Sei in: Medico on-line > Cardiologia

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Cardiologia
Referenti

ultimo aggiornamento 6/02/2009
 
Aree tematiche

    Il Prof. Daniele Bracchetti risponde alle domande inerenti :
  • Aritmie Cardiache
  • Infarto Miocardico
  • Ipertensione Arteriosa
    Il Dott. Sergio Di Benedetto risponde alle domande inerenti :
  • Prevenzione cardiovascolare
  • Ipertensione arteriosa
  • Cardiopatia ischemica ed infarto miocardio
  • Valvulopatie (malattie delle valvole cardiache)
  • Scompenso cardiaco

Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 26/05/2008
Invia la tua domanda
- Dott. Sergio Di Benedetto assente dal 22/11/2014 al 3/12/2014

Domande / Risposte
vene al petto
30 Apr 07 - daniele, 24 anni (id: 58857)
  buongiorno.stamane stando vicino lo specchio ho notato che si vedono le vene del torace.è normale?ma a questa età c’è il rischio di infarto?sapete ogni piccolo dolore al petto mi preoccupa.ha detto il cardioogo che sono un tipo emotivo?devo preoccuparmi?
Non mi sembra un sintomo preoccupante e rapportabile al cuore. L’infarto in un giovane è raro, stia tranquillo. Prof. Daniele Bracchetti Cardiologo Bologna
Prof. Daniele Bracchetti


pressione
30 Apr 07 - sandro, 23 anni (id: 58854)
  volevo chiedere se la pressione bassa è pericolosa.valori: min:66 max:115 puls:57 a riposo.sono a rischio infarto e aneurisma.le analisi sono tutte nella norma e non c’è familiarità
Sono valori normali, nessun rischio. Prof. Daniele Brachetti Cardiologo Bologna
Prof. Daniele Bracchetti

AFFANNO
29 Apr 07 - svingo, 79 anni (id: 58838)
  Sette anni orsono ho avuto un TIA derivante dall’occlusione totale della carotide int.dx. -sono affetto dz diabete mellito di 2° grado (per cui semestralmente vengo controllato da un centro specialistico ma non prendo alcun medicinale ma seguo una dieta corretta.) .Da una coronarografia di sei mese fa le mie coronarie sono risultate tutte pervie ed i vari disturbi avvertiti affanno e leggera dolenzia substernale erano da attribuire ad"angina da sforzo" con assegnazione della seguente cura : Dilzene 60 X 3 al giorno,Cotareg 160 -Lescol 80 e Plavix per 1 compressa giornaliera.Ogni sei mesi eseguo ecocolordoppler dei vasi epiaortici e debbo dire che la situazione risulta sotto controllo:Da ... continua >>
un paio di mesi però avverto una sensazione di affanno come se avessi fatto uno sforzo o salito le scale di buona lena.Il mio medico di base ha ipotizzato che potrebbe essere anche la prolungata somministrazione del Dilzene alle dosi attuali consigliandomi di effettuare un nuovo controllo cardiologico.Siccome diversi anni orsono per lungo periodo mi furono prescritte dosi anche superiori di Dilzene ( 2 da 120 mg.retard al giorno) e mi furono immediatamente sospese da un altro specialista e sostituite con Adalat 30 è plausibile l’ipotesi del mio medico di base o debbo orientarmi in altre indagini diagnostiche? La mia pressione normalmente è 140/70.Grazie infinite.
Non possiamo dare consigli sulla terapia. Se le coronarie sono pervie in effetti il Dilzene può non essere necessario. Non va sostituito con Adalat, sono farmaci diversi nel loro effetto. Per valutare se la fatica di respiro è dovuta al cuore faccia un ecocardiogramma. Prof. Daniele Bracchetti Cardiologo Bologna
Prof. Daniele Bracchetti

