Logo ricerca con Google


Sei in: Medico on-line > Gastroenterologia

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Gastroenterologia
Referenti
  • Prof. Pier Roberto Dal Monte

  • Già Direttore Dipartimento medico-chirurgico delle Malattie dell’apparato digerente. Ospedale Bellaria-Maggiore. Bologna.

  • Prof. Mauro Bortolotti

  • Professore a Contratto della Specializzazione in Medicina Interna
    Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Bologna
    Policlinico S. Orsola


ultimo aggiornamento 27/11/2014
 
Aree tematiche


Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 26/01/2007
Invia la tua domanda

Domande / Risposte
Indigestione di cioccolata
17 Mag 12 - marta, 21 anni (id: 122198)
  soffro della sindrome del colon irritabile, questo di solito mi provoca stitichezza e addome gonfio.... di solito sto molto attenta a quello che mangio, tranne laltro ieri che per eccessivo stress ho cominciato a mangiare cioccolato e non sono più riuscita a smettere, ne ho mangiato una tavoletta e mezzo, di pomeriggio, poi la sera ho mangiato un pò di zucchina arrostita. ieri mattina (quindi la mattina dopo) mi sono sentit malissimo, ho vomitato una sostanza verde (forse bile visto che ero a stomaco vuoto e che non era molto liquida, e facevo molta fatica a farla uscire fuori, cioè i conati cerano ma prima che uscisse qualcosa ci voleva qualche secondo di emorme sforzo involontario)e ho vo... continua >>
mitato più di una volta..ho cominciato verso le otto e vomitavo quasi ogni mezzora... poi verso le undici ho preso il granulato effervescente i cui principi attivi sono sodio citrato, potessio citrato, tiamina difosfato estere libero, riboflavina 5-monofosfato monosodico, ecc (il nome del farmaco inizia per "B") la prima volta che lho presa lho rimessa,quindi lho presa di nuovo, ha fatto effetto e non ho più vomitato, a pranzo ho pure mangiato un pò di pastina e non è successo niente.. mi faceva solo male la parte bassa del ventre. se il vomito verde è davvero bile, mi devo preoccupare per ciò che è successo? considerato che oggi sto bene tranne il lieve dolore nel basso ventre a sinistra? (che penso sia il colon gonfio) devo continuare a mangiare in bianco? devo fare una visita?
Gentile Sig.na Marta, la bile si trova nel vomito quando gli sforzi sono notevoli. Se si dovesse ripetere senza una indigestione di cioccolata occorre una visita. Continui con la dieta. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti


