Sei in: Medico on-line > Gastroenterologia

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Gastroenterologia
Referenti
  • Prof. Pier Roberto Dal Monte

  • Già Direttore Dipartimento medico-chirurgico delle Malattie dell’apparato digerente. Ospedale Bellaria-Maggiore. Bologna.

  • Prof. Mauro Bortolotti

  • Professore a Contratto della Specializzazione in Medicina Interna
    Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Bologna
    Policlinico S. Orsola


ultimo aggiornamento 22/02/2013
 
Aree tematiche


Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 26/01/2007
Invia la tua domanda

Domande / Risposte
M di Crohn
21 Set 05 - Sara, 22 anni (id: 20134)
  Buongiorno dottore, dopo aver fatto una serie di esami qui al policlinico di Borgo Roma (VR) tra cui la colonscopia, mi è stato diagnosticato il morbo di Chron, in fase iniziale. Mi hanno parlato molto bene di Bologna, che avete un centro specializzato per questa patologia e vorrei sapere come e a chi posso rivolgermi e se preso in fase iniziale si può curare più facilmente. Grazie.
A verona vi sono ottime gastroeneterologie, comunqe può rivolgersi al Centro diretto dal Professor Campieri dell’Ospedale Policlinico S. Orsola.
Prof. Pier Roberto Dal Monte


MRGE
21 Set 05 - lino, 24 anni (id: 20130)
  Salve, da circa 4 mesi ho acidità di stomaco sia a fine digestione sia lontano dai pasti.Venti giorni fa ho fatto l’urea breath test con esito negativo. Ora il mio medico curante mi ha prescritto una cura mensile di esomeprazolo 20mg. Vorrei cortesemente sapere se tale cura è adeguata al mio problema oppure dovrei fare altri test? In attesa la ringrazio anticipatamente e la saluto. Lino
Egr. Sig. Lino, lei probabilmente ha una malattia da reflusso g.e. che va curata a lungo e non solo per un mese perchè è una malattia cronica (vedi area tematica per maggiori dettagli). Le allego la dieta e la terapia standard. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Dieta CUP 2000.doc
TERAPIA MRGE.doc
Prof. Mauro Bortolotti

