Sei in: Medico on-line > Chirurgia Vascolare

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Chirurgia Vascolare
Referenti

ultimo aggiornamento 18/01/2010
 
Aree tematiche


Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 18/01/2010
Invia la tua domanda

Domande / Risposte
Arteiopatia,cefalea ed impotenza
27 Dic 07 - Ugo, 66 anni (id: 71051)
  Nel 2003 ho subito interventi di by pass alla carotide destra e alla femorale sinistra con interessamento dell’iliaca.Da allora assumo doxazosina,ibustrin e sinvacor.Non so se a causa di questi interventi,progressivamente ho soffertoe soffro di incontinenza eimpotenza(di cui non avevo mai sofferto) oltre che di cefalee continue con interessamento della vista(immagini sdoppiate e fonti di luce con aloni colorati se circondate da oscurità).E’ verosimile che l’arteriopatia sia diffusa tanto da interessare il cervello e gli organi genitali?I dopler agli arti e alla carotide non hanno evidenziato ostruzioni rilevanti e la tac al cervello ha diagnosticato "area ventricolare destra ipodensa.Quali... continua >>
consigli può darmi in special modo per lenire l’insopportabile e senza tregua cefalea oltre che per le altr disfunzioni lamentate.Grazie infinite
Gent.mo Sig. Ugo, quando compaiono certe patologie croniche, bisogna imparare a convivere con esse. Per quel che riguarda l’aterosclerosi, essa è diffusa in tutte le arterie del corpo, anche se dà segni di se solo in alcuni settori, pertanto l’impotenza non è altro che l’espressione di questa patologia, a questo si aggiunga poi la ipertrofia prostatica, per la quale lei assume la doxazosina e l’età. Più difficile è individuare la causa di una persistente cefalea. A questo proposito, le consiglierei di consultare un neurologo. Cordiali saluti Domenico Salcito
Dr. Domenico Salcito


linfonodi
27 Dic 07 - Giuseppe, 60 anni (id: 71010)
  Mi è stata diagnosticata verosimilmente una coalescenza linfonodale periaotica addominale a seguito di analisi cliniche che escludono coivvolgimenti linfatici periferici ed in base a TAC con liqido di contrasto. Precedentemente con esame ecodopler color mi è stato diagnosticato un papilloma vescicale attualmente opera to e sottoposto a terapia. A queto punto della situazione mi è stato detto che l’unico modo pe r accertare la natura e l’origine del manicotto aortico rimane la biopsia che per via endoscopica non riuscirebbe a prelevare tessuto a sufficienza rendendo eventualmente necessario aprire cururgicamente. Vorrei cortesemente avere un parere poiche’ l’idea della biopsia sull’aorta a... continua >>
ddominale mi preoccopa notevolmene. cordilita’
Mi scuso per il ritardo della risposta, immagino avrà già provveduto al proseguimento dell’iter diagnostico-terapeutico. Penso che la diagnosi debba essere completata dall’urologo che la sta trattando o può avvalersi anche di esami ematologici
Eq. Chirurgia Vascolare Ospedale Maggiore

TVP
26 Dic 07 - endrit, 27 anni (id: 70991)
  gentile dott.sono un ragazzo straniero di 27 anni e ho una TVP arto inferiore sinistro ho 3 anni con questa TVP e ho avuto due episodi di tvp nella stesa gamba entro un anno, ho due anni che vivo in italia per motivi di salute la prima mia domanda e questa ho smesso di prendere la pastiglia sintrom circa un anno fa per motivi di una patologia cronicha RCU in seguenti di questa patologia ho fato du interventi masivi entro un anno adesso io non lo sento meglio la gamba ho fato le analisi di sangue screning, ecodopler ma sono stati buoni, io sento caldo, dolore,sentimenti come qualqosa si muove dentro nella gamba,adesso si gonfia piu velocemente qunto camino si gonfiava anche prima ma adesso... continua >>
e piu diverso, con il sintrom lo sentivo bene la gamba,la seconda domanda e che io questi due episodi di tvp lo avuto nel mio paese, per un episodio ho la documentazione e per il primo episodio non ho documentazione e per questo motivo non mi metono in terapia. io ho paura se mi sucede qualcosa come farlo per metersi in terapia per difendersi perche dicono che se hai due episodi devi prendere persemre anticuagulante spero nella tu risposta grazie.
Mi scuso per il ritardo della risposta, immagino avrà già provveduto al proseguimento dell’iter diagnostico-terapeutico. Le TVP giovanili sono quasi sempre secondarie a deficit congeniti della coagulazione, che vanno studiati con asccertamenti specifici. Si rivolga al centro della coagulazione dell’ospedale più vicino. Il suo medico la potrà consigliare.
Eq. Chirurgia Vascolare Ospedale Maggiore

