Sei in: Medico on-line > Gastroenterologia

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Gastroenterologia
Referenti
  • Prof. Pier Roberto Dal Monte

  • Già Direttore Dipartimento medico-chirurgico delle Malattie dell’apparato digerente. Ospedale Bellaria-Maggiore. Bologna.

  • Prof. Mauro Bortolotti

  • Professore a Contratto della Specializzazione in Medicina Interna
    Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Bologna
    Policlinico S. Orsola


ultimo aggiornamento 22/02/2013
 
Aree tematiche


Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 26/01/2007
Invia la tua domanda

Domande / Risposte
MRGE
24 Set 05 - rino, 55 anni (id: 20305)
  Egr. e On.mo Prof., sino ad oggi,ho fatto quanto segue (poi spiegherò): 1)EGDS 2001.Diagnosi:gastrite atrofica attiva dell’antro con metaplasia associata a HP. 2)EGDS giu.2003.Diagnosi:esofagite erosiva lieve in beanza cardiale. 3)RX TUBO DIGERENTE prime vie. Simmetricamente espansibili e contrattili i seni piriformi e le vallecule ariepiglottiche.Regolare la canalizzazione esofagea. Accentuazione del disegno mucoso in sede precardiale con piccola retrazione della parete del fondo,nei verosimili esiti di remota lesione erosiva di cui residuano segni di fibrosi cicatriziale.Non ernie jatali.Assai modesto il reflusso gastro-esofageo.Stomaco ad uncino allungato contenente discreta succorre... continua >>
a,con rilievo mucoso accentuato e con peristalsi e tempo di svuotamento normali.Bulbo duodenale alquanto retroposto,asimmetrico negli esiti cicatriziali di remota lesione ulcerativa al terzo medio,lungo la parete superiore.Piloro eccentrico.Distonica e discinetica la ruota duodenale che non presenta peraltro impronte ab estrinseco.Treitz in sede. 4)ECO ADDOME SUPERIORE Fegato, pancreas e milza regolari per morfologia,dimensioni ed ecostruttura. Colecisti a cavità ecopriva;vie biliari intra ed extra epatiche non dilatate. Asse spleno-portale di calibro regolare. Reni in sede,a profili,dimensioni ed ecostruttura regolari e senza dilatazione delle vie escretrici. Si segnala marcata distensione meteorica della flessura ds del colon. Terapia in atto:nessuna.In accordo col medico di famiglia,ho smesso da circa 4 mesi,il LANSOX 15 che assumevo dalla EGDS del 2003(vedi p.2),inizialmente 1 al dì per 2 mesi,poi a dì alterni. HP:eradicato già da tempo;ulteriore esame negativo, 20 giorni fa(vado spesso all’estero anche se sono in pensione). SINTOMI ATTUALI.Da feb.2004,da 8 a 9 volte su 10,sensazione che il cibo,o qualunque cosa solida anche di dimensioni e durezza assai modesta, come adesempio una piccola pastiglia e persino l’Ostia Sacra,rimangano fermmi in gola,anche per ore,creando un certo fastidio(mi viene sempre da deglutire).Da circa 2 mesi,inoltre,avverto una moderata acidità di stomaco verso l’alto e qualche rigurgito,ma mai di notte.Inoltre,da parecchi anni, soffro di dispnea sospirosa(forse per il cuore:fra poco spiego). L’acidità e il rigurgito possono dipendere dal diuretico furosemide 25 che mi ha creato questo problema credo in concomitanza con l’inizio dell’assunzione di questo farmaco 2 mesi fa?. A proposito:posso bere vino?. Faccio notare che sono cardiopatico dal 1993(disf.sist.ventr.sx in I.M.A.+ insuff.valv.mitral.),in attesa di intervento.Quindi, da anni,stile di vita e ultimi parametri ematochimici in(quasi) perfetta sintonia con i consigli dettati dalla scienza medica attuale. Nessun altro sintomo oltre ai descritti. Come posso risolvere i miei problemi di natura gastroenterologica, tenuto conto che il mio medico di famiglia,un mio amico medico specialista ORL (che mi ha visto col sondino nasogastrico),e il mio gastroenterologo, hanno unanimemente affermato che si tratta di ansia?(bolo isterico o faringeo).Non sarà mica per lo stesso motivo che essendo soggetto a dispnea sospirosa, come detto prima,tutti,compreso cardiochirurgo, mi dicevano sempre che era l’ansia?. Ammetto, per colpa della vita, di essere un soggetto ansioso forse per DNA o per altre molteplici e talvolta complesse ragioni(non da ultimo,va ricordato che ho avuto un vissuto atroce, anche se ora alle spalle,ma....). Ma le garantisco,carissimo professore, che, a confronto con tutto il resto della mia vita,questi ultimi 10 anni, a parte qualche episodio trascurabile,sono stati fantastici;peccato(e mi riferisco all’imminenete intervento cardiochirurgico,lei ha capito benissimo),che nella vita di ogni essere umano,tutti gli errori si sommano.E questo, a mio modesto parere, è un punto su cui chi di dovere,dovrebbe far capire bene a chiunque fin dalla tenera età,ma tant’è! Grazie veramente...di cuore se vorrà darmi una mano. Ancora grazie infinite. Cordialissimi saluti. RINO
Egr. Sig. Rino, i sintomi da lei lamentati (disfagia, nodo alla gola, "acidità", ecc. sono in gran parte dovuti alla malattia da reflusso g.e. (vedi area tematica), che si sta trascinando da anni anche in assenza di lesioni organiche esofagee e forse laringee (siamo sicuri che non vi sia una laringite posteriore?). L’ansia agisce da amplificatore e non è la causa diretta. Immagino anche che assuma farmaci vasodilatatori per il cuore che peraltro favoriscono il reflusso. Per tutte queste ragioni le consiglio un adeguato trattamento della MRGE, che le allego assieme alla dieta. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Dieta CUP 2000.doc
TERAPIA MRGE.doc
Prof. Mauro Bortolotti


