Sei in: Medico on-line > Gastroenterologia

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Gastroenterologia
Referenti
  • Prof. Pier Roberto Dal Monte

  • Già Direttore Dipartimento medico-chirurgico delle Malattie dell’apparato digerente. Ospedale Bellaria-Maggiore. Bologna.

  • Prof. Mauro Bortolotti

  • Professore a Contratto della Specializzazione in Medicina Interna
    Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Bologna
    Policlinico S. Orsola


ultimo aggiornamento 27/11/2014
 
Aree tematiche


Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 26/01/2007
Invia la tua domanda

Domande / Risposte
Dolore toracico
2 Mar 12 - GIAMPIETRO, 51 anni (id: 121037)
  Gentile profwssore da circa 2 anni ho dolore al torace che si irradia alla spall sx ho fatto tanti esami lultimo gastroscopia con questo esito:Esofagite di grado A sec. Los Angeles, lieve gastroduodenite ho fatto una terapia con il peridon che mi ha dato un leggero sollievo appena smesso tutto e tornato come prima.Cosa mi consiglia? La ringrazio anticipatamente.b
Il dolore non ha nulla a che fare con la modica esofagite e gastrite. Ritengo si tratti di un problema alla colonna cervico-dorsale con irritazione dei nervi che si distribuiscono al torace. per l’esofagite eventualmente segua i consigli che le allego.
Malattia_da_reflusso_gastro-esofageo.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte


Lieve e localizzata infiammazione
2 Mar 12 - jolanta, 43 anni (id: 121034)
  Gentile dottore, causa la gola sempre arossata, e fastidiosissimo senso di bolo ipofaringeo, dopo la visita da otorino che non ha portato a una spiegazione, ho eseguito la gastroscopia. Referto:Esofago- regolarmente canalizzato e rivestito da mucosa normale. Cardias in sede, continente. Stomaco- lago mucoso con discreta componente biliare, rilievi plicale regolare, rivestimento mucoso indenne da lesioni macroscopice localizzate o diffuse visibili in atto. Angulus indenne. test ureasi- negativo.piloro in asse, pervio con flogosidella mucosa iuxtapilorica dove è presente plica ipertrofica centrata da area depressa su qui si eseguono biopsie. Duodeno- niente di rilevante. ... continua >>
La prego di qualche delucidazione circa questa flogosi? si tratta di un ulcera?Non so se ho capito bene, ma non ho il reflusso che potrebbe provocare questa sensazione di bolo faringeo?La ringrazio.
E’ come vedrà dall’esame istologico un modesta infiammazione senza alcuna rilevanza clinica.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Pancreatite
2 Mar 12 - Giovanni, 55 anni (id: 121031)
  Egr Dott. il 12 gennaio sono stato ricoverato per una pancreatite acuta (amilasi 9000 e gb 19000) ; sono completamente astemio e non prendo farmaci ma fumo circa 1 pk al giorno. Dopo essere stato dimesso ho avuto una recidiva 1 settimana dopo le prime dimissioni ; sono stato portato allhumanitas e ho fatto la rcp. In ordine nel primo e nel secondo ricovero ha fatto 3 tac 3 ecografie, 1 gastroscopia , 1 scopia al pancreas ; dopo alcuni giorni si ala prima volta che la seconda i valori di lipasi e amilasi ritornano nella norma ; biopsia allo stomaco non rilevano nulla eco tutto nella norma , tac mostra pancreatite mild, scopia al pancreas (non ricordo il nome ma non è rcp... continua >>
) mostra concrezioni calcaree. Vorrei gentilmente sapere cosa ne pensa lei?
E’ possibile che si tratti di una rara forma di pancreatite calcifica che si cura anche con ERCP fatta da un buon endoscopista con esperienza.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Difficoltà digestive, inappetenza e dimagrimento
1 Mar 12 - barbara, 33 anni (id: 121027)
  gentile professore, sono una donna di 33 anni.ho un problema di sottopeso legata a difficoltà digestive e inappetenza che mi rendono difficile aumentare la dieta.mi sa consigliare qualche prodotto energizzante che possa stimolare anche lappetito?(ho letto di "mg k vis ricarica plus")tenga presente che ho uno stomaco molto delicato e soffro di stipsi. la ringrazio per lattenzione e laiuto.
Gentile Sig.ra Barbara, più che dare "energizzanti" o stimolanti l’appetito occorre capire se vi è una disfunzione gastrica (dispepsia o gastroparesi) che causa le difficoltà digestive con inappetenza e dimagrimento mediante esami da stabilire in base ad una visita ed alla valutazione degli esami già fatti. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Magrezza
1 Mar 12 - barbara, 33 anni (id: 121026)
  gentile professore, sono una donna di 33 anni.ho un problema di sottopeso legata a difficoltà digestive e inappetenza che mi rendono difficile aumentare la dieta.mi sa consigliare qualche prodotto energizzante che possa stimolare anche lappetito?tenga presente che ho uno stomaco molto delicato e soffro di stipsi. la ringrazio per lattenzione e laiuto.
Vi sono due medicine che possono aiutarla la ciproeptadina che si trova sotto nome di periactin ed anche nel carpatin oppure la levosulpiride. ha fatto ricerche per intolleranza alò glutine?
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Ipersalivazione di ndd
1 Mar 12 - tommaso, 40 anni (id: 121025)
  buongiorno le avevo scritto tempofa perche dq circa 6 anni soffro di un fastidioso problema di ipersalivazione volevo solo farle un altra domanda se possibile se il motivo di questo problema fosse un reflusso non dovrei avere episodi ricorrenti di reflusso o di bruciore che io non ho ,tranne un episodio circa ogni 1\2 mesi di rigurgito acido notturno un po di aria che mi torna su dopo mangiato ed episodi ricorrenti di diarrea preciso che non ho mai effettuato la gastroscopia(ho un po di paura e credo che non la faro mai) e che sarei disposto a fare una visita presso il suo studio se lei pensa che possa servire ps conosce lesame gastropanel e cosa ne pensa?? grazie
Egr. Sig. Tommaso, mi ricordo che mi avev scritto per lo stesso problema. Come le avevo detto occorre stabilire quale è la causa della salivazione che provoca le deglutizioni e poi le eruttazioni mediante una visita e la valutazione degli esami già fatti. Se vuole può contattarmi al n. 051-307901. Il gastropanel serve a ben poco. Ci vogliono altri esami, ma non necessariamente la gastroscopia. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti
Prof. Mauro Bortolotti

