Sei in: Medico on-line > Chirurgia Generale

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Chirurgia Generale
Referenti

ultimo aggiornamento 20/05/2010
 
Aree tematiche

    L’ Eq. Chirurgia Generale Prof. Minni risponde alle domande inerenti :
  • Chirurgia della mammella
  • Chirurgia della tiroide, delle paratiroidi e del surrene
  • Chirurgia di giorno (day surgery)
  • Chirurgia del pancreas, della colecisti e delle vie biliari
  • Chirurgia dei tumori dello stomaco, dell’intestino e del colon-retto
  • Chirurgia Mini-invasiva Laparoscopica e Robotica

Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 1/02/2006
Invia la tua domanda

Domande / Risposte
cisti epatica
7 Mag 12 - federica, 28 anni (id: 122045)
  ciao,mi hanno trovato una ciste epatica sopra la cistifellea cosa è,cosa puo provocare? attendo risposta,sono prooccupata grazie Federica
Dipende dalla natura e dalle dimensioni della cisti. Se piccola, se unica e se compatibile con una cisti sierosa, non dovrebbe crearle alcun problema. Prof. Minni
Eq. Chirurgia Generale Prof. Minni


polipo
6 Mag 12 - paola, 43 anni (id: 122024)
  salve a mio padre a seguito di una colonoscopia e stato riscontrato un polipo eteroplastico che dovra essere asportato dalladdome. cosa significa eteroplastico e quanto influisce che questo possa essere maligno? stiamo ancora aspettando lesame istologico e ce molta ansia in famiglia attendo vostra risposta grazie saluti paola
Eteroplastico in medicina vuol dire di natura tumorale: se poi sia un tumore benigno o maligno lo dirà l’esame istologico su biopsia e, ancor meglio, definitivo, cioè sulla lesione asportata nella sua interezza. Prof. Minni
Eq. Chirurgia Generale Prof. Minni

colecistectomia
2 Mag 12 - Nando, 51 anni (id: 121977)
  Salve, nel settembre 2009, dopo un intervento in endoscopia (CPRE) per un calcolo che ostruiva il coledoco ed un altro intervento, dopo due giorni, in laporoscopia e contestualmente anche a cielo aperto, mi è stata asportata la colecisti. A pochi mesi dallintervento ho avvertito un fastidio fisso alladdome superiore ed unecografia ed una TAC hanno rivelato la presenza di una sacca emorragica (qualcuno lha chiamata aderenza) di circa 3x5 cm. nella sede lasciata libera a seguito dallasportazione della colecisti. Allo stato la sacca non è più alimentata ma i medici che ho consultato mi dicono solo di non farmi toccare chirurgicamente. La sacca comincia a dare sempre più fastidio, anche il sem... continua >>
plice allacciarmi le scarpe, fare torsioni, dormire sul fianco destro ecc. si rivelano fastidiosi e, talvolta, dolorosi. Eseguo ogni 5/6 mesi ecografie di controllo. Volevo chiedervi se può portare complicazioni ulteriori e cosa posso fare per questa patologia. Grazie per lattenzione.
Faccio fatica a risponderle senza averla visitata e senza aver preso visione delle sue ecografie. Ha parlato con il chirurgo da cui è stato operato dei suoi disturbi? Le hanno per caso suggerito di eseguire una TC Addome o una Colangio-RM in aggiunta alle ecografie? Altro al momento non sono purtroppo in condizione di consigliarle. Prof. Minni
Eq. Chirurgia Generale Prof. Minni

neoplasia coledoco
29 Apr 12 - paolo, 58 anni (id: 121937)
  buongiorno dottore da sette mesi la mia vita e cambiata, mi e stata diagnosticata una neoplasia del coledoco adeso alla vena porta e che ingloba larteria epatica comune originante dallarteria mesenterica superiore. dopo nove cicli di chemioterapia e stato bloccato ma non operabile. la mia domanda e oltre a cagliari e milano da chi mi potrei rivolgere?? ringraziandivi vi salutto
Può provare a rivolgersi a uno dei tanti centri italiani dedicati alla chirurgia epato-bilio-pancreatica (se va su internet li trova), ma in presenza di un interessamento arterioso credo che le verrà consigliato un prosieguo di terapia medica. Prof. Minni
Eq. Chirurgia Generale Prof. Minni

