Sei in: Medico on-line > Gastroenterologia

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Gastroenterologia
Referenti
  • Prof. Pier Roberto Dal Monte

  • Già Direttore Dipartimento medico-chirurgico delle Malattie dell’apparato digerente. Ospedale Bellaria-Maggiore. Bologna.

  • Prof. Mauro Bortolotti

  • Professore a Contratto della Specializzazione in Medicina Interna
    Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Bologna
    Policlinico S. Orsola


ultimo aggiornamento 22/02/2013
 
Aree tematiche


Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 26/01/2007
Invia la tua domanda

Domande / Risposte
Sospetta intossicazione alimentare
9 Lug 11 - mariagrazia, 67 anni (id: 118057)
  Soffro da anni di colon irritabile con una ptosi di un tratto. Per abitudine non mangio fritture,salumi e ragù mangio invece molte verdure condite con olio di oliva o con salsine di pomodoro.15 giorni fà ho avuto una scarica improvvisa di diarrea,cosa che mi capita molto raramente,dopo qualche giorno è comparsa la febbre a 38 x2 giorni .In seguito ho mangiato sempre senza appetito,di corpo andavo regolarmente, ma prima di liberarmi sentivo che le feci si depositavano nellultimo tratto dellintestino.Da una settimana sto fuori casa ,lalimentazione è cambiata ed è iniziata una diarrea gialla con febbre anche a 39. Mi sono rimessa a dieta, ho preso tachipirina 1000 e codex... continua >>
2cp al dì, la temperatura è tornata nella norma ma permangono i disturbi intestinali.Potrebbe trattarsi di una forma virale? Devo prendere un antibiotico specifico o devo fare delle analisi per scoprirne la causa? Potrebbe dipendere dal fegato,dato che sono stata operata di colecisti? Faccio a Lei queste domande perché sono fuori casa e non posso rivolgermi al mio medico,che tra laltro, è in ferie. In attesa di una sua risposta La ringrazio e la saluto Mariagrazia
FORSE è STATA UN’INTOSSICAZIONE ALIMENTARE CHE LE HA PROVOCATO UNA ENTEROCOLITE: di norma si cura con antibatterici tipo bactrim, ciprofloxacina tetraciclina.
Prof. Pier Roberto Dal Monte


Dieta
9 Lug 11 - enzo, 57 anni (id: 118053)
  salve dottore sono un 57enne ho subito un intervento di cancro al colon retto ora sono circa 7mesi che mi sottopongo alla cura chemioterapica da circa tre settimane mi sono alimentato di cozze crude incluse nel pranzo per un totale di una volta al giorno tre volte a settimana.quali conseguenze puo provocare la cozza cruda in un paziente chemioterapico? grazie spero in una sua risposta al piu presto
Nulla di particolare, stia però attento di non prendersi anche l’epatite A.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

DOLORE COSTALE
9 Lug 11 - antonio, 28 anni (id: 118045)
  salve dottore, da circa 3 settimane , sento un dolorino/fastidio al petto,precisamente la zona è a sinistra vicino allultima costola, oggi controllando la parte, ho notato che la parte è anche leggermente gonfia, rispetto alla zona di destra. ( non ho sbattuto la zona , non son caduto, non ho tosse e non ho febbre ) . Domando: cosa potrebbe essere dovuto questo leggero gonfiore accompagnato da dolorino? problema ai polmoni? al lembo di sinistra del fegato?? la prossima settimana andrò a farmi vedere dal medico, ma in tanto vorrei avere un suo parere. Cordiali saluti Antonio.
Forse è solo una contrazione dei muscoli toracici, se veramente vi è un protrusione ( ma non ne sono sicuro) faccia oltre a quello che dice il suo medico una rxgrafia del torace.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Bruciori di ndd
9 Lug 11 - leo, 24 anni (id: 118040)
  bruciori allo stomaco sotto ildiaframma...va bene i riopan?o meglio il gavison?
Egr. Sig. Leo, i dati forniti sono insufficenti per una diagnosi ed una adeguata terapia, per le quali è anche necessaria una visita medica. Questa può essere fatta dal suo Medico Curante, che le può richiedere gli accertamenti appropriati. Se vuole può contattarmi successivamente. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti
Prof. Mauro Bortolotti

