Sei in: Medico on-line > Gastroenterologia

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Gastroenterologia
Referenti
  • Prof. Pier Roberto Dal Monte

  • Già Direttore Dipartimento medico-chirurgico delle Malattie dell’apparato digerente. Ospedale Bellaria-Maggiore. Bologna.

  • Prof. Mauro Bortolotti

  • Professore a Contratto della Specializzazione in Medicina Interna
    Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Bologna
    Policlinico S. Orsola


ultimo aggiornamento 22/02/2013
 
Aree tematiche


Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 26/01/2007
Invia la tua domanda

Domande / Risposte
MRGE
21 Set 05 - Giovanni, 39 anni (id: 20154)
  Egr.Prof.dopo circa 30 gg di forte stress a causa di problemi familiari ora risolti ho incominciato ad avere bruciori di stomaco,sono andato dal mio medico che mi ha consigliato di prendere ai 2 pasti principali del sucralfato da 2 grammi,purtroppo dopo una settimana di trattamento il fastidio non è ancora passato,specialmente nella parte alta dello stomaco/esofago,posso prendere anche del malox?è il caso che prenda in esame la gastroscopia? Grazie per il suo aiuto.
Egr. Sig. Giovanni, lei probabilmente ha una malattia da reflusso g.e. che va curata con inibitori di pompa protonica (vedi area tematica per maggiori dettagli anche diagnostici). Le allego la dieta e la terapia standard. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti


