Sei in: Medico on-line > Cardiologia

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Cardiologia
Referenti

ultimo aggiornamento 6/02/2009
 
Aree tematiche

    Il Prof. Daniele Bracchetti risponde alle domande inerenti :
  • Aritmie Cardiache
  • Infarto Miocardico
  • Ipertensione Arteriosa
    Il Dott. Sergio Di Benedetto risponde alle domande inerenti :
  • Prevenzione cardiovascolare
  • Ipertensione arteriosa
  • Cardiopatia ischemica ed infarto miocardio
  • Valvulopatie (malattie delle valvole cardiache)
  • Scompenso cardiaco

Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 26/05/2008
Invia la tua domanda

Domande / Risposte
ramipril
14 Giu 10 - christian, 43 anni (id: 108495)
  Buongiorno Dottore, da 4 mesi , dopo visita cardiologica e diabetologica, mi hanno prescritto ramipril 5mg alla mattina ed una dieta ferrea con ripresa dell’attività sportiva e movimento. Ho perso circa 10kg in 4 mesi e dovrò comunque intraprendere terapia farmacologica, blanda, per il controllo della glicemia. Da una ventina di giorni soffro di formicolio alle punte delle dita delle mani in particolare di notte , svegliandomi. Può essere dovuto al ramipril ? Grazie molte Distinti Saluti
Difficilmente Dr di Benedetto
Dott. Sergio Di Benedetto


"scollamento" pericardico
13 Giu 10 - Agata, 66 anni (id: 108483)
  SCOLLAMENTO PERICARDICO Nellultima analisi strumentale fatta g. 10/6/2010 mi è risultato lo SCOLLAMENTO DEI FOGLIETTI PERICARDICI cortesemente vorrei sapere in che cosa consiste e qualè il rimedio più urgente da effettuare. GRAZIE, saluti
Si tratta robabilmente di un piccolo versamento pericardico che consiglierei di ricontrollare dopo 3-4 settimane. Dr Di Benedetto
Dott. Sergio Di Benedetto

propafenone
13 Giu 10 - walter, 86 anni (id: 108481)
  Egregio Professore, sono un signore di 86 anni e soffro di aritmia al cuore per questo soffro di gonfiore ai piedi. Il cardiologo da cui mi sono recato mi ha prescritto propafenone 150 mg; la questione è che cardiologi di mia conoscenza me l’hanno poi sconsigliato dicendo che facilita ictus cerebrali. Può dirmi lei qualcosa a tal proposito? La ringrazio e la saluto cordialmente! Walter
L’ictus cerebrale può essere causato da alcune aritmie come la fibrillazione atriale. Il propafenone può essere utile per prevenire la fibrillazione atriale ed in tal senso può ridurre il rischio di ictus. L’uso del farmaco deve comunque essere considerato nell’ambito del quadro clinico complessivo. Dr Di Benedetto
Dott. Sergio Di Benedetto

tachicardia sopraventricolare.
13 Giu 10 - chiara, 23 anni (id: 108477)
  gentile professore sono una ragazza di 23 anni che dalleta di 20 senza motivo ha iniziato a soffrire di extrasistoli con conseguente tachicardia sopraventricolare che sopraggiunge ogni 5 ogni 6 mesi ! Ho fatto tutti gli esami test da sforzo holter cardiaco eco cardiogramma ma sono risultati nella norma ! sono molto avvilita perchè la paura di queste aritmie pur sapendo che sono benigne non mi permette d vivere serena anche perchè avvolte il cuore durante laritmia mi va a 200 e ho tanta paura che si possa fermare ! io credo che siano le extrasistoli ad innescarmi la sopraventricolare ! la mia domanda è posso rischiare qualcosa di pericoloso per la vita? e poi non volendomi sottoporre ad ele... continua >>
ttrofisiologia con ablazione rischio di rovinare il mio cuore ! mi passerannoandando avanti con letà? La ringrazio infinitamente per la sua disponibilità! Chiara.
Consiglierei anche di valutare la funzione tiroidea se non è già stato fatto. Proporrei inoltre una profilassi farmacologica dell’aritmia in primo luogo con l’impiego di farmaci beta-bloccanti. Dr Di Benedetto
Dott. Sergio Di Benedetto