Probabili micropolipi colecisti
24 Set 05 - Laura, 23 anni (id: 20298)
  Volevo sapere se i micropolipi al fegato si possono definire malattia e se si di quale gravità.Al mio ragazzo di 23 anni sono stati trovati attraverso un’ecografia, il più grande è di 4mm di dimensione.Sono un po preoccupata anche perchè il padre del mio ragazzo è morto a 29 anni per un’epatite non riconoscita e poi credo per cirrosi.Possono avere un legame queste due cose? Comunque esiste una cura o un’eventuale operazione per questi micropolipi? Grazie dell’attenzione, spero di ricevere risposta al più presto e spero che mi potrà tranquillizzare. Cordiali saluti.
Non esistono i micropolipi epatici ma event6ualmente solo alla colociste,
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Gastrite
24 Set 05 - Rosalia, 45 anni (id: 20291)
  Dolori addominali,.Bilirubina altalenante. Cefalea e spossatezza dopo aver mangiato, acido folico 0,89.Tanti esami. GASRTOSCOPIA: eliminato helicobatter.Scoperti due noduli allo stomaco. La parete gastrica : granuleggiante. Che cosa devo fare? A chi mi devo rivolgere? Quali esami? GRAZIE
Ritengo che sia soltanto una gastrite. che può curare con i consigli che le allego. Per la bilirubina se la funzione del fegato è normale,non si deve affatto preoccupare. Con saluti,
Trattamento della dispepsia.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Diverticolosi e sospetto dolore, radicolitico.
23 Set 05 - Franca, 69 anni (id: 20274)
  Egr. Prof., da circa 4 mesi ho seri problemi intestinali. Ho eseguito diverse volte l’esame completo delle feci con ricerca di sangue occulto, ma è risultato negativo. Ad Agosto ho eseguito una colonscopia.La diagnosi è stata:presenza di mumerosi diverticoli ad ampio colletto al sigma e al colon discendente.Mi è stata prescritta questa terapia: normix 1 c. x 2 volte al dì per 7 gg. (da fare ogni mese), Yovis 1g 1 bustina al dì, spasmodil cpr. Durante la terapia sto un pò meglio, dopo qualche giorno dalla sospensione riappaiono i problemi: dolore al fianco sinistro che si irradia anche al rene e alla parte alta della colonna vertebrale, diarrea e stipsi alternate. Sinceramente non so più cosa... continua >>
fare, sto molto male. Mi consiglia altre terapie? Devo fare altri esami oltre la colonscopia che ho già fatto? Si può essere intolleranti ad alcuni alimenti alla mia età (69 anni)? In attesa di una sua risposta la ringrazio. Per favore mi può inoltrare la risposta all’indirizzo e-mail sottostante?
Gentile Signora, potrebbe trattarsi di due tipi di dolore diversi una riferibile all colon sn (diverticoli) ed uno in verosimile dipendenza di una irritazione dei nervi che si dipartolono dalla colonna dorso-lombare. Per cui oltre a seguire i consigli che le allego controlerei con una rxgrafia la colonna suesposta. Con saluti,
Diverticolosi e Diverticolite.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Sospetto reflusso acido
23 Set 05 - Luca, 22 anni (id: 20259)
  Salve professore, ho un fastioso e intenso bruciore al petto ( presumibilmente potrebbe essere l’esofago ) e vorrei sapere se potrebbe essere dato dall’assunzione del carbone vegetale in flaconcini ( di cui ho fatto uso per colon irritabile ) . Dato che il dolore si è manifestato dopo l’assunzione di quelle fialette , come si può curare ? E’ tre giorni che ho smesso l’assunzione ma il bruciore non passa. La ringrazio Cordiali Saluti e Buon Lavoro Luca
Egregio Signore, prenda per qualche giorno un antiacido potrebbe essere un reflusso esofageo di acido. Con saluti,
Prof. Pier Roberto Dal Monte