Sospetto reflusso gastro-esofageo
1 Mar 12 - Silvana, 40 anni (id: 121018)
  Salve prof.Dal Monte,le scrivo solo ora in quanto volevo riportarle gli esiti sia della PHimpedenziometria(Lanalisi della traccia pH-metrica non ha mostrato la prsenza di reflusso gastro-esofageo acido di entità patologica.Lesame delle tracce impedenzometriche ha mostrato la presenza di numerosi reflussi non acidi in ortostasi associati a numerosi reflussi"minor acidi".Si segnala la risalita di circa15-17cm sopra il LES.Normale è risultata la capacità di clearance esofagea.Si evidenzia stretta correlazione fra sintomi segnalati dal paziente e gli episodi di reflusso.CONCLUS.: reflusso gastroesof.a componente mista, prevalentem. non acido in ortostasi)che dei RX ellesofa... continua >>
go- stomaco(Esofago regolare per morfologia e canalizzazione.Segni di RGE.Lo stomaco mostra ipertrofia delle pliche mucose.Regolare il bulbo e la C duodenale.Assenza di lesioni infiltrative e/o ulcerative delle pareti gastroduodenali) Le ricordo che la precedente gastroscopia(ott 2011)aveva messo in evidenza incontinenza cardiale e che i sintomi comparsi circa 6 mesi fa(nodo in gola, difficoltà a deglutire)e dolore retrosternale sono rimasti incaviati,inoltre non riposo bene la notte in quanto avverto il defluire dei succhi gastrici fino in gola nonostante la pendenza data al materasso. Alcuni medici mi consigliano di sottopormi allintervento chirurgico per correggere lincontinenza,lei che ne pensa?Mi darebbe informazioni importanti per poter valutare questa ipotesi?tempi,% di riuscita ecc.Grazie.Silvana
Non mi sembra un gran reflusso e penso che nessun chirugo la sottoprebbe ad fundusplicatio come di norma si fa nelle forme serie. Siccome è misto vi è dellla bile e quindi può fare un trattamento per il reflusso biliare come le scrivo di seguito: le cause del riflusso biliare dal duodeno allo stomaco non sono state ancora ben chiarite, naturalmente la situazione dipende da un movimento antiperistaltico del duodeno: la bile invece di essere spinta verso intestino, dove adempie alla sua azione, passa parzialmente anche nello stomaco, dove a causa dei sali biliari produce irritazione della mucosa ed i disturbi conseguenti. Talvolta refluisce anche in esofago. Si riscontra spesso dopo intervento alle vie biliari ma anche indipendentemente. La terapia non è ben codificata e si basa sull’uso di antiacidi a base di sali di aluminio come l’aluminio ossido idrato od il magaldrato che bloccano in parte i sali biliari o farmaci gastroenetreocinetici che dovrebbero normalizzare la peristalsi.Anche il cibo la blocca ovviamente seguendo il principo del poco e spesso. Con saluti
Malattia_da_reflusso_gastro-esofageo.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Neogastrico
29 Feb 12 - sabrina, 45 anni (id: 121008)
  Egregio professore, la mamma di un compagno di mio figlio è morta per un tumore allo stomaco, non diagnosticato con ben due gastroscopie, ma scoperto operandola per un banale intervento. Questo è quello che mi hanno raccontato,e sono rimasta un po impaurita perchè anchio per dolori di stomaco ho fatto la gastroscopia, che risultando negativa mi aveva tranquillizzato. Ma esistono davvero dei tumori allo stomaco non visibili? Che esami devono essere fatti? Mi scuso per il disturbo ma oltre al dispiacere per laccaduto sono proccupata.
nelle fasi iniziali i tumori gastrici si possono anche non vedere o far parte di un quadro ulceroso gastrico. Importante è non avere un’infiammazione da Helicobacter pilori che può esserne una causa.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Colon irritabile?
28 Feb 12 - paola, 36 anni (id: 120997)
  ringrazio per la risposta 120993, volevo sapere quali esami far richiedere al medico dato che nessun gastroenterologo precedente mi ha fatto fare esami particolari. grazie.Cordiai saluti,Paola
Gentile Sig.ra Paola, come le ho già detto gli altri esami debbono essere scelti tra quelli disponibili in base ad una visita ed alla valutazione diretta di quelli già fatti tenendo conto della necessità diagnostica. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti
Prof. Mauro Bortolotti