Sospetta pseudostruzione intestinale
8 Lug 11 - federica, 16 anni (id: 118036)
  un anno fa sn stata operata al colon ma senza togliere nulla soltanto lappendice e ho tenuto x circa un mese e mezzo una bustina laterale...dopo 9 mesi (da gennaio fino ad oggi) sto soffrendo di sub oclusioni intestinale mi ci si forma un liquido poike il cibo nn fa il proprio tratto cm si deve e fa il ristagno(e di cio ho fatto anke lanalisi del transito)...xo sn effetta gia da 8anni da una mielite trasversa ke mi ha preso solatanto il lato inferiore e i medici hanno legato queste sub oclusioni alla mielite...vorrei sapere delle cure ci sono?cosa sipotrebbe fare?
Potrebbe essere effettivamente una pseudostruzione intestinale di tipo secondario alla sua mielite ma non si può escludere anche una forma primaria per alterazione anche del sistema nervoso autonomo intestinale: sarebbe bene studdiarla con una valutazione del SSN autonomo dell’intestino con una biopsia profonda o con una rivalutazione del pezzo asportato. Forse ha bisogno di una seconda operazione per rimuovere la parte ostruita.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Spossatezza
8 Lug 11 - giovanni, 22 anni (id: 118032)
  buongiorno dottore..mi kiedevo se la colite cronica possa portare spossatezza??
Egr. Sig. Giovanni il suo disturbo è molto generico e presente in molte condizioni. Non è detto che dipenda dal colon irritabile. Occorre una visita del suo medico curante. Se vuole può contattarmi successivamente. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Lieve gastrite
8 Lug 11 - Luca, 42 anni (id: 118026)
  Gentile Prof. ad integrazione del quesito 117901 / 117981 allego referto esame istologico , mi scuso per le ripetute integrazioni. Esame istologico apparato digerente : 1) Antro : mucosa antrale e transizionale sede di gastrite cronica semplice in fase quiescente . HP 0 2) Mucosa ossintica nei limiti della norma – HP 0
Mi sembra una lieve e limitata gastrite, stia un pò attento alla dieta.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Calproctetina
7 Lug 11 - Antonio, 8 anni (id: 118021)
  Mio figlio di 8 mesi ha fatto lesame della calprotectina fecale. Il risultato è 49 mcg/gr. Il risultato è nella norma considerata la sua età ho cè uninfiammazione dellintestino ? Grazie
CALPROTECTINA Significato diagnostico La calprotectina è una proteina appartenente al gruppo delle proteine leganti il calcio. E’ presente in grande quantità nei globuli bianchi (granulociti neutrofili e in quantità minore anche monociti e macrofagi attivati); è dotata di un’elevata attività batteriostatica e micostatica. La presenza di calprotectina è stata riscontrata in molti materiali biologici: siero, saliva, liquido cerebrospinale, urine e feci, ma è soprattutto in quest’ultimo che il suo dosaggio offre notevoli vantaggi. La concentrazione di Calprotectina è più elevata nelle feci che nel sangue; un aumento significativo della quantità di calpro¬tectina eliminata con le feci è presente nelle persone con infiammazioni intestinali (IBD), mentre l’eliminazione non è aumentata nelle persone con patologie non organiche, spesso di tipo funzionale, come la sindrome da colon irritabile (IBS). Delle malattie infiammatorie intestinali fanno parte il morbo di Crohn e la Colite ulcerosa. Durante il processo infiammatorio i globuli bianchi (granulociti) del sangue migrano dal circolo sanguigno nel lume intestinale attraverso la mucosa infiammata; rilasciano la calprotectina che, legata al calcio, diventa resistente all’attacco dei batteri intestinali. In questo modo questa proteina è eliminata intatta tramite le feci; la possiamo perciò determinare e utilizzare come marcatore di infiammazione intestinale. L’analisi si esegue su campione di feci Valori normali donna: < 40: negativo 40 - 60: dubbio >60: positivo Valori normali uomo: < 40: negativo 40 - 60: dubbio >60: positivo Unità di misura: microg/grammo feci Come vede è un risultato dubbio che va seguito nel tempo anche in relazione ai sintomi denunciati.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Meteorismo
7 Lug 11 - Marianna, 38 anni (id: 118020)