Infiammazione perianale
21 Set 05 - franci, 55 anni (id: 20124)
  Spero di riuscire a spiegare bene ciò che sento. Il mio problema è a livello anale e perianale, intorno all’apertura anale se nto al tatto come tanti piccoli bollicini, la pelle all’interno delle natiche è rossa e sempre al tatto sembra screpolata.Lungo la linea alta di divisione delle natiche sento un bruciore su tutta la pelle. Cosa può essere e che fare?
Potrebbe trattarsi di un’infezione micotica o iiritazione infiammatoria da altri microorganismi. Provi ad usare intanto una pomata antimicotica e segua nel complesso i consigli che le allego.
IL prurito anale.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Lansoprazolo e anticoncezionali
21 Set 05 - Marianna, 35 anni (id: 20121)
  Buongirno Dott. Bortolotti, volevo chiederle se lansoprazolo per l’ernia iatale inibisce l’efficacia della pillola anticoncezionale (yasmin). Assumo una capsula da 30 mg ogni sera lontano dai pasti da 2 mesi, dovrei smettere a novemdre. Grazie e buona giornata
Gentile Sig. Marianna, non mi risulta ma potrebbe chiedere al suo ginecologo per conferma. Se assume il lansoprazolo per malattia da reflusso g.e. (vedi area tematica) le consiglio di non sospenderlo completamente dopo i 2 mesi, perchè i disturbi dopo un pò ricompaiono inevitabilmente. E’ necessaria quindi una terapia di mantenimento (nota 48 del SSN). Inoltre la somministrazione corretta del farmaco è 30’ prima dei pasti. Distinti saluti, Prof Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Colelitiasi
21 Set 05 - renato, 42 anni (id: 20116)
  salve, mi sono stati diagnosticati i calcoli alla cistifelia tramite ecografia, vorrei dei consigli sulla dieta da seguire e quali sono i cibi da evitare.grazie
Egregio Signore, si veda l’allegato ove troverà i consigli che mi chiede. Con saluti,
La calcolosi biliare.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Sospetto colon irritabile
21 Set 05 - andrea, 26 anni (id: 20115)
  buongiorno. è da qualke tempo che ho dei dolori addominali (ormai settimane): come se la muscolatura addominale sia contratta. all’inizio pensavo fosse "stress" che si scaricava sull’apparato digerente, ma adesso, che credo di non essere particolarmente stressato, inizio a pensare che la causa sia da ricercare altrove. la cosa "strana" è che nel sonno non sento fastidio, appena mi sveglio al mattino sembra che il dolore si svegli con me. e questo mi faceva pensare appunto ad un problema di stress. tutto il giorno il dolore me lo tengo, sopportabilissimo, ma fastidioso. se provo a premere sullo stomaco sembra contratto, soprattutto nella zona attorno all’ombelico. in aggiunta le posso dire ... continua >>
che sono tutto il giorno seduto davanti ad un pc per lavoro, se può aiutarla per una "diagnosi". le chiedo se mi sa indirizzare su quale potrebbe essere la natura del problema e a chi rivolgermi. grazie per il tempo che le faccio perdere. buona giornata Andrea
Egregio Signore, mi sembrano dolori riferibili soprattutto al colon anche da tensione. Potrebbe essere utile seguire i consigli che le allego. Con saluti,
Il colon irritabile.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Disturbi toraco-addominali
21 Set 05 - Emaneuele, 25 anni (id: 20111)
  Gent.mo Prof. da un pò di tempo accuso dolore tipo fitta all altezza della scapola destra,quando riempio profondamente i polmoni si irradia più in basso e diventa pungente profondo;la cosa strana è che evverto anche dolore interno nella regione addominale destra a volte all’altezza del fegato e altre volte un pò più in basso! Le volevo chiedere questo...visto che tre o quattro mesi fà ho fatto un eco addome e il fegato è risultato ingrandito (anche se non in maniera allarmante)e da analisi del sangue fatte per altri motivi AFP era a 13 u/mg (leggermente più alta),devo allarmarmi e ripetere gli esami? Ultimamente ho notato anche che le mie feci sono tipo poltacee e fanno un odore molto acr... continua >>
e... Grazie mille in anticipo Emanuele
Egr. Sig. Emanuele, i suoi disturbi sono piuttosto generici e presenti in molte malattie. E’ necessaria pertanto una visita dal suo Medico curante, in base alla quale le potrà prescrivere opportuni accertamenti e cure. Se vuole può contattarmi successivamente. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Dolori addome sn
21 Set 05 - Gabriele, 41 anni (id: 20106)
  Soffro di rettocolite ulcerosa in fase di remissione. Soffro frequentemente di un dolore fisso, accentuato dalla posizione seduta o da movimenti particolari (sollevamento pesi, piegamenti, etc...), localizzato nella parte inferiori sinistra dell’addome (poco sopra l’attaccatura della gamba), senza altri sintomi. Può essere correlato alla RCU, oppure altre cause potrebbero generarlo? Grazie
Egregio Signore, ritengo non siano in relazione alla RCU, fra l’altro in remissione, ma probabilmente ad un irritazione firbromuscolare forse a partenza della colonna lombare. Con saluti,
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Colestorolosi dellla cistifellea
21 Set 05 - daniela, 37 anni (id: 20105)
  Gent.mo Professore, Le riscrivo in relazione ai due quesiti da me posti nel mese di giugno (id 17070 e 16612) e quello di agosto (id 19038)con cui citavo i miei problemi di colon irritabile e di iperplasia focale a livello epatico correlata di una colesterolosi alla coleciste, diagnosticata nel mese di maggio di ques’anno ma che non compare più in una recente ecografia di contrasto eseguita circa 1 mese fa. Il mio gastroenterologo mi aveva prescritto, a giugno, dopo una visita, una cura di 6 mesi con Litursol mg. 300 x 2 volte al giorno, dopo i pasti. Io ho eseguito la cura, che sto continuando, nonostante, come dicevo prima, questa colesterolosi non compaia più nell’eco di controllo di poco... continua >>
più di un mese fa. Volevo sospenderla dato l’esito della recente ecografia, ma lui, dopo un consulto circa 2 settimane fa mia ha detto che queste sono cure da proseguire almeno per 6 mesi, per pulire la coleciste e prevenire un’eventuale insorgenza di una nuova colesterolosi. Volevo chiederLe se effettivamente sia giusta come diagnosi oppure sia meglio sospenderla o ridurre la dose di Litursol a mg 150 x 2 v.te al dì, ancora fino a fine anno. Le chiedo anche se possa esserci una relazione tra l’assunzione del farmaco ed il fatto che, in questi giorni, col cambio di stagione, oltre al riacutizzarsi dei miei disturbi legati al colon irritabile, io abbia difficoltà nella digestione, anche di alimenti leggeri (sono comunque molto ansiosa), con eruttazioni continue non tanto di succhi gastrici acidi quanto, saltuariamente amari, legati probabilmente alla bile. Cosa posso fare? Devo ricontrollare la cistifellea? E’ probabile che ci sia una sovrapproduzione di bile legata all’uso del Litursol? Pensa sia meglio io faccia una gastroscopia? La mia alimentazione, come già citato più volte è molto controllata. La ringrazio sentitamente e mi scuso ancora per le innumerevoli domande. Daniela
Gentile Signora, effettivamente potrebbe calare l’acido ursodesosssicolico, come Lei dice. I disturbi non correlabili al farmaco ma allo stomaco. Veda di seguire intanto i consigli che le allego. Con saluti,
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Flogosi lieve
21 Set 05 - Laura, 33 anni (id: 20104)
  Egr. Professore, con riferimento all’ID 20038 vorrei cortesemente chiederLe se la "flogosi cronica lieve" implica qualche patologia (celiachia esclusa) o è un referto normale? La ringrazio e mi scuso per averla di nuovo interpellata sulla stessa questione. Distinti saluti,
E’ un reperto molto frequente e non ha un’importante rilevanza clinica se non associato a fenomeni di alterazione dell’alvo in senso diarroico. Con saluti,
Prof. Pier Roberto Dal Monte

