Sei in: Medico on-line > Chirurgia Generale

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Chirurgia Generale
Referenti

ultimo aggiornamento 20/05/2010
 
Aree tematiche

    L’ Eq. Chirurgia Generale Prof. Minni risponde alle domande inerenti :
  • Chirurgia della mammella
  • Chirurgia della tiroide, delle paratiroidi e del surrene
  • Chirurgia di giorno (day surgery)
  • Chirurgia del pancreas, della colecisti e delle vie biliari
  • Chirurgia dei tumori dello stomaco, dell’intestino e del colon-retto
  • Chirurgia Mini-invasiva Laparoscopica e Robotica

Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 1/02/2006
Invia la tua domanda
- Prof. Francesco Domenico Capizzi ha raggiunto il limite massimo di domande a cui rispondere

Domande / Risposte
TAS elevata
2 Feb 06 - Matteo, 26 anni (id: 27682)
  Salve mi chiamo Matteo e scrivo da Roma. Premettendo che non so a quale tipo di specialista rivolgermi per questo (me lo pu¨° dire lei?), ¨¦ da circa un anno che con delle mirate analisi del sangue mi si riscontra una TAS tra i 400 ed i 500, circa il DOPPIO del massimo tollerato dalla "normalit¨¤". Ora, dal momento che non posso assumere farmaci derivati dalle penicilline, e che non posso assuemere per lunghi periodi antibiotici per ovvie ragioni (e comunque dopo la cura la TAS tende progressivamente sempre a raggiungere quei valori cos¨¬ alti) cosa dovrei fare secondo lei? quali eventuali danni pu¨° comportare a lungo termine? Potrebbe essere causata dal piercing al traco che mi feci quasi ... continua >>
due anni fa? (anche se utilizzo piercing in acciaio chirurgico?)Mi perdoni se mi sono rivolto allo specialista sbagliato (nel caso la prego di indirizzarmi lei da quello giusto). La ringrazio per l’attenzione e le auguro buon lavoro.
Lo specialista a cui deve rivolgersi è un reumatologo Prof Riccardo Casadei
Eq. Chirurgia Generale Prof. Minni


feocrocitoma
2 Feb 06 - Paolo, 52 anni (id: 27667)
  Da diversi anni mio marito lamentava periodi di lieve ipertensione e stanchezza; venivano prescritti esami di routine (non portavano a nulla), una dieta (era sempre un po’ in sovrappeso) ed in effetti tutto rientrava nella normalità. Poichè i disturbi saltuariamente si ripresentavano e se ne aggiungevano altri quali ansia, sudorazione eccessiva, senso di gonfiore esofageo quasi con soffocamento(adrenalina?),palpitazioni, battito aumentato anche sino a 100,l’anno scorso fece un’eco addominale che riscontrò al polo sup. del rene sinistro "formaz. nodulare rotondeggiante A ECOGENICITà MEDIO ALTA DI POCO SUPERIORE AL CM (era però un errore di trascrittura ed il ns.medico non guardò le immagini ... continua >>
e non se ne accorse!)contenente un’area anecogena di cm. 1,2 da approfondire. Ci recavamo dal ns.medico che ci tranquillizzò rimandandoci ad un controllo annuale per verificarne l’eventuale espansione. Oggi, a distanza di un anno, mio marito ha effettuato per 1^ cosa una TAC basale polmonare: ai polmoni nulla, ma veniva riscontrato nella loggia surrenalica nodulo di cm. 6 da approfondire con TAC o Rm...puo’ immaginare lo spavento!Per questo motivo abbiamo ripreso in mano l’eco dell’anno precedente ed io mi sono accorta,pur essendo profana,che nelle immagini il nodulo risultava essere di cm. 5,3 ca!Con la RM senza mdc fatta ora il responso rivela formazione tondeggiante, delimitata da profilo netto e regolare,del maggior diametro di cm. 6,che mostra segnale preval. isointenso nelle seq.T1 pesate ed iperintenso nelle acquis.T2 dip.; sono osservabili areole di > disomog. di segnale con aspetto di relativa ipoint. nelle seq.T1 pesate e di + evidente iperint. nelle acquis. a TRlungo con caratter. di parziale componente fluida.La massa conserva le stesse caratteristiche in sequenza con protoni dell’acqua e del t.adiposo in opposizione di fase. FORMAZIONE ESPANSIVA SOLIDA SOSPETTA PER LESIONE METABOLICAMENTE ATTIVA.In attesa di visita special. le vorrei chiedere: è un FEOCROMOCITOMA?
E’ necessario esaminare la documentazione e probabilmante procedere a intervento laparoscopico. Saluti Prof Francesco Domenico Capizzio direttore chirurgia generale gastroenterologica e laparoscopica ospedale maggiore bologna 0513172830 0516478390
Prof. Francesco Domenico Capizzi