bypass
26 Dic 07 - marcello, 56 anni (id: 70984)
  buongiorno- nel 2000 mi hanno messo 2 bypass- ma è vero che questi hanno una scadenza del tipo 10 anni ? per ora non ho problemi e le visite di controllo non hanno dato problemi ma penso sempre che mi scadi la garanzia- grazie auguri
Mi scuso per il ritardo della risposta, immagino avrà già provveduto al proseguimento dell’iter diagnostico-terapeutico. la sua è una domanda estremamente generica: il bypass glie lo possono aver innestato in tante sedi, ed ognuna ha una percentuale di insuccesso nel tempo. La cosa più intelligente è chiederlo a chi l’ha operata
Eq. Chirurgia Vascolare Ospedale Maggiore

Ischemia vertebro-basilare
25 Dic 07 - Chiara, 34 anni (id: 70977)
  Egregio Dott. vorrei porle una domanda: E’ vero che la maggior parte delle volte un’ischemia vertebro-basilare è causata da problemi emodinamici(ipoperfusione) piuttosto che da problemi occlusivi? (trombosi,embolia). Grazie.
Gent.ma Chiara, i meccanismi di compenso emodinamico cerebrale sono molti e complicati, per cui riesce difficile affermare che una ipoperfusione sia più deleteria di una trombo-embolia. Cordiali saluti Domenico Salcito
Dr. Domenico Salcito

crampi
24 Dic 07 - Giovanni, 62 anni (id: 70953)
  Salve gradirei conoscere le possibili cause riguardo al mio caso considerando che per motivi professionali inerenti la mia attivita’per diverse ore della giornata sono quasi sempre in piedi.D circa un 1 anno durante la note sono afflitto da crampi ai polpacci e che solo dopo aver appoggiato il piede al pavimento svaniscono.Inoltre anche per i piedi avverto piccoli doloretti che vanno e vengono,faccio presente che molti anni fa’ ho sofferto di una tallonite.Cosa mi consiglia?ritiene che prendendo del magnesio posso attenuare il problema?se si mi suggerisca una prodotto farmaceutico adatto. Grazie
RITARDO Mi scuso per il ritardo della risposta, immagino avrà già provveduto al proseguimento dell’iter diagnostico-terapeutico. innanzitutto confermo quanto ho scritto tante volte: non si prescrivono farmaci per corrispondenza. Occorre visitare i pazienti e fare una diagnosi. I suoi disturbi potrebbero essere associati ad una insufficienza venosa. Ulteriori informazioni le potrà trovare sul nostro sito: www.chirurgiavascolareospedalemaggiorebologna.com Cordiali saluti
Eq. Chirurgia Vascolare Ospedale Maggiore

coagulopatia
19 Dic 07 - mircogandini, 43 anni (id: 70798)
  buongiorno dovrei subire una operazione al ginocchio (crociato anteriore) ho però il fattore V° di Leiden eterozigote che rischi corro? che profilassi dovrò fare? grazie anticipatamente
RITARDO Mi scuso per il ritardo della risposta, immagino avrà già provveduto al proseguimento dell’iter diagnostico-terapeutico. si rivolga ad un coagulologo; occorre vedere se la anomalia è omozigote e se ci sono altri deficit associati.
Eq. Chirurgia Vascolare Ospedale Maggiore

