Sei in: Medico on-line > Chirurgia Generale

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Chirurgia Generale
Referenti

ultimo aggiornamento 20/05/2010
 
Aree tematiche

    L’ Eq. Chirurgia Generale Prof. Minni risponde alle domande inerenti :
  • Chirurgia della mammella
  • Chirurgia della tiroide, delle paratiroidi e del surrene
  • Chirurgia di giorno (day surgery)
  • Chirurgia del pancreas, della colecisti e delle vie biliari
  • Chirurgia dei tumori dello stomaco, dell’intestino e del colon-retto
  • Chirurgia Mini-invasiva Laparoscopica e Robotica

Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 1/02/2006
Invia la tua domanda
- Prof. Francesco Domenico Capizzi ha raggiunto il limite massimo di domande a cui rispondere

Domande / Risposte
fistola
23 Dic 07 - paola, 40 anni (id: 70932)
  sono affetta da fistola perianale complessa ,sono già stata operata una volta a luglio del 2008 e mi è stato apposto un " setone" per drenare l’ascesso e per chiudere la fistola. Dopo circa 2 mesi mi è stato reciso il filo e si è presentata nuovamente la stessa fistola riscontrata a seguito di eco endoanale Dovrò nuovamente essere operata e mi è stato proposto il flap per favorire la cicatrizzazione Volevo sapere quali erano i rischi di complicazione di quest’intervento e se è veramente risolutivo del problema La ringrazio per l’attenzione Paola
ne parli con chi deve operarla
Prof. Francesco Domenico Capizzi


colecisti
23 Dic 07 - Davide, 23 anni (id: 70931)
  Salve 16 mesi fa feci un ecografia completo all’addome tutto regolare. Ora, invece , mi hanno diagnosticato degli adenomimi adesi alla parete della colecisti, il più grande è di circa 5 mm. Quindi conviene esportarla oppure tenerla sotto controllo?
faccia un altro controllo più avanti
Prof. Francesco Domenico Capizzi

ernia
22 Dic 07 - marco, 42 anni (id: 70908)
  salve sono stato operato di ernia inguinale sx il 30 agosto2007, dopo 1 mese dallintervento e dopo 5 gg di lavoro, ho accusato un dolore al testicolo dx che si irradia verso l’inguine e la gaMBA , dopo diversi accertamenti ortop.,chirurgici e urologici, la proniosi e la seguente .. no pubalgia, no ernie dx , lieve varicocee bilaterare .Dallultima ecografia risulta solo modesa presenza di liquidi che circondano lepididimo dx. Questo liquido potrebbe essere òa causa dei dolori al testicolo e all’inguine? come posso farli riassorbire?
ne parli con chi l’ha operata
Prof. Francesco Domenico Capizzi

ca papillifero
22 Dic 07 - anna, 48 anni (id: 70903)
  Pur non avvertendo sintomi alcuni da accurati accertamenti e’ stato localizzato un nodulo all tiroide,i vari esami tipo scintigrafia,ecografia e ago aspirato hanno diagnosticato che si tratta di nodulo freddo con il seguente referto medico: CARCINOMA PAPILLIFERO VARIANTE ONCOCITICA Mi hanno consogliato immediato intervento chirurgico con asportazione delal tiroide. Gradirei avere cortesemente maggiori informazioni circa la possibilita’ di un sucesso o no e che problemi posso avere.
L’intervento da eseguire è la tiroidectomia totale (il suo chirurgo prima di farle firmare il consenso le spiegherà al meglio in cosa consiste e le eventuali complicanze), la prognosi dopo l’intervento è ottima. Prof. Minni
Eq. Chirurgia Generale Prof. Minni

meningite
21 Dic 07 - salvatore, 17 anni (id: 70880)
  Salve. Oggi ho eseguito un vaccino contro la meningite. Volevo sapere circa le sue conseguenze cosa mi è concesso o meno fare. Ad esempio: è possibile che io baci la mia ragazza senza che vi sia alcuna trasmissione del germe? In più, potrebbe darmi qualche altra drittA? Scusi la domanda forse stupida.
ne parli con il suo medico
Prof. Francesco Domenico Capizzi

reflusso
21 Dic 07 - antonio, 61 anni (id: 70876)
  in quale ospedale si esegue l’intervento laparoscopico per il reflusso esofageo e ernia iatale. grazie
noi ne eseguiamo continuamente in laparoscopia
Prof. Francesco Domenico Capizzi