problemi anorettali
20 Set 05 - giancarlo, 32 anni (id: 20103)
  Egregio dottore, la ringrazio della risposta, ma come già detto ho fatto già colonscopia (fino al cieco.esito negativo) e anoscopia, attraverso cui mi è stato diagnosticato il prolasso muco rettale. Per cui insisto nel chiederLE un consiglio per risolvere il problema dell’ano nel retto. grazie mi scusi se mi ripeto, ma forse mi sono espresso male
Egr. Sig. Giancarlo , non le resta che fare una visita da un proctologo che valuterà l’eventuale presenza di infiammazione anorettale e la necessità di altri esami come la cultura del materiale rettale o l’esame istologico della mucosa in caso di infiammazione attualmente presente. Distinti saluti, Prof Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Terapia MRGE
20 Set 05 - Alessandro, 30 anni (id: 20102)
  A seguito di bruciori, inappetenza, nausea e gonfiori di stomaco ho fatto la gastroscopia e circa 2 mesi fa mi hanno diagnosticato un ernia iatale da scivolamento. Mi è stata prescritta come cura axagon 20mg alle 08.00 e alla 20.00 prima dei pasti + dieta e cambiamento nella posizione di dormire. Dopo 10 gg di cura ho avuro forti attacchi di dissenteria dolori perdita di peso, quindi mi hanno sospeso la cura e ho fatto coprocultura, widal wright e colonscopia. Mi è stato prescritto allora Axagon 20mg alla mattina e Pentacol 800mg dopo il pranzo e a le cena. Ora dopo 25 giorni di currava un pochettino meglio ma dopo i pasti lo stomaco mi si gonfia tantissimo mi da molto fastidio camminare e f... continua >>
are qualunque tipo di azione motoria. Cosa posso fare? Vorrei non avere più lo stomaco così gonfio e vorrei mangiare quello che mangiavo prima
Egr. Sig. Alessandro, la terapia per la malattia da reflusso g.e. respnsabile dei suoi disturbi gastroesofagei è chiaramente insufficente. Le allego la terapia standard e la dieta. Per i problemi nel colon non posso dirle nulla perchè non mi ha riferito l’esito degli esami. Distinti saluti, Prof Mauro Bortolotti.
Dieta CUP 2000.doc
TERAPIA MRGE.doc
Prof. Mauro Bortolotti