dolori al torace
29 Apr 07 - Jessica, 17 anni (id: 58836)
  Inanzitutto Buongiorno.. Scrivo perchè non so + a chi rivolgermi , tutti mi dicono di star tranquilla che non è niente, ma non riescoa crederci....Ho forti fitte spesso sotto il seno sembra al cuore... prima erano brevi ora sono diventati prolungate...spesso anche per + di 20 minuti.... e adesso la stessa cosa mi è venuta sul lato destro della schiena accanto alla scapola... è un male atroce..no nriescoa muovermi e a respirare...mi dicono che sono dolori intercostali...ma sono sempre + lunghi e + duraturi..prima li avevo soventemente ...ora è già + di una settimana che li ho..sempre + intensi..non so cosa siano cosa devo fare? cosa piò essere!? Vi prego sono molto preoccupata rispondetemi!
DOLORE TORACICO - RISPOSTA STANDARD E’ comprensibile che un dolore al torace faccia paura, poiché il sintomo dell’infarto è proprio il dolore al torace. Nel caso dell’infarto le caratteristiche del dolore (sede retrosternale al centro del petto, insorgente a riposo, di forte intensità, di durata superiore a 30 minuti) permettono di differenziarlo da altre affezioni che si manifestano con dolore nella stessa zona quali la pericardite, l’artrosi cervicale, i dolori di origine gastrica o esofagea, le nevralgie intercostali. Le nevralgie intercostali,di origine ossea o muscolare,sono caratterizzate da un dolore sordo,continuo oppure da trafitture di breve durata. E’ bene precisare che i dolori di origine non cardiaca sono ACCENTUATI DALLA STATO DI ANSIA. La cardiologia moderna, per mezzo di esami strumentali (elettrocardiogramma da sforzo, ecocardiogramma,etc) dispone di mezzi efficaci per fare una diagnosi esatta.NEL SUO CASO PENSO SIA UTILE ANCHE UNA RADIOGRAFIA DEL TORACE. Prof. Daniele Bracchetti Cardiologo Bologna
Prof. Daniele Bracchetti

dolore
29 Apr 07 - Luca, 19 anni (id: 58835)
  Salve sono un ragazzo di 19 anni e da qualche mese soffro di un fastidio sotto lo spazio intercostale dopo la costola successiva il capezzolo che mi viene alcune volte quando parlo. Ho fatto un rx torace, un elettrocardiogramma, tutte le analisi del sangue e delle urine che non hanno rilevato nulla, però coninuo a sentire il fastidio. Vorrei sapere da Lei se devo preoccuparmi e approfondire le analisi. Grazie Luca.
DOLORE TORACICO - RISPOSTA STANDARD E’ comprensibile che un dolore al torace faccia paura, poiché il sintomo dell’infarto è proprio il dolore al torace. Nel caso dell’infarto le caratteristiche del dolore (sede retrosternale al centro del petto, insorgente a riposo, di forte intensità, di durata superiore a 30 minuti) permettono di differenziarlo da altre affezioni che si manifestano con dolore nella stessa zona quali la pericardite, l’artrosi cervicale, i dolori di origine gastrica o esofagea, le nevralgie intercostali. Le nevralgie intercostali,di origine ossea o muscolare,sono caratterizzate da un dolore sordo,continuo oppure da trafitture di breve durata. E’ bene precisare che i dolori di origine non cardiaca sono ACCENTUATI DALLA STATO DI ANSIA. La cardiologia moderna, per mezzo di esami strumentali (elettrocardiogramma da sforzo, ecocardiogramma,etc) dispone di mezzi efficaci per fare una diagnosi esatta. Prof. Daniele Bracchetti Cardiologo Bologna
Prof. Daniele Bracchetti

dolorini
29 Apr 07 - gianni, 23 anni (id: 58834)
  salve.premetto che sono un tipo emotivo.da un pò di tempo durante il giorno avverto dei dolorini al torace sinistro come se fossero delle piccole punture.mi preoccupano tantissimo.il mese scorso ho fatto un ecg e il cardiologo ha detto che è tutto a posto.le analisi sono nella norma.ho il rischio di infarto?potrebbero essere legati alla preoccupazione di avere una malattia vascolare o problemi muscolari scheletrici?grazie
In efetti può essere semplicemente la paura. Si tratta di dolori "intercostali" che non dipendono dal cuore. DOLORE TORACICO - RISPOSTA STANDARD. E’ comprensibile che un dolore al torace faccia paura, poiché il sintomo dell’infarto è proprio il dolore al torace. Nel caso dell’infarto le caratteristiche del dolore (sede retrosternale al centro del petto, insorgente a riposo, di forte intensità, di durata superiore a 30 minuti) permettono di differenziarlo da altre affezioni che si manifestano con dolore nella stessa zona quali la pericardite, l’artrosi cervicale, i dolori di origine gastrica o esofagea, le nevralgie intercostali. Le nevralgie intercostali,di origine ossea o muscolare,sono caratterizzate da un dolore sordo,continuo oppure da trafitture di breve durata. E’ bene precisare che i dolori di origine non cardiaca sono ACCENTUATI DALLA STATO DI ANSIA. La cardiologia moderna, per mezzo di esami strumentali (elettrocardiogramma da sforzo, ecocardiogramma,etc) dispone di mezzi efficaci per fare una diagnosi esatta. Prof. Daniele Brachetti Cardiologo Bologna
Prof. Daniele Bracchetti