reflusso
21 Dic 07 - LELLA, 44 anni (id: 70875)
  nBuongirno Prof, a Feb c.a dopo una febbre molto alta durata pochi giorni, ho sofferto per oltre 6 mesi di raffreddore e bronchite e poi di nuovo febbre alta. Mi hanno dato vari antibiotici,cortisoni e pure antistaminici.Ma le mie condizioni non sono mai veramente miglioratae e sempre con uno strascico di sintomo inflenzale. Ho sentito parlare di reflusso gastrofaringeo. Potrebbe essere il mio caso e cosa de fare0 grazie
potrebbe, ma i sintomi?
Prof. Francesco Domenico Capizzi

dolori doèpo ernioplastica
20 Dic 07 - Sergio, 64 anni (id: 70827)
  Da circa una anno operato di ernia imnguinale dx. avverto saltuariamente fastidio, tipo pizzicore, a lato esterno dell’incisione, dove dopo l’operazione avevo avvertito notevole dolore per alcuni giorni. Vorrei sapere quale tipo di esame potrei fare per accertarmi che l’operazione non sia stata fatta in modo maldestro e che possa dare conseguenze negative in seguito. Grazie
Un’ecografia le può dire se l’ernia è stata corretta o se c’è una recidiva. Quelli che lei lamenta sembrano però non disturbi da recidiva, ma parestesie dovute alla rete inserita o da interruzione (fisiologica) di alcune terminazioni nervose sensitive presenti nella zona e dovrebbero con il tempo ridursi o sparire. Prof. Minni
Eq. Chirurgia Generale Prof. Minni

polipo colecisti
19 Dic 07 - roberto, 55 anni (id: 70770)
  Egr. Prof. Minni, ho appena fatto una ecografia addome superiore, nel refertol si legge: Presenza di piccolo polipo parietale del corpo della colicisti di 6 mm circa di scarsa erilevanza clinica. L’urologo - chirurgo al quale mi sono rivolto al contrario dice che il polipo non è di scarsa rilevanza clinica e che va assolutamente eliminato mediante intervento di colecistectomia poichè il polipo è sintomo di un futuro cancro alla colecisti. Gradirei avere un suo parere. Grazie
Per prima cosa occorre essere sicuri che si tratti di un vero polipo (dotato di un peduncolo vascolare che si può vedere con l’ecodoppler) o non piuttosto di un polipo colesterinico, cioè di un deposito colesterinico adeso alla parete. Nel primo caso è bene asportare la colecisti, in quanto il polipo è un tumore benigno che, con il tempo, potrebbe degenerare. I tempi sono però lunghi e, date le dimensioni attuali della lesione, non c’è al momento, a mio parere, una condizione di urgenza. Nel secondo caso si può tentare una terapia farmacologica per provare a sciogliere il deposito colesterinico ed intervenire solo nel caso che tale terapia risulti inefficace o che insorga una sintomatologia riferibile alla litiasi della colecisti. Prof. inni
Eq. Chirurgia Generale Prof. Minni

ernia
18 Dic 07 - francesco, 62 anni (id: 70756)
  Nel gennaio prossimo sarò operato di ernia inguinale sinistra. Vorrei cortesemente conoscere il criterio che adotta il chirurgo nello scegliere tra il metodo Lichtenstein e il metodo Trabucco. Per quest’ultimo, ho letto che il "plug" potrebbe spostarsi.
Il posizionamento del cosiddetto plug è dettato alla presenza di un anello inguinale interno molto ampio, che non si è sicuri di coprire con la normale protesi. Attualmente l’uso del plug è limitato e comunque, nei casi selezionati in cui è ancora impiegato, viene fissato ai tessuti limitrofi per impedirne una successiva dislocazione. Prof. Minni
Eq. Chirurgia Generale Prof. Minni

unghie
18 Dic 07 - LAURA, 24 anni (id: 70722)
  Salve dottore! Avrei una Domanda da porle...... Da un pò di tempo mi sono accorta di avere le unghie un pò gialle?? Da cosa può dipendere??? Forse lo smalto??? Aspetto Risposta! Grazie Mille.
forse
Prof. Francesco Domenico Capizzi

