Sei in: Medico on-line > Gastroenterologia

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.


Gastroenterologia
Referenti
  • Prof. Pier Roberto Dal Monte

  • Già Direttore Dipartimento medico-chirurgico delle Malattie dell’apparato digerente. Ospedale Bellaria-Maggiore. Bologna.

  • Prof. Mauro Bortolotti

  • Professore a Contratto della Specializzazione in Medicina Interna
    Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Bologna
    Policlinico S. Orsola


ultimo aggiornamento 27/11/2014
 
Aree tematiche


Nella compilazione della tua domanda ti chiediamo gentilmente di attenerti il più possibile alle aree tematiche qui sopra riportate
ultimo aggiornamento 26/01/2007
Invia la tua domanda

Domande / Risposte
M di Crohn
29 Set 05 - Marco, 37 anni (id: 20570)
  Egr. Prof. Dal Monte, dal 1991 sono affetto da m. di Crohn ileale,trattata con terapia medica (mesalazina,azatioprina e steroidi/antibiotici nelle fasi attive) e mai trattata chirurgicamente. Da circa 2 anni soffro in disturbi gastrici (dispepsie,disturbi digestivi) culminati in recenti epigastralgie estremamente dolorose. Per chiarire la natura delle epigastralgie, recentemento ho effettuato su richiesta del medico curante una esofagogastroduodenoscopia con biopsia il cui referto e’ il seguente: INIZIO REFERTO----------- Esofagogastroduodenoscopia Esofago: impronta diaframmatica a 42 cm con cambio mucosa a 40 cm, non lesioni. Stomaco: regolare per morfologia. Iperemia mucosa con ... continua >>
marezzature in sede antrale.Biopsie.Ricerca HP Duodeno: regolare per morfologia e superficie mucosa. Conclusione ernia iatale non complicata.Sospetta gastrite. Es. istologico MACROSCOPIA-Tre frammenti MICROSCOPIA-Tre frammenti di mucosa gastrica di tipo antrale con infiammazione cronica interstiziale(score 1), attiva (score 1) con distribuzione focale.Assenza di H. pylori. Dato che il paziente risulta affetto da M. di Crohn ed in assenza di infezione da H. pylori il quadro istologico corrisponde a quello di una gastrite "focale" associata a malattia di Crohn (vd. Gastroenterology 1999; 112:698-706) DIAGNOSI-GASTRITE "FOCALE" ASSOCIATA A MALATTIA DI CROHN. FINE REFERTO------------- Potrebbe gentilmente spiegarmi il referto? In particolare,si tratta di manifestazione eztraintestinale della m. di Crohn oppure di m. di Crohn vera e propria?In tal caso che devo fare? Grazie anticipatamente e congratulazioni per l’eccellente qualita’ del servizio.
Egregio Signore, sebbene il m di Crohn possa colpire tutto il tubo digerente e perfino la cute, quella del suo stomaco non è una vera localizzazione della malattia con ulcere, infiammazione etc. E’ in un certo sensosolo un’infimmazione d’accompagnamento che in genere non diviene un Crohn pari a quello dell’intestino. Il tutto comunque dovrà essere curato come sta facendo. Con saluti,
Prof. Pier Roberto Dal Monte


Micosi esofagea
29 Set 05 - valter, 48 anni (id: 20558)
  Vi ho già scritto ma voglio essere più preciso.Da Giugno 2005 sono cominciati fastidi nella deglutizione , come se avessi un nodo in gola. Risultati della gastroscopia : MATERIALE IN ESAME: A.)Biopsie gastriche antro-angolari B)Biopsie gastriche corpali. C)Biopsie da esofago cervicale (micosi?) DIAGNOSI : A)Mucosa gastrica antro-corpale con gastrite cronica lieve in fase di quiescenza. B) Due frustoli di mucosa gastrica corpale con gastrite cronica lieve in fase di quiescenza. C) Lembi di mucosa esofagea con irregolare acantosi, iperplasia basale, papillomatosi compatibile con esofagite di II grado associati a materiale fibrinogranulocitario , ife e spore funginee , compatibile con sospet... continua >>
to clinico di micosi esofagea. TERAPIA : mycostatin 1ml x 3 volte al di. Ad oggi dopo tre flaconi il problema persiste . La dott.ssa che mi ha fatto la gastroscopia mi ha detto che bisogna rifarla. Le chiedo un’opinione sui dati che le ho fornito , e vorrei capire come mai è necessario rifare la gastroscopia dopo un paio di mesi che ho fatto l’altra . Grazie!
Egregio Signore, effettivamente penso che debba fare il controllo vista la scarsa risposta alla nistatina. Penso che anche debba ricercare la causa della micosi (immunodepressione?). Con saluti,
Prof. Pier Roberto Dal Monte