Dolore gambe
19 Dic 07 - ADRIANA, 44 anni (id: 70794)
  Provo a rivolgerni a lei in quanto il mio medico di base non ha saputo darmi una spiegazione. Ho 44 anni. A giugno ero al mare ed ho preso una scottatura sul davanti delle gambe (altezza stinco). Alla sera sentivo soltanto un leggero bruciore ed un lievissimo arrossamento.Al mattino fac- cio per scendere dal letto ma sono bloccata da una fitta all’altezza dello stinco che mi passa solo tenendo le gambe sul letto.Metto una pomata al cor- tisone e alla sera riesco a stare in piedi con un leggero dolore sempre a metà gamba.Cosà sarà stato,ancora me lo chiedo.GRAZIE PER UNA EVENTUALE RISPOSTA. SALUTI.
Gent.ma Adriana, mi dispiace ma non sono in grado di farle una diagnosi di questo tipo. Cordiali saluti Domenico salcito
Dr. Domenico Salcito

Sindrome vertiginosa
19 Dic 07 - eleonora, 29 anni (id: 70775)
  Egregio Dottore, soffro da qualche giorno di improvvise vertigini con dispnea. E’ come se mi sentissi ’intontita’, come se tutto girasse intorno a me ed io non avessi equilibrio. Oltretutto, avverto uno strozzamento alla gola ed una strana pulsazione a sx del collo, come se il sangue non affluisse bene. Sono ipocondriaca: ho svolto già ECG, ECG AL CICLOERGOMETRO,ECOCOLORDOPPLER, DOPPLER agli arti inferiori, analisi del sangue e della tiroide. Tutto nella nroma ma io ho sempre paura di un infarto o di un aneurisma. Ho già prenotato un ecodoppler ai vasi del collo perchè questo fastidio non passa. Che fare? L’aneurisma alla carotide può dare queste vertigini? E’ vero, in ultimo, che tramite l... continua >>
’ecocardiogramma si può osservare l’aorta? Mi scusi se non uso termini propriamente scientifici e grazie per il bellissimo servizio che offrite a tutti noi.
Gent.ma Eleonora, tutto è possibile, ma alla sua età io andrei più sul concreto. Per le vertigini ha già fatto una visita ORL? Vista la negatività degli esami effettuati, inoltre, le consiglierei anche una consulenza presso uno psicologo che possa aiutarla a superare questa sindrome probabilmente solo ansiosa. Cordiali saluti Domenico salcito
Dr. Domenico Salcito

ischemia critica
17 Dic 07 - adriana, 63 anni (id: 70689)
  Gentile dott. da alcuni mesi si è aggravato il mio problema di circolazione degli arti inferiori e ho delle ulcerazioni ai piedi.Premetto che da circa 20 anni faccio dialisi, sospesa solo 8 anni dopo un trapianto di rene che però è fallito.Aggiungo anche che soffro di cuore e ho la pressione bassa, che è ora la causa che non mi permette di fare la terapia con quel medicinale( provastatin credo)che potrebbe aiutarmi nel mio problema.Sono ora ricoverata e come terapia alernativa sto facendo il bu ( pagliativo).Il decorso del mio problema so come finirà, con la necrosi dei miei piedi e la conseguente amputazione.Chiedo aiuto,una risposta ,un indirizzo una qualsiasi speranza per questa mia vita... continua >>
da tempo flagellata.Colgo l’occasione di augurare buone feste a chiunque leggerà questa lettera.( La speranza e la famiglia sono le cose che non mi hanno mai abbandoanato in tutti questi anni, CONFIDO IN VOI)MICHE
RITARDO Mi scuso per il ritardo della risposta, immagino avrà già provveduto al proseguimento dell’iter diagnostico-terapeutico. nel suo caso si deve valutare bene le lesioni con una angiografia; in molti casi il chirurgo vascolare può fare interventi di salvataggio, sia per via endovascolare che chirurgica
Eq. Chirurgia Vascolare Ospedale Maggiore

dolori vasi
16 Dic 07 - franco, 67 anni (id: 70623)
  da circa 20 giorni accuso in seguito a movimenti accellerati, bruschi, sensore fastidioso di tanti spilli che mi bucano internamente nelle gambe, dura pochi secondi e non lo ho a cose normali, grazie.- mio tel
RITARDO Mi scuso per il ritardo della risposta, immagino avrà già provveduto al proseguimento dell’iter diagnostico-terapeutico. non sono sintomi vascolari
Eq. Chirurgia Vascolare Ospedale Maggiore

