Sei in: Medico on-line > Neurologia

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Neurologia
Referenti

ultimo aggiornamento 20/03/2010
 
Aree tematiche

    Il Prof. Giovanni Ambrosetto risponde alle domande inerenti :
  • Epilessia
  • Marijuana in medicina

Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 16/02/2007
Invia la tua domanda

Domande / Risposte
8,09-08,diego,30anni,id:84435
8 Set 08 - Diego, 30 anni (id: 84435)
  Salve avrei bisogno di capire cosa vuol dire questo responso della angio-risonanza RM CELEBRALE Normale morfologia ed ampiezza delle cavità ventricolari Nei Limiti le cisterne della base, piu evidenti solchi corticali in sede parietale alta posteriore. Ampia la cisterna magna, con lieve estensione retro-cerebellare. Si rileva piccola aerea di alterato segnale, degenerativa, periventicolare frontale sn. Minute cisti liquorali congenite in sede di fessura corioidea bilateratelmente, maggiormente evidente a Sn Non sono apprezzabili per il resto alterazioni di segnale del parenchima celebrale sopra e sotto-tentoriale Io ho sempre emicranee e fortissimi mal di testa mi potrebbe dire se ... continua >>
ci sono delle cose gravi? ho letto cisti liquorali congenite cosa sono? cosa vuol dire ampia la cisterna magna? e piccola area di alterato segnale degenerativa periventricolare frontale sn? fatemi sapere grazie
Caro Diego,una risposta senza dubbio più esauriente di quella che posso darle io l’avrà da chi ha richiesto l’esame e, presumo, la sta curando. Cordiali saluti.
Prof. Giovanni Ambrosetto


...
8 Set 08 - Diego, 30 anni (id: 84434)
  Salve avrei bisogno di capire cosa vuol dire questo responso della angio-risonanza RM CELEBRALE Normale morfologia ed ampiezza delle cavità ventricolari Nei Limiti le cisterne della base, piu evidenti solchi corticali in sede parietale alta posteriore. Ampia la cisterna magna, con lieve estensione retro-cerebellare. Si rileva piccola aerea di alterato segnale, degenerativa, periventicolare frontale sn. Minute cisti liquorali congenite in sede di fessura corioidea bilateratelmente, maggiormente evidente a Sn Non sono apprezzabili per il resto alterazioni di segnale del parenchima celebrale sopra e sotto-tentoriale Io ho sempre emicranee e fortissimi mal di testa mi potrebbe dire se ... continua >>
ci sono delle cose gravi? ho letto cisti liquorali congenite cosa sono? cosa vuol dire ampia la cisterna magna? e piccola area di alterato segnale degenerativa periventricolare frontale sn? fatemi sapere grazie
Siamo spiacenti, la sua domanda non risulta pertinente alle aree tematiche trattate dalla nostra unità operativa. Saluti
Eq. Neurologia Policlinico S. Orsola-Malpighi

...
7 Set 08 - elena, 39 anni (id: 84419)
  buongiorno, vorrei avere la vs opinione sul referto della TAC cerebrale che è stata fatta a mia madre, di anni 69, dopo aver notato da tempo deficit di cognizione e memoria. La diagnosi dice: si osserva sofferenza della sostanza bianca perivetricolare bilateralmente da deficit vascolare cronico del microcircolo. Presnza di piccoli focolai di netta ipodensità in sede insulo- lenticolare e al braccio posteriore della capsula interna prevalenemente sn che possono essere riferibili sia a spazi perivascolari ampliati che a microlacune ischemiche. Tutto ciò sta a sinificare che mia madre potrebbe soffrire del morbo di ALZHEIMER?? La sua è una condizione grave o irreversibile?? Quali cure esito... continua >>
no?? Grazie per la vs. consulenza e attenzione. Cordiali slauti ELENA ADANI
Siamo spiacenti, la sua domanda non risulta pertinente alle aree tematiche trattate dalla nostra unità operativa. Saluti
Eq. Neurologia Policlinico S. Orsola-Malpighi