severa ipertensione
12 Giu 10 - maurizio, 48 anni (id: 108469)
  egregio dottore la mia giornata di lavoro è ad altissimo stress, da un anno soffro di ipertensione min 95 max 180 il mio medico curante mi ha prescritto ramipril 5 mg. fumo e bevo caffè- laltra sera ho mangiato dopo un pasto abbondante della liquirizia- il mattino successivo ho avuto giramenti di testa x tutto il giorno -nel pomeriggio provando la pressione al lavoro min 90 mx185- mi chiedevo se nel caso sucedesse ancora è possibile prendere un ulteriore pastiglia ramipil 5 mg- la ringrazio molto
E’ senz’altro indicato potenziare la terapia antipertensiva: come primo passo può raddoppiare la posologia di ramipril, ma probabilmente sarà necessario aggiungere altri farmaci. E’ necessario inoltre individuare e d aliminare gli altri fattori di rischio coronarico (fumo, diabete, ipercolesterolemia) Dr Di Benedetto
Dott. Sergio Di Benedetto

extrasistolasi
12 Giu 10 - simona, 22 anni (id: 108453)
  salve dottore sono una ragazza di 22 anni soffro di extrasistole da 10 anni,oramai ho imparato a conviverci,ma ultimamente sono diventate più irreglari,nel senso che me ne vengono anche 5 di fila non in doppietta o tripletta ma di più me ne vado in apnea anche la notte,ma ho notato che ora che le ho di nuovo ho anche molte nevralgie infatti sento dolori diffusi ai nervi in tutto il corpo anche se sono molto lievi,pensavo che le extrasistole fossero dovute a carenza di sali minerali infatti ho mangiato un sacco di banane lultimo periodo ma la cosa che ho notato è che 3 giorni fa come ho bevuto 2 bicchierei di energate che è integratore di sali minerali mi sono rivenute le extrasistole,com è ... continua >>
possibile?poi ho pensato che fossero anche dovute alle nevralgie è possibile?avere piu di 5 extrasistole di fila senza che si ristabilisca subito il battito è pericoloso?mi scusi se mi sono dilungata e grazie in anticipo
Di che tipo di extrasistoli si tratta? Consiglierei comunque di approfondire le indagini cardiologiche: ecocardiogamma, ecg di Holter, visita cardiologica. Dr Di Benedetto
Dott. Sergio Di Benedetto

dolore toracico
11 Giu 10 - claudio, 38 anni (id: 108450)
  salve. notte tra l’8 e il 9 alle 12 pm sono sceso con il cane. Subito ho sentito fortissimo dolore scapola sx. In 2 min si sposta al petto lato sx. fatica e fiato corto. la mattina permane il dolore. la notte tra 9 e 10, febbre dolori ossei, ancora dolore nei punti sopra citati e tracce di sangue nella saliva (quando "raschio" il catarro)il 10 mattina vado al ps. analisi sangue ECG e lastra polmoni. Nulla...non si capisce cosa ho, e mi danno una visita epatologa amb.ale il 15. Io ex TD, fumatore con epatite C e piastrine da circa due anni a 50000 (solo ultimamente si sono rialzate intorno alle 60000). Non tocco alcool ma mangio un po’ grasso e dolce. Lavoro in ufficio soffro di alti livelli... continua >>
di stress. Esaurimento nervoso forte a 18 anni e a 26. Ricoverato per gastrite (rimettevo sangue) 8 anni fa. Poi oggi la sorpresa: il dottore di famiglia mi dice "ma non si sono accorti dell’ECG?". ECG che dice: RS a FC 60 BPM - Disturbo di conduzione IV dx. - Q in sede laterale - R prominente in V1 - Non anomalie primarie dell’ST-T. Dopo l’esclamazione pero’ il dottore (per telefono perchè io a casa in malattia) è stato piottosto vago...Capisco che è difficile, ma potreste darmi qualche indicazione aspettando che lunedi’ rivada all’ospedale chiedendo come sia passato inosservato l’ECG? (mi avevano gia stampato i fogli d’uscita quando la dottssa ha esclamato:"aspetta ..dobbiamo fare l’ECG"! Fatto dalla infrmiera, ristampati i fogli e dimesso. forse li l’errore . grazie
Consiglirei di ripere l’elettrocardiogramma e di eseguire un ecocardiogramma oltre ad una valutazione clinica copleta. Dr Di Benedetto
Dott. Sergio Di Benedetto