strappo muscolare
15 Dic 07 - gianfenz, 56 anni (id: 70589)
  Egregio Dottore,circa 20 gg. fa ho sentito una forte fitta la polpaccio dx che ho curato con antiflogistici. Una settimana fa alzandomi, improvvisamente mi è ritornato un dolore violento con aumento di volume del polpaccio dx. Recatomi al PS mi è stata diagnosticata una flebite superficale piccola safena dx, mentre a seguito di esame eco-color-doppler si è evidenziato ematoma del gemello mediale. Ho effettuato in data 12.12 un nuovo eco-doppler e visita angiologica. I risultati: - i polsi arteriosi risultano normalmente presenti nelle sedi femorali, poplitee, tibilai e pedidie. Circonferenza massima al polpaccio dx >1 cm. rispetto al sn.ispettivamente area di cianosi e ecchimosi al polpacc... continua >>
io dx, con tendenza a posizionamento verso le zone declivi. L’indagine eco-color-doppler evidenzia assenza di trombosi venose in atto dei distretti profondi e superficiali. Incontinenza bilaterale della cross safeno-femorale con assenza di reflusso emodinamico lungo le safene interne omolaterali. Asssenza di reflussi emodinamici degli assi venosi profondi.Continenti le cross safeno-poplitee bilateralmente.In corrispondenza del gemello mediale di dx si apprezza vistoso ematoma, in parte in fase di organizzazione, del diam. di oltre 2 cm. che decorre per tutta la lunghezza del muscolo, ma non determina compressioni ad entrinseco delle strutture vascolari contigue. Conclusioni: quadro clinico e strumentale orientano per sindrome di pedrada per la quale si consigliano prosecu
RITARDO Mi scuso per il ritardo della risposta, immagino avrà già provveduto al proseguimento dell’iter diagnostico-terapeutico. non è un problema vascolare ma uno strappo muscolare; può diventare un problema vascolare per la compressione delle vene
Eq. Chirurgia Vascolare Ospedale Maggiore

Leucocitosi
14 Dic 07 - DANIELE, 30 anni (id: 70549)
  HO FATTO LE ANALISI DEL SANGUE POCHI GIORNI FA E HO RISCONTRATO I LEUCOCITI A 16,0 .dato che il valore medio deve esserte fino a 10,0 sono molto preoccupato e vorrei un parere da voi .grazie fatemi sapere.
Gent.mo Daniele, l’aumento dei globuli bianchi, di solito, indica la presenza di un fatto infiammatorio e quindi va valutato in un contesto clinico. Le consiglierei, pertanto, di rivolgersi al medico di base per un consulto o gli esami necessari. Cordiali saluti Domenico Salcito
Dr. Domenico Salcito

disturbi vari
9 Dic 07 - Davide, 31 anni (id: 70253)
  Buongiorno. Il mio problema è rappresentato da una strana sensibilità alla gamba destra. All’altezza della coscia avverto quasi un’addormentamento che però se si trasforma in forti dolori se stimolo la parte anche con dei leggeri "schiaffi". Ripeto che anche se leggeri, dopo tre o quattro di questi sento dolore alla coscia stessa. La stessa cosa avviene se mi do dei leggeri pizzicotti senza nemmeno stringere la pelle tra le dita. La sensazione è sempre di forte dolore che si concentra sulla parte sollecitata. Vorrei se possibile dei chiarimenti sul mio problema. Ringrazio sentitamente tutta l’equipe, Davide.
RITARDO Mi scuso per il ritardo della risposta, immagino avrà già provveduto al proseguimento dell’iter diagnostico-terapeutico. il suo non è un problema di pertinenza vascolare
Eq. Chirurgia Vascolare Ospedale Maggiore

Ictus
9 Dic 07 - cosimo, 67 anni (id: 70238)
  Sono stato colpito da ictus,a 30 giorni da questo terribile evento ho tutta la parte dx bloccata, ho iniziato un pò tardi(da circa 10 giorni) la riabilitazione per via di una piccola frattura ad una costola.Desidero tanto sapere se riprenderò le mie funzionalità e quanto tempo necessita.Grazie.
Gent.mo Sig. Cosimo, quello che sarà il residuato di questa situazione si vedrà solo tra 6 mesi. Importantissima è l’attività riabilitativa. Non si perda d’animo e consideri la riabilitazione come la sua medicina più importante. A volte si possono avere risultati più che sorprendenti. Auguri. Cordiali saluti Domenico Salcito
Dr. Domenico Salcito


Da 954 a 969 di 1829