MRGE
29 Set 05 - Seb, 41 anni (id: 20556)
  Egregio dottore, in riferimento alla risposta che mi ha già dato (id. 20051) Le chiedo, visto che per ire al lavoro il mattino già mi alzo molto presto e che se non faccio colazione non riesco a fare il resto, se sto sbagliando ad assumere Lansox 30 quindici minuti prima di colazione. Faccio un’abbondante colazione a base di zuppa di latte molto scremato (350 ml) con biscotti leggerissimi fatti in casa. Oppure chiedo se posso assumere il Lansox a metà mattinata quando ho lo stomaco vuoto a 4 ore dalla colazione. Da quando soffro di MRGE non capisco più niente su come organizzarmi nella dieta, visto che molte cose, come i legumi che mangiavo spesso, non li posso più mangiare (nemmeno pass... continua >>
ati?). La cosa, l’idea di una condanna a vita a queste restrizioni mi stanno deprimendo non poco! Se poi Le dico che alla base di tutto ci è stata e vi è una forte somatizzazione d’ansia, le cose si complicano, perché sto dimagrendo per il fatto che mangio poco già per paura del dolore allo sterno che dopo potrebbe venire. Chiedo, inoltre, se posso risolvere chirurgicamente il problema per evitare il Lansox a vita e se lo stesso Lansox influisce l’assorbimento di alcuni farmaci, di integratori vitaminici, sali minerali e a che distanza temporale posso assumere le compresse di IMMUBRON. Grazie ancora di tutto.
Egregio Signore, per i suoi disturbi consiglierei prima di tutto seguire i consigli dell’allegato. In genere l’antiacido si prende alla sera prima di coricarsi. Con saluti
Esofagite ed ernia.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

MRGE e gastrite erosiva
29 Set 05 - SIMONE, 26 anni (id: 20553)
  Egregio professore, da circa un mese avvertivo dei problemi allo stomaco, tutto quello che ingerivo lo rigurgitavo. Ho fatto la gastroscopia e mi hanno trovato: ESOFAGO in prossimita’ della giunzione esofago-gastrica sono presenti delle erosioni lineari, non confluenti, che si estendono per circa 4 mm, ricoperte da materiale fibrino-ematico.STOMACO: la mucosa del corpo,fondo,antro appare marezzata per la presenza di aree di mucosa pallida alternata da aree di muccosa iperemica. a livello antrale si osservano delle bande longitudinali di mucosa iperemica che confluiscono verso il piloro, sormontate da erosioni ricoperte da materiale fibrino-ematico.Mentre il test dell’ H.Pylory: NEGATIVO. Da... continua >>
che cosa puo’ essere dipeso tutto cio’? Ho i mie parenti che sono morti di cancro allo stomaco e quindi sono spaventato, vorrei sapere se quello che ho e’ una cosa grave e se dovro’ curarlo per tutta la vita. vorrei sapere anche la dieta che dovrei adottare.
Egr. Sig. Simone, la malattia da reflusso (vedi area tematica) che lei ha non è grave, ma deve curarla a lungo. Le allego la dieta e la terapia che va bene anche per la gastrite erosiva. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Dieta CUP 2000.doc
TERAPIA MRGE.doc
Prof. Mauro Bortolotti