ipertensione polmonare
11 Giu 10 - fr, 41 anni (id: 108449)
  Mia madre, 71 anni,, non fumatrice, 3 mesi ha effettuato una visita cardiologica con cocardiogramma. Esame regolare eccetto Sezioni dx nella norma con stima PAP53mmhg e media 26 mmHg.Il medico ha rilevato una ipertensione polmonare aumentata rispetto allesame precedente (18 mesi prima) - PAP 39mmhg.E’ stato prescritto Cotareg 80 mg/12,5 mag- valsartan/idroclorotiazide. Ha fatto altri esami : Dal doppler agli arti inferiori è risultato un flebolinfedema (aveva anche piedi gonfi), mentre le analisi sangue tutto ok eccetto d-dimero leggermente elevato. Dopo qualche mese ha ripetuto le analisi del sangue con valore d-dimero nella norma ed i piedi si erano sgonfiati, mentre ipertensione pol... continua >>
monare, pur misurato più volte, risulta essere intorno ai 48. Il cardiologo ha ritenuto di non effettuare altri indagini tipo la scintigrafia in quanto il cuore al momento non ha problemi (tutti i valori sono regolari) e comunque la scintigrafia comporrebbe radiazioni.Le chiedo: 1) è stato ipotizzato, non avendo mai madre sofferto di bronchite od altro, che il valore elevato fosse dovuto ad un embolo poi regredito, di qui anche il gonfiore ai piedi: vi è pericolo che possa riformarsi con gravi conseguenze? 2) l’ipertensione polmonare non può danneggiare il cuore a lungo andare? 3) l’effettuazione della scintigrafia potrebbe determinare una cura diversa? Ed eventualmente quale? 4) Come mai il valore della pressione polmonare si mantiene altino nonostante un d-dimero nella norma?
Secondo le linee guida della società europea di cardialogia una pressione arteriosa sistolica polmonare > 50 mmHg all’ecocardiografia rende probabile una diagnosi di ipertensione polmonare. Le cause di ipertensione polmonare sono numerose; tra queste vi è la malattia tromboembolica polmonare che comporta in genere una terapia anticoagulante. Se nel caso descritto vi sono elementi che orientano verso tale possibilità può essere utile approfondire le indagini con una scintigrafia od una TC polmonare. Il D-dimero è utile più per escludere la diagnosi di troboembolia polmonare (se negativo) che per confermarla;non vi è comunque uno stretto rapporto tra pressione polmonare e d-dimero Dr Di Benedetto
Dott. Sergio Di Benedetto

sildenafil
11 Giu 10 - sergiorossi, 50 anni (id: 108445)
  uso sildenafil da diversi anni senza problemi ne controindicazioni. da qualche giorno i seguito ad una misurazione non normale di pressione e di pulsazioni esagerate (sino a 120 ) dopo visita ed elettrocardiogramma il cardiologo mi sta trattando con 1 pillola di bisoprololo 1,25 mg al giorno. Vorrei sapere se i due farmaci possono essere compatibili senza rischi. grazie
I due farmaci sono generalmente compatibili Dr Di Benedetto
Dott. Sergio Di Benedetto