Colon irritabile?
28 Feb 12 - paola, 36 anni (id: 120993)
  da anni soffro di dolori addominali, meteorismo e gonfiore addominale, stipsi alternata a diarrea, post prandaili ma non solo. i gastroenterologi che ho consultato, di cui il primo mi fece eseguire esami del sangue, ecografia, esame morbo caliaco (negativo), tutti nella norma,mi avrebbero diagnosticato sindrome del colon irritabile associato a dismicrobismo. secondo un medico il forte gonfiore sarebbe stato determinato dalluso ormai da anni di progesteronici (farlutal compresse) per lamenorrea suggerendomi, previo consulto ginecologo, di eliminarne lassunzione.il ginecologo mi ha prescritto la pillola anticoncezionale per regolarizzare il ciclo.ma i miei dolori continuano costantentemente se... continua >>
nza intervalli tranquilli, la qualità della via è pessima considerato anhe che soffro di gastrite cronica con piccola ernia iatale da esame endoscopico. devono essere eseguiti ulteriori esami e controlli e cosa posso prendere per sentirmi meglio? grazie della disponibilità e cortese risposta. cordiali saluti,paola
Gentile Sig.ra Paola, lei probabilmente ha un colon irritabile, ma per averne la certezza deve escludere altre malattie organiche come, ad esempio, quelle infiammatorie, ecc. e quelle funzionali, come, ad esempio, la sindrome di Habba, che hanno una sintomatologia simile(vedi area tematica relativa per maggiori informazioni) con altri esami da stabilire in base ad una visita ed alla valutazione diretta di quelli già fatti. Se è confermato il colon irritabile, tenga presente che noi abbiamo effettuato uno studio sugli effetti di un prodotto di origine vegetale sui sintomi del colon irritabile. Se è interessata a partecipare, mi può contattare al n. 051-307901. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti
Prof. Mauro Bortolotti

Colonscopia
28 Feb 12 - Luisella, 42 anni (id: 120991)
  Gent. Prof., ho effettuato ieri colonscopia incompleta (fino al sigma distale per importante angolatura del viscere e difficoltà al passaggio dello strumento, associati ad algia da parte della paziente; mi erano stati somministrati Midazolam 2.5 mg ev + Petidina 20 mg). Lesame è stato richiesto per saltuaria ematochezia e per prevenzione (sorella gemella con riscontro di adenoma tubulare con displasia di basso grado a 25 anni). Già 10 anni fa mi ero sottoposta a colonscopia, completa e negativa senza sedazione e senza antidolorifico. Preciso di avere emorroidi di II grado. Ora mi consigliano di completare con studio radiografico del colon ma io invece vorrei ripetere, ... continua >>
per mia tranquillità, la colonscopia. Lei cosa ne pensa?
Penso che può chiedere di fare l’esame in anestesia generale con ipnovel. Si rilascia anche il colon.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