  Gent.mo dott. ho scoperto da poco di essere affetta da ipotiroidismo subclinico autoimmune(TSH 5.30 con int. di rif. 0.20-4.50; valore invariato in secondo prelievo dopo 2mesi). Ad ecografia viene rilevato: "tiroide entro i limiti della norma con lievissima disomogeneità strutturale in esito di pregressa tiroidite e con nodulo iperplastico e microcistico di 3mm..". La mia preoccupazione però inerisce labnorme (!) gonfiore alla pancia che ho da più di 2anni, pur non essendo in sovrappeso; proprio x individuarne la causa ho scoperto lipotiroidismo. Speravo di poter ricollegare il forte gonfiore allipotiroidismo, ma lendocrinologo lo ha escluso. E stata esclusa la celiachi... continua >>
a (da analisi del sangue) mentre da eco delladdome è stata rilevata "presenza abbondante di meteorismo intestinale e fegato di volume nei limiti ad ecostruttura accentuata e disomogenea come per epatopatia dismetabolica" (da precisare che avevo terminato 10gg prima la cura x eradicare lH.pylory). A breve inizierò la terapia sostitutiva anche in previsione di una futura e sperata gravidanza. Eco utero nella norma. Ma una pancia da troppo tempo così gonfia e dolente non mi fa stare tranquilla! Cercando in internet ho letto che chi ha una patologia autoimmune, ha poi propensione a svilupparne altre. Dalla sua esperienza ci sono patologie autoimmuni che possano essere ricollegate al mio quadro? o esami che mi consiglia di fare? Sono preoccupata soprattutto in vista di una gravidanza. Grazie anticipatamente
IL meterorismo, che vuol dire aumento dei gas nei visceri intraddominali come nel piccolo ma soprattutto nel grande intestino o colon, dà la sensazione di tensione addominale, emissione di gas o flatulenze ma anche arresto delle stesse. Può dipendere da fattori digestivi(iperproduzione di gas) o anche da ostacolato passaggio dei componenti intestinali con difficoltà alla loro eliminazione. Nel 1° caso i gas sono in genere sviluppati dall’ effetto dei germi intestinali sugli alimenti non perfettamente digeriti (ad esempio nell’intolleranza al lattosio o al glutine)o da crescita dei germi stessi(dismicrobismo), nel 2°caso l’origine può essere funzionale/spastica per rallentato passaggio, come nella stitichezza in cui si accumulano feci e gas nell’intestino che vengono eliminati a fatica, oppure organica a seguito di un ostacolo al passaggio dei componenti intestinali per un restringimento interno al viscere od un fenomeno aderenziale che restringe il lume intestinale dall’esterno. Propenderei per la prima causa. provi a sospendere i farinacei di grano talvolta si ha intolleranza senza ad avere una vera intolleranza al glutine e può essere utile fare una gastroduodenoscopia con biopsia digiunale o anche un studio genetico.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Dolore allo stomaco
6 Lug 11 - mariaconcetta, 38 anni (id: 118008)
  buonasera dottore.nei periodi di stress mi capita di avere dolore allo stomaco ,come se dovessi sempre mangiare per appagare questo dolore.Ho fatto 2 gastroscopie ed è risultato un reflusso gastroesofageo.Questi dolori sono causati dal reflusso?o devo fare altri esami?grazie.
Gentile Sig.ra Mariaconcetta, se nonostante la terapia per il rflusso persistono, occorre fare altri accertamenti da stabilire in base ad una visita. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Sospetta duodenite
6 Lug 11 - toni, 48 anni (id: 118001)
  Gent.mi Dott. e da quasi un anno che ho dolori allo stomaco, dopo aver fatto tutti gli analisi del caso compreso gastroscop. ( esito duodenite con erosioni a schizzo di calce e Ph+ ) e ecografia addominale totale(esito fegato steatotico) cura per Hp effettuato con mix antibiot....terminata da 6mesi ca , ancora persiste meno intenso il dolore, ma solo sotto sforzo e specialmente a stomaco pieno (ECG nei limiti della norma). In attesa di una vs risposta Distinti Saluti
Deve innanzitutto valutare se ha eliminato l’heliocobacter pilori, e poi forse mangia un pò troppo ed il suo stomaco ne soffre. Come mi segnala considerando peso ed altezza lei è un seriamente obeso.
Riempiendo_troppo_lo_stomaco.1doc.doc
Trattamento_della_dispepsia_(3)_.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