Ca del colon con metastasi
20 Set 05 - ida, 40 anni (id: 20101)
  Egregio Professore Mia madre di 67 anni e’ stata operata per un tumore al colon parte sigma, e purtroppo con metastasi nel fegato, ora a distanza di un mese dall’intervento sta facendo chemioterapia, oggi ha fatto il secondo ciclo, le analisi del sangue gia’ dal primo ciclo hanno evidenziato una regressione del Cea e dell’antigene tumorale. Il suo oncologo le ha detto che lei e’ piu’ forte della chemioterapia, possiamo dire che la chemio stia dando dei risultati ???? possiamo Professore sperare??? Secondo Lei questa regressione degli antigeni possono far pensare che mia madre possa guarire??? dovrebbe fare questa chemioterapia ogni tre settimane, ma l’oncologo basandosi sulla forza di mia m... continua >>
adre ha deciso di fargliela fare oghi due, la chemio in questione e’ molto forte a detta del medico che la segue. Noi siamo molto avviliti, ma ci ha confortato la risposta delle analisi.Professore vuol dire che il suo sistema immunitario e il suo organismo stanno reagendo alla chemioterapia??? Io la ringrazio di cuore egregio Professore, e cordialmente la saluto sperando in buone notizie. Grazie
Gentile Signora, mi spiace deluderla ma ritengo(e non è solo un mio parere) che pur potendo migliorare in seguito alla terapia, non si possa guarire totalmente dalla malattia. Con saluti,
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Sospetta epatopatia
20 Set 05 - antonio, 42 anni (id: 20079)
  egr.Dott. da molto tempo soffro di gonfiori,doloretti sul lato dx dell’addome,con uneccessivo meteorismo , tempo fa ho effettuato un ecografia add. riscontrando una leggera steatosi dal fegato, inoltre ultimamente sono risultato intollerante a 11 elementi alimentari, soffro di dermatite seborroica e di una leggera spondolite anchilosante alla schiena,quale potrebbe essere il problema? la mia proccupazione e di avere problemi epatici .grazie anticipate dell’att.ne prestata
Egregio Signore,la steatosi non è una importante malattia epatica e può dipendere dalla dieta, dalle terapie che sta facendo e quindi non è la causa dei suoi problemi. Comunque faccia gli esami epatici o indici epatici per meglio chiarire il problema. I disturbi che sente sono in relazione verosimilmente con il colon,o colon irritabile. Con saluti,
La steatosi epatica.DOC
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Stipsi e dolore
20 Set 05 - vito, 17 anni (id: 20072)
  gentilissimo dottore, è da qualche mese che non ho evacuazioni regolari.Le feci sono di tipo caprine e accuso dolori addominali in particolar modo nella parte sinistra dell’addome, che si irradia sin dietro l’addome in corrispondenza dei reni.Il dolore lo accuso nei momenti in cui sono in posizione eretta.
Egr. Sig. Vito, le consiglio di fare gli opportuni esami per individuare la causa della stipsi, dei dolori e delle feci caprine (vedi aree di interesse della stipsi e del colon irritabile). Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti


Da 22894 a 22909 di 28322