7-09-08,elisabetta,45anniid:84417
7 Set 08 - elisabetta, 45 anni (id: 84417)
  salve le volevo descrivere il mio problema. Da un paio danni soffro di crisi epilettiche, di diabete e anemia. tutto questo è iniziato dopo la prima crisi la quale mi ha portato tutte le altre malattie. Ora però il mio problema è che mi capita che mi si blocchi la schiena o il collo o ancora gli arti causandomi un dolore atroce. a ciò segue una fase di svenimento in cui io mi trovo a perdere i sensi e quando ciò mi capita mi fa male la testa dal lato sinistro. io per il mio problema prendo lamotrigina 300 al giorno poi topiramato 300 al giorno ancora venlafaxina 75mg aggiunta poi allinsulina per il diabete. ora vorrei chiederle se questi dolori sono dovuti allepilessia visto che mi fa male l... continua >>
a testa o è una cosa a parte e vorrei inoltre chiederle cosa è possibile fare e dove potrei rivolgermi. secondo lei è consigliabile un ricovero ?
Non credo che l’epilessia le abbia causato diabete e anemia, forse è vero il contrario. I dolori che mi racconta non sono dovuti all’epilessia.Per il mal di testa esistono centri specializzati nella cura delle cefalee, che potrebbero esserle utili.
Prof. Giovanni Ambrosetto

...
7 Set 08 - Erica, 25 anni (id: 84394)
  Buongiorno è da circa un mese dopo che mi sono presentati vari episodi di vertigine che non mi sento molto stabile. Mi sembra sempre di pendere a destra sia quando cammino che quando sono ferma e poi ho sempre una sensazione molto fastidiosa come se il pavimento fosse molle e quasi mi sembra di sbandare. Ho sempre anche un gran fastidio dolore alle gambe sopratutto dopo un po che cammino ho proprio bisogno di fermarmi. Sto facendouna cura con microser (per i capogiri) e dopo una visita con l’otorino mi ha trovato una forma di labirintite quasi risolta. Io però sto sempre peggio. Cosa può essere secondo lei? Mi consiglia degli esami? La ringrazio
Siamo spiacenti, la sua domanda non risulta pertinente alle aree tematiche trattate dalla nostra unità operativa. Saluti
Eq. Neurologia Policlinico S. Orsola-Malpighi

crisi di panico
7 Set 08 - Davide, 27 anni (id: 84390)
  Sono sempre stato bene in compagnia di altre persone e non ho mai avuto problemi a stare in una folla. Da un po di tempo quando esco mi prende laffanno e sto bene solo quando vado via. Al pronto soccorso mi hanno detto che sono crisi di panico. Come posso guarire? Grazie
Si può rivolgere ad uno psichiatra che la aiuterà con la psicoterapia ed eventuali ansiolitici
Eq. Neurologia Policlinico S. Orsola-Malpighi

6-09-08,gianmarco,19anni,id:84384
6 Set 08 - Gianmarco, 19 anni (id: 84384)
  Buonasera.Sto cominciando in questi giorni una cura a base di Depakin Chrono perche ho avuto 2 crisi epilettiche una a Gennaio e una ad Agosto.Devo prendere una pasticca da 300 la mattina e una da 500 la sera. Volevo sapere se nel corso di questa terapia è possibile assumere alcolici o superalcolici e se si quali potrebbero essere gli effetti collaterali.Premetto che non sono un alcolista ma ogni tanto qualcosa con i miei amici mi fa piacere berla e solitamente "reggo" bene. Vi ringrazio infinitamente e Vi porgo cordiali saluti.
Aggiungere alcol al farmaco che assumi intontisce un pò di più di quanto non faccia da solo. Se ne vale la pena puoi farlo, meglio una volta ogni tanto.
Prof. Giovanni Ambrosetto

parkinsonismo
6 Set 08 - vilma, 56 anni (id: 84371)
  Mia madre ha 87 anni e da circa 13 anni soffre di parkinsonismo.I disturbi principali sono la difficoltà a muoversi ( specie nella marcia) e le vertigini ( si lamenta di avercele anche da seduta!) con conseguente facilità alle cadute. E in terapia da alcuni anni con Sinemet 250+25 cpr (ore 8 e 15) e Sinemet 200+50 cpr ril modificato (ore 21) e con Requip 1 mg cpr 1 cpr ore 8-15-21.Mamma è sempre più rallentata nei movimenti ma non è stato possibile nè aumentare il requip, nè introdurre il comtan nè il requip a rilascio modificato, perchè ogni volta comparivano disturbi allucinatori che rovinavano i modesti miglioramenti del movimento. Però abbiamo notato che lassunzione del levoxacin ( che p... continua >>
rende quando cè il rischio di una bronchite o addirittura ha già la febbre)fa migliorare il parkinson senza causare problemi psichiatrici, anzi... mamma appare più pronta e spedita in tutti i sensi. Tra i farmaci propriamente anti-parkinson ce nè qualcuno che abbia lo stesso effetto di questo antibiotico (che, ovviamente, deve essere sospeso dopo 7 giorni di terapia? ). Grazie mille.
Nella fase avanzata di malattia, tutti i farmaci antiparkinsoniani si possono correlare ad effetti collaterali. Bisogna trovare un equilibrio tra i benefici ed i danni. Se sul piano motorio l’entacapone ha dato un grande beneficio si può tentare di controllare le allucinazioni con piccole dosi di neurolettico (es. quetiapina). In alternativa, si può aumentare ulteriormente la Levodopa frazionandola, se il problema è il wearing off o aggiungere rasagilina 1 mg. Credo che il suo neurologo potrà sicuramente proporre strategie terapeutiche adeguate. Cordialità
Eq. Neurologia Policlinico S. Orsola-Malpighi