MRGE?
23 Set 05 - LISA, 23 anni (id: 20257)
  SOFFRO DA ALCUNI GIORNI DI CONTINUO BRUCIORE ALLA STOMACO E HO UN NODO ALLA GOLA. MANGIO REGOLARMENTE MA DOPO 2/3 ORE DAL PASTO RIECCO I SINTOMI( QUANDO MANGIO NON AVVERTO NIENTE). CHE COSA PUò ESSERE? HO ANCHE DOLORE ALLO STOMACO E DI NOTTE QUESTA SENZAZIONE PEGGIORA E ANZI MI SEMBRA CHE TUTTO TORNI SU E FACCIO ANCHE MOLTA ARIA DALLA BOCCA. GRAZIE IN ANTICIPO
Gentile Sig.na Lisa, i suoi sintomi fanno pensare ad una malattia da reflusso g.e. (vedi aree tematiche per la diagnosi e la terapia). Le allego nel frattempo una dieta. Distinti saluti Prof. Mauro Bortolotti.
Dieta CUP 2000.doc
Prof. Mauro Bortolotti

Dolori fossa iliaca dx
23 Set 05 - Giusy, 40 anni (id: 20253)
  Buongiorno, vorrei avere un vs. parere su questo mio disturbo: Dal mese di luglio soffro di dolore anche acuto , a volte ho la sensazione come di una stilettata,e a volte bruciore interno all’altezza dell’ovaio dx.Ho fatto innanzi tutto una visita ginecologica(ho la spirale) con ecografia sia pelvica che trans-vaginale ke nn ha rilevato alcuna anomalia. Mi sono rivolta ad un gastroenterologo il quale mi ha prescritto breath test al lattosio(esito positivo) e al lattulosio (esito negativo)in seguito a tali esami ho eliminato dalla dieta latticini e derivati del latte, ed una ecografia delle anse intestinali(esito negativo).Il dolore non accenna a diminuire, è simile a quello dell’appendicite ... continua >>
( che ho tolto all’età di 9 anni) e si irradia anche alla coscia e in zona lombo-sacrale dx. Premetto che le funzioni intestinali sono regolari anche se soffro di colon irritabile dall’ età di 17 anni.Vorrei un vs. parere e se ci sono altri esami da fare, visto che tale dolore è quasi fisso. Nel ringraziarVi anticipatamente attendo una Vs. risposta.
Gentile Signora, come saprà,nella regione "sottocostale" dx o meglio nell’ipoconrio di dx si trovano le vie biliari, il fegato, la flessura splenica del colon e più giù il colon dx o ascendente con l’appendice e posteriormente il rene ed infine con riflessi anteriori la colonna ed i muscoli paravertebrali. Pertanto escludendo il fegato/vie biliari(non mi sembrano vere coliche epatobiliari, ma potrebbe fare un’ecografia)ed il colon, potrebbe essere una irritazione della flessura del colon /colon destro, ma più verosimilmente, dato il tipo di dolore, un dolore di tipo muscolo-radicolitico da irritazione dei muscoli e nervi che dalla colonna che si distribuiscono dal dietro in avanti, sopra la parete addominale a destra. Faccia una lastrina alla colonna e si faccia esaminare i muscoli postero- anteriori dietro e sotto il fegato (regione del fianco dx). Con saluti,
Prof. Pier Roberto Dal Monte