IPP e gravidanza
6 Lug 11 - KATIA, 37 anni (id: 117998)
  Premetto che sono alla 19 settimana di gravidanza e purtroppo il mio reflusso gastroesofageo è al culminte. Ho sensazione di soffocamento e di tachicardia ed inoltre la mia gola al lato destro è irritata e fa male tanto che sento sempre come se avessi qualcosa in gola e del muco depositato allinterno. Tutti sintomi che già conoscevo benissimo perché è così che mi si manifesta il reflusso. La cura di solito è 1 pillola di axagon la mattina per 4 settimana ed il gaviscon dopo i pasti, maalox in caso di necessità, niente peridon perché la mia prolattina sale troppo. Ora sono stata al pronto soccorso perché attacco acuto e mi hanno consigliato di prendere ranidil e gaviscon per qualche giorno.... continua >>
Il mio dottore consiglia anche a questo punto di prendere axagon a posto di ranidil,senza esagerare perché il primo trimeste è passato ma bisogna comunque stare attenti. Su internet tutti dicono che al Pronto Soccorso usano nei miei casi tutti Ranidil, ma leggo anche che poi non è così sicuro... che faccio? Purtroppo dopo tre notti in apnea e senza chiudere occhio ho dovuto ricorrere a qualche soluzione medica. Che mi consiglia? Grazie dellattenzione, certa di una urgente risposta, porgo distinti saluti. KAtia
Gentile Sig.ra Katia, vi sono studi sulla innocuità della ranitidina e dell’omeprazolo (The safety of proton pump inhibitors (PPIs) in pregnancy: a meta-analysis. Gill SK, O’Brien L, Einarson TR, Koren G. Am J Gastroenterol. 2009 Jun;104(6):1541-5; Review.) e quindi la decisione del suo medico dovrebbe essere più motivata. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Sospetta diverticolite in diverticolosi
5 Lug 11 - rossella, 62 anni (id: 117993)
  La Rm pelvica, oltre a confermare una fibromatosi uterina che lamento da 40 anni, ha evidenziato un ispessimento delle pareti del sigma dovuto alla presenza di numerosi diverticoli e "contiguo alla parete inferiore del sigma, quasi a cavallo di essa, una raccolta di liquidi di natura benigna (Cm 1 X 3) riferibile , probabilmente, ad una raccolta saccata peritoneale secondaria a pregressi processi infiammatori, anche se non si può escluderne la natura annessiale. La colonscopia virtuale ha evidenziato " a carico del 1/3 medio e distale del discendente e del 1/3 prossimale e medio del sigma un ispessimento parietale concentrico ,associato alla presenza di multiple formaz... continua >>
ioni diverticolari: Il reperto è riferibile quindi a ispessimento parietale flogistico cronico su base diverticolare; a tale livelli non è possibile escludere la presenza di polipi.Non alterazioni parietali riferibili a polipi o masse coliche a carico dei restanti segmenti colici esplorati fino al ceco; qualche diverticolo a carico del terzo dist. del trasverso. Gradirei il suo parere sui seguenti quesiti: 1) Tale quadro patologico può essere causa di fenomeni analoghi a quelli dellIBS? 2) Lintervento di asportazione della parte malata del colon discendente può garantire il ristabilimento di una condizione di benessere o laccorciamento del colon determinerà solo la fine degli episodi di diverticolite? 3)Quali pericoli può comportare la raccolta di liquido sullutero? è necessaria listerectomia ?