dito
13 Apr 12 - Clementina, 34 anni (id: 121613)
  Salve dottore, mi chiamo Clementina e ho 34 anni,ieri sera mentre preparavo la cena mi è saltato un pezzo di polpastrello del pollice destro(del diametro di 1 cm),sono stata in pronto soccorso in quanto il sanguinamento era notevole,ma lì mi hanno detto che non potevo mettere punti perchè il pezzo era saltato,mi hanno medicato,messo dei cerottini che servono(così hanno detto)a fermare lemorragia e a ripristinare i tessuti,bendaggio e antitetanica.La mia domanda è quanto tempo passerà perchè si risani?E poi secondo lei ricrescerà il pezzo saltato?O mi ritroverò con un dito monco?Il ps mi ha dato 5 gg di malattia dopo di che dovrò andare dal mio medico di base per la medicazione.La ringrazio a... continua >>
nticipatamente e le porgo distinti saluti.
Per rispondere in maniera esauriente avrei dovuto vedere la sua ferita. Se però i medici non hanno ritenuto di mettere punti, sono portato a credere che si tratti di una lesione minore, che dovrebbe guarire senza problemi, al massimo lasciando una piccola cicatrice. I tempi di guarigione sono variabili, ma credo che nel giro di una settimana dovrebbe essere a posto. Prof. Minni
Eq. Chirurgia Generale Prof. Minni

ernia
5 Apr 12 - Giuseppe, 51 anni (id: 121518)
  il giorno 02/04/2012 sono stato ricoverato e operato per una ernia inguinale sx. Durante lintervento, oltre a riparare lernia,il chirurgo mi ha asportato un linfonodo classificandolo "reattivo".Andava fatto? Di cosa si tratta? Diagnosi di dimessione:ernia inguinale sx con lieve ipotrofia testicolare sx- linfoadenopatia inguinale sx. Di cosa si tratta? Grazie
Quanto al primo quesito la decisione di ogni tipo di interevento spetta al chirurgo operatore. Se ne ha ravvisato la necessità (per aspetto sospetto del linfonodo, per sede che ostacolava la riparazione erniaria, ecc..) ha fatto benissimo, a rimuoverlo. Quanto alla diagnosi, l’ernia è in sede inguinale, il linfonodo fortunatamente non era sede di malattie, il testicolo viene descritto lievemente più piccolo, ma la cosa potrebbe rientrare nella normalità, in quanto abbiamo tutti una discrepanza dimensionale tra organi pari. Prof. Minni
Eq. Chirurgia Generale Prof. Minni

mammella
4 Apr 12 - franco, 47 anni (id: 121509)
  salve a mia moglie 44 anni 85 kg 175 di altezza 2 parti spontanei- gli sono stati asportate 2 cisti dal seno- il referto istologico recita;-DESCRIZIONE MACROSCOPICA1 NODULECTOMIA MAMMELLA DX 2 BIOPSIA RETROAREOLARE MAMMELLA DX-- MACROSCOPIA -1IL QUADRO MICROSCOPICO MOSTRA PARENCHIMA MAMMARIO CON GROSSI DOTTI RIVESTITI DA EPITELIO CON MODERATA IPERPLASIA ED UN AREA NODULARE DI FLOGOSI CRONICA RICCA DI CELLULE GIGANTI- 2 IL QUADRO MICROSCOPICO MOSTRA PARENCHIMA MAMMARIO CON DOTTI LIEVEMENTE IPERPLASTICI MARGINATI DA FLOGOSI CRONICA- ---volevo un parere su questo referto grazie-
biopsie negative per lesioni tumorali. Prof. minni
Eq. Chirurgia Generale Prof. Minni

Conn
31 Mar 12 - Carmela, 41 anni (id: 121448)
  Ero affetta dal morbo di Conn e sono guarita da due mesi in seguito ad una surrenectomia sinistra.Dal momento dei primi sintomi al momento dellintervento sono trascorsi quasi 7 anni.Purtroppo la sindrome è stata diagnosticata dopo vari anni. La sindrome è guarita. Gli anni trascorsi sono predittivi di qualcosa?In altre parole posso dormire tra due guanciali o devo aspettarmi che lipertensione con il tempo ritorni?Avevo un grosso adenoma al surrene. Ringrazio in anticipo per la risposta.
Se l’ipertensione è scomparsa dovrebbe essere tranquilla. Prof. Minni
Eq. Chirurgia Generale Prof. Minni