colelitiasi
1 Feb 06 - ELISA, 25 anni (id: 27649)
  Gentile Dottore, in data 17 gennaio 2006 (tra l’altro giorno del mio compleanno!)dopo un paio di giorni passati in ospedale a seguito di una forte colica biliare (con febbre e colorito giallo di viso e occhi), sono stata sottoposta all’intervento di laparoscopia per l’esportazione della colecisti che era risultata piena di calcoli. Sono stata dimessa due gg. dopo l’intervento e non ho avuto particolari disturbi (u pò di difficoltà a mangiare e digerire nei primi giorni) Adesso sono passate tre settimane dall’intervento e ho notato questo disturbo:dopo alcuni pasti (soprattutto colazione e pranzo)ho degli episodi di dissenteria (non sempre scariche,alle volte semplicemente le feci sono molt... continua >>
o molli).Vorrei sapere se può essere una normale conseguenza post operatoria,se posso prendere qualche medicinale o se devo approfondire la situazione. Sto mangiando in modo leggero (primi piatti in bianco, minestre, carne ai ferri, tanta verdura) La ringrazio anticipatamente.
Mangi normale.Saluti Prof Francesco Domenico Capizzi
Prof. Francesco Domenico Capizzi

obesità
1 Feb 06 - roberto, 57 anni (id: 27645)
  ho difficoltà ad affrontare una dieta seria e sto gradatamente prendendo peso il bendaggiop gastrico potrebbe essermi utile oppure i parametri sono tali da sconsigliarne l’impianto? Grazie p.s. una forte accelerazione nel peso è intervenuta nel corso dell’ultimo anno: personalmente lo attribuisco anche alla interruzione di un attività fisica giornaliera che ho effettuato per anni (ho l’ernia al disco e lo specialista mi ha VIETATO di correre mentre prima facevo ca. 1 ora al giorno). In particolare la parte più evidente è l’addome dove parrebbe possibile intervenire con una liposuzione ma credo che di fatto il tutto potrebbe risultare disarmonico. Grazie.
Si previa visita. Saluti Prof Francesco Domenico Capizzi
Prof. Francesco Domenico Capizzi

obesità
1 Feb 06 - Laura, 24 anni (id: 27643)
  Sono interessata all’intervento di legamento gastrico. Il mio medico curante ha fatto una richiesta di visita al centro di obesità del S.Orsola di Bologna. Come posso prenotare tale visita? Ho già provato a chiamare al centralino, ma mi risponde una voce preregistrata che non chiarisce la procedura da effettuare. Le sarei grata se riuscisse a fornirmi chiarimenti in merito. Grazie Cordiali saluti Laura
Al Policlinico S.Orsola-Malpighi c’è un centro famoso per la cura dell’obesità. Chiami il centralino e se lo faccia passare per prendere un appuntamento. Prof Riccardo Casadei
Eq. Chirurgia Generale Prof. Minni

calcoli colecisti
1 Feb 06 - Aldo, 48 anni (id: 27627)
  Egr.Prof., Ho tre calcoli alla coliciste,i quali per il momento non mi recano fastidio. Vorrei sapere se’è il caso un’intervento chirurgico? o convivere con essi. RingraziandoVi anticipatamente distintamente Vi saluto.
I calcoli non sintomatici della colecisti solitamente non vanno sottoposti a trattamento chirurgico. Utile una dieta priva di uova, latte, latticini e carne rossa. Se i calcoli dovessero manifestarsi, allora è indicato un trattamento chirurgico. Prof. Riccardo Casadei
Eq. Chirurgia Generale Prof. Minni