MRGE e dolore toracico
23 Set 05 - gianfranco, 43 anni (id: 20252)
  A causa del cardias incontinente assumo regolarmente ogni giorno esoprazolo. Ciò nonostante mi succede la notte di essere colto da forti dolori retrosternali piuttosto forti. Esiste qualche antidolorifico che possa alleviarli? La mia alimentazione è piuttosto regolata e ho da tempo eliminato tutti i cibi che sono controindicati nel mio caso. Consumo inoltre la cena verso le 19.00 e vado a letto dopo le 22.30. Ringrazio dell’attenzione e porgo cordiali saluti.
Egr. Sig. Gianfranco, laterapia del dolore toracico da reflusso deve essere più intensa di quella usuale (vedi area tematica MRGE). Le allego la dieta e la terapia per questo problema. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Dieta CUP 2000.doc
TERAPIA MRGE CON DOLORE TORACICO.doc
Prof. Mauro Bortolotti

MRGE
23 Set 05 - Flavio, 40 anni (id: 20248)
  Gent.mo professore soffro di MRGE da anni ed ernia jatale vista solo nel momento del rigurgito durante la gastroscopia; a causa del nodo in gola degenerato in peso e dolore allo sterno e mancanza di miglioramento con IPP e antiacidi mi sono sottoposto a manomoetria e phmetria per valutare eventuale intervento chirurgico. Per fare questi esami ho smesso gli IPP x 2 sett. e sono stato a dieta ed esente da alcol. Da allora ha cominciato ad avere dolori sul fianco destro con fitte sulla schiena. Stiamo spettando gli esami, faccio presente che da ecografia e TAC con contrasto mi è stato diagnosticato 2anni fa un engioma e fegato un pò ingrossato (Inoltre mi si era consigliato di fare l’ecografia ... continua >>
periodica ma il mio medico ha detto che non serve xchè l’angioma non si trasforma in tumore è come un neo). Mi sa dire se il dolore al fegato può dipendere dall’ernia e dal fatto che ho smesso di prendere i medicinali? Che esami devo fare? Ho letto che il fegato ingrossato e l’angioma non provcano dolori mentre i calcoli e il tumore si. La ringrazio per la sua disponibilità. Cordiali saluti
Egr. Sig. Flavio, purtroppo la MRGE va curata continuamente essendo una malattia cronica con dosi di IPP sufficenti ad eliminare i sintomi come nodo alla gola, dolore retrosternale, dolore alla schiena, ecc. Il dolore al fegato può essere dato da disfunzioni delle vie biliari e della colecisti, ma non da angiomi. Le allego la dieta e la terapia standard per la MRGE. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Dieta CUP 2000.doc
TERAPIA MRGE.doc
Prof. Mauro Bortolotti

