 Set 06 - agata, 41 anni (id: 45169)
  Gentile dottore da qualche giorno sotto l’ascella sinistra ho dolore guardandomi ho notato un rossore e tre ghiandoline tondeggianti ingrossate. Da cosa può dipendere devo fare delle analisi, Consideri che nei giorni precedenti ho avuto improvvisamente capogiri e abbassamenti di pressione) tra la’ltro io non ho mai sofferto di pressione bassa. Adesso sto meglio con la pressione a parte stanchezza e queste ghiandole dolenti. grazie per la sua cortese risposta
Le ghiandole sull’ascella sono dei linfonodi. Le cause di ingrossamento sono molte ( infezioni locali al braccio , alla mammella, infezioni sistemiche, malattie del sangue ecc..). Il mio consiglio e’ comunque di farsi vedere dal Suo medico per valutare meglio la situazione
Dott. Corrado Brignola


Da 1536 a 1551 di 2329