Meteorismo
17 Mag 12 - Filippo, 25 anni (id: 122196)
  In merito allid 121946 La aggiorno. Sto assumendo ancora floxin. Lalvo si è regolarizzato ma permane gonfiore addominale e talvolta lieve dolorabilità al quadrante inferiore sx, che talvolta riferisce nella schiena a livello lombare. Esami ematochimici (emocromo, pcr, ves, antitransglutaminasi, calpocrectina) nella norma, esame feci ok salvo presenza amido non digerito e rare fibre carnee indigerite). Cosa mi consiglia? La ringrazio. Cordiali Saluti
Probabilmente è un residuio della recente infezione poichè la mucosa inestibnale non sempre immediatamente torna nellla norma. Se persiste provi ad abolire per qualche settimana i cibi ricchi di lattosio (latte e derivati). Aggiundendo uno yogourt ricco di probiotici.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Disfagia di ndd
16 Mag 12 - mariagrazia, 24 anni (id: 122190)
  buonasera.io 2 settimane fa ho effettuato una gastroscopia,e mi è stato rilevato reflusso gastrico e reflusso biliare,mi è stato prescritto il lucen..lo sto prendendo da 2 settimane,ma da 2 gg ho problemi a deglutire,mi si blocca un pò il cibo in gola,ho letto il foglio illustrativo è cè scritto ke questo farmaco può portare a disfagia..potrebbe essere?salve,grazie
Gentile Sig.na Mariagrazia, la disfagia potrebbe essere dovuta a spasmi esofagei. Provi con domperidone prima dei pasti. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Gastroscopia
16 Mag 12 - laura, 40 anni (id: 122188)
  esofago:corrugato come nei casi di flogosi cardias:a36cm slargato ed incontinente ;jatus a38cm.per ernia jatale stomaco;normodistensibile con mucosa normorappresentata al fondo,al corpo e allantro.presenza di refluito biliare .piloro:pervio.duodeno:bulbo regolare.d2 regolare. biopsia:si,antro per h.p.test:negativo .conclusione :mrge;ipocinesia gastrica .per favore potreste spiegarmi con parole molto molto semplici cosa ho? grazie
Gentile Sig.ra Laura, c’è un’ernia iatale, lieve esofagite, incontinenza cardiale, reflusso duodeno-gastrico biliare, assenza di Helicobacter pylori. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Dolore costale
15 Mag 12 - elio, 23 anni (id: 122172)
  ieri sera ho avuto un forte rigurgito che stava andando di traverso, per evitare ciò è scattata in automatico il meccanismo di tosse, e ho avuto 3 colpi di tosse molto molto forti e da quel momento ho forte dolore allaltezza dellultima costola a destra , le domando : può un colpo di tosse forte procurare una rottura/inclinatura di una costola? ed essa a sua volta dare complicazioni agli organi interni? ( a destra cè il polmone , cistifellea e fegato ) . in tal caso come si riconoscono i sintomi ? grazie
E’ raramente possibile, ma forse più probabilmente si tratta di un fenomeno muscolare intercostale.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Gocce in acqua
15 Mag 12 - barbara, 33 anni (id: 122167)
  gentile professore, vorrei esporle un dubbio sperando mi potrà aiutare.vorrei sapere qualè il modo più corretto di assumere i farmaci in gocce: bisogna aumentare il quantitativo dacqua in proporzione al numero?bisogna mescolarle?personalmente mi è stata prescritta la paroxetina 10 gc fino ad arrivare a 40 gc.io uso 1/2 bicchiere dacqua. le faccio cadere con lapposito contagocce e poi bevo direttamente.la ringrazio per lattenzione
Gentile Sig.ra Barbara, di solito è scritto nelle istruzioni. In genere bastano 2 dita d’acqua. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Gocce
15 Mag 12 - barbara, 33 anni (id: 122166)
  gentile professore, approfitto della sua disponibilità per porle un dubbio.vorrei sapere come è più opportuno assumere i farmaci in gocce, bisogna aumentare il contenuto di acqua in proporzione al numero?bisogna mescolarle?personalmente mi è stata prescritta la paroxetina partendo da 10 gc ad arrivare a 40.la ringrazio di cuore per una sua risposta
La quantità d’acqua non ha alcuna rilevanza
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Celiachia?
14 Mag 12 - patrick, 30 anni (id: 122150)
  Buonasera professore rispondo alla domanda riguardante la celiachia(id:122136)lei mi consiglia di fare una biopsia duodenale,io l ho fatta in precedenza e questo è lesito: mucosa duodenale con lieve atrofia dei villi e sede di infiltrati linfoplasmacellulari nel corion.Sono presenti alcune figure di esocitosi linfocitaria intrepiteliale(<40 linfociti/100 enterociti).Distinti saluti.
Egr. Sig. Patrick, le consiglio di rivolgersi a un centro per la celiachia. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Sospetta intolleranza a farmaco
14 Mag 12 - MARIATERESA, 29 anni (id: 122149)
  buongiorno...ho bisogno di un suo consiglio e parere.... sono una ragazza di 29 anni e dall eta di undici anni soffo di epilessia idiopatica.siccome la mia terapia era sbagliata ora da due settimane prendo il depakin chrono ....e da qualche giorno ho bruciore alla pancia...vorrei sapere se e normale o la causa di questo bruciore puo essere altro...ah io sono anche celiaca da due anni ma seguo rigorosamente una dieta senza glutine...
L’intolleranza ai farmaci può essere anche personale, per cui per valutare se il farmaco citato è la causa del bruciore può da una parte provare ad associavi un anticido IPP (omeprazolo o simili) altrimenti deve poovare a sospenderlo per qualche giorno.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Adenoma con displasia