Epigastralgie
23 Set 05 - marco, 39 anni (id: 20246)
  gentile dottore, soffro periodicamente (1-2 volte l’anno), di dolori addominali, localizzati alla bocca dello stomaco. la sensazione iniziale è di fastidio e nausea, poi, in qualche caso, si trasforma in forti fitte. spesso capita in concomitanza con il cambio di stagione o dopo essere stato in ambienti con aria condizionata molto alta. il dolore, nonostante l’assunzione di alcuni farmaci (Malox e Pariet20), pur diminuendo non è scomparso. Avendo avuto un genitore (mia madre), affetta da tumore al colon, sono abbastanza preoccupato, pur prendendomi conto che l’ereditarietà riguarda la predisposizione alla malattia e non la malattia stessa. Le chiedo infine se le cause possono essere anche d... continua >>
i natura nervosa. cordiali saluti marco
Egregio Signore, mi sembra soltanto un problema di stomaco che può dipendere da vari fattori non ultimo un’alimentazione non corretta . Segua i consigli che le allego e comunque tra i 40 e i 50 anni faccia una colonscopia. Con saluti,
Trattamento della dispepsia.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Colon irritabile e dolore alla gamba
23 Set 05 - luciana, 57 anni (id: 20241)
  Soffro di colon irritabile, con episodi di diarrea, gonfiore intestinale e flautolenza. Dopo un’attacco di diarrea e forte mal di testa (un virus?) le feci si sono regolarizzate abbastanza, ma dopo quasi una settimana mi è rimasto un leggero dolore alla gamba destra, che non mi fa dormire e riposare. Passerà o devo farmi visitare da un chirurgo?
Gentile Sig.ra Luciana, le consiglio prima una visita dal suo Medico curante. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Sospetto reflusso acido
23 Set 05 - Maddalena, 38 anni (id: 20238)
  Da 20 gg. circa tossisco secco causa ufo alla gola. Medico curante mi ha prescritto cortisone che sto assumento da svariati giorni. Recatami anche al pronto soccorso mi hanno trovato una piccola cisti (non si sa di che entità) ma non doveva essere quella la causa della tosse persistente perchè di piccolissima dimensione; bensì un reflusso del quale non mi sarei accorta. Tuttora sento qualcosa alla gola che mi provoca la tosse e ho paura che tutto questo cortisone mi abbassi notevolmente il calcio rendendomi deboli ossa e denti. Grazie Maddalena.
Gentile Signora, è possibile che abbia un’asma bronchiale per questo al PS le ha dato del cortisone. Tuttavia se il medico pensa che sia reflusso lasci lo stesso cortisone e segua i consigli che le invio. Con saluti,
Esofagite ed ernia.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Stipsi
23 Set 05 - WILLIAM, 32 anni (id: 20235)
  Vorrei sapere cosa posso fare per poter andare regolarmente in bagno visto che sto anche 5/6 giorni senza riuscire ad andare a scaricarmi, con la conseguenza di avere dolori addominali e pancia gonfia. Ho provato diversi lassativi tra i quali sciroppo di levolac - supposte di glicerina anche due al giorno - magnesia sanpellegrino, tutti senza effetto. Inoltre da circa sei mesi continuo ad avere un dolore sotto ai testicoli, in un primo tempo curato come prostatite con numerosi antibiotici, senza alcun risultato, il dolore vi è ancora a tutt’oggi.Vorrei sapere da Lei se tale dolore potrebbe ricollegarsi a qualche problema intestinale, per il mancato regolare svuotamento delle feci e cosa mi c... continua >>
onsiglia di fare. Cordiali saluti.
Egr. Sig. William, occorre prima di tutto individuare la causa della stipsi per poterla curare adeguatamente (vedi l’area tematica della stipsi). Il problema della prostatite potrebbe essere collegato ai problemi intestinali se è dovuta a germi di provenienza intestinale (es. E. Coli ecc.), che possono essere individuati con la coltura della secrezione prostatica. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Calcolosi dellla cistifellea
22 Set 05 - giorgio, 65 anni (id: 20229)
  sono ricoverato in ospedale per un calcolo alla cistifellea di 2 cm. cosa mi succedera’?
Doovrà essere colecistectomizzato, ritengo.
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Meteorismo
22 Set 05 - Ambra, 14 anni (id: 20222)
  Io soffro di meteorismo. E’ da circa 5 aani che cerco una cura medica per questo problema e non lìho trovata. Lei potrbbe consigliarmi farmaci, erbe o altro che possa guarirmi?
Gentile Sig.na Ambra, il suo disturbo è molto generico e può essere dovuto a molte cause. E’ necessaria pertanto una visita dal suo Medico curante, in base alla quale le potrà prescrivere opportuni accertamenti e cure. Se vuole può contattarmi successivamente. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti


Da 22894 a 22909 di 28366