Dolore radicolilitico
21 Set 05 - Federica, 28 anni (id: 20146)
  Gentile Dottore, è ormai molto tempo che sofro spesso di un dolore molto strano. Tempo fa ho avuto molto male nella zona lombare, con irradiazione alla natica, coscia e gamba dx, e addome inferiore destro. Preoccupata che fosse appendicite, mi sono recata in pronto soccorso e dopo vari esami del sangue ecc.. mi è stata diagnosticata una lombosciatalgia, curata poi con anti-infiammatori. Da allora, i dolori alla schiena sono tornati regolarmente, e da qualche tempo ho spesso male al quadrante addominale superiore destro: se sono seduta o in piedi e tocco l’addome dx sento come una massa dura e dolorosa, ed il dolore si estend a livello lombare e, alla natica, e a tutta la gamba, fino al pied... continua >>
e. Se invece sono sdraiata non avverto dolore in nessun punto eanche alla palpazione non sento nulla. Sono stata visitata da un medico che mi ha palpato l’addome, ma non ho avuto risultati. Premetto che ho una postura scorretta in ufficio e che il dolore non si calma nemmeno con il Voltaren. Grazie di un consiglio.
Gentile Signorina, sembra anche a me un dolore a partenza della colonna lombare con irritazione delle radici dei nervi che si distribuiscono nei settori che mi segnala e quindi di tipo radicolitico. Consulti un ortopedico. La massa che ha sentito ritengo sia il colon disteso da gas e feci. Con saluti,
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Metaplasia gastrica ed H.P.
21 Set 05 - Roberto, 56 anni (id: 20142)
  Egregio Prof. Dal Monte, La disturbo per avere alcune informazioni in merito ai temi di metaplasia intestinale, atrofia ed Helicobacter Pylori. Sono un uomo di 56 anni (79 Kg, alto 1,75 m.) e recentemente mi sono sottoposto a gastroscopia con gli esisti evidenziati qui di seguito. Il motivo di dette analisi è dovuto al fatto che da tanti anni soffro di aria nello stomaco, con spesso dolori allo sterno (e saltuaria, rata ernia iatale quando sotto sforzo) ed aerofagia con saltuari bruciori anali e piccole emorroidi interne ed esterne. Gastroscopia con esame istologico del 1995: - lieve duodenite erimatosa - biopsia negativa Colonscopia del 11/1998: piccole emoroidi interne - cong... continua >>
estione del canale anale. Gastroscopia con esame istologico settembre 2005: Mucosa antro-angolare: frammenti bioptici di mucosa antrale con gastrite cronica di media intensità, scarsamente attiva, follicolare, con ampia area di metaplasia intestinale completa e diffusa atrofia di grado lieve-moderato; Mucosa corpale: Lembi di mucosa compatibile con provenienza angolare con gastrite cronica di media intensità, scarsamente attiva, con foveole regolari; Ricerca Hp: apparentemente negativa (verosimilmente poco attendibile in mucosa estesamente atrofico-metaplastica. Qualche giorno prima avevo fatto il Breath Test Helicobacter Pylori Urea C13 che era risultato positivo con uno scarto di circa il 50% rispetto al valore T0. Considerando che nella mia vita ho fatto 5 collassi (nel periodo tra i 18 e 30 anni) per antibiotici e farmaci vari (iniezioni di penicellina, supposte Uniplus, supposte Polagin e Benadryl, Zimox compresse, Polaramin), sia il gastroenterologo dell’Ospedale che il medico di base sono molto titubanti nel tentare una cura eradicante con antibiotici. Per il momento ho assunto una scatola di ESOPRAL 40mg (1 al dì) ed ora passerò all’ESOPRAL da 20mg (1 al dì). Questo farmaco ha portato alcuni benefici, ma non sono stati rilevanti quanto NoGas Giuliani assunto per prova solo 2 giorni. L’unico consiglio avuto dai medici è quello di rifare la gastroscopia tra 2 anni e per qualche mese prendere ESOPRAL 20 (1 al dì). A questo punto spero mi possa togliere qualche dubbio e, precisamente: 1. l’esame istologico dovrebbe essere più affidabile dell’Urea Test per la diagnosi di Helicobacter Pylori; come è possibile sia negativo, vista anche la diagnosi di metaplasia intestinale ? 2. Due giorni di cura con ESOPRAL 40 prima della gastroscopia potrebbero aver falsato la ricerca dell’Helicobacter nell’esame istologico ? 3. da circa 10 gg. assumo olio di semi di pompelmo che, da quanto acquisito tramite Internet, sembra essere un forte antibiotico naturale. Lei ritiene possa essere efficace questo trattamento contro l’eventuale Helicobacter Pylori ? 4. la metaplasia intestinale, se non fossi affetto da HP, da cosa potrebbe essere causata ? (bevo 1 bicchiere di vino ai pasti e non sempre, bevo 2 caffè al giorno solo da un anno, mangio molta verdura, non fumo.....); 5. è consigliabile un ricovero per procedere con la cura antibiotica del protocollo internazionale, considerando che ad oggi l’unico antibiotico sopportato è il RIFADIN e che non ho mai preso altri antibiotici, tantomenno il VECLAM ed il VELAMOX ?; 6. se non procedo con la cura antibiotica, cosa potrebbe accadermi nei prossimi anni ? Vista la Sua esperienza, Le sarei enormemente grato se potesse indicarmi il modo di procedere da Lei ritenuto più idoneo. In attesa di cortese riscontro, porgo distinti saluti Roberto
Egregio Signore, perciò che riguarda l’H.P. ritengo che possa essere più fedele il Breath test, talvolta la biopsia non prende un punto infetto Specie se vi è atrofia gastrica. Comunque può fare anche la ricerca nelle feci. Comunque proverei a fare il trattamento eradicante con farmaci alternativi: i sali di bismuto, la levofloxacina, il metronidazolo e la tetraciclina.Si veda anche l’allegato su ciò che può provocare l’H.P. anche se esiste la gastrite autoimmune (da verificare).
Infezione da Helicobacter Pilori.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Scariche diarroiche
21 Set 05 - Camilla, 36 anni (id: 20138)
  Ho questo problema da circa 8 mesi, ogni 15 giorni ho dolore improvviso al basso ventre con scariche immediate giallognole e acquose. Una volta liberata il dolore mi rimane per almeno tutto il giorno. Tutto questo è indipendente da quello che ingerisco, ho evitato alcuni alimenti ma il problema non si risolve. Distinti saluti.
Gentile Sig.ra Camilla, Per esprimere un giudizio clinico è necessaria una visita che può fare dal suo Medico curante, in base alla quale le potrà prescrivere opportuni accertamenti e cure. Se vuole può contattarmi successivamente. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Probabile cefalea muscolo tensiva
21 Set 05 - angelica, 34 anni (id: 20135)
  egregio professore mi e’ stata diagnostica una gastrite da fans in quanto soffro di dolori cervicali quando ho questi dolori mi si chiude la bocca dello stomaco e mi passa dopo qualche giorno anche prendendo le pastiglie prescritte però non ho bruciori solo la chiusura dello stomaco e non riesco a digerire e’ normale in una gastrite questa reazione o è qualcos’altro?grazie
Gentile Signora, certamente i FANS possono dare disturbi gastrici più o meno intensi a seconda della resistenza dellla mucosa o e al momento in cui si assumono ad esempio lontano dai pasti (la regola dovrebbe essere sempre prima ed immediatamente di mangiare). Comunque anche la sua cefalea puo dare, come vedrà disturbi digestivi.Con saluti
Cefalea muscolo-tensiva.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