colecisti
1 Feb 06 - Lorenzo, 47 anni (id: 27597)
  A seguito di una colica, con urine scure e febbre, ho effettuato una ecografia epatica e della colecisti.E’ stato rilevato un polipo nella colecisti di 2mm. A parte la colica, tale polipo è del tutto asintomatico e vorrei sapere se è il caso di intervenire chirurgicamente. Nel frattempo, ci sonodiete particolari da seguire? Grazie
E’ necessario verificare se davvero c’è il polipo con altra eco. Poi se ne parlerà. Saluti Francesco Domenico Capizzi direttore chirurgia generale gastroenterogica e laparoscopica ospedale maggiore bologna
ChGenOspMaggioreBo.htm
Prof. Francesco Domenico Capizzi

prolasso retto
31 Gen 06 - laura, 57 anni (id: 27531)
  tempo fà ho effettuato i raggi all’ intestino che ha riscontrato un prolasso rettale evidente ed ho molte fuoriuscite di mucosa. il mio prontologo mi a detto che mi dovrò operare vorrei sapere qual’ operazione e come viene effettuata grazie
Noi in questi casi pratichiamo la mucosectomia con stapler, con 1 giorno di ricoveroe risultati eccellenti. Saluti Prof Francesco Domenico Capizzi direttore chirurgia generale gastroenterologica e laparoscopica ospedale maggior bologna 0513172830 3385356943e
Prof. Francesco Domenico Capizzi

mammella
30 Gen 06 - Camelia, 18 anni (id: 27463)
  salve dott. poco tempo fa ho notato una secrezione giallastra alla mammella destra; secondo lei alla mia età è normale questo episodio? grazie. distinti saluti.
Se dovesse ripetersi si faccia visitare. Saluti Prof Francesco Domenico Capizzi
Prof. Francesco Domenico Capizzi

ragade
30 Gen 06 - giusy, 28 anni (id: 27457)
  gentile dottore accuso da qualche mese dolori all’ano,nella parte quasi esterna, ed ogni tanto si è verificata perdita di sangue rosso vivo che ha sporcato le feci e la carta igenica.Mi sono recata dal medico curante che ha diagnisticato o una ragade o emorroidi.Vado ogni mattina in bagno ma certe volte ho difficolta ad evaquare anche se le feci sono morbide ed è in questi periodi che si verifica un’intensità del dolore e perdita di sangue. Sono un tipo un pò ansiosa e in questi giorni mi è stata diagnosticata un tiroidite( gli altri valori del sangue erano ok)!che dire?cosa ne pensa?Grazie giusy
e’ opportuno eseguire retto-scopia e se il caso coloscopia. Saluti Prof Francesco domenico Capizzi direttore chirurgia generale gastroenterologica e laparoscopica ospedale maggiore bologna 0513172830 3385356943
Prof. Francesco Domenico Capizzi

colesterolo e litasi
30 Gen 06 - raffaella, 24 anni (id: 27446)
  Buongiorno!sono stata operata una decina di anni fa alla colecisti per la formazione di calcoli di colesterolo con metodo laparoscopico e precedente colangiografia retrograda per pulire le vie biliari. Da allora non ho più avuto grossi problemi, annulamente tengo sotto controllo gli esami del sangue in particolar modo per quanto concernono i valori del fegato e del colesterolo.Tuttavia quest’ultimo da sempre ha valori molto alti (297 nel novembre 2005) e nonostante diete e accorgimenti vari non scende a soglie normali.(non ho mai preso farmaci per ebbassarlo,dato la govane età). ogni tanto però mi si presentano delle coliche biliari.Ho fatto le ecografie di controllo e non risultano ne’ ca... continua >>
lcoli ne’ frammenti di essi nelle vie biliari.Ricorro in tali casi al deursil rr prescritto ai tempi dell’operazione pr far fluidificare la bila (lo prendo solitamente per 4/5 giorni dopo la colica). Cosa mi dice a tal proposito? grazie
Non vi sono connessioni. In mancanza di riscontri anche i farmaci per la bile sono inefficaci. Forse sarà necessario prenderne per il colesterolo se il valore non si abbassa con dieta. saluti Prof Francesco Domenico Capizzi
Prof. Francesco Domenico Capizzi