14 Mag 12 - Anna, 46 anni (id: 122145)
  Gentile prof. Bortolotti, ho fatto una colonscopia nel gennaio del 2010 e mi hanno asportato un polipo sessile <5 mm, con risultato compatibile con adenoma serrato con displasia di grado lieve. Vorrei sapere dopo quanto tempo sarebbe meglio effettuare di nuovo la colon per ulteriore controllo.. grazie in anticipo
Gentile Sig.ra Anna, sarebbe già stata ora di ricontrollarlo. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Polipi del colon
13 Mag 12 - anna, 67 anni (id: 122143)
  dal 2008 recidivato5 volte adenoma tubulo villoso displasia moderata.Il 10.3.20010 displasia moderata-severa.10.9.2010 mucosectomia.Il 7.5.2012 recidivato adenomadi 1 cm sempre a 37 cm dalla stomia non è stato tolto nè fatta biopsia controllo fra un anno.Cosa devo fare Grazie
Forse anche l’ultimo doveva esser asportato ma non posso sostituirmi all’endoscopista il quale avrà le sue buone ragione, non deve far altro che chiederglielo.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Colecistectomia
13 Mag 12 - stefania, 37 anni (id: 122140)
  salve dot.il 26 04 mi hanno aspirato un calcolo al coledoco, il 10 05 in laparoscopia mi hanno asportato la colicisti,piena di piccoli calcoli (più di venti) ora quale alimentazione deve seguire? e per quanto tempo?grazie a presto
Deve solo dimagrire e molto.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Sospetto dismicrobismo
13 Mag 12 - luisa, 36 anni (id: 122139)
  Egregio Professore, da circa otto mesi, dopo 5/6 ore dai pasti, soffro di fastidiosi disturbi gastrointestinali (gas e liquido nello stomaco con forti dolori addominali e toracici concentrati sotto il petto a sx) con guazzamento, gorgloglii, borborigmi, nausea, stitichezza cronica, feci dure e caprine (in piccola quantità rispetto al cibo ingerito). Si sono verificati tre episodi di febbre con tremore, verosimilmente dovuti al forte disturbo gastrico (uno di questi episodi associato a diarrea e stipsi per diversi giorni). Sono stata sottoposta ai seguenti esami, con i risultati di seguito indicati: Ecografia: anse distese e liquidi nei quadranti di sx; Gastroscopia: ca... continua >>
rdias beante e iperemia antrale; Esami del sangue e delle feci: negativi; Accertamenti celiachia: RIST e RAST negativi. Recentemente ho effettuato anche una colonscopia (con 3 prelievi). I risultati hanno evidenziato "note flogistiche aspecifiche delle chorion mucose intestinali in tutti i frammenti". Qualè la causa di tali fastidiosi disturbi.. e quale la terapia consigliata..? RingraziandoLa fin dora, Lei invio i più cordiali saluti.
E’ possibile che si tratti di un dismicrobismo intestinale o disbiosi intestinale , detto anche colon irritabile postinfettivo che è un’ irritabilità della mucosa del colon a causa di dismicrobismo o disbiosi intestinale, che si crea a seguito del cambiamento parziale della normale flora intestinale con sopravvento o prevalenza di flora patogena che da un’infezione gastrointestinale. Infezione che si può sviluppare in maniera acuta o non immediatamente apparente, a seguito generalmente di ingestione di cibi guasti o scarsa igiene, uso di potenti antiacidi o anche di alcuni antibiotici, con irritabilità che, permanendo i germi che l’hanno creata, poi si mantiene producendo i suoi effetti continuativamente o ciclicamente, specie se si ha l’intestino particolarmente sensibile. Nell’intestino, e soprattutto nel colon o intestino crasso, si produce gas ed anche muco con meteorismo e flatulenza, dolore addominale e diarrea liberatoria o alternanza di stipsi e diarrea. Può essere utile in questi casi sospendere i latticini, prendere dei probiotici (ex fermenti lattici) od uno yogurt ricco di probiotici, ma se i sintomi non migliorano è utile aggiungere un disinfettante/antibiotico per qualche giorno tipo la neomicina/bacitracina (bimixin), la ciprofloxacina 500 mg 1 cp x 5-6 gg., la tetraciclina o un suo derivato (doxiciclina) od il metronidazolo. Se i disturbi sono molto accentuati sarebbe bene far precedere la terapia da una coprocoltura, ma rararamente si riesce ad identificare il germe che ha creato il problema.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Celiachia?
13 Mag 12 - patrick, 30 anni (id: 122136)
  buonasera professore,è da un po di tempo che soffro di gastrite e sospetta celiachia. ho fatto degli esami del dna per la celiachia,che significa PRESENZA DI ALLELI A RISCHIO? distinti saluti.
Egr. Sig. Patrick, c’è rischio che possa sviluppare celiachia. Dovrebbe fare la biopsia duodenale. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Esame HP
13 Mag 12 - giorgio, 45 anni (id: 122133)
  id 122122 buon giorno per la precisione lesame che devo rifare per vedere se lhelicobacter pylori è morto è il breath test!!e volevo sapere visto che i sintomi sempre se è colpa dellhp ci sono ancora dopo circa 5 settimana dalla cura antibiotica , (singhiozzo per tutta la notte gonfiore,senso di chiusura allo stomaco, senza nessun dolore o bruciore solo circa 1 volta alla settimana)(gastroscopia negativa) da 1 mangio senza glutine perchè sono celiaco!!quindi nemmeno quello era il problema!!posso prima dellesame prendere occasionalmente il donperidone??la ringrazio!!
Egr. Sig. Giorgio, può prenderlo fino a 24 ore prima dell’esame. Cordiali saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti


Da 2687 a 2702 di 28903