Consiglierei di fare una colonscopia per valutare meglio la parete ispessita e la possibilità di un polipo. Dopo di che si dovrebbe decidere sul da farsi. Come vedrà dall’allegato i diverticoli possono anche perforarsi e dare manifestazioni peritonitiche più o meno serie.
Divericolosi_e_Diverticolite.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Neoformazione pancreatica
5 Lug 11 - pina, 74 anni (id: 117988)
  ho fatto un ecografia addominale sup. e inf. per riccorenti cistiti tutto normale se nonche nel pancreas hanno rilevato una formazione anomala di 10 mm nel corpo del pancreas di forma rotondeggiante consigliano tac con mdc che dovro fare appena ci sarà il posto, esami del sangue eseguiti una settimana prima tutti a posto puo essere un tumore? grazie
Potrebbe anche essere, ma vi sono anche altri tipi di neoformazione che è bene appunto chiarire con la TAC programmata.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Sospetta gastroenterite
5 Lug 11 - simone, 22 anni (id: 117984)
  Gentile dottore...circa un mese fa sono stato male è iniziato tutto con sintomi di pienezza gastrica gonfiore aria e eruttazioni che ho sempre avuto senza acido..il gonfiore mi provocava nausea leggera e fame daria.il dottore mi ha detto di avere reflusso gastrico visto mio padre che ha questi problemi e anche ernia iatale..mi ha prescritto domperidone e riopan gel..i sintomi si sono alleviati..anche se ancora presenti..la fame daria mi metteva ansia e ho effettuato elettrocardiogrammma e analisi di sangue e feci per stare piu tranquillo visto che il mio dottore mi ha detto di non fare una gastro perche sono giovanissimo e si tratta di semplice reflusso..essendo non sco... continua >>
mparsi del tutto i sintomi dopo 2 settimane mi è stato dato lansoprazolo...ora dopo 7 giorni di lanso i sintomi sono quasi tutti scomparsi..il dolore dietro le spalle eruttazioni ecc..ho ancora dopo certi pasti aria leggera pienezza..avvolte diarrea e stanchezza leggera..essendo scomparsi dolori e fame daria la mia domanda è puo essere il lansoprazolo a darmi diarrea e leggeri sintomi nauseanti?e volevo sapere lei mi consiglia una gastroscopia? esame del sangue feci e elettrocardiogramma sono risultati ottimi..la cura di lanso la devo fare per un mese..visti i miglioramenti continuo tranquillo con il lansoprazolo malgrado qualche episodio di diarrea che penso dovuto alla nuova dieta anche a base di cereali verdure e cio che posso mangiare?è normale che ho ancora gonfiore avvolte dopo 7 giorni di lanso?
I disturbi nel complesso mi sembrano più in relazione ad una gastroenterite subacuta forse per intossicazione alimentare, che non credo risponda agli antiacidi, che peraltro possono aggravare la diarrea che mi segnala. Consiglio per la stessa diarrea un breve ciclo di bimixin 1 cp per 4-5 gg sospendendo l’antiacido.
Prof. Pier Roberto Dal Monte


Da 2687 a 2702 di 27880