dolori addominali
29 Gen 06 - giancarlo, 28 anni (id: 27385)
  EGR.PROF, da almenno 10 anni ,dopo intervento di appendicite,retroflessa,soffro di dolori all’addome superiore destro,a volte ,sempre più spesso negli ultimi anni,tali da richiedere uso di toradol.Ecografia ripetuta risulta normale.Quale indicazioni pùò darmi e dove rivolgermi? Grazie per l’attenzione.Giancarlo
potrebbero essere aderenze che si trattano facilmente in laparoscopia. Quali accertamenti ha effettuato? Saluti Prof Francesco Domenico Capizzi direttore chirurgia generale gastroenterologica e laparoscopica ospedale maggiore bolgna 0513172830 3385356943
Prof. Francesco Domenico Capizzi

carcinoma stomaco
28 Gen 06 - Grazia, 65 anni (id: 27353)
  Carissimo Prof. Capizzi io sono la figlia della signora Grazia, purtroppo la mia mamma ha un calcinoma allo stomaco e al pangreas ha fatto chemio terapia con la conseguenza di effetti collaterali inizialmente faceva la terapia fulfiri poi è stata cambiata per gli effetti collaterali che aveva, adesso non può più fare terapia di chemio perchè ha tutti i valori del sangue completamente a terra, purtroppo la situazione è degenerata in quanto vomita continuamente e ha dolori fortissimi, a casa viene un medico e un infermiere per delle cure contro il vomito e il dolore però ancora non abbiamo iniziato la morfina, abbiamo contattato un medico in germania che ci ha mandato una serie di fiale... continua >>
da fare intramuscolo e nella pancia, la chiamano terapia alternativa per ristabilire le cellule buone vorrei che lei mi consigliasse se continuare con questa terapia. Mi dicono tutti che non è operabile perchè il tumore le ha toccato il pancreas. Prof, cosa mi consiglia? ha anche una metastasi all’annesso destro dell’ovaio che le procura molto dolore. Io la ringrazio per la sua disponibilità e cortesia.
Bisognerebbe esaminare la documentazione. Come si è arrivati alla diagnosi? Quali sono le condizioni ? E’ stata effettuata una laparoscopia diagnostica? Saluti Prof Francesco Domenico Capizzi direttore chirurgia generale gastroenterologica e laparoscopica ospedale maggiore bologna 0513172830 3385356943
Prof. Francesco Domenico Capizzi

infarto intestinale
28 Gen 06 - Claudio, 37 anni (id: 27334)
  Gentile prof. Capizzi, volevo porle una domanda sull’infarto intestinale. L’infarto intestinale, una volta accertato, può essere reversibile con la semplice somministrazione di farmaci, oppure occorre in ogni caso l’intervento chirurgico? Se, in corso di intervento chirurgico si riscontra una estesa area intestinale necrotica, deve subito essere resecata, oppure togliendo l’embolo vi sono casi in cui l’intestino, anche se necrotico, si riprende e riparte la peristalsi? Le risposte naturalmente in base alla sua illuminata esperienza. Scusi per il disturbo. Cordiali saluti
l’infarto conclamato va resecato. L’ischemia recente potrebbe essere soggetta a embolectomia e farmacoterapia. Saluti Prof Francesco Domenico Capizzi direttore chirurgia generale gastroenterologica e laparoscopica ospedale maggiore bologna
Prof. Francesco Domenico Capizzi

colelitiasi
27 Gen 06 - nadia, 24 anni (id: 27318)
  a seguito di coliche(una a settembre e l’altra più lunga e dolorosa a gennaio)ho effettuato un ecografia scoprendo la presenza di calcoli alla coliciste,mi hanno consigliato un operazione in laparoscopia,nessuno mi ha parlato di una cura.Vorrei sapere se si pùo effettuare una cura,a chi posso rivolgermi,le varie conseguenze della cura e dell’operazione.Inoltre potrebbe indicarmi gli alimenti da evitare per non affaticare la coliciste,e di conseguenza che cosa posso mangiare senza star male?Se è possibile datemi degli indirizzi di centri in molise o a roma specializzati in calcoli alla coliciste,o il nome di qualche dottore a cui posso rivolgermi per evitare l’intervento e fare una cura.grazi... continua >>
eii
è indispensabile l’intervento, sempre laparoscopico con 3 fori di 0,5 cm., senza dolore, con degenza di 1 giorno.Questo è il nostro standard normale. Saluti Prof. Francesco Domenico Capizzi direttore chiruregia generale gastroenterologica e laparoscopica ospedale maggiore bologna 0513172830 3385356943
Prof. Francesco Domenico Capizzi


Da 3600 a 3615 di 4177