MRGE
31 Mar 12 - Mauro, 36 anni (id: 121444)
  Buon giorno! Vorrei esporre il mio problema,che è iniziato qualche mese fà con dei piccoli doloretti allo sterno (mentre praticavo body b),per fortuna duravano 2-3 giorni e poi passavano per settimane,ora purtroppo non è più cosi,anzi direi che i sintomi sono veramente molto più pesanti,avverto dolore allo sterno,al collo ,e alle scapole,anche a riposo,anche di notte,e se tengo le braccia alzate mi si affaticano facilmente,in qst periodo poi non pratico sport(sotto consiglio del medico),solo che anche smettendo lattività sportiva il dolore non cessa,anzi negli ultimi tempi è diventato una vera e propria tortura. Se muovo il busto dx e sn,se mi chino,se dormo ,se faccio respiri profondi,se ... continua >>
guido la macchina. A livello cardiaco sono ok,ho fatto analisi perchè oltre al dolore continuo,se cammino il respiro si fà corto,allora il mio medico mi ha prescritto una visita dal pneumologo,che mi ha prescritto rx torace,saturimetria 24,e analisi per sangue,e li sono tutto nella norma. Purtroppo soffro di reflusso ,ma tutti i giorni prendo la mia bella pasticca (Lansoprazolo),e quindi non prendo mai antiinfiammatori,altrimenti poi ne pago le conseguenze. Ho prenotato la visita ,ma purtroppo i tempi di attesa sono molto lunghi,volevo sapere un ipotesi (se possibile),di questo dolore che mi martella continuamente,se è consigliabile prendere degli antiinfiammatori, antidolorifici,e se esiste un consiglio per dormire almeno un pò la notte!
Se la causa è il reflusso, provi a raddoppiare la dose di omeprazolo (1 cpr ogni 12 ore) nell’attesadegli accertamenti che le sono stati prescritti. Prof. Minni
Eq. Chirurgia Generale Prof. Minni

mammografia
27 Mar 12 - teresalibero.it, 44 anni (id: 121380)
  chiedo cortesemente un informazione: con una mammografia bilaterale e ecog. mammaria bil.mi hanno riscontrato una mammella nodulare ipoecogena a contorni irregolari con diametro di mm 8,3x4,4 consigliandomi un controllo ecografico tra 4 mesi .devo preoccuparmi? grazie della vostra risposta.
La mammografia e l’ecografia mammaria vanno sempre associate, a mio parere, ad una visita senologica, in particolare in presenza di nodularità dimostrate. Prof. Minni
Eq. Chirurgia Generale Prof. Minni

CONN
22 Mar 12 - Carmela, 41 anni (id: 121305)
  Egregio Dr, la disturbo per chiarire che sono stata operata per adenoma di Conn. Soltanto un surrene è stato asportato.Quindi non è prevista nessuna terapia ormonale sostitutiva nel mio caso. Mi sono però stati prescritti controlli annuali cardiologici(è il cardiologo ad avere scoperto la sindrome) e non capisco come mai dal momento che lipertensione arteriosa non essiste più e così anche lipopotassiemia.Ecco ponevo questa domanda:perchè i controlli se ho laltro surrene che funziona per bene e a sufficienza?Potrebbe mai ammalarsi il surrene superstite? Grazie per la cortese risposta.
I controlli dipendono da 2 cose: 1) dalla natura della lesione asportata: se era un adenoma non dovrebbe avere più problemi, se era al contrario un’iperplasia occorre controllare il surrene residuo che potrebbe cominciare a funzionare in maniera eccessiva; 2) dal tempo che è passato tra la diagnosi di Conne la terapia chirurgica, in quanto se la diagnosi non è stata precoce l’ipertensione, anche se meno grave di prima, potrebbe manifestarsi di nuovo. Prof. Minni
Eq. Chirurgia Generale Prof. Minni