perdita di memoria
6 Set 08 - andrea, 48 anni (id: 84352)
  la persona in oggetto si tratta di mio fratello. dopo circa 1 settimana di episodi di perdita di memoria, tremori,apatia, aumento e poi diminuzione della vista, vertigini; è stato ricoverato e dopo aver fatto tutti gli accertamenti del caso non hanno riscontrato niente oltre ad una attivita anomala cerebrare. nonostante tutto in soli 5 giorni è peggiorato a tal punto che attualmente si trova in uno stato vegetativo. nonostante tutto ci dicono che è tutto a posto. tutto cio è possibile in soli 10 giorni? possiamo accettare un tale esito?
Assolutamente no. E’ bene ricoverarlo in una struttura neurologica per eventuali accertamenti approfonditi (anche una puntura lombare se non già fatta).
Eq. Neurologia Policlinico S. Orsola-Malpighi

5-09-08,giovanni,53anni,id:84347
5 Set 08 - giovanni, 53 anni (id: 84347)
  gentile dottore,le volevo chiedere una informazione utile per me.....in questultimo anno ripetutamente mi e uscito il fuoco di santantonio,e per tanto sn stato costretto all assunzione dei farmaci per tutto lanno.da che dipende questa cosa?gradirei cortesemente una sua risposta.grazie arrivederci
Mi spiace, ma non so risponderle. L’infezione da herpes zoster può recidivere, ma di solito non con la frequenza che mi dice. Cordiali saluti.
Prof. Giovanni Ambrosetto

5-09-08,alberto,60anni,id:84337
5 Set 08 - Alberto , 60 anni (id: 84337)
  Sono ammalato di Sclerosi Multipla da 5 anni. sono sotto Interferone e per i dolori neuropatici prendi il pregabalin, ma non basta. Sto cercando il THC+CBD già passato dal SSN in provincia di Bolzano e nelle Marche. A Milano il neurologo del Policlinico che mi segue mi dice che non è ancora possibile. Cosa potete dirmi in proposito? E possibile che ci siano diversi trattamenti da una regione allaltra? Grazie
Se il farmaco a base di cannabinoidi è prescritto da un medico in qualche modo lei lo deve avere.Il problema è che, se il SSN non si fa carico della spese, come succede a Bolzano e nelle Marche, il costo è davvero elevato per una terapia cronica che deve proseguire a lungo nel tempo. Cordiali saluti.
Prof. Giovanni Ambrosetto

8-09-08,stefania,34anni,id:84334
5 Set 08 - STEFANIA, 34 anni (id: 84334)
  BUONA SERA VORREI CHIEDERLE UN AIUTO PER IL MIO PROBLEMA : IO HO PARTORITO L11/10/2007 E DOPO 5 GIORNI HO AVUTO LA PARESI PERIFERICA FACCIALE DEL VII N.C.D.HO PRESO PER 10 GG CORTISONE E PER 2 MESI VITAMINA B 12 POI BASTA PERCHE ALLATTAVO, HO FATTO 30SEDUTE DI FISIOTERAPIA E A OGGI SONO MIGLIORATA DI POCO.LA NEUROLOGA DEL MIO PAESE LALTRO GIORNO CHE MI HA VISITATO E CONTROLLATO LE MIE RISONANZE (CHE NON HANNO RILEVATO NIENTE) MI HA PRESCRITTO UN ESAME DEL SANGUE PER LA ZECCA. POI MI HA DETTO CHE NON SA PIU COSA CONSIGLIARMI. LEI CHE NE PENSA? SA SE CE QUALCUNO CHE PUO AIUTARMI ?? GRAZIE TANTE.
Il recupero da una paralisi facciale dipende dalla precocità dell’istaurazione di una terapia corretta.Spesso, ma non so se nel suo caso fosse così, la terapia non è a base di cortisone, ma un antivirale, poichè in molti casi la paralisi del 7 nervo cranici è di origine virale.Ad un anno dalla compartsa dei sintomi le possibilità di un ulterriore recupero sono, purtroppo, poche. Cordiali saluti.
Prof. Giovanni Ambrosetto