diarrea
17 Dic 07 - antonino1950, 57 anni (id: 70692)
  gia’ njel 2006 avevo chiesto lumi circa la diarrea ricorrente a seguito intervento emicolectomia dx per adenomI di 4c.m. ,con displasia medio grave ,effettuato nel dicembre2005(domanda del 22.5.2006),senza intervento nodulare,ma con asportazione di circa 40cm di colon dx e valvola ileo cecale.A due anni dall’intervento la situazione attuale e’: controlli ematologici colonscopici e acografici regolari.diarrea alternata a feci molli con scariche da una la mattina a due post pranzo estremamente acquosa,la seconda.la terapia dall’inizio con loperamide,sostituita con questan buste con inizio di due mezze buste,adesso con due buste ,per oltre un anno stopper(caolino) per creare massa,ormai da sei... continua >>
mesi sospeso.in caso di bisogno riutilizzo loperamide.ancora a seguito di una gamma gt fino a 100 utilizzzo ursobil 450 ht una cp al giorno anche per una steatosi non severa.mi chiedo l’ursobil puo’ contribuire alla diarrea.mi era stato detto che la situazione dopo un anno sarebbe rientrata,pero’ cosi’ non e’; aggiungo flautenza dopo i pasti principali e coliche intestinali dopo le scariche,soprattutto se violente:E’ ancora valida la cura o da sostituire,devo fare altri controlli considerato che fra l’altro ho eseguito lattoferrina fecale ed intolleranza del tenue a 3 zucccheri,entrambi negatvi. SONO BEN CERTO DI UN COLON IRRITABILE DATO CHE ANCORA PER QUESTA ED ALTRI GRAVI EVENTI FAMILIARI,ORMAI DA ANNI UTILIZZO ANSIOLITICI ED ANTIDEPRESSIVI.GRAZIE IN ATTESA DI RISPOSTA tanti auguri
ho bisogno di incontrarla per esaminare lei e la documentazione
Prof. Francesco Domenico Capizzi

disfagia
17 Dic 07 - nadia, 35 anni (id: 70691)
  mia mamma da ieri a pranzo, non riesce più a deglkutire, nulla, nemmeno la saliva, può essere rimasto del cibo incastrato nell’esofago?
esegua esofagogastroscopia e poi mi faccia sapere. Nel frattempo o beve o bisognerà impiantare flebo
Prof. Francesco Domenico Capizzi

ca colon
17 Dic 07 - franco, 65 anni (id: 70684)
  Buongiorno, durante la colonscopia trovato nel colon destro polipo sessile di grosse dimensioni.Biopsia da come esito adenocarcinoma, con conseguente operazione chirurgica riuscita con asportazione del tumore e di un tratto di colon senza bisogna stomia, e di una metastasi non estesa al peritoneo in prossimita’ del tumore al colon! Mi e’stato consigliato anche delle sedute di chemioterapia dopo la guarigione in ospedale per eliminare eventuali cellule tumorali residue! Le domando per cortesia, secondo lei un opinione sulla mia possibile guarigione ,la possibilita’ di un possibile recidiva del tumore, e in cosa consistono i cicli di chemioterapia per questo tumore Grazie
Come le ho già risposto, non capisco a cosa si riferisce quando mi parla di una metastasi vicino al colon: le metastasi sono epatiche, peritoneali, omentali o ai linfonodi. Quanto alla chemioterapia credo anche io che sia indicata. La recidiva locale è una ipotesi molto remota, visto che la resezione è stata apparentemente radicale. Prof. Minni
Eq. Chirurgia Generale Prof. Minni

urologogastroenterologo
15 Dic 07 - Marco, 21 anni (id: 70615)
  Sono un ragazzo ventunenne,da due anni conduco una vita molto stressante per motivi di studio,e solo negli ultimi giorni ho cominciato a fare movimento in piscina.Da luglio ho dei sintomi vari ma precisi;il tutto è esordito con forti problemi all’apparato urinario,con minzioni frequentissime,bruciori interni al pene, eiaculazioni precoci e dolorosissime.Mi sono recato a fare tutti gli esami diagnostici del caso: urinocoltura, spermiocoltura, ecografia dell’apparato urinario, PSA, citologia urinaria. L’urologo che mi seguiva,valutata la negatività degli accertamenti, mi ha liquidato.Ho chiesto se non fosse il caso di prendere in considerazione la prostatite,lui assolutamente non concordava.H... continua >>
a però ipotizzato un probabile interessamento a livello intestinale, a suo dire, causa dei miei forti problemi urinari. Ho iniziato ad avere periodi di stitichezza alternati a periodi di forte stimolo, feci dure e diarrea alternate in pochi giorni. Inoltre ho un forte e persistente bruciore in zona anale, sia interno ,che esterno. La situazione non mi permette di stare seduto con soddisfazione.Mi reco da un proctologo, il quale, ad occhio, non riscontra nulla di anomalo, ma ipotizza la presenza di una qualche possibile forma patologica intestinale, anche se non sa correlare i sintomi urinari con quelli intestinali(mi curo per 20 gg con enteraproct, senza alcun beneficio).Le chiedo anche se può indicarmi a questo punto a quale campo medico devo rivolgermi, all’urologo o al gastro-enterologo
inizi da uno
Prof. Francesco Domenico Capizzi


Da 1909 a 1924 di 4175