Sospetta mononucleosi
28 Set 05 - Tamara, 30 anni (id: 20551)
  salve - scrivo nuovamente. Ho appena eseguito delle analisi dove emerge che sono affetta da mononucleosi. I valori sballati sono: ANT ANTI EPSTEIN BARR (EBNA) IgG 53,10 e ANTI EPSTEIN BARR VCA igM 10,00. Mi è stato dato del cortisone e null’altro. Ora sento la milza in esplosione e il tutto mi sembra causare uno scombussolamento intestinale notevole (seppur regolare l’attività è cambiata). Non ho avuto febbre e il tutto è nato da una sensazione di addome caldo verificatosi di notte. Mi sembra di sentire un peso sulla vagina che mi spinge ad urinare con maggior frequenza. Questo fatto può essere causato dall’ingrossamento (visibile) della milza? Ormai sono in queste condizioni da un paio d... continua >>
i settimane (con tanto di rash cutaneo e sudorazione notturna).Quanto devo pazientare? Ho letto di gente che ha convissuto con la mononucleosi per mesi... E’ possibile? E’possibile richiedere una terapia a base di anticorpi? Cordialmente.
Se continuano i disturbi sarebbe opportuno consultare un infettivologo o anche un ematologo.Con saluti,
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Sospetto prurito anale con emeorroidi
28 Set 05 - Roberto, 30 anni (id: 20550)
  Salve Dottore, ho una domanda. Soffro da tempo di emorroidi, che però non mi hanno mai dato grossi problemi, nè tantomeno sangunamenti evidenti: solo fastidi dopo l’evacuazione, che variano dipendentemente dalla consistenza delle feci. Quando le feci sono ben formate e compatte, non ho problemi (i fastidi scompaiono dopo una decina di minuti); quando sono più morbide o non ancora ben formate, mi lasciano un fastidio non indifferente (pesantezza anale), credo a motivo della zona anale interna che in qualche modo resta "sporca", nonostante usi sempre il bidet. Esiste un modo per evitare di questi problemi (cioè un modo per lasciare "pulita" la zona interna anale), oppure è una questione di em... continua >>
orroidi che bisogna togliere per forza (cosa che non vorrei fare)? Grazie
Egregio Signore, penso che il suo problema sia in relazione anche al suo colon, per probabile colon irritabile con dismicrobismo o presenza abnorme di germi intestinali irritanti. Faccia un ciclo di disinfettanti, eviti latte e lattici. Segua i consigli che le allego. Con saluti,
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Farnaci per il colon irritabile
28 Set 05 - giovanni, 26 anni (id: 20547)
  rif. ID 20201 ho preso atto dei suoi consigli circa il colon irritabile, vorrei sapere se il laroxyl potrebbe essere una forma di cura, (considerando che anni fa ho curato con questo farmaco una cefalea tensiva) specie che nel mio caso probabilmente la causa dell’infiammazione potrebbe essere lo stress, nervosismo, ansia. Grazie
L’amitriptilina è un farmaco che viene considerato attivo nel migliorare i disturbi del colon irritabile avendo anche un effetto antispastico. E quindi lo faccia pure. Con saluti,
Prof. Pier Roberto Dal Monte

MRGE
28 Set 05 - Martina, 29 anni (id: 20542)
  Gent.Le dottore,vorrei un suo parere in merito alla terapia che sto facendo in quanto i sintomi non si attenuano,sono molti e variabili.Il referto della gastroscopia è:ernia jatale da scivolamento non complicata da esofagite.Multiple formazioni polipoidi sessili del corpo e fondo gastrico come da polipi iperplastici:alcune erosioni antrali.Bulbo e seconda porzione duodenale privi di lesioni.BIOPSIA ENDOSCOPICA:Diagnosi: polipi amartomatosi del fondo gastrico.Gastrite cronica.Negativa la ricerca di H.P.Il mio gastroenterologo mi ha diagnosticato una malattia da reflusso gastroesofageo dovuto all’ernia jatale.Sto assumendo: Lucen 20 mg(1 cp al dì a digiuno),Valpinax 20(1 cp prima dei pasti),G... continua >>
aviscon advanced al bisogno,Sereupin 20 mg (1 cp al dì).Grazie e cordiali saluti.
Gentile Sig.ra Martina, il suo gastroenterologo ha fatto la diagnosi giusta, ma la terapia non è adeguata. Le allego la dieta e la terapia standard. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Dieta CUP 2000.doc
TERAPIA MRGE.doc
Prof. Mauro Bortolotti