M di Crohn
21 Set 05 - Sara, 22 anni (id: 20134)
  Buongiorno dottore, dopo aver fatto una serie di esami qui al policlinico di Borgo Roma (VR) tra cui la colonscopia, mi è stato diagnosticato il morbo di Chron, in fase iniziale. Mi hanno parlato molto bene di Bologna, che avete un centro specializzato per questa patologia e vorrei sapere come e a chi posso rivolgermi e se preso in fase iniziale si può curare più facilmente. Grazie.
A verona vi sono ottime gastroeneterologie, comunqe può rivolgersi al Centro diretto dal Professor Campieri dell’Ospedale Policlinico S. Orsola.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

MRGE
21 Set 05 - lino, 24 anni (id: 20130)
  Salve, da circa 4 mesi ho acidità di stomaco sia a fine digestione sia lontano dai pasti.Venti giorni fa ho fatto l’urea breath test con esito negativo. Ora il mio medico curante mi ha prescritto una cura mensile di esomeprazolo 20mg. Vorrei cortesemente sapere se tale cura è adeguata al mio problema oppure dovrei fare altri test? In attesa la ringrazio anticipatamente e la saluto. Lino
Egr. Sig. Lino, lei probabilmente ha una malattia da reflusso g.e. che va curata a lungo e non solo per un mese perchè è una malattia cronica (vedi area tematica per maggiori dettagli). Le allego la dieta e la terapia standard. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Dieta CUP 2000.doc
TERAPIA MRGE.doc
Prof. Mauro Bortolotti