MRGE e gastroscopia
28 Feb 12 - stefano, 44 anni (id: 120990)
  egr. prof. allego il referto della gastroscopia: Linea Z reperita prossimalmente(22mmm)al giunto esofago-gastrico, com profilo lineare e ben demarcato della giunzione squamo-colonnare;ph-metria juxtamucosale coerente con quadro di reflusso gastro-esofageo di tipo acido. Test di Bernstein modificato:positivo. Cardias di aspetto scampanato, con protusione sovradiaframmatica delle pliche fundiche per ernia jatale da scivolamento, riducibile. Lago mucoso di volume regolare e di aspetto limpido, con ph medio pari a 2.41, senza evidenti tracce ematiche e/o biliari. Nella norma i restanti reperti endoscopici a carico del tratto esofago-gastro-duodenale- biopsie: Biopsia Cardias(sedi multiple) 2 ... continua >>
campioni nella norma H.P. 0 Biopsia esofago giunzione squamocolonnare (sedi multiple) un campione di mucosa cardiale nella norma. Un campione di mucosa esofagea sede di iperplasia dello strato basale Biopsia esofago terzo inferiore(sedi multiple): due campioni sede di esofagite. Cosa vuol dire in parole comprensibili questo esito. Questa è la 3 gastro e rispetto alle altre mi hanno detto che cè stato miglioramento. Inoltre sul referto ho trovato scritto di rifarla tra 12 mesi. Ma è proprio necessario il mio gastro concordava sul fatto che gli sembra sufficiente averne già fatte 3 nel giro di 2 anni e mezzo. grazie per il servizio che date.
Egr. Sig. Stefano, sono d’accordo con il suo gastroenterologo. Continui con la terapia che va potenziata per eliminare l’esofagite ancora presente e la dieta che le allego. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Dieta CUP 2000.doc
Prof. Mauro Bortolotti

Sospetto processo infiammatorio
28 Feb 12 - massimo, 45 anni (id: 120989)
  salve dottore, devo effettuare la colonscopia con sedazione la settimana prox per scrrening.ho effuttuato le analisi del sangue e mi hanno trovato un valore alterato (fibrinogeno era a 548).da cosa puo dipendere??inoltre avevo altri due valori dellemocrome leggermente alterati neutrofili,linfociti).quando ho effettuato le analisi ero raffreddato e avevo la tosse.grazie DISTINTI SALUTI
Vuol dire che ha un’ipercoagulabilità del sangue che forse dipende da una sindrome metabolica essendo lei piuttosto in sovrapeso faccia anche una Proteina C reattiva.
La_sindrome_metabolica_1.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Colonscopia e influenza
28 Feb 12 - massimo, 45 anni (id: 120988)
  salve dottore, devo effettuare la colonscopia con sedazione la settimana prox per scrrening.ho effuttuato le analisi del sangue e mi hanno trovato un valore alterato (fibrinogeno era a 548).da cosa puo dipendere??inoltre avevo altri due valori dellemocrome leggermente alterati neutrofili,linfociti).quando ho effettuato le analisi ero raffreddato e avevo la tosse.grazie DISTINTI SALUTI
Egr. Sig. Massimo, si faccia visitare dal medico curante per vedere se l’influenza è passata senza danni e può fare la colonscopia. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Ernia e MRGE
27 Feb 12 - Angela, 87 anni (id: 120983)
  Mia madre in seguito a gastroscopia ha riscontrato,ernia hiatale, con cardias a 30 cm dalle arcate dentarie, camera erniaria con 2 polipi di 3, 4 mm, gastrite diffusa, bulbo e duodeno nella norma. Vorrei avere spiegazione della diagnosi, con indicazioni di una dieta appropriata, e dei comportamenti adeguati, per non far peggiorare la situazione, e quali sono i rischi. Non si puo intervenire con intervento chirurgic perche ha un quadro ad alto rischio. Prende esopral cp 20 per 2, e peridon prima dei pasti principali, cardioaspirina , gardenale, un terzo di trittico, lasitone quattro volte alla settimana. Ringraziandola, la saluto cordialmente. La figlia di Angela
Gentile Sig.ra Angela, non mi ha detto quali sintomi ha, se hanno fatto la biopsia dei polipi e se ha Helicobacter pylori. La terapia sembra appropriata. Le allego una dieta. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Dieta CUP 2000.doc
Prof. Mauro Bortolotti


Da 2687 a 2702 di 28636