Sospetta s postcolecistectomia
28 Set 05 - Annamaria@@@@@@, 61 anni (id: 20539)
  Ho subito un intervento di COLECISTECTOMIA 2 ANNI FA. I CALCOLI ERANO DI NATURA DI COLESTEROLO.NONOSTANTE TUTTO LA DIGESTIONE E’SEMPRE STATA DIFFICILE.LA MIA DIETA CONSISTE:IN CAFFE’LATTE PARZIALMENTE SCREMATO AMARO 2 FETTE DI CIAMBELLA SENZA BURRO A COLAZIONE E CENA.INSALATA CON TOFU O PASTA BIANCA CON OLIO D’OLIVA A PRANZO. SE INTRODUCO ALIMENTI GRASSI ES: BUDINI GELATI PIZZE PIADINA ECC.. INSORGONO FORTI CRAMPI ALLO STOMACO. ESEGUITO TAC E EGDS NEGATIVI A PARTE UN ERNIA IATALE. VORREI RISOLVERE IL PROBLEMA E MANGIARE UN PASTO NORNALE. SECONDO LEI QUALE PUO’ ESSERE LA CAUSA? GRAZIE. CORDIALI SALUTI.
Potrebbero essere disturbi secondari all’intereveto, per la modificata secrezione biliare. Provi a prendere prima del pasto principale una bustina di colestiramina. Con saluti,
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Tre interrogativi riguardo antiHCV+vo
28 Set 05 - Laura, 38 anni (id: 20538)
  buon giorno, mi ha già risposto il professor dal monte alla domanda con ID 20381. Volevo rispondere che il genotipo di mio marito è il 3B e volevo ribadire che durante il trattamento dopo 3 mesi circa si era negativizzato l ’ HCV RNA e dopo la sospensione del trattamento di 6 mesi. La mia domanda è: diamo per scontato (e ci auguriamo)che il virus rimanga negativo, ) Lui può ogni tanto (quando ci sono amici) bere il superalcolico visto che il virus è negativo? 2) Lui rimarrà comunque un malato epatico anche se il virus rimarrà negativo o dal momento della negativizzazione del virus la persona si deve ritenere GUARITA e quindi comportarsi come qualsiasi persona che non ha avuto la malattia?... continua >>
3) Quiindi, se la cura interferone e ribavirina ha successo, non rischierà più di contrarre la cirrosi o altro??? Spero in una sua risposta a tutte e tre le domande... Buona serata e scusi se "so de coccio".....
1. Può bere superalcoolici, naturalmente con judicio 2. Può ritenersi guarita, con qualche postumo di fibrosi cicatriziale, se la malattia era avanzata, ma non mi sembra. 3. Se si dice guarita questo è quello che si ottiene appunto con l’effetto favorevole della terapia(vedi risposta seconda). Con saluti
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Diverticolosi
28 Set 05 - nat, 55 anni (id: 20535)
  Due anni fa attraverso il clisma opaco mi hanno trvato dei diverticoli per cui desidererei conoscere una dieta appropriata al mio problema ed eventualmente una terapia da seguire. Grazie e arrivederci
Segua i consigli che le allego. Con saluti,
Diverticolosi e Diverticolite.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