stanchezza
11 Giu 10 - luca, 28 anni (id: 108424)
  Salve, sono un pò preoccupato perchè è da qualche giorno che ho un pò di debolezza che mi accompagna durante tutta la giornata. È come se fossi sempre stanco e ad ogni movimento rapido che faccio è come se mi girasse un pò la testa. Oltre a questo sento il battito del cuore sul mio corpo, per esempio sul collo, sulle braccia, ecc.., lo sento battere forte anche se il numero di battiti al minuto è regolare credo, intorno ai 60. Ho misurato la pressione in farmacia di sera verso le 18:30 dopo una giornata di lavoro e avevo 143/90. Cosa può essere? Avere questo senso di debolezza sempre è una cosa molto fastidiosa. Grazie mille.
Consiglierei di eseguire alcuni esami bioumorali che il curante aprà consigliare. DR Di Benedetto
Dott. Sergio Di Benedetto

ipercolesterolemia moderata
11 Giu 10 - bruno, 48 anni (id: 108418)
  Gentile Dottore volevo un suo parere. ho sempre avuto anche mia mamma colesterolo un po alto. Le ultime analisi ho un col tot. 249 hdl 50 ldl 176 trigliceridi 115. lA pressione e normale non ho mai avuto problemi di cuore. Mi consiglia di prendere medicine tipo statine. La ringrazio tanto Bruno
Consiglierei uuna dieta a basso contenuto di colesterolo ed un trattamento di eventuali altri fattori di rischio coronarico (ipertensione arteriosa, diabete, fumo) DR Di Benedetto
Dott. Sergio Di Benedetto

Aorta bicuspide
10 Giu 10 - MARIELLA, 26 anni (id: 108413)
  Gent.mo Dottore Le scrivo avere un consulto sul mio problema. Da due mesi soffro maledettamente di dolori al petto localizzati prevalentemente nella parte sinistra, al collo, e alla schiena. Inizialmente presa dai forti dolori soprattutto al petto ho deciso di sottopormi ad una visita cardiologica nella quale mi hanno eseguito l’eco doppler ( durato circa 40 minuti) , in tale esame è stato riscontrato soltanto un’aorta bicuspide con una lieve insufficienza aortica che a giudizio del dottore non ha alcuna correlazione con il dolore che avverto, mi ha rassicurata dicendomi che il riscontro dell’aorta bicuspide (comunemente diffuso in moltissime persone) è puramente casuale poiché non pro... continua >>
voca nessun sintomo. Il cardiolgo mi disse che sicuramente avevo preso una contrattura muscolare al torace tantè che durante l’esame che mi ha esguito avvertivo un dolore atroce al torace. Vorrei cortesemente un suo parere sul problema che le ho appena descritto, secondo dei dolori lancinanti al petto sono riconducibili ad una contrattura muscolare. Ho paura che si tratti di sofferenza cardiaca anche se il cardiologo mi ha ripetuto più volta di avere un cuore sanissimo e di non avere assolutamente nulla a livello cardiaco. Sono molto preoccupata. Ho 26 anni. L’eco doppler è sufficiente per poter escludere una patologia cardiaca? crta di un riscontro colgo l’occasione per porgere cordiali saluti. Ringrazio anticipatamente.
Il dolore toracico va sempre considerato con attenzione; se tuttavia il cardiologo che ha esaminato il rproblema ne esclude l’origine cardiaca è opportuno ricercare altre cause. Consilierei comunque periodici ecocardiogrammi (prossimo dopo un anno) per rilevare eventuali modifiche del quadro descritto. Dr Di Benedetto
Dott. Sergio Di Benedetto