...
5 Set 08 - giuseppe, 38 anni (id: 84324)
  5 giorni fa mi è capitato di avere unimprovvisa fitta alla tempia sx. Il dolore è stato forte e fulmineo ed è durato appena pochi secondi, lasciandomi però a distanza di 5 gg un fastidioso mal di testa, di intensità variabile, su tutto il lato sx del capo. principalmente localizzato dietro la nuca (proprio nella parte posteriore allocchio sx), dietro lorecchio sx e soprattutto sulla tempia stessa, lasciandomi tutta la parte come sensibile. Ho da raccontare un altro episodio che non so se possa essere associato a questo. Nella mattinata dello stesso giorno in cui ho avuto il mal di testa mi è entrato qualcosa nellocchio sx, del pulviscolo presumo, che mi ha irritato locchio dandomi una sensaz... continua >>
ione di fatidio che non accena a sparire e che anzi si sviluppa spesso in dolore dellocchio stesso. grazie fin dora.
Siamo spiacenti, la sua domanda non risulta pertinente alle aree tematiche trattate dalla nostra unità operativa. Saluti
Eq. Neurologia Policlinico S. Orsola-Malpighi

5-09-08,orietta,42anni,id:84306
5 Set 08 - orietta, 42 anni (id: 84306)
  Egregio Dottore, da circa 4 mesi accuso una sensazione di freddo al muscolo tibiale sx, ora è accompagnato anche da dolore piuttosto intenso anche a riposo. Al braccio sx,invece, sento una scossa nel muscolo inferiore che va dal gomito al polso con debolezza e dolore. Le chiedo se si può trattare di una forma di miopatia, ovviamente le informazioni sono poche, ma per il momento non ho altro. Sentitamente ringrazio anticipatamente.
Cara Orietta, lei ha molto di più, ha la possibilità di farsi visitare, è con la visita che si fa una diagnosi, non con una e-mail. Posso, comunque, dirle che di solito le miopatie non si accompagnano a sintomi di tipo sensitivo. Saluti.
Prof. Giovanni Ambrosetto

5-09-08,luca,51anni,84304
5 Set 08 - Luca, 51 anni (id: 84304)
  Un mio parente, 60 anni, affetto dalla sindrome della gambe senza riposo, per la quale assume il ropinirolo, per una sperimentazione ha accettato di sottoporsi, per la seconda volta, a una spet cerebrale per lo studio del reuptake della dopamina con radio farmaco:Descan1231. Il referto recita: ”I valori sono risultati: vd caudato dx 2,88 (v.n.+/- 0,41) vd caudato sn 3,04 (v.n.2,57 +/- 0,37) vd putamen dx 2,40 (v.n.2,58 */- 0,41) vd putamen sx 2,18 (v.n.2,23 */- 0,45) Rispetto alla spet del 2003, il cui quadro non mostrava alterazione dei siti di reuptake striatale della dopamina, in quella di adesso si riscontrano: sfumata riduzione del putamen di sinistra e un incremento de... continua >>
l rapporto n.caudato/putamen a sinistra di incerto significato, potendo anche essere in relazione al trattamento farmacologico in atto.” E stato programmato al mio parente, per il prossimo mese di novembre, un appuntamento con i medici che hanno confermato telefonicamente questa variazione nel rapporto senza aggiungere altro e rimandando le possibili spiegazioni alla prossima visita. A parte la possibile causa farmacologica, a che cosa potrebbe essere imputabile “l’ incremento del rapporto n.caudato/putamen a sinistra di incerto significato? Grazie
Qualsiasi situazione di "alterato" funzionamento del putamen e del caudato possono determinare un quadro del tipo che mi descrive.Penso sia meglio aspettare le spiegazioni di che segue personalmente il suo parente.
Prof. Giovanni Ambrosetto


Da 3270 a 3285 di 5606