Infiammazione perianale
21 Set 05 - franci, 55 anni (id: 20124)
  Spero di riuscire a spiegare bene ciò che sento. Il mio problema è a livello anale e perianale, intorno all’apertura anale se nto al tatto come tanti piccoli bollicini, la pelle all’interno delle natiche è rossa e sempre al tatto sembra screpolata.Lungo la linea alta di divisione delle natiche sento un bruciore su tutta la pelle. Cosa può essere e che fare?
Potrebbe trattarsi di un’infezione micotica o iiritazione infiammatoria da altri microorganismi. Provi ad usare intanto una pomata antimicotica e segua nel complesso i consigli che le allego.
IL prurito anale.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Lansoprazolo e anticoncezionali
21 Set 05 - Marianna, 35 anni (id: 20121)
  Buongirno Dott. Bortolotti, volevo chiederle se lansoprazolo per l’ernia iatale inibisce l’efficacia della pillola anticoncezionale (yasmin). Assumo una capsula da 30 mg ogni sera lontano dai pasti da 2 mesi, dovrei smettere a novemdre. Grazie e buona giornata
Gentile Sig. Marianna, non mi risulta ma potrebbe chiedere al suo ginecologo per conferma. Se assume il lansoprazolo per malattia da reflusso g.e. (vedi area tematica) le consiglio di non sospenderlo completamente dopo i 2 mesi, perchè i disturbi dopo un pò ricompaiono inevitabilmente. E’ necessaria quindi una terapia di mantenimento (nota 48 del SSN). Inoltre la somministrazione corretta del farmaco è 30’ prima dei pasti. Distinti saluti, Prof Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Colelitiasi
21 Set 05 - renato, 42 anni (id: 20116)
  salve, mi sono stati diagnosticati i calcoli alla cistifelia tramite ecografia, vorrei dei consigli sulla dieta da seguire e quali sono i cibi da evitare.grazie
Egregio Signore, si veda l’allegato ove troverà i consigli che mi chiede. Con saluti,
La calcolosi biliare.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Sospetto colon irritabile
21 Set 05 - andrea, 26 anni (id: 20115)
  buongiorno. è da qualke tempo che ho dei dolori addominali (ormai settimane): come se la muscolatura addominale sia contratta. all’inizio pensavo fosse "stress" che si scaricava sull’apparato digerente, ma adesso, che credo di non essere particolarmente stressato, inizio a pensare che la causa sia da ricercare altrove. la cosa "strana" è che nel sonno non sento fastidio, appena mi sveglio al mattino sembra che il dolore si svegli con me. e questo mi faceva pensare appunto ad un problema di stress. tutto il giorno il dolore me lo tengo, sopportabilissimo, ma fastidioso. se provo a premere sullo stomaco sembra contratto, soprattutto nella zona attorno all’ombelico. in aggiunta le posso dire ... continua >>
che sono tutto il giorno seduto davanti ad un pc per lavoro, se può aiutarla per una "diagnosi". le chiedo se mi sa indirizzare su quale potrebbe essere la natura del problema e a chi rivolgermi. grazie per il tempo che le faccio perdere. buona giornata Andrea
Egregio Signore, mi sembrano dolori riferibili soprattutto al colon anche da tensione. Potrebbe essere utile seguire i consigli che le allego. Con saluti,
Il colon irritabile.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Disturbi toraco-addominali
21 Set 05 - Emaneuele, 25 anni (id: 20111)
  Gent.mo Prof. da un pò di tempo accuso dolore tipo fitta all altezza della scapola destra,quando riempio profondamente i polmoni si irradia più in basso e diventa pungente profondo;la cosa strana è che evverto anche dolore interno nella regione addominale destra a volte all’altezza del fegato e altre volte un pò più in basso! Le volevo chiedere questo...visto che tre o quattro mesi fà ho fatto un eco addome e il fegato è risultato ingrandito (anche se non in maniera allarmante)e da analisi del sangue fatte per altri motivi AFP era a 13 u/mg (leggermente più alta),devo allarmarmi e ripetere gli esami? Ultimamente ho notato anche che le mie feci sono tipo poltacee e fanno un odore molto acr... continua >>
e... Grazie mille in anticipo Emanuele
Egr. Sig. Emanuele, i suoi disturbi sono piuttosto generici e presenti in molte malattie. E’ necessaria pertanto una visita dal suo Medico curante, in base alla quale le potrà prescrivere opportuni accertamenti e cure. Se vuole può contattarmi successivamente. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Dolori addome sn
21 Set 05 - Gabriele, 41 anni (id: 20106)
  Soffro di rettocolite ulcerosa in fase di remissione. Soffro frequentemente di un dolore fisso, accentuato dalla posizione seduta o da movimenti particolari (sollevamento pesi, piegamenti, etc...), localizzato nella parte inferiori sinistra dell’addome (poco sopra l’attaccatura della gamba), senza altri sintomi. Può essere correlato alla RCU, oppure altre cause potrebbero generarlo? Grazie
Egregio Signore, ritengo non siano in relazione alla RCU, fra l’altro in remissione, ma probabilmente ad un irritazione firbromuscolare forse a partenza della colonna lombare. Con saluti,
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Colestorolosi dellla cistifellea
21 Set 05 - daniela, 37 anni (id: 20105)
  Gent.mo Professore, Le riscrivo in relazione ai due quesiti da me posti nel mese di giugno (id 17070 e 16612) e quello di agosto (id 19038)con cui citavo i miei problemi di colon irritabile e di iperplasia focale a livello epatico correlata di una colesterolosi alla coleciste, diagnosticata nel mese di maggio di ques’anno ma che non compare più in una recente ecografia di contrasto eseguita circa 1 mese fa. Il mio gastroenterologo mi aveva prescritto, a giugno, dopo una visita, una cura di 6 mesi con Litursol mg. 300 x 2 volte al giorno, dopo i pasti. Io ho eseguito la cura, che sto continuando, nonostante, come dicevo prima, questa colesterolosi non compaia più nell’eco di controllo di poco... continua >>
più di un mese fa. Volevo sospenderla dato l’esito della recente ecografia, ma lui, dopo un consulto circa 2 settimane fa mia ha detto che queste sono cure da proseguire almeno per 6 mesi, per pulire la coleciste e prevenire un’eventuale insorgenza di una nuova colesterolosi. Volevo chiederLe se effettivamente sia giusta come diagnosi oppure sia meglio sospenderla o ridurre la dose di Litursol a mg 150 x 2 v.te al dì, ancora fino a fine anno. Le chiedo anche se possa esserci una relazione tra l’assunzione del farmaco ed il fatto che, in questi giorni, col cambio di stagione, oltre al riacutizzarsi dei miei disturbi legati al colon irritabile, io abbia difficoltà nella digestione, anche di alimenti leggeri (sono comunque molto ansiosa), con eruttazioni continue non tanto di succhi gastrici acidi quanto, saltuariamente amari, legati probabilmente alla bile. Cosa posso fare? Devo ricontrollare la cistifellea? E’ probabile che ci sia una sovrapproduzione di bile legata all’uso del Litursol? Pensa sia meglio io faccia una gastroscopia? La mia alimentazione, come già citato più volte è molto controllata. La ringrazio sentitamente e mi scuso ancora per le innumerevoli domande. Daniela
Gentile Signora, effettivamente potrebbe calare l’acido ursodesosssicolico, come Lei dice. I disturbi non correlabili al farmaco ma allo stomaco. Veda di seguire intanto i consigli che le allego. Con saluti,
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Flogosi lieve
21 Set 05 - Laura, 33 anni (id: 20104)
  Egr. Professore, con riferimento all’ID 20038 vorrei cortesemente chiederLe se la "flogosi cronica lieve" implica qualche patologia (celiachia esclusa) o è un referto normale? La ringrazio e mi scuso per averla di nuovo interpellata sulla stessa questione. Distinti saluti,
E’ un reperto molto frequente e non ha un’importante rilevanza clinica se non associato a fenomeni di alterazione dell’alvo in senso diarroico. Con saluti,
Prof. Pier Roberto Dal Monte


Da 22894 a 22909 di 28327