ipertesnione instabile
10 Giu 10 - marta, 78 anni (id: 108412)
  Buonasera professore,non è semplice spiegare brevemente quanto abbia dannato nella sua vita mia madre per regolarizzare la sua pressione.Da un paio danni a questa parte assume tre farmaci al mattino tenoretic mite,lacipil 6 mg e micardis 80.Dati alla mano i valori non sono poi cosi alterati 140-150 prima dei farmaci e non infrequentemente anche 130-135,bassa forse troppo la mattina con valori tra i 100-120/60-65 e il pomeriggio tra i 120-145/60-70.Di fatto però a causa di ansie preoccupazioni personali letà stessa,problemi gastrointestinali,ernia iatale la pressione non riesce a rimanere stabile nel lungo periodo e qualche volta sale un pò piu del dovuto a causa dellagitazione o degli attacc... continua >>
hi di panico improvvisi.La cosa mi fa arrabbiare perchè non è possibile che con tre farmaci a dosi elevate talvolta salga.Questo però succede a casa quando la prova troppo spesso perchè dal cardiologo,in ospedale o dal suo medico va sempre bene.Si sente talvolta abbandonata perchè sia io che mio padre ci arrabbiamo per queste sue ansie e questo probabilmente non laiuta.Verso le 19.30 di ieri è salita a 175 voleva il nifedicor ma ho detto a mio padre di non darglielo.Ci è voluto unora ma si è poi stabilizzata sui 140/70 che non sono le sue misure serali poichè di solito è piu bassa ma almeno non vè stato bisogno della nifedipina.A fine mese ha il controllo cardiologico e se sarà normale ripartiamo da capo.Mi da una sua opinione?grazie.Pietro
Non mi sembrano valori preoccupanti. La pressione può avere variazioni nel corso della giornata e i valori da lei riferiti vanno fondamentalmente bene. Prof. D. Bracchetti D.Bracchetti
Prof. Daniele Bracchetti

aorta dilatata
10 Giu 10 - Vittorio, 43 anni (id: 108407)
  il 09/09/2010 ha fatto un’eco cardio doppler di controllo per ectasia della radice aortica SV: risultato 41 mm. dal 02/07, il valore era stato di 40 mm sino al 06/09, nonostante nessuna cura per pressione e stile di vita non curato. Nell’ultimo anno, nonostante abbia fatto particolare attenzione ai valori pressori ( specie la diastolica , tenendoli sempre sui 120/85 massimo, molto spesso anche più bassi), il valore è aumentato di 1 mm. La mia domanda è: può essersi trattato di un errore di misurazione? Lo dico, perchè nell’eco del 2009 l’aorta ascendente era di 36 mm. ora ( 06/2010 ) è scesa a 33 !? Comunque, devo preoccuarmi? 41 mm. e’un valore eccessivo? A che valore di dilatazione della ... continua >>
radice aortica ( ho valvola aortica tricuspide )occorrebbe operare? Mi perdoni, ma coma avrà capito, sono una perdona ansiosa. Grazie e buon lavoro!
Non è proprio il caso di preoccuparsi per un mm!! Faccia congtrolli periodici e stia trranquillo, soprattutto se non c’è insufficienza valvolare aortica. Non vedo perchè nel suo caso si debba pensare all’intervento (si fa da 5 cm in su) Prof. D. Bracchetti
Prof. Daniele Bracchetti

re-risposta
10 Giu 10 - viviana, 63 anni (id: 108405)
  Codice108307:ha ragione professore forse mi preoccupo troppo e provo troppe volte la pressione.Di fatto però stamane prima dei farmaci 140/70,alle 9 100/60 alle 17 quindi unora fa 150-155 sia seduta che supina agitata per i forti dolori.Il mio cardiologo va ad Oslo per un convegno poi il 24 ho appuntamento con lui.Mi fa arrabbiare il fatto che nei controlli dal mio medico di base, di recente in ospedale per un intervento al menisco e dal mio cardiologo stesso è sempre normale a casa spesso si alza,che sia lambiente o la nevrosi da ripetute misurazioni?mi scusi lo sfogo e il disturbo.Grazie comunque per il parere espresso in precedenza
Ok. Stia tranquilla !!! DB
Prof. Daniele Bracchetti


Da 3752 a 3767 di 12742