calcoli renali
19 Mar 12 - daniele, 62 anni (id: 121253)
  Buongiorno il primo di marzo mi sono operato per un calcolo renale con loperazione dal fianco esterno. Adesso a distanza di 20 giorni mi sento sempre molto debole ho unalterazione serale della febbre. Tengo a precisare che ho preso due antibiotici per dieci giorni. E normale che ci metta così tanto? Sono un pò preoccupato anche perchè mi capita di avere un indolenzimento al rene operato. Durante loperazione mi hanno fatto anche la biopsia alla prostata per il valore ps di 10 ancora non ho i risultati grazie
Nel nostro servizio non è al momento presente uno specialista urologo. L’unico consiglio che possiamo darle è di fare riferimento al suo urologo e farlo partecipe dei sintomi da lei riferiti.
Eq. Chirurgia Generale Prof. Minni

citologia tiroide
16 Mar 12 - Pia, 30 anni (id: 121226)
  salve,ho appena avuto i risultati del mio agoaspirato e cescritto cosi:colloide,emazie,macrofagi con emosiderina,cristalli di colesterina,elementi prismatici iperplastici.Negativo x CTM.Quadro citologico di formazione colloido-cistica.BDM Negativo x cellule neoplastiche.devo preoccuparmi?non sose ecollegato ma ho unartrite remumatoide dalletadi 5 anni.grazie in anticipo.in fede
Direi che non deve preoccuparsi, perchè l’esame sembra negativo per sospetto di malattia tumorale. Prof. Minni
Eq. Chirurgia Generale Prof. Minni

CONN
15 Mar 12 - Carmela, 40 anni (id: 121199)
  Circa due mesi or sono ho subito un intervento di surrenectomia monolaterale per iperaldosteronismo primitivo(adenoma di Conn).Ai controlli cardiologici tutti i valori, compresi quelli pressori, sono risultati assolutamente nella norma . Sono previsti dei controlli annuali di tipo cardiologico. Le domande sono le seguenti: 1)Qual è lobiettivo di tali controlli? Non capisco, sono guarita... 2)Il risultato raggiunto rimarrà per tutta la vita? Ringrazio anticipatamente per la cortese risposta,
Con la surrenectomia bilaterale è certamente guarita dall’iperaldosteronismo, ma essendo priva di entrambi i surreni, necessita di controlli per la correzione di eventuali difetti della terapia ormonale sostitutiva. Prof. Minni
Eq. Chirurgia Generale Prof. Minni

ernia e reflusso
12 Mar 12 - Riccardo, 36 anni (id: 121143)
  Buongiorno, nel novembre del 2009 ho subito un intervento di plastica anti reflusso 360 nissen-rossetti, il problema reflusso si è risolto, ma dopo qualche mese ho cominciato ad avere grandi quantità daria nellntestino, dolori nella parte destra sottocostale, alternando periodi di stitichezza ad episodi di evaquazioni con feci molli, malconformate e semiliquide. Nellagosto del 2010 il chirurgo ha rilevato un laparocele in sede di intervente, si è proceduti ad una plastica con posizione di rete. Persistendo il problema nel dicembre 2010 mi è accaduto episodio depressivo curato dallo specialista. Persistendo di nuovo tutta la sintomatologia sopra descritta più un dolore sovraombelicale il cura... continua >>
nte mi ha prescritto eco parete addominale, questo il refertO: al controllo ecografico odierno eseguito in dinamica in clino ed ortostasi e con ripetuta manovra di valsava non si evidenziano versamenti oracoclte in atto ma in sede sovraombelicale solo dopo ripetuta valsava si evidenza in clinostasi una discontinuità di parete di 4,8 millimetri con sacco erniario sottocutaneo di 1 cm, tale discontinuità ed erniazione appare evidente in ortostasi con un pertugio massimo di 6 mm" la mia domanda è, esiste una correlazione tra lernia e lo stato intestinale? oppoure è da ricondurre a due patologie differenti? quali consigli posso seguire, sia alimentari che non? lernia per quanto in maniera approssimativa puo essere conservata prima di intervenire? grazie
Non vi sono correlazioni, a mio parere, tra lo stato intestinale e l’ernia parietale. Questa si può eventualmente correggere, ma prima consulterei un gastroenterologo per cercare di risolvere i problemi intestinali. Prof. Minni
Eq. Chirurgia Generale Prof. Minni


Da 143 a 158 di 4167