Dolori addominali
28 Set 05 - antonio, 41 anni (id: 20533)
  soffro di dolori alla pancia da circa 3 anni; ho fatto analisi varie, clisma opaco etc... senza grossi risultati; di recente in seguito ad esame sull’intolleranza alimentare, sono risultato intollerante ad una serie di alimenti ( i più comuni come pasta, pane, vino carne bovina .....) , dopo un periodo di miglioramento seguendo una dieta specifica i problemi, anche se in modo molto ridotto sono tornati fuori. Vorrei sapere se le intolleranze alimentari sono veramente la causa di disturbi così insistenti come i miei ( dolori e bruciori )e se con il tempo posso reintrodurre gli alimenti adesso vietati tornando alla normale dieta completa. Grazie - antonio
Egr. Sig. Antonio, se ha fatto il test con la goccia di sangue, se ne dimentichi perchè non ha una base scientifica. Piuttosto avrebbe dovuto specificare meglio il tipo dei dolori, le caratteristiche dell’alvo, altri eventuali sintomi e quali esami ha fatto, perchè la domanda è troppo generica. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Prof. Mauro Bortolotti

Riflusso e laringite
28 Set 05 - Raffaele, 27 anni (id: 20531)
  Soffro di reflusso gastroesofageo da 5 anni, trattato con terapia a domanda (pariet 20 mg, l’ultima gastroscopia risale a due anni fa, non evideziava niente di anormale, adesso da circa un mese dopo i pasti ho continua raceudine e colpi di tosse, sono sintomi da ricondurre a un peggioramento del reflusso, è secondo il Vostro parere è neccessaria una nuova gastrocscopia. Certi di una Vostra risposta anticipatamente si ringrazia e si porgono distinti saluti.
Ritengo che la sua laringite o laringo- tracheite non sia in relazione al reflusso. Comunque contiinui il suo trattamento on demand seguendo i consigli che le invio. Con saluti,
Esofagite ed ernia.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte

MRGE
28 Set 05 - angela, 55 anni (id: 20530)
  Gentile professore, soffro spesso di bruciori allo stomaco, con reflusso acido,specialmente di notte mi sveglio con tosse e acido in bocca, che mi porta inevitabilmente a vomitare, tenga presente che per il mio lavoro (faccio telemarketing dale 5 alle 9, quindi sto molte ore seduta ) mangio dopo le 21, e anche se vado a dormire tardi il fatto si ripete spesso.Cosa devo mangiare alla sera per evitare questo fastidio? Il mio medico mi ha prescritto il RIOPAN GEL, ma cetre volte non mi aiuta.La ringrazio per sua cortesia, aspetto notizie.Angela
Gentile Sig.ra Angela, lei ha una malattia da reflusso g.e. (vedi area tematica) che va curata in modo adeguato. Le allego la dieta e la terapia medica. Distinti saluti, Prof. Mauro Bortolotti.
Dieta CUP 2000.doc
TERAPIA MRGE.doc
Prof. Mauro Bortolotti

Dispepsia
28 Set 05 - Gabriella, 34 anni (id: 20526)
  Buona sera,ho un problema legato allo stomaco ed esofago e spero in un vostro consiglio.Nel mese di febbraio sono stata molto male:dolori addominali,difficolta’ nel mangiare e nel deglutire,difficolta’ nella digestione..Ho fatto una gastroscopia ed e’ risultato una piccola ernia jatale con una gastroesofagite.Mi hanno dato del peridon comp.e limpidex da 30mg nelle prime 4 sett.poi quello da 15mg il quale l’ho preso fino a ieri quindi una durata di 6mesi.Ora da ieri l’ho sospeso pero’ e’ da 1 settimana circa che avverto come delle contrazzioni al livello dell’esofago che a volte mi rimbombano nella testa disturbo che mi si allevia con sforzate eruttazioni cio’ mi provoca anche delle piccole e... continua >>
xtrasistole cardiache.Cosa mi consigliate di fare?Ah da ieri ho ricominciato anche a prendere la cardioaspirin poiche’ talassemica senza milza.Cosa fare?Vi ringrazio anticipatamente.
Gentile signora, non mi pare che possa sentire spasmi dell’esofago bensì siano disturbi allo stomaco in parte da alterato svuotamento o irritazione, associato ad altri disturbi generali di tipo neurovegetativo. Consiglierei di seguire le regole che le allego. Con saluti,
Trattamento della dispepsia.doc
Prof. Pier Roberto Dal Monte


Da 22894 a 22909 di 28443