prolasso
29 Apr 07 - Davide, 20 anni (id: 58829)
  Egr. professori, è da quest’anno che ho iniziato, di mia volonta, a voler fare una serie di esami per chiarire la natura del mio sottopeso, ovviamente sotto consiglio di medico e dietologo. Da questo punto di vista non sono riusciti a trovare gran chè, se non una piccola alterazione di elettroliti. Ma io continuo ad avere dispnea, faticabilità, e, ultimamaente in maniera accentuata, pressione bassa e tachicardia (90-95 battiti/min) sopprattutto alla mattina, poichè scendono duante la giornata. Ho effettuato allora un ecocardiogramma e hanno trovato un lieve prolasso del lembo poseriore della mitrale (con lieve insuff., già da me conosciuti) e un’insufficienza tricuspidale 2+/4+, con PA... continua >>
P a 30mmHg (che non sapevo di avere). Mi è stato detto che devo fare solo una profilassi antib prima delle estraz dentarie, ma difficilmente l’insufficenza c’entra con la tachicardia. Tornato dal mio medico per mostrare i risultati, mi ha suggerito di fare un Esame Aritmologico e di fare controlli annuali per tali insufficienze. Secondo lei a cosa potrebbe essere dovuta tale tachicardia? Quali esami dovrei fare? e Una cardiomiopatia dilatativa di un parente, potrebbe essere influente nella mia anamnesi? Grazie
Non è facile dare una risposta senza vedere gli esami, ma a me pare che non ci sono problemi di rilievo, essendo i riscontri di piccola entità. Per il dimagramento controlli anche la tiroide. Non si preoccupi dell’eco, cerche di fare attività fisica, mangi cibi salati e beva (acqua o succhi di frutta) per fare alzare la pressione. Prof. Daniele Brachetti Cardiologo Bologna
Prof. Daniele Bracchetti

radiografia torace
28 Apr 07 - Giulia, 18 anni (id: 58821)
  buona sera dottore ; volevo chiedere :dopo un esame al torace il referto a scritto:nn apprezzabili lesioni focali ;accenno a conf a "4 archi"della marginale cardiaca sn x tenue prominenza della porzione auricolare sn ,e lieve accentuata convessità del 2°arco cardiaco post. Mi saprebbe dire che vuol dire ? grazie
Il referto potrebbe indicare un aumento delle dimensioni cardiache. Ogni dubbio può esssere risolto con l’esecuzione di un ecocardiogramma. Prof. Daniele Bracchetti Cardiologo Bologna
Prof. Daniele Bracchetti

tachicardia
28 Apr 07 - Massimiliano, 31 anni (id: 58819)
  Alcuni giorni fa ho avuto un fenomeno di tachicardia, il cuore batteva molto molto forte (almeno 150 battiti al minuto) e mi sono steso sul pavimento. Il tutto ha avuto una durata di circa 30-40 minuti finche non sono stato soccorso e mi sono stati somministrati dei farmaci. Nei giorni scorsi ho avuto delle strane e brevi (pochi minuti) ricadute, il battito cardiaco andava improvvisamente a 80-90 pulsazioni al minuto (normalmente ne ho 55-60). Al momento della ricaduta avverto una strana sensazione alla gamba sinistra (tra polpaccio e piede) e palpitazioni al collo. Tutte le volte in cui ho sentito aumentare le pulsazioni ero seduto. Sono stato all’ospedale (in ucraina, dove mi trovo per ... continua >>
un periodo prolungato di lavoro) e da EKG, analisi del sangue e urine non e’ stato riscontrato nulla di anomalo, se non una lieve febbre, che ora e’ sparita.. La pressione e’ pero’ troppo alta 150. Sono piuttosto preoccupato. All’ ospedale mi e’ stato semplicemente detto di riposarmi e stare tranquillo. Cosa mi consiglia di fare.
Non mi sembrano sintomi preoccupanti. Forse era solo un fatto influenzale, vista la febbre. Mi tenga informato, facendo riferimento a questo identificativo. Prof. Daniele Bracchetti Cardiologo Bologna
Prof. Daniele Bracchetti

pillola e prolasso
28 Apr 07 - Cristina, 26 anni (id: 58812)
  Gentile dottore, solo qualche mese fa ho scoperto di avere un lieve prolasso della valvola mitrale. Assumo la pillola anticoncezionale da diversi anni. Pensa sia rischioso continuarne l’assunzione? La ringrazio anticipatamente.
Non ci sono controindicazioni, faccia comunque i periodici controlli della coagulazione del sangue. Prof. Daniele Bracchetti Cardiologo Bologna
Prof. Daniele Bracchetti

aritmie
28 Apr 07 - giorgio, 59 anni (id: 58810)
  gent.mo prof. faccio da anni lunghe passeggiate e corse,a ritmo non competitivo e mi sottopongo , ogni due anni, alla prova del cuore ssotto sforzo. nell’ultima prova di ieri mi è stata riscontrata: "rari bev e tachicardia sopraventricolare a sei battiti, non alterazioni tratto st, normale incremento pressorio". L’esaminatore non mi ha commentato il referto.devo preoccuparmi di fare altri esami ? Posso continuare a dedicarmi alla mia attivita pseudo-sportiva? Grazie per la sua cortese attenzione ,
L’aritmia di per se non è preoccupante. Vista l’età farei anche un ecocardiogramma. Prof. Daniele Bracchetti Cardiologo Bologna
Prof. Daniele Bracchetti

fitte al torace
28 Apr 07 - Silvia, 23 anni (id: 58808)
  Gentile dott.re, soffro da qualche settimana di fitte simili a bruciori al centro del petto e sotto il seno sinistro. Sono in terapia con un antidepressivo da circa 3 mesi per delle crisi di panico molto frequenti e per una storia di anoressia. Ho effettuato un ecocolordoppler(che non ha rilevato alcun problema), ed un elettrocardiogramma seguito da una ecografia, che ha evidenziato un prolasso della valvola mitralica senza insufficienza. Aggiungo che soffro di malattia celiaca da 12 anni, e che quasi tutti i giorni ho delle fastiose coliche dovute ad areofagia. Mi chiedo quindi quale sia la natura di queste fitte. Ringrazio per l’ aiuto, Silvia
Non penso che ci siano problemi di cuore. Le fitte sono espressione di ansia. Se permangono, per sua tranquillità, faccia anche un elettrocardiogramma con prova da sforzo. Prof. Daniele Bracchetti Cardiologo Bologna
Prof. Daniele Bracchetti

pressione
28 Apr 07 - antony, 24 anni (id: 58790)
  salve,volevo chiedere se questi valori presori sono normali?min:65 max:117.non fumo,colesterolo nella norma e nessuna familiarità.vado icontro a rischio infarto?
Si ,sono normali, stia tranquillo. Prof. Daniele Bracchetti Cardiologo Bologna
Prof. Daniele Bracchetti

dolore
28 Apr 07 - antonio, 40 anni (id: 58789)
  ho accusato un dolre al petto al collo e alla madibola, dopo vari esami di rutine al pronto soccrso hanno riscontrato una ipertensione arteriosa di grado moderato severo e click protomesosistolico ma cos’è un click.... grazie
Il clik è un reperto ascolatatorio in genere senza significato. Piuttosto, per il dolore che ha avuto, le consiglio un elettrocardiogramma con prova da sforzo. Inoltre curi la pressione se rimane alta. Prof. Daniele Bracchetti Cardiologo Bologna
Prof. Daniele Bracchetti

ipertensione
27 Apr 07 - Paola, 41 anni (id: 58755)
  Buongiorno. Un mese fa ho avuto un episodio di "vuoto della testa", forte pulsazione alle tempie e sensazione di vertigini laddove giravo il capo. Dopo una settimana circa, la stessa cosa in cui le pulsazioni alle tempie erano molto forti e sono andata a misurarmi la pressione in farmacia. Responso: 185/95! Non avevo mai sofferto di pressione alta, casomai il contrario. Sono andata dal mio medico mezz’ora dopo e la pressione max era a 175. Mi ha ordinato di prendere un Cotareg al mattino. Dopo venti giorni abbastanza buoni, oggi, ad un mese esatto stessa cosa (ne avevo preso mezzo di Cotareg negli ultimi 4gg.). Pressione max 160 min 95. Aiuto!!! Grazie per una Sua risposta
Si tratta di una ipertensione sistolica, in cui in genere prevale la componente emotiva. Stia tranquilla, faccia attività fisica, elimini i cibi con sale (salumi, formaggi,cibi in scatola etc). Se i valori rimangono alti faccia indagni per identificare eventuali cause dell’ipertesnione. Pero oora continui pure la terapia. Prof. Daniele Bracchetti Cardiologo Bologna
Prof. Daniele Bracchetti


Da 8722 a 8737 di 12483